Fertilità ridotta causa cellulari

Questo quanto emerge da un primo studio che domani verrà presentato ufficialmente. A rischio sarebbe soprattutto chi porta il telefonino in tasca


Roma – Portare il cellulare attaccato alla cintura dei pantaloni o in tasca potrebbe non essere una buona idea. Ad affermarlo sono gli studiosi ungheresi che da qualche tempo stanno studiando la possibilità che l’uso del telefonino riduca la fertilità maschile .

Secondo il britannico Sunday Times , che in un articolo ha anticipato alcuni dei risultati di uno studio ungherese, vi sarebbero indicazioni che una esposizione intensiva ai telefoni mobili può compromettere la spermatogenesi , ossia il processo di produzione degli spermatozoi. Questo processo porterebbe ad una riduzione della fertilità in quanto influirebbe direttamente sulle capacità di movimento degli spermatozoi oltre a diminuirne il numero.

Ad affermare queste pesanti conseguenze dell’uso del telefonino è un team di ricerca dell’università di Szeged, in Ungheria appunto, guidato da Imre Fejes, che domani presenterà ufficialmente i propri risultati nel corso di una conferenza sulla fertilità che si terrà a Londra.

A quanto pare la ricerca avrebbe portato ad associare il calo della fertilità alla persistenza del telefonino vicino ai genitali maschili , in particolare quando portato nelle tasche dei pantaloni oppure appeso alla cintura.

La ricerca ha coinvolto 221 persone per 13 mesi e le sue conclusioni non vengono considerate dagli scienziati come definitive ma, anzi, se ne auspica l’approfondimento con ulteriori studi. Non solo occorre confermare la possibilità che quanto descritto effettivamente avvenga ma anche capire nel dettaglio come ciò possa accadere.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • buffo scrive:
    Re: NON servono USER-PASS per MANDARE e-
    oh, maronna ma oltre alle basi legali manco quelle informatiche avete :Dquando mandate una email non fa fede mica solo il nomeutente@libero.it piuttosto che altri indirizzi.Fa fede il MAC address, il browser, il numero di telefono, l'isp usato locale, l'ip pubblico, il s.o., il certificato (in particolar modo) ecc ecc eccPer mandare una email e XXXXXXX il proprietario alla grande bisogna andare a casa sua, collegarsi dal suo pc, accedere alla sua casella e mandare l'email con tanto di certificato ecco così funziona il tutto (ah ripulite la tastiera dalle impronte alla fine eheheh).
  • RiKkArDo scrive:
    Re: NON servono USER-PASS per MANDARE e-
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: RiKkArDo

    Credo che tutti siano d'accordo sul
    fatto

    che da un' e-mail senza firma digitale
    non

    si possa risalire a colui che l'ha
    scritta.

    Mah, questo lo dici tu.
    Non capisco chi siate d'accordo su questo...Se io spedisco l'e-mail da un internet point ? O se a casa mia il pc è utilizzato da più persone? Io parlo di persona fisica che l'ha scritta non dell indirizzo che aveva il pc collegato ad internet dal quale è partita l'e-mail

    Mentre una lettera scritta a mano almeno

    può costituire una prova visto
    che

    esistono dei tecnici in grado di
    confrontare

    le scritture.

    Come sopra: lo so che arrivano presto al mio pc però non per questo è matematico che l'ho scritta io!Dobbiam pensare ai problemi ai quali andiamo in contro se la mail parte da un nostro account e nn l'abbiamo scritta noi, il resto son chiacchiere ...




