FSFE ora è osservatore della WIPO

L'organizzazione del Free Software porterà il proprio contributo ai lavori dell'Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale. Per cambiarla


Roma – FSFE , Free Software Foundation Europe, ha annunciato che la WIPO , ossia l’Organizzazione mondiale della proprietà intellettuale, ha confermato per FSFE lo status di osservatore, assegnatole dall’Assemblea degli stati membri del WIPO.

FSFE, che aveva richiesto il nuovo status fin dal 2003, “lavorerà – si legge in una nota – per trasformare la WIPO da un’organizzazione orientata unicamente alla monopolizzazione della conoscenza, in una dedicata all’aumento della ricchezza intellettuale dell’intera umanità, attraverso l’uso di strumenti giuridici più flessibili, sostenibili ed efficaci “. Un “programma” in questo senso è disponibile qui .

La partecipazione della FSFE alla vita del WIPO viene vista naturalmente come significativa su vari fronti sui quali l’organizzazione del free software è attiva da lungo tempo, ad esempio quello sui brevetti. Georg Greve, presidente di FSFE, ha spiegato che “ogni volta che la società civile ha tentato di discutere di brevetti, diritto d’autore e marchi durante il Vertice Mondiale ONU sulla Società dell’Informazione, ci è stato detto che il posto per queste discussioni è la WIPO. Se la WIPO è il posto giusto, allora dobbiamo partecipare alla WIPO per preservare la libertà nell’era digitale”.

Come noto, la World Intellectual Property Organization è una delle 16 agenzie specializzate delle Nazioni Unite, che si occupa principalmente delle politiche globali che istituiscono monopoli sulla conoscenza e su altri “beni immateriali”. Queste politiche si riflettono poi nella legislazione nazionale, influenzando il modo in cui le persone vivono in una società basata sull’informazione.

Di interesse segnalare che di questi temi si occupa da diverso tempo in Italia la Comissione eContent voluta dal dipartimento all’Innovazione, commissione che però ha escluso FSFE dalle audizioni.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • avvelenato scrive:
    Re: globalizzare anche i diritti
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    solo con pari condizioni dei lavoratori
    si

    ottiene una competizione tra pari.

    Cosi' abbiamo solo competizione tra
    esseri

    umani e schiavi.




    il tuo suggerimento verrà presto
    accolto:

    tra un po' le condizioni dei lavoratori
    saranno effettivamente pari.

    schiavi e schiavi.sto morendo dal ridere :Dma la cosa davvero divertente è che HAI RAGIONE DA VENDERE!! :D :D :| :|
  • avvelenato scrive:
    Re: HASTA LA VICTORIA SIEMPRE !!!
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo


    Non voglio difendere il comunismo
    sovietico,

    però, assolutamente... voglio
    solo

    dire che il governo "democratico" di
    adesso

    è peggiore del precedente.


    ma democratico dove????????tra le virgolette ;)
  • ldsandon scrive:
    Re: il petrolio c'è eccome!
    Con gente come te l'Umanità non ha sicuramente un Futuro.
  • Anonimo scrive:
    Re: Prima o poi arriveranno qui
    Io conosco abbastanza bene sia Cina che India, il concetto che forse non hai capito è che la qualità su certi prodotti che magari in Cina oggi non hanno, ma che avranno, è già coperta dall'india.Poi guarda che ho citato come esempio una porta blindata non una sofisticata apparecchiatura antiintrusionebiometrica....
  • Anonimo scrive:
    Embargo si, embargo no...
    il brutto problema non è tanto come la Cina si sviluppi, ma che si sviluppi: se dovesse raggiungere un livello di consumi procapite pari al nostro dovremmo trovare spazio su Marte. Stati Uniti ed Europa insieme non fanno la massa di popolazione cinese, e in più c'è l'India che bussa alle porte.E' indubbio che se dovessimo trovarci "alla pari" come ricchezza e tecnologia sarebbe obbligatorio ridurre il tenore di vita medio di un bel po', perchè dividere una torta tra 0,7 miliardi di persone (360 milioni Europa + 270 milioni USA) non è lo stesso che dividerla tra 2 miliardi (1,3 miliardi di cinesi)... per la precisione la 0,0000000015 esima parte della torta(utopisticamente media) procapite diventerebbe la 0,0000000005 esima parte (sempre utopisticamente media) pro capite, ovvero mediamente (MOLTO mediamente) rappresenterebbe una riduzione del nostro benessere di 3 volte (1000? al mese sarebbero 333? a pari costo della vita). Ovvio che il calcolo è approssimativo, ma se aggiungessimo pure l'India nel computo confermeremmo cifre ancora più basse... Siamo proprio fessi... deridevamo Berlusconi quando gridava al pericolo "Comunista" pensando che stesse parlando del terribile centrosinistra, in realtà ci ha visto bene, e per risolvere il problema ha pensato di prepararsi a questo gioco delle potenze in base 10, decuplicando il suo patrimonio e quello del restante 0,7% d'Italia... sarà una sorta di Noè dei ricchi, e dalla sua barca il restante 98% dell'Italia resterà fuori. L'unica soluzione al consecutivo prosciugamento energetico sarà una povertà media diffusa (i famosi 333? al mese al posto dei 1000?), altrimenti non si potrà durare a lungo con 2 miliardi di persone munite procapite di 1 auto, 2 cellulari, 1 climatizzatore...
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *

