Foxconn, riparte la fabbrica della rivolta

Riapre dopo un giorno di chiusura la fabbrica di Tai Yuan, teatro degli scontri nella notte di domenica. L'azienda minimizza l'accaduto

Roma – Dopo un intero giorno di chiusura, la fabbrica Foxconn di Tai Yuan è tornata alle sue routine di assemblaggio componenti, come annunciato dal portavoce cinese Louis Woo. Nessun impatto negativo sulla produzione , in seguito alla violenta rissa scatenatasi all’interno del campus nella notte tra domenica e lunedì scorso. La causa della sommossa sarebbe da attribuirsi agli attriti tra alcuni dipendenti e le guardie private che controllano l’area del campus.

“Abbiamo 79mila persone che lavorano nel centro di Tai Yuan – ha spiegato Woo all’agenzia di stampa Reuters – Teniamo sempre da parte dei componenti di scorta”. Resta comunque l’eco planetario della maxi-rivolta che ha portato a 40 feriti e diversi arresti. Per alcuni, un “mal di testa” che non verrà risolto con i pezzi di ricambio. ( M.V. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Young&Nerd scrive:
    Andrebbe bene...
    ...solo se in tutta la filiera, dalla produzione del veicolo, commercializzazione, produzione pannelli e/o energia elettrica, strutture ecc... non fosse MAI usato il petrolio.Altrimenti.... evviva il petrolio !!
  • pietro scrive:
    sempre indietro in america
    non è necessario che ci sia una stazione fotovoltaica, basta prendere la corrente dalla rete quando serve, si immette poi nella rete la corrente prodotta dal fotovoltaico con tutta calma.Come si fa in Italia del resto, invece di 6 stazioni ne potrebbero avere 6000 subito (avendo abbastanza campi fotovoltaici)
    • shevathas scrive:
      Re: sempre indietro in america
      - Scritto da: pietro
      non è necessario che ci sia una stazione
      fotovoltaica, basta prendere la corrente dalla
      rete quando serve, si immette poi nella rete la
      corrente prodotta dal fotovoltaico con tutta
      calma.
      Come si fa in Italia del resto, invece di 6
      stazioni ne potrebbero avere 6000 subito (avendo
      abbastanza campi
      fotovoltaici)ma così non puoi fare il figo con gli ambietalioti.
  • Surak 2.0 scrive:
    Ennesima trovata pubblicitaria
    Con una rete eltrica sparsa quasi ovunque, che senso ha fare un trabicollo fotovoltaico che costa molte volte di più e che deve a sua volta caricare delle batterie per avere uan carica da erogare?Le auto elettriche non si diffondono perchè le batterie costano un botto, non perchè non si sappia dove ricaricarle (in molte piazze ci sono gli attacchi per i mercati ed altre esigenze, in cui basterebbe aggiungere una colonnina che vi si attacchi) ma perchè tra prezzo e durata, il vantaggio economico dell'elettrico è annullato.Molta politica industriale poi si limita a farsi propaganda ma in realtà evita accuratamente soluzioni reali, dato che costruire un'auto elettrica lo può fare chiunque e che gli impianti sarebbero decisamente più corti quindi rendendo inutili molte fabbriche, cioè il loro capitale.Altro che complotto dei petrolieri
    • ninjaverde scrive:
      Re: Ennesima trovata pubblicitaria
      - Scritto da: Surak 2.0
      Con una rete eltrica sparsa quasi ovunque, che
      senso ha fare un trabicollo fotovoltaico che
      costa molte volte di più e che deve a sua volta
      caricare delle batterie per avere uan carica da
      erogare?
      Le auto elettriche non si diffondono perchè le
      batterie costano un botto,Ma ormai non è questo il problema.Con le batterie al piombo vi era poca autonomia e parecchio peso in più. Ora grazie alla ricerca per telefoni e computer portatili vi sono batterie molto più capienti e di ridotte dimensioni e peso, e questa tendenza porterà ad ulteriori miglioramenti in efficienza delle batterie e anche diminuzione di costi. Le auto elettriche possono anche costare di più ma hanno un costo di esercizio estremamente inferiore e quindi si ammortizza in fretta la spesa iniziale.Tuttavia noi in Italia in particolare abbiamo una caterva di tasse sulla benzina e carburanti per trazione, mentre per l'elettricità di tasse ce ne sarebbero pochine. Ecco perchè viene osteggiata la diffusione delle auto elettriche, e se uno la vuole deve andarsela a comprare all'estero, e poi mancano io servizi di ricarica (ricarica o sostituzione delle batterie). Per la produzione di elettricità: ne servirebbe di più se si usassero auto elettriche a livello di massa, ma questi problemi possono essere risolti, visto che la sostituzione dei mezzi sarebbe graduale. Se negli USA cominciassero ad usare le auto elettriche, anche l'Europa e noi ci dovremmo adeguare.
      • Surak 2.0 scrive:
        Re: Ennesima trovata pubblicitaria
        - Scritto da: ninjaverde
        - Scritto da: Surak 2.0

        Con una rete eltrica sparsa quasi ovunque, che

        senso ha fare un trabicollo fotovoltaico che

        costa molte volte di più e che deve a sua volta

        caricare delle batterie per avere uan carica da

        erogare?

        Le auto elettriche non si diffondono perchè le

        batterie costano un botto,

        Ma ormai non è questo il problema.Mi risulta che sia sempre la parte grossa del prezzo, anch'esso grossoHai un esempio in cui un'auto elttrica costi poco ed il relativo fattore batterie?
        Con le batterie al piombo vi era poca autonomia e
        parecchio peso in più.OK..anche se in molte fabbriche hanno fatto km
        Ora grazie alla ricerca per telefoni e computer
        portatili vi sono batterie molto più capienti e
        di ridotte dimensioni e peso, e questa tendenza
        porterà ad ulteriori miglioramenti in efficienza
        delle batterie e anche diminuzione di costi.Sicuramente a parità di capacità costano molto meno, ma non a sufficienza
        Le
        auto elettriche possono anche costare di più ma
        hanno un costo di esercizio estremamente
        inferiore e quindi si ammortizza in fretta la
        spesa
        iniziale.Quanti km è possibile ragionevole fare con un pacco batterie da nuovo?Se hai i dati, facciamo i confronti
        Tuttavia noi in Italia in particolare abbiamo una
        caterva di tasse sulla benzina e carburanti per
        trazione, mentre per l'elettricità di tasse ce ne
        sarebbero pochine.Fosse solo quello il problema lo risolverebbero mettendo una tassa sui km fatti ed è troppo facile dare la colpa al solo Stato.Dici che la Fiat (per esempio) sarebbe contenta di pagare la Sony, i 3/4 del prezzo di vendita di un'auto per le batterie e che pure l'ultimo arrivato potrebbe fare auto elettriche di pari livello?Perchè le auto elettriche fondamentalmente sono le batterie con poca roba attorno.
        Ecco perchè viene osteggiata
        la diffusione delle auto elettriche, e se uno la
        vuole deve andarsela a comprare all'estero, e poi
        mancano io servizi di ricarica (ricarica o
        sostituzione delle batterie). Per la produzione
        di elettricità: ne servirebbe di più se si
        usassero auto elettriche a livello di massa, ma
        questi problemi possono essere risolti, visto che
        la sostituzione dei mezzi sarebbe graduale. Se
        negli USA cominciassero ad usare le auto
        elettriche, anche l'Europa e noi ci dovremmo
        adeguare.Vabbè, se conti sugli Usa, allora stai fresco... manco alle armi in vendita nei distributori automatici rinunciano, figuriamoci alle macchine all'americana
        • Surak 2.0 scrive:
          Re: Ennesima trovata pubblicitaria
          - Scritto da: Surak 2.0
          Quanti km è possibile ragionevole fare con un
          pacco batterie da
          nuovo?
          Se hai i dati, facciamo i confrontiMi rispondo da solo per citare i dati che ho trovato se a qualcuno può interessare. Non sono sulle auto, dato che è più complicato trovarli e valutarli, ma sui più semplici motorini:Un motorino in commercio e relativa scheda:http://www.motorinizanini.it/gli-scooter/penelope/tolto il primo (biga) gli altri mi sembrano gli unici confrontabili con un motorino tradizionale.Con un "pieno" fa 60 km massimo, le batterie reggono pienamente 700 cicli, ma vedendo qua:http://support.apple.com/kb/HT1519?viewlocale=it_IT&locale=it_ITle batterie usate da Apple (si suppone il meglio che ci sia) alcune batterie reggono fino a 1000 cicli massimo.Quindi ipotizziamo che pure il motorino sia utilizzabile per mille cicli.quindi il pacco batterie andrebbe cambiato dopo 60 mila km.Data la potenza del motorino, nella scheda, è già troppo paragonarlo ad uno classico di cilindrata 50, ma mi risulta che sia il minimo e quindi vediamo un confronto con uno quasi a caso, scelto per la sommiglianza relativa, trovato con google:http://www.infomotori.com/moto/2008/11/17/yamaha-neos-50-4t-test-ride/questo costa 1990 euro contro i 3315 del motorino eletrico con le litio.Non è dato sapere quanto siano i consumi,hai ragazzini frega che faccia rumore ma dei consumi se ne fregano pare, ma ho sentito spesso dire che uno scooter fa circa 30 km/l (ampiamente variabili dai tempi, ecc).Sempre nella scheda dell'elettrico, si nota che tra quello a batterie al piombo ed a litio vi sono 865 euro di differenza.Ora se tutto è giusto... con un pacco batterie si evita di usare:60000/30= 2000 litri di carburante cioè 3800/4000 euro di benzina.C'è però il costo della ricarica e andando qui:http://www.alke.it/ricarica-auto-elettriche.html#costo-ricarica-macchine-elettrichesi trova che nel loro caso il costo è di 1,5-2 euro (non certo poco).prendiamo il minimo e ipotizzamo sia uno standard.Per le mille ricariche, si andrà a spendere 1500 euro.4000-1500= 2500 (prendo sempre il dato più vantaggioso per l'elettrico).A quel punto c'è il prezzo del nuovo pacco batterie, che non è dato sapere ma tra quelle al piombo e quelle al litio vi sono 865 euro di differenza stando ai prezzi. Ipotizzando che il costo sia doppio della differenza, ma solo per poter fare un calcolo, si avrebeb un costo di 1730 euro. 2500-1730= 770 euro di risparmio con l'elettrico a fronte di minori prestazioni.Se nessuno ha dati diversi ed ovviamente molti dati sono presi un po' a caso, quindi ci pososno essere sitauzioni più vantaggiose in un senso o nell'altro, nel settore motorini elettrici il superamente della soglia del vantaggio economico è stato superato, non so quanto questo possa essere applicato alle auto
        • Surak 2.0 scrive:
          Re: Ennesima trovata pubblicitaria
          - Scritto da: metro
          ti ricordo che l'ultima parola l'ha il
          portafoglio dei consumatori
          ;)Ok, sul resto... ma spesso il solo costo non è il fattore determinante e altrettanto spesso le industrie tengono alti certi prezzi per non autodanneggiarsi da sole. Pure le industrie hanno un portafoglio e molto più gonfio di quello dei consumatori
    • Puffo scrive:
      Re: Ennesima trovata pubblicitaria
      Batterie allo Zucchero, costano un quarto e il Jappone ci punta tutto.Fin che non c'è ricerca e tutti ci sputano sopra, andremmo ancora a carbone e vapore.http://www.nannimagazine.it/notizie/scienze-e-tecnologie/energia/ricerca-per-l-energia/13/09/2010/Bio-batterie-dal-Giappone-il-primo-motore-alimentato-con-lo-zucchero/3923
      • MeX scrive:
        Re: Ennesima trovata pubblicitaria
        lo zuccehro è CARBONIO
      • Surak 2.0 scrive:
        Re: Ennesima trovata pubblicitaria
        - Scritto da: Puffo
        Batterie allo Zucchero, costano un quarto e il
        Jappone ci punta
        tutto.
        Fin che non c'è ricerca e tutti ci sputano sopra,
        andremmo ancora a carbone e
        vapore.

