FotoRecensione/ iPhone 3G vs iPod nano-cromatico

di D. Galimberti - Con una galleria di foto commentate dell'iPhone 3G e del nuovo iPod nano-cromatico mettiamo a confronto questi due dispositivi tra loro e con i rispettivi predecessori

Roma – Nell’attesa che Apple presenti nuovi portatili o qualche altra sua novità nel settore computer (annuncio che tutti attendono nel giro di qualche settimana), diamo uno sguardo da vicino a due degli oggetti più chiacchierati degli ultimi mesi: l’iPhone 3G e l’ancor più recente iPod nano-cromatico .

:img_nano_small:DSC_1677.jpg

Le confezioni sono completamente differenti: classica ed elegante quella dell’iPhone, in semplice plastica trasparente quella dell’iPod (come del resto le confezioni di tutti gli altri lettori musicali di Apple). Come informazione supplementare ricordiamo che il primo iPod Touch aveva una confezione simile a quella dell’iPhone, mentre quello nuovo è venduto nella confezione trasparente, quasi a voler rimarcare che (nonostante le similitudini software) si tratta pur sempre di un iPod.

Anche il contenuto delle confezioni è differente: con l’iPod troviamo le classiche cuffie, l’indispensabile adattatore per il dock, il cavo per il collegamento al computer, e nessun alimentatore (come ormai da diversi anni). :img_nano_small:DSC_1678.jpg
:img_nano_small:DSC_1679.jpg La confezione dell’iPhone comprende invece un alimentatore (dalle dimensioni molto contenute), e le cuffie con microfono che servono da auricolare telefonico (microfono che in realtà fa anche da pulsante per attivare diverse funzioni).
I due oggetti sono molto differenti, sia per quanto riguarda dimensioni e peso, che nelle funzioni… e ovviamente anche nel prezzo: si parte da 139 euro per l’iPod e da 499 per un iPhone sbloccato (anche se vincolandolo ad un abbonamento si può spendere molto meno). :img_nano_small:DSC_1682.jpg
:img_nano_small:DSC_1702.jpg Nonostante la notevole differenza di prezzo, il piccolo iPod ha diverse cose in comune con l’iPhone, come i tagli di memoria disponibili (8 e 16 GB), la capacità di riproduzione dei filmati (che in realtà era già stata introdotta nella precedente versione “quadrata” di iPod nano), e la presenza dell’accelerometro, novità che permette di azionare automaticamente la modalità Cover Flow per sfogliare la musica, ruotare le foto ecc.
L’accelerometro apre inoltre la strada a nuove possibilità di gioco, e chissà che dopo la recente unificazione di tutti i game per gli iPod classici non assisteremo ad una nuova segmentazione sull’iTunes Store. In ogni caso, per quanto riguarda il nuovo iPod nano, nella dotazione di base sono installati 3 giochi, di cui uno prevede l’utilizzo dell’accelerometro (sull’iTunes Store è possibile acquistarne più di 30). Sull’iPhone 3G, così come sul precedente iPhone e sull’iPod Touch, non c’è alcun gioco installato, ma è possibile scaricarne a centinaia (se non a migliaia) dall’App Store, molti dei quali gratuiti. :img_nano_small:DSC_1721.jpg
:img_nano_small:DSC_1708.jpg Qui possiamo vedere un filmato riprodotto sullo schermo generoso dell’iPhone: 3,5 pollici a 480 x 320 pixel di risoluzione, che corrispondono ad una densità di 163 ppi.
Lo stesso filmato può essere visto anche sull’iPod nano ruotando lo schermo, assicurando un’ottima resa nonostante le ridotte dimensioni: si parla di uno schermo da 2 pollici retroilluminato a LED con una risoluzione di 320 x 240 pixel, quindi con una densità pari a 204 ppi, superiore a quella dell’iPhone. :img_nano_small:DSC_1706.jpg
:img_nano_small:DSC_1685.jpg Parlando più in dettaglio del nuovo iPod nano, possiamo confrontarlo con diversi altri modelli di iPod, sia per valutare l’omogeneità dell’offerta, sia per evidenziare (almeno in parte) l’evoluzione dei lettori musicali “made in Cupertino”.
Una cosa che ha da sempre caratterizzato l’iPod è il connettore dock a 30 poli, assente solo nello Shuffle per evidenti motivi di spazio (anche se, visto di quanto si sono ridotte le dimensioni con il nuovo nano, non è escluso che in futuro non si arrivi ad un connettore dock anche lì). :img_nano_small:DSC_1699.jpg
:img_nano_small:DSC_1686.jpg Parlando sempre di evoluzione, in questa immagine possiamo vedere com’è cambiato nel tempo il classico gioco di carte da sempre presente sugli iPod (per quanto riguarda l’iPod Touch, è stata utilizzata una delle tante varianti presenti sull’App Store).
Il confronto diretto con il primo modello di iPod nano mostra la chiara intenzione di Apple di voler tornare alle origini, con un modello che riprende il fattore di forma originale (che aveva caratterizzato anche la seconda generazione) e abbandona la breve parentesi dell’iPod “quadrato”. Probabilmente la scelta della forma precedente era stata dettata dalla volontà di utilizzare uno schermo di dimensioni maggiori mantenendo l’orientamento classico dell’iPod. Nonostante alcuni apprezzamenti per l’originalità, la forma allungata permette in realtà di ottenere un’impugnatura migliore, e l’aggiunta dell’accelerometro consente di usare l’iPod con diversi orientamenti a seconda dell’esigenza. :img_nano_small:DSC_1695.jpg
