Formatori del Maghreb a lezione su Internet

La commissione europea avvia un programma di e-learning basato sulla piattaforma eXact. La speranza è creare formatori nell'IT. Ecco di cosa si tratta

Roma – E-learning per contrastare il deficit informatico che attanaglia i Paesi in via di sviluppo. È lo spirito alla base di Ete (Education and training for employment), progetto della Commissione europea destinato alla formazione di studenti, lavoratori e formatori dell’Africa Mediterranea. Un’iniziativa, basata sulla piattaforma di content learning management eXact , realizzata dall’italiana Giunti labs e aperta allo sviluppo e personalizzazione attraverso programmi open source.

Lo spirito dell’iniziativa
In una prima fase l’iniziativa coinvolgerà 150 formatori dell’Africa Mediterranea (Algeria, Tunisia, Marocco e Libia soprattutto): insegnanti delle scuole medie inferiori e superiori, docenti universitari e manager di enti di formazione pubblica e privata saranno impegnati in un programma di apprendimento via Internet destinato a far acquisire loro competenze nel campo delle tecnologie informatiche e della managerialità turistica. In seguito potrebbero partire iniziative simili per i formatori impegnati nella sanità e nell’ingegneria.

Per il momento, non sono ancora stati individuati in concreto “gli allievi” dei corsi: la Commissione europea è alle prese con lo screening delle candidature e con l’individuazione delle aree con maggiori bisogni formativi.

L’idea di puntare sui formatori non è casuale, si cerca di dar vita ad un effetto moltiplicatore . Una volta formati, i professionisti dell’e-learning potranno proporre altrettanti progetti di sviluppo della formazione via Internet nei rispettivi territori di azione. Ciascun programma dovrà essere tagliato sulle specificità del territorio, in termini di ricchezza di materie prime e deficit di professionalità. Potenzialmente, dunque, i destinatari su più livelli dell’iniziativa potranno superare il migliaio di unità.

Per il momento l’Unione ha predisposto un budget di 5 milioni di euro per avviare i programmi formativi, ma altri ne potrebbero arrivare entro il 2007, quando il progetto assumerà contorni più concreti. I contenuti sono stati progettati in modo da poter essere erogati sia attraverso format tradizionali (Dvd, Cd-Rom, Web), sia utilizzando le tecnologie wireless (per mezzo di palmtop o computer wearable).

Il progetto è coordinato dalla European Training Foundation , l’agenzia europea attiva nello sviluppo di sistemi di formazione per i paesi partner dell’Unione europea. L’iniziativa è inserita nel quadro della Collaborazione Euro-Mediterranea (i cui principi sono contenuti nella Dichiarazione di Barcellona), che ha identificato nella formazione scolastica e nel training professionale gli strumenti ideali per facilitare lo sviluppo economico e sociale dell’Africa Mediterranea.

Le specifiche tecniche
Giunti Labs, divisione new media ed e-learning del gruppo Giunti editore, fornisce l’infrastruttura tecnologica del progetto. La società torinese ha messo a punto “eXact”, piattaforma che abbraccia l’intero processo di produzione dei contenuti (creazione, gestione, verifica) e di trasmissione degli stessi su diverse piattaforme informatiche, basandosi su XML, Learning Objects e le specifiche internazionali IMS e SCORM.

L’ultima versione, identificata con il numero 4, sviluppa la piattaforma base prevedendo funzioni specifiche come la configurazione delle modalità operative, l’editor web dei learning objects e introducendo un sistema per il workflow management. “Il prodotto è stato pensato per adeguarsi alle diverse tecnologie in uso nei vari paesi”, spiega a Punto Informatico Gian Mario Brega, pr manager della società. “Inoltre, pur trattandosi di una soluzione proprietaria, è progettata in modo da poter poi essere sviluppata nei singoli progetti che nasceranno nel medio termine attraverso soluzioni open source”.

EXact possiede funzionalità di “versioning”, dunque differenti versioni concorrenti dello stesso contenuto possono essere gestite e sviluppate su diversi standard o piattaforme. Senza l’utilizzo di una connessione permanente a Internet è possibile effettuare il tracciamento e l’erogazione anche con Cd-Rom e Dvd. Il tracciamento delle performance dell’utente è effettuata off line, con la possibilità di trasmettere i dati registrati alla piattaforma learn eXact remota nel momento in cui si renda disponibile la connessione web. Queste tecnologie si integrano con “eXact mobile”, piattaforma che permette di creare ed erogare contenuti standard su dispositivi mobili come Blackberry e smartphone.

Luigi dell’Olio

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Ma andate a lavorare..
    voi e la copia privata !! roba da matti
  • uguccione500 scrive:
    Certo che...
    Certo che se ai produttori dare due copie della stessa opera non gli costa veramente un cacchio, è pura cattiveria verso l'utente non farlo...e un'incitazione alla pirateria senza eguali!
    • Anonimo scrive:
      Re: Certo che...
      Equivarrebbe a dividere il prezzo a metà no? 2 copie, 2 acquirenti (2 amici)...certo che siete furbi!
    • Anonimo scrive:
      Re: Certo che...
      Sentite un pò (e non fatemi arrabbiare): Io sono il padrone di tutte quelle che chiamate major. Ciò messo una vita a mettere K.O. tutti i veri artisti (visto che erano troppo ...artisti, e poco controllabili. Quei quattro stupidi bellocci che ciò ora... Tanto a voi va bene tutto!), e un'altra vita a convincervi che dovete pagare e stare zitti.Ora, non so come, vi va di alzare la testa.Dare retta a me: le cose vanno bene così.Io ho la mia piscina da 26 Kmq, quindi non vedo cosa abbiate da lamentarvi, le canzoni che vi propiniamo sono canzoni che vi piacciono visto che sono tutte copie di copie di copie di canzoni di successo, e lo sono anche quando sono nuove, quindi...Se sbavate davanti a programmi come il grande fratello, e votate per gente che vi tratta come schiavi, non vedo perchè dobbiate farvi problemi a farvi prendere in giro da me. Che, sono più stupido dei vostri politici io?!?!Che, mi volete far venire complessi?Su, e andate a comprare qualcosa così vi rallegrate la giornata.
  • Anonimo scrive:
    e se io possiedo già l'opera?
    e se io ho già, poniamo il caso, un vinile, e compro anche il cd (come più volte ho fatto) perchè dovrei pagare di nuovo i diritti per l'opera?E' una domanda che mi faccio da parecchi anni ormai...
  • Anonimo scrive:
    scusate l'ignoranza
    su ogni dvd che acquisto c'è un disclaimer che ne vieta la copia a uso privato ivi compreso un logo anticopia stampato sulla confezione, così come un messaggio di avvertimento che la copia personale è un reato penalese la legge italiana dall'art. 71sexies, comma 4, l.d.a dice che la copia personale è permessa o quantomeno un diritto esplicito alla persona che ne fa uso, perchè l'authority dell'antitrust non interviene visto che tali messaggi sono intimidatori e non rispettano la legge visto che per disincentivare danno una cattiva informazione?
    • Anonimo scrive:
      Re: scusate l'ignoranza
      $$$
    • teddybear scrive:
      Re: scusate l'ignoranza
      - Scritto da:
      se la legge italiana dall'art. 71sexies, comma 4,
      l.d.a dice che la copia personale è permessa o
      quantomeno un diritto esplicito alla persona che
      ne fa uso, perchè l'authority dell'antitrust non
      interviene visto che tali messaggi sono
      intimidatori e non rispettano la legge visto che
      per disincentivare danno una cattiva
      informazione?Perchè è un regolamento, e come tale, se in contraddizione con la legge vigente, è come se non ci fosse. Purtroppo non c'è alcuna legge che vieta di redigere dei regolamenti in contraddizione con la legge e pertanto invalidi in molti punti.Ci sono spesso, ad esempio, nei supermercati dei cartelli del tipo "non si effettuano cambi merce al sabato". Eppure il tutto è irregolare. Se il decimo giorno scade il sabato, è tuo pieno diritto esigere il cambio merce, se giustificato anche se in palese contraddizione con i regolamenti affissi.
  • Anonimo scrive:
    Hanno un sito / blog ?
    I 3 in questione hanno un sito/blog?Quale? Mi piacerebbe fargli una donazione.NB I soldi li recupero questa sera: aperitivo al Living di Milano (Arco della Pace), locale famoso per dimenticarsi spesso e volentieri di fare gli scontrini fiscali. Mangio a scrocco e non bevo niente... e gli 8 euro risparmiati li dono!
    • teddybear scrive:
      Re: Hanno un sito / blog ?
      - Scritto da:
      I 3 in questione hanno un sito/blog?
      Quale? Mi piacerebbe fargli una donazione.

      NB I soldi li recupero questa sera: aperitivo al
      Living di Milano (Arco della Pace), locale famoso
      per dimenticarsi spesso e volentieri di fare gli
      scontrini fiscali. Mangio a scrocco e non bevo
      niente... e gli 8 euro risparmiati li
      dono!Otto euro per un aperitivo? Alla faccia, e poi dicono che 14 euro per un CD di buona musica sono eccessivi!
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno un sito / blog ?
        Beh l'aperitivo dei locali milanesi praticamente e' una cena in trattoria....puoi prenderti anche un solo cocktail e poi stare 2 ore a mangiare....
      • Anonimo scrive:
        Re: Hanno un sito / blog ?

        Otto euro per un aperitivo? Alla faccia, e poi
        dicono che 14 euro per un CD di buona musica sono
        eccessivi!Diciamo che a milano gli afterbusiness si dividono in due grossi filoni:1) frequentati da milanesi falsi ricchi e brianzoli volgarmente ricchi (SUV a rate/leasing, felpe cinesi da 1 pagate 200) Si servono superalcolici scadenti a 8 senza fare scontrini fiscali. La clientera rimane in piedi sul marciapiede con il suo bel bicchiere in mano, a disposizione un ricco buffet di roba salatissima così il brianzolo fa tre consumazioni tre. Tipici esempi i locali di CorsoSempione, vedi il citato Living.2) frequentati da milanesi ricchi (bicicletta di design che costa più del SUV, felpe italiane da 3euro comprate al mercato per 4) e per fortuna nessun brianzolo. Si serve vino decente a 4 e gli scontrini si fanno sempre. Clienti su comodi divani a disposizione, buffet raffinato con frutta e pinzimonio a volontà.Tipico esempio il CuboLungoNB Ci sarebbero anche le zone da sfigato (vedi corso como) ma visto che non le frequento :) non saprei dare dettagli utili.
  • Anonimo scrive:
    Petizione online
    Se leggeranno queste mie righe e visto l'impegno che stanno portando avanti (io purtroppo pur essendo daccordo con loro non ho ne il tempo ne le risorse per farlo in prima persona, lo so che è debolina come scusante, ma è così..), chiederei a Claudio Barbieri, Margherita Duranti e Andrea Giacomel di prendere in considerazione anche di attivare una petizione online nello stile di quella fatta per le maggiorazioni sulle ricariche telefoniche, che qualche tempo fa ha avuto una certa risonanza e ha fatto smuovere anche qualche politico.Igor
    • Angelone scrive:
      Re: Petizione online
      Le petizioni online non servono.Ci vuole solo il tempo libero di qualche avvocato toccato in prima persona dal disagio.
  • pomata scrive:
    La cosa ha del grottesco!
    Questi signori dovrebbero capire che tutto ciò li sta portando verso il baratro e non di certo verso la direzione che originariamente si auspicavano, e cioè verso una diminuzione della pirateria con un conseguente aumento delle vendite degli originali. Un esempio lo ho avuto con un mio parente. Il genitore in questione, acquistava dvd originali in maggior parte di una nota casa cinematografica che produce film per bambini. Questi regolarmente ne effettuava una copia per il semplice fatto che i suoi pargoli provvedevano in modo autonomo ad inserire ed estrarre i supporti nel loro lettore dvd, per cui l'originale non passava mai per le mani dei bimbi pena l'immediata distruzione entro pochi giorni, difatti, le copie di uno stesso film, venivano ripetute con regolarità anche un paio di volte al mese in virtù del fatto che ognuna di esse aveva vita breve, graffi, supporto finito sotto l'armadio ecc. Un bel dì, il nostro genitore, comincia a trovare difficoltà nell'effettuare copie delle ultime uscite, a causa delle nuove protezioni introdotte, e a questi si aggiunge anche la beffa, difatti gli originali venivano mal digeriti anche dai tre lettori dvd presenti in casa, due di gran marca e uno, di poche decine di , quest'ultimo, situato nella camera dei bambini, dopo un primo rifiuto, gestisce il supporto senza difficoltà!?Conclusione, questa persona si è trovata costretta, negli ultimi tempi, ad acquistare ben tre film piratati perchè gli omonimi originali avevano difficoltà di copia e anche nella visualizzazione.
    • Anonimo scrive:
      Re: La cosa ha del grottesco!
      E' successo anche a me con un film noleggiato di recente.Premesso che il mio lettore DVD legge anche l'illeggibile, per vedermi questo film l'ho dovuto copiare.E mi è anche accaduto con un film acquistato (9,90 Euro, che a pensarci non sono bruscolini)Quindi o dichiarano quali lettori sono compatibili, e quindi io posso non comprare il film in qaunto non ho l'attrezzatura idonea alla visione, oppure rifondono i soldi.Ma invece si comportano moooolto peggio dei cosiddetti pirati (chi?) che dicono di volere combattere.
      • Anonimo scrive:
        Non sono DVD...
        - Scritto da:
        Premesso che il mio lettore DVD legge anche
        l'illeggibile, per vedermi questo film l'ho
        dovuto
        copiare.Era la notizia di un anno fa: il consorzio che tutela il marchio DVD voleva impedire l'uso del marchio stesso sui dischi che, implementando tecniche fuori standard per impedire la copia, di fatto non rispettavano pienamente lo standard e non erano leggibili da tutti i DVD player.Ovviamente hanno poi fatto poco o nulla, impediti dalle loro stesse industrie (rappresentate nel consorzio, non a caso).
        Quindi o dichiarano quali lettori sono
        compatibili, e quindi io posso non comprare il
        film in qaunto non ho l'attrezzatura idonea alla
        visione, oppure rifondono i
        soldi.Rifondono i soldi. O almeno è un tuo diritto, visto che loro non rispettano perfettamente lo standard DVD; non è detto che tu riesca a farlo valere, però. Fare i bulli con i clienti è la più semplice strada percorsa da molti rivenditori, tanto sanno che fargli causa per 20-30 euro non conviene.
      • Anonimo scrive:
        Re: La cosa ha del grottesco!

        Ma invece si comportano moooolto peggio dei
        cosiddetti pirati (chi?) che dicono di volere
        combattere.Ripeti con me: chi ha i soldi vince SEMPRE.Chi ha i soldi ha ragione, SEMPRE.Chi non li ha, e si mette contro chi ne ha e tanti, é morto. SEMPRE.
  • Anonimo scrive:
    OCCHIO x OCCHIO
    A parte il fatto che la copia personale si puo' fare, dice la legge, purche' per farlo non si debbano scavalcare le protezioni, dobbiamo essere un po' obiettivi.Ok, io sono d'accordo che tuttavia i sistemi DRM non ci permettono la copia privata, quindi o si mettono nella confezione due copie del CD che contiene DRM, ed in quel caso la copia privata non e' necessaria, oppura si vieta il DRM perche' il consumatore non puo' fare la copia privata. Pero' in questo ultimo caso, visto che le case discografiche non si possono piu' tutelare contro la pirateria, bisogna fare azioni antipirateria a tappeto, ma non all'italiana. Bisogna per davvero combattere la pirateria, sia online e sia offline.Poi a questi che hanno fatto la denuncia, io la accetterei solo dopo aver fatto un bliz a loro insaputa e vedere se nelle loro case hanno un qualcosa di illegale. Solo se non hanno niente, si potrebbe procedere con la causa, altrimenti qui si predica solo, ma si razzola male, MA MOLTO MALE.
    • Anonimo scrive:
      Re: OCCHIO x OCCHIO
      Imparati le regole del diritto:anche il peggior piratone può procedere contro chi ritiene autore di un comportamento lesivo dei propri diritti senza dover svuotare le proprie tasche prima (giustificare eventuali proprie responsabilità).Saranno i soggetti accusati a rivolgere una querela contro il piratone se lo ritengono tale.In ogni caso, i procedimenti rimangono distinti e separati. Non è necessario essere delle verginelle candide per denunciare gli illeciti, altrimenti non si muoverebbe foglia.Te capì, testun!
      • Anonimo scrive:
        Vai a studiare
        - Scritto da:
        Imparati le regole del diritto:
        anche il peggior piratone può procedere contro
        chi ritiene autore di un comportamento lesivo dei
        propri diritti senza dover svuotare le proprie
        tasche prima (giustificare eventuali proprie
        responsabilità).
        Saranno i soggetti accusati a rivolgere una
        querela contro il piratone se lo ritengono
        tale.
        In ogni caso, i procedimenti rimangono distinti e
        separati. Non è necessario essere delle
        verginelle candide per denunciare gli illeciti,
        altrimenti non si muoverebbe
        foglia.

        Te capì, testun!
        Vai a studiare vai, il giudice in via equitativa somma crediti e debiti e tira le somme.Cioe' se tu in sede civile devi risarcire 10 mila euro alla persona da cui hai ricevuto un danno di mille euro, in totale tu devi sborsare 9 mila euro.Discorso diverso per reti penali.Ehi linaro, ma vai a giocare con il mulo, vai.
        • Anonimo scrive:
          Re: Vai a studiare
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Imparati le regole del diritto:

          anche il peggior piratone può procedere contro

          chi ritiene autore di un comportamento lesivo
          dei

          propri diritti senza dover svuotare le proprie

          tasche prima (giustificare eventuali proprie

          responsabilità).

          Saranno i soggetti accusati a rivolgere una

          querela contro il piratone se lo ritengono

          tale.

          In ogni caso, i procedimenti rimangono distinti
          e

          separati. Non è necessario essere delle

          verginelle candide per denunciare gli illeciti,

          altrimenti non si muoverebbe

          foglia.



          Te capì, testun!



          Vai a studiare vai, il giudice in via equitativa
          somma crediti e debiti e tira le
          somme.

