FSF vuole un Acrobat GPL3, e lo vuole subito

Free Software Foundation ha avviato un progetto, considerato della massima priorità, per la completa implementazione dell'ultima specifica PDF. L'obiettivo finale è realizzare una sorta di Adobe Acrobat con licenza GPL3

Roma – Sviluppare un insieme di librerie e di programmi per la gestione avanzata del formato PDF, e pubblicarne l’intero codice sorgente sotto la giovane licenza GPL3. È questo l’obiettivo del GNU PDF Project , un’iniziativa “ad alta priorità” recentemente avviata da Free Software Foundation ( FSF ) per migliorare il supporto, oggi considerato lacunoso, che le piattaforme open source forniscono al Portable Document Format di Adobe .

A spingere FSF verso questa nuova impresa è stata soprattutto la recente decisione di Adobe di sottoporre l’ultima specifica PDF, la 1.7, al vaglio di ISO: l’intento è di farne uno standard internazionale, denominato ISO 32000, capace di contrastare i piani di conquista di Microsoft .

Grazie alla sua licenza libera da royalty, e alla disponibilità di un player ufficiale gratuito (Adobe Reader), il formato PDF è oggi considerato uno standard de facto, ed utilizzato sia all’interno del mondo aziendale che in quello delle pubbliche amministrazioni. Migliorare il supporto di Linux a questo standard, secondo FSF, equivale ad incrementare l’appetibilità di questa piattaforma in ambito desktop .

GNU PDF Project José Marchesi, fondatore del progetto GNU PDF, ha spiegato a Linux.com che le attuali implementazioni free software della specifica PDF mancano di molte caratteristiche importanti , quali ad esempio le funzionalità interattive (form, annotazioni ecc.), la gestione dei contenuti embedded (suoni e filmati), la validazione delle form tramite JavaScript, la visualizzazione di oggetti 3D, funzioni avanzate per l’accessibilità e strumenti per il lavoro di gruppo.

Il progetto GNU PDF, per il quale FSF sta raccogliendo donazioni , si prefigge la completa implementazione dell’imminente standard ISO 32000 e, di conseguenza, delle feature contemplate nella specifica PDF 1.7: specifica che, secondo Marchesi, è oggi supportata esclusivamente dalle soluzioni proprietarie.

“Il nostro obiettivo è quello di fornire lo stesso livello di supporto al formato PDF di quello fornito da Adobe (con Acrobat, NdR)”, ha affermato Marchesi. “Abbiamo dunque bisogno di una libreria generica e completa che fornisca un sufficiente numero di funzionalità per realizzare un programma simile ad Acrobat”. Tale programma è già stato battezzato GNU Juggler , e nei piani degli sviluppatori dovrebbe fornire funzionalità di visualizzazione ed editing comparabili a quelle del software commerciale Adobe Acrobat: per raggiungere questo traguardo, Marchesi ha rivelato che sarà necessario eseguire il reverse engineering dell’applicazione di Adobe .

La libreria su cui poggerà GNU Juggler sarà scritta in linguaggio C ed il suo codice sarà interamente pubblicato sotto la licenza GPL3 .

