Film di Spielberg bloccato dal DRM

Le tecnologie di controllo anticopia sortiscono un effetto boomerang: l'ultima fatica del celebre regista inviata in anteprima a giurati britannici non può girare sui loro player DVD


Londra – Nuovo allarme per i produttori di contenuti sul fronte del DRM (Digital Rights Management), le tecnologie di controllo dei contenuti: l’ultima fatica di Steven Spielberg, Munich , rischia di subire un grosso danno a causa di una gestione fallimentare delle protezioni .

Stando a quanto riportato dal quotidiano britannico Guardian , una preview su DVD del film è stata inviata ai componenti delle giurie BAFTA , la British Academy of Film and Television Arts , che devono visionare una serie di film per scegliere opere degne di essere premiate. Ma il film di Spielberg non possono guardarlo .

A quanto pare, infatti, la preview inviata dal produttore della pellicola, Universal, è stata codificata per la “regione” sbagliata , con il risultato che non può essere letta sulla stragrande maggioranza dei player DVD utilizzati nel Regno Unito.

Per “regione”, come noto, si intendono le diverse aree del Mondo che i produttori di DVD hanno selezionato per controllare al meglio la commercializzazione e i tempi di distribuzione dei film. In tutto sono 6 (USA, Canada – Europa, Medioriente, Sud Africa, Giappone – Asia sud orientale – Australia, Centro e Sud America – Africa, Asia, Europa orientale – Cina) e la codifica di protezione impedisce ai player di una regione di leggere DVD pensati per un’altra regione.

Un ostacolo spesso bypassato dagli utenti più smanettoni o da chi può permettersi più di un player DVD ma che ora sta diventando un serio problema per la promozione nel Regno Unito di uno dei film più attesi. Il “bypass” non è infatti alla portata delle giurie BAFTA perché questo genere di preview è confezionata in modo da girare solo su determinati lettori , hardware distribuito da BAFTA ai giurati e pensato per impedire che da quelle preview derivi un traffico illegale di copie masterizzate di film ancora non rilasciati nelle sale. Si tratta di player blindati in cui Munich non gira: secondo i rappresentanti BAFTA l’errore di Universal toglie il film dalla rosa dei “papabili” per le premiazioni ufficiali in UK, destinate ad avere importanti ripercussioni sulla visibilità della pellicola sul mercato.

Munich , che racconta il dramma verificatosi alle Olimpiadi del 1972, culminato con la morte di 11 atleti israeliani, è già stato osannato dalla critica statunitense e rappresenta un potenziale blockbuster per Universal in tutto il Mondo, forse con l’eccezione, visti i fatti, del Regno Unito.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    CPJ condanna le autorità cinesi
    Ok bravi, loro condannano e poi ? Finisce così ? Quando si torna a parlare di cose importanti (produzioni basso costo, importazioni, vendite a prezzi di "mercato" negli altri mercati, quindi soldi, tanti soldi) i riflettori di Forum si spengono e buona notte al blogger no ?Si vuole veramente condannare la Cina ? Finirla di esportare lavoro nei loro territori e chiusura totale delle frontiere commerciali nei loro confronti: li si isola e si lascia che le piene dello Yangzte facciano pulizia. Quando staranno veramente con il culo a terra ci ripenseranno sulla democrazia diversamente questa nella sua forma più vera non vale un soldo bucato.
    • Anonimo scrive:
      Re: CPJ condanna le autorità cinesi
      Col culo per terra i gialli ci lasciano a noi, furbone. Sono 1.300.000.000, annegheremo noi nelle loro pisciate altre che le piene dello yangtzè. Vai vai, esportagliela la democrazia.Ma la faccenda Lenovo non vi ha insegnato proprio nulla?
  • Pisky scrive:
    Esportare la democrazia
    Bush ha voluto "esportare la democrazia" in Iraq a qualunque costo: sottomettere la sovranità di un altro stato (seppur totalitario), non rispettare le decisioni dell'ONU, uccidere 30 mila iracheni di bombe.Microsoft invece "deve sottostare alle leggi dei singoli stati". Credo che la legge dell'Iraq vietasse ad un esercito straniero di prendere il potere e uccidere civili, ma non mi sembra che gli americani l'abbiano rispettata.E NON venitemi a dire che sono cose che non centrano nulla l'una con l'altra (da una parte il politico Bush e dall'altra l'azienda Microsoft) perché anche i topi sanno quanto è stretto il connubio tra politica ed economia negli USA (la solerzia di Bush a salvare Microsoft oppure i ripetuti interventi nel WTO ne sono la riprova). In altre parole: l'amministrazione politica USA non può fregarsene delle porcate che fanno nel mondo le aziende americane, perché (1) sono i loro migliori contribuenti e (2) esse stesse costituiscono il dominio USA nel mondo.
    • xuneel scrive:
      Re: Esportare la democrazia
      - Scritto da: Pisky
      Bush ha voluto "esportare la democrazia" in Iraq
      a qualunque costo: sottomettere la sovranità di
      un altro stato (seppur totalitario), non
      rispettare le decisioni dell'ONU, uccidere 30
      mila iracheni di bombe.Bisogna anche dire che i kamikaze iracheni hanno fatto fuori un gran numero di marines e di loro confratelli (civili uccisi a causa degli attentati)... se quei deficienti (mi riferisco ai cazzoni che si fanno esplodere uccidendo poliziotti iracheni, soldati e civili) se ne fossero stati un po' tranquilli (magari cercarandosi un lavoro!) l'esercito americano se ne sarebbe andato già da un bel pezzo...