    Poi è meglio non fare i "cattivi", se
    per caso finiamo nella lista nera cinese va
    a finire che a fare la fame siamo noi
    italiani o europei... Un commentatore ha
    affermato che secondo studi USA la Cina
    avrà il PIL americano nel 2017, tra
    una decina d'anni, meglio essere accomodanti
    come sappiamo fare bene noi europei.questo è quello che temevo di sentire.ho vissuto la mia vita in questo mondo così com'era, sono stato in italia adolescente negli anni 90.ringrazio tutti e quando sarà il momento , io non sarò più
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: Anonimo
    Embarghi? No, non funzionano, anzi, riducono
    la popolazione in miseria, basti vedere in
    Iraq... prima era anche piuttosto ricco
    (come una Repubblica Ceca di oggi) ma con
    gli embarghi si sono ridotti alla miseria
    più nera...cosa?l'embargo della Cina la renderebbe povera?ma hai visto quanto grande è?hanno tutto quel che serve, dalla prima all'ultima materia prima.ma restando al loro interno dovrebbero prima progredire e divenire come il resto del mondo civilizzato - a livello di diritti umani - e poi potremmo dialogare.io credo che ne perderemmo più noi, paradossalmente.hanno moltoche ci serve, dovremmo ingegnarci alla grande per fare a meno dei loro materiali.
    No, non sono gli embarghi la soluzione.
    Bisognerebbe avviare delle sanzioni, tipo
    un'elevata tassazione sui paesi in via di
    sviluppo (come ho già detto
    precedentemente) che ridurrebbe
    l'esportazione cinese, e quindi costringendo
    il governo cinese a trattare meglio i propri
    dipendenti per vedere tolte le tassazioni, e
    incrementati i propri profitti. questo però vorrebbe dire mettere seriamente piede nel governo di un enorme stato sovrano.controllori, costantemente, giornalisti, osservatori.tutti liberi di dire, ascoltare, riportare.e in primo luogo cinesi, non scelti dal governo, magari di classe colta, magari di quelli ficcati in prigione fino a ieri.
    Se ci fosse
    un blocco totale con il commercio cinese, ci
    sarebbe semplicemente una riduzione in
    miseria della popolazione... con delle
    pesanti sanzioni invece ci sarebbe la
    possibilità di ammortizzare il colpo.il resto del mondo può vivere senza la cina tanto come la cina può vivere senza il resto del mondobasta volerlo, basta anche essere costretti ... ma soprattutto è necessarioc he siamo guidati dalla benevolenza verso i nostri popoli e non verso il guadagno di pochi oligarchi
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *


    E' difficile tirarsi fuori, occorre non
    vivere in Italia ma in un paese del terzo
    mondo e anche in questo caso non avremo
    fatto nulla di concreto per cambiare
    l'andazzo.ah no, io sono qui, non mi tiro fuori.dico che io non ho deciso e che ogni volta che il mio pensiero e la mia opinione hanno DAVVERO la possibilità di divenire realtà, non sono mai cose distruttive o lesive della libertà altrui o del vivere comune, della dignità di un popolo ecc ecc ecc a venire realizzate. io sono qui e cerco di fare del mio meglio. vedo ad esempio che invece chi muove montagne di soldi non si vergogna minimamente di fare cazzate e poi invece di dare in mano decisioni a gente con meno potere ma più sale in zucca , VENDONO oppure fan fare tutto all'estero, dove le loro decisioni SBAGLIATE costano meno ...


    Chi ha messo su tutta la


    baracca siamo noi e gli americani,
    che

    fai


    sbaracchi il sistema??



    e alla svelta.

    magari lasciando li a marcire chi l'ha
    messo

    su.

    :) Le rivoluzioni fanno sempre tanta
    sofferenza.ma che sofferenza?se a costoro piace tanto la cina , che hanno da perdere? dev'essere un paradiso, magari un paradiso comunista, come amano sempre dire no?forse si accorgeranno che 1) non è COMUNISTA ma totalitarista 2) non è affatto un paradiso e quel che dovevano fare politicamente con il potere dell'economia era migliorare le condizioni di libertà del popolo per favorire la crescita ed il benessere dall'interno, a partire ad esempio dall'accesso all'informazione e alla cultura
    :) mah chissà se si deciderà
    di cambiare qualche cosa, forse la decisione
    verrà quando non si avrà
    più la forza economica per influire e
    gli altri non avranno la convenienza.la rivoltella me la devo comprare prima.perchè se guardo giù dal ponte mi vengono le vertigini ... e poi capita che la gente rimanga viva dopo che si è buttata ... mai dovrei rimanere vivo in un nuovo regime totalitario
    Scusa se toglio vari pezzi della tua lunga
    risposta di cui ti ringrazio.non ti preoccupare, anzi! :) (ecquo e solidale mal promosso e mal dimostrato)
    Interessante, (e qui siamo proprio OT) si
    sono rovesciate le parti e cioè i
    paesi produttori guadagnano il giusto mentre
    noi no.è la visione sbagliata.tu li vedi guadagnare il giusto mentre invece i stratta di pura ELEMOSINA VOLONTARIA ... se il sistema funzionasse, io potrei cambiare commesso quando voglio, assumerlo, licenziarlo, dargli le ferie ecc ecc.invece così se non ho un volontario che guadagna già soldi, il produttore morirà di fame perchè io non avrò nessuno che lavora gratis qui.quindi quel sistema non funziona.
    Da ignorante direi che un
    "altromercato", un negozio, un negoziante da
    secondo mondo comporterebbe un prezzo onesto
    dove un po' tutti lavorano e non lo fanno
    gratis.non ho capito :-) (...)
    lo leggo, lo leggo ma se parla del peak-oil
    allora apri una porta aperta da molti mesi,
    ho scritto tre testi sull'argomento e ti so
    dire un sacco di info, vado a leggerlo. TY.posta pure, male non fa!! :-)parlacene :)vai pure in OT, ma dicci.casomai se hai un posto dove scrivi, dacci i link (...)
    Si, una persona coscienziosa sicuramente
    ragionerebbe così, ma qua in
    occidente siamo tutti (escluso te) predoni,
    siamo tutti yankee che conquistano le terre
    e i bisonti dei nativi d'america.prrrrrrrr!!! :-Pio uso tutto questo, come te, perchè non ho alternative.ma l'esclusione delle alternative non è in mano mia.il brevetto delle auto che vanno ad acqua (e sai che c'è) non è in mano mia né tua. Non è in mano alla popolazione ma a qualcun altro.
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    (cut me)
    La nostra rete elettrica si regge sul
    petrolio che non abbiamo, se si reggesse
    sull'uranio beh non abbiamo nemmeno quello e
    non abbiamo nemmeno tempo per inventarci
    qualcosa di diverso.innanzitutto abbiamo il tempo di risparmiare tantissimo e di non creare nuove centrali che si basino su qualcosa di sbagliatovedihttp://www.report.rai.it/2liv.asp?c=n&q=36sul "qualcosa di diverso" direi che ci siamo, come c'è la famosa auto che va ad acqua ma sta bloccata al salone dell'automobile di non so dove (e questo lo sappiamo tutti almeno dal 1995) così ci sono altre invenzioni che evidentemente non sono ben accette da chi il mercato del petrolio conosce e sfrutta ...http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=71
    E' tardi per darsi all'autarchia, torneremmo
    al medioevo.innanzitutto sarebbe un nuovo-medio evo che avrebbe come base l'aver già vissuto il medioevo.conoscenza, scienza, tecnica e ogni sorta di cultura non ci mancano, basterebbe essere "obbligati ad usarle" per salvare noi stessi ... e allora i guru diventerebbero di nuovo i saggi, i sapienti e non i politici che non vogliono lavorare per il popolo(...)

    tutta roba che io non ho deciso.