“Scrivere la libreria GNU PDF e GNU Juggler è un lavoro davvero imponente, ma vogliamo farlo nel più breve tempo possibile”, ha dichiarato Marchesi. “Per noi è cruciale poter disporre in tempi brevi di un’implementazione libera, completa e di elevata qualità dello standard PDF”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Luciano Marini scrive:
    ma perche' !
    E si, ma perchè, perchè e per quale dannatissimo motivo dovremmo garantire 73 milioni di euro agli autori o peggio alle major musicali ?Certo, sono daccordo, la perdita per il comparto produttivo è stata dannatamente grande, solo a Varese oltre trecento famiglie sono rimaste senza lavoro !E' si, cari miei, l'equo compenso deve essere immediatamente abolito se si vuole salvare quel poco che rimane da salvare del comparto produzione e lavorazione italiano di CD / DVD !Ma per quale dannatissimo motivo dobbiamo regalare ogni anno 73 milioni di euro a questi signori ? Se gli autori sono bravi, vendono, e guadagnano, e già vi assicuro che guadagnano a sufficienza (non certo le mille euro al maese), e se sono delle schiappe si arrangino, come fanno tutti !Ci mancherebbe che ogni volta che un comparto non funziona lo stato debba regalare soldoni e chiedere sacrifici a chi già ne fa abbastanza.Luciano
  • paradox scrive:
    Ladroni di Stato
    Dovunque li cerchi nel ....semicerchio di Montecitorio non trovi altro che loschi personaggi pronti a venderci.
  • M.R. scrive:
    Compensata di che?
    Cioè passare da un furto ad un altro?Sono o non sono soldi che vengono indebitamente sottratti ai cittadini (acquirenti)? Adesso i soldi delle tasse (non quelle sui supporti) li vogliono scialacquare anche per queste c....avolate? Ma siamo matti?
  • jure scrive:
    basta soldi alle grandi aziende private
    poverine... stanno fallendo... E ALLORA?? DEVONO MORIRE!!!Io se lavoro male rimango senza lavoro! Perchè loro no?ma tornando sulla questione...Prima Raffaella Carrà & C. che rubano soldi a chi masterizza le proprie foto digitaliPoi lo Stato che ruba soldi a ci non usa supporti digitali!E tutto prchè la SIAE piange e strilla!Ma lo sapete che in una causa bene impostata la SIAE non è neanche in grado di gaantire la paternità dell'opera?? Tsé!!
  • DuDe scrive:
    Ma la siae non e' privata?
    Come da topec, ma la siae non e' privata? allora mi domando, se e' privata come mai lo stato gli deve 73 milioni di euro? Altra domanda, perche' lo stato foraggia una societa' privata con il pizzo sui supporti? A mio avviso la siae andrebbe eliminata come andrebbe rivista la legge sul diritto d'autore, che deve rimanere appunto un diritto dell'autore e non dell'editore, solo che fa comodo mantenerla cosi' i soci amministratori si beccano fior fior di quattrini a uffa anche quando suonano musica da discoteca la puntata di report sulla ripartizione del pizzo e' stato molto istruttiva cancellare il pizzo rivedere la legge sul diritto d'autore e cancellare la siaeUn'ultima cosa, proprio qui lessi che la siae era in attivo, a che gli servono 73 milioni di euro? e perche' glieli deve dare lo stato?
  • Ricky scrive:
    Aho..ma fate come i gamberi???
