File-sharing? Napster? Meglio phone-sharing

La peer-to-peer mania non si ferma. Dopo il file sharing in stile Napster e Gnutella, qualcuno ora pensa a condividere i telefoni di casa! Ma funzionerà?


Melville (USA) – Io condivido qualcosa con gli altri e gli altri condividono qualcosa con me. Sembra l’idea del secolo, ed è invece la più vecchia del mondo: solo che oggi da concetto è diventata tecnologia e, grazie ad Internet, di portata mondiale.

Dopo la nascita delle prime reti peer-to-peer (pari a pari) dei software di file sharing come Napster e Gnutella, a qualcuno è venuto in mente che gli stessi concetti si possono applicare ai normali telefoni. E così il progetto Free World Dialup è ora pronto per dare il via ai primi test e mostrare al mondo che dove i servizi gratuiti di free phone sono spesso falliti, il peer-to-peer ce la può fare.

Il funzionamento di questo network, chiamato “Free Telephony over Broadband” (FTOB) si basa sul fatto che ogni membro, che deve necessariamente possedere una connessione a larga banda (xDSL o cavo), acquista per 150$ un router ed un gateway Cisco in grado di convertire il segnale telefonico in pacchetti da inoltrare su Internet. Ogni telefonata diretta verso il numero telefonico appartenente ad una città dove si trovi almeno un membro di questa rete peer-to-peer verrà inoltrata via Internet al gateway del primo utente disponibile, e da qui re-inoltrata al destinatario finale come chiamata locale gratuita.

Pulver.com, l’azienda dietro al progetto, assicura che non c’è trucco e non c’è inganno: le telefonate saranno gratuite sia che si telefoni ad un membro del network sia che si telefoni ad una persona priva addirittura di Internet, l’importante è che in quel distretto urbano via sia almeno un appartenente alla rete FTOB in grado di re-inoltrare, attraverso il kit acquistato, la chiamata locale al destinatario.

Di certo, per funzionare bene la cosa richiede la costituzione di una grande comunità e la disponibilità a condividere la propria linea da parte di ogni utente. Al momento, gli sviluppatori del progetto stanno cercando un modo per eliminare i conflitti che si vengono a creare quando il proprietario della linea telefonica alza la cornetta per telefonare: in questo caso, infatti, l’utente che in quel momento utilizza il mezzo condiviso, viene sganciato senza preavviso. Problema di non poco conto?

Non sono pochi gli analisti che sostengono che questo tipo di peer-to-peer sia poco praticabile, e proprio perché la linea telefonica tradizionale può ospitare solo un utente per volta. Ed è dunque probabile che le compagnie telefoniche, almeno per il momento, dormiranno sonni più tranquilli rispetto alle major discografiche.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Soluzione migliore
    Un auricolare costa 20'000 lire e abbatte le radiazioni del 100%.In più avete le mani libere.Non vedo molto altro da dire.PS. Ci ho fatto una tesi di laurea sulle radiazioni elettromagnetiche emesse dai telefonini.
    • Anonimo scrive:
      Re: Soluzione migliore

      Un auricolare costa 20'000 lire e abbatte le
      radiazioni del 100%.
      In più avete le mani libere.
      scusa ma credi che il tuo telefonino smette di emettere onde elettromagnetiche tenendolo in tasca?
      • Anonimo scrive:
        Re: Soluzione migliore
        Evidentemente ci vuole una protezione dalle onde.. quindi l'auricolare serve solo a non danneggiare il cervello.- Scritto da: fer


        Un auricolare costa 20'000 lire e abbatte
        le

        radiazioni del 100%.

        In più avete le mani libere.


        scusa ma credi che il tuo telefonino smette
        di emettere onde elettromagnetiche tenendolo
        in tasca?
        • Anonimo scrive:
          Re: Soluzione migliore
          l'auricolare non abbatte un bel c***o; è un filo di rame che conduce come qualsiasi altro conduttore e quindi fa da antenna, te le spara direttamente nell'orecchio. Senza offesa, ma informati meglio.- Scritto da: Mad
          Evidentemente ci vuole una protezione dalle
          onde.. quindi l'auricolare serve solo a non
          danneggiare il cervello.


          - Scritto da: fer




          Un auricolare costa 20'000 lire e
          abbatte

          le


          radiazioni del 100%.