    Vero, ma noi come popolo italiano ne abbiamo
    tratto molti vantaggi. Forse tu no, ma
    dubito che basterà per non pagarne le
    conseguenze.io ho sicuramente goduto di tutto o molto, ma non ho deciso nulla di tutto questo e ogni volta che me ne si da la possibilità io sono per il cambiamento e sono anche molto sospettoso sui motivi che portano verso cambiamenti che io non approvo.per citare proprio le centrali elettriche... la stagione dei blackout per me è stata MOLTO sospetta, soprattutto dopo QUESTO ( http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=200 e http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=139 ) servizio.un po' come altri atti macroscopici risalenti al 2001... che danno modo di avere la scusa pronta per fottere il prossimo, una _ottima_ scusa.io lo so che in fondo la pensiamo alla stessa maniera e anche io mi cospargo il capo di cenere ... ma non voglio morire con il comunismo "brutto" ... voglio che la storia del mio paese scorra nelle nostre vene per MIGLIORARE, non per diventare schiavi
  • Anonimo scrive:
    Re: E i nostri bravi governanti?
    - Scritto da: Anonimo
    A proposito di diritti... quando il nostro
    giovane premier, valoroso baluardo contro i
    pericolosissimi comunisti,Giovane?
  • Anonimo scrive:
    Re: il petrolio c'è eccome!

    lasciar perdere la falsa
    storia della turchia. In che senso la falsa storia della Turchia? Intendo, cosa c'e' di falso?
  • Anonimo scrive:
    Re: Bene, facciamo lo stesso anche noi..
    - Scritto da: Anonimo
    Visto che loro possono permettersi di
    "filtrare" software e prodotti provenienti
    dall'occidente io propongo di fare
    altrettanto.
    Ossia, permettere solo a ditte
    europee/americane di vendere i loro prodotti
    in Italia.
    In questo modo ditte che vanno a produrre
    beni in Cina non potranno poi rivenderle qui
    e si limiterà fortemente in questo
    modo la fuga delle aziende verso quelle aree
    per rimanere in Italia e quindi creare
    ricchezza in Italia.

    Bye,
    LucaCaro Luca,comincia col spegnere il tuo piccì, che cmq è prodotto in Cina.Poi getta il telefonino, la radio, la tv, i vestiti che indossi ecc. ecc.Troppo tardi, turati il naso e sbattitene di quello che succede in Cina....
  • Anonimo scrive:
    Re: il petrolio c'è eccome!
    - Scritto da: Sandro kensan

    - Scritto da: ldsandon


    Anche perché i mezzi di
    informazione

    italiani si accorgono dell'Est solo per
    le

    partite di calcio, per le modelle, per
    gli

    attentati e se arrivano sull'orlo della

    rivoluzione.

    Da parte mia evito molte notizie russe, per
    esempio quella del controllo politico della
    magistratura russa che già era
    notevole ora è completo. In Russia
    c'è pochissima speranza di democrazia
    di qualsiasi tipo anche di tipo non
    convenzionale (occidentale). Mi attendo solo
    una bruttissima notizia da un giorno
    all'altro.


    In più ex-KGB Putin

    è amico "intimo" di Berlusconi e

    quindi guai a parlarne male, anche
    quando fa

    il bello e il cattivo tempo con gli

    oligarchi milionari che ha creato in un

    paese di poveri - come c@##o si fa a

    lasciare uno buttar via milioni per una

    squadra di calcio inglese (e non solo)

    quando c'è gente nel paese che
    tira a

    malapena a campare? Va bene godersi la

    ricchezza, ma c'è un limite...



    In realtà dopo il crollo
    dell'URSS in

    Russia molti hanno rimpianto l'Impero e
    non

    riescono ad accettare il declino da

    superpotenza mondiale. Per motivi
    storici,

    l'orgoglio e il nazionalismo Russi

    impediscono un rapido avvicinamento

    all'Europa, sentimento sfruttato
    abilmente

    da chi tale avvicinamento avrebbe solo
    da

    rimetterci - Putin per primo.



    Per questo motivo devono frenare

    l'avvincinamento delle repubbliche

    ex-sovietiche alla UE, per evitare di

    trovarsi alla fine "emarginati", e lo
    fanno

    appoggiando gli elementi più

    filorussi e spesso molto poco
    democratici,

    se non addirittura nostalgici del
    comunismo

    sovietico - ma questo per Putin non
    è

    certo un problema, il lupo perde il pelo

    (rosso) ma non il vizio. bla bla bla.Quello che non avete ancora capito è che questo è il modello vincente.E' per questo che si sta imponendo sempre più.Cosa pensavate, che il futuro dell'umanità l'avrebbero davvero fatta quell'accozzaglia di culattoni e saltimbanchi dell'Unione Europea?Oppure quattro pezzenti in Africa e America Latina?O quel branco di cammellieri che guidano il Mondo Islamico?Ma per favore.....
  • Anonimo scrive:
    Re: globalizzare anche i diritti





    il tuo suggerimento verrà presto
    accolto:

    tra un po' le condizioni dei lavoratori
    saranno effettivamente pari.

