Flickr, etichette imbarazzanti

I tag applicati sulla base degli algoritmi di riconoscimento delle immagini suscitano l'indignazione di qualcuno. La piattaforma invita gli utenti ad aiutare il sistema ad affinarsi

Roma – Esseri umani classificati come scimmie e campi di concentramento come strutture sportive: il sistema di etichettatura automatico recentemente implementato da Flickr sta sollevando non poche perplessità presso la community degli utenti.

A mettere in luce alcune imbarazzanti imprecisioni è un articolo del Guardian : se si mostrano affidabili nel categorizzare gli elementi tecnici relativi alle immagini, i tag automatici applicati dagli algoritmi di Flickr ai contenuti caricati dagli utenti falliscono sui soggetti e gli oggetti ritratti.

Classificare uomini e donne come animali può rivelarsi un peccato di eccessiva approssimazione: meno giustificabile è la confusione con le scimmie. Ancora più imbarazzante, poi, ravvisare nel cancello del campo di concentramento di Dachau una “struttura per arrampicarsi” o qualche elemento che lo possa ricondurre alla categoria “sport”.

Da affiancare all’intelligenza collettiva umana della folksonomy , il riconoscimento automatico delle immagini è una sfida nella quale i colossi della tecnologia si stanno misurando con sempre maggiore interesse: i risultati, prevedibilmente, si vedranno sul lungo termine. Flickr avverte infatti che gli automatismi degli algoritmi saranno fallibili finché l’intervento dell’uomo non li addestri ad imparare: “è possibile rimuovere i tag non corretti dalle foto, e farlo non solo è un modo per correggere l’errore, ma aiuta ad impartire al sistema le istruzioni per agire in maniera più accurata in futuro”.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ephestione scrive:
    Ma poi cosa ci fanno?
    L'unica che mi viene in mente è rivendere i dati alle aziende farmaceutiche o chi per loro si occupa di pubblicità mirata... oppure chiedono un riscatto per distruggere i dati?
Chiudi i commenti