    Scusate,a quale titolo la SIAE,una creatura parassita oggi anacronistica,PRETENDE un gettito annuale fisso determinato su basi tutte da definire?Posso anche io?Dunque, lo stato , ripieno di incapaci e di fregaioli, causa al sottoscritto (e a gran parte degli italiani) un danno fisico e morale,una perdita di tempo e di soldi e di ESISTENZA tali da poter essere quantificati in 10000 euro l'anno (non tassabili).Ecco, semplice no?Adesso lo stato mi dia sti 10000 e come a me a tutti gli altri.No?come no...e perche' no?Subisco o no dei danni?Nono o no quantificabili? E allora...sotto al portafogli e PAGARE...!
  • Marco Pellegrini Quarantott i scrive:
    ma a che gli servono?
    La mia sarà una domanda stupida....ma a che servono i soldi alla SIAE visto che già chiedono una quota associativa tutt'altro che indifferente agli autori che vogliono tutelare i propri lavori (e solo per associarsi, visto che poi se si vuole vendere un cd bisogna acquistare i bollini siae da applicare sulla copia, persino in caso di distribuzioni gratuite)Senza contare gli introiti delle discoteche, dei cinema, i soldi presi alle radio etc...Quella che una volta era un associazione per la tutela degli artisti ora non è altro che un polmone marcio che ruba ossigeno agli autori e i soldi agli utenti dei prodotti tutelati a copyright.La siae è solo un organismo inutile e dannoso per tutti!cosa esiste a fare????
  • sul mio cadavere freddo scrive:
    73 milioni per la siae
    e non vogliono trovarne venti per i dottorandi, questo governo mi fa sempre più schifo (e stronzo come sono l'ho pure votato). Peccato solo che l'altro sia pure peggio.
    • Nicolaus scrive:
      Re: 73 milioni per la siae
      Bhe l'altro governo per quante cose tu possa dire non ha fatto andare in rovina mezza italia, si parlava di abolizione dell'ici, di meno tasse, e la sinistra si incazz... se il governo di destra avevo l'esercito in iraq, loro non hanno mantenuto nessuna promessa "vera", le famiglie non arrivano a fine mese, l'esercito è in iraq per la PACE (che bella scusa) e si sta sempre peggio. Non erano certamente tempi d'oro ma si stava molto meglio prima. Ma vi sta bene (a tutti quelli che l'anno votato) così avete capito che razza di gente che sostenevate. Pure peggio?? peggio di così proprio no mi dispice, questo non l'accetto, spero che tu lo dici per darti una falsa consolazione, ma menti anche a te stesso.
      • otacu scrive:
        Re: 73 milioni per la siae
        - Scritto da: Nicolaus
        Bhe l'altro governo per quante cose tu possa dire
        non ha fatto andare in rovina mezza italia, si
        parlava di abolizione dell'ici, di meno tasse, e
        la sinistra si incazz... se il governo di destra
        avevo l'esercito in iraq, loro non hanno
        mantenuto nessuna promessa "vera", le famiglie
        non arrivano a fine mese, l'esercito è in iraq
        per la PACE (che bella scusa) e si sta sempre
        peggio. Non erano certamente tempi d'oro ma si
        stava molto meglio prima. Ma vi sta bene (a tutti
        quelli che l'anno votato) così avete capito che
        razza di gente che sostenevate.