    schiavi e schiavi. Quoto e condivido.E non per sentito dire, ma per esperienza diretta.Solo che il peggio deve ancora venire......
  • Anonimo scrive:
    Re: Il mio punto di vista
    - Scritto da: Anonimo

    meno vistro che potranno permetterselo.Se lo possono gia' permettere.
    certo, come no.
    la roba che hai visto esportare viene
    comprata da pochi ricchi.
    loro sono MILIARDII "pochi ricchi" in cina sono 130 milioni, che equivale a solo il 10% della popolazione cinese, ma che vuol dire anche due volte la popolazione italiana.Quindi
    "la roba che hai visto esportare" viene comprata da milioni di ricchi e benestanti.
  • Sandro kensan scrive:
    Re: il petrolio c'è eccome!
    - Scritto da: ldsandon
    Anche perché i mezzi di informazione
    italiani si accorgono dell'Est solo per le
    partite di calcio, per le modelle, per gli
    attentati e se arrivano sull'orlo della
    rivoluzione.Da parte mia evito molte notizie russe, per esempio quella del controllo politico della magistratura russa che già era notevole ora è completo. In Russia c'è pochissima speranza di democrazia di qualsiasi tipo anche di tipo non convenzionale (occidentale). Mi attendo solo una bruttissima notizia da un giorno all'altro.
    In più ex-KGB Putin
    è amico "intimo" di Berlusconi e
    quindi guai a parlarne male, anche quando fa
    il bello e il cattivo tempo con gli
    oligarchi milionari che ha creato in un
    paese di poveri - come c@##o si fa a
    lasciare uno buttar via milioni per una
    squadra di calcio inglese (e non solo)
    quando c'è gente nel paese che tira a
    malapena a campare? Va bene godersi la
    ricchezza, ma c'è un limite...

    In realtà dopo il crollo dell'URSS in
    Russia molti hanno rimpianto l'Impero e non
    riescono ad accettare il declino da
    superpotenza mondiale. Per motivi storici,
    l'orgoglio e il nazionalismo Russi
    impediscono un rapido avvicinamento
    all'Europa, sentimento sfruttato abilmente
    da chi tale avvicinamento avrebbe solo da
    rimetterci - Putin per primo.

    Per questo motivo devono frenare
    l'avvincinamento delle repubbliche
    ex-sovietiche alla UE, per evitare di
    trovarsi alla fine "emarginati", e lo fanno
    appoggiando gli elementi più
    filorussi e spesso molto poco democratici,
    se non addirittura nostalgici del comunismo
    sovietico - ma questo per Putin non è
    certo un problema, il lupo perde il pelo
    (rosso) ma non il vizio.
  • Sandro kensan scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: Anonimo
    Embarghi? No, non funzionano, anzi, riducono
    la popolazione in miseria, basti vedere in
    Iraq... prima era anche piuttosto ricco
    (come una Repubblica Ceca di oggi) ma con
    gli embarghi si sono ridotti alla miseria
    più nera...
    No, non sono gli embarghi la soluzione.
    Bisognerebbe avviare delle sanzioni, tipo
    un'elevata tassazione sui paesi in via di
    sviluppo (come ho già detto
    precedentemente) che ridurrebbe
    l'esportazione cinese, e quindi costringendo
    il governo cinese a trattare meglio i propri
    dipendenti per vedere tolte le tassazioni, e
    incrementati i propri profitti. Se ci fosse
    un blocco totale con il commercio cinese, ci
    sarebbe semplicemente una riduzione in
    miseria della popolazione... con delle
    pesanti sanzioni invece ci sarebbe la
    possibilità di ammortizzare il colpo.Secondo me è la via sbagliata, le tre nazioni asiatiche Cina, Giappone e Corea del Sud fanno un PIL strepitoso, forse uguale a quello USA, non so. Hanno un mercato di 1/4 dell'umanità, non si può essere seri pensando di mettere nell'angolo una realtà di questa misura, semmai sono loro che mettono in un angolo i 0.3 miliardi di persone americane oppure i 0.3 miliardi di persone dell'EU che hanno soldi.Poi è meglio non fare i "cattivi", se per caso finiamo nella lista nera cinese va a finire che a fare la fame siamo noi italiani o europei... Un commentatore ha affermato che secondo studi USA la Cina avrà il PIL americano nel 2017, tra una decina d'anni, meglio essere accomodanti come sappiamo fare bene noi europei.
  • Anonimo scrive:
    Bene, facciamo lo stesso anche noi...
    Visto che loro possono permettersi di "filtrare" software e prodotti provenienti dall'occidente io propongo di fare altrettanto.Ossia, permettere solo a ditte europee/americane di vendere i loro prodotti in Italia.In questo modo ditte che vanno a produrre beni in Cina non potranno poi rivenderle qui e si limiterà fortemente in questo modo la fuga delle aziende verso quelle aree per rimanere in Italia e quindi creare ricchezza in Italia.Bye, Luca
  • Sandro kensan scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: Anonimo



    Guarda che "questo sistema" ovvero
    quello

    adottato dai cinesi non l'anno mica

    inventato loro!

    sono d'accordo e la cosa mi schifa.Si può schifare ma voglio riportare "gerry":"Vero, ma noi come popolo italiano ne abbiamo tratto molti vantaggi. Forse tu no, ma dubito che basterà per non pagarne le conseguenze." e aggiungo che per i vantaggi che la cosa ci ha dato "abbiamo" (uso il plurale che non comprende tutti) votato i nostri politici, sostenuto chi dirigeva in vario modo e siamo collusi con questo sistema (inevitabilmente, non siamo marziani).E' difficile tirarsi fuori, occorre non vivere in Italia ma in un paese del terzo mondo e anche in questo caso non avremo fatto nulla di concreto per cambiare l'andazzo.

    Chi ha messo su tutta la

    baracca siamo noi e gli americani, che
    fai

    sbaracchi il sistema??

    e alla svelta.
    magari lasciando li a marcire chi l'ha messo
    su.:) Le rivoluzioni fanno sempre tanta sofferenza.
    ah meno male.
    :)

    siamo dalla stessa parte :)
    si ma ora è il caso di metterla su
    partendo dalla nostra:) mah chissà se si deciderà di cambiare qualche cosa, forse la decisione verrà quando non si avrà più la forza economica per influire e gli altri non avranno la convenienza.Scusa se toglio vari pezzi della tua lunga risposta di cui ti ringrazio.