          Cioe' se tu in sede civile devi risarcire 10 mila
          euro alla persona da cui hai ricevuto un danno di
          mille euro, in totale tu devi sborsare 9 mila
          euro.

          Discorso diverso per reti penali.

          Ehi linaro, ma vai a giocare con il mulo, vai.Non c'era alcun bisogno di offendersi a vicenda su un argomento nel quale avete ragione ambedue (forse il primo un po' più del secondo): X (il piratone) danneggia Y (le Majors) per un valore eqiparabile a V, ma non viene denunciato perchè Y ancora non ne ha conoscenza o quanto meno non ne ha le prove. A questo punto Y si abroga il diritto di danneggiare X per un valore R
        • xWolverinex scrive:
          Re: OCCHIO x OCCHIO
          SessantaQuacchio !(rotfl) Scusate ma e' stato piu' forte di me (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: OCCHIO x OCCHIO
            - Scritto da: xWolverinex
            SessantaQuacchio !

            (rotfl)

            Scusate ma e' stato piu' forte di me (rotfl)
            (rotfl) (rotfl) (rotfl) (rotfl)
            (rotfl)ladroncello, mi hai rubato l'idea!!!vabbè, era senza DRM...(rotfl)
        • Anonimo scrive:
          Re: OCCHIO x OCCHIO
          Cominciamo col fare un blitz a casa dei denunciati (le major) per vedere quanto hanno d'illegale (contabilità?, butto lì). E poi sì che ci divertiamo, secondo me...
          • Anonimo scrive:
            Re: OCCHIO x OCCHIO
            - Scritto da:
            Cominciamo col fare un blitz a casa dei
            denunciati (le major) per vedere quanto hanno
            d'illegale (contabilità?, butto lì). E poi sì che
            ci divertiamo, secondo
            me...Solo pero' dopo casa tua. :D
            • Anonimo scrive:
              Re: OCCHIO x OCCHIO
              - Scritto da:

              - Scritto da:

              Cominciamo col fare un blitz a casa dei

              denunciati (le major) per vedere quanto hanno

              d'illegale (contabilità?, butto lì). E poi sì
              che

              ci divertiamo, secondo

              me...


              Solo pero' dopo casa tua. :DE dopo che Giochi di Fantasia http://www.gdf.it/ ha dato una bella guardata al tuo computer :D
          • Anonimo scrive:
            Re: OCCHIO x OCCHIO
            - Scritto da:
            Cominciamo col fare un blitz a casa dei
            denunciati (le major) per vedere quanto hanno
            d'illegale (contabilità?, butto lì). E poi sì che
            ci divertiamo, secondo
            me...Un assegnuccio o una "donazione" a chi di dovere e tutto finisce in gloria. Chi ha denunciato, in compenso, scende in una buia valle di lacrime.
        • Anonimo scrive:
          Universal e sony ok, ma disney?
          I DVD di universal e sony utilizzano effettivamente protezioni invasive.Addirittura il DVD di Blues Brothers (Universal) non mi viene letto dal lettore da pochi euro dezonato (mentre il lettore grosso collegato all'impianto lo legge benissimo, altrimenti sai come mi incazzavo).Ma la Disney mi suona nuova.I DVD Disney si rippano tutti con facilita' estrema.
          • Anonimo scrive:
            Re: Universal e sony ok, ma disney?

            I DVD di universal e sony utilizzano
            effettivamente protezioni
            invasive.
            Addirittura il DVD di Blues Brothers (Universal)
            non mi viene letto dal lettore da pochi euro
            dezonato (mentre il lettore grosso collegato
            all'impianto lo legge benissimo, altrimenti sai
            come mi
            incazzavo).

            Ma la Disney mi suona nuova.
            I DVD Disney si rippano tutti con facilita'
            estrema.Disney usa sempre Macrovision, che impedisce la copia analogica ...
        • SardinianBoy scrive:
          CLASS ACTION !
          "CLASS ACTION" si traduce in italiano: azione legale collettiva per il risarcimento dei danni. E una prassi consolidata negli Stati Uniti: un solo giudice, con un solo processo può condannare unimpresa a risarcire tutti coloro ai quali ha provocato un danno, anche chi non ha fatto causa. In Europa invece ogni singolo danneggiato deve fare la sua causa, sfidando i grandi studi legali delle multinazionali. In molti paesi dellUE si sta valutando lintroduzione della class action nellordinamento giuridico. In poche parole " l' azione collettiva, l' azione con cui i semplici cittadini possono essere tutelati e risarciti dai torti subiti dalle grandi aziende e delle multinazionali. L' eventuale sentenza favorevole potrebbe poi essere utilizzata da tutti i soggetti che si trovano nella stessa situazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: CLASS ACTION !
            - Scritto da: SardinianBoy
            "CLASS ACTION" si traduce in italiano: azione
            legale collettiva per il risarcimento dei danni.
            E’ una prassi consolidata negli Stati Uniti: un
            solo giudice, con un solo processo può condannare
            un’impresa a risarcire tutti coloro ...sta arrivando, non so a che punto stiano, comunque
            • Anonimo scrive:
              Re: CLASS ACTION !
              Mi sa che oltre a non sapere a che punto siamo, tu non sia nemmeno ben informato.Non sta arrivando un bel niente.
              • SardinianBoy scrive:
                Re: CLASS ACTION !
                - Scritto da:
                Mi sa che oltre a non sapere a che punto siamo,
                tu non sia nemmeno ben
                informato.
                Non sta arrivando un bel niente.La mia era solo una particolare provocazione.So benissimo, che col governo attuale ...non arriverà un bel niente!Anzi, il consumatore sarà sempre castigato e continuerà ad essere un suddito di sua maestà Prodi - er mortadella. E anche di tutto il governo di m**** di sinistra. E mi fermo quì.
                • Anonimo scrive:
                  Re: CLASS ACTION !
                  Ciao,la mia risposta, in realtà, non era diretta a te, ma all'utente che ha scritto:"sta arrivando, non so a che punto stiano, comunque"
                • Anonimo scrive:
                  Re: CLASS ACTION !
                  Si,peccato che il diritto di "azione collettiva" (class action) sia stato portato in parlamento dal centrosinistra e avversato dal centrodestracerca con google "azione collettiva" "lettieri", che è il deputato della margherita che nel 2004 ha cercato di portare in parlamento una legge che desse il diritto di azione collettiva
                • Anonimo scrive:
                  Re: CLASS ACTION !
                  - Scritto da:
                  Si,peccato che il diritto di "azione collettiva"
                  (class action) sia stato portato in parlamento
                  dal centrosinistra e avversato dal
                  centrodestra

                  cerca con google "azione collettiva" "lettieri",
                  che è il deputato della margherita che nel 2004
                  ha cercato di portare in parlamento una legge che
                  desse il diritto di azione
                  collettivaMa siamo seri, quando mai in italia avverra' una cosa del genere? ti pare che le aziende possano dare un potere cosi' ai cittadini?
              • xWolverinex scrive:
                Re: CLASS ACTION !
                - Scritto da:
                Mi sa che oltre a non sapere a che punto siamo,
                tu non sia nemmeno ben
                informato.
                Non sta arrivando un bel niente.Ehm.. vatti un po' a riguardare cosa era incluso nel pacchetto delle riforme di Bersani. Forse puoi scoprire qualcosa ed evitare di parlare a vanvera.http://www.helpconsumatori.it/news.php?id=8520-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 11 ottobre 2006 12.50-----------------------------------------------------------
          • Anonimo scrive:
            Re: CLASS ACTION !
            Beh mettiamola così: se mai arriverà in Italia sarà molto diversa da quella degli Stati Uniti.Prodi l'ha già detto "se la facciamo, sarà diversa da quella americana perchè questa è a favore degli avvocati che ci speculano sopra"Quindi in Italia sarà una roba identica alla attuale ma con un nome diverso. :D
          • Anonimo scrive:
            Re: CLASS ACTION !
            Se non sbaglio, nell'ordinamento italiano non esiste la possibilità di "class action" all'americana. Negli USA un singolo avvocato può rappresentare gruppi di cittadini in una causa comune. In italia, un singolo avvocato (o diversi avvocati) può rappresentare, presi singolarmente, tutti i cittadini del gruppi e decine e decine di cause distinte...Per questo motivo, in italia, ci guadagnerebbero solo gli avvocati xche' decine o centinaia di cause identiche non potreanno far altro che naufragare nei meandri e nelle ere geologie del sistema giudiziario italiano...- Scritto da: SardinianBoy
            "CLASS ACTION" si traduce in italiano: azione
            legale collettiva per il risarcimento dei danni.
            E una prassi consolidata negli Stati Uniti: un
            solo giudice, con un solo processo può condannare
            unimpresa a risarcire tutti coloro ai quali ha
            provocato un danno, anche chi non ha fatto causa.
            In Europa invece ogni singolo danneggiato deve
            fare la sua causa, sfidando i grandi studi legali
            delle multinazionali. In molti paesi dellUE si
            sta valutando lintroduzione della class action
            nellordinamento giuridico. In poche parole "
            l' azione collettiva, l' azione con cui i
            semplici cittadini possono essere tutelati e
            risarciti dai torti subiti dalle grandi aziende e
            delle multinazionali. L' eventuale sentenza
            favorevole potrebbe poi essere utilizzata da
            tutti i soggetti che si trovano nella stessa
            situazione.
            • SardinianBoy scrive:
              Re: CLASS ACTION !

