Frena ancora l'informatica italiana

Questo il dato più rilevante del Rapporto Assinform sull'IT nelle regioni. Nessun miglioramento nel digital divide tra nord e sud del paese, un gap che colpisce le imprese e lo sviluppo dell'e-government. Tutto il sistema in affanno


Milano – Non c’è da essere allegri sul presente dell’ informatica italiana : le cifre snocciolate ieri al Forum PA dall’associazione dei produttori di settore italiani Assinform disegnano infatti un paese in affanno.

La sostanza dei dati rilevati dall’associazione è che in Italia si investe poco in Information Technology e che il digital divide regionale non accenna a diminuire, con un gap che anzi si allarga tra nord e sud del paese, condizionando lo sviluppo delle imprese e dei servizi di e-government. In Lombardia, come si può leggere più avanti, la spesa IT è pari a più del doppio di quella campana. Numeri che confermano le rilevazioni Assinform presentate nei mesi scorsi .

Secondo Assinform, nel 2003 la spesa IT è calata in tutte le regioni con picchi di contrazione registrati in Sardegna (- 6,2 per cento), Abruzzo (- 5,2), Emilia Romagna, Lombardia e Marche (- 3,8), Veneto (-3,6) e Piemonte (-3,5).

Il secondo Rapporto sull’informatica nelle regioni italiane , realizzato con NetConsulting sotto il patrocinio del ministero per l’Innovazione, afferma che il mercato nazionale nel 2003 è calato del 3,2 per cento rispetto all’anno precedente, a quota 19,4 miliardi di euro.

La contrazione della domanda è risultata più evidente nelle regioni del Nord Ovest (-3,6 per cento) rispetto a Nord Est (-3,5), Centro (-2,5) e Sud (-2,8).

“La contrazione meno marcata al Centro e al Sud – ha spiegato Assinform – ha inciso di poco sul divario delle dotazioni tecnologiche nelle regioni italiane, che resta elevato. La spesa di informatica per occupato continua infatti ad apparire nettamente al di sotto della media nazionale (880 euro) al Sud, con valori che vanno dai 372 della Sardegna ai 607 della Campania, contro i 1284 della Lombardia, i 1006 del Piemonte, i 933 dell’Emilia Romagna e i 1479 del Lazio”. Del Lazio va detto che, grazie alla concentrazione della PA, è la regione che presenta i valori più elevati in assoluto.

Il divario è peraltro testimoniato dal fatto che nel Nord Ovest si continua a concentrare il grosso della domanda , con oltre 7,5 miliardi di euro, vale a dire il 38,7 per cento del dato complessivo. Basti pensare che le regioni del Centro si fermano a 4,7 miliardi di euro, cioè al 24,1 per cento della domanda, e quelle del Mezzogiorno a 3,1 miliardi, cioè soltanto il 16,3 per cento del dato generale. Il Nord Est è invece al 20,9 per cento con 4 miliardi di euro.

Se si va a vedere la percentuale di spesa informatica rispetto al PIL regionale si scopre che soltanto quattro regioni (Lazio, Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna) si collocano sopra la media nazionale dell’1,65 per cento. Tra le regioni più indietro in questo indice la Ligura (1,17 per cento), le Marche (1,21) ma anche Veneto (1,47) e Toscana (1,36).

Per l’area meno avanzata del paese, il Mezzogiorno, Assinform valuta che la flessione del mercato nazionale dell’informatica ha impattato relativamente poco su queste regioni, il cui contributo rimane pressoché invariato (-2,8 per cento), ma conferma “il cristallizzarsi del gap di dotazioni rispetto alle aree più forti”. Al Sud, nonostante le buone performance di Campania e Puglia, vi sono le regioni con il calo di investimenti in IT nel 2003 più pesante , come la Sardegna o l’Abruzzo, nonché le regioni con i più bassi indici di investimento in capitale tecnologico. Di otto regioni, ben sei sono in fondo alla classifica della spesa IT 2003 per occupato: Puglia (505 Euro); Sicilia (487), Abruzzo(475), Molise(465), Calabria (445) e Sardegna, ultima con 372 euro per occupato (contro una media nazionale di 880,1).