    Io aggiungo che anche se la firma
    digitale

    viene posta su un documento qualsiasi
    (nel

    nostro caso una e-mail) questo non prova

    assolutamente che il

    ???leggi la 1a risposta
  • RiKkArDo scrive:
    Anche con la firma digitale ...
    Credo che tutti siano d'accordo sul fatto che da un' e-mail senza firma digitale non si possa risalire a colui che l'ha scritta. Mentre una lettera scritta a mano almeno può costituire una prova visto che esistono dei tecnici in grado di confrontare le scritture.Io aggiungo che anche se la firma digitale viene posta su un documento qualsiasi (nel nostro caso una e-mail) questo non prova assolutamente che il
    • RiKkArDo scrive:
      Re:
      scusate riposto il msg :)Credo che tutti siano d'accordo sul fatto che da un' e-mail senza firma digitale non si possa risalire a colui che l'ha scritta. Mentre una lettera scritta a mano almeno può costituire una prova visto che esistono dei tecnici in grado di confrontare le scritture.Io aggiungo che anche se la firma digitale viene posta su un documento qualsiasi (nel nostro caso una e-mail) questo non prova assolutamente che il "proprietario" della firma abbia firmato.Infatti mentre con un documento scritto a mano la firma la pongo io (con la penna) e qui torna il discorso del riconoscimento della calligrafia, nel caso di una e-mail la firma non la pongo io ma il computer che sto usando.Visto che usiamo sistemi operativi sempre + complessi, programmi sempre + grandi e il numero di bug aumenta esponenzialmente con la complessità di questi direi che non è difficile per qualche malintenzionato scoprire una chiave privat a di un utente.Ci rendiamo conto che semplici virus diffusi via posta colpiscono un'infinità di macchine ogni mese ? Allora visto che la stragrande maggioranza degli utenti su internet (direi 99,99%) non ha idea di cosa significa sicurezza e quando si parla di responsabilità penale bisogna avere la matematica certezza sulla validità di una prova ... mi sento di affermare che è meglio lasciare internet fuori dai tribunali xkè internet è INSICURA e lo sarà per sempre finchè si baserà su Tcp/ip
    • Anonimo scrive:
      Re: Anche con la firma digitale ...
      - Scritto da: RiKkArDo
      Credo che tutti siano d'accordo sul fatto
      che da un' e-mail senza firma digitale non
      si possa risalire a colui che l'ha scritta.Mah, questo lo dici tu.Non capisco chi siate d'accordo su questo...
      Mentre una lettera scritta a mano almeno
      può costituire una prova visto che
      esistono dei tecnici in grado di confrontare
      le scritture.Guarda che è l'opposto: prova un po' a mandare una email minatoria a un giudice, magari dal PC di casa tua: vuoi scommettere che avrai qualche problemino???

      Io aggiungo che anche se la firma digitale
      viene posta su un documento qualsiasi (nel
      nostro caso una e-mail) questo non prova
      assolutamente che il???
  • RiKkArDo scrive:
    Re: NON servono USER-PASS per MANDARE e-
    Dovete sapere che chiunque può spedire e mail senza autenticarsi: basta settare come mail server il mail server del dominio al quale l'e-mail appartiene.Esempio: sono connesso con aliceadsl ma voglio mandare una e mail a pippo@libero.it ? Basta sostituire out.aliceposta.it (o chi per lui) con smtp.libero.it e l'e-mail verrà inviata con successo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Mi è successa una cosa strana!!!
    - Scritto da: Anonimo
    Guardando questo articolo, mi si è
    aperta in AUTOMATICO questa pagina !!!!!!
    www.forza-italia.it/speciali/innovazione.htm
    Chiedo delucidazionimagari avrai il pc infettato col Berluscao.Worm;)
  • Anonimo scrive:
    Re: Mi è successa una cosa strana!!!
    Che bello, in alto a sinistra c'e' pure una anteprima della mummia del berlusca :D:D:D:D:D
  • Anonimo scrive:
    Re: NON servono USER-PASS per MANDARE e-mail
  • Anonimo scrive:
    Re: NON servono USER-PASS per MANDARE e-mail
  • Anonimo scrive:
    Re: NON servono USER-PASS per MANDARE e-mail
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Questi ignoranti che scrivono leggi e

    decreti su qualcosa che nemmeno sanno

    minimamente come funziona dovrebbero
    parlare

    di meno e capire PERLOMENO di cosa
    stanno

    blaterando.

    Studia, caro, studia!(bla bla)non hai detto niente tranne aria fritta.puoi renderti utile e cercare di chiarire perchè avrebbe torto?
  • Anonimo scrive:
    Re: Come si suol dire ...

