Fotofonini, si rischia la galera

Almeno negli Stati Uniti, dove Bush presto firmerà una legge ad hoc. Sarà punibile con multe salatissime e carcere chi scatta foto dove e quando non deve


Washington (USA) – Spogliatoi, studi medici, case private: sono molte le occasioni nelle quali ci si può aspettare di essere rispettati nella propria privacy. E sono proprio queste le occasioni in cui, qualora qualcuno scattasse negli USA una fotografia, rischierebbe il carcere.

A deciderlo è una nuova legge approvata dal Congresso in queste ore e che nei prossimi giorni troverà la firma del presidente Bush per la promulgazione. Una normativa che, tanto per cambiare, nasce dalla diffusione dei fotofonini. Ciò che preoccupa ancora una volta, infatti, non è tanto la possibilità che vengano scattate fotografie di nascosto quanto che queste possano facilmente e rapidamente essere distribuite o pubblicate su internet.

Ad essere presi nel mirino sono, in particolare, video o foto di persone che si stanno svestendo o che sono nudi, catturate di nascosto in situazioni nelle quali le “vittime” hanno tutto il diritto di non essere riprese. Chi dovesse violare questa normativa potrà trovarsi con multe fino a 100mila dollari oppure carcere fino ad un anno.

Un grosso limite alla legge statunitense, che armonizza una serie di leggi dei singoli stati che solo in qualche raro caso hanno reso esplicitamente illegale certi video e foto, è di essere applicabile esclusivamente a quelle strutture che sono di gestione federale. Vale a dire, dunque, che le basi militari o i parchi nazionali o, ancora, gli edifici governativi saranno gli unici luoghi nei quali questa legge potrà essere applicata. Al di fuori di queste fattispecie, infatti, interverranno ove presenti le leggi del singolo stato, che mantiene com’è ovvio la piena giurisdizione sul proprio territorio.

Sebbene ben prima dell’avvento dei fotofonini fosse già tecnicamente possibile scattare segretamente fotografie, ormai in mezzo mondo si diffonde il timore che i nuovi dispositivi portino ad una nuova “cultura voyeuristica”. Se in Arabia Saudita i ministri si sono appellati al re affinché acconsenta al commercio dei nuovi cellulari, la galera per chi fotografa ciò che non deve è un’opzione già contemplata nella legislazione neozelandese .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Re: Soluzione2:Internet via rete elettri

    Perchè non spingono l'internet su
    rete elettrica?Forse costa molto piu' di una fibra e rende molto meno.
    Proprio enel .....Forse non vuole interferire sul
    monopolio telecom. Strano però perchè è proprietaria
    di wind-infostrada Wind-Infostrada sta interferendo col monopolio Telecom.Ti porta internet fino in casa, con cavi suoi. Si chiama ULL.Disponibile in poche citta', ma in rapido aumento.
  • Anonimo scrive:
    Che schifo!
    Mi vergogno di essere italiano
  • marco.jj scrive:
    Soluzione2:Internet via rete elettrica
    Perchè non spingono l'internet su rete elettrica?Vedi http://punto-informatico.it/p.asp?i=49998 Proprio enel usa i nuovi contatori elettronici per leggere i consumi perchè non può by-passare l'ultimo miglio telecom? .... Forse non vuole interferire sul monopolio telecom. Strano però perchè è proprietaria di wind-infostrada ....Ciao8)
  • Anonimo scrive:
    Re: Connessioni NGI
    Guarda che e' la stessa :s
  • tigerman scrive:
    Re: Connessioni NGI
    - Scritto da: Anonimo
    infatti e' la piu' cara, schifosa e senza
    banda d'italia al momentointanto caro anonimo solo per il fatto che sei anonimo non fai testoInoltre io ho 2 adsl di NGI, una a casa e una al lavoro, e ti assicuro che in 2 anni non ho MAI avuto problemi di banda e/o packet loss, dico MAI, sai cosa vuol dire MAI???Sarai uno sfigato che magari abita in una zona sfigata dove siete in 3 ad avere l adsl di NGI e gli altri 2 scaricano come porci e te rimani senza banda, e cmnq sono casi sporadici, inoltre NGI fa mensilmente upgrade di banda proprio per ovviare a questo problema.Pingo dai 10 a 20 ms in tutta italia, 40ms in inghilterra e 130 in america, ti basta?L'unico neo è che ogni tanto , di notte in particolare salta la linea per qualche minuto, parlo di un paio di volte al mese, qualche volta salta del tutto e nell arco di 2 gg ritorna tutto a posto (solo una volta c'hanno messo 1 settimana). Sempre meglio comunque di telecomerda.Adios!
  • AdessoBasta scrive:
    Ricordo che il moderatore...
  • bahamut87 scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECO
    RISPONDO A QUESTO:"ma perché le autostrade e le ferrovie non le abbiamo già pagate? E perchè si continua a pagare caselli e biglietti?Perché eiste la muntenzione.Perché mai? Per fare arrivare qulche telecom straniera a colonizzarci? Sei proprio sicuro di volere questo?Sei così sicuro? Vai a vedere bene in giro, non citare la Francia come vaso perchè ne esistono molti altri dove l'ADSL costa più che in italia. E soprattutto esistono molti paesi dove le telcom nazionali sono ancora più dominanti.In Europa non siamo affatto tra quelli più in ritardo nella liberalizzazione del mercato. Anzi.Vai a vedere quanto stato c'è in Deutsche Telekom.Vorresti veramente cancellare Telecom Italia e poi pagare il tuo canone ad un gruppo streaniero?"Il problema sta nel Monopolio al monopolista non interessa l'innovazione tecnologica e l'abbattimento dei prezzi perche tanto c'è solo lui!!! Qui si dovrebbe seguire (su questo senso) l'America dove li il monopolio e punito!! se in italia ci fossero piu compagnie di telefonia fissa, ed entrassero in competizione tra di l'oro NOI L'ADSL LA PAGHEREMO AD 1? AL MESE E NON A 640KBPS MA A 20MBPS
  • Anonimo scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECO


    Certo che lo paghi. seppur nascosto sotto
    forma di "scadenza della carta" che ti
    costringe a spendere un minimo annuo di
    manutenzione, pari al costo della ricarica
    minima disponibile.
    Ma soprattutto paghi il canone ogni volta che fai una ricarica.A gratis c'è solo l'aria.Finora!
  • bahamut87 scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECO
  • Anonimo scrive:
    Re: CO VUOLE UN'AZIONE CLAMOROSA VS TELECOM!

    hai ragione: ci vorrebbe che gli operatori
    alternativi, invece di vivere come parassiti
    di telecom e lamentarsi, fornissero una vera
    alternativa.Già parassiti, perchè stanno proprio bene, tutti gli operatori alternativi, navigano nell'oro... la albacom facevano a gara per venderla il prima possibile, wind poi c'ha + debiti che fatturato, ma in fondo è colpa loro, tutti parassiti, tutti a lamentarsi di telecom e, di nascosto, a fare i miliardi..... Ma ragazzi se non sapete le cose non emettete dei giudizi cosi' superficiali. Telecom non ha mai mollato la sua posizione dominante, detiene ancora oltre l'80% del mercato con un'infrastruttura pagata in oltre 50 anni di investimenti dello stato (e quindi con soldi nostri) e cosa dovrebbero fare gli operatori alternativi ....... ma vai va
  • Anonimo scrive:
    Re: WIFI "esteso" e WIMAX SONO LA SOLUZIONE

    agli ISP non interessa poi così tanto
    construire un mercato alternativo a telecom
    in senzo globale a loro basta poter
    rivendere i serivizi di telecom e lucrarci
    sopra pochi centesimi che moltiplicato per
    qulache milione di utenti fa molti soldi con
    poco sforzo iniziale (=capitale).

    Fare quello che proponi, a parte che oggi
    credo sia ancora da normare, costa
    investimenti.Ma cosa ne sai ? ma chi sei per emettere giudizi del genere sugli "isp" che tra l'altro sono un gruppo molto vario fatto di aziende molto diverse in termini di risorse e progetti."moltiplicato per qualche milione di utenti " ... ma quanti ISP esistono secondo te con "milioni di utenti" Telecom e poco piu' .... cerca di non fare analisi da due soldi di situazioni che non conosci, evita è meglio
  • Anonimo scrive:
    Re: WIFI "esteso" e WIMAX SONO LA SOLUZIONE
    In effetti le norme ci sono già.. non si può fare.Pensa però alle potenzialità del creare una rete alternativa dove ogni quartiere o gruppo di case gestisce un'antenna omnidirezionale che funge da bridge con le altre stazioni confinanti.. una vera rete libera.
  • Anonimo scrive:
    Re: WIFI "esteso" e WIMAX SONO LA SOLUZI
    - Scritto da: AnonimoGasparri sembra un
    reggente messo lì, come se avessero
    messo la fidanzata di Albano a dirigere il
    CNR.xkè nn sta al ministero con intelligenza gasparri la lecciso?????
    Scemino! Lo so bene chi è! Il mio
    commento era ironico! ps lo sapevo !!!!;-)
  • Anonimo scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECO

    Scusa, ma stai dicendo una cavolata....
    Allora tu pagheresti anche un fisso mensile
    alla societa' autostrade solo perche' le
    autostrade esistono ed hai la possibilita'
    di usarle quando ti servono??