“I risultati del Rapporto – ha spiegato il presidente di Assinform Pierfilippo Roggero – offrono lo spaccato di una realtà che stenta ad investire per innovare e che tende a perpetuare una situazione di squilibrio territoriale preoccupante . La diffusione capillare dell’informatica è oramai una condizione ambientale di sviluppo in ogni area del Paese”. “Con questa analisi – ha continuato Roggero – l’Associazione ha voluto evidenziare l’opportunità di reagire, di accelerare i piani di e-government e di rivedere criteri di imposizione inaccettabili, come ad esempio quelli adottati per l’ IRAP , che continuano a penalizzare chi investe in innovazione”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Tutti loro li trovano? :|
    Io non capisco, navigo dalla mattina alla sera per lavoro e perdivertimento ma tutti sti siti non li trovo mai.Che poi su un provider Italiano come Libero dove ci sono decine di persone e tecnici che giornalmente mantengono i vari spazi web nessuno se ne fosse accorto mi sembra una gran cavolata.Ed aggiungo, 10.000 foto ad una media di 100Kb per foto (che sono anche pochi) fanno 1 GB di spazio web.A me risulta che libero dia solo 50 mega di spazio web....Molto piu' probabile che fosse un sito farlocco che ti prometteva mari e monti per intascarsi un po di $$ dai quattro fessi che ci credevano.Povera Italia :(
  • Raxiel scrive:
    Re: se non vedo
    Se i giudici sono competenti in materia come i ministri allora siamo a posto.
  • Anonimo scrive:
    Considerazione
    Ragazzi, una considerazione. Stavo leggendo il post di uno che ha detto giustamente che una grossissima percentuale degli abusi avviene in casa. Che gravità! Come può accadere una cosa simile; se io un giorno avessi dei figli maschi o femmine, guardandoli penserei alla mia ragazza o moglie; se ne sono innamorato come potrei fare violenza ai suoi figli. La pedofilia alla fine non è forse figlia di un disagio sociale generale di altra portata? Se fossimo felici e contenti andremmo a prendercela con dei poveri bambini?Come si può fare violenza al sangue del tuo sangue e se sei padre acquisito come puoi fare violenza ai figli della donna che ami; non è forse anche colpa delle donne che o non si accorgono di nulla, o che fanno finta di non accorgersene o ancora sono delle pessime donne che non sanno dare amore al proprio uomo ridotto alla disperazione? Datemi una risposta. Addio
  • Anonimo scrive:
    Re: Dovreste vergognarvi...
    - Scritto da: Alessandrox
    - Scritto da: Anonimo

    Nella migliore delle ipotesi è un

    cretino pervertito, ma se la
    magistratura ha

    chiuso il sito, un motivo ci
    sarà.

    Anche su domini .it ci sono fior fiori
    di

    siti pornografici, come mai quelli non
    li

    chiudono allora?

    La pornografia non e' un reato.Purtroppo qualcuno confonde il (suo) peccato con il reato!!!
  • Anonimo scrive:
    Re: ma siete tutti pedofili in questo fo
    A me le quindicenni e' sbagliato? Io ne ho 14
  • Anonimo scrive:
    Re: ma siete tutti pedofili in questo forum?
    - Scritto da: Anonimo
    Fanno benissimo a chiudere tali siti!a me le 17enni piacciono, perché no? ;)
  • mottavio scrive:
    Re: ma siete tutti pedofili in questo forum?
    - Scritto da: shevathas
    - Scritto da: Anonimo

    Fanno benissimo a chiudere tali siti!
    Nessuno ha mai affermato il contrario, se
    era un portale che vendeva quella m..da
    fanno benissimo a chiuderlo e perseguire i
    webmaster .

    Al più si sono sollevate delle
    perplessità sia riguardo al sito, sia
    riguardo al fatto che la lotta al pedoporno
    on line venga usata come pretesto per altre
    cosette, e sollevati alcuni dubbi del tutto
    legittimi:

    1) come mai alcune associazioni si scagliano
    con veemenza contro i pedosegaioli, quando
    il 90% circa degli abusi avvengono senza che
    internet c'entri qualcosa ?
    perchè non usano lo stesso
    dispiegamento di forze nel mondo reale per
    fare una seria prevenzione delle molestie ?
    talvolta si ha l'impessione che la lotta sia
    contro internet con il pretesto della
    pedofilia che contro la pedofilia ?

    2) come mai la lotta contro il male
    (pedofili, terroristi, pirati, etc. etc.)
    viene presa come pretesto per censure varie
    e leggi deliranti (come la legge contro la
    pedofilia virtuale, o l'ultimo decreto
    urbani) che hanno diversi effetti tranne
    quello di risolvere il problema?

    3) come mai, con il pretesto di
    salvaguardare i bambini in interntet, si
    chiede a tutti provider, webmaster, gestori
    di chat etc. di intervenire, di provvedere e
    si trascurano le persone più adatte,
    ovvero i genitori in primis e gli insegnanti
    come supporto, per vigilare sulle
    attività del minore in rete.

    4) ancora non si sa se il sito era
    effettivamente un sito pedoporno o un sito
    porno normale con uno slogan cretino, meglio
    aspettare le comunicazioni ufficiali della
    magistratura, l'unica in italia autorizzata
    a emettere sentenze.

    un'uomo senza dubbi, solo con certezze o
    è un santo o un co(bippp!)ne

    ==================================
    Modificato dall'autore il 14/05/2004 8.15.18 ancora mottavio (e poi chiude):Caro Shevathas,hai notato come quando si fanno delle domande basate sulla realtà dei fatti (che per esempio il 90% dei casi di pedofilia avvengono in famiglia), gli interlocutori scompaiano? Sono o non sono i moderni cacciatori di streghe quelli che accusano di pedofilia o connivenza con essa chi dubita che la censura preventiva sia uno strumento non solo praticabile, ma anche utile in Rete?Voglio quì ricordare che le streghe cattive non sono mai esistite (se non nelle favole), ma che ugualmente almeno 2 milioni di donne sono state bruciate vive ... le ultime poco più di 300 anni fà: indovinate dove?==================================Modificato dall'autore il 14/05/2004 14.10.49
  • Anonimo scrive:
    Re: ma siete tutti pedofili in questo forum?
    - Scritto da: Anonimo
    Fanno benissimo a chiudere tali siti!NESSUNO ha scritto il contrario.E' affare della forza pubblica e della magistratura competente perseguire i crimini, e nessuno si sogna di fare apologia di reato per la pedofilia, cosa che ti sarebbe evidente se avessi ancora qualche rotella funzionante e leggessi con attenzione - scusa, se tu riuscissi a comprendere quanto e' stato scritto. E' evidente che hai qualche problema, ma niente che un buon logopedista non possa risolvere.Adesso andiamo al sodo: il tuo IP e' loggato, il titolo del tuo post e' diffamatorio.Mi auguro che vengano prese le misure del caso, e parta una denuncia.Attendo proposte furbe tipo l'ispezione del traffico postale visto che oni busta potrebbe contenere polvere ed innesco.Anzi, perche' non sopprimere direttamente le Poste Italiane?Sai quanti criminali si avvalgono proprio dei servizi postali?E perche' eliminare anche la rete telefonica, gia' che ci siamo. Non sarebbe piu' necessario chiedere l'autorizzazione per le intercettazioni.SVEGLIAAA!!! Tra liberta' civili ed anarchia c'e' una bella differenza! E quello che preoccupa e' l'ufficializzazione dei "comitati di cittadini probi" o "di salute pubblica": storicamente ha sempre portato danni.
  • Anonimo scrive:
    Re: Spiegatemi xchè......