        Pure peggio?? peggio di così proprio no mi
        dispice, questo non l'accetto, spero che tu lo
        dici per darti una falsa consolazione, ma menti
        anche a te
        stesso.Ma che ti inventi?Si stava meglio quando si stava peggio... non ci sono più le mezze stagioni... altri luoghi comuni?Ah... e l'esercito non c'è più in Iraq.
      • paradox scrive:
        Re: 73 milioni per la siae
        Aho! Hai dimenticato che questa legge l'ha fatta il tuo amico Urbani? Consolati, questi non sono da meno.
  • fr3d scrive:
    l'iva persa sui vergini
    Il ragionamento e' che se compriamo vergini nelle altre nazioni Eu l'Iva va persa poiche' incassata dal negozio che vi ha venduto i supporti e va al loro stato di appartenenza (es, l'iva del 20% incassata da Nierle e dal loro concorrente e incassata dal Lussemburgo, tuttavia essendo da loro del 15% a chi va quella differenza del 5% che aggiungono al conto finale?).Riprendere la commercializzazione dei vergini in italia significherebbe riportare l'iva nelle casse italiane, la proposta quindi prevedeva di rimuovere l'equo compenso e di versare questa iva rientrata alla Siae in sostituzione.Non mi pronuncio sulla cifra non sapendo come e' calcolata, forse e' una statistica sulle entrate attuali?
  • miaobau scrive:
    la SIAE biglietto da visita dell'italia
    Giusto per non smentirci, per mostrare all'europa che cosa è l'italiasocietà senza morale nè senso come la SIAE continuano a vivere indisturbateAnche gli autori non la vogliono più ma la SIAE a mo di tassa immotivata italiana continua a rastrellare soldi senza motivoPiù che tutelare l'opera di ingegno la ha sempre perseguitata, limitando le libertà e restando da sempre nemica del consumatore e trattandolo come un limone da spremere invece che un cliente da conquistare
  • Nilok scrive:
    Destra o Sinistra?
    Ave.Questa è una lampante dimostrazione di quanto le parole "destra e sinistra o persino centro" non abbiano più ALCUN significato nalla realtà degli avvenimenti quotidiani.Un rappresentante di una corrente politica, di pensiero e quindi filosofica che "dovrebbe" tendere verso "l'evoluzione delle masse" vorrebbe presentare una proposta che sovvenziona, con i soldi delle masse, i profitti di alcuni multimilionari !!!Ecco perchè la "democrazia" è morta da lungo tempo.Si eleggono dei "rappresentanti" che in realtà hanno poi questa "spinte creative" delle quali NULLA ci hanno detto prima di chiedere il nostro voto.Dobbiamo ricordarcene alle prossime elezioni; ricordiamoci i nomi e cognomi di coloro che fanno proposte sulle quali non saimo d'accordo, ed anche di quelli che fanno proposte sulle quali siamo d'accordo.Il sistema elettorale dovrebbe prevedere il deposito preventivo delle leggi (già discusse, dettagliate e non modificabili) che si vorrebbero promulgare quando si fosse votati e quindi eletti.Come molti hanno visto con i loro occhi, in Parlamento nessuno realmente ascolta. Chi parla lo fa per le TV o per i propri alleati. Nessuna concreta argomentazione viene pronunciata al fine di rendere razionale e consapevole la legiferazione.73 milioni di euro alla SIAE SOLO per l'equo compenso sui supporti magnetici?Andate sul sito della SIAE e consultate il loro bilancio e vedrete QUANTI soldi si intascano....Glie li vogliamo dare per legge?Perdonatemi ma non sono tanto d'accordo.A presto.Nilokhttp://informati.blog.tiscali.it/http://it.youtube.com/Nilok1959
  • marco villa scrive:
    emendamento bocciato ieri in Commissione
    potevate verificare prima si scrivere, l'improbabbile emendamento è stato dichiarato inammissibile dalla Commissione Bilancio della Camera...Continuare a presentare testi improbabili non aiuta a rivedere la legge sul diritto d'autore. Dilettanti allo sbaraglio
    • test scrive:
      Re: emendamento bocciato ieri in Commissione
      e aggiungo Per fortuna l'hanno bocciato!
    • lele2 scrive:
      Re: emendamento bocciato ieri in Commissione
      e' stata bocciata, finalmente una buona notizia..adesso bisognerebbe bocciare il politico che ha fatto la proposta..che dia i suoi soldi alla SIAE e non i nostri
  • Guido La Vespa scrive:
    La SIAE non si tocca
    Il succo della storia è questo.E' evidente che fanno parte della casta...
  • the_speck scrive:
    Cioe' cambia solo il modo di pagare...
    In pratica: oggi compro un CD e ci pago l'equo (s)compenso; domani compro un CD e non lo pago piu', ma in compenso mi avranno aumentato un filino le tasse. Che, ovviamente, paghera' anche mia nonna 92enne che non sa manco cosa sia un CD. -- Ciao,Speck
    • test scrive:
      Re: Cioe' cambia solo il modo di pagare...
      lo temo anche io, nessuno comprerà comunque i supporti nei negozi italiani e dato che i 72 milioni di euro sono stati ormai promessi, verranno a bussare alla porta di tutti gli italiani, di tutti. O meglio, invece di bussare, la porta la scassineranno e si prenderanno forzatamente quello che vogliono. Evviva le tasse, come disse TPS!Ridicoli!
      • Number 6 scrive:
        Re: Cioe' cambia solo il modo di pagare...
        - Scritto da: test
        Evviva le
        tasse, come disse
        TPS!Stai misquotando. Il bieco Padoa-Schioppa ha detto che "le tasse sono bellissime".Questo perchè il bieco Padoa-Schioppa, protervo zoofilo, coltiva concupiscenti brame nei confronti delle ignare femmine di mustelide.
        • otacu scrive:
          Re: Cioe' cambia solo il modo di pagare...

