Freeware/ Pittore digitale e aggeggi vari

Intelligenza artificiale artistica, accessori per il Web e sogni 3D per animare il desktop


AAron
Chiamarlo “salvaschermo” è sicuramente un delitto, nonostante sia distribuito anche per questo scopo.

Aaron è un programma nato nel 1973, 1.5 megabyted di codice LISP, dal lavoro di Harold Cohen, pittore anni 60. Negli anni 70, trasferitosi in Usa, si dedicò alla intelligenza artificiale e alla creazione di un programma capace di creare arte, dipingere insomma. Aaron, il programma, vanta opere esposte in molti musei sparsi per il mondo, ed è stato trasformato in un software disponibile per il download grazie al genialoide Ray Kurzweil (quello dell’Ocr, della sintesi vocale e di altre invenzioni ed intuizioni, sempre al centro di dibattiti sul futuro, nanorobots ed altre visioni ).

Kurzweil, da quarant’anni studioso sperimentatore dell’Intelligenza Artificiale, dopo aver avuto una copia di AARON che dipingeva in un grande schermo nel suo salotto (!) ha pensato bene di comprarne la licenza e far sviluppare dal suo staff una versione PC. Aaron, dice Kurzweil: “It’s an outstanding example of artificial intelligence in action” (“è un eccezionale esempio di intelligenza artificiale in azione”).

In sintesi… cosa fa Aaron? Dipinge, continuamente, quadri. Il programma funziona sia come salvaschermo che come applicazione a sé stante, l’importante è usare una risoluzione di schermo pari o superiore a 1024×768. I “quadri” una volta finiti vengono salvari in una directory predefinibile, e possono essere stampati o inviati via email ad amici e parenti. Se il programma piace parecchio, dopo un periodo di prova di 30 giorni, ci sono da pagare 20 dollari per la registrazione. Non è consigliabile fare i furbi, Aaron è trent’anni che dipinge.. non è mica nato ieri!

Per chi vuole approfondire gli argomenti: (in inglese)

Kurzweil AI, intelligenza artificiale e dintorni
Kurzweil Tech, il mondo di Ray


WinPulse (Freeware 503k)
Windows pulsa? Sotto il desktop batte un cuore? Molto più semplicemente questo piccolo freeware tiene sott’occhio le risorse di sistema, lo spazio libero degli hard disk e della Ram ed altro. Se ne sta buono nel System Tray con due soli indicatori ma una volta cliccato mostra la sua finestrella con tutte le barrette colorate.

Kill Ad (Freeware 43k)
Microscopico ma pieno di funzioni arriva Kill Ad per ammazzare la pubblicità on line… dai banner alle finestre pop-up che si aprono rubando tempo e banda durante la navigazione. Purtroppo il programmino non mantiene appieno tutte le sue promesse, e può rivelarsi un fastidio. Se si setta ad esempio il programma al fine di chiudere automaticamente ogni finestra del browser inferiore ai 500 pixel basterà ridimensionare la finestra principale durante la navigazione.. per vedersela scomparire sotto gli occhi. Contiene una lista nera (Geocities, Tripod e simili) di domini sui quali siti automaticamente annulla tutte le finestre pubblicitarie e solo per questo vale la pena provarlo…

PopKi PopUp Closer (Freeware 182k)
Finestrine maledette! Ormai sono troppi i siti che abusano di questa fastidiosa maniera di proporre materiali pubblicitari e non, e quindi tocca correre ai ripari. PopKi funziona in maniera molto semplice, anche troppo. Una volta aperta la prima finestra del browser va cliccata l’iconcina nel System Tray o l’opzione nella piccola finestrella del programma fino a vedere l’insegna rossa di “divieto”.
Da quel momento in poi non sarà possibile aprire altre finestre del browser, nè dall’utente nè da parte di antipatici siti che contengono finestre PopUp a volontà. Ovviamente se si ha bisogno di un altra finestra del browser (non so quanti navighino ancora in un’unica finestra…) basta disattivare un attimo PopKi e poi riattivarlo.


Dream Render 105 (Shareware 2106k – 30$ o 21£)
Pronti a sconvolgere il desktop? Bucarlo, guardarci dentro, dargli nuovi spazi e profondità? Dream Render è un programmone che sfrutta la scheda 3d (più potente è, meglio è) per trasformare il triste, immobile, stantìo e monotono sfondo del desktop in una avventura visiva senza precedenti. Video, animazioni tridimensionali, foto in sequenza a scelta, Webcam sparse per il mondo, tunnel vertiginosi, oscilloscopi 3D a tempo di musica ed altro ancora diventeranno oggetti gestibili tramite una semplice interfaccia ed andranno a piazzarsi dietro le finestre di lavoro e dietro le icone del desktop.

Con una scheda di ultima generazione Dream Render dà il meglio di sè, permettendo anche effetti di trasparenza delle finestre e la personalizzazione delle icone del desktop con nuove grosse e colorate iconcione. Ovviamente il programma non si accontenta di poco; serve una scheda video con almeno 10 mega di Ram, Windows98, Me o 2000 (non Nt) e le DirectX 7 o superiori installate e soprattutto richiede 30 dollari o 21 sterline dopo il ventunesimo giorno di utilizzo. Registrazione che permette di creare ampie personalizzazioni agli effetti, o la creazione e lo scambio con altri utenti di nuovi effetti e desktop animati.

Sul sito DreamRender.org sono disponibili per il download numerosi “sogni” ed altre risorse per aggiornare continuamente il programma con nuove animazioni e plugin mentre sul sito Dream Render.com sono disponibili dei “sogni gratis” per il periodo di prova.

a cura di Luca Schiavoni

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti