Free-Share-Ware/ Ma quale Flash? Ecco l'alternativa

C'è Swish, arrivato or ora alla versione 2, eppure non c'è solo Swish: ecco come creare in Flash senza Flash
C'è Swish, arrivato or ora alla versione 2, eppure non c'è solo Swish: ecco come creare in Flash senza Flash


Swish 2 (Shareware, $49.95 – 4739k)
“Swish”, ovvero: “Make Flash without Flash”. Questo il loro slogan e la loro promessa in parte mantenuta ovvero “fai Flash senza Flash” e per Flash si intende ovviamente il programma professionale della Macromedia, leader delle animazioni e del disegno vettoriale on line.
Alcuni esempi, da molto semplici a molto complessi, sono visibili qui .

Swish è arrivato alla versione 2.0 dopo una lunga fase di Beta testing, ma le novità introdotte sono talmente tante che l’attesa è stata ampiamente premiata.
Se prima Swish poteva essere “bollato” come un programmino in grado di realizzare semplici animazioni di testo e immagini “simil Flash” con questa nuova release gli sviluppatori rendono più chiara la direzione che il programma sta prendendo: diventare un valido sostituto a basso costo per tutti quegli utenti in cerca di animazioni per il proprio sito Web che non hanno intenzione di affrontare la spesa, e lo studio, necessari per il programma della Macromedia.

Restano ancora tra i punti di forza gli effetti preconfezionati per il testo e le animazioni, che ora sono più di 150, che finalmente possono essere modificati, salvati e scambiati con altri utenti Swish; inoltre è possibile vedere la “preview” di qualsiasi effetto prima di applicarlo.

Ma la grande novità della versione 2 sono gli strumenti di disegno vettoriale: linee, curve di Bezier, pattern di movimento, forme geometriche colorate e non, semitrasparenti o riempite con textures ed immagini o sfumature…

Curiosando in giro per l’interfaccia (che a dire il vero comincia ad affollarsi un po’ troppo…) si scoprono subito altre cose nuove, come gli sprites e bottoni animati… In parole semplici è possibile creare una completa interfaccia per un sito Web, o persino un intero sito Web.

Per “Sprites” Swish intende l’uso di una animazione… all’interno dell’animazione. Così come in Flash, ora è quindi possibile creare delle piccole animazioni (ad esempio degli elementi per un interfaccia) e poi utilizzarli all’interno di un progetto complesso.

La creazione di bottoni risulta semplice in perfetto “Swish style”: è possibile quindi scegliere un disegno (o una scritta) per ogni fase del bottone (normale, mouseover, premuto, etc) ed è anche possibile utilizzare uno sprite come fase del bottone. Ad esempio il bottone, una volta premuto, invece di cambiare colore può cambiare forma o esplodere.. o modificarsi in qualsiasi modo che la fantasia suggerisce.

Chi trova scomodi i semplici strumenti vettoriali del nuovo Swish sappia che è possibile importare disegni vettoriali da Illustrator, Freehand e CorelDraw, oltre che immagini, disegni e loghi Gif, Jpg, Bmp e Png e ovviamente filmati SWF Flash. Gif animate, o filmati Flash SWF, possono anche essere importati come Sprites. Anche il supporto per l’audio è migliorato ed è finalmente possibile creare delle dissolvenze per i suoni in entrata o in uscita ed è stata migliorata anche l’ottimizzazione e compressione del filmato finale, nel momento della pubblicazione.


Swish 2 consente, come la prima versione, la creazione di filmati composti da più “scene” o complesse strutture di diverse scene, ed ora con la creazione semplice di bottoni o di elementi interattivi per eseguire operazioni (creare “preload”, saltare da una scena all’altra, muoversi all’interno del sito etc). Non raggiunge ancora la complessità del programmone Macromedia… ma certo arriva ad un livello di complessità sufficiente per gran parte degli sviluppatori Web amatoriali o semi-pro.

Basta farsi un giro tra i DEMO per rendersi conto che le potenzialità del programma stanno andando oltre “la scrittina animata”, campo nel quale comunque Swish se la cava benissimo anche se molti dei suoi effetti sono ormai fin troppo riconoscibili.. per fortuna che ora ci sono i nuovi preset!

Ancora funzioni e caratteristiche: si possono modificare molti aspetti del filmato “al volo” mentre scorre in Live Editing (ad esempio la posizione di una scritta, il testo, la posizione o la presenza o meno di un oggetto) ed è possibile salvare un filmato creato con Swish2 in formato AVI.