      Microsoft invece "deve sottostare alle leggi dei
      singoli stati". Credo che la legge dell'Iraq
      vietasse ad un esercito straniero di prendere il
      potere e uccidere civili, ma non mi sembra che
      gli americani l'abbiano rispettata.Bhé, non é solo Microsoft, vatti a vedere ad es. i software di crittografia vietati negli USA ma permessi nel resto del mondo... oppure i siti di commercio elettronico che non vendono alcuni prodotti in determinati stati...
      E NON venitemi a dire che sono cose che non
      centrano nulla l'una con l'altra (da una parte il
      politico Bush e dall'altra l'azienda Microsoft)
      perché anche i topi sanno quanto è stretto il
      connubio tra politica ed economia negli USA (la
      solerzia di Bush a salvare Microsoft oppure i
      ripetuti interventi nel WTO ne sono la riprova).
      In altre parole: l'amministrazione politica USA
      non può fregarsene delle porcate che fanno nel
      mondo le aziende americane, perché (1) sono i
      loro migliori contribuenti e (2) esse stesse
      costituiscono il dominio USA nel mondo.L'amministrazione non può fregarsene? E infatti non se ne frega mica, anzi sono i primi a fare i leccaculo ai cinesi perché, come hai detto tu, sono loro clienti.Inoltre ricordiamoci che la Cina é una potenza atomica. Gli USA hanno poco da esportare democrazia (citazione di Beppe Grillo) in Cina, perché la cina può esportare una bella bomba atomica negli USA...Riassumento, il mondo lecca il culo agli USA, gli USA leccano il culo alla Cina...E in Cina? C'é il comunismo, la pena di morte, la censura... wow che bel mondo.E soprattutto: che gran bel paese la Cina.
      • Riot scrive:
        Re: Esportare la democrazia

        Bisogna anche dire che i kamikaze iracheni hanno
        fatto fuori un gran numero di marines e di loro
        confratelli (civili uccisi a causa degli
        attentati)... se quei deficienti (mi riferisco ai
        cazzoni che si fanno esplodere uccidendo
        poliziotti iracheni, soldati e civili) se ne
        fossero stati un po' tranquilli (magari
        cercarandosi un lavoro!) l'esercito americano se
        ne sarebbe andato già da un bel pezzo...Sai quanto è costata (e sta costando) agli USA la guerra in Iraq?Secondo te davvero se ne vanno e lasciano che l'Iraq si gestisca da solo?Devono per lo meno incassare l'investimento iniziale per andare in pareggio.
        Riassumento, il mondo lecca il culo agli USA, gli
        USA leccano il culo alla Cina...

        E in Cina? C'é il comunismo, la pena di morte, la
        censura... wow che bel mondo.

        E soprattutto: che gran bel paese la Cina.Chiedi agli USA di rivedere la loro politica di alleanze, già che ci sei chiedi loro anche di Arabia Saudita e Pakistan.
      • Anonimo scrive:
        Re: Esportare la democrazia

        Riassumento, il mondo lecca il culo agli USA, gli
        USA leccano il culo alla Cina...
        ricordiamoci che la cina sta finanziando gran parte del debito pubblico statunitense.. tradotto in altre parole, l'establishment cinese sta entrando sempre più nelle industrie e nei bilanci del governo usa.una volta erano gli occidentali a colonizzare i paesi orientali, adesso solo loro che ci stanno acquistando sempre più... :
      • Pisky scrive:
        Re: Esportare la democrazia

        E soprattutto: che gran bel paese la Cina.Manca un "di merda" in mezzo alla frase.
  • Anonimo scrive:
    l'avevo detto...
    ... 2/3 giorni fa-
    http://capriccidellapercezione.blogspot.comma è nulla ancoraciao _____________________________________-
    http://promo.resetmultimedia.com
Chiudi i commenti