Fisco italiano in tilt

Blackout per Sogei, la società che offre i servizi informatici alle agenzie fiscali. Problemi per la Dogana, il gioco d'azzardo online, la certificazione di malattia ed i servizi del Ministero dell'Economia

Roma – La Società Generale d’Informatica S.p.A. (Sogei), l’azienda che offre i servizi ICT alle agenzie fiscali italiane, ha registrato un lungo blackout a partire dalle 5 di mattina di ieri notte: non è stato sufficiente neanche l’intervento dell’ACEA, chiamata per risolvere tempestivamente la situazione che si supponeva legata ad un guasto della rete elettrica.

Di conseguenza per 14 ore uffici e strutture pubbliche facenti capo al ministero dell’Economia e delle Finanze sono stati fuori servizio . Con buona pace dei cittadini in fila, cui sia l’agenzia delle Entrate che quelle delle Dogane e dei Monopoli hanno riferito che “a causa di problemi tecnici della Sogei non è stato possibile accedere al sito Internet dell’agenzia né chiamare il call center”.

Tra le scadenze a rischio a causa dei ritardi provocati dal malfunzionamento la trasmissione degli elenchi Intrastat al sito delle Dogane : la deadline era prevista per ieri ma l’agenzia competente l’ ha rinviata fino ad oggi.

Ad essere bloccata – nelle regioni dove il servizio è attivo – anche la possibilità di certificazione di malattia online per la ricetta elettronica , in quanto il servizio è gestito attraverso la piattaforma Ts Sogei: medici e pazienti sono dovuti tornare al vecchio sistema di ricettari bianchi con relativa copia inviata all’INPS.

Problemi , infine, anche per i siti per le scommesse online che “a causa di problemi nella comunicazione con il sistema di controllo di AAMS” (gestito sempre da Sogei per conto dell’Agenzia delle entrate) hanno dovuto bloccare le giocate in euro .