    Per fare due nomi: cosa ne pensate del

    commercio equo e solidale? Avete visto i

    prezzi? sono di poco maggiori di quelli
    del

    supermarket: sarebbe una utopia avere
    solo

    prodotti equi e solidali?

    quando sono buoni io ci vado.
    ma ho visto promuovere il commercio equo e
    solidale con commessi che lavorano gratis.
    ho fatto l'obiettore e quindi lo so, pure io
    ho lavorato per quel motivo.
    questo è disnoesto, non è equo
    e solidale: tra l'altro non dimostra, ma
    anzi dimostra il contrario - che questo tipo
    di commercio funziona. NON funziona se la
    gente deve lavorare gratis in una parte di
    processo.Interessante, (e qui siamo proprio OT) si sono rovesciate le parti e cioè i paesi produttori guadagnano il giusto mentre noi no. Da ignorante direi che un "altromercato", un negozio, un negoziante da secondo mondo comporterebbe un prezzo onesto dove un po' tutti lavorano e non lo fanno gratis.

    Che senso ha fare

    andare tutto su gomma perché il

    petrolio costa poco? Credo nessun senso

    *
    www.report.rai.it/2liv.asp?s=71lo leggo, lo leggo ma se parla del peak-oil allora apri una porta aperta da molti mesi, ho scritto tre testi sull'argomento e ti so dire un sacco di info, vado a leggerlo. TY.
    prima di andare oltre, leggi questo* e poi
    diciamo: che senso ha usare ancora il
    petrolio?
    finirà!
    forse invece di bruciarlo dovremo usarlo per
    i prossimi secoli per produrre materiale
    plastico ... e non ne avremo più!!!Si, una persona coscienziosa sicuramente ragionerebbe così, ma qua in occidente siamo tutti (escluso te) predoni, siamo tutti yankee che conquistano le terre e i bisonti dei nativi d'america.Ciao:)
  • ldsandon scrive:
    Re: il petrolio c'è eccome!

    So pochissimo della Russia, sicuramente loAnche perché i mezzi di informazione italiani si accorgono dell'Est solo per le partite di calcio, per le modelle, per gli attentati e se arrivano sull'orlo della rivoluzione. In più ex-KGB Putin è amico "intimo" di Berlusconi e quindi guai a parlarne male, anche quando fa il bello e il cattivo tempo con gli oligarchi milionari che ha creato in un paese di poveri - come c@##o si fa a lasciare uno buttar via milioni per una squadra di calcio inglese (e non solo) quando c'è gente nel paese che tira a malapena a campare? Va bene godersi la ricchezza, ma c'è un limite...In realtà dopo il crollo dell'URSS in Russia molti hanno rimpianto l'Impero e non riescono ad accettare il declino da superpotenza mondiale. Per motivi storici, l'orgoglio e il nazionalismo Russi impediscono un rapido avvicinamento all'Europa, sentimento sfruttato abilmente da chi tale avvicinamento avrebbe solo da rimetterci - Putin per primo.Per questo motivo devono frenare l'avvincinamento delle repubbliche ex-sovietiche alla UE, per evitare di trovarsi alla fine "emarginati", e lo fanno appoggiando gli elementi più filorussi e spesso molto poco democratici, se non addirittura nostalgici del comunismo sovietico - ma questo per Putin non è certo un problema, il lupo perde il pelo (rosso) ma non il vizio.
  • Sandro kensan scrive:
    Re: Il mio punto di vista
    - Scritto da: allanon
    Punto 1 :
    ...Se le persone guadagnano
    più denaro cominciano ad avere voglia
    di spenderlo, visto che non ha senzo portare
    a casa 5000 euro al mese e lavorare 16 ore
    al giorno.Questo lo penso pure io.
    Anche da loro sono arrivati
    mac-donald e mondiale F1, vedrete che tra
    qualche anno un cinese lavorerà
    mediamente quanto noi occidentali, se non
    meno vistro che potranno permetterselo.Questo invece non lo penso o meglio non penso che il discorso che si fa di solito sia vero. Scusa se faccio dietrologia.A me hanno fatto credere per decenni che per arrivare ad avere una nazione sviluppato occorreva passare per la democrazia e mi hanno fatto capire che occorreva passare per il sistema e i "valori" occidentali, quelli nostri. Ho pure letto di eminenti studiosi che dibattevano su come portare democrazia (occidentale) & ricchezza in africa/sudamerica, ecc.In questi anni mi sono accorto di un tre cose, la Russia è fallita economicamente, gli studiosi di cui sopra dicevano cavolate e la Cina sta su una corsia parallela alla nostra ma non passerà per dove siamo noi.Quindi non speriamo che i cinesi marchino le nostre stesse orme, voglio dire macdonalds, F1, pubblicità del mulino chiaro, multinazionali, borsa, beatles, ecc, ecc.In pratica loro stanno seguendo una via *non* occidentale e non passeranno dove siamo passati noi e quindi avranno una cultura dominante e non subalterna come lo sono le culture che non si sono fatte da se.Tutto questo per dire che il loro miglioramento economico lo ascriveranno alla loro storia vecchia di 3000 anni e non alla cultura americana come facciamo noi.P.S. Ringrazio PI per ospitare così tanti post credo completamente OT ma che mi interessano parecchio :)
  • Anonimo scrive:
    Re: la cina imploderà
    - Scritto da: Anonimo
    come farà bene alla concorrenza
    quando qui in Italia faremo la fine
    dell'argentina. Ma che ti fumi la mattina.
    La concorrenza fa bene all'interno di un
    paese, non tra paesi dove devi cercare di
    essere il primo. La ricchezza oggi è
    divisa in modo non equilibrato e puoi fare
    la tua bella vita perchè l'Italia fa
    parte dei paesi che mangiano la fetta
    grande. Ma se dividi la torta con tutti le
    fette diminuiscono. Ti voglio vedere quando
    la disoccupazione toccherà livelli
    spaventosi e per mettersi al pari ti faranno
    lavorare per 100 euro al mese.Ecco cosa non capisco... perchè dobbiamo essere i primi?! Cosa abbiamo, o siamo, in più dell'estremo oriente, per permetterci di mangiare dalla fetta più grande?!Niente, proprio niente... molta gente, ho notato, pretende di stare nel benessere, ma tenete presente che la ricchezza va condivisa... il blocco occidentale ha avuto la meglio per una ragione o l'altra (semplicemente ha un'economia avviata molto prima) ma ciò non significa che saremo sempre noi a vincere su di loro... non è tramite la forza che dobbiamo andare avanti, ma con le nostre capacità di adeguarci alle condizioni che si creeranno fra poco con l'indipendenza economica della Cina... Se arriveremo a lavorare per 100? al mese, significa che saremo stati incapaci.Ah, non fumo.
  • allanon scrive:
    Re: Il mio punto di vista
    - Scritto da: Anonimo

