Fedora 13, attesa finita

Rilasciata negli scorsi giorni la nuova release della famosa distribuzione Linux figlia di Red Hat. Tra le migliorie, un più efficiente supporto alla virtualizzazione e alle più recenti schede grafiche

Roma – Seguendo il suo ormai tradizionale ciclo semestrale dei rilasci, il Fedora Project ha partorito una nuova versione dell’omonima distribuzione Linux sponsorizzata da Red Hat. Fedora 13, anche nota col nome in codice Goddard , migliora tra le altre cose il supporto alla virtualizzazione e l’installazione automatica dei driver di periferica.

Fedora 13 Sul fronte della virtualizzazione, Fedora 13 supporta la funzione KVM Stable PCI Addresses , che permette ai dispositivi presenti su macchine virtuali guest di KVM (Kernel-based Virtual Machine) di mantenere gli stessi indirizzi PCI anche nel caso vengano aggiunti o rimossi altri dispositivi. Un’altra funzione, chiamata Virt x2apic , promette invece di migliorare le performance delle macchine virtuali, e in particolare la comunicazione tra guest e host, questo soprattutto sui sistemi multiprocessore.

La nuova Fedora introduce, attraverso il suo tool PackageKit, l’ installazione automatica dei driver della stampante, inoltre amplia il numero dei driver open source per le schede grafiche, che in molti casi evitano all’utente di cercare e installare driver proprietari.

Fedora 13 ha inoltre esteso il 3D sperimentale al 3D del driver open source Nouveau per schede grafiche Nvidia, attivabile attraverso l’installazione del pacchetto mesa-dri-drivers-experimental . “Fedora 12 includeva il supporto sperimentale al 3D per le nuove schede ATI, impiegando driver Radeon free e open-source; ora, in Fedora 13, il supporto al 3D sperimentale è stato esteso al driver Nouveau, che supporta numerose schede video NVIDIA” si legge nella documentazione online che accompagna la distro.

“Fedora ed il suo sponsor Red Hat sono impegnati nel migliorare la qualità dei driver e nel realizzare driver completamente free – prosegue il documento – in modo da supportare una gamma di schede video accelerate 3D sempre maggiore. Se da un lato noi supportiamo la scelta dell’utente e non ostacoliamo l’uso di driver proprietari, non free, dall’altro lato ci rendiamo conto che questi driver qualche volta entrano in conflitto e causano problemi al software FOSS (Free Open Source Software). Noi preferiamo rispettare l’impegno nostro e della comunità FOSS per la realizzazione di driver liberi, e lavoriamo con la comunità di sviluppo del progetto Nouveau per rendere questi driver migliori”.

Tra le altre migliorie vale la pena segnalare la presenza di un nuovo tool per la gestione dell’account utente, che permette di modificare le informazioni personali e associare un’icona o una foto all’account; un miglior supporto alla gestione dei profili colore e alla calibrazione di monitor e scanner; e la possibilità di installare lo stack Python 3 in parallelo alla versione di Python preesistente.

Le note di rilascio di Fedora 13 sono disponibili qui , mentre la pagina dei download è qui .

