Finlandia, blitz contro i maggiori releaser

Le major applaudono in coro all'azione della polizia finlandese che ha preso di mira i gestori di un network di releaser. Un'operazione che segue di poche settimane quella contro OiNK. L'obiettivo è chiaro: isolare i maggiori uploader

Roma – Nuova operazione di polizia contro la diffusione di materiali inediti online, gestiti da releaser che dispongono spesso di prima mano di questi contenuti, destinati poi a circolare sulle reti peer-to-peer di tutto il Mondo. Il blitz ha avuto luogo ad Oulu, in Finlandia ed è stato diretto dalla Procura nazionale contro i gestori di numerosi server, che si ritiene contengano 10 terabyte di file gestiti senza autorizzazione.

Non sembra trattarsi, dunque, di una operazione contro il P2P ma contro un distributore di contenuti protetti da diritto d’autore, una modalità di condivisione che per molti versi sorprende in epoca di tecnologie di peering ma che, a detta degli investigatori, o meglio secondo IFPI che per prima ha riportato la notizia, era frequentata da numerosi utenti.

La Federazione dei fonografici asserisce che i tre gestori sono stati arrestati con l’accusa di violazione massiva del diritto d’autore, il che in Finlandia può tradursi nel peggiore dei casi in due anni di carcere.

Non si tratta di un blitz casuale. Arriva infatti dopo le denunce del CIAPC , associazione finlandese che raccoglie produttori, autori e divisioni locali di major dell’industria dell’intrattenimento. Proprio il CIAPC, nel descrivere il network appena chiuso dalle autorità, parla di top site . “Questi top site – ha dichiarato Antti Kotilainen, direttore dell’associazione – pongono in condivisione film, musica, videogiochi e software. Ogni sito si specializza nella pubblicazione di particolari materiali, come animazione, film finlandesi o videogiochi appena rilasciati sul mercato”.

Anche IFPI fa girare una propria definizione di top site: “Si tratta di server Internet generalmente molto performanti e segreti, dove file ottenuti illegalmente, inclusi nuovi film, musica, giochi e software, vengono caricati dai cosiddetti release group . Si ritiene che vi siano poche centinaia top site in tutto il Mondo. Sono altamente organizzati, con una struttura di gestione gerarchica e particolari procedure di sicurezza”. Secondo Kotilainen si tratta “del top assoluto della pirateria Internet, la cui attività consente la condivisione di milioni di file illegali”.

La strategia del CIAPC, dunque, si allinea a quella seguita negli ultimi tempi dalle major, che con sempre maggiore frequenza prendono di mira i cosiddetti first releaser e gli ambienti che frequentano. Solo qualche settimana fa, come ricorderanno i lettori di Punto Informatico , fu preso nella morsa dell’antipirateria persino OiNK , ritenuto in rete uno degli ambienti di condivisione più “ricchi” di materiali non autorizzati di “prima scelta”, spesso provenienti direttamente da studi di registrazione e fonti “insospettabili”.

Il boss della divisione antipirateria di IFPI Jeremy Banks in queste ore non fa che ripetere il solito ritornello, quello secondo cui il blitz finlandese manda un messaggio chiaro ai gestori di certi server che pensano di rimanere anonimi: “Sarete catturati”. Ma è certo che è tutta l’industria ad applaudire con sollievo all’indagine condotta dalle autorità finlandesi. Il braccio europeo dell’antipirateria hollywoodiana di MPA, per bocca del suo vicepresidente Halli Kristinsson, ha fatto sapere di ritenere particolarmente rilevante la collaborazione, in un caso del genere, tra industrie diverse : “Queste operazioni dimostrano che la collaborazione efficiente tra MPA, ISFE, IFPI e BSA ha consentito a che la rete attorno ai top site e ai release group si vada stringendo. Questo blitz non sarà l’ultimo del suo genere”.

Non stupisce, dunque, che anche Business Software Alliance, BSA appunto, l’Alleanza dei produttori di software proprietario, abbia voluto dire la sua. John Wolfe, direttore dell’ Internet Enforcement dell’Alliance, ha dichiarato di “applaudire gli sforzi della polizia finlandese contro questi top site. Individui come quelli che operavano sui server sequestrati contribuiscono alle perdite stellari che la pirateria Internet causa all’industria del software”.