              Per questo motivo, in italia, ci guadagnerebbero
              solo gli avvocati xche' decine o centinaia di
              cause identiche non potranno far altro che
              naufragare nei meandri e nelle ere geologie del
              sistema giudiziario
              italiano.....sappiamo come vanno queste cose in italia!
              • Anonimo scrive:
                Re: CLASS ACTION !

                ..sappiamo come vanno queste cose in italia!si,. il centrodestra bloccò la proposta di legge di lettieri (margherita) che voleva portare il diritto di class action anche in italia nel 2004http://es.camera.it/_dati/leg14/lavori/stenografici/sed495/s470.htm
          • Anonimo scrive:
            Re: CLASS ACTION !
            Ma gli USA non erano una dittatura di tiranni? quando fa comodo si citano come modelli da seguire, dopo ci si dimentica che sono anche democratici e si mettono al rogo....poveri sinistroidi
            • SardinianBoy scrive:
              Re: CLASS ACTION !
              - Scritto da:
              Ma gli USA non erano una dittatura di tiranni?
              quando fa comodo si citano come modelli da
              seguire, dopo ci si dimentica che sono anche
              democratici e si mettono al rogo....poveri
              sinistroidiProva a chiederlo a Bill Clinton!Tumbleweed Innesco T4 ...chiudo.Click click (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • Anonimo scrive:
          Facciamolo tutti
          Apriamo 10 100 1000 casi cosi' voglio vedere poi che fanno
          • Anonimo scrive:
            Re: Facciamolo tutti
            - Scritto da:
            Apriamo 10 100 1000 casi cosi' voglio vedere poi
            che
            fannoGuarda che la vicenda interessa quelli che COMPRANO roba originale e che poi hanno la sfortuna di averli in DRMMica so come te che tieni aperto il muletto e aspettare che qualcuno ti passi l'mp3 del momento.
            • Anonimo scrive:
              Re: Facciamolo tutti
              - Scritto da:

              - Scritto da:

              Apriamo 10 100 1000 casi cosi' voglio vedere poi

              che

              fanno
              Guarda che la vicenda interessa quelli che
              COMPRANO roba originale e che poi hanno la
              sfortuna di averli in
              DRM
              Mica so come te che tieni aperto il muletto e
              aspettare che qualcuno ti passi l'mp3 del
              momento.del resto quello che glielo passa da qualche parte l'ha preso.quindi interessa tutti
              • Anonimo scrive:
                Re: Facciamolo tutti
                Una cosa mi sfugge, ma si tratta di denunce personali contro che infila il DRM?Se fosse così sarebbe più corretto formare un gruppo di più persone, e rivolgersi ad un unico avvocato per portare avanti la causa.voi che ne dite?
        • Cobra Reale scrive:
          Come raggirare il prossimo
          Penso che esistano due modi per raggirare il prossimo: dirgli il falso oppure tenergli nascosta parte della verità. Basti pensare che un dirigente Disney un anno fa ha dichiarato all'Economist: "Se i consumatori sapessero che c'è un DRM, o sapessero cosa sia e come funziona, avremmo già fallito".Tratto da:http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1678123&r=PI
        • Anonimo scrive:
          IMPRECISIONE GRAVE
          L'articolo dice: "che al consumatore che acquista sia data facoltà di effettuarne una copia".Ma la legge non dice affatto questo: la legge dice che il privato, a scopo personale, può farsi copie di tutto quello che gli pare, senza specificare nulla per quanto riguarda l'origine del materiale copiato: che siano supporti originali, o trasmissioni radio/tv, o acquisizioni fatte dal vivo, o altro. La legge non dice nulla a questo proposito. Dice solo che, per uso PERSONALE, è concesso copiare sia brani audio che video.Non così per il software: in italia è vietato possedere una copia di un software, anche se solo per uso privato.Cya
          • Anonimo scrive:
            Sbagli

            Ma la legge Leggila, stai toppando su tutta la linea
            • Anonimo scrive:
              Re: Sbagli
              l'ho letta anche con tutte le ultime integrazioni. il paragrafo relativo alla copia privata non dice nulla a proposito dell'origine dei brani copiabili per uso personale.
              • Anonimo scrive:
                Re: Sbagli
                - Scritto da:
                l'ho letta anche con tutte le ultime
                integrazioni. il paragrafo relativo alla copia
                privata non dice nulla a proposito dell'origine
                dei brani copiabili per uso
                personale.
                Ti do' una dritta: cosa significa copiare? Poi ti arrangi, per le consulenze mi faccio pagare.
                • Anonimo scrive:
                  cosa significa copiare
                  copiare è generico. Potrei copiare un file trovato per caso che ad esempio qualcuno, anni fa, prima di me, a sua volta aveva copiato, gli aveva tolto le protezioni, eliminati i messaggi di copyright e i titoli di testa e di coda: a questo punto io faccio una copia di qualcosa che non è protetto, non è marcato come tutelato da copyright, insomma potrebbe essere tutto o niente.Oppure potrei "copiare" una trasmissione TV con il videoregistratore: cos'è, vietato anche questo, visto che non potrei possedere o acquistare l'originale?
                • Anonimo scrive:
                  Re: cosa significa copiare

                  Oppure potrei "copiare" una trasmissione TV con
                  il videoregistratore: cos'è, vietato anche
                  questo, visto che non potrei possedere o
                  acquistare
                  l'originale?
                  Ci sei vicinissimo
                • Anonimo scrive:
                  Re: cosa significa copiare
                  scusa ma come argomentazioni finora non hai portato cose molto concrete. Ripeto, il paragrafo della legge è breve e conciso, dice solo che è concessa la riproduzione privata di audiogrammi e videogrammi purchè per uso personale e senza scopo di lucro, senza precisare se debbano essere acquistati o copiati da originali di cui il soggetto debba essere in possesso.Se ipotizziamo che chi fa una copia debba possedere sempre l'originale, si verificano molti paradossi, il più immediato è quello del videoregistratore che diverrebbe immediatamente inutilizzabile, inoltre ad esempio ogni filmino delle vacanze potrebbe diventare motivo di indagine per verificare che non sia in realtà la copia dell'ultimo film di Boldi e De Sica, e anche scaricare le trasmissioni in podcast di Radio 2 (per le quali la stessa emittente fa continuamente pubblicità, e sono anche gratuite) sarebbe illegale, visto che non ne possederesti l'originale.ciao
                • Anonimo scrive:
                  Re: Sbagli

                  Poi ti arrangi, per le consulenze mi faccio
                  pagare.(rotfl)(rotfl)(rotfl)peggio delle majorscherzo naturalmente ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: IMPRECISIONE GRAVE la tua
            - Scritto da:
            L'articolo dice: "che al consumatore che acquista
            sia data facoltà di effettuarne una
            copia".
            Ma la legge non dice affatto questo: la legge
            dice che il privato, a scopo personale, può farsi
            copie di tutto quello che gli pare, senza
            specificare nulla per quanto riguarda l'origine
            del materiale copiato: che siano supporti
            originali, o trasmissioni radio/tv, o
            acquisizioni fatte dal vivo, o altro. La legge
            non dice nulla a questo proposito. Dice solo che,
            per uso PERSONALE, è concesso copiare sia brani
            audio che
            video. purchè per farlo non si debbano scavalcare le protezioni ed è per questo che saltano fuori questi tre :)che sono dei mitici e io li applaudo!vorrei una loro foto su wikipedia.
            • Anonimo scrive:
              Re: IMPRECISIONE GRAVE la tua
              Ma io mi riferivo al passaggio in cui si fa intendere che un brano deve essere stato acquistato prima di poterlo copiare, indipendentemente dalle protezioni. Segui il thread precedente: tante persone sono convinte che, se non possiedi l'originale, non puoi avere neppure la copia. Ma questo non sta scritto da nessuna parte. Altrimenti non potresti mai neppure registrare un film con il videoregistratore o scaricare dei podcast. Dove sarebbe l'originale, in questi casi?
          • Anonimo scrive:
            Re: IMPRECISIONE GRAVE
            "[...] i titolari dei diritti sono tenuti a consentire che, nonostante l'applicazione delle misure tecnologiche di cui all'articolo 102-quater,"=
            anche se ci sono protezioni"la persona fisica che abbia acquisito il possesso legittimo di esemplari dell'opera o del materiale protetto,"=
            una persona fisica che abbia acquistato, noleggiato, preso in prestito da un amico(tutti possessi legittimi) ..."ovvero vi abbia avuto accesso legittimo,"=
            o visto in TV, su Sky, su Mediaset Premium, o ascoltato alla radio (tutti accessilegittimi) (e visto al cinema? questo caso sembrerebbe autorizzare la videoripresa al cinema ...)"possa effettuare una copia privata, anche solo analogica, per uso personale,"DEVONO potersi fare una copia - o analogica o digitale - per uso personale"a condizione che tale possibilità non sia in contrasto con lo sfruttamento normale dell'opera o degli altri materiali"(boh? non mi viene in mente nessun esempio di "contrasto con lo sfruttamento normale", forse e' una clausola per escludere il cinema)"e non arrechi ingiustificato pregiudizio ai titolari dei diritti."(boh? magari e' una clausola dedicata a chi per mestiere riceve i DVD in anteprima ...)
            • Anonimo scrive:
              Re: IMPRECISIONE GRAVE
              hai ragione, nel comma a cui tu fai riferimento dice "che abbia acquisito il possesso legittimo", ma nel comma precedente invece viene affermato ciò che sostengo io, ovvero che per uso personale è permesso copiare ciò che si vuole e senza specificare la fonte del brano, cioè senza bisogno di averlo acquistato o di possedere l'originale. Nel comma di cui parli tu invece, viene fatto un obbligo nei confronti dei titolari dei diritti (cioè gli editori), e NON una limitazione nei confronti dell'uso privato.ciao
              • Anonimo scrive:
                Re: IMPRECISIONE GRAVE
                - Scritto da:
                hai ragione, nel comma a cui tu fai riferimento
                dice "che abbia acquisito il possesso legittimo",
                ma nel comma precedente invece viene affermato
                ciò che sostengo io, ovvero che per uso personale
                è permesso copiare ciò che si vuole e senza
                specificare la fonte del brano, cioè senza
                bisogno di averlo acquistato o di possedere
                l'originale. Nel comma di cui parli tu invece,
                viene fatto un obbligo nei confronti dei titolari
                dei diritti (cioè gli editori), e NON una
                limitazione nei confronti dell'uso
                privato.

