Friaco, l'Autorità taglia i prezzi

L'organismo di garanzia ha accettato le richieste presentate dai provider per un ritocco verso il basso del listino presentato da Telecom Italia


Napoli – Gli Internet Service Provider ce l’hanno fatta. Dopo aver rumorosamente protestato per le tariffe previste dal listino che Telecom Italia ha presentato in merito alla fornitura di connettività flat, l’Autorità TLC ha ieri accettato un taglio che incontra le richieste degli ISP.

In particolare, la commissione Infrastrutture e Reti dell’Authority ha deliberato il provvedimento sull’accesso a canone forfetario FRIACO con una riduzione del listino che va dal 19 per cento (per l’interconnessione urbana e distrettuale – SGU e SGD) al 26 per cento (per l’interconnessione interurbana – SGT).

Questo era l’ultimo ostacolo che AIIP e Assoprovider, le due associazioni di categoria, vedevano per il lancio effettivo di nuove offerte flat basate sul modello FRIACO.

Secondo l’Autorità, il provvedimento porta ad una maggiore competizione tra operatori e ad una accelerazione nella diffusione dell’accesso alla rete senza appesantimenti eccessivi sull’utenza finale. Secondo Vincenzo Monaci, relatore del provvedimento, “il servizio FRIACO si propone come offerta complementare alle soluzioni di accesso internet e larga banda e può rappresentare, per molti utenti, un passaggio intermedio verso tali soluzioni”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Telecom conferma ... MA CHIEDE ANCORA SOLDI!!!!!!!
    Ho appena chiesto per la disattivazione delle chiamate 899 da utenza domestica ... mi hanno risposto che, a parte i numeri 144 e 166 per i quali il servizio è gratuito, per tutte le altre numerazioni il servizio è già DISPONIBILE e COSTA 22mila £ a bimestre. Quindi 144mila all'anno!!! Praticamente per proteggersi da una possibile 'sola' l'utente se ne deve tirare una da solo ... Se il garante fosse realmente indipendente dalle pressioni di lobby non si sarebbe dimenticato di sottolineare il diritto alla gratuità dell'opzione....
  • Anonimo scrive:
    tanto non lo fanno
    se chiedi alla telecom di bloccare le chiamate ai servizi che iniziano con 89 o 70 ti dicono che non è possibile farlo... (e non parlo di utenze domestiche, ma di linee affari)...loro dicono di poter bloccare solo gli 144-166Mi è capitato di ricevere telegrammi da telecom in cui mi comunicavano che alcune linee erano state bloccate temporaneamente a queste chiamate... a prescindere dal fatto che mandarmi un telegramma (quindi una cosa urgente) per avvertirmi (la scorsa settimana) che il 6 dicembre (ovvero 3 mesi fa) sono state fatte alcune chiamate ai servizi 89 mi sembra un presa in giro... e comunque non ho preso contatti con loro e spero che il blocco temporaneo diventi perpetuo... tanto se ci parlo non risolvo nulla e in più mi riabilitano il telefono!!!!
  • Anonimo scrive:
    siamo alle solite prese in giro
    Ma queste belle disposizioni dell'Authority si possono mettere in pratica e come?Perche' poi succede che telecom risponde "picche" con la scusa dell'ADEGUAMENTO TECNICO.Ci riempiono di diritti sulla carta, poi i gestori in realta' fanno un po' come cazzo gli pare.
  • Anonimo scrive:
    ma bisogna pagare?
    per attivare il blocco sull' 899???lo so sembra assurdo ma...
Chiudi i commenti