    Non ti pare ridicolo?Sì, ma non ho detto questo.Ho detto che PRINCIPALMENTE il canone è dovuto per il fatto che il tuo telefono squilla se qualcuno ti chiama. Questo ha un costo, e lo devi pagare. Sul quanto possiamo discutere, ma pretendere di avere i servizi gratis...
  • Anonimo scrive:
    Re: WIFI "esteso" e WIMAX SONO LA SOLUZI
    Scemino! Lo so bene chi è! Il mio commento era ironico! Gasparri sembra un reggente messo lì, come se avessero messo la fidanzata di Albano a dirigere il CNR.
  • Anonimo scrive:
    Re: ora basta

    se sono un utente internet Tiscali
    devo preoccuparmi di quello che combina
    tiscali e non quello che combina telecom! hai perfettamente ragione: chiedi che ti portino un filo a casa....
  • Anonimo scrive:
    Re: WIFI "esteso" e WIMAX SONO LA SOLUZI
    - Scritto da: Anonimo
    Intelligenza chi? Non mi risulta che sia
    stato ancora nominato il ministro delle
    comunicazioni.. quale è il ministero che si occupa di telecomunicazioni????il ministero dell'agricoltura ???o quello dei rapporti col parlamento?e chi è che regge tale ministero??intelligenza gasparri o forse mi sbaglio??saluti
  • Anonimo scrive:
    Re: WIFI "esteso" e WIMAX SONO LA SOLUZIONE
    Secondo me l'autore del post ha ragione. Gli investimenti non sono poi così importanti, i primi esperimenti si potrebbero fare con una ADSL da 1 mbit, un access pont wi-fi e un'antenna potenziata. Se cominciassero tutti su questa strada non credo il fenomeno si potrebbe arrestare.Ottimo il link al documento per le community lan!
  • Anonimo scrive:
    Re: monopolio privato garantito dallo stato
    - Scritto da: Anonimo
    Il Sig. Tronchetti Provera non ha mica
    comprato Telecom per restare con il cerino
    in mano. Telecom Italia è e
    sarà il monopolista, e lo Stato
    salvaguarderà questa condizione,
    almeno finchè non saranno ripianati i
    debiti derivanti dalla famosa OPA di
    Colanninno. Le centinaia di migliaia di
    dipendenti fanno da garanzia al tutto.
    Nessuno di quelli che contano avrebbe da
    guadagnare se ci fosse maggiore concorrenza.
    Neanche i sindacati, Telecom non ha mica
    ristrutturato da quando è diventata
    privata, sta solo aspettando che il grosso
    dei dipendenti raggiunga la pensione. quello che dici è semplicemente falso: Telecom ha razionalizzato la sua struttura cedendo migliaia di persone come rami aziandali interi ad altre aziende, e non ci sono più svariate centinaia di migliai di dipendenti.
    Se ci fosse stata concorrenza il livello
    occupazione non sarebbe mica stato lo
    stesso..è vero quelle persone sarebbero passate in altre azinede come Wind, infostrada etc.... per poi tornare in Telecom quando falliscono (vedi Blu)
    Se all'epoca invece di privatizzare un
    monopolista senza intaccare il monopolio
    stesso di fosse proceduto alla suddivisione
    di Telecom in un numero imprecisato di
    aziende indipendenti l'una dall'altra, sulla
    falsariga della suddivisione che negli
    USAdalla AT&T ha fatto nascere i vari «Baby
    Bell», allora oggi avremmo molte cose
    diverse, ma soprattutto un paese più
    avanzato e più soldi in tasca...bell'esempio: citi un paese in cui per fare un interurbana a volte dovevi passare per le centraliniste....ma lo sai quanto schifo hanno fatto i servizi telefonici in america per un bel po' di tempo?Ma lo sai quanto indietro sono anche nel campo dei cellulari?I prezzi bassi non si coniugano necessariamente con la qualità. Anzi.
  • Anonimo scrive:
    Re: WIFI "esteso" e WIMAX SONO LA SOLUZI
    Intelligenza chi? Non mi risulta che sia stato ancora nominato il ministro delle comunicazioni.. ormai sono anni che abbiamo un reggente. Brava persona ma purtroppo senza competenze per il ruolo.
  • Anonimo scrive:
    Re: WIFI "esteso" e WIMAX SONO LA SOLUZIONE
    - Scritto da: Anonimo
    Strano che ancora nessuno ci sia arrivato..
    probabilmente perchè questa soluzione
    non conviene neanche agli ISP diversi da
    Telecom. agli ISP non interessa poi così tanto construire un mercato alternativo a telecom in senzo globale a loro basta poter rivendere i serivizi di telecom e lucrarci sopra pochi centesimi che moltiplicato per qulache milione di utenti fa molti soldi con poco sforzo iniziale (=capitale).Fare quello che proponi, a parte che oggi credo sia ancora da normare, costa investimenti.
  • Anonimo scrive:
    Re: CO VUOLE UN'AZIONE CLAMOROSA VS TELECOM!
    - Scritto da: Anonimo
    Lo volete capire o no.
    Le parole, non servono piu', le petizioni
    non servono A NULLA...hai ragione: ci vorrebbe che gli operatori alternativi, invece di vivere come parassiti di telecom e lamentarsi, fornissero una vera alternativa.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perché esiste il canone...
    - Scritto da: Anonimo
    Paghi 15 euro al mese di canone anche
    all'Enel   ???non ho detto che l'importo sia giusto o sbagliato, ho solo detto perché esiste un canone.Poi è leggitimo dire: va bene ma 15 ? sono troppi. Il prezzo comunque lo definisce l'authority e non Telecom, e se esistesse un mercato lo farebbe il mercato.
  • Anonimo scrive:
    Re: WIFI "esteso" e WIMAX SONO LA SOLUZI
    - Scritto da: Anonimo
    Strano che ancora nessuno ci sia arrivato..
    probabilmente perchè questa soluzione
    non conviene neanche agli ISP diversi da
    Telecom.