    Sinceramente, se il fax è ammesso
    come prova scritta, non vedo perché
    una simile mail non lo debba essere.sono due cose diverse. Falsificare il mittente di un fax la vedo difficile.. mentre è molto facile falsificare il mittente di una email.. un po' di proxy, niente autenticazione smtp.. un po' di giochetti.. e si puo' creare una bella mail fasulla..Prima di legiferare, questi c0gli0n# di politici, dovrebbero imparare a conoscere quello di cui stanno parlando.. evitanto di creare una legge che puo' solo nuocere ad un innocente. Che schifo..
  • Anonimo scrive:
    scripta manent digital volant...
    Si continua a caricare di responsabilita' legali un sistema nato per scambiarsi messaggi e barzellette.La posta elettronica non e' stata pensata ad un uso così fiscale perche' il sistema stesso non e' ne sicuro, ne' garantisce la cosegna, ne garantisce l'assoluta certezza che il destinatario sia quello desiderato dal mittente, ne che il messaggio venga modificato lungo il percorso (come le poste italiane, direte voi, OK ma questo e' un altro discorso)Quindi NON va utilizzata o almeno non li va dato alcun peso di legge, vale tanto quanto una telefonata e non di piu'!
  • Anonimo scrive:
    Re: NON servono USER-PASS per MANDARE e-mail
    Ehm... Salve a tutti , l'autenticazione su smtp praticamente non esiste , al massimo c'è l'esclusione di macchine che non appartengano al "dominio" dell' isp , trovate un client di posta semplice che non mandi tante info all'smtp , usate il provider dell'account che volete usare ed impostate come mittente quel''account , il 99% dei server accettera' l'email , e a quanto ho capito se commettete un reato la paga l'ignaro titolare dell'account ...certo nei LOG del server c'è l'Ip della macchina , ma NON nell'email nella maggior parte dei casi , seconda cosa esistono i server smtp personali che mandano al pop3 le informazioni con cui sono stai configurati ....ognuno di noi potrebbe mandare posta da M$.com , dal proprio computer ... e se l'smtp non include l'ip nell'header allora l'unico a sapere l'ip sara' il pop3 , che lo considererà pero' ip del server e non del mittente ...ancora convinti che la posta elettronica si possa considerare firmata ?
  • Anonimo scrive:
    Re: NON servono USER-PASS per MANDARE e-mail
    Ah no? Non c'è autenticazione?Bravo... sei connesso con telecom? prova ad inviare posta con mail.libero.itnon sei connesso con telecom? prova ad inviare posta con mail.191.itvedrai come arrivano bene.... tanto non c'è autenticazione...
  • Anonimo scrive:
    Re: Mi è successa una cosa strana!!!
    - Scritto da: Anonimo
    Guardando questo articolo, mi si è
    aperta in AUTOMATICO questa pagina !!!!!!
    www.forza-italia.it/speciali/innovazione.htm
    Chiedo delucidazionia me non è successo
  • Anonimo scrive:
    Re: NON servono USER-PASS per MANDARE e-mail
    - Scritto da: Anonimo
    Questi ignoranti che scrivono leggi e
    decreti su qualcosa che nemmeno sanno
    minimamente come funziona dovrebbero parlare
    di meno e capire PERLOMENO di cosa stanno
    blaterando.Studia, caro, studia!E soprattutto, leggi bene il ricorso ed avrai delle sorprese (toh, il dolce piacere che si prova quando, approfondendo le cose invece di giudicare in base ad una semplice impressione - perdipiù da profano, perchè non mi sembri proprio un prof. di giurisprudenza... - si scoprono cose nuove).Un po' meno di pressapochismo, suvvia!E soprattutto andiamo a informarci (non a forum o sul TG4: intendo studiare!), prima di dare giudizi, ok?E questo vale per tutti quelliche hanno giudicato senza capire un tubo di diritto.
  • Anonimo scrive:
    NON servono USER-PASS per MANDARE e-mail
    basta con questa storia che quando mandi un e-mail stai effettivamente facendo un login a qualcosa.Sebbene sia possibile autenticarsi con l'SMTP server se questo server supporti il protocollo Extended-SMTP (E-SMTP) utilizzando apposito comando AUTH, in realtà il 99.999% delle e-mail viene spedita senza autenticazione alcuna, per i seguenti motivi:- i programmi di posta andrebbero appositamente configurati- i server smtp dovrebbero quindi impedire di inviare e-mail se non correttamente autenticati, questo taglierebbe fuori tutta l'utenza che usa le procedure guidate per configurare il pc o chi usa programmi datatiFinchè le e-mail si potranno mandare senza user/pass e inutile dargli un valore legale alcuno, sarebbe come dire che i virus che arrivano sull'e-mail da mittente @microsoft.com siano stati mandati da bill gates.Gli potrebbero fare un decreto ingiuntivo anche a lui allora ?Questi ignoranti che scrivono leggi e decreti su qualcosa che nemmeno sanno minimamente come funziona dovrebbero parlare di meno e capire PERLOMENO di cosa stanno blaterando.
  • Anonimo scrive:
    Re: E i familiari?
    puoi anche non riuscire ad ammazzare nessuno però non per questo parliamo solo di civile.Se un pippo manda a pluto una mail nella qale si finge un terrorista islamico e dipinge pluto come suo collaboratore dici che rimaniamo nel civile ?E soprattutto ki glielo spiega ai giudici che neanche la firma digitale attesta che il documento lo ha scritto la persona propietaria della firma ?siamo nella m---a
  • Anonimo scrive:
    Re: Come si suol dire ...
    Non sono un avvocato, però penso che semplicemente alla mail sia stato attribuito il valore di forma scritta (come ad una lettera cartacea, ne + ne -). In giudizio, e' sicuramente ammessa la prova contraria: (es. la stampa è del tutto falsa oppure non l'ho scritta io (certo che se dai tabulati di Yahoo risulta poi che quella mail sia stata scritta dalla rete dell'azienda in cui lavora il convenuto e che lo stesso era presente negli uffici della stessa, la vedo molto dura per lui...).Credo che la credibilità della stessa sia rafforzata in quanto la mail è in risposta a lettere cartacee indirizzate allo stesso, ed a queste ultime fa riferimento. Non è una mail avulsa da un contesto che diventa un contratto!Sinceramente, se il fax è ammesso come prova scritta, non vedo perché una simile mail non lo debba essere.SalutiLB
  • Anonimo scrive:
    Mi è successa una cosa strana!!!
    Guardando questo articolo, mi si è aperta in AUTOMATICO questa pagina !!!!!! http://www.forza-italia.it/speciali/innovazione.htmChiedo delucidazioni
  • Anonimo scrive:
    Re: 2 pesi ?
    - Scritto da: Anonimo
    Quando è letta dal principale della
    tua ditta non è documento
    (figuriamoci epistolare!), quando èEhi! se parli di email PERSONALE, è un conto. Se parli di email AZIENDALE, è un discorso COMPLETAMENTE DIVERSO. O no?
    per lo stato diventa adirittura
    raccomandata.

