Freedom Act, Senato USA affossa la riforma anti-tecnocontrollo

La camera alta del Congresso non approva la proposta di riforma delle intercettazioni a strascico di NSA. I Repubblicani si giustificano: non possiamo dare questo aiuto al terrorismo

Roma – Il tentativo di mettere un freno all’onnipresente attività di tecno-spionaggio della NSA noto come USA Freedom Act si infrange contro il “patriottismo” del Partito Repubblicano al Senato USA. Facendo con tutta probabilità svanire, per soli due voti, qualsiasi possibilità di riforma nel corso dei prossimi anni.

Il Freedom Act poneva limiti ai poteri di tecnocontrollo di NSA, specificando tra le altre cose la necessità di richiedere formalmente i dati (e i metadati telefonici) su ogni singolo soggetto alle compagnie telefoniche piuttosto che abusare dell’accesso diretto ai database completi di provider e ISP. L’approvazione della proposta di legge avrebbe richiesto almeno 60 voti, ma alla fine l’apparente consenso bipartisan tra democratici e repubblicani al senato si è fermato a 58 voti contro 42. A esprimersi contro il Freedom Act era stato tra gli altri Mitch McConnell, futuro capogruppo di maggioranza dopo la vittoria repubblicana alle elezioni di mid-term del 4 novembre scorso.

Per McConnell la proposta di legge anti-spionaggio avrebbe “peggiorato la situazione” per quel che concerne il contrasto alla guerra terroristica del sedicente Stato Islamico, un contrasto che richiede “politiche intelligenti e ferma determinazione” e quindi necessiterebbe delle intercettazioni a strascico della NSA ora più che mai.

Dopo la batosta in senato, i democratici (come Patrick Leahy) che hanno appoggiato il Freedom Act dicono di non voler gettare la spugna e di voler continuare a lottare “per preservare la nostra Costituzione e i nostri diritti come Americani”. Una speranza forse vana: dal 1 gennaio 2015 entrambe le camere del Congresso saranno a maggioranza repubblicana, una situazione non certamente favorevole all’approvazione di un qualsiasi tentativo di riforma delle attività di spionaggio pervasive della NSA. Caduto nel dimenticatoio anche l’ appello delle grandi aziende americane per l’approvazione del Freedom Act, un appello che nei giorni scorsi si è richiamato alla trasparenza e alla protezione del diritto alle libertà garantite dalla Costituzione USA. Diventa carta straccia il messaggio firmato da (tra gli altri) Microsoft, Yahoo!, Facebook, Aol, Apple, e Google.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • pentolino scrive:
    Il crowdfunding
    L'articolo nasce vecchio, l'obiettivo è stato raggiunto in 2 ore, intorno alle 12 :-)Quanto al progetto sembra interessante, speriamo bene!
  • Qualcuno scrive:
    Speriamo in Sailfish OS...
    Di tutti i sistemi operativi "mobile" presenti o in arrivo, Sailfish OS mi sembra il più promettente, per chi crede nella privacy e nel software libero. E anche tecnicamente, direi che sembra essere una spanna sopra gli altri (C++ e QT, evviva!).
    • Gigi della salamella scrive:
      Re: Speriamo in Sailfish OS...
      - Scritto da: Qualcuno
      Di tutti i sistemi operativi "mobile" presenti o
      in arrivo, Sailfish OS mi sembra il più
      promettente, per chi crede nella privacy e nel
      software libero.Mentre gli altri continueranno allegramente a sbattersene la Jolla, come sempre.
    • Shiba scrive:
      Re: Speriamo in Sailfish OS...
      - Scritto da: Qualcuno
      Di tutti i sistemi operativi "mobile" presenti o
      in arrivo, Sailfish OS mi sembra il più
      promettente, per chi crede nella privacy e nel
      software libero. E anche tecnicamente, direi che
      sembra essere una spanna sopra gli altri (C++ e
      QT,
      evviva!).Boh, io sapevo che alcune parti sono closed.
      • collione scrive:
        Re: Speriamo in Sailfish OS...
        si, praticamente il grosso è closedla gui lo èil layer di compatibilità dalvik lo èi blob binari android ( per opengl e cose simili ) da far girare tramite libhybris lo sono
        • giucam scrive:
          Re: Speriamo in Sailfish OS...
          Non direi proprio che quello sia il grosso. Tutto il sistema operativo, a parte qualcosa nella gui e i driver proprietari, per i quali non c'è niente da fare purtroppo, è open, e jolla contribuisce attivamente upstream a tanti progetti open source.
          • 2014 scrive:
            Re: Speriamo in Sailfish OS...
            - Scritto da: giucam
            Non direi proprio che quello sia il grosso.Opinione tua...
          • giucam scrive:
            Re: Speriamo in Sailfish OS...
            - Scritto da: 2014
            Opinione tua...Se la mettiamo su questo piano, è un'opinione tua che il grosso sia chiuso.Guarda al numero di pacchetti su un telefono, quelli closed sono la minoranza. Oppura tira fuori un metodo di misurazione che mostri il contrario.
          • 2014 scrive:
            Re: Speriamo in Sailfish OS...
            - Scritto da: giucam
            - Scritto da: 2014

            Opinione tua...

