Free-Share-Ware: tutto sotto controllo!

Diamo un occhiata qui, un controllino lì, ed un monitoraggio là. Controllo è potere, potere alle masse!


EverWatch Server Monitor (gratuito per Windows, 554k)
Diamo un occhiata al server, o meglio.. al sito! EverWatch esegue un check ad intervalli definibili dell’esistenza in vita, o meno, di una determinata pagina Web. Il programmino, che può starsene a riposo lavorando di nascosto nel SystemTray, scrive tutte le sue operazioni in un elenco visualizzato nella finestrella del programma e può salvarlo in formato TXT.
Purtroppo il programma monitora un solo sito alla volta.

WinPulse (gratuito per Windows, 906k)
SuperSentinella! Il programma esiste nella versione gratuita, più piccola da scaricare, o in una versione di prova a pagamento che permette varie registrazioni differenti a seconda delle funzioni di monitoraggio aggiunte che contiene. Ma cosa controlla WinPulse? Tante cose, forse troppe!

Quando se ne sta ridotto nel SystemTray mostra solo, piccino piccino, due indicatori di memoria e utilizzo del processore. Ma un semplice doppio clic apre la finestrona di super controllo che tiene d’occhio lo spazio libero sui dischi fissi, il volume audio, l’indirizzo IP della connessione, orologio, risoluzione dello schermo, livello delle batterie, tempo di utilizzo del sistema operativo e altro ancora.

WinPulse controlla anche siti internet con diversi tipi di Ping, caselle di posta elettronica, velocità della LAN e del modem.

Finito? macchè… la sentinella controlla e genera desktop virtuali, permette di configurare allarmi, mostra la temperatura e voltaggio della scheda madre (se compatibile con tramite interfaccia MBM5) ed infine controlla persino se stesso. Winpulse controlla se esistono nuove versioni di Winpulse insomma!

La versione free ha qualche sistema di controllo in meno, ed entrambe le versioni sono testate e ben funzionanti su Win2000. Le altre versioni di Windows, per l’autore del programma, sono “crap”. Meglio non tradurre!


VisualTimeAnalyzer (shareware 39$ per Windows, 1134k)
Questo programmino controlla l’utilizzo del computer, operativamente parlando. Ovvero l’utilizzo dei programmi e persino il tempo passato a lavorare su alcuni particolari progetti, il tempo passato su internet e… il tempo perso. Non gli sfugge niente.

E’ possibile, ad esempio, creare un gruppo di programmi e chiamarlo “lavoro numero uno” o “svago”. All’interno di quel gruppo è possibile aggiungere con pochi clic tutti i programmi aperti che in qualche modo hanno a che fare con una certa attività lavorativa o ricreativa e persino definire un costo orario da assegnare ad ogni “gruppo di lavoro”.
VisualTime controlla l’utilizzo dei programmi assegnati al gruppo attivo in quel momento (è possibile saltare dal monitoraggio di un gruppo ad un altro con pochi clic sul SystemTray) e registrare le attività compiute, formulando grafici e stilando elenchi sull’utilizzo dei singoli gruppi e programmi.

Configurandolo con un po’ di pazienza è dunque possibile avere un quadro di tutte le attività svolte sul computer domestico, ad esempio, conteggiando anche i costi (ad esempio il costo di connessione, ma anche approssimativamente il costo di un certo lavoro), o tenere d’occhio le attività dei vari componenti della famiglia, il tempo passato a giocare, a navigare e a far conti su Excel.
Il tutto diventa un grafico ed un conteggio perenne per la gioia di chi non sa tenersi sotto controllo da solo ed ha bisogno di un software. L’analizzatore temporale è un programma in prova per trenta giorni, e la registrazione che rimuove anche alcune limitazioni del programma in prova costa 39 dollari.

TimelyWeb (shareware 30$ per Windows, 2043k)
“Non perdere tempo e denaro, visita i siti solo quando cambiano” recita lo slogan di TimelyWeb, programmino gratuito che tiene sotto controllo i siti internet decisi dall’utente.
Configurare il programma è semplicissimo, anche grazie ad un “raccoglitore” che si piazza sul desktop sul quale è possibile trascinare gli indirizzi web da controllare.

Gli indirizzi possono anche essere inseriti manualmente anche se purtroppo la versione non registrata del software per mantenendo tutte le funzionalità limita il monitoraggio ad una decina di siti e risorse FTP.
Se opportunamente configurato, infatti, il programma può anche scaricare automaticamente, ad esempio, la nuova versione di un programma su un indirizzo FTP ogni volta che viene aggiornato, interfacciandosi con un gestore di download.

TimelyWeb può anche avvisare via email se una pagina web è cambiata, o se è inaccessibile per qualche motivo. La versione a pagamento, che non ha nessuna limitazione riguardo al numero di siti da controllare, offre anche un affiliazione per i webmaster regalando la metà dei proventi a chi vende una registrazione del programma.


Down2Home (gratuito per Windows, 2090k)
Che traffico! Su e giu per la rete il traffico qualche volta va tenuto sotto controllo. Perchè? Ad esempio per tenere d’occhio il limite consentito per certe connessioni a banda larga, o semplicemente per controllare se ci sono dati che escono ad insaputa dell’utente.

Tutti i dati catalogati relativi al traffico giornaliero vengono trasformati in grafici visualizzabili sotto varie forme, ed è possibile esportarli per utilizzarli in altre applicazioni. Per chi ha un limite di traffico da rispettare, pena il pagamento di salati extra, Down2Home consente di configurare tale limite e mostrare il traffico disponibile rimanente.
Il programmino è gratuito e funziona su qualsiasi versione di Windows a patto che abbia installato il MDAC (Microsoft Data Access Components), in caso contrario il download diventa di circa 9 mega.