    Potete trovare delle informazioni per creare
    una rete estesa basata sul 802.11 (wifi) a
    questo indirizzo:

    www.wlan.org.uk/lets_set_up_a_community_wlan.

    La copertura si estende facilmente fino a
    32-40 km.
    Si potrebbero così facilmente creare
    delle reti cittadine o di quartiere con
    costi esigui e con i migliori risultati per
    il cittadino.

    Ovviamente la legge italiana impedisce l'uso
    di queste frequenze oltre una certa soglia
    di potenza (la portata è quella del
    telefono cordless di casa, per intenderci).
    Sennò il canone non lo pagherebbe
    più nessuno. E non avvantaggerebbe
    neanche gli operatori alternativi che non
    venderebbero i servizi casa per casa, ma
    sarebbero costretti a competere in gare per
    aggiudicarsi la fornitura all'intero
    quartiere con conseguenti riduzioni di costi
    esagerate grazie alle economia di scala ed
    all'eliminazione degli sprechi portata
    dall'uso multiutente della rete.

    Dulcis in fundo, questa è anche la
    soluzione per coprire le zone 'dimenticate'
    dall'ADSL.

    Fate voi.

    Questo messaggio ha un valore puramente
    informativo.e intelligenza gasparri che ne pensa???......pensare poi........nn rigliesce affatto....
  • Anonimo scrive:
    WIFI "esteso" e WIMAX SONO LA SOLUZIONE
    Strano che ancora nessuno ci sia arrivato.. probabilmente perchè questa soluzione non conviene neanche agli ISP diversi da Telecom. Potete trovare delle informazioni per creare una rete estesa basata sul 802.11 (wifi) a questo indirizzo:http://www.wlan.org.uk/lets_set_up_a_community_wlan.docLa copertura si estende facilmente fino a 32-40 km.Si potrebbero così facilmente creare delle reti cittadine o di quartiere con costi esigui e con i migliori risultati per il cittadino.Ovviamente la legge italiana impedisce l'uso di queste frequenze oltre una certa soglia di potenza (la portata è quella del telefono cordless di casa, per intenderci). Sennò il canone non lo pagherebbe più nessuno. E non avvantaggerebbe neanche gli operatori alternativi che non venderebbero i servizi casa per casa, ma sarebbero costretti a competere in gare per aggiudicarsi la fornitura all'intero quartiere con conseguenti riduzioni di costi esagerate grazie alle economia di scala ed all'eliminazione degli sprechi portata dall'uso multiutente della rete.Dulcis in fundo, questa è anche la soluzione per coprire le zone 'dimenticate' dall'ADSL.Fate voi.Questo messaggio ha un valore puramente informativo.
  • Anonimo scrive:
    Re: Perché esiste il canone...

    Perche allora, non fare pagare il canone
    come percentuale sulle chiamate, non chiami,
    non paghi, altro che bollette da 50/60 ? con
    2 euro di traffico, maledetti...
    E poi da un doppino di rame interrato ti
    dura cento anni, che cavolo di manutenzione
    ha bisogno...?
    Estorsione...il canone è circa 14 ? + IVA al mese la differenza sono tutti servizi che non sono parte del canone (tipo il chi è, o altri) se vuoi puoi disdirli. Se paghi 50-60 ? hai una ventina di ? di servizi extra o traffico.
  • Anonimo scrive:
    Re: Connessioni NGI
    infatti e' la piu' cara, schifosa e senza banda d'italia al momento
  • Anonimo scrive:
    Re: CO VUOLE UN'AZIONE CLAMOROSA VS TELE
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Lo volete capire o no.

