Francia, rete blindata in vendita. Pagano gli ISP

La provocazione di un utente eBay: mette all'asta una rete sorvegliata che potrebbe interessare all'industria dei contenuti. Il prezzo è contenuto: a sostenere costi milionari potrebbero essere i provider

Roma – “Una rete Internet francese controllata – così recitava l’annuncio pubblicato su eBay, ora rimosso – ideale per l’industria culturale”. A partire da un centesimo di euro, con spedizione gratuita. Un affare per i colossi dei contenuti , che potrebbero usufruire di una rete imbragata dalla cosiddetta dottrina Sarkozy , una sconfitta per gli operatori che dovranno sobbarcarsi le spese per sostenere un sistema di missive e ghigliottine sulla connessione che potrebbero abbattersi sul capo dei netizen.

Questa la provocazione di un cittadino della rete francese che si presenta con il nome di Hadopi , omonimo dell’autorità che potrebbe presidiare alla circolazione di contenuti online: mettere in vendita un mercato con i suoi utenti, un mercato vigilato e blindato e con grandi potenzialità per i fornitori di contenuti tradizionali. Così come se si trattasse di un’attività commerciale già avviata, il venditore elogia le qualità del giro di affari che vanta la rete francese: “Dotata di un mercato potenziale di 64.102.000 utenti, la Francia vi propone in vendita la sua rete Internet, costituita ora da un numero di utenti che supera i 18 milioni di internauti”.

“Beneficerete di un margine di sviluppo sostenuto al più presto dalla legge Création et Internet e dall’Hadopi – illustrava il venditore, facendo esplicito riferimento al voto della Assemblée nationale , previsto per il 10 marzo – che offrirà ai produttori di musica e cinema una difesa dei loro diritti, scevra al cento per cento dal controllo dell’autorità giudiziaria”. Se la proposta che da mesi fermenta oltralpe dovesse diventare legge, il regime di avvertimenti e di disconnessioni sarà interamente gestito dall’Hadopi, consesso di industria e provider, indipendente dalla magistratura ordinaria .

Il banditore promette filtri e controllo assoluto sui contenuti, in cambio di un piccolo contributo in denaro. A sostenere la gran parte dei costi, spiega , saranno i fornitori di connettività .

L’annuncio non figura più fra le aste di eBay, la provocazione rivolta all’industria dei contenuti è stata sospesa, ma gli ISP continuano a rivendicare il proprio diritto a non prendere parte ai giochi: la loro partecipazione potrebbe costare milioni di euro.

Il calcolo si regge sulle previsioni contenute nella stessa proposta di legge: in un documento collaterale si stima che ogni giorno sarà necessario sollecitare i netizen con 10mila email e con 3mila raccomandate , che ogni giorno verranno ghigliottinate, per un periodo che oscilla da un mese a un anno, un migliaio di connessioni . I provider dovranno inoltre dotarsi di un sistema agile per l’ identificazione degli indirizzi IP degli intestatari degli abbonamenti colti a violare il diritto d’autore. Se i costi dovessero ricadere sui provider, Orange si troverebbe a dover rinunciare a 13 milioni di euro, Numericable a 10 milioni di euro, denari che avrebbero potuto investire in infrastruttura e innovazione. Non è ancora chiaro chi si dovrà sobbarcare le spese dell’identificazione, le spese delle comunicazioni e le spese delle disconnessioni: il ministro della Cultura Christine Albanel ritiene sia prematuro discuterne.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Paolo Garbet scrive:
    chissà perchè
    chissà perchè se una donna decide di vendersi a ore la cosa è considerata immorale ("costretta a vendere il proprio corpo per vivere") mentre un operaio che fa 10 ore al giorno per 800 euro al mese non lo è (non è forse "costretto a lavorare per arrivare a fine mese"?)
    • Fallegarr scrive:
      Re: chissà perchè
      Perché prostituirsi è immorale (secondo morale comune), lavorare no.Lavorare è avvertito come prestare un aiuto dietro compenso. Spicca la componente attiva dell'azione del lavoratore.Prostituirsi è avvertito come lasciarsi usare dietro compenso. Spicca la componente passiva dell'azione della prostituta.
      • Leisure scrive:
        Re: chissà perchè
        Quando uno si sdraia e lascia fare a lei ... diventa attiva :)A parte gli scherzi, questa notizia fa il paio con quella sulla proposta di legge della letteronza.I siti di annunci non sono responsabili del contenuto degli annunci, che siano gratuiti che siano a pagamento.Se un annuncio veicolasse prostituzione e il fornitore del servizio di pubblicazione dovesse essere responsabile, il Corriere della Sera dovrebbe chiudere domani (vedi la zona di annunci AAAAAAAAffascinante etcetcetc)
    • Balto scrive:
      Re: chissà perchè
      - Scritto da: Paolo Garbet
      chissà perchè se una donna decide di vendersi a
      ore la cosa è considerata immorale ("costretta a
      vendere il proprio corpo per vivere") mentre un
      operaio che fa 10 ore al giorno per 800 euro al
      mese non lo è (non è forse "costretto a lavorare
      per arrivare a fine
      mese"?)Perché la Costituzione Italiana dice che l'Italia è una Repubblica fondata sul lavoro, non sulla prostituzione.Certo che se la prostituzione diventa un lavoro...
Chiudi i commenti