Ma Kristinsson citava anche ISFE, che è la Federazione dell’industria videoludica europea. Anche ISFE ha qualcosa da dire, anzi ce l’ha il suo segretario generale Patrice Charezand, secondo cui “le autorità finlandesi devono essere applaudite per la loro azione decisiva nella protezione dell’industria creativa da coloro che cercano di rubare il risultato finale dei suoi investimenti e della sua innovazione”.

Che l’operazione finlandese riesca davvero ad arginare la circolazione di contenuti protetti in rete rimane evidentemente tutto da verificare. I “pirati” sono d’altra parte piuttosto sfacciati nel rivendicare le proprie possibilità di aggiramento di leggi e controlli. Come i gestori di The Pirate Bay che nei giorni scorsi, proprio in seguito alla chiusura di OiNK, avevano annunciato una pronta ospitalità per i releaser rimasti senza casa. Come a dire, cioè, che se qualcuno ha materiali di valore da condividere in barba ai legittimi proprietari, allora potrà continuare a farlo.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • chokry amine scrive:
    impronte
    voglio sapere la data per il giorno dell'impronte
  • Rosello Biondi scrive:
    S C H E D A T U R A
    NIENTE DI PIU' GIUSTO.I TURISTI DEVONO TRASCORRERE A LORO SPESE 40 GIORNI IN ENTRATA E ALTRETTANTI IN USCITA IN UNA SORTA DI Ellis Island. (esempio: 40 giorni A FIUMICINO, 40 A NARITA, x GIORNI DI SOGGIONO, 40 A NARITA, 40 A FIUMICINO, E SI TORNA ALLA VITA DI TUTTI I GIORNI)UN PO' PER RILANCIARE LE ECONOMIE E UN PO' PER SBOLLIRE LA FRETTA IDIOTA DI CHI GIRA IL MONDO ALLA SOLA RICERCA DI UN GABINETTO LIBERO.L'UNICO NEO SONO LE ECCEZIONI PREVISTE. LA LEGGE E' UGUALE PER TUTTI.A PROPOSITO, E' VERO CHE ESISTONO I COMUNISTI. STAMATTINA MOLTI DI QUELLI CHE HO INCONTRATO ANDANDO AL LAVORO, MI TIRAVANO PER LA MANICA DELLA GIACCA PER REGALARMI LA META' DEI LORO SOLDI.LE FOBIE DI QUEI TIPI CHE SENTONO LE VOCI E VEDONO SOLO COMUNISTI NON SONO DEL TUTTO INFONDATE.scusate il fuori tema.TORNIAMO A NOI, SE VOLETE STOCCARE IN TUTTA SICUREZZA IN UN PAESE TERZO L'ARCHIVIO DELLE IMPRONTE RIVOLGETEVI AGLI UFFICI DEL FISCO DI QUALCHE PAESE TECNOLOGICAMENTE AVANZATO.rosellobiondi@intesasanpaolo.com 23/XI/2007
  • pasquale scrive:
    japan
    chissa perche io entro e esco dal giappone senza che mi rompono.......forse le schedature sono solo per gli autori dell'articolo,chissa che ha combinato laggiù!!!konniciwa
    • unaDuraLezione scrive:
      Re: japan
      contenuto non disponibile
      • Shinobi scrive:
        Re: japan
        - Scritto da: unaDuraLezione
        - Scritto da: pasquale

        chissa perche io entro e esco dal giappone senza

        che mi

        rompono.......

        forse le schedature sono solo per gli autori

        dell'articolo,chissa che ha combinato

        laggiù!!!

