Francia, cala la ghigliottina

Il Parlamento ha discusso del nocciolo della dottrina Sarkozy. L'articolo 2 è stato approvato: per i cittadini della rete, monitoraggio e disconnessioni

Roma – Il dibattito parlamentare ferve a Parigi, l’Assemblea Nazionale sta decidendo delle sorti dei netizen francesi: 25 deputati, per alzata di mano, sono stati sufficienti per approvare la costituzione di Hadopi , l’autorità che dovrà mediare fra industria dei contenuti, ISP e cittadini della rete.

Il dibattito non è ancora terminato, si stanno tuttora sfrondando emendamenti e valutando integrazioni al testo che potrebbe configurare oltralpe il sistema di risposta graduale alla condivisione illegale di contenuti online. L’articolo 2, quello che dispone il regime di avvertimenti e di disconnessioni nei confronti di cittadini recidivi, è stato approvato dall’assemblea.

L’articolo 2 prevede la creazione dell’Hadopi, l’ Haute Autorité pour la diffusion des ouvres et la protection des droits sur Internet . I parlamentari francesi non hanno accolto l’eventualità di trasformare le disconnessioni in sanzioni monetarie: l’attuale configurazione del testo prevede che Hadopi possa comminare nei confronti degli utenti recidivi disconnessioni che spaziano tra i due mesi e un anno.

I cittadini avranno la possibilità di fare ricorso. ma le autorità francesi assicurano che la disconnessione rappresenterà una semplice minaccia, sufficiente a dissuadere la maggior parte dei cittadini della rete che attinge alla rete senza compensare i detentori dei diritti. ( G.B. )

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • markoer scrive:
    Sospetto perché hanno preso te
    Perché sei alta 180 cm e sei bionda.Per il resto possiamo sostituirti con un bot anche subito :-)Cordiali saluti
  • sbob madob scrive:
    automatizzare la raccolta dei pomodori
    il PR è un lavoro che può fare un occidentale qualunque, semmai dovremmo automatizzare il lavoro del clandestino rapito dai CPT e schiavizzato alla raccolta dei pomodori. Che tralaltro senza di lui moriremmo di fame o saremmo costretti a lavorare. per davvero.
  • Riccardo Landi scrive:
    ICT BLA BLA BLA
    "Erano anni che cercavo qualcuno o qualcosa che lavorasse al posto mio"....Hanno inventato sistemi molto più efficienti di qualsiasi software da millenni.Dalla schiavitù del mondo greco ai precari dei call center fino agli ingegneri con master sottopagati con contratti da fame....E non mi si venga a dire: "No io non sono sostituibile... nessuno può fare il mio stesso lavoro meglio di me..."...Certo... ci sono dovute eccezioni... basta guardare il lavoro che hanno fatto geni come Fermi o Einstein.Nel 99,9 per cento dei casi chiunque con un buon livello di istruzione è in grado di sostituirci se adeguatamente formato.Ed è anche motivato a farlo qualora si tratti di un giovane neolaureato che fatica a pagarsi l'affitto....
    • ecologista pressappoc hista scrive:
      Re: ICT BLA BLA BLA
      non c'è nessuna dovuta eccezione, basti pensare a ettore majorana. ha mollato eppure noi siamo qui belli gonfi e satolli.tutti sono utili, nessuno è indispensabile. ma a parte questo, non vedo il nesso col pezzo. bah.
  • mazzaho scrive:
    Fuffa
    ware
  • SkyNet scrive:
    Requisiti
    Leggendo i requisiti consigliati del "Social Master Tool", risulta che il 99, 981% dell'umanità necessita un upgrade. (cylon)
Chiudi i commenti