    Le parole, non servono piu', le
    petizioni

    non servono A NULLA...
    L'unica azione clamorosa possibile per aver
    attenzione dalle varie Telecozz, Tiscaluz,
    Windsorf,Infosentiero etc. etc. vorrebbe che
    TUTTI gli abbonati di un operatore, a turno,
    per due mesi (60 giorni) non usassero, se
    non in casi di assoluta necessità
    (terremoti, inondazioni, guerra, attacco
    terrorista et similari) il telefono per
    chiamare.
    Due mesi di mancate telefonate sono il
    classico bimestre di fatturazione,:
    prenderebbero nel caso di telecozz si i
    soldi del canome, ma sai quanti soldi in
    meno di traffico? Se poi dopo aver esaurito
    tutti gli attuali fornitori di servizi
    telefonici per gradire si ricominciasse il
    giro, dopo due o tre volte dello scherzetto
    capirebbero il significato, e cioè
    che chi comanda non è l'azienda ma il
    consumatore.
    Difficoltà...una sola: l'assoluta
    incapacità del 90% degli italiani a
    FARE...a parole tutti buoni ma nei fatti poi
    tutti siamo indifferenti.; NON serve che io
    soltanto per due mesi non uso telecozz, lo
    deve fare almeno il 90% degli utenti
    telecozz!!! (la cosa è mera utopia
    per definizione :(, ma la speranza è
    dura a morire!:$)scusa ma hai capito che siamo in itaja??????nn è nemmeno utupia.......è fantascienza come i viaggi nel tempo
  • Anonimo scrive:
    Re: CO VUOLE UN'AZIONE CLAMOROSA VS TELECOM!
    - Scritto da: Anonimo
    Lo volete capire o no.
    Le parole, non servono piu', le petizioni
    non servono A NULLA...L'unica azione clamorosa possibile per aver attenzione dalle varie Telecozz, Tiscaluz, Windsorf,Infosentiero etc. etc. vorrebbe che TUTTI gli abbonati di un operatore, a turno, per due mesi (60 giorni) non usassero, se non in casi di assoluta necessità (terremoti, inondazioni, guerra, attacco terrorista et similari) il telefono per chiamare.Due mesi di mancate telefonate sono il classico bimestre di fatturazione,: prenderebbero nel caso di telecozz si i soldi del canome, ma sai quanti soldi in meno di traffico? Se poi dopo aver esaurito tutti gli attuali fornitori di servizi telefonici per gradire si ricominciasse il giro, dopo due o tre volte dello scherzetto capirebbero il significato, e cioè che chi comanda non è l'azienda ma il consumatore.Difficoltà...una sola: l'assoluta incapacità del 90% degli italiani a FARE...a parole tutti buoni ma nei fatti poi tutti siamo indifferenti.; NON serve che io soltanto per due mesi non uso telecozz, lo deve fare almeno il 90% degli utenti telecozz!!! (la cosa è mera utopia per definizione :(, ma la speranza è dura a morire!:$)
  • Anonimo scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECO
    Ok ci rinuncio a trovare esempi.... tanto si sa...Le aziende di telecomunicazioni sono tutte in fallimento perché hanno costi di gestione elevatissimi e pochissimi introiti....!!!Perfortuna vala' che la telecom non deve mantenere anche "qualche" centrale idroelettrica o termoelettrica, oppure i tralicci dell'alta tensione in tutta italia con le relative infrastrutture,e qualche migliaia di cabine che "ronzano dalla mattina alla sera" ... altrimenti avremmo un canone di 300-400 euro al mese ...!!!Santa Telecom!
  • Anonimo scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECO
    Ti sei scordato dal calcolo anche lo stipendio delle centinaia di persone sottopagate e sfruttate dei call center che fanno finta di far cadere la linea quando non sanno cosa rispondere, o che ti attivano e disattivano i servizi a loro piacimento....Oppure i vari costi di fusione con TIM....(http://www.zeusnews.it/index.php3?ar=stampa&cod=3579&numero=999)Se ci fosse una reale possibilità di scelta, la Telecom con quello che offre oggi in Italia chiuderebbe domani !
  • Anonimo scrive:
    CO VUOLE UN'AZIONE CLAMOROSA VS TELECOM!
    Lo volete capire o no.Le parole, non servono piu', le petizioni non servono A NULLA...
  • giu scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECO
    - Scritto da: Anonimo
    Ok, non ti piace l'esempio ?.....

    Prendiamone un altro...
    Quanto paghi di canone all'Enel al mese ?Qualche euro ? Il costo e` ovviamente minore rispetto a quello della linea telefonica in quanto si tratta di un sistema in cui la maggior parte della rete e` condivisa (il contatore si trova in casa dell'utente, il resto e` una coppia condivisa).Giuseppe
  • Anonimo scrive:
    Re: monopolio privato garantito dallo st
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    Sono d'accordo con te : telecom dovrebbe

    essere spezzettata!!!
    Maaa... la mafia sta in Trinacria o a
    Palazzo?la mafia è a palazzo di sicuro, nelle ville come quella di Berlusconi, sugli yacht come quello di d'Alema e sugli Aerei privati come quello di Tronchetti ecc. ecc.Ti basta???
  • giu scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECO
    - Scritto da: Anonimo
    perchè con le prepagate dei cellulari
    paghi un canone fisso x ricevere le chiamate
    ?Certo che lo paghi. seppur nascosto sotto forma di "scadenza della carta" che ti costringe a spendere un minimo annuo di manutenzione, pari al costo della ricarica minima disponibile.In ogni caso nel caso della telefonia mobile il costo e` molto minore, in quanto a) ti viene allocata in modo dedicato una quantita` minima di risorse (il numero, un record nel gestionale, ...) e b) i costi di manutenzione della rete sono minori (o comunque non imputabili al singolo cliente).Nel caso della telefonia fissa vi sono dei costi imputabili DIRETTAMENTE ad un singolo cliente (la linea, lo spazio in centrale e sui commutatori, una quota dei tubi e dei pali, l'energia elettrica utilizzata per telealimentare il tuo telefono, una quota dell'energia elettrica usata per alimentare le aparecchiature in centrale, una quota della derattizzazione in centrale e nei cavidotti, una quota dei costi immobiliari, il costo delle risorse di numerazione, ...). In definitiva una linea fissa ha dei costi (elevati) anche quando non la usi.Giuseppe
  • Anonimo scrive:
    Re: Perché esiste il canone...
    - Scritto da: Anonimo
    "Assoprovider - continua la nota - non
    comprende perché l?operatore
    monopolista privato debba per forza godere
    del canone del servizio di fonia (le cui
    infrastrutture sono già state pagate
    dagli utenti con gli investimenti statali
    della ex SIP) se oggi è già
    possibile avere un servizio alternativo"

    queste affermazioni lasciano il tempo che
    trovano.