    Per la legge italiana, visionare tale
    materiale non significa compiere un reato.
    Il reato si compie quando c'è il
    POSSESSO, non solo la visione.Resta da dire che finche' non c'e' stato un pronunciamento finale da parte di un tribunale che stabilisca se c'e' o meno il "possesso", si possono verificare tutta una serie di situazioni incresciose dovute alla fase delle indagini, la quale presupponendo cmq il "possesso" interviene con tutti gli strumenti possibili per dimostrarlo.Ovvio che questo sia ben auspicabile nei casi di effettiva pedofilia (rimanendo nell'ambito di questo 3d); cio' che e' temibile riguarda gli eventi che possono insorgere quando la frenesia da caccia alle streghe colpisce tutto e tutti, senza alcuna logica. Per averlo letto in qualche altro post di PI, riporto come esempio solo il caso di quel tale che si e' visto incriminare, nonche' sequestrare tutto il materiale informatico che aveva in casa, ed ovviamente essere sputtanato davanti a tutti, solo per avere fatto delle transizioni economiche con lo stesso servizio che era stato usato da alcuni pedofili (reali).Mi sembra che nessuno qui metta in discussione la lotta alla pedofilia, ma nel contempo e' condannabile il comportamento (dei media, dei giudici, degli "esperti" di qualunque cosa) che vuole criminalizzare internet in suo nome ma in realta' per motivi ben diversi (gia' descritti in altri post, non voglio ripetere).bye
  • Anonimo scrive:
    Re: Spiegatemi xchè......
    - Scritto da: Anonimo
    Per la legge italiana, visionare tale
    materiale non significa compiere un reato.
    Il reato si compie quando c'è il
    POSSESSO, non solo la visione.Dato che dubito fortemente che quel sito distribuisse le immagini gratuitamente, evidentemente chi le ha "visionate" deve avelre anche pagate, qundi acquistandole a tutti gli effetti. Inoltre, se per possesso si intende anche semplicemente avere quelle foto sul PC, come si evince da molti altri simili fatti di cronaca" allora ti faccio notare che , per vederle, le foto devono essere scaricate nella cache del browser, e quindi sull'hard disk del visitatore che ne entra cosi` in possesso.
  • shevathas scrive:
    Re: ma siete tutti pedofili in questo forum?
    - Scritto da: Anonimo
    Fanno benissimo a chiudere tali siti!Nessuno ha mai affermato il contrario, se era un portale che vendeva quella m..da fanno benissimo a chiuderlo e perseguire i webmaster .Al più si sono sollevate delle perplessità sia riguardo al sito, sia riguardo al fatto che la lotta al pedoporno on line venga usata come pretesto per altre cosette, e sollevati alcuni dubbi del tutto legittimi:1) come mai alcune associazioni si scagliano con veemenza contro i pedosegaioli, quando il 90% circa degli abusi avvengono senza che internet c'entri qualcosa ?perchè non usano lo stesso dispiegamento di forze nel mondo reale per fare una seria prevenzione delle molestie ?talvolta si ha l'impessione che la lotta sia contro internet con il pretesto della pedofilia che contro la pedofilia ?2) come mai la lotta contro il male (pedofili, terroristi, pirati, etc. etc.) viene presa come pretesto per censure varie e leggi deliranti (come la legge contro la pedofilia virtuale, o l'ultimo decreto urbani) che hanno diversi effetti tranne quello di risolvere il problema?3) come mai, con il pretesto di salvaguardare i bambini in interntet, si chiede a tutti provider, webmaster, gestori di chat etc. di intervenire, di provvedere e si trascurano le persone più adatte, ovvero i genitori in primis e gli insegnanti come supporto, per vigilare sulle attività del minore in rete.4) ancora non si sa se il sito era effettivamente un sito pedoporno o un sito porno normale con uno slogan cretino, meglio aspettare le comunicazioni ufficiali della magistratura, l'unica in italia autorizzata a emettere sentenze. un'uomo senza dubbi, solo con certezze o è un santo o un co(bippp!)ne ==================================Modificato dall'autore il 14/05/2004 8.15.18
  • Anonimo scrive:
    ma siete tutti pedofili in questo forum?
    Fanno benissimo a chiudere tali siti!
  • Anonimo scrive:
    Re: Spiegatemi xchè......
    - Scritto da: Anonimo

    .....ad una ssociazione di PRIVATI è
    permesso di svolgere indagini di competenza
    della PolPost e compiere reati (visionare
    equivale a FRUIRE del contenuto
    pedoporngrafico) rimanendo IMMUNE dalle
    ovvie e GRAVI conseguenze PENALI.

    Qualcuno me lo spieghi, grazie.Per la legge italiana, visionare tale materiale non significa compiere un reato. Il reato si compie quando c'è il POSSESSO, non solo la visione.
  • Alessandrox scrive:
    Re: Dovreste vergognarvi...
    - Scritto da: Anonimo
    Nella migliore delle ipotesi è un
    cretino pervertito, ma se la magistratura ha
    chiuso il sito, un motivo ci sarà.
    Anche su domini .it ci sono fior fiori di
    siti pornografici, come mai quelli non li
    chiudono allora?La pornografia non e' un reato.
  • mottavio scrive:
    Re: Spiegatemi xchè......
    - Scritto da: LordBison
    -

    Sono perfettamente daccordo con te...
    (...cut...)
    Cmq votare per persone come Urbani significa
    dare + spinta alle tecnologie Crittografiche
    e quindi via libera alla pedo e non solo.