        http://www.nannimagazine.it/notizie/scienze-e-tecnBoh, a me sembra che al momento sia poco più che un esperimento da scuola media.Poi si parlava di auto elettriche a batterie perchè di sistemi alternativi ce ne sono molti, validi o meno.Personalmente punterei sull'induzione in area urbana, ma bisogna vedere come non dare fastidio a chi blocca i cambiamenti e cioè i poteri costituiti (non nel senso classico)
  • Prima di pubblicare scrive:
    i prezzi saranno quelli della benzina
    State sicuri che il prezzo dell'energia per queste macchine elettriche verrà portato ai livelli del carburante fossile. Pensate davvero si metteranno a fare beneficienza? Si meteranno daccordo come fanno sempre per tenere i prezzi alti, non lo dico per pessimismo ma perchè sono realista, questo è il sistema in cui viviamo. Possono inventarsi di tutto per giustificare dei prezzi da altro mondo.
    • iRoby scrive:
      Re: i prezzi saranno quelli della benzina
      E tu cosa fai per impedire ciò?Io sono al lavoro per portare gente e imprenditori a questo convegno:http://www.pumilano.it/economiaumanista/2012/09/il-2021-ottobre-vieni-con-noi-al-secondo-summit-modern-money-theory-di-rimini/Dove verranno questi professori:http://www.slideshare.net/democraziammtalghero/bio-def-3Per sfatare i 30 falsi miti dell'economia che ci raccontano:http://www.scribd.com/doc/106392215/FALSIMITIA Rimini e a Cagliari, nelle date del 20-21 e 27-28 Ottobre 2012 quattro fra i maggiori economisti internazionali, scuola Modern Money Theory, con a capo il consigliere di Obama James Kenneth Galbraith· Ci informeranno di come lItalia può tornare sovrana, prospera, e democratica per il 99% di noi, salvando aziende e occupazione.· Sfateranno i fantasmi-truffa dei cosiddetti pericoli delluscita del nostro Paese dallEuro.· Ci daranno gli strumenti concreti per entrare al Ministero del Tesoro a Roma e saper guidare lItalia fuori da questo incubo.
      • Polemik scrive:
        Re: i prezzi saranno quelli della benzina
        Bella questa, pensare che tornando alla lira si risolve buona parte dei problemi. Se l'Italia satava meglio negli anni '70 e '80 non era certo per la lira, ma perché non c'era ancora il mercato globalizzato com'è adesso. Quanti immigrati c'erano in quegli anni e quanti ce ne sono ora? Quanti prodotti marchiati China c'erano allora e quanti ce ne sono adesso?Hai voglia a cambiare moneta quando dall'altra parte del mondo trovi gente disposta a massacrarsi di lavoro per una ciotola di riso...
        • iRoby scrive:
          Re: i prezzi saranno quelli della benzina
          - Scritto da: Polemik
          Hai voglia a cambiare moneta quando dall'altra
          parte del mondo trovi gente disposta a
          massacrarsi di lavoro per una ciotola di
          riso...Qual'è la tua proposta? Dato che ciò che ci consigliano questi professori è esattamente ciò che consigliarono all'Argentina quando andò in default nel 2001. Abbandonare lo USD per tornare al Peso, e applicare politiche mirate di spesa a deficit.Infatti lo scorso 16 luglio l'Argentina ha pagato l'ultima tranche di debito con l'FMI in anticipo con il tempo assegnatole.E tutto ciò nonostante la Cina, il mercato globalizzato e tutto il resto che tu stai citando.Quindi dove è stato il problema globalizzato per l'Argentina, che dovrebbe esserci invece per noi?Il mercato globalizzato non è un problema se accetti di capire il fatto che le importazioni di prodotti utili, robot industriali, e macchinari vari, sono una risorsa e non un debito se si possono pagare in Lire.Perché in cambio di un conto di credito in Lire nella nostra ipotetica Banca d'Italia, cioè nulla, denaro fiat, creato dal nulla, noi abbiamo beni tangibili da usare per il nostro lavoro e sviluppo interno...E farci trovare preparati con beni e ricchezze tangibili create con quegli strumenti, quando qualcuno vorrà mai esigere quel denaro fiat con qualcosa di concreto.
          • metro scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            - Scritto da: iRoby
            - Scritto da: Polemik

            Hai voglia a cambiare moneta quando
            dall'altra

            parte del mondo trovi gente disposta a

            massacrarsi di lavoro per una ciotola di

            riso...

            Qual'è la tua proposta? Dato che ciò che ci
            consigliano questi professori è esattamente ciò
            che consigliarono all'Argentina quando andò in
            default nel 2001. Abbandonare lo USD per tornare
            al Peso, e applicare politiche mirate di spesa a
            deficit.
            Infatti lo scorso 16 luglio l'Argentina ha pagato
            l'ultima tranche di debito con l'FMI in anticipo
            con il tempo
            assegnatole.Tralasciando il piccolo dettaglio che l'Argentina è RICCA di risorse, noi abbiamo solo produttori di aria fritta :D
          • iRoby scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            - Scritto da: metro
            Tralasciando il piccolo dettaglio che l'Argentina
            è RICCA di risorse, noi abbiamo solo produttori
            di aria fritta :DFALSO FALSO FALSO!La migliore risorsa del mondo l'Italia ce l'ha, ed è la creatività umana, l'estro, l'abilità artigiana.L'Italia è stata negli anni 80-90 prima al mondo per risparmio e ricchezza dei cittadini, 2a riserva aurea al mondo, e tra le 8 nazioni più ricche al mondo davanti a Francia e Germania.Ora siamo crollati, ma non per colpe strane, ma a causa dell'ingresso nell'Euro. Cioè dopo avere abbandonato una moneta che potevamo fare fluttuare a piacimento per aiutare le esportazioni ed il mercato interno.Dagli anni '70 ad oggi la Germania ha più volte corrotto (che sia pecuniariamente o ideologicamente non si sa) i nostri ministri del Tesoro per fargli legare allo SME la fluttuazione della Lira, ed ogni volta l'economia italiana si bloccava e quella tedesca schizzava.Quando cambiava governo per le elezioni, si toglievano i corrotti, e si tornava a fluttuare e l'economia italiana riprendeva e la tedesca si bloccava.Finché arrivò il più corrotto di tutti, quello delle mortadelle, che ci ha venduti definitivamente all'Europa.Ed ora per evitare ogni pericolo di uscita dall'Euro, ci hanno messo questi altri criminali.Questo perché in Italia avevamo molta produzione sovrapponibile con la Germania, metallurgia leggera per esempio, dalla fettuccia d'acciaio magnetica ai semi lavorati di ogni tipo. Solo che i compratori esteri preferivano i prodotti italiani perché erano sia più a buon mercato che fatti meglio di quelli tedeschi.Gli italiani abbiamo sempre fatto meglio tutto rispetto a qualsiasi altro popolo del mondo! Anche senza avere chissà quali grandi risorse.Ed ora vogliono imbrigliare e sfruttare questa abilità con stipendi da 500-600 euro al mese al servizio di qualche padrone tedesco o francese!
          • metro scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            - Scritto da: iRoby
            - Scritto da: metro

            Tralasciando il piccolo dettaglio che
            l'Argentina

            è RICCA di risorse, noi abbiamo solo
            produttori

            di aria fritta :D

            FALSO FALSO FALSO!Urlando più forte non diventa vero :D

            La migliore risorsa del mondo l'Italia ce l'ha,
            ed è la creatività umana, l'estro, l'abilità
            artigiana.appunto aria fritta :D
          • pippobaudo scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            Quando l'italia svalutava la lira per favorire le esportazioni (a beneficio principale delle realta' medio grandi votate ai mercati esteri), svalutava contemporaneamente il patrimonio di tutti gli italiani (tutti).Se pensate che bastino operazioni contabili come l'uscita dall'euro o la svalutazione per affrontare un sistema che si basa sul potere del denaro (che per massimizzare il potere deve rendere il denaro cosa desiderata e quindi non abbondante), non trattenete il respiro.Il sistema basato sul potere del denaro si affronta mettendo i propri valori davanti ad esso, ogni volta che si puo'.
          • napodano scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            chi ha scritto l'arringa cui hai risposto ha anche trascurato il dettaglio che l'Italia "prosperava" negli anni '70 ed '80 anche grazie alla creazione di enorme debito pubblico che adesso è finito in mano ad altri paesi (es. Cina). il Giappone è tra i pochissimi a stare peggio di noi in termini di debito pubblico ma, a differenza nostra, il loro debito è tutto in mani nazionali per légge, e questo fa molta differenza
          • iRoby scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            Non ha importanza quanto debito pubblico abbia un paese e in mano di chi sia...Perché chi possiede il debito di un paese non possiede niente di più che un conto di credito presso una banca centrale, che ha creato quel debito dal nulla. Quello straniero non possiede nulla di tangibile e nulla di esigibile nel breve periodo...È il caso della Cina che possiede trilioni di USD, ma che non può spendere in USA per comprare terre o immobili. E che gli USA sono ben felici a poter produrre in quantità infinita attraverso i quantitative easing periodici della FED...Poi però con quel debito pubblico, che rappresenta la ricchezza dei cittadini di un paese, grazie all'operosità umana di quelle persone, la gente ha ricchezza circolante e si produce una contropartita da rivendere a chi vuole esigere quel credito.Si stampa denaro, si comprano attrezzature anche all'estero, e ci si indebita apparentemente, ma non è vero, perché chi ha venduto le apparecchiature ha solo conti di credito, cambiali, "io ti devo", "pagherò" di una banca centrale.Ma i cittadini hanno attrezzature reali, funzionanti, che usano per produrre manufatti, servizi e ricchezze tangibili.È così che funzionano le TEORIE MONETARIE MODERNE.
          • napodano scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            quindi il motivo per cui la Cina spende i soldi che stampa per comprare i soldi che stampano gli altri paesi quale sarebbe?lo fanno per tenére in vita gli stati che comprano i prodotti cinesi con i soldi che stampano, di modo che poi i cinesi possano comprare il loro debito con i soldi che stampano a loro volta?è tutto uno stampare, insomma
          • iRoby scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            Paradossalmente sì. La Cina si è stufata di prendere USD, lo hanno dichiarato ufficialmente che sono stufi dei continui quantitative easing della FED.In giro per il mondo ci sono cifre spaventose che sono 5-6 volte il PIL di tutto il pianeta. E che girano tra i sistemi finanziari ma senza creare un'effettiva ricchezza per le popolazioni. Che invece vengono sfruttate per produrre beni tangibili di cui qualcuno si appropria.Si appropriano del lavoro di gente che produce oggetti che poi vengono venduti all'occidente. La gente lavora e costruisce case che poi altra gente non riesce a pagare e le banche se le prendono.I veri beni, la vera ricchezza sono le operosità degli individui e le cose che riescono a costruire. Ma anche i territori, i terreni produttivi. E i beni storici e culturali, definiti patrimoni dell'umanità, ma di recente l'Europa avrebbe consigliato alla Grecia di impegnare il Partenone.Lo stampare denaro può farlo chiunque. Ma perché se lo stampassero USA o Italia o Giappone questo ha un valore diverso che se lo stampassero Zimbabwe, Zambia, Congo, ecc.?Perché poi quei paesi non avrebbero persone operose, perché non hanno conoscenze, non sanno fare nulla. Non hanno portafogli brevetti, non hanno abilità manifatturiere. Per cui il loro denaro è cartastraccia.Ma USA, Giappone e paesi occidentali con le loro ricchezze concrete come aziende con portafogli intellettuali, ingegneri creativi ecc. Da credibilità al denaro creato in quei paesi.Perché in questi paesi il denaro diviene unità di misura del lavoro umano, e non merce o carta straccia qualsiasi.Sono le Teorie Monetarie Moderne, quelle che dicono che il denaro non vale nulla finché non lo metti in circolo e fai muovere le abilità umane che creano le vere ricchezze per accaparrarsi quel denaro.La Cina viene sfruttata prima ancora che dai padroni cinesi che sfruttano i loro concittadini, dai paesi che gli danno tanto denaro carta-straccia in cambio di beni tangibili reali che poi usiamo per creare le vere opere dell'ingegno i manufatti e gli immobili che poi rappresenteranno la vera ricchezza.
          • metro scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            - Scritto da: iRoby
            Lo stampare denaro può farlo chiunque. Ma perché
            se lo stampassero USA o Italia o Giappone questo
            ha un valore diverso che se lo stampassero
            Zimbabwe, Zambia, Congo,
            ecc.?

            Perché poi quei paesi non avrebbero persone
            operose, perché non hanno conoscenze, non sanno
            fare nulla. Non hanno portafogli brevetti, non
            hanno abilità manifatturiere. Per cui il loro
            denaro è
            cartastraccia.Oltre alle teorie del razzo sei pure razzista? :@
          • metro scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            - Scritto da: iRoby
            così che funzionano le TEORIE MONETARIE
            MODERNE.teorie solo teorie :D
          • iRoby scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            Sono le toerie che hanno tirato fuori dal crack l'Argentina in 9 anni. Quelle che applica il Giappone da sempre.Quelle che non hanno fatto andare in crisi Norvegia, Svezia, Danimarca.Quelle che sfruttano gli USA per i loro porci comodi imperialisti...Quelle che tu non puoi capire perché ti manca sia la base di conoscenze che proprio le capacità intellettive.
          • metro scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            - Scritto da: iRoby
            Sono le toerie che hanno tirato fuori dal crack
            l'Argentina in 9 anni. Quelle che applica il
            Giappone da
            sempre.
            Quelle che non hanno fatto andare in crisi
            Norvegia, Svezia,
            Danimarca.

            Quelle che sfruttano gli USA per i loro porci
            comodi
            imperialisti...

            Quelle che tu non puoi capire perché ti manca sia
            la base di conoscenze che proprio le capacità
            intellettive.forse mi manca l'alimentazione a banane che ti fa tanto bene :D
          • iRoby scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            La soluzione per ora è solo monetarista.Non ha nessuna importanza il valore del denaro, poiché lo Stato può fissare il minimo dignitoso per la vita di un individuo. E regola di conseguenza gli stipendi pubblici a cui fa allineare quelli privati.Il denaro non è merce! Il denaro è e deve rimanere una unità di misura. Misura la produttività umana, cioè quanto deve costare il lavoro e la dignità di un individuo in quella nazione.Inteso questo principio il resto del mondo deve allinearsi con questo concetto. Lo ha fatto il Giappone, lo hanno fatto tutti i paesi del nord Europa dove ci sono molte tutele per il lavoro e il valore umano (parlo di Danimarca, Norvegia, Svezia, ecc.).Lo ha fatto anche l'Argentina che anche grazie a questo è uscita dalla crisi.Ed anche la Cina che sta sfruttando i suoi sudditi dovrebbe allinearsi a ciò.A quel punto tutto il pianeta deve allinearsi a questo concetto che la dignità dell'uomo che ha diritto di sopravvivere e non essere sfruttato, viene prima delle speculazioni. Perché ogni paese che abbia una banca sovrana può portare avanti questi concetti e condividerli con gli altri paesi.
          • metro scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            - Scritto da: iRoby
            La soluzione per ora è solo monetarista.

            Inteso questo principio il resto del mondo deve
            allinearsi con questo concetto. Lo ha fatto il
            Giappone, lo hanno fatto tutti i paesi del nord
            Europa dove ci sono molte tutele per il lavoro e
            il valore umano (parlo di Danimarca, Norvegia,
            Svezia,
            ecc.).a parte il piccolo dettaglio dello sfruttamento del petrolio del mare del nord che ha reso possibile tutto ciò...
          • iRoby scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            - Scritto da: metro
            a parte il piccolo dettaglio dello sfruttamento
            del petrolio del mare del nord che ha reso
            possibile tutto ciò...Il petrolio interessa solo la Norvegia.E la Norvegia lo usa per garantire fondi pensione ai norvegesi.Danimarca e Svezia non sono interessati dalla questione petrolio che hai citato.Neppure Ungheria e Lituania, che avendo anche loro moneta sovrana non sono in crisi economico-finanziaria.
          • metro scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            - Scritto da: iRoby
            - Scritto da: metro

            a parte il piccolo dettaglio dello
            sfruttamento

            del petrolio del mare del nord che ha reso

            possibile tutto ciò...

            Il petrolio interessa solo la Norvegia.
            E la Norvegia lo usa per garantire fondi pensione
            ai
            norvegesi.
            Danimarca e Svezia non sono interessati dalla
            questione petrolio che hai
            citato.
            Neppure Ungheria e Lituania, che avendo anche
            loro moneta sovrana non sono in crisi
            economico-finanziaria.Hai dimenticato la cina, e l'india perchè non ti trasferisci li, visto che non sono in crisi? :D
          • metro scrive:
            Re: i prezzi saranno quelli della benzina
            - Scritto da: pippobaudo
            Quando l'italia svalutava la lira per favorire le
            esportazioni (a beneficio principale delle
            realta' medio grandi votate ai mercati esteri),
            svalutava contemporaneamente il patrimonio di
            tutti gli italiani
            (tutti).Tranne di quelli che il patrimonio lo tenevano in Svizzera :D
    • MacGeek scrive:
      Re: i prezzi saranno quelli della benzina
      - Scritto da: Prima di pubblicare
      State sicuri che il prezzo dell'energia per
      queste macchine elettriche verrà portato ai
      livelli del carburante fossile. Pensate davvero
      si metteranno a fare beneficienza? Non loro, i contribuenti americani.Al momento sono molto sovvenzionate e, nonostante questo, costano care.Credo sia ancora presto per l'auto elettrica per tutti e, comunque, non potrà essere usabile davvero se non riusciranno ad implementare batterie a ricarica extra-rapida (per me è necessario scendere sotto i 15-20 min). Prototipi esistono, ma dal prototipo al prodotto commerciale ed ad una rete capillare di distribuzione (come oggi c'è per la benzina) ce ne vuole.
      • alsaber scrive:
        Re: i prezzi saranno quelli della benzina
        Un modello di business attualmente sostenibile per tecnologie ed investimenti da mettere in campo potrebbe essere un parco batterie STANDARD PER TUTTI da sostituire ai distributori e colonnine di ricarica nei posteggi in città. mi sembra che renault si stia muovendo verso qualcosa di simile
    • Funz scrive:
      Re: i prezzi saranno quelli della benzina
      - Scritto da: Prima di pubblicare
      State sicuri che il prezzo dell'energia per
      queste macchine elettriche verrà portato ai
      livelli del carburante fossile. Pensate davvero
      si metteranno a fare beneficienza? Si meteranno
      daccordo come fanno sempre per tenere i prezzi
      alti, non lo dico per pessimismo ma perchè sono
      realista, questo è il sistema in cui viviamo.
      Possono inventarsi di tutto per giustificare dei
      prezzi da altro
      mondo.E tu mettiti il pannello solare così li inchiuli, no? :pAltrimenti c'è la girandola eolica in terrazzo, la microturbina nello sciaquone, la sonda geotermica (ma solo se vivi sopra un vulcano attivo), il digestore anaerobico a sco*egge al posto della fossa settica e l'aquilone da attaccare al comignolo.Ce ne sono di maniere per diventare indipendenti energeticamente :p
    • ndr scrive:
      Re: i prezzi saranno quelli della benzina
      - Scritto da: Prima di pubblicare
      State sicuri che il prezzo dell'energia per
      queste macchine elettriche verrà portato ai
      livelli del carburante fossile. Pensate davvero
      si metteranno a fare beneficienza? Puoi anche avere ragione, ma hai la minima idea dei costi sociali che porta la filiera di estrazione, raffinazione, distribuzione ed inquinamento dovuta al carburante fossile?In confronto a questi costi indiretti (ma reali e concreti) il carburante ha un ruolo economico irrisorio nel tupo portafoglio.Come al solito quando il saggio indica la luna lo stolto guarda il dito....
  • P.Inquino scrive:
    mobile
    quasi quasi vado a farmi caricare il cellulare (rotfl)
  • Levantino scrive:
    Guadagnare clienti
    Senza dubbio ciò che preme a a Tesla è guadagnare clienti, quindi in quest'ottica avere ricariche gratuite ed anche ecologiche (a parte la costruzione delle apparecchiature ecologiche stesse...) è un incentivo; evidentemente Tesla ha acXXXXX illimitato al credito.Come fortissima resistenza all'acquisto di auto elettriche rimangono tuttavia proprio l'assenza di infrastrutture, l'alto prezzo delle automobili, la scarsa autonomia (specialmente negli USA!) e i lunghi tempi di ricarica, che fra attese in coda e ricarica stessa possono arrivare alla mezz'ora (e se devo percorrere 1000 chilometri quante mezz'ore devo stare fermo?).Le alternative sarebbero la sostituzione del pacco batterie con uno già carico, o l'uso di celle a combustibile che si ricaricano riempiendole con un idrocarburo o con idrogeno.Staremo a vedere.Ora, in periodo di crisi nera, proporre auto costose ed handicappate in velocità e autonomia mi sembra che sia proprio una sfida non indifferente, e sto pensando a coloro che non si possono permettere due auto: una elettrica per la città e dintorni, e l'altra a combustibile fossile per i viaggi ed il lavoro fuori città.PSDimenticavo anche il problema del litio per le batterie, che non si trova dappertutto e ci fa' correre nuovamente il rischio che chi lo ha (la Cina, per esempio, e noi sappiamo quanti scrupoli morali abbia il governo cinese), se ne serva per alzare sempre più i prezzi o per fare ricatti di varia natura.Inoltre con il litio si produce il trizio, elemento che verrà usato nelle prossime centrali a fusione di tipo Demo, e quindi altri problemi...Speriamo che, di tutte le voci che si sono sentite a proposito di batterie innovative, almeno qualcuna sia industrialmente sviluppabile in un futuro vicino.
    • maxsix scrive:
      Re: Guadagnare clienti
      - Scritto da: Levantino
      Senza dubbio ciò che preme a a Tesla è guadagnare
      clienti, quindi in quest'ottica avere ricariche
      gratuite ed anche ecologiche (a parte la
      costruzione delle apparecchiature ecologiche
      stesse...) è un incentivo; evidentemente Tesla ha
      acXXXXX illimitato al
      credito.Tesla Motors condivide con Google la proprietà.Quindi direi che l'acXXXXX a capitali non è un grosso problema.
    • iRoby scrive:
      Re: Guadagnare clienti
      Batterie al Litio che si ricaricano in 1 minuto, sono già realtà, anche se molto costose.Ora si aspetta industrializzazione del proXXXXX di produzione, ed abbattimento dei costi.Diciamo che ci siamo vicini. Anche se io spero più nei nanotubi di carbonio, che rendano superfluo l'uso di minerali rari che si trovano in pochi paesi che saranno inevitabilmente depredati, o saranno loro a speculare se sono militarmente forti...
      • sbertuccia scrive:
        Re: Guadagnare clienti
        - Scritto da: iRoby
        Batterie al Litio che si ricaricano in 1 minuto,
        sono già realtà, anche se molto
        costose.Già le batterie al litio comuni, quelle che si ricaricano in alcune ore, costano assai...poi facevano vedere in una puntata di Top Gear che le attuali auto elettriche ci mettono più di 10 ore per ricaricarsi, dunque ci vorranno anni prima che questa tecnologia si diffonda...
        • iRoby scrive:
          Re: Guadagnare clienti
          Per ora si può tamponare con l'idrogeno. Ossia non energia elettrica direttamente nelle batterie, ma usata per elettrolisi e produzione di idrogeno, e per ora si sfruttano ancora i motori a combustione.Elettriche vanno bene le city car, una ricarica notturna in garage, e ci vai per ciò che ti serve ma solo in città...
          • yoghi scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: iRoby
            Per ora si può tamponare con l'idrogeno. Ossia
            non energia elettrica direttamente nelle
            batterie, ma usata per elettrolisi e produzione
            di idrogeno, e per ora si sfruttano ancora i
            motori a combustione.Idrogeno nei motori a combustione?!?!?Se intendi 'motore a scoppio', funziona per una sola volta: l'ultima :-)
          • mmmh scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: yoghi
            - Scritto da: iRoby

            Per ora si può tamponare con l'idrogeno. Ossia

            non energia elettrica direttamente nelle

            batterie, ma usata per elettrolisi e produzione

            di idrogeno, e per ora si sfruttano ancora i

            motori a combustione.

            Idrogeno nei motori a combustione?!?!?
            Se intendi 'motore a scoppio', funziona per una
            sola volta: l'ultima
            :-)Mica una gran perdita eliminare certe teste altruipensanti ...
          • iRoby scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            Io resto sempre più stupito sia dall'ignoranza che dall'arroganza che le persone ignoranti dimostrano, sia di persona che specialmente in questi forum su Internet.Il motore a scoppio è la definizione errata. Si chiama motore ad accensione comandata.E fa parte di tutta la famiglia dei motori a combustione interna che comprende varie categorie tra cui anche le turbine.Il primo motore "a scoppio" come lo chiami tu, andava a idrogeno, del 1853 progettato da Barsanti e Matteucci.Anche New Holland fa trattori a idrogeno:http://agriculture.newholland.com/italy/it/WNH/Hydrogen/Pages/HowIW.aspxCome il il primo motore diesel andava ad olio vegetale e non a gasolio.
          • metro scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: iRoby
            Io resto sempre più stupito sia dall'ignoranza
            che dall'arroganza che le persone ignoranti
            dimostrano, sia di persona che specialmente in
            questi forum su
            Internet.Da che pulpito :D

            Il motore a scoppio è la definizione errata. Si
            chiama motore ad accensione
            comandata.
            E fa parte di tutta la famiglia dei motori a
            combustione interna che comprende varie categorie
            tra cui anche le
            turbine.

            Il primo motore "a scoppio" come lo chiami tu,
            andava a idrogeno, del 1853 progettato da
            Barsanti e
            Matteucci.

            Anche New Holland fa trattori a idrogeno:
            http://agriculture.newholland.com/italy/it/WNH/HydE la BMW ha rinunciato...
            Come il il primo motore diesel andava ad olio
            vegetale e non a
            gasolio.Veramente andava a polvere di carbone:http://www.google.com/patents/US608845
          • iRoby scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: metro
            E la BMW ha rinunciato...E quindi?
            Veramente andava a polvere di carbone:
            http://www.google.com/patents/US608845Non è esattamente così...Il motore si prestava già da subito a diverse applicazioni, e la polvere di carbone miscelata ad aria, era una di queste.La più usata fu con gli olii e poi col gasolio.La polvere di carbone era usata inizialmente nell'applicazione navale.La polvere di carbone crea problemi nello stoccaggio e manipolazione del combustibile...
          • metro scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: iRoby
            - Scritto da: metro

            E la BMW ha rinunciato...

            E quindi?Forse non è la strada giusta?

            Veramente andava a polvere di carbone:

            http://www.google.com/patents/US608845

            Non è esattamente così...
            Il motore si prestava già da subito a diverse
            applicazioni, e la polvere di carbone miscelata
            ad aria, era una di
            queste.Bravo vedo che sai leggere ;)
            La più usata fu con gli olii e poi col gasolio.
            La polvere di carbone era usata inizialmente
            nell'applicazione
            navale.

            La polvere di carbone crea problemi nello
            stoccaggio e manipolazione del
            combustibile...Il gasolio invece no :D
          • iRoby scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: metro
            - Scritto da: iRoby

            - Scritto da: metro


            E la BMW ha rinunciato...



            E quindi?

            Forse non è la strada giusta?Ho fatto un po' di ricerca e non è vero che ha rinunciato:http://www.cdt.ch/motori/news/16116/bmw-accantona-l-idrogeno.htmlHa rinunciato alle celle a combustibile di idrogeno per produzione di elettricità per un motore elettrico sulla vettura.Ma non ha abbandonato lo sviluppo dell'alimentazione a idrogeno nel motore a combustione interna.
            Il gasolio invece no :DLa polvere di carbone è esplosiva ed anche pericolosa per inalazione.Il gasolio è più facile da stoccare nei serbatoi e non è esplosivo.
          • metro scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: iRoby
            - Scritto da: metro

            - Scritto da: iRoby


            - Scritto da: metro



            E la BMW ha rinunciato...