    Peggio dello stato del CONGO !!!!!!!!!Raccomandata, no... e in ogni caso, qualche vizietto di forma mi pare di poterlo ravvisare... se uno va in banca e fa un prelievo facendo una firma finta, i soldi glie li danno?!?
  • Anonimo scrive:
    Re: E i familiari?
    - Scritto da: Anonimo


    No, la responsabilità penale
    è personale.
    Vero. Peccato che qui siamo sul civile, non
    sul penale. Mica riesci ad ammazzare
    qualcuno via internet.evidentemente anche urbani deve avver fatto la stessa confusione (civile-penale) :):):):):):):):):):)
  • Anonimo scrive:
    Re: Come si suol dire ...
    il problema di accettare le email come prova è molto discutibile visto che qualunque informazione digitale se non generata con metodi di riconoscimento univoci e non riproducibili può generare ambiguità non da poco.. basta pensare come diceva qualcuno in un'altra affermazione... e se mi piglio un virus ? e se mi installano un dialer ? la falsificazione e la produzione di informazioni digitali è fuori controllo dal volere del proprietario.tanto è vero che la legge che è stata citata è anche stata oggetto di molte discussioni contrarie proprio perchè era troppo semplice produrre "danni" altre che vantaggi.
  • Anonimo scrive:
    Re: E i familiari?


    No, la responsabilità penale è personale. Vero. Peccato che qui siamo sul civile, non sul penale. Mica riesci ad ammazzare qualcuno via internet.
  • pandavr scrive:
    Re: E i familiari?


