FEST3D predice le malattie dei satelliti

Due prestigiosi atenei spagnoli creano un software per studiare, analizzare e prevenire i guasti dei sistemi a microonde destinati ad uso spaziale, utilizzabile anche con potenze di calcolo modeste
Due prestigiosi atenei spagnoli creano un software per studiare, analizzare e prevenire i guasti dei sistemi a microonde destinati ad uso spaziale, utilizzabile anche con potenze di calcolo modeste

Aurorasat , azienda formata da ricercatori del Politecnico di Valencia e dell’ Università di Valencia , ha creato FEST3D , annunciato come il primo software in grado di prevedere possibili malfunzionamenti nei sistemi a microonde dei satelliti per telecomunicazioni.

Sviluppato sotto l’egida dell’ ESA , FEST3D è in grado di analizzare diversi tipi di tecnologie di guide d’onda , utilizzate nel campo delle microonde. Si basa su una tecnica fondata su equazioni risolte con il metodo dei momenti e consente di estrarre modelli di funzionamento a partire da guide d’onda comunque complesse, di qualsiasi sezione.

L’Istituto per le Telecomunicazioni e le Applicazioni Multimediali dell’Ateneo valenciano dispone di appositi locali, progettati per lo studio e lo sviluppo di applicazioni e apparati destinati al campo delle microonde in ambito spaziale, nonché per lo studio di circuiti per le comunicazioni satellitari. In queste strutture è possibile simulare le condizioni di esercizio nello spazio, potendo così analizzare in tale quadro gli effetti di problematiche tipiche delle circuiterie satellitari ad alta potenza.

Grazie all’impiego di FEST3D, sarà dunque possibile analizzare a terra con la massima precisione la maggior parte degli inconvenienti che potrebbero verificarsi nello spazio, prevenendo così guasti e malfunzionamenti di difficile soluzione, una volta che un satellite si trova in orbita.

La novità è stata annunciata nel corso del MULCOPIM ’08 , un workshop tenutosi a Valencia dal 24 al 26 settembre 2008, che riunisce periodicamente progettisti, collaudatori, ricercatori e utenti di tecnologie radio ad alta potenza per uso spaziale, con l’obiettivo di condividere informazioni utili a indirizzare le progettazioni prevenendo ogni possibile interruzione del servizio.

Chi fosse interessato ad altri dettagli sulla nuova tecnologia analitica introdotta da FEST3D, inclusa la possibilità di provarlo con una demo sia per Windows che per Linux ( non occorrono grandi potenze di calcolo), può trovare ulteriori dettagli sul sito dedicato .

Marco Valerio Principato

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

Link copiato negli appunti