Ora che il blackout è stato risolto rimane il dubbio sulle cause: Sogei non ha divulgato alcun comunicato , lasciando spazio alle supposizioni degli osservatori che puntano sulla recente introduzione da parte dell’azienda di una nuova infrastruttura informatica “SID” (Sistema di interscambio Dati). Le uniche indicazioni offerte rilanciano l’ipotesi del guasto elettrico, ma mancano dettagli precisi sulla dinamica dell’accaduto.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • MacGeek scrive:
    Norme
    Ci sono norme ben specifiche sulla movimentazione manuale dei carichi (MMC). Un'azienda come Amazon immagino le rispetti, altrimenti qualche bella multona se la prende tutta. E queste norme sono europee, quindi valgono dappertutto in Europa.Poi, quello che dice un giornalista ignorante, lascia il tempo che trova... Se ha degli elementi per pensare che Amazon sia fuori norma, basta che denuncia Amazon all'equivalente della nostra ASL locale. Le aziende grandi sono sempre le più controllate (e quindi rispettose delle norme). Più facile che i problemi li trovi in quelle piccole.
  • Alfredo scrive:
    la colpa è delle agenzie interinali
    ecco il perché le agenzie interinali vanno boicottate!
  • sbrotfl scrive:
    33 secondi
    Ammazza! 33 secondi per un prodotto?? E lo scanner emette un bip ogni 33 secondi!!!Ho come l'impressione che l'amico che scrive certe XXXXXte non abbia mai lavorato :)
  • mikronimo scrive:
    Tempesta in un bicchiere d'acqua
    Bisognerebbe vedere le condizioni in Germania, ma la descrizione fatta (orari eccessivi: cioè? km fatti: e allora? Lavoro notturno: normalissimo e lo fanno anche i giornalisti), crea il solito punto di vista negativo senza spiegare bene il contesto; non difendo amazon (non difendo mai nessuna azienda per principio; sono a scopo di lucro e poco o molto sfruttano il lavoratore e fino a che l'economia sarà capital/consumistica nulla cambierà), ma critico il taglio dato alla notizia.
    • domanda scrive:
      Re: Tempesta in un bicchiere d'acqua
      ....
    • Gabriele scrive:
      Re: Tempesta in un bicchiere d'acqua
      - Scritto da: mikronimo
      Bisognerebbe vedere le condizioni in Germania, ma
      la descrizione fatta (orari eccessivi: cioè? km
      fatti: e allora? Lavoro notturno: normalissimo e
      lo fanno anche i giornalisti), crea il solito
      punto di vista negativo senza spiegare bene il
      contesto; non difendo amazon (non difendo mai
      nessuna azienda per principio; sono a scopo di
      lucro e poco o molto sfruttano il lavoratore e
      fino a che l'economia sarà capital/consumistica
      nulla cambierà), ma critico il taglio dato alla
      notizia.Basta andare a leggere i documenti originali: 10 ore di notte con 1 di pausa e circa 11 miglia percorse.A me pare che una paga di sole 7 sterline/ora sia inaccettabile.Gabriele
  • Picchiatell o scrive:
    Ci sono....
    Ci sono situazioni NEL NOSTRO paese che 33 secondi per un "bip" te li sogni....E lavori magari in contratto continuativo od in nero.....senzamalattia ferie o quanto altro....Comodo sempre parlare di quello che fanno gli altri...Certi articoli sui giornali sono fomentati dalla concorrenza delle catene di negozi che gia' soffrono i prezzi e la qualita' di amazon ed altri....l
  • giornalista pagliaccio scrive:
    ma che vada
    a farsi un giro in un cantiere prima di abbaiare luoghi comuni e XXXXXXXte!!!!
  • panda rossa scrive:
    Chissene frega!
    E chissene frega!! Basta che io paghi qualche euro di meno un prodotto, poi i lavoratori possono anche morirci!
    • Izio01 scrive:
      Re: Chissene frega!
      - Scritto da: panda rossa
      E chissene frega!! Basta che io paghi qualche
      euro di meno un prodotto, poi i lavoratori
      possono anche morirci!Guarda le condizioni in cui lavorano le cassiere di un supermarket (variano parecchio da catena a catena) prima di sparare sul lavoro di un magazziniere.
  • Surak 2.0 scrive:
    vabbe'...
    ... un giornalista che si trovi a studiare dei lavori veri è ovvio che gli sembreranno comunque assurdi.E' chiaro che se devi spostarti da l'eventuale scaffale della tua zona aventi e dietro, in tot ore accumuli km, ma non è nè logico nè interesse di un magazzino far fare km per un solo pacco.Di solito arriva una lista di cose da prendere nella propria zona e sono indicate secondo la posizione più vicina. In pratica i primi oggetti li hai davanti e ci metti frazioni di secondo, per arriavre in fondo magari un paio di minuti, la media i 30 secondi.Il bip meccanico (chi ha scritto meccanico? Cos'è un bip del Carillon?) dello scanner è facile immagina che sia il lettore del codice a barre che riconosca e confermi l'oggetto. Leggere numeri e riportarli a penna, sarebbe molto più dannose e stressante.Insomma... magari ci sono eccessi, ma i giornalsiti sono gli ultimi che possano parlare di lavoro... spesso non hanno mai lavorato
    • vituzzo scrive:
      Re: vabbe'...
      I giornalisti fanno i giornalisti. Bisogna studiare tanto e passare gli esami di abilitazione.Tu hai mai provato a fare il giornalista?Quei rarissimi giornalisti che scelgono di provare a fare reportage sulle condizioni di lavoro altrui sono veramente coraggiosi.Mica sono tutti come Bruno Vespa, eh!
      • ... scrive:
        Re: vabbe'...
        - Scritto da: vituzzo
        I giornalisti fanno i giornalisti. Bisogna
        studiare tanto e passare gli esami di abilitazione.aaah, ora capisco il perche' della bassa qualita' di punto iunformatico.Sospetto che la selezione sia stata "apri la finestra e chiama su il primo che passa".
        • vituzzo scrive:
          Re: vabbe'...
          Non è che qualcuno ti costringa a leggere gli articoli che vedi qui.La rete è piena di siti!
          • krane scrive:
            Re: vabbe'...
            - Scritto da: vituzzo
            Non è che qualcuno ti costringa a leggere gli
            articoli che vedi qui.
            La rete è piena di siti!Ma infatti chi li legge gli articoli ? Qua si viene a trollare !!!! (rotfl)
          • ... scrive:
            Re: vabbe'...
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: vituzzo

