Flash dentro i telefonini giapponesi

Flash dentro i telefonini giapponesi

Il gigante NTT DoCoMo sarà il primo operatore di telefonia al mondo ad integrare sui propri telefoni cellulari i-Mode un player Flash in grado di visualizzare contenuti grafici come mappe e giochi. Macromedia ipoteca anche il Web mobile
Il gigante NTT DoCoMo sarà il primo operatore di telefonia al mondo ad integrare sui propri telefoni cellulari i-Mode un player Flash in grado di visualizzare contenuti grafici come mappe e giochi. Macromedia ipoteca anche il Web mobile


Tokyo (Giappone) – Sposando Flash con la filosofia dei web service, negli ultimi due anni Macromedia ha cercato di espandere la propria tecnologia verso una più vasta gamma di piattaforme e dispositivi, come telefoni cellulari, PDA e altri dispositivi non-PC. Il primo grande risultato di questa strategia arriva dall'accordo con il gigante giapponese della telefonia mobile NTT DoCoMo per l'integrazione di Flash nella sua piattaforma i-Mode.

In base all'accordo, NTT DoCoMo sarà il primo operatore ad includere un player Flash nella sua prossima generazione di telefoni cellulari i-Mode, la serie 505i, e iniziare ad offrire ai propri utenti, verso la fine dell'anno, servizi basati sulla tecnologia di Macromedia: fra questi mappe topografiche, cartine meteo e giochi.

Il CEO di Macromedia, Rob Burgess, sostiene che la tecnologia Flash permetterà a NTT DoCoMo di fornire ai propri abbonati servizi dinamici basati, anziché su pagine di testo, su contenuti multimediali veloci da scaricare e consultabili anche offline. Flash, come noto, si basa infatti su grafica di tipo vettoriale, estremamente più leggera e comprimibile di quella bitmap e ideale per reti non particolarmente veloci, come i-Mode.

“L'interfaccia facile da usare di Flash – si legge in un comunicato di Macromedia – consentirà agli utenti di cliccare semplicemente sullo schermo per andare direttamente alle informazioni specifiche, eliminando in questo modo la necessità di navigare attraverso menù a più livelli”.

Per facilitare la creazione di contenuti per i dispositivi mobili, Macromedia ha integrato nell'ultima versione di Flash MX, l'ambiente di sviluppo per Flash, strumenti per adattare automaticamente i contenuti attuali ai vari formati di display, inclusi quelli utilizzati dai telefoni cellulari e dagli smartphone. Questo significa che gli operatori di telefonia mobile possono già contare su di un vasto parco di software e servizi scritti in Flash.

Flash è installato sul 98% dei PC al mondo, una percentuale di penetrazione che ne fa una delle applicazioni, se non la prima in assoluto, più diffusa nel mondo dei computer desktop. Ora Macromedia sta tentando di fare della propria tecnologia uno standard anche per il mercato mobile e un eventuale sostituto dello stesso HTML. A contrastare questi piani di conquista c'è soltanto lo Scalable Vector Graphics , uno standard promosso dal W3C per la descrizione di immagini e animazioni vettoriali. Lo scorso anno il W3C ha approvato come raccomandazione ufficiale le specifiche Mobile SVG Profiles, una versione dello standard pensato per i dispositivi mobili come telefoni cellulari e PDA.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

24 02 2003
Link copiato negli appunti