Swish costa come un videogioco ma può essere molto più divertente! Tutte le bellezze sopra descritte sono infatti disponibili in prova per 15 giorni, dopo i quali Swish smette di funzionare se non si mettono 50 dollari nelle sue tasche. I vecchi utenti che registrarono la versione 1 invece pagano solo 15 dollari.

Per evitare malintesi va detto che Swish è una applicazione a sé stante che non richiede la presenza del programma Macromedia Flash, non è quindi un “plug in” per creare effetti ma un programma indipendente e autonomo.

Per visualizzare le animazioni in preview, o per farle vedere dal proprio sito Web, richiede soltanto la presenza sul browser del plugin Macromedia (presente, pare, sul 96 per cento dei programmi di navigazione… pare, si mormora).


Coffeecup Firestarter 4.0 (Shareware 49$ 3149k)
Cosa può dire la Coffeecup, nota azienza sforna prodotti per il web non professionali, sul suo programma per creare animazioni Web? “Firestarter è il modo più semplice e veloce per creare effetti Flash per il tuo sito!”.

Se il parametro di paragone è Macromedia Flash senz’altro Firestarter è molto più semplice ma anche infinitamente più limitato. Chi è in cerca di uno strumento in grado di realizzare velocemente introduzioni animate con scritte e immagini, banner animati con effetti speciali, semplici interfacce animate.. Firestarter è un buon inizio per cominciare a camminare nel mondo dell’animazione Web.

Ci sono 50 effetti preconfezionati per muovere e animare in maniera spettacolare scritte e oggetti, ed è inclusa anche una raccolta di effetti sonori in formato Mp3 per sottolineare le animazioni. Purtroppo non è possibile visualizzare la preview degli effetti, che vanno quindi applicati ed inseriti nel progetto in corso per vedere.. l’effetto che fa!

Firestarter purtroppo, nonostante sia alla versione 4.0, è ancora troppo semplice e basilare per essere considerato un rivale del programmone Macromedia. Dando un’occhiata agli esempi on line per rendersi conto da soli delle scarse potenzialità del prodotto che, a pari costo di Swish , offre molto meno.

La limitazione più grande consiste nel fatto che è impossibile creare animazioni complesse divise in più scene… dato che tutto il progetto va creato su un unica scena ed è possibile soltanto creare collegamenti interni per passare da una parte all’altra della scena (o ad un link esterno) rendendo quindi molto difficoltosa la creazione di strutture complesse.


GIF2SWF (Freeware 48k)
GIF2SWF, ovvero come partire da una Gif animata (trasparente o meno) per ottenere una animazione Flash in formato SWF e quindi utilizzabile all’interno di un progetto Flash (o Swish!). Il programmino è piccolo e gratuito, e fa solo questo ma lo fa bene. Spartano ed essenziale con pochi click e poche opzioni esegue il suo compito sia tramite una interfaccia grafica Windows, sia attraverso linea di comando in Dos.

SWfX (Preview Free, 25$ per Windows 95/98/ Me/NT4/2000 e MacOs 8.6/X)
Effetti per il testo da usare in Flash, ben 251 tra cui moltissimi veramente speciali.
Il programmino, compatibile con Macromedia Flash5, consente l’applicazione immediata di animazioni complesse a singole frasi di testo che poi possono essere importate all’interno di progetti più complessi o salvate come animazioni a se stanti (corredate del file Html di supporto) ed essere utilizzate all’interno di un sito Web.
Dalla pagina DEMO è possibile scaricare un visualizzatore di circa 150 effetti della collezione SWfX ma non è disponibile una versione demo del prodotto.

Flix (Shareware 99$)
Usare il plugin Flash presente su quasi tutti i browser per la visualizzazione di video on line è l’idea di base di Flix.
Il programma, disponibile in versione di prova illimitata, converte numerosissimi formati video e audio (asf,.avi,.dv,.mov/.qt,.mpeg,.wmv, mp3,.wav,.wma etc etc) in un file SWF compatibile, dunque, con il diffuso Plugin presente, pare, sul 96 per cento dei programmi per navigare. Trasformare un video in questo modo significa anche poterlo facilmente inserire all’interno di un banner pubblicitario, di una email o all’interno di un sito senza costringere gli utenti ad installare altri plugin per la visualizzazione.

Il programma può essere provato con calma, per tutto il tempo necessario ad una valutazione delle sue funzioni e della qualità dei filmati realizzati con la conversionein SWF, ma finchè non lo si registra sfornerà sempre e solo video ed audio marchiati dal logo della Wildform in bell’evidenza. La versione per MacOs sarà disponibile a breve.

già recensiti:
per creare un salvaschermo da un animazione Flash

Flash senza Flash: Insane Flash, KoolMoves, Flax

A cura di Luca Schiavoni

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

06 09 2001
Link copiato negli appunti