    (linux)(linux)
    mottavio acconsente:Anche ques'ultima considerazione è molto acuta. Basta pensare al "successo" che stanno ottenendo WASTE e Konspire in altri campi... Beh, good night, my Sir, good night.
  • avvelenato scrive:
    Re: adesso difendete le libertà della re
    - Scritto da: Anonimo
    La libertà è giusta finche va
    a danno di quacunaltro...
    Vedi mo te se ci fosse pura "libertà"
    per i pedofili come sarebbero "liberi" i
    tuoi figli di girare per strata per andare a
    scuola/piscina o simil...distingui chi guarda le fotografie da chi le scatta, poi ne parliamo.
  • The FoX scrive:
    Re: adesso difendete le libertà della re
    - Scritto da: Anonimo
    Lo credo bene che è sbagliato,
    perchè mi son dimenticato un "non"
    !!! (distrazione :p)
    (La libertà è giusta finche
    non va a danno di qualcunaltro!)Ora il tuo ragionamento ha un po' piu' senso...
  • Anonimo scrive:
    Re: adesso difendete le libertà della re
    Lo credo bene che è sbagliato, perchè mi son dimenticato un "non" !!! (distrazione :P)(La libertà è giusta finche non va a danno di qualcunaltro!)
  • Anonimo scrive:
    Re: Spiegatemi xchè......
    Non ci hai capito nulla : si contestava il fatto che un gruppo di privati potesse accedere a materiale pedopornografico senza incappare, a differenza del resto del popolo, in denunzie e svergognamenti. Probabilmente, chiunque di noi scoprisse materiale esplicitamente "incriminabile", andrebbe a farne denunzia.Quanto ai porno su WinMX, io non ne ho bisogno. Quattro o cinque cd di foto, ed una decina di cd di films mi è più che sufficiente.Saluti,Piwi
  • Anonimo scrive:
    Re: adesso difendete le libertà della rete!
    Non interviene nessuno perchè è stato commesso uno di quei fatti lesivi di un bene giuridico il cui disvalore sociale è oggettivamente apprezzabile.Si chiamano reati.Saluti,Piwi
  • LordBison scrive:
    Re: Spiegatemi xchè......
    - Scritto da: mottavio

    - Scritto da: Anonimo



    .....ad una ssociazione di PRIVATI
    è

    permesso di svolgere indagini di
    competenza

    della PolPost e compiere reati
    (visionare

    equivale a FRUIRE del contenuto

    pedoporngrafico) rimanendo IMMUNE dalle

    ovvie e GRAVI conseguenze PENALI.



    Qualcuno me lo spieghi, grazie.

    mottavio sbotta:
    Non te lo possono spiegare, perchè
    non c'è spiegazione. Per quanto
    riguarda quelli che si ammantano della lotta
    al pedoweb, ma che se ne stiano zitti, che
    è meglio.

    1)Il 90% dei casi di pedofilia avviene IN
    CASA!

    2)Ogni anno almeno 8 MILIONI di italiani
    abusano sessualmente di ragazzine, quasi
    bambine, che vengono fatte prostituire a
    forza nelle nostre strade.

    3) Ogni anno almeno 700.000 italiani fanno
    viaggi turistici a fini di pedofilia.

    Nonostante i punti 1, 2 e 3 per i sepolcri
    imbiancati il nemico dei bambini è la
    Rete!!!

    Non ne posso più di questi attacchi
    al Web, proprio più...Sono perfettamente daccordo con te...Anche se la pedofilia sparisse dal web, i bambini di mezzo mondo continueranno a subire violenza, l'unica differenza è che internet ogni tanto ricorda alla gente comune che la pedofilia esiste, se non ci fosse stato internet l'80% delle persone non sapeva neanche cosa era la pedofilia.E cmq il vero problema non sono le foto o i video che si scaricano da internet.Vi ricordo che una bambina di 2 anni è morta da poco propio per una violenza fatta in casa, se l'associazione invece di perdere tempo su internet, badava di + alla realtà forse quella bimba, sarebbe ancora viva.Naturalmente questo discorso non vale se in questo sito si vendevano bambine/i in quel caso le palle dovevano tagliare.:@Cmq votare per persone come Urbani significa dare + spinta alle tecnologie Crittografiche e quindi via libera alla pedo e non solo.(linux)(linux)==================================Modificato dall'autore il 13/05/2004 22.55.55
  • LordBison scrive:
    Re: se non vedo

    Io invece non credo molto agli ANONIMI...
    se veramente lei appartiene a detta
    associazione, si registri con TUTTI i dati
    del caso e quindi si firmi i msg...
    CMQ, anche a me il modus operandi di
    suddetta associazione in passato mi ha
    lasciato con molti dubbi... :quoto
  • shevathas scrive:
    Re: Dovreste vergognarvi...

    Si, peccato che non sia questo il caso. Lo
    slogan è alquanto inquietante, non
    trovi?Certo, ma spetta alla magistratura pronunciare condanne.Se poi è solo un c***ne che ha messo quello slogan del cavolo per attrarre notorietà penso che questo gli basta da lezione.

    Nella migliore delle ipotesi è un
    cretino pervertito, ma se la magistratura ha
    chiuso il sito, un motivo ci sarà.Bisognerebbe vedere le motivazioni, che possono anche essere sequestro preventivo per accertamenti.
    Anche su domini .it ci sono fior fiori di
    siti pornografici, come mai quelli non li
    chiudono allora?