          In più avete le mani libere.




          scusa ma credi che il tuo telefonino
          smette

          di emettere onde elettromagnetiche
          tenendolo

          in tasca?
          • Anonimo scrive:
            Re: Soluzione migliore

            l'auricolare non abbatte un bel c***o; è un
            filo di rame che conduce come qualsiasi
            altro conduttore e quindi fa da antenna, te
            le spara direttamente nell'orecchio. Senza
            offesa, ma informati meglio.Ma lo sai di cosa stai parlando?Il segnale ad alta frequenza è emessodall'antenna del cellulare, cosa c'entral'auricolare dove passa il segnale in banda audio?Il solito tecnocretinismo dilaga dilaga dilaga..e anche con arroganza!L'auricolare può essere utile per tenere a distanza maggiore l'antenna del cell. dallatesta.Inoltre se il telefonino funziona significa chetrasmette quindi ste cagate di soluzioni sono BALLE proprio come quella bufala della "coccinella" che tanti tecnocretini hanno compreto.Si può pensare di costruire antenne che abbianoun diagramma di radiazione moolto direttivoma certamente non tale da evitare fenomenidi prossimità con le nostre teste.In pratica non passate troppo tempo CONTINUATOal cellulare, stop.Non date retta a stupidate come la coccinella.
          • Anonimo scrive:
            Re: Soluzione migliore
            - Scritto da: IrDemon

            l'auricolare non abbatte un bel c***o; è un
            filo di rame che conduce come qualsiasi
            altro conduttore e quindi fa da antenna, te
            le spara direttamente nell'orecchio. Senza
            offesa, ma informati meglio.
            Ha ha ha ha, boooo non so tu che scuola abbia fatto, se hai studiato in questo campo, ti conviene prendere i libri e darci una ripassata.....ciao Tosto (PS sono laureato in ingegneria elettronica ti basta? e radioamatore da anni vedi te!!!!!!)
    • Anonimo scrive:
      Re: Soluzione migliore

      Un auricolare costa 20'000 lire e abbatte le
      radiazioni del 100%.
      In più avete le mani libere.Sì, andare in giro come qualche idiota che si vede in giro, con il cellulare in una mano e il microfono nell'altra (quante volte l'avrete visto)? ;-) Veramente squallido.Il cellulare prende anche se ce l'hai in tasca. Il microfono se lo fissi bene riceve bene.Bah... scusate, ho sonno ^__^ ora vado a dormire, promeso ;-)Saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: Soluzione migliore
        - Scritto da: MaurizioB

        Sì, andare in giro come qualche idiota che
        si vede in giro, con il cellulare in una
        mano e il microfono nell'altra (quante volte
        l'avrete visto)? ;-) Veramente squallido.
        Il cellulare prende anche se ce l'hai in
        tasca. Il microfono se lo fissi bene riceve
        bene.

        Bah... scusate, ho sonno ^__^ ora vado a
        dormire, promeso ;-)
        SalutiQuesto è vero e ti do pienamente ragione,ma vi sono casi che alcuni personaggi, tra cui io e tanti altri, devono usare il cellulare dalle 8-12 ore al giorno per lavoro, e credimi l'auricolare oltre ad essere comodo per la possibilità di lasciarti le mani libere per compiere altre azioni, ecc. ecc..... se l'abbattimento delle radiazioni si riduce al 100%, meglio ancora per noi sfigati che siamo costretti ad usarlo.salutoni Tosto
  • Anonimo scrive:
    quindi si perdera` il 70% del segnale?
    le emissioni avvengono attraverso l'antenna, che e` il punto piu` pericoloso del cellulare (almeno credo): ricoprendola con questa pellicola si avra ` un segnale in uscita ridotto del 70%.. a meno che non si ricopra solo il lato dell'antenna rivolto verso l'utente.just a thought.
    • Anonimo scrive:
      Re: quindi si perdera` il 70% del segnale?
      hehe .... nel qual caso, occorrera' "turnicare" su se stessi, fino ad indirizzare la parte dell'antenna che riceve/emette verso la radiobase piu' vicina.Simpatico! pensa che walzer che vedremo per strada!Tararazanzan zan zan, zan zan ...........CiaoG.- Scritto da: lorenzo
      le emissioni avvengono attraverso l'antenna,
      che e` il punto piu` pericoloso del
      cellulare (almeno credo): ricoprendola con
      questa pellicola si avra ` un segnale in
      uscita ridotto del 70%.. a meno che non si
      ricopra solo il lato dell'antenna rivolto
      verso l'utente.

      just a thought.
  • Anonimo scrive:
    Che bello!
    Metteremo il preservativo anche al cellulare!
Chiudi i commenti