          Stai misquotando. Il bieco Padoa-Schioppa ha
          detto che "le tasse sono
          bellissime".
          Le tasse SONO una bella cosa. Il problema è come le si utilizza. E questo di certo non le rende più belle.
          • Number 6 scrive:
            Re: Cioe' cambia solo il modo di pagare...
            - Scritto da: otacu

            Stai misquotando. Il bieco Padoa-Schioppa ha

            detto che "le tasse sono

            bellissime".


            Le tasse SONO una bella cosa. Il problema è come
            le si utilizza. E questo di certo non le rende
            più
            belle.Per favore, non farmi pesnare all'uso che il bieco Padoa-Schioppa, protervo zoofilo, fa delle femmine di mustelide.
          • Marco scrive:
            Re: Cioe' cambia solo il modo di pagare...
            - Scritto da: otacu

            Stai misquotando. Il bieco Padoa-Schioppa ha

            detto che "le tasse sono

            bellissime".


            Le tasse SONO una bella cosa. Il problema è come
            le si utilizza. E questo di certo non le rende
            più
            belle.Le tasse sono un esproprio forzato, almeno venissero utilizzate decentemente... ma se 3/4 se ne vanno per ripianare debito e pagare gli scarafaggi in parlamento e contorni, come si fanno a far tornare i conti? E' proprio l'utilizzo che mi spaventa!
    • darksky scrive:
      Re: Cioe' cambia solo il modo di pagare...
      lasciamo l'equo compenso e compriamo all'estero cosi la siae non becca un euro e noi paghiamo meno. Gia in processo gli imprenditori esteri che vendono in italia o che han i magazzini all'estero han vinto la causa enon devono pagare la siae perchè il bollino è illegale perchè non presentato come legge alla EU.
    • fr3d scrive:
      Re: Cioe' cambia solo il modo di pagare...
      il ragionamento e' questo:l'equo compenso ha schiaggiato l'industria dei vergini in italia e gli introiti ovviamente non sono altissimi (pagano solo le aziende in regola).Allora eliminiamo l'equo compenso e rimborsiamo la Siae con soldi presi dall'iva; il riprendersi dell'industria dei supporti italiano dovrebbe risultare in quell'aumento del pil e delle tasse per l'iva incassata (che comprando vergini all'estero viene persa) che permette di ripagare questi soldi versati alla Siae senza dover caricare tasse sui nuovi contribuenti.il ragionamento e' anche corretto ma credo sia molto difficile calcolare le cifre attuali e impossibile prevedere quelle future per cui il valore del rimborso stabilito andrebbe ricalcolato con il passare del tempo.cmq: l'equo compenso e' comodo dal punto di vista legale poiche' se scaricate materiale da internet nel momento in cui masterizzate su vergini che lo hanno pagato automaticamente avete assolto al rimborso; non tutti saranno daccordo ma e' una tesi facilmente sostenibile davanti un giudice sopratutto tenendo conto che si pagano tasse anche sulle memorie di massa e altro, tutto fa brodo.
      • otacu scrive:
        Re: Cioe' cambia solo il modo di pagare...
        Il ragionamento però è viziato alla partenza dal fatto che l' EQUO COMPENSO non deve esistere, come non esiste in altri paesi.Cioè proporre adesso "riduciamo i prezzi e quindi più IVA" è in teoria giusto ma una caz**** colossale... grazie... è quello che c'era PRIMA dell'introduzione dell'equo compenso.Prima tuttavia la SIAE non si mangiava una parte dell'IVA.In pratica ora i profitti da equo compenso vengono trasformati in una regalia forfettaria difficilmente quantificabile che andrà sempre e comunque alla SIAE. In base a quale principio ... boh... lo stesso (debolissimo) dell'equo compenso. In pratica invece di far pagare di più ai consumatori di informatico si fa pagari lo STATO: cioè tutti noi... perchè sembra che qui si regalino soldi. Quelli sono comunque soldi nostri che la Siae si intasca ingiustamente. Altrochè soluzione di compromesso. Prima si fa una porcata e poi si chiede compromesso? Cioè se voglio 100 chiedo 200 così poi facciamo compromesso a 100 e faccio anche bella figura? Abolire l'Equo compenso e basta!
        • fr3d scrive:
          Re: Cioe' cambia solo il modo di pagare...
          Purtroppo no, e' una direttiva europea;Semmai ne e' discutibile l'entita', in fondo anche chi compra vergini fuori dall'Italia paga l'equeo compenso nel paese dove sta comprando ed e' evidente la grossa differenza.Mi domandavo infatti a quanto ammontano le entrate devute all'equo compenso italiano, alcuni dati di bilancio sono pubblici o sbaglio? se si e' riportata quella voce?In ogni caso vista la debacle italiana dell'industria di settore non credo che raccolgano la cifra che speravano.
          • otacu scrive:
            Re: Cioe' cambia solo il modo di pagare...
            Scusa ma se c'è anche in Europa com'è che conviene acquistare all'estero? Tipo che sono stato in Germania e son tornato con pacchi di roba.
          • fr3d scrive:
            Re: Cioe' cambia solo il modo di pagare...
            Risposta ritardata, non ero nei dintorni recentemente;La direttiva europea impone l'appplicazione dell'equo compenso a tutti i paesi europei, ma lascia ai singoli paesi di stabilirne l'entita' e quello e' stato un grosso errore.
  • Sphaso scrive:
    Supporti fisici
    I supporti fisici sono superati.
    • AlienmaN scrive:
      Re: Supporti fisici
      Avanti con i supporti eterei! :P
      • interceptor scrive:
        Re: Supporti fisici
        - Scritto da: AlienmaN
        Avanti con i supporti eterei! :PSTANDING OVATION!CON INCHINO FINALE!!Veramente:ti candido per il premio"Miglior battuta del 2007"
        • webwizard scrive:
          Re: Supporti fisici
          - Scritto da: interceptor
          - Scritto da: AlienmaN

          Avanti con i supporti eterei! :P

          STANDING OVATION!
          CON INCHINO FINALE!!