    Per favore, ripeto, non mischiamo le due
    cose... altrimenti perdiamo in partenza. E'
    proprio per questo che dobbiamo affrancarci
    da episodi simili, altrimenti la
    credibilità di chi si batte per la
    libertà su internet viene totalmente
    meno.La battaglia sarebbe per fare chiarezza, se ci sono le foto allora è giusto che la legge faccia il suo corso.Ma se, come spero, si tratta solo di uno slogan imbecille messo li per fare traffico e andato oltre le più rosee aspettative dell'idiota, anche questo caso finirà in una bolla di sapone.Già che siamo in tema cosa ne pensi del sito chiuso per apologia della pedofilia con arresto e successiva liberazione del suo web master?o della richiesta di istituire il reato di apologia della pedofilia.
  • Anonimo scrive:
    Re: Spiegatemi xchè......
    - Scritto da: Anonimo
    - Scritto da: Anonimo

    .....ad una ssociazione di PRIVATI
    è

    permesso di svolgere indagini di
    competenza

    della PolPost e compiere reati
    (visionare

    equivale a FRUIRE del contenuto

    pedoporngrafico) rimanendo IMMUNE dalle

    ovvie e GRAVI conseguenze PENALI.



    Qualcuno me lo spieghi, grazie.

    Forse perchè se ne occupano
    soprattutto nell'interesse dei bambini?Esistono organi appositi. E poi perchè i bamabini? perchè ti inteneriscono il cuore? Perchè non anche gli assassini?
    Ma dico, tu che faresti al posto loro?Eccolo, è arrivato il Giustiziere della Notte.
  • Anonimo scrive:
    Re: Dovreste vergognarvi...
    -

    Poi non lamentatevi se fanno come in Cina.
    Un qualsiasi genitore che avesse letto
    alcuni commenti su questa notizia, voterebbe
    Urbani&Co. a vita!!Sintesi: Viva la dittatura del proletariato in Cina! Viva Berlusconi! Viva Urbani!Ma non ti vergogni neanche un pò a scrivere queste corbellerie? I genitori di cui parli sono gli stessi che al 90 % abusano sessualmente dei figli. O questa ti è nuova?
  • Anonimo scrive:
    Re: Dovreste vergognarvi...
    - Scritto da: The FoX
    Il vero problema e' che chi ci governa
    utilizza la pedopornografia come scusa per
    far passare leggi e leggine che poco o nulla
    possono contro di essa, ma che, guarda caso,
    hanno impatti devastanti sulla liberta'
    d'espressione e le liberta' sulla rete... :sSi, peccato che non sia questo il caso. Lo slogan è alquanto inquietante, non trovi?Nella migliore delle ipotesi è un cretino pervertito, ma se la magistratura ha chiuso il sito, un motivo ci sarà. Anche su domini .it ci sono fior fiori di siti pornografici, come mai quelli non li chiudono allora?Per favore, ripeto, non mischiamo le due cose... altrimenti perdiamo in partenza. E' proprio per questo che dobbiamo affrancarci da episodi simili, altrimenti la credibilità di chi si batte per la libertà su internet viene totalmente meno.
  • mottavio scrive:
    Re: Spiegatemi xchè......
    - Scritto da: Anonimo

    .....ad una ssociazione di PRIVATI è
    permesso di svolgere indagini di competenza
    della PolPost e compiere reati (visionare
    equivale a FRUIRE del contenuto
    pedoporngrafico) rimanendo IMMUNE dalle
    ovvie e GRAVI conseguenze PENALI.

    Qualcuno me lo spieghi, grazie.mottavio sbotta:Non te lo possono spiegare, perchè non c'è spiegazione. Per quanto riguarda quelli che si ammantano della lotta al pedoweb, ma che se ne stiano zitti, che è meglio.1)Il 90% dei casi di pedofilia avviene IN CASA!2)Ogni anno almeno 8 MILIONI di italiani abusano sessualmente di ragazzine, quasi bambine, che vengono fatte prostituire a forza nelle nostre strade. 3) Ogni anno almeno 700.000 italiani fanno viaggi turistici a fini di pedofilia.Nonostante i punti 1, 2 e 3 per i sepolcri imbiancati il nemico dei bambini è la Rete!!! Non ne posso più di questi attacchi al Web, proprio più...
  • Anonimo scrive:
    Re: se non vedo
    - Scritto da: Anonimo
    Può chiedere alla Procura
    Distrettuale di Catania, se il sito era
    specchietto per le allodole.
    Gentili, poi, come al solito, gli
    apprezzamenti ad una associazione a tutela
    dell'infanzia e che rispetta fortemente la
    libertà della rete, ma non certo la
    pedopornografia.