Alessandro Del Rosso

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • iRoby scrive:
    Un papà nel '88
    Mi ricordo avevo 17 anni quando facevo un lavoro estivo in un negozio di elettronica al reparto computer. Ed un padre mi chiedeva se il computer fosse indicato per il bambino con tutti questi virus che ci sono.Oggi fa sorridere, ma se penso che ancora oggi ci sono persone a cui se chiedi quante facce ha un cubo ti rispondono 4...
  • non so scrive:
    allarmismo
    Se ci sono strilloni confezionati ad arte per generare allarmismo, allora dovete aprire una sezione di sfogo per Alessandro Bottoni.
  • TuttoaSaldo scrive:
    animali domestici
    [snip]ed è una versione maggiormente sofisticata dello stesso tag digitale usato per controllare gli animali domestici[snip]Mi avevano detto che serviva a ritrovare il cane se lo perdevo e che era meglio del tatuaggio !!Ora qualcuno sta controllando il mio cane?Può vedere quello che il mio cane vede?
    • Guybrush scrive:
      Re: animali domestici
      - Scritto da: TuttoaSaldo[...]
      Può vedere quello che il mio cane vede?no, tutt'al più se provi a leggere il chip del tuo cane servendoti di un lettore collegato al PC di casa, può entrare un virus da la'.CiaoGT
  • Guybrush scrive:
    Virus di Albània
    Spero ve lo ricordiate tutti.Era un semplice messaggio sotto forma di testo elettronico che, in modo un po' spiritoso (opinabile) invitava l'utente a spedire il messaggio a tutti i propri contatti e a cancellare il contenuto del proprio disco C.Tecnicamente parlando si era di fronte ad un codice telematico eseguito da un elaboratore elettronico che passava dalla macchina all'uomo, quest'ultimo eseguiva gli scopi del codice di cui sopra.Al pari di un virus informatico, il "virus di Albània" creava copie di se stesso, si diffondeva e tentava di produrre danni (per la legge dei grandi numeri so che qualcuno potrebbe aver cancellato C).Con questa definizione le famose "Hoax", le bufale, sono tutte virus informatici che colpiscono gli umani.Col rafforzarsi delle difese informatiche, questo tipo di "virus" è destinato a difforndersi.Per approfondire il discorso "virus informatici che attaccano gli umani" vi invito a leggere "il quinto principio" di V. Catani (Ed. Mondadori-Urania), contiene molti spunti maledettamente calzanti.Buona LetturaGT
    • guast scrive:
      Re: Virus di Albània

