Fotocamere, ecco l'ibrida di Samsung

Seguendo le orme di Panasonic, anche Samsung ha svelato una fotocamera digitale che promette di combinare la potenza e la flessibilità di una reflex con la praticità di una compatta. Obiettivo, conquistare la testa del mercato

Roma – Il sistema Micro QuattroTerzi sviluppato congiuntamente da Panasonic e Olympus , e alla base della Panasonic Lumix G1 , sembra fare scuola. Samsung ha infatti annunciato la sua prima linea di fotocamere digitali “ibride”, chiamata NX, i cui modelli si pongono a metà strada tra una DSLR (reflex) e una compatta.

la macchina fotografica Samsung afferma che le fotocamere della serie NX combinano le performance e la qualità di una reflex digitale con la portabilità e la semplicità d’uso di una compatta point-and-shoot. Il paragone va fatto in particolare con le compatte più evolute, le cosiddette bridge , con cui le macchine NX condividono all’incirca peso e dimensioni ma differiscono invece per due aspetti fondamentali: l’utilizzo di un sensore più grande (in formato APS-C , dunque simile a quello utilizzato sulla maggior parte delle DSLR consumer e prosumer) e il supporto alle ottiche intercambiabili .

Dalle DSLR le nuove fotocamere di Samsung si distinguono invece per il corpo più compatto e leggero e per l’adozione di un mirino elettronico (EVF) al posto di specchio e pentaprisma (o del più economico pentaspecchio ). Secondo Samsung, l’adozione di un EFV ha permesso di ridurre la distanza tra ottica e sensore di circa il 60% rispetto alle reflex tradizionali e, di conseguenza, di progettare un corpo macchina più compatto e sottile.

Come per le normali fotocamere bridge, l’utente può inquadrare la scena o il soggetto da fotografare dentro il mirino elettronico oppure direttamente sul display LCD.

il dispositivo La già citata Lumix G1 di Panasonic ha avuto il grande merito di rimuovere alcuni dei principali limiti legati all’utilizzo dell’EVF, rendendo la fedeltà e l’affidabilità di questo dispositivo più vicine a quelle del classico sistema a pentaprisma, anche in condizioni di scarsa luce. A ciò va aggiunto che Panasonic è riuscita a sviluppare un sistema di messa a fuoco altrettanto veloce di quelli forniti dalle comuni DSLR entry-level. Ci si aspetta dunque che il mirino elettronico e il sistema di messa a fuoco integrati nelle ibride coreane siano quanto meno al passo di quelli visti nella G1.

Purtroppo Samsung non ha rivelato ancora alcun dettaglio tecnico sulle proprie fotocamere NX: presso il CeBIT si è limitata a mostrare solo dei mock-up, ossia campioni dimostrativi privi di elettronica interna. C’è chi ipotizza che il sensore possa essere lo stesso modello da 14,6 megapixel già utilizzato da Samsung nella propria DSLR K20, e che anche la baionetta per l’innesto delle ottiche sarà la stessa già vista sulle reflex: quest’ultima caratteristica potrebbe consentire l’uso degli obiettivi progettati per le DSLR della serie K, ma quasi certamente sarà necessario un apposito adattatore , così come avviene sulla G1 (che utilizza ottiche più compatte e leggere di quelle tradizionali per QuattroTerzi).

l'ibrida Si vocifera inoltre che il primo modello di NX includerà anche una porta HDMI e la capacità di registrare video in alta definizione: ciò farebbe di questa macchina una rivale della futura Lumix GH1 , diretta evoluzione della G1.

“Riteniamo che le fotocamere digitali ibride costituiranno il 20% delle vendite nel mercato delle digital camera nel 2012”, ha affermato Paolo Sandri, vice presidente della divisione Audio Video e Digital Camera di Samsung Italia. “Il lancio della serie NX, capace di combinare i punti di forza delle Reflex DSLR e delle compatte digitali, aiuterà Samsung Digital Imaging a raggiungere l’ambizioso obiettivo di divenire il marchio leader della fotografia digitale entro il 2012”. Un obiettivo certamente ambizioso quello annunciato da Samsung, per raggiungere il quale l’azienda ha recentemente rafforzato il proprio business relativo alle digital camera istituendo una divisione aziendale dedicata: la Digital Imaging.

“L’istituzione della divisione Samsung Digital Imaging ha comportato una migliore efficienza e convergenza fra i diversi settori di business Samsung, dai semiconduttori, ai pannelli LCD, al segmento dell’elettronica di consumo”, ha spiegato la società. “Questo nuovo allineamento verticale – sostiene l’azienda – creerà un vantaggio competitivo per Samsung, incoraggiando una più efficiente collaborazione fra tutte le business unit e aiutando l’azienda, al contempo, a sviluppare un’eccellenza di innovazione e tecnologia nei prodotti del digital imaging, inclusa anche la debuttante Serie NX”.

Serie NX il cui primo modello dovrebbe debuttare sul mercato nella seconda metà del 2009 ad un prezzo ancora sconosciuto.

Alessandro Del Rosso

fonte ultima immagine

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • gerlos scrive:
    Non è il solo in questo campo
    ...E non è il solo progetto del genere in questo campo!Anch'esso sostenuto da molte istituzioni (guarda caso, anche qui tedesche) e da molte imprese c'è Nepomuk, di cui, diversamente da theseus, si può parlare al presente, visto che c'è già un'implementazione funzionante, anche se ancora incompleta, in KDE4:http://nepomuk.semanticdesktop.org/http://dev.nepomuk.semanticdesktop.org/http://trueg.wordpress.com/http://nepomuk.kde.org/Seguo nepomuk e kde4 da un paio di mesi e sono seriamente impressionato dalla velocità con cui cresce e dalle rivoluzionarie idee che porta, anche se nelle aree pubbliche non c'è molta documentazione visibile, per ora (il grosso delle energie sono orientate allo sviluppo). E intanto c'è chi, non pago di tanta innovazione, pensa al prossimo passo, il "Social Desktop":http://techbase.kde.org/Projects/Social-Desktophttp://www.kdedevelopers.org/node/3643
  • umh scrive:
    provate questa cosa
    ho trovato questo, potrebbe essere utilissimo per hidden web e web semanticohttp://www.whereisnow.comhttp://sourceforge.net/projects/desknow
    • Fran scrive:
      Re: provate questa cosa
      HAHAHA!!! Neanche si capisce che è fatto da un italiano! Bell'inglese, complimenti!Era una segnalazione disinteressata questa, vero?
  • Nilok scrive:
    DISINFORMAZIONE
    Augh!L'Intelighenzia teutonica, ma NON il grande popolo GERMANICO, sta asfaltando la strada della disinformazione globale.Ho parlato.Nilok-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 05 marzo 2009 07.30-----------------------------------------------------------
  • guast scrive:
    Un primo passo
    Una volta realizzata l'infrastruttura semantica potrebbero partire realizzando una nuova Wikipedia. Semplicemente riclassificando la nostra conoscenza potrebbero venire fuori delle belle novità
Chiudi i commenti