:img_nano_small:DSC_1693.jpg Visti da sotto, si può notare come il nuovo Nano abbia sostanzialmente la stessa larghezza e quasi lo stesso spessore, al centro, del predecessore. Dopotutto, non è possibile immaginare riduzioni molto più spinte nello spessore: Apple deve infatti lasciare necessariamente lo spazio per il connettore dock e il mini jack audio
Osservandoli di profilo, si nota come il profilo ridotto dei bordi faccia percepire il nuovo nano molto più sottile e meno ingombrante, nonostante sia leggermente più lungo del primo modello. Da sottolineare che comunque anche il peso è leggermente inferiore, mentre la capacità di memorizzazione è quadruplicata, e l’autonomia della batteria è stata portata a circa 24 ore di riproduzione musicale continuata. :img_nano_small:DSC_1719.jpg
:img_nano_small:DSC_1696.jpg Un’ultima foto con i due modelli affiancati e ripresi da sotto, immagine che evidenzia nuovamente la sensazione di maggiore leggerezza della nuova versione.
Ovviamente non poteva mancare Genius, la funzione introdotta con iTunes 8 che vi permette di creare automaticamente una playlist a partire da un qualunque brano della vostra libreria :img_nano_small:DSC_1727.jpg
:img_nano_small:DSC_1724.jpg Le somiglianze software tra l’iPod nano e l’iPhone si estendono anche alla rubrica, dove per ogni contatto abbiamo a disposizione una serie lunghissima di dati, oltre ad eventuali note aggiuntive…
…e ai calendari dell’agenda, che come d’abitudine sono sincronizzabili dal computer attraverso iTunes (per l’iPhone è possibile impostare la sincronizzazione anche con il servizio “MobileMe”, ex “.mac”) :img_nano_small:DSC_1722.jpg
:img_nano_small:DSC_1730.jpg All’apparenza l’iPhone 3G (così come il nuovo iPod Touch) non è molto diverso dal suo predecessore: esteticamente parlando, l’unica differenza è il fondo, che è completamente in plastica e con un nuovo profilo più arrotondato. La foto mostra l’iPhone 3G appoggiato su un iPod Touch di prima generazione.
Il nuovo profilo è ben visibile anche facendo un confronto “laterale”, dove si nota anche il pulsante per l’attivazione del modo silenzioso (vibrazione), e per il controllo del volume (questi ultimi aggiunti anche sul nuovo iPod Touch). :img_nano_small:DSC_1731.jpg
:img_nano_small:DSC_1734.jpg Nonostante le perplessità iniziali, la curvatura del dorso rende più agevole la presa rispetto ai modelli precedenti.
Oltre all’immancabile connettore per il dock, quelle che si vedono sotto non sono due casse stereo, ma uno speaker (a sinistra) e un microfono (a destra). Non è un caso quindi che anche il nuovo iPod Touch abbia un solo altoparlante. :img_nano_small:DSC_1716.jpg
:img_nano_small:DSC_1740.jpg Le preferenze di sistema sono sostanzialmente identiche alle precedenti, e facilmente impostabili con le dita, esattamente come tutti gli elementi dell’interfaccia. Tanto per fare un esempio, partendo da iPhone spento e WiFi disattivato, con soli 6 tocchi è possibile collegarsi ad una rete wireless; 5 tocchi se la rete è già conosciuta. In cima alle impostazioni, la possibilità di attivare la “modalità aereo”, indispensabile per disattivare ogni funzione telefonica e utilizzare l’iPhone come se fosse un “semplice” iPod Touch anche durane i viaggi ad alta quota.
Un’altra impostazione molto utile è quella che permette di disattivare la connettività 3G, molto utile per risparmiare la batteria se non si ha la necessità di collegarsi ad Internet. Inoltre, per evitare tariffe aggiuntive esorbitanti in mancanza della rete del proprio operatore (per esempio quando si è all’estero), è possibile disattivare il roaming dei dati. :img_nano_small:DSC_1742.jpg
:img_nano_small:DSC_1744.jpg La gestione degli SMS (da molti contestata) prevede un raggruppamento primario in base ai contatti, all’interno del quale i messaggi in entrata e in uscita sono rappresentati come se si trattasse di una sessione di chat.
Per le chiamate più “classiche” dei numeri non presenti tra i contatti, si può richiamare una tastiera dalle dimensioni generose, che dovrebbe soddisfare anche chi lamenta la poca praticità di un telefono completamente touch. :img_nano_small:DSC_1745.jpg
:img_nano_small:DSC_1750.jpg A parte la connettività 3G, l’altra novità del nuovo iPhone è la presenza del GPS. Al momento manca un vero e proprio software per la navigazione, ma (oltre all’applicazione Mappe di Google) sull’App Store ci sono dei software gratuiti che possono assolvere almeno in parte a questa funzione (e altri arriveranno a breve). Non essendoci mappe residenti sull’iPhone, la localizzazione necessita di una connessione ad internet: sotto molti aspetti può essere uno svantaggio, ma perlomeno assicura di avere sempre sott’occhio le mappe più aggiornate. Inoltre il servizio di localizzazione non funziona solo col GPS ma (in mancanza di segnale) anche triangolando i segnali dei ripetitori cellulari o delle reti WiFi.
Quest’ultima immagine ci dà un’idea più precisa delle proporzioni e delle dimensioni dei due dispositivi oggetto di questa foto-recensione. :img_nano_small:DSC_1738.jpg