            E quindi?



            Forse non è la strada giusta?

            Ho fatto un po' di ricerca e non è vero che ha
            rinunciato:
            http://www.cdt.ch/motori/news/16116/bmw-accantona-Bravo, prima di parlare è sempre utile documentarsi...
            Ha rinunciato alle celle a combustibile di
            idrogeno per produzione di elettricità per un
            motore elettrico sulla
            vettura.
            Ma non ha abbandonato lo sviluppo
            dell'alimentazione a idrogeno nel motore a
            combustione
            interna.ottima scelta :|


            Il gasolio invece no :D

            La polvere di carbone è esplosiva ed anche
            pericolosa per
            inalazione.Hai mai visto un macinapepe?Il carbone lo tieni in pezzi, lo polverizzi sul momento...
          • iRoby scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: metro
            Hai mai visto un macinapepe?
            Il carbone lo tieni in pezzi, lo polverizzi sul
            momento...Ma è meno pratico da maneggiare dei liquidi e dei gas. È stato abbandonato praticamente ovunque...
          • metro scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: iRoby
            - Scritto da: metro

            Hai mai visto un macinapepe?

            Il carbone lo tieni in pezzi, lo polverizzi
            sul

            momento...

            Ma è meno pratico da maneggiare dei liquidi e dei
            gas. È stato abbandonato praticamente
            ovunque...corri ad informare i minatori del sulcis... :D
          • iRoby scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: metro
            corri ad informare i minatori del sulcis... :D??? troll detected...orIdiot at work...
          • metro scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: iRoby
            - Scritto da: metro

            corri ad informare i minatori del sulcis...
            :D

            ???
            troll detected...
            or
            Idiot at work...si uno lo vedo :D
          • metro scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: yoghi
            - Scritto da: iRoby

            Per ora si può tamponare con l'idrogeno. Ossia

            non energia elettrica direttamente nelle

            batterie, ma usata per elettrolisi e produzione

            di idrogeno, e per ora si sfruttano ancora i

            motori a combustione.

            Idrogeno nei motori a combustione?!?!?
            Se intendi 'motore a scoppio', funziona per una
            sola volta: l'ultima
            :-)(rotfl)(rotfl)(rotfl)
          • ZLoneW scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: yoghi
            Idrogeno nei motori a combustione?!?!?
            Se intendi 'motore a scoppio', funziona per una
            sola volta: l'ultima :-)Dovresti farlo sapere a BMW e a tutti gli altri che già usano l'idrogeno come carburante.Se funzionano bene, evidentemente non lo sanno che invece dovrebbero esplodere...
          • francesco scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            See, infatti se ne vedono a bizzeffe di macchine a H2 in giro!!Una genialata comunque, l'idrogeno non lo si trova in forma pura in natura, bisogna consumare energia per estrarlo da altre molecole, per poi utilizzarlo come combustibile o in fuel cell.Non serve essere il più sveglio al mondo per scoprire che la somma dell'energia consumata è maggiore di quella prodotta (è una delle leggi della termodinamica). L'unica forse sarebbe l'estrazione dell'idrogeno per mezzo di energia fotovoltaica, se non fosse che il rendimento stesso dei pannelli fotovoltaici è di un misero 10% e di notte rendono 0.Non parliamo poi del trasporto, possono dichiarare che i contenitori sono sicuri al 100%, ma vorrei vedere cosa succede alle bombole piene di H2, magari usate da un po' di tempo e non appena uscite di fabbrica, in un incidente anche non troppo violento. E in caso di fuga di gas dalle tubazioni? (problema non collegato direttamente alle bombole, tanto quelle dicono che sono sicure :-) ).Eppoi, chi sceglierebbe di svincolarsi dal cappio della benzina per passare in un altro cappio, quello della distribusione dell'H2? Credi forse di poter fare il pieno da casa come per la macchina elettrica?
          • ZLoneW scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: francesco
            See, infatti se ne vedono a bizzeffe di macchine
            a H2 in giro!!Quanta arroganza gratuita...E' stato affermato che i motori ad idrogeno esplodono; è una sciocchezza.Non è per questo motivo che di motori ad idrogeno in giro non ce ne sono.E' perché maneggiare l'idrogeno in maniera sicura è oggi parecchio complesso, non è ancora fattibile commercialmente e vanificherebbe del tutto qualsiasi possibile ipotetico risparmio.
            Una genialata comunque, l'idrogeno non lo si
            trova in forma pura in natura, bisogna consumare
            energia per estrarlo da altre molecole, per poi
            utilizzarlo come combustibile o in fuel cell.Immagino invece che la benzina senza piombo o il gasolio sgorghino copiosamente dalle fontane...Per non parlare dell'uranio 238.
            Non serve essere il più sveglio al mondo per
            scoprire che la somma dell'energia consumata è
            maggiore di quella prodotta (è una delle leggi
            della termodinamica).Verissimo.
            L'unica forse sarebbe
            l'estrazione dell'idrogeno per mezzo di energia
            fotovoltaica, se non fosse che il rendimento
            stesso dei pannelli fotovoltaici è di un misero
            10% e di notte rendono 0.Il rendimento di cui parli è superato ampiamente nei pannelli commerciali usurati, figurarsi in quelli disponibili oggi.La questione è mal posta, prova a vederla così: a te, personalmente, quanto costerebbe un impianto domestico di produzione di idrogeno ad energia rinnovabile per fare il pieno ai tuoi veicoli - vadano essi a combustione interna o a celle a combustibile? Raggiungeresti il break even point rispetto ad una vettura tradizionale a benzina, e quando?Una volta risolti i problemi di stoccaggio e trasporto, quando il break even point si raggiungerà in tempi ragionevolmente brevi, l'idrgeno sarà un'ulteriore alternativa possibile ai carburanti fossili ed al metano.
            Non parliamo poi del trasporto, possono
            dichiarare che i contenitori sono sicuri al 100%,
            ma vorrei vedere cosa succede alle bombole piene
            di H2, magari usate da un po' di tempo e non
            appena uscite di fabbrica, in un incidente anche
            non troppo violento. E in caso di fuga di gas
            dalle tubazioni? (problema non collegato
            direttamente alle bombole, tanto quelle dicono
            che sono sicure :-) ).C'è chi continua ad avere gli stessi timori per metano e GPL, pensa te... ma è vero che ancora non siamo arrivati a gestire l'idrogeno con la medesima affidabilità ed economicità.
            Eppoi, chi sceglierebbe di svincolarsi dal cappio
            della benzina per passare in un altro cappio,
            quello della distribusione dell'H2? Credi forse
            di poter fare il pieno da casa come per la
            macchina elettrica?Naturalmente sì, qualsiasi obiettivo diverso da questo è privo di senso.
          • francesco scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: ZLoneW
            - Scritto da: francesco

            See, infatti se ne vedono a bizzeffe di
            macchine

            a H2 in giro!!

            Quanta arroganza gratuita...Non c'è alcuna arroganza nell'affermare che non se ne vede una di macchina all'H2 in giro...
            E' stato affermato che i motori ad idrogeno
            esplodono; è una sciocchezza.

            Non è per questo motivo che di motori ad idrogeno
            in giro non ce ne sono.Non ho capito, ma questi benedetti motori ad H2 ci sono o non ci sono?Per quale motivo?Nel tuo primo post affermavi che esistono, ora che non ci sono... boh!
            E' perché maneggiare l'idrogeno in maniera sicura
            è oggi parecchio complesso, non è ancora
            fattibile commercialmente e vanificherebbe del
            tutto qualsiasi possibile ipotetico risparmio.Ahh, ecco... non conviene, da cui l'inutilità di molte delle tue affermazioni che seguono.

            Una genialata comunque, l'idrogeno non lo si

            trova in forma pura in natura, bisogna
            consumare

            energia per estrarlo da altre molecole, per
            poi

            utilizzarlo come combustibile o in fuel cell.

            Immagino invece che la benzina senza piombo o il
            gasolio sgorghino copiosamente dalle fontane...Il proXXXXX di raffinazione del petrolio è enormemente più semplice ed economicamente vantaggioso rispetto all'approvvigionamento dell'H2
            Per non parlare dell'uranio 238.Off Topic, di autovetture che viaggiano ad uranio ho visto solo una De Lorean, al cinema :-)

            L'unica forse sarebbe

            l'estrazione dell'idrogeno per mezzo di
            energia

            fotovoltaica, se non fosse che il rendimento

            stesso dei pannelli fotovoltaici è di un
            misero

            10% e di notte rendono 0.

            Il rendimento di cui parli è superato ampiamente
            nei pannelli commerciali usurati, figurarsi in
            quelli disponibili oggi.Il rendimento migliore al giorno d'oggi rasenta il 40%.. tieni presente però che il decadimento dovuto all'usura non è lineare nel tempo ma esponenziale, per cui dopo qualche anno arrivi a cifre nell'intervallo tra il 10% ed il 20% (http://ecoalfabeta.blogosfere.it/2007/09/effetto-fotovoltaico-1-il-rendimento.html)
            La questione è mal posta, prova a vederla così: a
            te, personalmente, quanto costerebbe un impianto
            domestico di produzione di idrogeno ad energia
            rinnovabile per fare il pieno ai tuoi veicoli -
            vadano essi a combustione interna o a celle a
            combustibile? Raggiungeresti il break even point
            rispetto ad una vettura tradizionale a benzina, e
            quando?Nel calcolo del break even point devi farci entrare anche il costo dell'impianto fotovoltaico, il suo ammortamento e la sua manutenzione (es: sostituzione periodica dell'inverter). Ergo: economicamente non conveniente.
            Una volta risolti i problemi di stoccaggio e
            trasporto, quando il break even point si
            raggiungerà in tempi ragionevolmente brevi,
            l'idrgeno sarà un'ulteriore alternativa possibile
            ai carburanti fossili ed al metano.Parti da un'ipotesi errata: il break even point non puoi ipotizzare di raggiungerlo in tempi ragionevolmente brevi, ad esempio a mio parere si tratta di tempi ragionevolmente lunghi! :-PEppoi, al limite preferisco ricaricare in casa le batterie di un'auto elettrica, anziché mettermi a maneggiare il gas più esplosivo che esiste.

