Firefox, le novità della 52

Mozilla rilascia un corposo aggiornamento per il suo browser. Che taglia le NPAPI e introduce il supporto al WebAssembly

Roma – Mozilla ha voluto dare una nuova spinta al proprio software di punta Firefox con un corposo aggiornamento . Questa nuova versione non si limita ai soli aggiornamenti di sicurezza ma aggiunge diverse novità e si accaparra un piccolo primato: Firefox è il primo browser a supportare il WebAssembly.


Questa cinquantaduesima iterazione del famoso browser porta con se il supporto al WebAssembly , un nuovo standard che permetterà agli sviluppatori di dare una nuova linfa vitale al Web. Al momento il principale strumento per creare un web dinamico è il Javascript, dialetto del ECMAScript, che soffre di un unico grande problema: ovvero la velocità d’esecuzione. Questo linguaggio, a differenza di altri, non ha uno standard di compilazione a bytecode per cui il codice viene prima interpretato e solo in seguito eseguito dal browser.

Il WebAssembly, seguendo i principi già visti in Asm.js , vuole essere quindi un alternativa compilata, veloce e stabile ai contenuti dinamici del Web. Si potrà quindi compilare, grazie a compilatori come Emscripten , alla stregua di come si possono compilare codice C, C++ e Rust, trasformando tutto in un formato binario facile da distribuire e sopratutto da eseguire. Il WebAssembly darà la possibilità di sviluppare e rendere disponibili applicazioni complesse come videogiochi 3D, sistemi CAD, applicazioni per montaggio video e ritocco fotografico e software di visualizzazione scientifica.

In questa versione del browser, per questioni di sicurezza e prestazioni, verranno inoltre disabilitati tutti i plugin che fanno uso della Netscape Plugin API (NPAPI), rompendo così la compatibilità con alcune estensioni , fatta eccezione per Flash che continuerà ad essere presente.
Gli sviluppatori di Chrome avevano cessato il supporto alla NPAPI già nel settembre del 2015, nella versione 42.

Infine non sono da dimenticare l’introduzione del Grid Inspector, un tool che permetterà l’analisi di questo elemento dei CSS, l’introduzione delle funzionalità asincrone all’interno del linguaggio Javascript, l’aggiunta di alcune semplificazione per l’accesso ai captive portal e segnalerà all’utente, nei campi nome utente e password, tutte quelle pagine non sicure che non vengono cifrate attraverso il protocollo HTTPS.

Pasquale De Rose

fonte immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • lupino scrive:
    privacy enhanced
    Jetson TX2 porta potenti funzionalità di IA sui dispositivi locali rendendo possibile spiare ancora meglio gli utenti.In alternativa, visto che non sono un complottista, potrebbe essere che le aziende rinuncino alla mole di dati personali degli utenti, in favore di una migliore privacy e autonomia degli stessi.Ma a quest'ultima ipotesi non darei molto credito.Homo homini lupus...
  • Dumah Brazorf scrive:
    Competizione...
    ... mi chiedo in che modo questa soluzione da +500$ sia in competizione col Raspberry Pi Zero che ne costa 10...
    • Pensieroso scrive:
      Re: Competizione...
      - Scritto da: Dumah Brazorf
      ... mi chiedo in che modo questa soluzione da
      +500$ sia in competizione col Raspberry Pi Zero
      che ne costa
      10...non lo e' nessuno sano di mente la metterebbe in competizione una scheda 10 con una da 500 il problema e' capire per quale scopo la devo comprare
    • ... scrive:
      Re: Competizione...
      - Scritto da: Dumah Brazorf
      ... mi chiedo in che modo questa soluzione da
      +500$ sia in competizione col Raspberry Pi Zero
      che ne costa
      10...il carretto del fruttivendolo non e' in competizione con una ruspa, per il semplice fatto che sono pensate e usate per ambiti diversi.
Chiudi i commenti