    Da quando devo dimostrare di essere

    innocente?

    o in questi casi e' esattamente
    l'opposto?Ultimamente sempre più spesso :(
  • Anonimo scrive:
    Come si suol dire ...
    ... al modo di dire "cane non mangia cane" ... infatti guarda caso:"L?AVV. ******, con studio in Mondovì, ... ESPONE ... 1) E? creditore nei confronti di ****, ..."A tal punto che, guarda caso, e' stato accolto l'atto ingiuntivo sulla base anche di una e-mail tanto piu' carente del requisito di firma "digitale" ma solo con apposizione di firma "elettronica" e udite udite sulla base dell'?headers?.Dubbio. Non e' che essendo il creditore avvocato, guarda caso dello stesso Foro, questo abbia influito sull'accoglimento? E' dal 1995 che tanti hanno cercato di far valere i propri diritti sulla base di e-mail, con firme "elettroniche", e guarda caso state sempre respinte, e ora invece ... che caso, vero? Come cambia il mondo :-)Va bhe' signori miei, in Italia paese natale della burocrazia bisgna solo laurearsi in giurisprudenza, in economia e il futuro è cosi', bene o male e con un po' di amicizia, assicurato.
  • Anonimo scrive:
    Re: 2 pesi ?
    - Scritto da: Anonimo
    Quando è letta dal principale della
    tua ditta non è documento
    (figuriamoci epistolare!), quando è
    per lo stato diventa adirittura
    raccomandata.

    Peggio dello stato del CONGO !!!!!!!!!nessuno ha detto che è raccomandata.solo che è considerata come una prova cartacea.
  • Anonimo scrive:
    Re: E i familiari?
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo



    Purché dimostri di non essere
    lui.



    E' come la multa con l'autovelox, la
    paga il

    proprietario dell'auto salvo prova

    contraria.



    Ma in italia l'onere della prova non spetta
    a chi accusa?
    Da quando devo dimostrare di essere
    innocente?
    o in questi casi e' esattamente l'opposto?boh!sarebbe interessante saperlo.
  • Anonimo scrive:
    2 pesi ?
    Quando è letta dal principale della tua ditta non è documento (figuriamoci epistolare!), quando è per lo stato diventa adirittura raccomandata.Peggio dello stato del CONGO !!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: E i familiari?
    - Scritto da: Anonimo

    Purché dimostri di non essere lui.

    E' come la multa con l'autovelox, la paga il
    proprietario dell'auto salvo prova
    contraria.
    Ma in italia l'onere della prova non spetta a chi accusa?Da quando devo dimostrare di essere innocente?o in questi casi e' esattamente l'opposto?Saludos Crossbones powered by Slackware current (linux)
  • non registrato scrive:
    Considerazioni
    1) positiva: le email di conferma delle transazioni online sono ricevute a tutti gli effetti legali, equiparate a quelle cartacee;2) negativa: farsi inchiappettare il PC da qualche trojan può costare molto più caro di una semplice riformattazione dell'hd.
  • Anonimo scrive:
    Re: E i familiari?
    - Scritto da: Anonimo
    No, la responsabilità penale è
    personale. al massimo il titolare
    pulò abere una sanzione per un
    inadeguaato controllo.Purché dimostri di non essere lui.E' come la multa con l'autovelox, la paga il proprietario dell'auto salvo prova contraria.
  • Anonimo scrive:
    Re: E i familiari?
    No, la responsabilità penale è personale. al massimo il titolare pulò abere una sanzione per un inadeguaato controllo.
  • Anonimo scrive:
    Re: E i familiari?
    - Scritto da: Anonimo
    Il titolare dell'abbonamento telefonico
    è mia madre.
    Il titolare dell'abbonamento all'ISP
    è mio padre.
    In casa siamo 4, io, mio padre, mia madre e
    mio fratello.
    Siamo tutti maggiorenni.
    Se mio fratello contrae un contratto a mio
    nome chi è responsabile?Il titolare dell'abbonamento ISP, naturalmente.
  • Anonimo scrive:
    Re: E i familiari?
    - Scritto da: Anonimo
    Se mio fratello contrae un contratto a mio
    nome chi è responsabile?Ovviamente è sottinteso "via Internet"
  • Anonimo scrive:
    E i familiari?
    Il titolare dell'abbonamento telefonico è mia madre.Il titolare dell'abbonamento all'ISP è mio padre.In casa siamo 4, io, mio padre, mia madre e mio fratello.Siamo tutti maggiorenni.Se mio fratello contrae un contratto a mio nome chi è responsabile?
Chiudi i commenti