FIMI a caccia di link illegali

I risultati di un'operazione volta a danneggiare il file sharing in Italia

Roma – La FIMI ha annunciato che i primi frutti di una operazione volta ad assestare un duro colpo al file sharing illegale.

Circa 20mila link torrent sono stati eliminati da Mininova mentre altri 10mila da servizi di archiviazione remota quali Megaupload e Rapidshare : in tutto 30mila link che, secondo l’analisi di FIMI, avrebbero consentito circa 10 milioni di download illegali prima che la Federazione contro la Pirateria Musicale (FPM) li segnalasse.

L’offensiva sembra aver colpito anche i network utilizzati da software di condivisione come Emule: 12 server italiani che consentivano a decine di migliaia di persone di scambiarsi file musicali impunemente non sembrano essere raggiungibili.

Neanche i social network sono stati ignorati dai tutori del copyright: YouTube ha visto la sparizione di molti video musicali non autorizzati mentre su Facebook e MySpace sono stati rimossi falsi profili che contenevano tracce audio condivise senza permesso. (G.P.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • jure scrive:
    1 telecamera = 1 milione di euro??
    A roma 600 telecamere in più al costo di 600 milioni di euro... Ma installare una telecamera costa 1 milione di euro?? Dovevo darmi alla videosorveglianza!! O alla politica...
  • Funz scrive:
    Percezione e realtà
    Percezione:le telecamere ci rendono sicuriRealtà: Non servono a far diminuire i criminiPercezione:Berlusconi non aumenta le tasseRealtà: Deficit e debito pubblico alle stelle, pagheranno i nostri figli e nipoti.La gente è proprio stupida.
Chiudi i commenti