                ciaoL'aver acquisito il legittimo possesso,comunque,non implica il possesso attuale,basta averlo acquisito in origine ;).
        • SardinianBoy scrive:
          CONDIVIDERE..MEGLIO CHE RUBARE!
          COSTRUIRE INSIEME IL SENSO DELLA CONDIVISIONE Il futuro è nella condivisione delle conoscenze. L'arroganza delle multinazionali nei confronti della proprietà intellettuale, è solo il canto del cigno, infatti grazie alle tecnologie il sapere non potrà più essere detenuto da pochi potenti.I DRM,sono soltanto dei meccanismi ideati da una mente malata,che porta solo scompiglio e voglia di non comprare più nulla!
          • Anonimo scrive:
            Re: CONDIVIDERE..MEGLIO CHE RUBARE!
            guardati intorno... quanta cultura vedi?in quanti la vogliono?guarda i ragazzini che scaricano suonerie guarda quanti vogliono andare a scuola e quanti da scuola se ne vanno per lavorarericorda la sentenza di questi giorni relativa a quel caso in cui il figlio si rifiuta categoricamente di andare a scuola e il genitore non può farci nulla ...sono esempi chiari di come vanno le cose.serve più amore per il sapere e la cultura, per l'elevazione e ... per la nostra mente, le arti, il gusto, la discussione...e invece è tutto squallidola parola intrattenimento e la parola cultura QUANTO possono essere disgiunte?quanto di quello che oggi definiamo cultura ed arte è nato su commissioe di qualche magnate per il proprio sollazzo?oggi li veneriamo nei musei o li ascoltiamo in sale da concerto osannandoli, ma spesso i maestri del passato hanno lavorato per produrre quello che oggi definiremmo "intrattenimento" e talvolta "decorazione"Perchè forse qualcuno vuol sentire da "cultura" uscire qualche succo magico che rende superuomini, vicino alla divinità. Ma così già é: è il nostro sapere, lo scambio di sentimenti, sensazioni, impressioni, esperienze, modi di vedere la vita, comicità, umorismo, critica sociale, intesa o disaccordo ... tutto questo è cultura, tutto questo parla di noi e spesso lo fa per intrattenere... come una chiacchiera al bar: può essere fatta tra due dotti o tra due ignoranti ... il modo di intrattenersi sarà nettamente differente.
            • SardinianBoy scrive:
              Re: CONDIVIDERE..MEGLIO CHE RUBARE!
              - Scritto da:
              guardati intorno... quanta cultura vedi?
              in quanti la vogliono?

              guarda i ragazzini che scaricano suonerie

              guarda quanti vogliono andare a scuola e quanti
              da scuola se ne vanno per
              lavorare


              ricorda la sentenza di questi giorni relativa a
              quel caso in cui il figlio si rifiuta
              categoricamente di andare a scuola e il genitore
              non può farci nulla
              ...

              sono esempi chiari di come vanno le cose.

              serve più amore per il sapere e la cultura, per
              l'elevazione e ... per la nostra mente, le arti,
              il gusto, la
              discussione...

              e invece è tutto squallido

              la parola intrattenimento e la parola cultura
              QUANTO possono essere
              disgiunte?

              quanto di quello che oggi definiamo cultura ed
              arte è nato su commissioe di qualche magnate per
              il proprio
              sollazzo?

              oggi li veneriamo nei musei o li ascoltiamo in
              sale da concerto osannandoli, ma spesso i maestri
              del passato hanno lavorato per produrre quello
              che oggi definiremmo "intrattenimento" e talvolta
              "decorazione"

              Perchè forse qualcuno vuol sentire da "cultura"
              uscire qualche succo magico che rende
              superuomini, vicino alla divinità. Ma così già é:
              è il nostro sapere, lo scambio di sentimenti,
              sensazioni, impressioni, esperienze, modi di
              vedere la vita, comicità, umorismo, critica
              sociale, intesa o disaccordo ... tutto questo è
              cultura, tutto questo parla di noi e spesso lo fa
              per intrattenere... come una chiacchiera al bar:
              può essere fatta tra due dotti o tra due
              ignoranti ... il modo di intrattenersi
              sarà nettamente
              differente.Amico Mio, hai veramente ragione su quanto dici.Volevo proprio arrivare a questo.Io, solamente eliminando la tv (vedo solo i tg ) ho capito veramente cossa significa avere cultura,farsi le proprie idee ed essere considerato da tutti.Ho quasi 33 anni,ma sono 10 anni che ho-quasi- smesso di credere a ciò che si dice in tv,persino i gionrali non mi convincono granchè!La tv odierna, è stata rovinata dalle figure "materne" di Maria de filippi e costanzo show, e da tutti quei reality show e quiz televisivi del menga.Cantanti e falsi miti che bruciano le menti dei giovani di oggi fanno da padrone.Basta,mi fermo quì.Ciao
        • rockroll scrive:
          Chi compra ancora con DRM?
          La copia privata era, è e resta un diritto inalienabile del consumatore. A me la cosa non tocca personalmente, in quanto per principio non ho comprato, non compro e non comprerò mai nulla inquinato da DRM. E penso proprio di non essere il solo. Ma non sono ignavo ne' vigliacco, sono pronto a qualunque azione si voglia fare in difesa di tale sacrosanto diritto (per non parlare di tutti gli altri diritti lesi, in primis la nostra libertà in rete, sacrificata per imposizione delle ineffabili Majors in nome di anacronistiche rendite di posizione chiamate diritti d'autore ). Certo non pagare più l'equio compenso sui supporti masterizzabili è già qualcosa, ma costituisce una goccia nel mare; il nostro diritto, sancito per legge, resta comunque leso, per cui la cosa non mi accontenta di certo. Questo è quanto penso io, ma quanti sono d'accordo con me, sopratutto sul fatto di non comprare prodotti infettati da DRM e simili amenità? In ogni caso bypassare i DRM è vietato (bella legge, complimenti a chi l'ha approvata), ma fare copia identica, uno ad uno, bit a bit per intenderci, non può essere vietato, anche in considerazione del fatto che il duplicato contiene ancora l'identica protezione DRM dell'originale (e di conseguenza identiche limitazioni d'uso, illegali quanto si vuole ma comunque ben presenti).Volete sapere come fare? è banale, documentatevi in rete, non voglio essere io a dirvelo per poi essere preso di mira dagli scagnozzi di un potere capace di tutto! A scanso di equivoci, sto parlando di copia ad uso privato. L'unico problema è che i DVD registrabili Dual-Layer costano una sberla, guarda caso cosa imposta dai soliti potenti, tanto da rendere poco economica la duplicazione di film su DVD oltre i 4.5 GB (ormai sono tutti oltre tale dimensione). E duplicare CD Audio a quanti può ancora interessare, visto il livello delle attuali produzioni? (i CD di qualche tempo fa non avevano protezioni e contenevano brani musicalmente miglioti). Chi compra acora con DRM?
          • SardinianBoy scrive:
            Re: Chi compra ancora con DRM?


            Certo non pagare più l'equo compenso sui
            supporti masterizzabili è già qualcosa, ma
            costituisce una goccia nel mare; il nostro
            diritto, sancito per legge, resta comunque
            ...caro amico, per questo esiste una petizione per eliminare la tassa assurda delal Siae.Ma anche questo costituisce una goccia nel mare!

            Questo è quanto penso io, ma quanti sono
            d'accordo con me, sopratutto sul fatto di non
            comprare prodotti infettati da DRM e simili
            amenità?Io sono d'accordo! ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi compra ancora con DRM?