Hard Disk Indicator (gratuito per WindowsXP e NT, 146k)
Tower, midi tower… scatolotti grigi di computer ormai sempre più tondi e colorati, o ridotti a cubetti color ghiaccio, ricoperti di alluminio opacizzato, borchiati, impellicciati e tempestati di pietre dure. Ma dove è finita la vecchia e cara lucina che si accende quando l’hard disk è in attività? Eccola qui in versione software, che si piazza nel SystemTray e fa “blink! blink!” con tanti colori differenti.

Weather Watcher (gratuito per Windows, 1036k)
Come tenere sotto controllo il tempo fuori dalla finestra senza togliere lo sguardo dal monitor? Ecco una stazione metereologica da desktop, che si aggiorna da sola e se ne sta nel SystemTray mostrando la temperatura in valori numerici.

Il programmino gratuito recupera i dati meteo e non solo di qualsiasi città del mondo o quasi dal sito Weather.com. E’ possibile vedere anche varie immagini via satellite di qualsiasi angolo del pianeta con pochi clic, o sapere più o meno che tempo farà nella prossima settimana.

Si aggiorna automaticamente ad intervalli definibili dall’utente (a patto che si stia connessi ad internet ovviamente) e nonostante sia in inglese può anche mostrare i dati in valori “italiani” (gradi centigradi, chilometri all’ora etc). Weather Watcher tiene anche in memoria tutte le città monitorate, e quindi è possibile con pochi clic tenere d’occhio più luoghi alternativamente.


HTTPtimer (gratuito per Windows, 2170k)
Cosa si ottiene incrociando un timer con un sistema di checking delle pagine web? Questo programmino! HTTPTimer può controllare una pagina e suonare se la trova modificata.
Può anche controllare casualmente un elenco personalizzabile di pagine da tenere d’occhio. “Bip! bip!”. Se la pagina è stata rinnovata verrà mostrata nella finestra principale del programma.
L’autore avverte che il suo software non va molto d’accordo con Windows 2000.

LogMonitor (gratuito per Windows, 596k)
Piccolo grande programma in italiano che tiene sotto controllo cartelline e singoli file. A che pro, per far che? Un po’ di tutto!
Altamente configurabile, consente di creare “azioni” legate al monitoraggio di un file, ad esempio, e di farne copie, suonare un allarme, mostrare un messaggio di avvertimento ed altro ancora in caso di modifica.
Chi ha il computer connesso ad una rete interna può ad esempio controllare se ci sono movimenti in una determinata cartellina, o usare questo softwarillo per mantenere una copia di sicurezza ad intervalli regolari di un determinato file.

LogMonitor può aprire programmi, eseguire comandi e funzionare come servizio in Win NT, eseguire controlli periodici (una volta a settimana, ad esempio, ogni ora, ogni tot…) e praticamente i diversi utilizzi possibili sono limitati solo dalla fantasia dell’utente.
LogMonitor può diventare uno strumento potentissimo in mano ad amministratori di sistema appassionati del controllo, o servire come semplice programmino di backup.

Il nome deriva dall’utilizzo consigliato dai programmatori del software, ovvero il monitoraggio di file LOG generati da applicazioni automatizzate. Dato che il programma controlla anche se un file o cartella “non” viene modificata… può essere usato per far ripartire una applicazione residente su un server, ad esempio, se smette di generare ed aggiornare il proprio LOG.

TracksRevealer (gratuito per Windows, 1059k)
Rilevatore di tracce informatiche… con pochi clic il programmino controlla che cosa è recentemente successo sul computer. Siti internet visitati, documenti aperti di recente. In pratica si può tenere d’occhio cosa fanno i topi quando il gatto non c’è. Ballano?

Absolute Control (gratuito per Windows, 110k)
Controllo assoluto è un un nome un po’ troppo altisonante per un programmino che di cose ne fa poche e non tutte utilissime. Ma è piccino, se ne sta buono nel SystemTray mostrando al passaggio del mouse le risorse di sistema disponibili. Se cliccato permette di accedere ai principali motori di ricerca, di cambiare la risoluzione dello schermo, di aprire e chiudere i “cassettini” dei CdRom (wow!) nonchè di spegnere o resettare il sistema operativo.

Altri controlli possibili, e già recensiti:
Controlla lo spam!
Controlla la posta!
Privacy!
Privacy off line!
Tieni d’occhio gli impegni!

a cura di Luca Schiavoni

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Per la Redazione
    Cito dall'articolo:"Qui, come noto, grazie alle norme che hanno liberalizzato l'ultimo miglio, una certa porzione di utenti italiani può scegliere a quale operatore telefonico affidare il proprio "doppino" (...)"Non il "proprio" doppino ma il doppino di proprietà Telecom.E aggiungere "in gestione" dopo "affidare" visto che la proprietà del doppino rimane in mano a Telecom e l'operatore telefonico prescelto si limita ad affittarlo dalla Telecom.
  • Anonimo scrive:
    Diamogli fiducia
    In fondo l'argomento e' nuovo
  • Anonimo scrive:
    Quindi non si paga niente
    Quando uno cambia operatore sul fisso non paga una lira.. Allora com'e' che per i cellulari chiedono 30 euro?
  • Anonimo scrive:
    Piu' che di fili
    mi sembrano questioni di soldi.Alla fine e' un'altra occasione per spremere i polli che ancora chiamano spendendo 1000 lire al minuto
Chiudi i commenti