    Ass. MeterPerchè se vado in procura mi fanno vedere il sito?Va ricordato ancora una volta che la Polizia si limita a svolgere le indagini, ed è un Giudice e non l'associazione Meter che alla fine ci dirà se di vera pedopornografia si trattava o se di visioni.
  • Anonimo scrive:
    Re: adesso difendete le libertà della re
    - Scritto da: Anonimo
    La libertà è giusta finche va
    a danno di quacunaltro...
    Vedi mo te se ci fosse pura "libertà"
    per i pedofili come sarebbero "liberi" i
    tuoi figli di girare per strata per andare a
    scuola/piscina o simil...Certo, non a caso esiste la forza pubblica.Ma non puoi pensare di tenere i criminali lontano dalle strade obbligando tutti indistintamente a stare chiusi in casa.Tu ragioni in modo molto confuso.
  • The FoX scrive:
    Re: Dovreste vergognarvi...
    - Scritto da: Anonimo
    ... di mischiare le libertà della
    rete con la pedopornografia.[CUT]
    Non vedo cosa c'entri la libertà di
    espressione, il libero accesso ai contenuti
    della rete con i pedofili. Ma siete
    impazziti?!? :@Il vero problema e' che chi ci governa utilizza la pedopornografia come scusa per far passare leggi e leggine che poco o nulla possono contro di essa, ma che, guarda caso, hanno impatti devastanti sulla liberta' d'espressione e le liberta' sulla rete... :s
  • Anonimo scrive:
    Re: adesso difendete le libertà della rete!
    - Scritto da: Anonimo
    come mai non si vede nessuno che scrive che
    siamo in uno stato di polizia, che si vuole
    reprimere internet, che si deve
    salvaguardare la privacy dei content
    provider e altre amenità del genere
    che intasano i forum di PI ogni volta che
    che c'è un sequestro ?
    Folena non interviene ?
    Cortiana non interviene ?Patetico tentativo di disinformazione, oppure paranoia micidiale. Nel primo caso dovresti cercare di raffinare un po' la tecnica, come provocatore fai schifo. Nel secondo, saresti prossimo alla patologia psichiatrica...
  • Anonimo scrive:
    Re: Spiegatemi xchè......
    - Scritto da: Anonimo
    .....ad una ssociazione di PRIVATI è
    permesso di svolgere indagini di competenza
    della PolPost e compiere reati (visionare
    equivale a FRUIRE del contenuto
    pedoporngrafico) rimanendo IMMUNE dalle
    ovvie e GRAVI conseguenze PENALI.

    Qualcuno me lo spieghi, grazie.Forse perchè se ne occupano soprattutto nell'interesse dei bambini?Ma dico, tu che faresti al posto loro? Se ti capitasse di venire a conoscenza di materiale in rete del genere, non li denunceresti?Se la risposta è no, allora prego Dio di non averti mai come vicino di casa.Che paese di m***a sta diventando l'Italia... con la brevettabilità sul software (ve ne accorgerete quando non ci saranno più i programmini free che vi piacciono tanto) e i vampiri della SIAE, questi pensano a difendere i diritti di un pervertito. Tornatevene a scaricare il pornazzo casalingo da WinMX, che tanto è l'unica libertà che vi interessa...
  • Anonimo scrive:
    Dovreste vergognarvi...
    ... di mischiare le libertà della rete con la pedopornografia.Sinceramente per me già uno che mette uno slogan di quel genere è da chiudergli il sito, e verificare a fondo che razza di giri tenga su.Non vedo cosa c'entri la libertà di espressione, il libero accesso ai contenuti della rete con i pedofili. Ma siete impazziti?!? :@Poi non lamentatevi se fanno come in Cina. Un qualsiasi genitore che avesse letto alcuni commenti su questa notizia, voterebbe Urbani&Co. a vita!!
  • Anonimo scrive:
    Spiegatemi xchè......
    .....ad una ssociazione di PRIVATI è permesso di svolgere indagini di competenza della PolPost e compiere reati (visionare equivale a FRUIRE del contenuto pedoporngrafico) rimanendo IMMUNE dalle ovvie e GRAVI conseguenze PENALI.Qualcuno me lo spieghi, grazie.
  • The FoX scrive:
    Re: adesso difendete le libertà della re
    - Scritto da: Anonimo
    La libertà è giusta finche va
    a danno di quacunaltro...
    Vedi mo te se ci fosse pura "libertà"
    per i pedofili come sarebbero "liberi" i
    tuoi figli di girare per strata per andare a
    scuola/piscina o simil...Strano il tuo concetto di liberta'.Io dico che la mia liberta' termina dove comincia quella degli altri.E il tuo esempio e' ben campato in aria!!!
  • The FoX scrive:
    Re: se non vedo
    - Scritto da: Anonimo
    Può chiedere alla Procura[CUT]
    dell'infanzia e che rispetta fortemente la
    libertà della rete, ma non certo la
    pedopornografia.