        konniciwa

        forse, sei stato troppo tempo in Giappone e hai
        dimenticato
        l'italiano!
        " verranno prelevati dati" E anche il giapponese non è che lo "ciancichi" molto bene perché si scrive konnichiwa in romaji ^^
  • gobuntu scrive:
    giappone e linux
    topic interessante trovato nel bar Ubuntu parlando del giappone ;) chissà che sistema operativo useranno per tenere tutti quei dati al sicuro?http://forum.ubuntu-it.org/index.php/topic,131720.0/all.html
    • Number 6 scrive:
      Re: giappone e linux
      A che ti serve un OS quando hai Mazinga...
    • pasquale scrive:
      Re: giappone e linux
      gobontuma leggi qualcosa di serio, nel quartiere di Akihabara, se sei straniero e ha con te il passaporto ottieni anche sconti del 50% sui prodotti elettronici e informatici.Linux è ovunque in questo quartiere, solo chi e cieco e vede solo quel che vuole vedere, praticamente non vede na mazza!!
  • Max scrive:
    Peccato...
    Peccato non mi piacciono mai queste cose...Vabbé, fortuna vuole che ci sono già stato questa estate! Un paese veramente fantastico (da rivisitare non appena toglieranno sta ca***ta delle impronte)!Ciao
    • kolika scrive:
      Re: Peccato...
      - Scritto da: Max
      Peccato non mi piacciono mai queste cose...
      Vabbé, fortuna vuole che ci sono già stato questa
      estate! Un paese veramente fantastico (da
      rivisitare non appena toglieranno sta ca***ta
      delle
      impronte)!
      Ciaovabbè ma se uno non cha niente da nascondere....
      • Max scrive:
        Re: Peccato...
        Chi è disposto a rinunciare alla propria libertà in cambio di sicurezza, non merita ne libertà ne sicurezza- Benjamin Franklin
        • Get Real scrive:
          Re: Peccato...
          La citazione completa è "Chi è disposto a barattare LIBERTA' ESSENZIALI per SICUREZZA TEMPORANEA non merita nè l'una nè l'altra."Se vuoi quotare, almeno quota bene.
        • pippo75 scrive:
          Re: Peccato...
          - Scritto da: Max
          Chi è disposto a rinunciare alla propria libertà
          in cambio di sicurezza, non merita ne libertà ne
          sicurezza- Benjamin
          Franklinforse sarebbe meglio che studi la storia e cerchi il contesto.
        • unaDuraLezione scrive:
          Re: Peccato...
          contenuto non disponibile
  • Tsukishiro Yukito scrive:
    per la redazione...
    Se volete parlare di Giappone, perché non raccattate un po' di info su questi fatti e non ci fate una bella notizia?http://animeclick.lycos.it/notizia.php?id=17436http://animeclick.lycos.it/notizia.php?id=17437C'è chi ha ricevuto mail di diffida dai produttori giappi persino in Italia!
  • unaDuraLezione scrive:
    misura giustificata
    contenuto non disponibile
    • Prisco Mazzi scrive:
      Re: misura giustificata
      - Scritto da: unaDuraLezione
      Misura giusti fica ta dall'enorme numero di
      precedenti attentati sul suolo giapponese ad
      opera di cattivissimi
      stranieri.

      Curiosamente - che coincidenza! - lo stesso
      numero di attentati ad opera di stranieri è
      av venuto in
      Italia.