    E' evidente che un doppino ha costi di
    installazione, ma anche di manutenzione. Il
    costo del canone ADSL è ai livelli
    che è non perché costi
    così, ma perché il canone
    copre già le spese di manutenzione
    della rete stessa.

    Altrimenti è necessario introdurre
    due tariffe: una per chi paga l'ADSL dopo
    avere già pagato i canone, l'altra,
    maggiore, per chi il canone non lo paga.Perche allora, non fare pagare il canone come percentuale sulle chiamate, non chiami, non paghi, altro che bollette da 50/60 ? con 2 euro di traffico, maledetti...E poi da un doppino di rame interrato ti dura cento anni, che cavolo di manutenzione ha bisogno...?Estorsione...
  • Anonimo scrive:
    C'E' UN NOME PER QUESTI
    il nome e' furfanti ..
  • Anonimo scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECO

    Vai a vedere quanto stato c'è in
    Deutsche Telekom.
    Vorresti veramente cancellare Telecom Italia
    e poi pagare il tuo canone ad un gruppo
    streaniero?

    si tutto meno che la telecom!!!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECO
    Ok, non ti piace l'esempio ?..... Prendiamone un altro...Quanto paghi di canone all'Enel al mese ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Perché esiste il canone...

    "Assoprovider - continua la nota - non
    comprende perché l?operatore
    monopolista privato debba per forza godere
    del canone del servizio di fonia (le cui
    infrastrutture sono già state pagate
    dagli utenti con gli investimenti statali
    della ex SIP) se oggi è già
    possibile avere un servizio alternativo"

    queste affermazioni lasciano il tempo che
    trovano.

    E' evidente che un doppino ha costi di
    installazione, ma anche di manutenzione. Il
    costo del canone ADSL è ai livelli
    che è non perché costi
    così, ma perché il canone
    copre già le spese di manutenzione
    della rete stessa.Ma che ti sei fumato? L'ossido di rame ?Oppure ci devi illuminare su verità a cui noi mortali non abbiamo accesso... ?
  • Anonimo scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECO
    perchè con le prepagate dei cellulari paghi un canone fisso x ricevere le chiamate ?
  • Anonimo scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECO
    - Scritto da: Anonimo

    Comunque la gente non é
    costretta a

    pagare un canone autostradale anche se
    non

    usa l'autostrada....

    E' invece costretta a pagare 15 euro al
    mese

    di telefono anche se non usa il
    telefono !!!

    Paragone assolutamente non calzante.
    Il canone lo paghi anche e soprattutto
    perchè godi cmq di un servizio anche
    se non telefoni: quello di essere chiamato,
    di disporre sempre e cmq di un servizio
    quando ti serve.Scusa, ma stai dicendo una cavolata....Allora tu pagheresti anche un fisso mensile alla societa' autostrade solo perche' le autostrade esistono ed hai la possibilita' di usarle quando ti servono??Non ti pare ridicolo?
  • Anonimo scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECO

    Comunque la gente non é costretta a
    pagare un canone autostradale anche se non
    usa l'autostrada....
    E' invece costretta a pagare 15 euro al mese
    di telefono anche se non usa il telefono !!!Paragone assolutamente non calzante.Il canone lo paghi anche e soprattutto perchè godi cmq di un servizio anche se non telefoni: quello di essere chiamato, di disporre sempre e cmq di un servizio quando ti serve.
  • Anonimo scrive:
    Re: mi spiegate cosa e "shared access"?