            Non parliamo poi del trasporto, possono

            dichiarare che i contenitori sono sicuri al
            100%,

            ma vorrei vedere cosa succede alle bombole
            piene

            di H2, magari usate da un po' di tempo e non

            appena uscite di fabbrica, in un incidente
            anche

            non troppo violento. E in caso di fuga di gas

            dalle tubazioni? (problema non collegato

            direttamente alle bombole, tanto quelle
            dicono

            che sono sicure :-) ).

            C'è chi continua ad avere gli stessi timori per
            metano e GPL, pensa te... ma è vero che ancora
            non siamo arrivati a gestire l'idrogeno con la
            medesima affidabilità ed economicità.Infatti ho avuto l'auto a GPL, e per mia esperienza col cavolo che ne prendo un'altra. Ti ricordo inoltre quanto hai scritto poco sopra:
            E' perché maneggiare l'idrogeno in maniera sicura
            è oggi parecchio complesso, non è ancora
            fattibile commercialmente e vanificherebbe del
            tutto qualsiasi possibile ipotetico risparmio.
          • metro scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: francesco
            - Scritto da: ZLoneW

            - Scritto da: francesco


            See, infatti se ne vedono a bizzeffe di

            macchine


            a H2 in giro!!



            Quanta arroganza gratuita...

            Non c'è alcuna arroganza nell'affermare che non
            se ne vede una di macchina all'H2 in
            giro...


            E' stato affermato che i motori ad idrogeno

            esplodono; è una sciocchezza.



            Non è per questo motivo che di motori ad
            idrogeno

            in giro non ce ne sono.

            Non ho capito, ma questi benedetti motori ad H2
            ci sono o non ci
            sono?
            Per quale motivo?
            Nel tuo primo post affermavi che esistono, ora
            che non ci sono...
            boh!Prova queso ne vedi quante ne vuoi ;)http://www.google.com/search?num=10&hl=en&safe=off&site=imghp&tbm=isch&source=hp&biw=848&bih=512&q=mercedes+fuel+cell
        • Sky scrive:
          Re: Guadagnare clienti
          Nel momento in cui l'interfaccia macchina-batteria è standard, non vedo male lo swap delle batterie: arrivi alla "stazione di ricarica" e SOSTITUISCI l'intero pacco "al volo": a te rimangono le batterie cariche, alla stazione quelle da caricare, nei tempi che vorrà/riuscirà.Di fatto le batterie non le dovresti pagare, dato che lasci le tue, mentre per l'energia è un altro discorso... ma già ora paghiamo il carburante, no?
        • Funz scrive:
          Re: Guadagnare clienti
          - Scritto da: sbertuccia
          - Scritto da: iRoby

          Batterie al Litio che si ricaricano in 1
          minuto,

          sono già realtà, anche se molto

          costose.

          Già le batterie al litio comuni, quelle che si
          ricaricano in alcune ore, costano assai...poi
          facevano vedere in una puntata di Top Gear che le
          attuali auto elettriche ci mettono più di 10 ore
          per ricaricarsi, dunque ci vorranno anni prima
          che questa tecnologia si
          diffonda...il problema è che pretendiamo che l'auto elettrica abbia le stesse identiche prestazioni che abbiamo avuto finora.Con la benzina che sale a prezzi sempre più insostenibili dovremo *comunque* adattarci a cambiare abitudini.Quindi avrà senso un'auto elettrica magari con qualcosa tipo leasing / car sharing, che ci fa fare il 90% della strada che ci serve, e per il restante 10% di viaggi lunghi ci si adatta con altri mezzi (benzina, treno, noleggio).A me un'auto che fa 150 km con una ricarica notturna (come le elettriche oggi in commercio) coprirebbe quasi tutte le mie necessità, giusto per andara al mare in Liguria mi servirebbe una colonnina di ricarica rapida a metà strada mentre faccio la pausa autogrill...
          • ZLoneW scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: Funz
            il problema è che pretendiamo che l'auto
            elettrica abbia le stesse identiche prestazioni
            che abbiamo avuto finora.Le Tesla hanno prestazioni addirittura migliori - mi sembra che proprio TopGear abbia fatto un confronto tra quella derivata dalla Lotus e la Lotus stessa...
          • Funz scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: ZLoneW
            - Scritto da: Funz

            il problema è che pretendiamo che l'auto

            elettrica abbia le stesse identiche
            prestazioni

            che abbiamo avuto finora.

            Le Tesla hanno prestazioni addirittura migliori -
            mi sembra che proprio TopGear abbia fatto un
            confronto tra quella derivata dalla Lotus e la
            Lotus
            stessa...Ma la Tesla appartiene alla categoria delle sportive, per cui il costo delle batterie ha poca importanza. Chiaro che puoi mettere su una Punto abbastanza batterie per farla camminare 400 km, e un motore con abbastanza kW da avere prestazioni migliori della versione a benzina, ma a che prezzi?
          • ZLoneW scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            No. QUELLA LI', la Roadster, è una sportiva, e se l'ho tirata in ballo è solo per dare la possibilità di valutare quanto sia fuffosa l'affermazione che le elettriche hanno prestazioni insoddisfacenti.Non è vero, non ce n'è motivo.La Model S è una due volumi, elegante, e va da 0 a 60 mph (un filo meno di 100 kmh) in 4,4 secondi.www.teslamotors.com
          • Funz scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: ZLoneW
            No. QUELLA LI', la Roadster, è una sportiva, e se
            l'ho tirata in ballo è solo per dare la
            possibilità di valutare quanto sia fuffosa
            l'affermazione che le elettriche hanno
            prestazioni
            insoddisfacenti.

            Non è vero, non ce n'è motivo.

            La Model S è una due volumi, elegante, e va da 0
            a 60 mph (un filo meno di 100 kmh) in 4,4
            secondi.

            www.teslamotors.comGiusto, dimenticavo la model s che, comunque, parte da cinquantamila verdoni :)Io penso più alla leaf, o alle toyota ibride plug-in che possono entrare più facilmente nel mercato... aspetta che la benzina raddoppi ancora una o due volte ;)
          • metro scrive:
            Re: Guadagnare clienti
            - Scritto da: ZLoneW
            No. QUELLA LI', la Roadster, è una sportiva, e se
            l'ho tirata in ballo è solo per dare la
            possibilità di valutare quanto sia fuffosa
            l'affermazione che le elettriche hanno
            prestazioni
            insoddisfacenti.

            Non è vero, non ce n'è motivo.

            La Model S è una due volumi, elegante, e va da 0
            a 60 mph (un filo meno di 100 kmh) in 4,4
            secondi.
            per non parlare di questa:http://www.gizmag.com/mercedes-benz-sls-amg-coupe-electric-drive/24320/
    • Surak 2.0 scrive:
      Re: Guadagnare clienti
      - Scritto da: Levantino
      Come fortissima resistenza all'acquisto di auto
      elettriche rimangono tuttavia proprio l'assenza
      di infrastrutture, l'alto prezzo delle
      automobili, la scarsa autonomia (specialmente
      negli USA!) e i lunghi tempi di ricarica, E sì, ma almeno il colore lo puoi scegliere..purchè sia grigiotopo in decomposizione
  • joceline scrive:
    ovviamente
    in Idaglia, la cosa non sarebbe possibile.Senno Befera si XXXXXXX perchè non pagate l'IVA sul energia prodotta.
  • Leguleio scrive:
    Secondo me...
    Saranno gratuite per i primi anni, giusto per allettare i consumatori e anche per sondare il mercato. Quando sarà un sucXXXXX, scatterà il pieno a pagamento, che costerà più della benzina. :p
    • panda rossa scrive:
      Re: Secondo me...
      - Scritto da: Leguleio
      Saranno gratuite per i primi anni, giusto per
      allettare i consumatori e anche per sondare il
      mercato. Quando sarà un sucXXXXX, scatterà il
      pieno a pagamento, che costerà più della benzina.

      :pNon potra' costare piu' della benzina: la benzina e' in fase di esaurimento, mentre l'elettricita' e' rinnovabile.Su lunga scala temporale sara' la benzina a raggiungere i 3 euro al litro.
      • joceline scrive:
        Re: Secondo me...
        si vabbe in fase di esaurimento...ma nessuno sa quanto duri questa "fase".e il famoso picco del petrolio? qui i dati cambiano sempre, come le stime del pil italiano (Monti docet).
        • Lallo scrive:
          Re: Secondo me...
          ma non è che cambino i dati, cambia semplicemente il consumo (per via della crisi) e la quantità prodotta (estrazione sempre più profonda, nuovi giacimenti artici).In ogni caso, non è che possiamo aspettare di aver estratto l'ultima goccia per pensare e mettere in pratica un sistema differente.
        • Funz scrive:
          Re: Secondo me...
          - Scritto da: joceline
          si vabbe in fase di esaurimento...
          ma nessuno sa quanto duri questa "fase".
          e il famoso picco del petrolio?
          qui i dati cambiano sempre, come le stime del pil
          italiano (Monti
          docet).il picco se guardi bene c'è già stato qualche anno fa ed ora stiamo entrando nella fase discendente (-6% per anno secondo IEA), a meno che tu non voglia considerare "petrolio" i biocarburanti, gli scisti bituminosi, il coal-to-liquid e il gas-to-liquid, e altre schifezze che per un po' riusciranno a mantenere costante la produzione di carburanti liquidi, ma:!) costano cari2) producono molta più CO2 e inquinamento del greggio.3) non basteranno molto a lungo a mascherare l'inevitabile declino.Quindi: dov'è il picco del petrolio? C'è gia stato, quasi sicuramente.Checché ne dicano politici, economisti e petrolieri interessati.
      • Lallo scrive:
        Re: Secondo me...
        solo? i 3 euro secondo me li raggiungerà nel medio periodo, a meno che inizino davvero a trivellare l'Artico ed estrarre petrolio anche da lì, con conseguenze ignote per la sopravvivenza della ns. specie.
      • P.Inquino scrive:
        Re: Secondo me...
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Leguleio

        Saranno gratuite per i primi anni, giusto per

        allettare i consumatori e anche per sondare
        il

        mercato. Quando sarà un sucXXXXX, scatterà il

        pieno a pagamento, che costerà più della
        benzina.