Dal punto di vista della riproduzione audio, non ci sono novità rispetto ai rispettivi modelli precedenti, e anche la durata delle batterie è conforme alle aspettative. Per quanto riguarda l’iPhone, per un utilizzo medio che comprenda un po’ di ascolto musicale, un po’ navigazione via WiFi, qualche sessione di gioco con utilizzo dello schermo touch, e telefonate normali (con 3G disabilitato) si arriva a 3 giorni completi senza spegnere mai il terminale. Ovviamente la variabilità è molto elevata a seconda dell’utilizzo: se si tengono WiFi e connessione 3G sempre abilitate (anche quando non servono), la durata cala sensibilmente, così come in un solo pomeriggio di videogaming intenso, si può far fuori un’intera carica. Viceversa, se si utilizza l’iPhone come un semplice cellulare con funzioni di iPod, la durata può essere superiore.

Nonostante le inevitabili critiche per alcune mancanze, l’iPhone 3G ha riscosso un successo enorme: in attesa dei risultati fiscali del trimestre in corso (che ci daranno dei dati più precisi) si parla di 6 milioni di esemplari venduti nelle prime 7 settimane, e stime per il 2009 che si attestano sui 40 milioni di unità (grazie anche al numero sempre maggiore dei paesi in cui l’iPhone viene venduto). Parte del successo è dovuto sicuramente anche all’App Store, al quale dedicheremo un approfondimento nelle prossime settimane, ma in ogni caso si tratta di uno smartphone dalle elevate potenzialità, che nei prossimi mesi potrebbe svelare nuove possibilità di utilizzo legate sia alle prossime versioni del firmware che all’inevitabile espansione del parco di applicazioni installabili.

Per quanto riguarda gli iPod, questo nuovo Nano a capacità potenziata arriva in concomitanza con la riduzione dei modelli di iPod classici (in luogo delle due versioni da 80 e 160 GB, ora c’è un solo modello da 120 GB). Secondo alcune indiscrezioni, Apple sarebbe intenzionata ad eliminare la linea classica per realizzare una linea completamente touch, ma personalmente credo che al momento attuale sia un po’ prematuro eliminare l’unico modello che consente elevate capacità di memorizzazione a costi contenuti. In ogni caso, il futuro potrebbe vedere un iPod nano ulteriormente potenziato e un iPod Touch con capacità da 64 GB che, se proposto a prezzi ragionevoli, potrebbe diventare interessante anche per chi necessità di iPod molto capienti.

Domenico Galimberti
(Per contattare l’autore scrivere alla redazione )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • rthtrfjhryj kthgjm scrive:
    ftghthhththt
    dffgtuidswodcdncedcoskcxksmdieuds
  • io si scrive:
    e si
    bellohttp://cgi.ebay.it/ws/eBayISAPI.dll?ViewItem&rd=1&item=260296926646
  • Luks scrive:
    il vero emulatore completo esiste
    è un exe contenuto nell'SDK di Android, quindi è pubblico."emulator.exe", gira su Win.
    • AndroidFanb oy scrive:
      Re: il vero emulatore completo esiste
      Funziona sulle tre versioni del SDK: Linux, Mac & Windows (in ordine alfabetico).
  • babba lucco scrive:
    interessante
    molto interessante questo smartphone... ha tutte le carte in regola per divenire il mio prossimo acquisto... la funzione di sincronizzazione con le apps di google mi attira non poco! già con opera non riesco a fare a meno della sincronizzazione dei segnalibri, figuriamoci ad avere contatti, calendario etc. sincronizzati su qualsiasi dispositivo si abbia a disposizione, anche di qualcun altro!L'unica alternativa che sto valutando è il nuovo nokia 5800, apparentemente ottimo terminale, ma destinato ad un target più "casual".... anche qui però, aspettiamo qualche giorno prima di pronunciarci :PP.S.: qualcuno sa quanto costerà questo HTC qui in italia???
    • N.C. scrive:
      Re: interessante
      Già , però devono investirci qualcosa per recuperare il gap con gli altri cellulari di ultima generazione se vogliono avere successo.Vedremo alla lunga come andrà.
Chiudi i commenti