Flickr, foto recuperate

Sospiro di sollievo per l'utente che rischiava di dover provvedere a ricaricare le sue circa 4mila foto

Flickr finalmente ha trovato un modo per recuperare il materiale degli utenti i cui account sono stati erroneamente cancellati.

Mirco Wilhelm, alias bindermichi , si è visto così ripristinare gran parte del materiale caricato nell’arco di 5 anni e che sembrava ormai definitivamente perso a causa di un errore maldestro: in seguito ad una sua segnalazione di violazione di diritto d’autore, invece dell’account incriminato, Flickr aveva rimosso il suo.

Flickr ha annunciato di aver provveduto con successo al recupero del materiale erroneamente cancellato. A Wilhelm, poi, ha offerto non più solo 4 anni di abbonamento Pro gratuito, ma ben 25.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Uno scrive:
    Anni persi
    Quanda strada persa per colpa di una legge stupida.......
  • Pajonico scrive:
    eppur si muove...
    eppur si muove...
    • beccalossi scrive:
      Re: eppur si muove...
      ...si , le marchette si smuovono!Per potermi collegare in wifi devo sottostare ad una procedura diregistrazione che nemmeno Kafka se la sognava.Per favore non parliamo di wifi libero e smettiamola di farepropaganda a quel pallone gonfiato di zingaretti
      • Francesco_Holy87 scrive:
        Re: eppur si muove...
        Forse non sai, ma questo perchè vino al 31 Dicembre 2010 vi era il decreto Pisanu che imponeva il wifi pubblico solo dietro previa registrazione, questo, secondo lui, per "procedure antiterrorismo". Dal 1 Gennaio 2011 questo decreto è scaduto, quindi chi vuole è libero di mettere wifi libero senza password. Ovviamente c'è ancora chi non ha cambiato i protocolli...
        • Nome e cognome scrive:
          Re: eppur si muove...
          - Scritto da: Francesco_Holy87
          Forse non sai, ma questo perchè vino al 31
          Dicembre 2010 vi era il decreto Pisanu che
          imponeva il wifi pubblico solo dietro previa
          registrazione, questo, secondo lui, per
          "procedure antiterrorismo". Dal 1 Gennaio 2011
          questo decreto è scaduto, quindi chi vuole è
          libero di mettere wifi libero senza password.
          Ovviamente c'è ancora chi non ha cambiato i
          protocolli...a parte che la procedura di registrazione non è che fosse così complicata.. bisognava avere una sim, come da decreto, ma per il resto era una registrazione standard, come si fa sui forum o i negozi on line.
      • Valerio scrive:
        Re: eppur si muove...
        Beh almeno mi pare che fa qualcosa... O in Italia ormai si apprezza solo chi fa Bunga Bunga?
Chiudi i commenti