            Se la mettiamo su questo piano, è un'opinione tua
            che il grosso sia
            chiuso.
            Guarda al numero di pacchetti su un telefono,
            quelli closed sono la minoranza. Oppura tira
            fuori un metodo di misurazione che mostri il
            contrario.Visto che TUTTO quello che trasmette passa da un modem blindato, per me il grosso è chiuso, certo se poi conti quanti giochi open hai installato, hai ragione tu...
          • giucam scrive:
            Re: Speriamo in Sailfish OS...
            - Scritto da: 2014
            - Scritto da: giucam

            - Scritto da: 2014


            Opinione tua...



            Se la mettiamo su questo piano, è
            un'opinione
            tua

            che il grosso sia

            chiuso.

            Guarda al numero di pacchetti su un telefono,

            quelli closed sono la minoranza. Oppura tira

            fuori un metodo di misurazione che mostri il

            contrario.
            Visto che TUTTO quello che trasmette passa da un
            modem blindato, per

            me il grosso è chiuso, certo se poi conti quanti
            giochi open hai installato, hai ragione
            tu...Non sto parlando di giochi, sto parlando del sistema operativo. Secondo il tuo ragionamento se installo Debian sul mio computer e ci attacco un modem con driver chiuso Debian diventa magicamente closed source?Detto questo, anch'io preferirei se tutti i driver fossero open ma questo non rende il grosso di Sailfish OS closed source. Dai un occhiata qui, per dire, https://github.com/nemomobile per vedere solo alcuni dei progetti open source che compongono Sailfish OS e guarda chi ci lavora.
          • 2014 scrive:
            Re: Speriamo in Sailfish OS...
            - Scritto da: giucam
            - Scritto da: 2014

            - Scritto da: giucam


            - Scritto da: 2014



            Opinione tua...





            Se la mettiamo su questo piano, è

            un'opinione

            tua


            che il grosso sia


            chiuso.


            Guarda al numero di pacchetti su un
            telefono,


            quelli closed sono la minoranza. Oppura
            tira


            fuori un metodo di misurazione che mostri
            il


            contrario.

            Visto che TUTTO quello che trasmette passa da un

            modem blindato, per



            me il grosso è chiuso, certo se poi conti quanti

            giochi open hai installato, hai ragione

            tu...

            Non sto parlando di giochi, sto parlando del
            sistema operativo.Stiamo parlando di un telefono, tutto quello che entra ed esce passa per una grossa scatola nera, quanto grossa è questione di opinioni ;)
            Detto questo, anch'io preferirei se tutti i
            driver fossero open ma questo non rende il grosso
            di Sailfish OS closed source.Certo ma le parti più importanti, dal mio punto di vista, la sim e il modem sono ben CHIUSE
          • giucam scrive:
            Re: Speriamo in Sailfish OS...
            - Scritto da: 2014
            Certo ma le parti più importanti, dal mio punto
            di vista, la sim e il modem sono ben
            CHIUSEE sono anche le cose impossibili purtroppo da avere open source.Neanche Neo900 le avrà (http://neo900.org/faq):"We unfortunately cannot provide free baseband modem firmware, as there's no option available on the market which would be able to fulfil this requirement. Even if it existed, it would bring very little value to the users, as operating a radio device with modified firmware on public networks without recertification is prohibited in most jurisdictions on the world and privacy concerns in cellular networks are mostly related to what happens on the network side, not inside the device."
          • collione scrive:
            Re: Speriamo in Sailfish OS...
            - Scritto da: giucam
            Non direi proprio che quello sia il grosso. Tutto
            il sistema operativo, a parte qualcosa nella gui
            e i driver proprietari, per i quali non c'èbeh insommaparliamo di tutto il sistema di windowing ( il compositor wayland insomma ), i driver e i blob proprietari ( e si sa che i driver rappresentano il grosso del codice di un kernel ) e tutta la parte ( essenziale per ora ) che permette di far girare le app androidal confronto android sembra Stallman :D
            niente da fare purtroppo, è open, e jolla
            contribuisce attivamente upstream a tanti
            progetti open
            source.certamente, ma ci sono parti essenziali che sono closedad android togli le gapps e hai un sistema funzionante al 100%a sailfish togli le parti closed e hai una bella riga di comando
          • giucam scrive:
            Re: Speriamo in Sailfish OS...
            - Scritto da: collione
            - Scritto da: giucam

            Non direi proprio che quello sia il grosso.
            Tutto

            il sistema operativo, a parte qualcosa nella
            gui

            e i driver proprietari, per i quali non c'è

            beh insomma

            parliamo di tutto il sistema di windowing ( il
            compositor wayland insomma ), i driver e i blobLipstick è open source (https://github.com/nemomobile/lipstick), solo l'ui specifica di SailfishOS è chiusa, ma è il meno.
            proprietari ( e si sa che i driver rappresentano
            il grosso del codice di un kernel ) e tutta la
            parte ( essenziale per ora ) che permette di far
            girare le app
            androidIl supporto android lo terrei a parte, è più un aggiunta al sistema operativo. Poi, Jolla non può aprire codice che non possiede, aliendalvik è di Myriad.

            al confronto android sembra Stallman :D


            niente da fare purtroppo, è open, e jolla

            contribuisce attivamente upstream a tanti

            progetti open

            source.

            certamente, ma ci sono parti essenziali che sono
            closed

            ad android togli le gapps e hai un sistema
            funzionante al
            100%Si, ma i driver closed usati da SailfishOS cosa credi che siano? Sono driver android, quindi togli quelli ed android non parte.

            a sailfish togli le parti closed e hai una bella
            riga di
            comandoTogli i driver e non parte, come per android.
Chiudi i commenti