      Auspisco pertanto una legge anal oga al più
      presto qui da
      noi.Complimenti per i messaggi subliminali a sfondo sessuale.
  • Zoolander scrive:
    Quando anche in Italia?
    Sarebbe ora di farlo anche in Italia in comune con tutti i paesi dell'unione europea.
    • pippo75 scrive:
      Re: Quando anche in Italia?
      - Scritto da: Zoolander
      Sarebbe ora di farlo anche in Italia in comune
      con tutti i paesi dell'unione
      europea.un giorno non funziona il macchinino che raccoglie i dati.un giorno non c'e' l'addetto.un giorno manca la marca da bollo.un giorno non c'e' corrente.un giorno mancano le chiaviun giorno non c'e' persone in fila, l'altro ce ne sono troppe........
  • monte zemolo scrive:
    gia' schedati
    quando ho fatto i 3 giorni per i militari all'ingresso della caserma hanno preso le impronte digitali a tutti, e parlo di 17enni italiani nati e cresciuti qui, incensurati, perche' nessuno si e' lamentato di questa pratica? come mai ora c'e' questa alzata di scudi ogni volta che si parla di impronte digitali fosse anche solo per gli immigrati clandestini?
    • VE LO DICO IO scrive:
      Re: gia' schedati
      Perchè davnti al pubblico siamo tutti bravi a fare i buoni.. a non essere razzisti e xenofobi... poi invece quando ci ritroviamo fra 4 mura.. tutto quel falso buonismo va a farsi benedire. Un popolo di codardi..In questa società c'è bisogno di realismo, e la realtà vuole che dapprima il nostro Stato e le nostre istituzioni devono cambiare, c'è bisogno di un VERO cambio.. tutta quella gentaglia figlia del 68 e del 18 politico se ne DEVONO andare.. se fosse per me li lascerei a casa con una bella "pensione politica".. tanto sono stati abituati bene col 18 politico in medicina=nostra salute=medici ignoranti.una volta liberati i posti da questa spazzatura, poi possiamo pensare ad uno stato più autoritario basato su regole e rispetto, ossia diritti e doveri.. non solo diritti.Se lo Stato funzionasse a regime come dovrebbe.. ci sarebbe meno falso buonismo, meno demagogia, meno razzismo e soprattutto meno parole come quelle appena citate che nella società ormai, portano solo del male perchè usate inappropriatamente.Con il buonismo di oggi, non c'è alcuna certezza della pena, e i "cattivi" sono autorizzati a fare quello che vogliono. Ormai i tatuaggi li portano tutti, non solo chi è stato in galera, quindi...
    • Hamlet scrive:
      Re: gia' schedati
      a me, ai 3 giorni non presero le impronte digitaliin che anno e dove hai fatto i 3 giorni?comunque i 3 giorni non ci sono più
    • contento tu... scrive:
      Re: gia' schedati
      Contento tu...http://media.fistinglessons.com/galleries/611/image015.jpg
  • skywalker scrive:
    meta ideale
    "Il governo vuol dare del Giappone una immagine di meta ideale per il turismo".Proprio ideale come meta... Se non hanno piacere ad avermi, tanto che mi vogliono schedare, bene, un'altro paese depennato dalla lista dei futuri viaggi di piacere.Ne rimangono talmente tanti che non ce la farò comunque a visitarli tutti in questa vita...
    • csf scrive:
      Re: meta ideale
      - Scritto da: skywalker
      "Il governo vuol dare del Giappone una immagine
      di meta ideale per il
      turismo".

      Proprio ideale come meta... Se non hanno piacere
      ad avermi, tanto che mi vogliono schedare, bene,
      un'altro paese depennato dalla lista dei futuri
      viaggi di
      piacere.
      Ne rimangono talmente tanti che non ce la farò
      comunque a visitarli tutti in questa
      vita...già,anche io avrei voluto visitare il giappone prima di ogni altro paese ma alla luce di questi fatti per ora scatta il ban (tanto con lo stipendio sega che ho, ho teeeeeeeeeempo x aspettare!! :D)quindi ban a:USA, Uk, Australia, Giappone, Israele di sicuro..e forse altri!
    • Sax scrive:
      Re: meta ideale
      A me non sembra un grosso problema...che cosa c'è da nascondere?Le impronte le prendono anche qui agli stranieri...io non ci vedo tutto questo fastidio.Poi conoscendo l'efficienza jappo ci metteranno sicuramente 1/10 del tempo che ci metterebbero da noi.Francamente da qui a dire che il Giappone è inospitale per un motivo cosi futile...non è che ce ne è qualcun altro?
      • Number 6 scrive:
        Re: meta ideale
        L'unico motivo reale che vedo per boicottare il Giappone è che trattano male Hayden Panettiere.Salviamo la cheerleader, salviamo il mondo.
      • Gatto Selvaggio scrive:
        Re: meta ideale
        Uccidono balene, e senz'altro non tutti saranno d'accordo. Ogni tipo di schedatura è sempre rivolta ai dissidenti, non alla maggioranza omogeneizzata.
  • Shpalman scrive:
    Rischedatura anche in USA
    Scrivo dagli USA, dove mi trovo per un lavoro di 8 mesi.- Per ottenere il visto L1, ti vengono prese le impronte digitali presso l'ambasciata/consolato competente;- Una volta in USA, per passare la dogana, ti viene scattata una foto e vengono prese nuovamente le impronte digitali;- Siccome mio figlio non e' stato bene, sono rientrato in Germania, dove risiedo. Poi sono tornato in USA. Ovviamente mi hanno preso, per la terza volta, le impronte digitali ed hanno scattato ancora le foto;- Sono appassionato di volo ed essendo in possesso di un brevetto di pilota privato, ho chiesto di poter volare. Sono in attesa che mi vengano prese le impronte digitali (e 4).- A Natale rientrero' in Germania, poi tornero' qui.... e saranno 5!
  • Santos-Dumont scrive:
    Fa nulla
    Qui è pieno di giapponesi, non ho bisogno di attraversare l'oceano per vederne "on air".Arigatò, sarabà. (cylon)
    • Tsukishiro Yukito scrive:
      Re: Fa nulla
      - Scritto da: Santos-Dumont
      Qui è pieno di giapponesi, non ho bisogno di
      attraversare l'oceano per vederne "on
      air".
      Arigatò, sarabà. (cylon)Si scrivono senza gli accenti.Eppoi saraba fa tanto anime anni Settanta... ma c'è ancora chi lo usa?...
      • Santos-Dumont scrive:
        Re: Fa nulla
        - Scritto da: Tsukishiro Yukito
        - Scritto da: Santos-Dumont

