FBI: il Carnivoro non morde

La polizia federale effettua una dimostrazione sotto gli occhi dei critici per dimostrare che un cane non è detto che morda ogni bistecca gli si sottoponga. Ma sono in pochi a fidarsi del suo ringhiare
La polizia federale effettua una dimostrazione sotto gli occhi dei critici per dimostrare che un cane non è detto che morda ogni bistecca gli si sottoponga. Ma sono in pochi a fidarsi del suo ringhiare


Washington (USA) – Niente da fare, l’ FBI ha provato a rassicurare che il suo sistema di intercettazione elettronica, noto come Carnivore, non è un virus che viola la privacy degli utenti. Ma pare proprio non essere riuscita nell’intento.

In una dimostrazione effettuata dinanzi ai giornalisti e a chi ha criticato Carnivore, la polizia federale americana ha cercato di dimostrare che i filtri vengono configurati a puntino per consentire l’esclusiva intercettazione dei messaggi desiderati. La ACLU e molti altri, invece, rimangono dell’idea che con questi mezzi i messaggi di tutti sono “a rischio”.

La polizia federale ha affermato di aver utilizzato la tecnologia in 25 casi nell’ultimo anno e in stretta osservanza delle attuali leggi sull’intercettazione delle comunicazioni. E ha specificato che Carnivore viene installato solo presso i provider di medie e piccole dimensioni che hanno necessità di un supporto tecnico. I grandi provider, infatti, sarebbero già in grado di fornire le info che servono alla polizia federale quando questa lo richiede.

Come noto, Carnivore intercetta le comunicazioni email e manda all’ FBI copia dei messaggi partiti da un certo indirizzo o a questo inviati. Ma il sistema, per farlo, scansiona i dati anche di tutti gli altri messaggi e da qui, secondo molti, si arriva alla violazione della privacy di utenti le cui comunicazioni non dovrebbero essere monitorate.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

23 07 2000
Link copiato negli appunti