    Ma la GPL che offre oggi le basi ai
    Cinesi

    su cui sviluppare, un domani ci

    assicurerà la portabilità
    del

    loro codice verso le nostre piattaforme

    (almeno verso quei paesi che non si
    saranno

    chiusi totalmente alle tecnologie open),

    offrendoci in realtà la

    possibilità di non cumulare
    ulteriori

    ritardi, cosa che invece succede oggi
    grazie

    allo strapotere di pochi gruppi USA.
    Ah ah ah, ma secondo te loro lo rispettano
    il copyright o il copyleft? funziona si, lo
    sappiamo sistemare si, gli altri ci chiedono
    le migliorie? di che si arrangino, noi i
    tecnici ed il potere economio lo abbiamo per
    gli altri beh che si arrangino (è
    quello che facciamo noi con il sud america,
    afria e paesi del terzo mondo).
    chi di spada ferisce di spada perisceLa GPL assicura che il codice rimanga aperto. Se non altro quando un domani vuoi migliorie o personalizzazioni puoi imparare a fartele integrandole col lavoro pregresso.Se invece il software è chiuso sei comunque tagliato fuori.
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    Embarghi? No, non funzionano, anzi, riducono la popolazione in miseria, basti vedere in Iraq... prima era anche piuttosto ricco (come una Repubblica Ceca di oggi) ma con gli embarghi si sono ridotti alla miseria più nera...No, non sono gli embarghi la soluzione. Bisognerebbe avviare delle sanzioni, tipo un'elevata tassazione sui paesi in via di sviluppo (come ho già detto precedentemente) che ridurrebbe l'esportazione cinese, e quindi costringendo il governo cinese a trattare meglio i propri dipendenti per vedere tolte le tassazioni, e incrementati i propri profitti. Se ci fosse un blocco totale con il commercio cinese, ci sarebbe semplicemente una riduzione in miseria della popolazione... con delle pesanti sanzioni invece ci sarebbe la possibilità di ammortizzare il colpo.
  • allanon scrive:
    Re: Il mio punto di vista

    amico.
    che diavolo dici?

    se danno il lavoro a loro è
    perchè loro COSTANO MENO!
    non guadagnano mica di più

    un prodotto che fatto da me costa 24 euro,
    in cina costa 3.

    cosa credi che possa guadagnarci un cinese?
    in una ditta italiana lavorano 80 persone
    ... in quella cinese 200 ... e producono lo
    stesso quantitativo ... ma costa il 90% di
    meno.
    cosa credi che diano di stipendio al
    cinesino?Per ora no, ma dai tempo al tempo. Non per niente si parla di crescita dell'economia cinese: noi occidentali "furbi" stiamo uccidendo le nostre economie facendo lavorare solo i cinesi sottopagati, apetta che le loro economie crescano e saranno loro a farci lavorare sottocosto :(
    certo, come no.
    la roba che hai visto esportare viene
    comprata da pochi ricchi.
    loro sono MILIARDISempre per ora secondo me.
    cosa che noi gli abbiamo lasciato fare.
    ma non NOI tu e io... le lobbies fate dalel
    torri d'avorio che ci guadagnano hanno
    imposto il loro potere ai governanti che
    hanno mosso le leggi in tal sensoL'ho concesso anche io in un certo senzo, infatti quando compro CD, DVD e latte in polvere tramite i siti internet all'estero, in un certo senso danneggio l'enocomia italiana, ma se l'economia italiana fa tanto schifo da non fare concorrenza nemmeno escluse le spese di trasporto, posso solo dire che siamo governati da imbecilli, e non intendo farmi danneggiare più del dovuto. Peccato che gli imbecilli siano votati da altrettanti imbecilli
    e non sarò mai così d'accordo.
    ma è sempre colpa dei nostri
    governanti.
    dovremmo dire forte a loro tutti "basta con
    questo sistema"

    finchè non saremo alla pari, basta.L'informazione è l'unica soluzione (quella vera fatta di blog e piccoli giornali on-line). Se la gente continua a rimbecillirsi davanti al grande fratello è normale che poi troviano certa gente in parlamento.
    e allora dovremmo starci?
    siamo ancora in grado di dire ai nostri
    governanti "basta!"
    hanno il potere di mettere in GALERA PER
    QUINDICI ANNI un giornalista che parla di
    guerra (in italia!!) come se si fosse sempre
    tutti sotto regime militare, no?

    e allora vuol dire che non ci vuole niente a
    violare i diritti civili se gli pare.
    allora ZAC! estradiamo in cina tutti gli
    amministratori delegati, presidenti e
    proprietari delle aziende espropriando i
    loro beni e saldando il debito pubblico.

    questo in tutti gli stati europei e in
    quelli americani.

    e si riprende a lavorare come 50 anni fa,
    tra noi paesi civili, con concorrenza vera,
    leale e senza mai vendere fumo

    dopodichè non si aprono nemmeno le
    orecchie per ascoltare se un paese chiama e
    non permette di verificare che tutta la
    popolazione vive in stato di libertà
    REALE

    se ai capoccia piaceva tanto la cina,
    lukraina, la rumenia o l'africa, che ci
    vivano.Qui siamo molto lontani come modo di vedere. Tu fai la rivoluzione? E dopo che fai? Ti metti tu a ricostruire un governo? Quanto tempo passa prima dell'istaurazione di un regime peggiore del primo? Mi sa che è proprio quello che è successo in Cina, e ce ne ha messo di tempo per riprendersi dalla sua "rivoluzione democratica". Ripeto, a parer mio l'unica e far salire il grado medio di cultura della popolazione, altrimenti ci troveremo sempre governati da pseudodittatori leggittimati dall'ignoranza popolare.