            Non è che qualcuno ti costringa a leggere gli

            articoli che vedi qui.

            La rete è piena di siti!

            Ma infatti chi li legge gli articoli ?non certo io: da quando e' stato tutto fagocitato da edizioni master, di sto posto non e' rimasto nulla e gia prima non e' che brillasse. Oddio, quancosina ancora c'e, ma per avere info attendibili passo a tomshw o vado alla fonte, qui per troppe volte hanno dimostrato di fare traduzioni "fantasiose".
            Qua si viene a trollare !!!! (rotfl)esatto :D
          • krane scrive:
            Re: vabbe'...
            - Scritto da: ...
            - Scritto da: krane

            - Scritto da: vituzzo


            Non è che qualcuno ti costringa a


            leggere gli articoli che vedi qui.


            La rete è piena di siti!

            Ma infatti chi li legge gli articoli ?
            non certo io: da quando e' stato tutto fagocitato
            da edizioni master, di sto posto non e' rimasto
            nulla e gia prima non e' che brillasse.E allora... Perche' fai domande di cui conosci la risposta ?
            Oddio, quancosina ancora c'e, ma per avere
            info attendibili passo a tomshw o vado alla
            fonte, qui per troppe volte hanno dimostrato
            di fare traduzioni "fantasiose".

            Qua si viene a trollare !!!! (rotfl)
            esatto :D
          • ... scrive:
            Re: vabbe'...
            - Scritto da: krane
            - Scritto da: ...

            - Scritto da: krane


            - Scritto da: vituzzo



            Non è che qualcuno ti costringa a



            leggere gli articoli che vedi qui.



            La rete è piena di siti!



            Ma infatti chi li legge gli articoli ?


            non certo io: da quando e' stato tutto
            fagocitato

            da edizioni master, di sto posto non e'
            rimasto

            nulla e gia prima non e' che brillasse.

            E allora... Perche' fai domande di cui conosci la
            risposta
            ?perche la domanda l'ha fatta "vituzzo" alla quale io, "..." ho risposto.D'accordo non leggere gli articoli, ma almeno il nome dei postatori :)
          • ... scrive:
            Re: vabbe'...
            - Scritto da: vituzzo
            Non è che qualcuno ti costringa a leggere gli
            articoli che vedi
            qui.
            La rete è piena di siti!ma solo qui si unisce la nobile arte del circo al servilismo, il commercio e lo stravolgimento della verita': ti par poco?tiattiattiara tiaratiattiattiara.... galimberti sul motociclo, che urla a squarciagola "apple is the best!", annunziata coi piedoni, il naso rosso, il martellone di gomma che dice "noi siamo seri e imparziali" e il pubblico giu a ridere... Negli anni hanno messo su un spettacolo mica male: grottesco ma interessante se piace il genere.
      • giornalista pagliaccio scrive:
        Re: vabbe'...
        ABBAIA PURE QUANTO VUOI:I GIORNALISTI IN ITALIA SONO MORTI DA ANNI.ADESSO RIMANGONO GLI ZERBINI DEL POTENTE O DEL MARCHETTARO DI TURNO RIUNITI IN QUELL'ASSOCIAZIONE MAFIOSA CHE CHIAMATE "ORDINE",O SEMI-ANALFABETI CHE NON RIESCONO A SCRIVERE UN ARTICOLO SENZA FARE ERRORI.
Chiudi i commenti