          Veramente:
          ti candido per il premio
          "Miglior battuta del 2007"Ragazzi, la dose massima di cannabis resta a 500 mg... ;)(rotfl)
        • rock3r scrive:
          Re: Supporti fisici
          lo voto anche io! lol (rotfl)(rotfl)(rotfl)
  • aghost scrive:
    Ma perché?
    Io continuo a non capire perché la Siae deve avere 73 milioni di euro, peggio ancora se li deve avere dello Stato. E quei 73 milioni di euro a chi vanno esattamente, e a che servono? Anzi a che serve la Siae?http://www.aghost.wordpress.com/
  • Franco scrive:
    Giuda!
    Per quanti danari hai venduto i tuoi elettori?Avete capito la "furbata"?Siccome c'era da accontentare sia la lobby dei produttori di supporti che quella della SIAE, il giuda in questione ha avuto questa bella idea per far guadagnare gli uni e gli altri.Indovinate chi rimane fregato?Le 3 "I" del governo:"I"nciuciata,"I"n**lata per la gente, e conseguente"I"n**zzatura della stessa.
  • Europeo scrive:
    Aiuti di Stato a privati
    L'UE ci sguazzerà in questa cosa, soprattutto considerando che i privati in questione sono già straricchi e tutt'altro che in difficoltà...
    • Franco scrive:
      Re: Aiuti di Stato a privati
      Non gliene fregherà niente a nessuno (di quelli seduti in Parlamento).La UE ci multa perchè lo Stato da aiuti alla SIAE?Bene, vorrà dire che pagheremo la SIAE e la multa dell'UE. :(
  • Comet scrive:
    Scusate ma non ho capito...
    Cioè, il balzello viene eliminato (cosa buona) ma poi dobbiamo corrispondere alla SIAE l'equivalente di quello che incassava?Ma questa una tantum o tutti gli anni?Perchè se è una volta sola amen, vorrà dire che saranno gli ultimi soldi spillati... ma tutti gli anni SCHERZIAMO, cioè per dare ossigeno alle aziende dei supporti dobbiamo pagare noi per l'equo compenso? Diventa ancora peggio, anzichè una tassa sul prodotto diviene una tassa vera e propria?
    • webwizard scrive:
      Re: Scusate ma non ho capito...
      - Scritto da: Comet
      Cioè, il balzello viene eliminato (cosa buona) ma
      poi dobbiamo corrispondere alla SIAE
      l'equivalente di quello che
      incassava?

      Ma questa una tantum o tutti gli anni?

      Perchè se è una volta sola amen, vorrà dire che
      saranno gli ultimi soldi spillati... ma tutti gli
      anni SCHERZIAMO, cioè per dare ossigeno alle
      aziende dei supporti dobbiamo pagare noi per
      l'equo compenso? Diventa ancora peggio, anzichè
      una tassa sul prodotto diviene una tassa vera e
      propria?Vuole solo dire che una parte dell'IVA (che pagheresti comunque) viene girata alla SIAE. La differenza è che, senza il superbollo, si venderebbero più supporti in Italia, quindi l'aumento delle entrate IVA compenserebbe l'abolizione del superbollo. Ma pare che, comunque, sia stato stralciato tutto quanto.
  • Marco scrive:
    seria?
    Se paga lo stato non cambia niente, il balzello esiste sempre ed è garantito per decreto!!! Inoltre la questione viene definitivamente sotterrata perchè diventa improvvisamente invisibile al consumatore! Altro che serio.
    • MorCeleb scrive:
      Re: seria?
      sono assolutamente d'accordo!
      • Services Pack scrive:
        Re: seria?
        Si oltretutto gia' me lo vedo, levano l'equo compenso, e dopo 1 mese i prezzi dei dvd ritornano gli stessi, cosi' paghiamo 2 compensi uno ai commercianti con i prezzi aumentati, e uno alla SIAE con le tasse
        • webwizard scrive:
          Re: seria?
          - Scritto da: Services Pack
          Si oltretutto gia' me lo vedo, levano l'equo
          compenso, e dopo 1 mese i prezzi dei dvd
          ritornano gli stessi, cosi' paghiamo 2 compensi
          uno ai commercianti con i prezzi aumentati, e uno
          alla SIAE con le tasse.Se i prezzi tornano quelli di adesso, i supporti si tornano a comprare in Germania o in Francia, come succede oggi. Il bello del Mercato Comune...
  • Giovanni Guiso scrive:
    una proposta
    E' una proposta interessante e seria,ecco perché non verrà presa in considerazione.
Chiudi i commenti