    Punto 3:

    (linux) e (windows) ... bazzecole :)
    Qui ci vorrebbe un discorso a parte, ma andiamo parecchio OT.
  • Anonimo scrive:
    Re: HASTA LA VICTORIA SIEMPRE !!!
    - Scritto da: Anonimo
    Ti manderei in Cina a vedere come si
    vive....altro che comunista...il comunismo
    neanche sui libri l'hai capito!! Oppure ti
    piace il disegnino della falce e il
    martello....pedala ragazzo e vai a chiedere
    ai cari vecchi comunisti sovietici se stanno
    meglio ora o prima...Mi sa che hai toppato.Proprio l'esempio dell'ex-URSS, come del resto della maggior parte dei paesi dell'ex blocco, non calza. Proprio no. E poi, ma com'è che tutti sanno benissimo come si vive in Cina ed io no? Mi chiedo cosa venga raccontato, ai cinesi, di come si vive, ad esempio, in Italia (sempre che a qualcuno in Cina freghi qualcosa di sapere che esiste un paesetto chiamato Italia).
  • The Raptus scrive:
    Cina ...
    Le cose nn stanno proprio come di ci tu.Conosco gente (di qui) che in Cina lavora:Li lavori per poco, ok, non hai ferie, ok. Ma siccome la vita costa poco, dopo una decina di anni se ne tornano al paesello a godesi gli interessi, così magari fanno lavorare gli altri.OK, è un paese totalitario, non puoi certo scrivere 'ste cose su Intenet come facciamo noi, ma ... una medaglia ha sempre 3 facce.Io davvero mi preoccupo perchè un minimo di embargo ci voleva. Noio se lo mettiamo sugli USA ce ne pmettono uno sulla pasta. In cina ne mettono a iosa sui nostri prodotti ma i loro (cisto che li regalano!) devono essere liberi.Chi ci tutela? Che fine faranno i ns posti di lavoro?
  • gerry scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: Anonimo
    qui c'è da ritirarsi, da combattere
    tutti assieme contro il problema tipo
    "mangiare" "avere ciò che ci serve"
    tutti assieme in modo civile.
    dobbiamo ritirarci?
    ritiriamoci.
    lavoriamo onestamente, guadagnamo tutti,
    facciamo concorrenza in modo umano, non
    rendiamo mai possibile la disumanizzazione
    del nostro popolo.La nostra rete elettrica si regge sul petrolio che non abbiamo, se si reggesse sull'uranio beh non abbiamo nemmeno quello e non abbiamo nemmeno tempo per inventarci qualcosa di diverso.E' tardi per darsi all'autarchia, torneremmo al medioevo.
    non sono stato io a decidere che terzo mondo
    e cina devono poter fornire schiavi umani
    perchè costretti da bisogni
    fisologici e stretti dalla morsa della FORZA
    dei loro connazionali e dal POTERE dei
    nostri connazionali ricchi
    tutta roba che io non ho deciso.Vero, ma noi come popolo italiano ne abbiamo tratto molti vantaggi. Forse tu no, ma dubito che basterà per non pagarne le conseguenze.
  • Anonimo scrive:
    Re: I cinesi sfruttano gli open muli
    - Scritto da: Anonimo

    amen.

    quel che vado dicendo è NON
    PRENDETEVELA CON IL POPOLO cinese, o con
    quello iraqueno o iraniano o afghanistano
    ecc ecc ...... sono i loro
    governanti ... nessun popolano dalle loro
    parti potrebbe permettersi di criticare in
    qualche modo queste persone.

    ora nemmeno per i giornalisti italiani
    è possibile parlare della guerra
    negli altri paesi, pena carcere militare.

    ** stato militare siamo diventati, manco di
    polizia. **

    eccellente non trovate?

    gran parte della nostra rovina proviene dai
    governanti dei nostri paesi, dagli USA
    all'Europa. Chi è che apre le porte
    al dare il nostro lavoro all Cina? Noi,
    popolazione? Col cavolo! Chi nn mette tasse
    di importazione? Noi popolazione? Ma per
    favore.

    chi riesce a mascherare come se fosse solo
    violenza un movimento che mette in allarme
    la popolazione mondiale da questi pericoli?
    noi popolazione?

    MA col cavolo!!!!!!!!Ed io quoto.Il porco mondo è fatto come lo vuole chi lo governa, io non c'entro niente. La porca Cina funziona come vuole chi se la governa, la gente non c'entra.Non so: c'è qualcuno che crede che è l'industria cinese che rischia di far la fame al lavoratore italiano, mentre se non ci fossero loro, l'industria nostra ci coccolerebbe, vizierebbe e strapagherebbe?Care risorse umane ...
  • Anonimo scrive:
    E i nostri bravi governanti?
    A proposito di diritti... quando il nostro giovane premier, valoroso baluardo contro i pericolosissimi comunisti, ha incontrato ufficialmente i governanti cinesi, vi pare che abbia detto loro qualche parola riguardo alla necessità di far rispettare i diritti umani di quel popolo?Ma noooo! Meglio usare il tempo a disposizione a convincerli che non devono imitare i nostri preziosissimi marchi e venderli sottocosto... e alla via così! :(
  • Anonimo scrive:
    ecco perchè siamo nella m___a
    se la gente ragiona così, vota così, legge così il giornale, decide così.questo è il 90% del motivo.questa gente ci circonda.
  • Anonimo scrive:
    Re: A noi è
    - Scritto da: Anonimo
    A noi è stato chiesto di fare le
    privatizzzioni, di far entrare nel nostro
    mercato gli altri operatori per poter
    aderire al WTO,al gigante cinese non
    è stato chiesto niente, ed ora
    è così forte, più forte
    dell'europa e degli usa, che nessuno
    può chiedergli niente...noi abbiamo votato o non votatonoi siamo stati zitti invece di parlarenoi abbiamo guardato solo quel che ci facevano vedere dando degli "strani" a chi criticavala colpa è solo nostra.
  • Anonimo scrive:
    Re: Prima o poi arriveranno qui
    - Scritto da: Anonimo
    Da quello che scrivi immagino che non sei
    mai stato in Cina!!!!!!!
    Prima di dar fiato alla bocca vai a vedere
    che tipo di organizzazione hanno! La Cina
    non è il Giappone!!! 25 persone per
    fare quello che qui si fa in una persona!!!
    Solo che comunque costa 25 dollari al posto
    di 100 di quell'unica persona! Sulla
    qualità tralasciamo! Per ottenere un
    pezzo di qualità accettabile si
    producono scarti enormi!!!!!!!!!
    Aggiornati!!!!!! Ed informati!!!!!!!concordo con quello che dici.la tristezza è che da noi ci sono dei capi che sono incompetenti, causano dei danni, e poi li comparano con i minori costi cinesi.sai che bravura.sono LORO che sbagliano e loro che decidono di andare dai cinesi ... facessero fare il lavoro a chi è competente ...ma "costa troppo"ma col cazzo!!!!!purtroppo queste persone le conosco ...non sapevano usare due strumenti A e B ... il B andava meglio ed era più nuovo dell' A ... per non spendere soldi in CINA (quindi pochissimo!!!!) hanno deciso di spedire il B, perchè? Perchè hanno giudicato che B era peggio di A.MA SENZA SAPERLO USARE!e così chi deve poi svolgere il lavoro qui, chi è rimasto (e scomparirà) si trova con strumentazione peggiore.era solo un esempio
  • Anonimo scrive:
    Re: Prima o poi arriveranno qui
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: Anonimo