    Ass. MeterIo invece non credo molto agli ANONIMI...se veramente lei appartiene a detta associazione, si registri con TUTTI i dati del caso e quindi si firmi i msg...CMQ, anche a me il modus operandi di suddetta associazione in passato mi ha lasciato con molti dubbi... :
  • Anonimo scrive:
    Re: adesso difendete le libertà della re
    La libertà è giusta finche va a danno di quacunaltro...Vedi mo te se ci fosse pura "libertà" per i pedofili come sarebbero "liberi" i tuoi figli di girare per strata per andare a scuola/piscina o simil...
  • Anonimo scrive:
    Re: se non vedo
    Può chiedere alla Procura Distrettuale di Catania, se il sito era specchietto per le allodole.Gentili, poi, come al solito, gli apprezzamenti ad una associazione a tutela dell'infanzia e che rispetta fortemente la libertà della rete, ma non certo la pedopornografia.Ass. Meter
  • lonehawk scrive:
    Re: adesso difendete le libertà della rete!
    - Scritto da: Anonimo
    come mai non si vede nessuno che scrive che
    siamo in uno stato di polizia, che si vuole
    reprimere internet, che si deve
    salvaguardare la privacy dei content
    provider e altre amenità del genere
    che intasano i forum di PI ogni volta che
    che c'è un sequestro ?
    Folena non interviene ?
    Cortiana non interviene ?Scusa, ma io, in 10 anni che ci traffico, ho sempre visto Internet un po' come il quartiere dove abito... è carino, ci sono un paio di parchi, qualche scuola... purtroppo però è molto vicino ad una delle zone più malfamate di Padova...Allora, come quando mi indigno se il servizio publico non viene a ritirare la spazzatura, o mi aumenta ingiustificatamente l'ICI, altrettanto mi complimento quando va in porto un'importante operazione per pulire il quartiere dalla droga o dallo sfruttamento della prostituzione.Internet è anche una comunità, e alla maggior parte degli utenti di questa comunità piace sia che sia rispettata la propria libertà di comunicare, sia che venga mantenuta pulita da "intrusi" che la sfruttano per motivi gretti.Non mi pare difficile da capire... LoneHawk
  • Anonimo scrive:
    Re: adesso difendete le libertà della re
    Nessuno scrive perchè c'è poco da dire. Il pedo-porno ha poco a che fare con i nomi da te citati, nonchè con la libertà della rete o lo stato di polizia. Mi sembra che tu abbia molto le idee confuse.
  • Anonimo scrive:
    Re: adesso difendete le libertà della rete!
  • Anonimo scrive:
    se non vedo
    Se non vedo non credo! Dubito che qualcuno abbia messo su un sito pedo con tanta leggerezza sui server di digilander, magari lo slogan era solo uno specchietto per le allodole, insomma si voleva semplicemente attirare l'attenzione per vendere porno normale. Il fatto poi che ancora una volta sia dato il merito a questa associazione Meter, mi fa ancor di più dubitare dell'accusa.
  • LordBison scrive:
    Re: adesso difendete le libertà della re
    - Scritto da: Anonimo
    come mai non si vede nessuno che scrive che
    siamo in uno stato di polizia, che si vuole
    reprimere internet, che si deve
    salvaguardare la privacy dei content
    provider e altre amenità del genere
    che intasano i forum di PI ogni volta che
    che c'è un sequestro ?
    Folena non interviene ?
    Cortiana non interviene ?(troll)(troll)(troll)(troll)(troll)(troll)
  • Anonimo scrive:
    adesso difendete le libertà della rete!
    come mai non si vede nessuno che scrive che siamo in uno stato di polizia, che si vuole reprimere internet, che si deve salvaguardare la privacy dei content provider e altre amenità del genere che intasano i forum di PI ogni volta che che c'è un sequestro ?Folena non interviene ?Cortiana non interviene ?
  • Anonimo scrive:
    In carcere a vita
Chiudi i commenti