      (Ed. Mondadori-Urania), contiene molti spuntiCi sono tante cose che puoi leggere senza finanziare Berlusconi
  • Meconiotron ic scrive:
    Ahaha mi ricorda quel bigonzo che nel 95
    Mi ricorda un XXXXXXXX nel mio paese che nel 95 prendeva i floppy gli apriva la protezione in alluminio e sosteneva di saper riconoscere i virus a occhio. Ogni tanto diceva che se avevi la febbre dovevi stare lontano dal pc altrimenti lo infettavi. Al tempo avevo solo 11 anni e mi sembrava talmente inverosimile che lo ignoravo ma non avendo il pc in quel periodo finiva li. Fosse sucXXXXX oggi sarebbe partito un giro di scoppole da decapitarlo.
    • Meconiotron ic scrive:
      Re: Ahaha mi ricorda quel bigonzo che nel 95
      No ma poi ve lo immaginate in un paesino di 1000 abitanti nelle montagne viterbesi? Queso era considerato il guru dei pc.
  • Africano scrive:
    La risposta dell'antivirus è infetta
    cit:Gli scienziati dovrebbero essere responsabili nel modo in cui presentano le proprie ricerche, piuttosto che gonfiare i pericoli così da finire nei titoli delle notizie", ha detto il senior tecnology consultant di Sophos Graham Cluley.Il senior quello che è si mette a dare lezioni a scienziati su quanto delicatamente si devono trattare le vulnerabilità, senior de che? Ah, cura delle malattie opportuniste della fuffa.cit:Sugli RFID sono registrati solo dati e informazioni acXXXXXrie che non hanno alcuna possibilità di andare in esecuzione, precisa Cluley, e solo nel caso in cui ci fosse una gravissima vulnerabilità nel sistema di lettura delle succitate informazioni si potrebbe ipotizzare un possibile rischio contagio.E questo sarebbe tranquillizzante? Detto da chi ci vive a contatto colle vulnerabilità per spacciare palliativi?cit"Francamente parlando - chiosa Cluley - ho maggiori possibilità di essere spiaccicato da un pianoforte in caduta piuttosto che finire con il mio cane infettato da un virus per PC la prossima volta che lo porto dal veterinario".La prossima volta? E le altre? Lo scienziato non ha parlato di domani per il rischio contagio, la risposta ne conferma i timori e l'atteggiamento si commenta da solo.
  • Odofelmo scrive:
    Dottor Mark Gasson...
    ...grazie per avermi fatto buttare via due minuti della mia vita
  • angros scrive:
    Virus informatico per utenti
    Questo è un virus ad azionamento manuale: invece di agire sul computer, agisce sull'utente.1) Siete pregati di inoltrare questo virus a tutte le persone che conoscete, e ad inserirlo sulla vostra pagina web.2) Siete inoltre pregati di accludere il vostro codice di acXXXXX ad eventuali conti in banca online3) Invine, se per caso avete letto questo testo di venerdì 13, siete pregati di formattare il computer.Grazie per la collaborazione!
    • Nome e cognome scrive:
      Re: Virus informatico per utenti
      Attenzione perché questo virus non solo cancellerà tutto quello che c'è sul vostro hard disk, ma cancellerà anche tutto il contenuto di ogni disco nel raggio di venti metri dal vostro computer.Smagnetizzerà TUTTE le vostre carte di credito.Modificherà le vostre password ed userà un campo di armoniche sub-spaziali per graffiare ogni DVD che tenterete di vedere.Ricalibrerà il vostro frigorifero in modo da far fondere il vostro gelato e inacidire il vostro latte.Riprogrammerà i numeri memorizzati nel vostro cellulare sostituendoli tutti con quello di vostra suocera.Verserà anticongelante nella vasca dei pesci rossi.Berrà tutta la vostra birra.Lascerà i calzini sporchi sul tavolo del soggiorno quando aspettate ospiti.Sostituirà il vostro shampoo con smacchiatore e il vostro smacchiatore con lozione per capelli, mentre nel frattempo si vedrà di nascosto con la vostra fidanzata in un motel, pagando il conto con la vostra carta di credito.Vi spingerà a correre con le forbici in mano e a fare quel tipo di giochi che sembrano un divertimento innocente finché qualcuno non ci rimette un occhio.Riscriverà i vostri file di backup, cambiando tutti i vostri verbi dalla forma attiva alla forma passiva e incorporando errori non rilevabili che cambieranno radicalmente il significato delle frasi più importanti.lascerà alzata la tavoletta del water e abbandonerà il vostro asciugacapelli con la presa inserita e pericolosamente vicino alla vasca da bagno piena.
      • Franky scrive:
        Re: Virus informatico per utenti
        Virus medieval-italic----------------------Attenzione!!! Questo virus infettera' definitivamente le vostre menti e vi portera' a pensare per l'eternita' che qualunque novita' tecnologica e scientifica sia pericolosa.... Ecco come agisce questo virus :(1) Verrete indirizzati verso tutti i principali quotidiani tecnofobici italiani cartacei... in modo da avere un'idea distorta della realta'...(2) Vi porrete all'infinito dilemmi etici basati su condizionamenti di natura dogmatica(3) Perdere la vostra razionalita' affidandovi a maghi, cartomanti e ritenendo che le opinioni di programmi tv e diatribe politiche nonche' di membri appartenenti a varie religioni sia piu' importante dell'informazione proveniente da ricercatori, libri di testo, riviste specializzate... e dell'esperienza quotidiana(4) Riterrete che le conoscenze di natura umanistica siano le soli utili assieme alle credenze dogmatiche(5)Riterrete che l'informazione proveniente dai quotidiani tecnofobici sia la sola attendibile e che non abbia bisogno di verifiche o di essere messa in discussione razionalmente(6) il virus vi portera' a chiedere a politici e membri religiosi di limitare il vostro acXXXXX alla tecnologia ed alla scienza ( in particolare ad internet) e di incrementare le pratiche che favoriscono particolari credenze dogmatiche(7) sentirete sempre meno il bisogno di viaggiare di porvi delle domande di avere scambi con persone che abitano lontano da voi...e soprattutto anteporrete all'esperienza quotidiana i condizionamenti che questo virus attua attraverso i citati punti (1),(2),(3),(4),(5),(6)Avvertenze e rimedi... Qualora si dovesse essere contagiati da questo virus...si raccomanda innanzitutto di disconnettere il soggetto dalle fonti-dialer che alimentano il protrarsi del virus...poi di procedere al decondizionamento facendolo viaggiare il piu' possibile ed esponendolo ad informazioni tecniche e ragionamenti che neutralizzino i condizionamenti e le convinzioni ricevute... il percorso per la neutralizzazione del virus puo' richiedere parecchio tempo...
      • Nicolaus scrive:
        Re: Virus informatico per utenti
        non ci crederai ma mi hai ricordato che avevo lasciato il latte fuori dal frigo... O_o'
  • Fabio scrive:
    prendetela con più filosofia
    Mi sembra una reazione esagerata verso il messaggio che lo scienziato ha voluto mandare.Penso che tutti sappiano che ora come ora, con la tecnologia che abbiamo attorno, nessuno corra rischi, ma quello che a mio parere si voleva sottolineare è che a un certo punto dell'evoluzione la tecnologia potrebbe arrivare a un tale livello di invasività (in senso buono) che bisognerà anche porsi il problema che un attacco informatico che oggi è mirato a danneggiare/sottrarre informazioni, un domani non sia volto a danneggiare una persona fisicamente.Chi può dire se davvero non si arriverà ad avere protesi che si connettono via wireless con la casa produttrice per scaricare aggiornamenti o chip che regolano funzioni vitali di una persona compromesse magari da un incidente o un difetto genetico? Se su questi apparecchi gireranno software abbastanza complessi non si può negare che un rischio potrebbe anche esserci... e allora perchè non prendere questa notizia per quello che è? Un semplice avviso a "guardare dove si va".Che poi che l'rfid non porta a rischi per la salute umana è chiaro anche dal video che quast ha postato in cui lo scienziato non dice di essersi infettato biologicamente tramite il chip (cosa che fin dal titolo dell'articolo sembra essere sucXXXXX) ma di avere infettato un chippettino rfid che poi ha infettato un lettore... segue riflessione su cosa potrebbe accadere in futuro e stop. A volte basterebbe riportare le notizie per quello che esattamente sono.
    • pabloski scrive:
      Re: prendetela con più filosofia
      un articolo molto chiaro è questo http://www.networkworld.com/news/2010/052710-sophos-slams-scientist-infected-with.html?hpg1=bnsi capisce subito che quello che si è voluto dimostrare è - l'uomo può essere infettato dai virus dei computer se continua a correre verso l'integrazione uomo/macchina- l'uomo con addosso aggeggi elettronici può essere il tramite per infettare altri computerla seconda l'ho verificato personalmente un giorno in treno...una banale scansione delle frequenze bluetooth e ti accorgi che ci sono centinaia di device infettabili via bluetooth e assolutamente non protetti....pensa che ho girato in stazione per 5 minutinon immagino cosa possa fare un hacker motivato in un'intera giornatala prima riguarda il futuro degli impianti bionici, problema che certo non è immediato ma nemmeno tanto lontano...se si pensa che la BeBionic ha intenzione di vendere i suoi arti bionici per gli handicappati e che in Australia un uomo se ne va in giro con un cuore artificiale sperimentale, si capisce che il rischio non è proprio lontanissimoil problema è che com'è sucXXXXX con l'informatica, anche queste tecnologie nascono senza il minimo senso per la sicurezza...infettare un chip rfid e un lettore rfid è molto molto più semplice che attaccare un pc mediamente protettocome al solito lo scopo di queste azioni dimostrative è di dire a chi progetta questi congegni "guarda che la sicurezza è un must e dev'essere presa in considerazione fin dall'inizio"
      • plinio il vecchio scrive:
        Re: prendetela con più filosofia
        - Scritto da: pabloski
        la seconda l'ho verificato personalmente un
        giorno in treno...una banale scansione delle
        frequenze bluetooth e ti accorgi che ci sono
        centinaia di device infettabili via bluetooth e
        assolutamente non protetti....pensa che ho girato
        in stazione per 5
        minuti

