FCC, neutralità liberata

Un giudice d'appello ha bocciato le richieste di carrier come Verizon e Metro PCS che avevano puntato all'annullamento delle regole sulla net neutrality adottate dalla Commissione. Richieste premature, inviate prima di adozioni ufficiali

Roma – La sede dello scontro era stata scelta non certo a caso dalla squadra legale del carrier statunitense Verizon. La US Court of Appeals for the District of Columbia sarebbe stata teatro dell’ennesima battaglia sulla cosiddetta neutralità della Rete. I suoi giudici si erano infatti già espressi a favore del colosso Comcast, lanciatosi a viso aperto contro la Federal Communications Commission (FCC).

Qualcosa non è però andato a buon fine nelle agguerrite strategie legali di Verizon, che aveva accusato la Commissione guidata dal chairman Julius Genachowski di un vero e proprio abuso di potere . Il giudice d’appello ha infatti respinto l’intera causa montata dal carrier a stelle e strisce, a cui si era in seguito aggiunto anche l’operatore mobile MetroPCS Communications.

Le infuocate accuse legali dei due carrier sarebbero dunque premature, scatenatesi ben prima dell’effettiva ufficialità del pacchetto di regole recapitato nelle scorse festività natalizie dagli alti vertici di FCC ai vari operatori statunitensi. In sostanza, la corte d’appello ha dato ragione alla stessa Commissione, che si era appellata alla sezione 47 dello United States Code .

Secondo le accuse, FCC non avrebbe mai avuto l’autorità legale per diramare una serie di disposizioni che impongano ai vari operatori di gestire in determinati modi il proprio traffico. I legali di Verizon avevano puntato all’annullamento delle regole introdotte dalla Commissione. Regole introdotte, non ufficializzate .

In sostanza , una qualsivoglia agenzia governativa potrebbe essere trascinata in tribunale entro trenta giorni dalla pubblicazione ufficiale di una serie di regole come quelle avanzate dalla Commissione guidata da Julius Genachowski. Pubblicazione che appunto non è mai avvenuta, almeno non fino a questo momento.

“Siamo lieti che il giudice abbia dato ragione alla Commissione – ha spiegato un portavoce di FCC – le richieste di Verizon e Metro PCS erano decisamente premature, nel tentativo di sfidare il contesto aperto garantito da Internet. Le policy della Commissione preservano la libertà della Rete e l’apertura, nel tentativo di trovare il giusto equilibrio tra consumatori e aziende su tutto il territorio degli Stati Uniti”.

Mauro Vecchio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Dinox PC scrive:
    Ricevo e pubblico dalla NL Crucial
    On April 4, we were informed by Epsilon, a company we use to send emails to our customers, that files containing the names and/or email addresses of some Crucial customers were accessed by unauthorized entry into their computer system. We have been assured by Epsilon that the only information that may have been obtained was your name and/or email address. No other personally identifiable information that you have supplied to Crucial was at risk because such data is not contained in Epsilon's email system. For your security, we encourage you to be aware of common email scams that ask for personal or sensitive information. We will not send you emails asking for your credit card number, social security number or other personally identifiable information. If ever asked for this information, you can be confident it is not from Crucial. For your security, however, we wanted to call this matter to your attention. We ask that you remain alert to any unusual or suspicious emails and remain cautious when opening links or attachments from unknown third parties. Our service provider has reported this incident to the appropriate authorities. We regret this has taken place and for any inconvenience this may have caused you. We take your privacy very seriously, and we will continue to work diligently to protect your personal information.
  • Reysan scrive:
    perchè si usa il condizionale
    "Potrebbe trattarsi di uno dei più grandi ..." non ho capito perchè si usa il condizionale... il furto c'e' stato oppure no ?
    • Claudio Tamburrino scrive:
      Re: perchè si usa il condizionale
      Il furto ci è stato ma non hanno detto quanti indirizzi sono interessati. Il massimale di quelli ipotizzati (cioè tutti quelli delle liste tenute da Epsilon per conto dei clienti che hanno avvertito del rischio) sarebbero una cifra da record
Chiudi i commenti