            Chi compra ancora con DRM?chi compra ancora winxp avendo la possibilità di avere linux gratis? :|
          • Anonimo scrive:
            quasi tutti
            pare che non ci si renda conto che questo è un piccolo, piccolissimo mondo: è solo un microscopico forum se paragonato alla marea su cui si fanno i conti commercialmente.ricordatevi sempre della petizione di anni fa... (legge sull'editoria) ... abbiamo firmato in tantissimi... ma sempre troppo pochi.e non è servito a *NULLA* :(
            • Anonimo scrive:
              Re: quasi tutti
              - Scritto da:
              pare che non ci si renda conto che questo è un
              piccolo, piccolissimo mondoE' tanto ovvio che mi stupisco ogni volta che leggo frasi dalla comicità involontaria come quella a capo di questa discussione:" Chi compra ancora con DRM? "1) Tutti quelli che non lo conoscono (il 99.9% delle persone)2) Tutti quelli che, pur conoscendolo, mettono su un piatto il beneficio e sull'altro i dobloni richiesti e reputano che il beneficio (ovvero la fruizione dell'opera nei limiti consentiti) è superiore alla spesa.
              • Anonimo scrive:
                Re: quasi tutti
                ma la presenza di DRM viene segnalato sui prodotti che lo contengono? Se sì, come?Ho cercato una lista di cd/dvd "affetti" dal morbo ma non ho mika trovato niente!
                • Anonimo scrive:
                  Re: quasi tutti
                  - Scritto da:
                  ma la presenza di DRM viene segnalato sui
                  prodotti che lo contengono? Se sì,
                  come?Questo è un altro problema.Logica vuole (e legge dovrebbe volere) che sulla confezione debbano essere scritte tutte le limitazioni d'uso.
                • SardinianBoy scrive:
                  Re: quasi tutti
                  - Scritto da:

                  - Scritto da:

                  ma la presenza di DRM viene segnalato sui

                  prodotti che lo contengono? Se sì,

                  come?

                  Questo è un altro problema.
                  Logica vuole (e legge dovrebbe volere) che sulla
                  confezione debbano essere scritte tutte le
                  limitazioni
                  d'uso.
                  Ma il problema principale rimane sempre il fatto che il venditore-che a volte fa finta di nulla- non ti dirà mai:guarda caro,questo è un prodotto DRM,pertanto non potrai crearti nessuna copia.E quindi il venditore non venderebbe.Se fosse onesto te lo direbbe subito.Ma sappiamo come vanno queste cose!E pertanto non troveremo sulla confezione nessun tipo di avvertenza o limitazioni di uso. L'unica maniera,pertanto la più stupida ma efficace, è quella di non comprare,non comprare e non comprare.Ovviamente,le majors diranno:è colpa della pirateria se non vendiamo!Però, queste ultime(le majors), facciano molta attenzione,non possono sempre continuare all'infinito con questa storia della pirateria.E l'utente chi lo salva guarda?
                • Anonimo scrive:
                  Re: quasi tutti
                  - Scritto da: SardinianBoy
                  Ma il problema principale rimane sempre il fatto
                  che il venditore-che a volte fa finta di nulla [...]Sì, ma ripeto, a parte chi compra senza sepere, esiste chi compra pur sapendo.Un DVD a 9 euro non è un capitale anche se non lo puoi duplicare.
                • Anonimo scrive:
                  Re: quasi tutti

                  Sì, ma ripeto, a parte chi compra senza sepere,
                  esiste chi compra pur
                  sapendo.
                  Un DVD a 9 euro non è un capitale anche se non lo
                  puoi duplicare.Ripeti con me:Un DVD a 9 euro non è un capitale ...Dieci DVD a 90 euro non sono un capitale ...Cento DVD a 900 euro non sono un capitale ...Mille DVD a 9.000 euro non sono un capitale ...... scusa, mi presti 9.000 euro?Che vuoi che siano, non e' mica un capitale, no?
                • Anonimo scrive:
                  Re: quasi tutti
                  - Scritto da:
                  Un DVD a 9 euro non è un capitale ...ci arriverebbe anche un pollo
                  Dieci DVD a 90 euro non sono un capitale ...non lo sono.
                  Cento DVD a 900 euro non sono un capitale ...cento DVD sono tantini per una persona e 900 euro sono tantini, a meno che no li diluisci in, diciamo, 5 anni?
                  Mille DVD a 9.000 euro non sono un capitale ...vuoi aprire un blocbuster?costano di più quelli per il noleggio.
                  ... scusa, mi presti 9.000 euro?Io non ti presto nemmeno un centesimo ammaccato.
                  Che vuoi che siano, non e' mica un capitale, no?il nesso tra un prestito e il prezzo di un DVD lo vedi solo tu.ripeto: Io non ti presto nemmeno un centesimo ammaccato.
                • teddybear scrive:
                  Re: quasi tutti
                  - Scritto da:
                  ma la presenza di DRM viene segnalato sui
                  prodotti che lo contengono? Se sì,
                  come?
                  Ho cercato una lista di cd/dvd "affetti" dal
                  morbo ma non ho mika trovato
                  niente!In realtà un trucchetto che quasi sempre funziona esiste. Tu cerchi un segnale sulla confezione che ti dica "questo prodotto ha protezioni varie?"Cerca l'opposto. Cerca un qualsiasi logo. Ad esempio il logo ufficiale dei compact disc:[img]http://ccrow.net/albums/logo.jpg[/img]Se c'è sai per certo che quello è un CD Audio. Che segue in tutto per tutto lo standard Orange Book. Questo standard NON prevede la presenza di alcun tipo di protezione. Per ora tutte le protezioni sono sempre state contrarie a qualcosa nel Book.Purtroppo non va più molto di moda mettere quel logo anche su CD che non hanno protezioni.Una cosa che molti non sanno è che quello che si compra, quando si prende un album protetto su CD, è che NON si sta comprando un CD Audio. Ma Audio su CD. Il che è diverso... molto diverso.
          • xWolverinex scrive:
            Tutti quelli che...
            .. che del DRM neanche immaginano l'esistenza, e quindi il 98% della popolazione :'(
            • bimbosporco scrive:
              Re: Tutti quelli che...
              perche', cd musicali o video con drm non sono duplicabili?non mi sembra mica....io che sono un collezionista di film non trovo nessuna difficolta' nel duplicare il MIO film.cd musicali per ora non ho trovato nessuna difficolta', ma qui' uso Itunes e poi duplico. :)
              • SardinianBoy scrive:
                Re: Tutti quelli che...
                - Scritto da: bimbosporco
                perche', cd musicali o video con drm non sono
                duplicabili?
                non mi sembra mica....
                io che sono un collezionista di film non trovo
                nessuna difficolta' nel duplicare il MIO
                film.
                cd musicali per ora non ho trovato nessuna
                difficolta', ma qui' uso Itunes e poi
                duplico.

                :)Ok, tutto giusto fin quà.A volte se mi voglio divertire sul serio vado sul sito http://www.komp3.net/, scarico una decina di album, valuto le migliori 20 (per me) e poi masterizzo il tutto.Ma iTunes lo uso qualche volta, l'ho regalato al mio fratellino e qualche volta facciamo qualche acquisto.Con iDRM ho avuto qualche difficoltà,però ho scaricato il software anti Drm "FairUse4WM" e ho risolto il problema.Rimane il fatto che ora non lo si trova facilmente FairUse4WM ma su torrentz.com o su www.torrentscan.com è presente.Provate anche su DC++.Mi fermo quì! (rotfl)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi compra ancora con DRM?

            La copia privata era, è e resta un diritto inalienabile del consumatore.
            In ogni caso bypassare i DRM è vietato dalla legge.Tutto questo sarebbe come dire:1. È un tuo sacrosanto diritto difenderti.2. Ma se qualcuno ti punta una pistola contro, e tu ti difendi, in galera ci vai te, e non quello che ti ha minacciato.Tutto questo mi sembra proprio assurdo.Nell'era digitale, non esiste più nemmeno la difesa personale.
          • Anonimo scrive:
            Re: Chi compra ancora con DRM?

            Chi compra acora con DRM?Una soluzione forse ci sarebbe.A fine Luglio, mi sono recato a Dakar (Senegal) per affari, ed ho visto che laggiù, ancora usano e vendono PC con Pentium III. Sarebbe il caso di tornare là, per poter comperare, una riserva di: "Schede Madri" con Pentium III senza DRM, ed essere così sicuri per altri anni ancora, di non doversi sottomettere al DRM. Inoltre laggiù un PC nuovo con Pentium III, lo si può avere per meno di 100 .
        • Anonimo scrive:
          Questi hanno le palle!
          BRAVISSIMI tutti quanti.e "ci mettono la faccia".Se c'è bisogno fatevi sentire, sono certo che i versamenti saranno DI PIU' di quelli che raggiunse grillo per pubblicare una pagina su un quotidiano.(idea)
          • Anonimo scrive:
            Re: Questi hanno le palle!
            - Scritto da:
            BRAVISSIMI tutti quanti.

            e "ci mettono la faccia".

            Se c'è bisogno fatevi sentire, sono certo che i
            versamenti saranno DI PIU' di quelli che
            raggiunse grillo per pubblicare una pagina su un
            quotidiano.


            (idea)E tu non fai un razzo seduto davanti al pc...
            • Anonimo scrive:
              Re: Questi hanno le palle!
              - Scritto da:

              - Scritto da:

              BRAVISSIMI tutti quanti.



              e "ci mettono la faccia".



              Se c'è bisogno fatevi sentire, sono certo che i

              versamenti saranno DI PIU' di quelli che

              raggiunse grillo per pubblicare una pagina su un

              quotidiano.