        :p
        stessa cosa il GPL...aspettiamo entro i prox 10 anni, a diffusione consolidatain italia sicuramente il prezzo quintuplicherà
        Non potra' costare piu' della benzina: la benzina
        e' in fase di esaurimento, mentre l'elettricita'
        e'
        rinnovabile.
        Su lunga scala temporale sara' la benzina a
        raggiungere i 3 euro al
        litro.
      • iRoby scrive:
        Re: Secondo me...
        - Scritto da: P.Inquino
        agghiacciante

        considerando poi che l'italia è relativamente
        ricca di giacimenti petroliferi..(basilicata e
        parte dell'emilia romagna). ovviamente non ci
        sono gli interessi per investire in estrazioni
        locali del greggio.. interessi lobbistici e
        volontà di mantenere le accise alteCome no! La Basilicata galleggia letteralmente sul giacimento di petrolio più grande d'Europa.Tanto grande che si poteva non solo risollevare il paese, ma garantire anche fondi per i disoccupati e le pensioni di anzianità.In Norvegia hanno nazionalizzato i giacimenti di petrolio e il ricavato ha garantito l'equivalente di Corone Norvegesi di 2000 euro al mese a cranio per la vita a tutti i norvegesi in pensione (e fino a che quel petrolio renderà le attuali cifre sul mercato).Da noi sai qual'è stato l'accordo per lo sfruttamento? 90 euro all'anno di buoni benzina per soli lucani residenti e patentati.
      • niuno scrive:
        Re: Secondo me...
        Molto interessante. A livello di dati crudi, se non ricordo male, i soldi investiti per la ricerca di nuove tecniche estrattive o cmq legate al ciclo del petrolio sono di diversi ordini di grandezza quelle sulla ricerca delle alternative; indice che i colossi sanno dove muoversi e i motori a combustione caratterizzeranno ance il XXI secolo, perlomeno la prima metà
        • iRoby scrive:
          Re: Secondo me...
          Le energie rinnovabili non danno introiti sul lungo periodo.Federico Pistono del movimento Zeithgeist Italia che è un ingegnere italiano giovanissimo ora preso alla NASA parla spesso di uno studio che dice che l'Italia con il solo geotermico potrebbe produrre 4 volte il fabbisogno interno.Ora devo chiedere i dati dello studio, ma io ci credo perché ho lavorato nel mondo dei motori a biogas per 2 anni, e so che livelli di efficienza e che incidenza hanno.Posso dirti che uno di quei motoroni con 20 cilindri a V e 9 litri a cilindro per un totale di 180.000cc può muovere un generatore da 10MWatt e dare corrente a 60.000 appartamenti (calcolando la media dei carichi giornalieri a famiglia). E c'è ancora la co-generazione col riscaldamento disponibile.Tutta Cortina si scalda e illumina con alcuni di questi motori più piccoli, i 6 litri per 20 cilindri a V con generatore da 5-6MW. Il gas viene prodotto da fermentazione del legname montano (wood gas) + qualche motore 4l x 16 cilindri a metano come backup su rete gas cittadina.Io facevo dei software di pianificazione delle manutenzioni di questi motori dopo la lettura dei contatori ore-lavoro da remoto.Ora il geotermico di ultima generazione una volta installato necessita poca manutenzione, ed è una fonte inesauribile in un paese come il nostro altamente sismico e ricco di zone termali.Ed una rete capillare costa all'inizio ma una volta ammortizzata può dare energia a costo bassissimo.Oltre all'uso di elettrolisi per produrre idrogeno che serve a mezzi pesanti ed attività industriali di fusione in metallurgia.
          • niuno scrive:
            Re: Secondo me...
            Il problema quindi sta negli investimenti iniziali, nel geotermico come in altre tecnologie (per non aprlare del fronte risparmio/diminuzione). Un cambiamento infrastrutturale di queste portate (anche in scala locale) lo fai solo col pubblico, e quindi è solo una questione di volontà politica, l'autonomia energetica squilibira gli equilibri inernazionali. grazie per i dati.
          • iRoby scrive:
            Re: Secondo me...
            Si esatto solo col pubblico. Ma il pubblico lo stanno togliendo di mezzo.I tecnocrati legati alle elite finanziarie ed industriali hanno preso il controllo di questo paese.Per cui senza una moneta sovrana come era la Lira, non saranno più possibili investimenti pubblici di nessun tipo...Uno degli ultimi articoli di Paolo Barnard che spiega cosa hanno intenzione di fare dell'Italia: http://paolobarnard.info/intervento_mostra_go.php?id=460
          • metro scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: niuno
            grazie per i dati.inventati... :D
          • metro scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: iRoby
            Le energie rinnovabili non danno introiti sul
            lungo
            periodo.

            Federico Pistono del movimento Zeithgeist Italia
            che è un ingegnere italiano giovanissimo ora
            preso alla NASA parla spesso di uno studio che
            dice che l'Italia con il solo geotermico potrebbe
            produrre 4 volte il fabbisogno
            interno.
            Ora devo chiedere i dati dello studio, ma io ci
            credo perché ho lavorato nel mondo dei motori a
            biogas per 2 anni, e so che livelli di efficienza
            e che incidenza
            hanno.E che c'azzecca il biogas con il geotermico?
            Ora il geotermico di ultima generazione una volta
            installato necessita poca manutenzione, ed è una
            fonte inesauribile in un paese come il nostro
            altamente sismico e ricco di zone
            termali.Ecco bravo hai trovato il punto debole: i terremoti! :D
            Ed una rete capillare costa all'inizio ma una
            volta ammortizzata può dare energia a costo
            bassissimo.Bravo, fonda la iRoby free energy inc. e diventa ricco, no?
          • iRoby scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: metro
            E che c'azzecca il biogas con il geotermico?Ci azzecca per gli incentivi, l'efficienza raggiunta dai generatori e la vastità delle applicazioni, che si può unire all'eolico, il geotermico, ed altre fonti rinnovabili.

            fonte inesauribile in un paese come il nostro

            altamente sismico e ricco di zone termali.

            Ecco bravo hai trovato il punto debole: i
            terremoti!
            :DCon una rete capillare di centrali sparse sul territorio, cosa importa se un terremoto te ne fa fuori un paio in Abruzzo? Le altre mica si fermano? E la distribuzione della corrente è a rete, come Internet, dove se un nodo si interrompe ce ne sono altri...Senza contare che anche le strutture antisismiche moderne sono molto più avanzate.http://it.wikipedia.org/wiki/Ingegneria_sismica
          • metro scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: iRoby
            - Scritto da: metro

            E che c'azzecca il biogas con il geotermico?

            Ci azzecca per gli incentivi, l'efficienza
            raggiunta dai generatori e la vastità delle
            applicazioni, che si può unire all'eolico, il
            geotermico, ed altre fonti
            rinnovabili.e tu useresti un gas per far girare un'alternatore per caricare le batterie di una macchina?Ma fare il pieno di gas DIRETTAMENTE sulla macchina no? :D



            fonte inesauribile in un paese come il
            nostro


            altamente sismico e ricco di zone
            termali.



            Ecco bravo hai trovato il punto debole: i

            terremoti!

            :D

            Con una rete capillare di centrali sparse sul
            territorio, cosa importa se un terremoto te ne fa
            fuori un paio in Abruzzo?A me risultano 308 morti in abruzzo, non un paio :D
          • iRoby scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: metro
            e tu useresti un gas per far girare
            un'alternatore per caricare le batterie di una
            macchina?
            Ma fare il pieno di gas DIRETTAMENTE sulla
            macchina no? :DNon è vero perché usato sui grandi motori specifici il gas è più efficiente, perché puoi fare la cogenerazione. Mentre produci elettricità, riscaldi un intero quartiere con un solo motore da oltre 100.000cc facendo scorrere l'acqua dei riscaldamenti negli intercooler e negli scambiatori sui tubi di scarico.Ed il teleriscaldamento funziona anche a distanza, ci sono applicazioni con la fonte di calore fino a 4km con tubi isolati speciali che vengono interrati.http://it.wikipedia.org/wiki/Teleriscaldamento
            A me risultano 308 morti in abruzzo, non un paio
            :DIo parlavo di centrali geotermiche.Se la rete è capillare in tutte le zone geotermiche italiane, non importa se un terremoto mette fuori uso un paio di centrali, dato che la rete è a nodi e distribuiscono energia anche altre centrali non toccate dal sisma.Ma perché scrivi così tanto per allenare le dita e testare la tastiera?
          • metro scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: iRoby
            - Scritto da: metro

            e tu useresti un gas per far girare

            un'alternatore per caricare le batterie di
            una

            macchina?