    in parole povere povere e terra terra...
    che cosa e ? e una specie dell uLL ?Racconto quello che credo di avere capito 1) ADSL con altro Telecom. In questo caso il filo viene diviso in due con un filtro in casa tua e la voce viagga nelle frequenze più basse i dati i nquelle più alte.Poi telecom gestisce in centrale i due fluissi di dati.2) ADSL con altro operatore. Anche qui usi il filtro in casa.In centrale lo stessa seprazione avviene tutta negli apparati di telecom.Poi telecom internamente alla propria rete porta i dati in protocollo ATM e/o IP fino ad un nodo dove "consegna" il flusso di dati all'operatore.3) l'unbundling del local loop (ULL), in cui ti sganci (formalemnte) al 100% da Telecom. L'operatore o ti porta un cavo suo (rame o fibra) o paga il noleggio a telecom dell'ultimo miglio. Nel secondo caso l'operatore installa un impianto in qualche centrale telecom e paga a telecom il noleggio dei cavi da casa tua fino al suo apparato.Lo shared access consiste invece in questo: subito dopo l'ultimo miglio appena si arriva in centrale si installa un'altro filtro e si separano i dati e la voce in modo da permettere immediatamente la gestione dei due flussi maniera totalmente indipendente.In questo modo l'operatore alternativo a Telecom può installare molte più apparecchiature proprie e pagare a Telecom meno "pedaggi". Praticamente solo l'ultimo miglio.Di fatto l'utente dovrebbe poter cambiare il fornitore di fonia e di dati in maniera indipendente e trasparente rispetto ai serivizi che sta pagando.Faccio un esempio: oggi hai Telecom per fonia e Tiscali per dati. Domani potresti chiedere a Wind di prendere la tua linea fonia al posto di quella Telecom e tenere tiscali per i dati: tutto questo senza- essere costrertto a prendere wind anche per i dati- staccare e riattaccare l'ADSL con un nuovo contratto Tiscali perché ti sei sganciato da Telecom fonia (tecnicamente magari la linea viene interrota ma si cerca così di minimizzare il disservizio).Perché i piccoli operatori non sfruttano ancora questo? Perché bisogna spendere in infrastrutture. E' molto melgio fare pagare a Telecom le infrastrutture e poi lamentarsi dei cannoni come causa del proprio insuccesso.In futuro però, una volta che gli operatori alternativi più grandi, Tiscali, Wind, avranno propri impianti installati, potrebbero a loro volta fornire servizi agli operatiri ISP più piccoli.E' questo che ha fatto la differenza in francia, e che in Italia non hanno ancora capito. Gli ISP si alleano e installano e noleggiano infrastrutture proprie.E' inutile dire: senza invenstimenti non può che rimanere tutto in mano a Telecom.
  • Anonimo scrive:
    Re: Connessioni NGI
    - Scritto da: Every
    Ho una connessione NGI senza avere la linea
    telefonica.
    Come me, molti altri, a partire dall'ottobre
    2002, stanno utilizzando tale
    opportunità: unica fra tutti gli ISP
    a proporla.

    Fra l'altro è anche la migliore sul
    mercato in termini di
    prestazioni/offerte/assistenza remota.Detto da un collaboratore di Ngi (almeno fino a qualche tempo fa) e' una bella cosa :)
  • Anonimo scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECOM...
    Io capisco la tua posizione, però non so se ti sei accorto che in Italia 99 persone su 100 vorrebbero vedre telecom smembrata domani....Comunque la gente non é costretta a pagare un canone autostradale anche se non usa l'autostrada....E' invece costretta a pagare 15 euro al mese di telefono anche se non usa il telefono !!!E riguardo al "non guardare la Francia".... io dico sempre che é con i primi che ti devi confrontare se vuoi diventare primo. Se ti confronti con gli ultimi, rimarrai sempre tra gli ultimi...
  • Anonimo scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECO

    ma perché le autostrade e le ferrovie
    non le abbiamo già pagate? E
    perchè si continua a pagare caselli e
    biglietti?
    Perché eiste la muntenzione.ma perche' tu paghi il biglietto del treno anche se non lo usi?o il biglietto dell'autostrada?Il canone dovrebbe al massimo essere proporzionato al consumo (un po' come la tariffa sui km che percorri) non un fisso al mese come la cara mamma telezoz ci fa pagare!E lasciamo perdere che la maggior parte dell'infrastruttura e' gia' stata ampiamente pagata in tasse e canone da milioni di italiani negli anni...
  • Anonimo scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECO
    Beh mi sa che x ora gli utenti telecom italia stanno pagango di tasca propria la quota azionaria del tronchetti in telecom italia
  • Anonimo scrive:
    Re: Perché esiste il canone...
    Paghi 15 euro al mese di canone anche all'Enel   ???
  • Anonimo scrive:
    Re: ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECOM...

    ....Direi che in 40 anni di monopolio quel
    cavolo di doppino gli Italiani lo hanno
    pagato UN TANTO AL CENTIMETRO!!ma perché le autostrade e le ferrovie non le abbiamo già pagate? E perchè si continua a pagare caselli e biglietti?Perché eiste la muntenzione.
    Quindi adesso BASTA!!Telecom deve SCOMPARIRE
    come azienda.....Perché mai? Per fare arrivare qulche telecom straniera a colonizzarci? Sei proprio sicuro di volere questo?
    SE ESISTE IL DIGITAL DIVIDE, se i prezzi
    sono 10 volti più altri che altrove,
    la colpa E' DI TELECOM.....Sei così sicuro? Vai a vedere bene in giro, non citare la Francia come vaso perchè ne esistono molti altri dove l'ADSL costa più che in italia. E soprattutto esistono molti paesi dove le telcom nazionali sono ancora più dominanti.In Europa non siamo affatto tra quelli più in ritardo nella liberalizzazione del mercato. Anzi.Vai a vedere quanto stato c'è in Deutsche Telekom.Vorresti veramente cancellare Telecom Italia e poi pagare il tuo canone ad un gruppo streaniero?
  • Anonimo scrive:
    Perché esiste il canone...
    "Assoprovider - continua la nota - non comprende perché l?operatore monopolista privato debba per forza godere del canone del servizio di fonia (le cui infrastrutture sono già state pagate dagli utenti con gli investimenti statali della ex SIP) se oggi è già possibile avere un servizio alternativo"queste affermazioni lasciano il tempo che trovano.E' evidente che un doppino ha costi di installazione, ma anche di manutenzione. Il costo del canone ADSL è ai livelli che è non perché costi così, ma perché il canone copre già le spese di manutenzione della rete stessa.Altrimenti è necessario introdurre due tariffe: una per chi paga l'ADSL dopo avere già pagato i canone, l'altra, maggiore, per chi il canone non lo paga.
  • Anonimo scrive:
    Re: Connessioni NGI