              (idea)
              E tu non fai un razzo seduto davanti al pc...[img]http://img82.imageshack.us/img82/526/abx3.jpg[/img]
              • Anonimo scrive:
                Re: Questi hanno le palle!
                - Scritto da:

                - Scritto da:



                - Scritto da:


                BRAVISSIMI tutti quanti.





                e "ci mettono la faccia".





                Se c'è bisogno fatevi sentire, sono certo che
                i


                versamenti saranno DI PIU' di quelli che


                raggiunse grillo per pubblicare una pagina su
                un


                quotidiano.








                (idea)

                E tu non fai un razzo seduto davanti al pc...

                [img]http://img82.imageshack.us/img82/526/abx3.jpgporcatrota... ho anche una maglietta simile...mi hai moralmente distrutto
                • Anonimo scrive:
                  Re: Questi hanno le palle!
                  - Scritto da:

                  - Scritto da:



                  - Scritto da:





                  - Scritto da:



                  BRAVISSIMI tutti quanti.







                  e "ci mettono la faccia".







                  Se c'è bisogno fatevi sentire, sono certo
                  che

                  i



                  versamenti saranno DI PIU' di quelli che



                  raggiunse grillo per pubblicare una pagina
                  su

                  un



                  quotidiano.











                  (idea)


                  E tu non fai un razzo seduto davanti al pc...




                  [img]http://img82.imageshack.us/img82/526/abx3.jpg

                  porcatrota... ho anche una maglietta simile...

                  mi hai moralmente distruttohttp://www.youtube.com/watch?v=TBBbM2iFQ1g
            • Anonimo scrive:
              Re: Questi hanno le palle!
              - Scritto da:

              - Scritto da:

              BRAVISSIMI tutti quanti.



              e "ci mettono la faccia".



              Se c'è bisogno fatevi sentire, sono certo che i

              versamenti saranno DI PIU' di quelli che

              raggiunse grillo per pubblicare una pagina su un

              quotidiano.





              (idea)
              E tu non fai un razzo seduto davanti al pc...hai ragione, lo ammetto con vergogna.li sosterrò volentieri, purtroppo non sono da prima linea, non ho abbastanza palle.chissà, forse verrà il mio turno.per ora ho casini di tipo diverso a cui far fronte con coraggio... e non te li sto certo a raccontare.
          • Anonimo scrive:
            Re: Questi hanno le palle!
            - Scritto da:
            BRAVISSIMI tutti quanti.

            e "ci mettono la faccia".e soldi.
            • Anonimo scrive:
              Re: Questi hanno le palle!
              - Scritto da:

              - Scritto da:

              BRAVISSIMI tutti quanti.



              e "ci mettono la faccia".

              e soldi.Se le persone (o i loro legali) che leggono i commenti qui su P.I. dovessero leggere questo :-Perche' non istituite un fondo di donazione tramite pagamento da conto anche in modo anonimo ?Versare qualche euro non costa nulla a nessuno.Inoltre questa cosa gia' viene fatta per supportare determinati siti di filesharing italiano e non (chi di voi fa P2P sicuramente sa che le donazioni hanno permesso di mantenere in vita un grande sito italiano...)Quindi : Fate un bel fondo e un bel blog dedicato alla cosa.Cosi' tenete aggiornati sui progressi i vari donatori che vogliono dare una mano alla causa anche stando dietro alla scrivania del pc.
          • Anonimo scrive:
            10-100-1000-10000-milioni,contro leMajor
            la massa,fa' la forza.....provassero a multare 60milioni,di onesti italiani,lavoratori!!copia privata e' un diritto.......SEMPREEEEEEEEEEEEEE!!!!.....ma,non si sono accorti,che nessuno compra piu' nientee??...ma io dico....so'ciechi???...ah""
            • Anonimo scrive:
              Re: 10-100-1000-10000-milioni,contro leM
              - Scritto da:
              la massa,fa' la forza.....provassero a multare
              60milioni,di onesti
              italiani,lavoratori!!lo fanno già: vista la finanziaria del 2007?(rotfl):-)scherzi a parte, se ci provassero non farebbero che guadagnare un sacco di soldi.multina piccola, tante persone = tanti soldi.

              copia privata e' un
              diritto.......SEMPREEEEEEEEEEEEEE!!!!.....
              hey amico... sei un parlamentare intervistato dalle jene? ;)calma calma :-D
              ma,non si sono accorti,che nessuno compra piu'
              nientee??...ma io
              dico....so'ciechi???...ah""io compro ogni volta che posso.compro no-drm, no-copycontrol, compro nei cataloghi per corrispondenza, ai mercatini dell'usato, usato in altri posti ... ovviamente non puoi comprare tutto
        • Anonimo scrive:
          Class action
          Se solo in Italia fosse possibile.Non doveva farla Prodi? Dov'è?
          • Anonimo scrive:
            Re: Class action
            Si sta nascondendo dietro una finanziaria che ci togliera' piu' soldi di quanti ce ne toglieva Berlusca...
            • Anonimo scrive:
              Re: Class action
              Si, ecco un altro che crede a TruffoloDa incantesimi 2006 :Truffolo: "l'inflazione e' aumentata del 2.1% e gli stipendi sono aumentati del 3.6%"Giusto.Ma falso.L'inflazione e' aumentata del 2.1% NEL 2005 mentre gli stipendi sono aumentati del 3.6% DAL 2002 AL 2005, mentre l'infl. e' aumentata del 9.6% DAL 2002 AL 2005.Bravo bravo, credi a tutto quello che dice.
              • Anonimo scrive:
                Re: Class action
                chi è truffolo e che è incantesimi, un nuovo rapporto dell'istat?
                • Anonimo scrive:
                  Re: Class action
                  - Scritto da:
                  chi è truffolo e che è incantesimi, un nuovo
                  rapporto
                  dell'istat?Truffolo è Prodi.
                • Anonimo scrive:
                  Re: Class action
                  - Scritto da:

                  - Scritto da:

                  chi è truffolo e che è incantesimi, un nuovo

                  rapporto

                  dell'istat?