        Qui è pieno di giapponesi, non ho bisogno di

        attraversare l'oceano per vederne "on

        air".

        Arigatò, sarabà. (cylon)

        Si scrivono senza gli accenti.
        Eppoi saraba fa tanto anime anni
        Settanta... ma c'è ancora chi lo
        usa?...Scusa, ma se fai la "translitterazione" (termine corretto nel caso di ideogrammi...?) senza accenti, come fai a sapere qual é la vocale tonica?E' la stessa confusione in cui incorrono (a ragione) gli studenti stranieri di lingua italiana. Hai un bel spiegargli che bisogna imparare a memoria (e a orecchio) a distinguere tra ossitone, parossitone e proparossitone. Ma... presumo che saraba (o sarabà) sia una parola d'uso comune, o no? ;) Non ho mai studiato giapponese, quelle quattro parole in croce le ho dedotte dal contesto.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 novembre 2007 15.41-----------------------------------------------------------
  • bt scrive:
    Oplà!
    Altro paese che finisce nella lista dei Paesi non grati assieme agli Stati uniti d'america...
    • Gatto Selvaggio scrive:
      Re: Oplà!

      Altro paese che finisce nella lista dei Paesi
      non grati assieme agli Stati uniti
      d'america...Mi hai preceduto.Un altro paese in cui dover fare a meno di andare.
      • Get Real scrive:
        Re: Oplà!
        Fa niente.Non hanno bisogno dei tuoi 4 euri.Il Giappone è un'importante meta per businessmen di mezzo mondo. Può permetterselo.E comunque, presto o tardi, sarà così comunque. Forse non ne sei al corrente, ma l'UE rileverà i dati di TUTTI i passeggeri aerei, solo per farti un esempio.Il controllo totale sulle nostre vite è inevitabile e lo è stato dal momento che la tecnologia l'ha reso possibile.
        • Santos-Dumont scrive:
          Re: Oplà!
          - Scritto da: Get Real
          Fa niente.

          Non hanno bisogno dei tuoi 4 euri.

          Il Giappone è un'importante meta per businessmen
          di mezzo mondo. Può
          permetterselo.

          E comunque, presto o tardi, sarà così comunque.
          Forse non ne sei al corrente, ma l'UE rileverà i
          dati di TUTTI i passeggeri aerei, solo per farti
          un
          esempio.

          Il controllo totale sulle nostre vite è
          inevitabile e lo è stato dal momento che la
          tecnologia l'ha reso
          possibile.Ecco perché mi sento di consigliare a tutti il trasferimento in questo país tropical, abençoado por deus e bonito por natureza , dove per ora si sfugge al grande fratello mondiale (marchio registrato NWO). mal che vada, putacaso arrivasse anche qui l'Amazzonia e le inviolabili zone indigene (siano benedetti i fratelli Vilas Boas) sono dietro l'angolo come ultimo rifugio.
    • Taddeo scrive:
      Re: Oplà!
      Hai perfettamente ragione :(Peccato, mi sarebbe piaciuto visitarlo ...
Chiudi i commenti