        non immagino cosa possa fare un hacker motivato
        in un'intera
        giornataTu stai frequentando cattive compagnie.Sarai mica diventato un giornalista del tgcom? :-)
        • w3nT scrive:
          Re: prendetela con più filosofia
          è vero, altro che tgcom. L'rfid è un mondo in pieno sviluppo al giorno d'oggi e si possono fare più cose di quanto tu possa immaginare.Mai sentito parlare del dust computing?
          • plinio il vecchio scrive:
            Re: prendetela con più filosofia
            - Scritto da: w3nT
            è vero, altro che tgcom. L'rfid è un mondo in
            pieno sviluppo al giorno d'oggi e si possono fare
            più cose di quanto tu possa
            immaginare.

            Mai sentito parlare del dust computing?Ehmmm... veramente mi riferivo al termine hacker, utilizzato a sproposito come fanno la maggior parte dei giornalisti ;-)
          • Vitalij scrive:
            Re: prendetela con più filosofia
            Il problema è che se qualcuno parla di cracker in Italia, a quelli che lo ascoltano viene l'acquolina in bocca...E' tanto difficile dire "criminale informatico"?
      • Andrea scrive:
        Re: prendetela con più filosofia
        Una bellissima BlueBag http://tinyurl.com/2vusehue vai con il tango....
    • Orfheo scrive:
      Re: prendetela con più filosofia
      Credo ci si possa spingere ancora piu' in la'.Oggi no, non si prendono virus "biologici" da sistemi informatici, contaminano solo sistemi informatici, usati come protesi, come estensioni del corpo. Da arti ad impianti cocleari, da pacemaker a primitivi impianti per la visione.Credo questo fosse lo scopo dell'autore: mostrare in modo evidente che virus informatici possono "contaminare", potenzialmente, sistemi "vitali".Questo oggi. Ma domani? Beh, la genomica sta subendo un grande accelerazione e esistono gia' in funzione un gran numero di sequenziatori di DNA. Un computer esegue il "download", in un sistema biologico, di una sequenza "artificiale" di DNA. E se il computer becca un virus informatico? E se il virus informatico e' progettato per "riscrivere" una sequenza che modifica la stringa di DNA?Immaginiamo un mondo, facciamo un sforzo, dove i sequenziatori di DNA sono molto piu' diffusi, piu' potenti, piu' "intelligenti", meno costosi e abbraccino un mercato sempre piu' ampio e divengano quindi "interessanti" per il businness.La natura umana e' quello che e' ;-) ... non faccio fatica ad immaginare virus che attraversino la rete, progettati ad hoc, per "inquinare" sequenze biologiche importanti.Magari costruendo un virus "biologico" reale ... presente il DNA artificiale installato di recente in un batterio?Benventi in un incubo ;-)Orfheo.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 31 maggio 2010 19.05-----------------------------------------------------------
  • Vitalij scrive:
    Snow Crash di Neal Stephenson
    Nel romanzo Snow Crash è un potente virus informatico, in grado di intaccare, oltre ai computer, anche il cervello di ogni hacker che ne venga in contatto. Questo perché secondo il romanzo gli hacker riescono a percepire informazioni binarie anche senza volerlo e possono venire ridotti all'incoscienza da una particolare schermata.Solo che nel 1992 gli RFID non c'erano...
    • ephestione scrive:
      Re: Snow Crash di Neal Stephenson
      in "denno coil" si dice che se un bambino che indossa occhiali a realtà aumentata finisce in uno spazio obsoleto e toglie gli occhiali, entra in coma :DMa finché si tratta di libri e cartoni giapponesi...Se mi mi incollo un thinkpad sulla fronte e lo lascio collegato via wifi tutto il giorno con IE e senza antivirus, oltre a ustionarmi la fronte contraggo qualche migliaio di infezioni digitali? (rotfl)
  • Michele Fabbri scrive:
    Non diciamo eresie
    Certo che ne scrivere di cavolate.
Chiudi i commenti