            Ma fare il pieno di gas DIRETTAMENTE sulla

            macchina no? :D

            Non è vero perché usato sui grandi motori
            specifici il gas è più efficiente, perché puoi
            fare la cogenerazione. Mentre produci
            elettricità, riscaldi un intero quartiere con un
            solo motore da oltre 100.000cc facendo scorrere
            l'acqua dei riscaldamenti negli intercooler e
            negli scambiatori sui tubi di
            scarico.
            Ed il teleriscaldamento funziona anche a
            distanza, ci sono applicazioni con la fonte di
            calore fino a 4km con tubi isolati speciali che
            vengono
            interrati.Anche d'estate immagino :DNaturalmente hai fatto i conti di TUTTE le perdite di rendimento del tuo FANTASTICO schema per diventare ricco, vero? :D

            http://it.wikipedia.org/wiki/Teleriscaldamento



            A me risultano 308 morti in abruzzo, non un
            paio

            :D

            Io parlavo di centrali geotermiche.Io parlavo dei danni collaterali, forse tu sei disposto a sopportarli, magari in abruzzo non sono così contenti...
          • iRoby scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: metro
            Anche d'estate immagino :D
            Naturalmente hai fatto i conti di TUTTE le
            perdite di rendimento del tuo FANTASTICO schema
            per diventare ricco, vero? :DI conti li hanno fatti tutti quelli che li comprano, dato che la sola GE Jenbacher che è uno dei massimi produttori di questi motori ha fatturato oltre 100 milioni di euro l'anno scorso. I motori a biogas vanno a gas di discarica, biogas da biomasse di deiezioni animali, gas da fermentazioni vegetali soprattutto di mais o legname.E questi motori li comprano contadini e cooperative agricole, comunità montane, le discariche di grandi città come la AMIAT di Torino.C'è poi l'applicazione negli ospedali come generatori elettrici di backup e teleriscaldamento di tutti i padiglioni coi vari reparti.Evidentemente il gas è più efficiente usarlo così che in serbatoi di veicoli. E quindi potrebbe coadiuvare altre fonti alternative per ricaricare auto elettriche.Perché usato così se sfrutti la cogenerazione arrivi al 60-70% di efficienza. Usato per l'autotrazione l'efficienza è del 20% scarso. Anche perché a seconda del potere calorifico del gas non ha la stessa potenza di altri carburanti. Anche perché tutti i motori a biogas di grandi dimensioni sono tutti turbocompressi con turbine molto grandi.E poi alcuni biogas sono molto aggressivi sulle parti meccaniche, e sulle automobili e trattori viene ad avere costi di gestione elevati per le manutenzioni più ravvicinate.
            Io parlavo dei danni collaterali, forse tu sei
            disposto a sopportarli, magari in abruzzo non
            sono così contenti...Ah io credevo parlassimo di centrali geotermiche, e che i danni collaterali ad altre cose o persone non erano argomento di questa discussione...
          • metro scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: iRoby
            - Scritto da: metro

            Anche d'estate immagino :D

            Naturalmente hai fatto i conti di TUTTE le

            perdite di rendimento del tuo FANTASTICO
            schema

            per diventare ricco, vero? :D

            I conti li hanno fatti tutti quelli che li
            comprano, dato che la sola GE Jenbacher che è uno
            dei massimi produttori di questi motori ha
            fatturato oltre 100 milioni di euro l'anno
            scorso. I motori a biogas vanno a gas di
            discarica, biogas da biomasse di deiezioni
            animali, gas da fermentazioni vegetali
            soprattutto di mais o
            legname.
            E questi motori li comprano contadini e
            cooperative agricole, comunità montane,Che non hanno alternative, e abbondanza di materie prime...
            le discariche di grandi città come la AMIAT di
            Torino.
            C'è poi l'applicazione negli ospedali come
            generatori elettrici di backup e
            teleriscaldamento di tutti i padiglioni coi vari
            reparti.Stai parlando di enti pubblici, dove i conti vengono fatti in base a buste anonime di "lubrificante" :D

            Io parlavo dei danni collaterali, forse tu
            sei

            disposto a sopportarli, magari in abruzzo non

            sono così contenti...

            Ah io credevo parlassimo di centrali geotermiche,
            e che i danni collaterali ad altre cose o persone
            non erano argomento di questa
            discussione...Pensa che il titolo dell'articolo era:"Tesla, stazioni di ricarica gratis col fotovoltaico"le centrali geotemiche le hai tirate fuori tu :D
          • iRoby scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: metro
            Che non hanno alternative, e abbondanza di
            materie prime...Le comunità montane di zone ricche di faglie e aree termali si che hanno alternativa col geotermico. Praticamente tutte le Alpi sono piene di zone termali (tanto per citarne uno dove vado anche io Levico)...
            Stai parlando di enti pubblici, dove i conti
            vengono fatti in base a buste anonime di
            "lubrificante" :DMa che vuol dire? I motori sono convenienti perché col gas del rifiuto umido urbano ci vendono energia elettrica alla cittadinanza, e calore ai quartieri fino a 4km dalla discarica. È forse una delle poche attività che non pesa sulla municipalità, perché produce qualcosa da rivendere alle aziende elettriche, e il riscaldamento.Per gli ospedali sono più convenienti i motori perché a differenza delle caldaie per il solo teleriscaldamento, ci producono anche elettricità da rivendere quando non si usa tutta.
            Pensa che il titolo dell'articolo era:
            "Tesla, stazioni di ricarica gratis col
            fotovoltaico"
            le centrali geotemiche le hai tirate fuori tu :DPerché in Italia è una risorsa che potrebbe ridurre quasi del tutto la dipendenza dal petrolio.Tu ci hai infilato terremoti, gente morta e menate varie. Io stavo solo parlando dei vantaggi e della fattibilità tecnica.
          • metro scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: iRoby
            Perché in Italia è una risorsa che potrebbe
            ridurre quasi del tutto la dipendenza dal
            petrolio.
            Tu ci hai infilato terremoti, gente morta e
            menate varie. Io stavo solo parlando dei vantaggi
            e della fattibilità
            tecnica.Forza, allora, tira fuori i soldi e fallo, no?
          • iRoby scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: metro
            Forza, allora, tira fuori i soldi e fallo, no????Io ho capito solo una cosa di tutto questo thread...Che rientra in quel caso dell'aforisma: "mai dare corda ad un idiota, perché ti trascinerà al suo livello, ed alla fine ti batterà perché ha più esperienza".
          • metro scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: iRoby
            - Scritto da: metro

            Forza, allora, tira fuori i soldi e fallo,
            no?

            ???

            Io ho capito solo una cosa di tutto questo
            thread...Bravo qualcosa capisci :DSe tutte queste mirabolanti innovazioni, che continui a sbandierare ai quattro venti funzionano così bene come dici, allora come dicono gli americani: "put your money where your mouth is" o taci
          • iRoby scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: metro
            Forza, allora, tira fuori i soldi e fallo, no????Ahhh ma allora stavo dialogando con un comune co-beeep-ne.
          • metro scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: iRoby
            - Scritto da: metro

            Forza, allora, tira fuori i soldi e fallo,
            no?

            ???

            Ahhh ma allora stavo dialogando con un comune
            co-beeep-ne.Come dicono gli americani: "put your money where your mouth is" o taci
          • Funz scrive:
            Re: Secondo me...
            - Scritto da: iRoby
            Le energie rinnovabili non danno introiti sul
            lungo
            periodo.

            Federico Pistono del movimento Zeithgeist Italia
            che è un ingegnere italiano giovanissimo ora
            preso alla NASA parla spesso di uno studio che
            dice che l'Italia con il solo geotermico potrebbe
            produrre 4 volte il fabbisogno
            interno.
            Ora devo chiedere i dati dello studio, ma io ci
            credo perché ho lavorato nel mondo dei motori a
            biogas per 2 anni, e so che livelli di efficienza
            e che incidenza
            hanno.

            Posso dirti che uno di quei motoroni con 20
            cilindri a V e 9 litri a cilindro per un totale
            di 180.000cc può muovere un generatore da 10MWatt
            e dare corrente a 60.000 appartamenti (calcolando
            la media dei carichi giornalieri a famiglia). E
            c'è ancora la co-generazione col riscaldamento
            disponibile.
            Tutta Cortina si scalda e illumina con alcuni di
            questi motori più piccoli, i 6 litri per 20
            cilindri a V con generatore da 5-6MW. Il gas
            viene prodotto da fermentazione del legname
            montano (wood gas) + qualche motore 4l x 16
            cilindri a metano come backup su rete gas
            cittadina.

            Io facevo dei software di pianificazione delle
            manutenzioni di questi motori dopo la lettura dei
            contatori ore-lavoro da
            remoto.

            Ora il geotermico di ultima generazione una volta
            installato necessita poca manutenzione, ed è una
            fonte inesauribile in un paese come il nostro
            altamente sismico e ricco di zone
            termali.
            Ed una rete capillare costa all'inizio ma una
            volta ammortizzata può dare energia a costo
            bassissimo.
            Oltre all'uso di elettrolisi per produrre
            idrogeno che serve a mezzi pesanti ed attività
            industriali di fusione in
            metallurgia.Ecco, vedi che ogni tanto fai qualche post sensato? ;)
      • Mica sono del tutto daccordo scrive:
        Re: Secondo me...
        - Scritto da: panda rossa
        - Scritto da: Leguleio

        Saranno gratuite per i primi anni, giusto per

        allettare i consumatori e anche per sondare
        il

        mercato. Quando sarà un sucXXXXX, scatterà il

        pieno a pagamento, che costerà più della
        benzina.



        :p

        Non potra' costare piu' della benzina: la benzina
        e' in fase di esaurimento, mentre l'elettricita'
        e' rinnovabile.
        Su lunga scala temporale sara' la benzina a
        raggiungere i 3 euro al litro.E l'elettricità di conseguenza, mica la ricavi dall'aria, tutto quello che serve per generarla è in qualche maniera legato al costo del carburante, di conseguenza più amneta il carburante più costerà l'elettricità. Aggingici anche che l'elettricità da solo non ti serve nulla perché deve essere trasformata in energia meccanica tramite macchine che a loro volta richiedono "carburanti" per essere costruiti. Ci vorrà parecchio prima che l'aumento del costo dei carburanti non comporti di conseguenza un aumento di tutto il resto
        • panda rossa scrive:
          Re: Secondo me...
          - Scritto da: Mica sono del tutto daccordo
          E l'elettricità di conseguenza, mica la ricavi
          dall'aria, [img]http://www.architetturaedesign.it/wp-content/uploads/2007/06/pale-eoliche-inghilterra-energia-alternativa-pulita.jpg[/img]
          tutto quello che serve per generarla è
          in qualche maniera legato al costo del
          carburante, di conseguenza più amneta il
          carburante più costerà l'elettricità. Aggingici
          anche che l'elettricità da solo non ti serve
          nulla perché deve essere trasformata in energia
          meccanica tramite macchine che a loro volta
          richiedono "carburanti" per essere costruiti.[img]http://blog.chiarezza.it/wp-content/uploads/2012/06/auto-elettrica-300x210.jpg[/img]
          Ci
          vorrà parecchio prima che l'aumento del costo dei
          carburanti non comporti di conseguenza un aumento
          di tutto il
          restoAspettero'.
Chiudi i commenti