                  Truffolo è Prodi.bella mossa.No, Truffolo e' un NANO, l'ottavo.cmq incantesimi e' lo spettacolo di grillo.
              • Anonimo scrive:
                Re: Class action
                Oggi 10/10/2006, anche la "corte dei conti" ha con una sentenza che porta la data odierna, deliberato che la finanziaria 2006 proposta così come è dall'attuale esecutivo (Prodi) porta ad un notevole incremento dell'imposizione fiscale tale da mettere in pericolo anche la nascente ripresa economica.(tanto per non andare OT, visto che si parla di impèosizioni fiscali).Un'altra sentenza della stessa corte, di ambito differente, datata 2004, riportava che per la prima volta in Italia vi era stato una seppur minimo rigore contro gli sprechi nella PA.(sito del peggior giornale italiano e non solo che ovviamente indebolisce e di molto la sentenza: ma i per gonzi come te è oro colato:http://www.repubblica.it/2004/f/sezioni/economia/piltre/rigo/rigo.html)
                • Anonimo scrive:
                  Re: Class action
                  Per tenersi buona la gente come te il Nano ha tenuto basse le tasse, ha avviato tanti progetti, ha cominciato tante cose ed ha svuotato le casse dello stato.Mentre tutti noi abbiamo sentito la crisi(raddoppiando i prezzi di tutto raddoppia anche l'IVA ed è riuscito a spedersi anche quella)lui si è arricchito notevolmente.Adesso qualcuno deve riparare ai danni... senza soldi in tasca e senza uno straccio di politica di sviluppo.Se t'aspettavi che la ripresa economica cadesse dal cielo sei un bell'illuso.Certo Prodi ed i suoi non sono una gran svolta(si rimangeranno le promesse fatte una per una in quanto politici di un'Italia di idioti che accettano tutto....) ma preferire il ritorno del Nano mi pare come imbottirsi di eroina per non sentire il dolore di un pelo incarnito.
                • Anonimo scrive:
                  Re: Class action
                  non so se ti sei mai accorto che il miglioramento economico dell'italia c'è stato sempre è solo con i governi di centro-destra.La sinistra sa fare una sola cosa, da sempre. TASSARE, TASSARE E TASSARE. Frenando così lo sviluppo economico.
                • Anonimo scrive:
                  Re: Class action
                  - Scritto da:
                  non so se ti sei mai accorto che il miglioramento
                  economico dell'italia c'è stato sempre è solo con
                  i governi di
                  centro-destra.gli indicatori economici mi pare indichino il contrario
                • Anonimo scrive:
                  Re: Class action
                  Veramente la ripresa economica (stando agli indicatori economici) è iniziata nell'ultimo trimestre del 2005, proviene dagli USA . Non certo dalla Spagna (chissà come mai??).Queste affermazioni sono come quelle dell'incremento delle entrate fiscali, fatte dal governo e dai sostenitori del C-SX: riguardano un periodo in cui il C-SX non era al governo, effettuate da una serie di manovre addirittura varate l'anno precedente, EPPURE PRODI (e quelli come te) SE NE ATTRIBUIVANO IL MERITO!
                • Anonimo scrive:
                  Re: Class action
                  e negli ultimi 20 anni?
                • Anonimo scrive:
                  Re: Class action
                  Le riprese economiche negli ultimi 70 anni sono sempre venute dagli USA!!!Poteva essere il momento EU solo 1 anno nel 1998, periodo in cui i governi EU erano al 99% di C-SX. Allora vi era la possibilità che per 1 anno (in un periodo di stagnazione economica mondiale) l'EU superasse nell'incremento del PIL (stimato intorno all'1%) gli USA di una percentuale intorno allo 0.5%.Le SX EU si lasciarono cmq sfuggire quest'occasione e nemmeno allora avvenne il sorpasso!!
                • Anonimo scrive:
                  Re: Class action
                  Gli Usa hanno sempre avuto un ottimo metodo per la ripresa economica: la guerra.Nulla di meglio per smuovere la produzione che smaltire tonnellate di bombe, missili e mine.Se vuoi puoi aggiungerci che sicuramente far ammazzare gli strati piu poveri della popolazione (che vanno a fare i volontari nelle guerre) possa alzare il reddito medio.Poi gli USA sono il nostro praticamente unico partner commerciale, quindi se loro non hanno soldi per comprare e noi (Europa) non abbiamo a chi vendere come speri di avere una ripresa economica?Poi insomma che centrano gli Usa adesso? Li stai portando come esempio di governo da imitare?Se si, forse è ora che tu smetta di guardare troppi film e studiati qual è la realtà.
                • Anonimo scrive:
                  Re: Class action
                  Queste son le ca%%ate che ripetono come pappagalli gli indottrinati di Berlusconi:a parte 1-2 governi farsa degli ultimi anni crollati per ribaltoni e idiozie varie(mi rendo conto che a sinistra ci sia gente "romantica" a cui piace fare opposizione anche quando è al governo) non ci sono praticamente MAI stati governi di sinistra: o consideravi di sinistra la DC?Fate attenzione a farvi plagiare dal TG, pensate con le vostre teste: è una cosa più importante dei discorsi da bar sulle squadre di calcio.Non c'è "noi" di sinistra e "voi" berlusconiani.... ci siamo noi italiani e loro che ci governano ma hanno la tendenza a regnare
                • Anonimo scrive:
                  Re: Class action
                  - Scritto da: Fate attenzione a farvi plagiare dal TG, pensate
                  con le vostre teste: è una cosa più importante
                  dei discorsi da bar sulle squadre di
                  calcio.
                  Non c'è "noi" di sinistra e "voi"
                  berlusconiani.... ci siamo noi italiani e loro
                  che ci governano ma hanno la tendenza a
                  regnareoooh :) un post sano da quotare totalmente.aggiungo solo "aghfanistan" :D :D
                • Anonimo scrive:
                  Re: Class action
                  A me fanno ancora più schifo le continue menzogne con cui hanno portato l'opinione pubblica verso l'odio raziale perchè si giustificasse la COLONIZZAZIONE del medio oriente(tra l'altro per la quale tutti i nostri organi d'informazione hanno lavorato per poi arricchire solo gli USA, non certo l'Italia).Siamo andati in Iraq per portargli la democrazia.... certo.... con le bombe e le torture
          • Anonimo scrive:
            Re: Class action
            Assolutamente no. Ma neanche è vero che non esista nulla di simile.Ciao,Piwi
          • Anonimo scrive:
            Re: Class action
            Proposta di legge lettieri nel 2004 (margherita)bloccata dal centrodestrahttp://es.camera.it/_dati/leg14/lavori/stenografici/sed495/s470.htm
          • xWolverinex scrive:
            Re: Class action
            Ce l'ho ce l'ho !!http://www.helpconsumatori.it/news.php?id=8520
        • Anonimo scrive:
          Hanno ragione i consumatori
          Le copie private DEVONO ESSERE CONSENTITE.
          • Anonimo scrive:
            Re: Hanno ragione i consumatori
            a prescindere da questo, un azienda non deve poter ignorare una legge
            • Anonimo scrive:
              Re: Hanno ragione i consumatori
              - Scritto da:
              a prescindere da questo, un azienda non deve
              poter ignorare una
              leggeBingo: è importantissima la questione della copia privata(se si rovina un cd/dvd,nessuno lo cambia),ma è vitale che nessuno possa agire in barba alla legge,mentre questo accade impunemente da anni.Sony con la questione dei rootkit ha pagato? Non mi pare.Le major ledendo il diritto alla copia privata pagano? Non mi pare proprio.Troppo comodo fare la voce grossa solo con i deboli e chiudere tutti e due gli occhi coi potenti.
              • Anonimo scrive:
                Re: Hanno ragione i consumatori
                - Scritto da:
                Sony con la questione dei rootkit ha pagato? Non
                mi
                pare.Ti sei perso qualche misera class action lawsuit a riguardo. Ha pagato, ma secondo me non abbastanza.
                • Anonimo scrive:
                  Re: Hanno ragione i consumatori
                  - Scritto da:
                  Ti sei perso qualche misera class action lawsuit
                  a riguardo. Ha pagato, ma secondo me non
                  abbastanza.Sono a conoscenza di quelle,ma è assurdo che debba essere qualcuno a denunciare,quando la faccenda è di pubblico dominio: nessuno ha agito d'ufficio,quando c'erano tutti i presupposti per farlo(le denunce per danni,quelle sì che sarebbero dovute partire per iniziativa dei danneggiati).Secondo me era un fatto piuttosto grave,andava dato un segnale forte.
                • Anonimo scrive:
                  Re: Hanno ragione i consumatori

                  Secondo me era un fatto piuttosto grave,andava
                  dato un segnale
                  forte.andava dato un segnale onesto.
                • Anonimo scrive:
                  Re: Hanno ragione i consumatori

                  andava dato un segnale onesto.Contro un colosso come Sony? Nessuno morde la mano che lo nutre, a partire dai governi.
                • Anonimo scrive:
                  Re: Hanno ragione i consumatori
                  - Scritto da:


                  andava dato un segnale onesto.

                  Contro un colosso come Sony? Nessuno morde la
                  mano che lo nutre, a partire dai
                  governi.Un segnale forte? Io son dell'idea che questi 3 qua si siano ben premurati, grazie ad amici avvocati, di controllare se hanno qualche possibilità di vincere la causa e non portare in tribunale una multinazionale con poi, l'onere pure, di dover pagare tutte le spese.Oggi giorno tutto costa tantissimo ed i soldi son sempre più pochi. Politici e major depauperano il popolo. Chi vuoi che si metta a mangiarsi fuori la casa? Piuttosto, si rimane ignoranti, evitando di fatto di comprare supporti coperti da DRM così, le major rimangono impunite ed il popolino ignorante.
              • Anonimo scrive:
                Re: Hanno ragione i consumatori

                Sony con la questione dei rootkit ha pagato? Non
                mi
                pare.Domanda: Ma se il CDAUDIO lo metti qui (http://www.iload.com/video_demo_iload.html), per essere rippato in MP3, fa' danni ? non mi pare.Se lo metti che so in un OSX o in un PC con sistemi operativi alternativi (BeOS, linux, ARoS, etc etc ...) fa' danni ?Non mi pare.Se tu usi un sistema operativo "di cattivo gusto"(= (win) ), e ti si incarta il pc, la colpa di chi è?Tua mi pare !!!
                Le major ledendo il diritto alla copia privata
                pagano? Non mi pare
                proprio.Mio caro .. il tuo diritto di copia privata è già terminato quando hai finito le elementari e sei entrato nell'era digitale :DEsistono sempre dei lettori CD AUDIO da tavolo con uscita ottica :) rippa da lì.
                • Anonimo scrive:
                  Re: Hanno ragione i consumatori
                  - Scritto da:
                  Domanda: Ma se il CDAUDIO lo metti qui
                  (http://www.iload.com/video_demo_iload.html), per
                  essere rippato in MP3, fa' danni ?

                  non mi pare.
                  Se lo metti che so in un OSX o in un PC con
                  sistemi operativi alternativi (BeOS, linux, ARoS,
                  etc etc ...) fa' danni
                  ?
                  Non mi pare.

                  Se tu usi un sistema operativo "di cattivo
                  gusto"(= (win) ), e ti si incarta il pc, la colpa
                  di chi
                  è?
                  Tua mi pare !!!Mamma mia come siete pesanti con la vostra guerra di religione sugli os...Non vi si sopporta molto,vedete di regolarvi.Cosa c'entra l'os qui?Hanno inserito dei rootkit,che paghino,la colpa è solo loro(e no,mai successo nulla del genere a me,anche perchè non c'è pericolo che possa comprare un cd sony,vista la gente che ha sotto contratto).
                  Esistono sempre dei lettori CD AUDIO da tavolo
                  con uscita ottica :) rippa da
                  lì.
                  Complimenti,hai capito perfettamente qual era il punto della discussione...
            • Anonimo scrive:
              Re: Hanno ragione i consumatori
              - Scritto da:
              a prescindere da questo, un azienda non deve
              poter ignorare una
              leggeNemmeno l'italiano andrebbe ignorato :-P
            • Anonimo scrive:
              Re: Hanno ragione i consumatori
              - Scritto da:
              a prescindere da questo, un azienda non deve
              poter ignorare una
              leggementre un "privato" si. ma va.
Chiudi i commenti