Francia, Google forma alleanze contro le fake-news

Mano tesa agli elettori, che si avvicinano al voto per la presidenza. Big G collaborerà con First Draft per provare a debellare le bufale dalla Rete. Anche Facebook della partita
Mano tesa agli elettori, che si avvicinano al voto per la presidenza. Big G collaborerà con First Draft per provare a debellare le bufale dalla Rete. Anche Facebook della partita

Milano – Dopo i primi esperimenti durante le elezioni americane, ora Google rilancia il suo programma per l’individuazione e l’ostracizzazione delle fake-news, le bufale, dai siti che si occupano delle presidenziali francesi : il programma CrossCheck, portato avanti con First Draft e con la collaborazione di Facebook , fornirà strumenti necessari per arginare il crescente fenomeno delle informazioni non verificate che vengono disseminate in Rete e si moltiplicano in modo quasi incontrollabile su social network e pure sui siti di informazione tradizionale.

CrossCheck lavora di concerto con gli algoritmi di Google News e di Facebook CrowdTangle: in questo modo le redazioni di alcune agenzie e giornali d’Oltralpe (Le Monde, AFP, France Television, ma ci sono anche siti come Buzzfeed) potranno giovarsi di un sistema di verifica delle notizie per decidere con maggiore consapevolezza cosa proprorre e riproporre ai propri lettori . La combinazione tra la catalogazione automatica di CrossCheck e l’esperienza degli esseri umani davanti allo schermo, i giornalisti delle redazioni, permetterà di effettuare un lavoro giornalistico più accurato.

La questione del fact-checking, ovvero della verifica dei fatti e delle fonti per le notizie diffuse in Rete, è un argomento molto di moda: Facebook si misura da tempo con la questione ( ha avviato un’iniziativa simile in Germania ), e tra pressioni dei Governi e mano tesa ai giornalisti sta mettendo in campo tanta tecnologia e tanta buona volontà per provare a sfruttare al meglio la tecnologia. Di fatto CrossCheck sarà uno strumento in più nell’arsenale dei reporter , utile per valutare la bontà di una foto o la cronologia di un evento.

I prossimi due mesi serviranno a mettere alla prova questo sistema automatizzato, le elezioni del 27 aprile decideranno il nuovo presidente francese, e nel frattempo ci si può iscrivere al servizio anche se si fa parte di una scolaresca che vuole fare pratica di giornalismo: Google ha deciso di impegnarsi in questo campo, e la questione non è soltanto legata all’etica. Le notizie false possono trasformarsi anche in un boomerang, come capitato col caso di un giovane siriano che si è scattato un selfie con il premier tedesco Angela Merkel: Anas Modamani si è ritrovato suo malgrado al centro di una bufala che lo addita come potenziale terrorista, e ora chiede conto a Facebook di quanto sta capitando avendo chiesto al tribunale di Wuerzburg un’ordinanza per bloccare la distribuzione dell’immagine.

Luca Annunziata

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

07 02 2017
Link copiato negli appunti