    Ho una connessione NGI senza avere la linea
    telefonica.
    Come me, molti altri, a partire dall'ottobre
    2002, stanno utilizzando tale
    opportunità: unica fra tutti gli ISP
    a proporla.Sei rimasto un po' indietro:http://punto-informatico.it/p.asp?i=50754
  • Anonimo scrive:
    mi spiegate cosa e "shared access"?
    in parole povere povere e terra terra...che cosa e ? e una specie dell uLL ?
  • Every scrive:
    Connessioni NGI
    Ho una connessione NGI senza avere la linea telefonica.Come me, molti altri, a partire dall'ottobre 2002, stanno utilizzando tale opportunità: unica fra tutti gli ISP a proporla.Fra l'altro è anche la migliore sul mercato in termini di prestazioni/offerte/assistenza remota.
  • Anonimo scrive:
    Re: monopolio privato garantito dallo st
    L ulivo ha privatizzato telecom e pure molte altre statali fornendo monopoli ai vari manager disposti a pagare denaro sonante.Evviva Prodi, il salvatore.... speriamo ci faccia qualche altra chicca di questo genere e perchè no, anche del genere di Cirio....P.S. si parla di Berlusconi, ma De Benedetti diove lo mettiamo? nel paradiso dei buoni perchè siede dalla parte giusta del parlamento?!
  • Anonimo scrive:
    ESPROPRIAMO L'ULTIMO MIGLIO A TELECOM...
    ....Direi che in 40 anni di monopolio quel cavolo di doppino gli Italiani lo hanno pagato UN TANTO AL CENTIMETRO!!Quindi adesso BASTA!!Telecom deve SCOMPARIRE come azienda.....SE ESISTE IL DIGITAL DIVIDE, se i prezzi sono 10 volti più altri che altrove, la colpa E' DI TELECOM.....DISDICETE ALICE E PASSATE AD ALTRO OPERATORE!!BOICOTTIAMO TELECOM!!!
  • Anonimo scrive:
    ora basta
    noi utenti, diretti concorrenti della telecom, utenti dei concorrenti di telecom ci siamo rotti di stare ai comodi di telecom! se sono un utente internet Tiscali devo preoccuparmi di quello che combina tiscali e non quello che combina telecom! ma stiamo ancora scherzando? ste società dei cosumatori cosa c.. stanno facendo? levate alla telecom sto maledetto monopolio invece di fare ricorsi ogni volta che apre bocca! e scusate la trollata ma quando ci vuole ci vuole!
  • Anonimo scrive:
    Re: monopolio privato garantito dallo st
    - Scritto da: Anonimo
    Sono d'accordo con te : telecom dovrebbe
    essere spezzettata!!!Maaa... la mafia sta in Trinacria o a Palazzo?
  • Anonimo scrive:
    Re: monopolio privato garantito dallo stato
    Sono d'accordo con te : telecom dovrebbe essere spezzettata!!!
  • Anonimo scrive:
    monopolio privato garantito dallo stato
    Il Sig. Tronchetti Provera non ha mica comprato Telecom per restare con il cerino in mano. Telecom Italia è e sarà il monopolista, e lo Stato salvaguarderà questa condizione, almeno finchè non saranno ripianati i debiti derivanti dalla famosa OPA di Colanninno. Le centinaia di migliaia di dipendenti fanno da garanzia al tutto. Nessuno di quelli che contano avrebbe da guadagnare se ci fosse maggiore concorrenza. Neanche i sindacati, Telecom non ha mica ristrutturato da quando è diventata privata, sta solo aspettando che il grosso dei dipendenti raggiunga la pensione. Se ci fosse stata concorrenza il livello occupazione non sarebbe mica stato lo stesso..Se all'epoca invece di privatizzare un monopolista senza intaccare il monopolio stesso di fosse proceduto alla suddivisione di Telecom in un numero imprecisato di aziende indipendenti l'una dall'altra, sulla falsariga della suddivisione che negli USAdalla AT&T ha fatto nascere i vari «Baby Bell», allora oggi avremmo molte cose diverse, ma soprattutto un paese più avanzato e più soldi in tasca...
Chiudi i commenti