    sono gia qui ,nel triveneto stanno
    comprano

    aziende a tutto spiano

    inserto economia del corriere della
    sera del

    lunedi di circa

    2 settimane fa...

    ci stanno semplicemente conquistando.
    Siano solo fortunati che non usano le bombe
    come gli americani :)con le bombe si muore, con la frusta si soffre tutto il tempo, da quando nasci a quando muori definitivamenteeri abituato a vederti la partita?ora se riuscirai a dormire all'asciutto ti riterrai onorato di appartenere a questa gloriosa società
  • Anonimo scrive:
    Re: Prima o poi arriveranno qui
    - Scritto da: Anonimo
    sono gia qui ,nel triveneto stanno comprano
    aziende a tutto spiano
    inserto economia del corriere della sera del
    lunedi di circa
    2 settimane fa...prima gli abbiamo direttamente portato il lavoro fottendolo ai nostri operaigli abbiamo insegnato come si fagli abbiamo portato anni di esempi anche in fatto di creatività e risoluzione di problemisiamo riusciti a fare anche outsourcing di amministrazione, fatturazione e gestionaliora si compreranno quello che hanno imparato a gestirenon sono stato io a suicidarmi, lo ha fatto qualcuno per cui lavoravomerda!
  • Anonimo scrive:
    Re: Prima o poi arriveranno qui
    - Scritto da: Anonimo
    L'unica nostra speranza è la
    creatività....per lavorare come schiavi per i cinesi?si, ci ho pensato anche io.ma forse un volo dal ponte mi costerà meno, in totale.
  • Anonimo scrive:
    Re: Il mio punto di vista
    - Scritto da: allanon
    Punto 1 :
    Se le persone guadagnano
    più denaro cominciano ad avere voglia
    di spenderlo, visto che non ha senzo portare
    a casa 5000 euro al mese e lavorare 16 ore
    al giorno.amico.che diavolo dici?se danno il lavoro a loro è perchè loro COSTANO MENO!non guadagnano mica di piùun prodotto che fatto da me costa 24 euro, in cina costa 3.cosa credi che possa guadagnarci un cinese?in una ditta italiana lavorano 80 persone ... in quella cinese 200 ... e producono lo stesso quantitativo ... ma costa il 90% di meno.cosa credi che diano di stipendio al cinesino?
    Anche da loro sono arrivati
    mac-donald e mondiale F1, vedrete che tra
    qualche anno un cinese lavorerà
    mediamente quanto noi occidentali, se non
    meno vistro che potranno permetterselo.certo, come no.la roba che hai visto esportare viene comprata da pochi ricchi.loro sono MILIARDI
    Punto 2:
    La Cina può permettersi una politica
    economica scoretta semplicemente
    perchè sta diventando economicamente
    forte.cosa che noi gli abbiamo lasciato fare.ma non NOI tu e io... le lobbies fate dalel torri d'avorio che ci guadagnano hanno imposto il loro potere ai governanti che hanno mosso le leggi in tal senso
    Badate bene, con "può permettersi"
    non intendo certo attenuare il termine
    "scorretta", ma nel caso non ve ne siate
    accoti le nazioni economicamente forti quali
    gli USA taglieggiano le più deboli da
    un pezzo, stessa cosa che noi facciamo con
    le nazioni del terzo mondo. Date un occhiata
    a questo (www.report.rai.it/2liv.asp?s=7 ),
    o anche a questoe non sarò mai così d'accordo.ma è sempre colpa dei nostri governanti.dovremmo dire forte a loro tutti "basta con questo sistema"finchè non saremo alla pari, basta.
    Il pesce più grosso mangia da sempre
    il più piccolo, ce ne stiamo
    accorgendo adesso solo perchè stiamo
    diventanto peschi sempre più piccoli
    e sacrificabili.e allora dovremmo starci?siamo ancora in grado di dire ai nostri governanti "basta!"hanno il potere di mettere in GALERA PER QUINDICI ANNI un giornalista che parla di guerra (in italia!!) come se si fosse sempre tutti sotto regime militare, no?e allora vuol dire che non ci vuole niente a violare i diritti civili se gli pare.allora ZAC! estradiamo in cina tutti gli amministratori delegati, presidenti e proprietari delle aziende espropriando i loro beni e saldando il debito pubblico.questo in tutti gli stati europei e in quelli americani.e si riprende a lavorare come 50 anni fa, tra noi paesi civili, con concorrenza vera, leale e senza mai vendere fumodopodichè non si aprono nemmeno le orecchie per ascoltare se un paese chiama e non permette di verificare che tutta la popolazione vive in stato di libertà REALEse ai capoccia piaceva tanto la cina, lukraina, la rumenia o l'africa, che ci vivano.
    Punto 3:(linux) e (windows) ... bazzecole :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *

    Guarda che "questo sistema" ovvero quello
    adottato dai cinesi non l'anno mica
    inventato loro!sono d'accordo e la cosa mi schifa.
    Chi ha messo su tutta la
    baracca siamo noi e gli americani, che fai
    sbaracchi il sistema?? e alla svelta.magari lasciando li a marcire chi l'ha messo su.l'imprenditore tal dei tali apprezza tanto la Cina? Perfetto, l'ha fatto da italiano quindi lasci i suoi introiti in Italia e vada a proseguire la sua vita in Cina.e questo per tutti.senza più contatti con i paesi d'origine.dato che la cina è tanto bella.forse gradirebbero, prima di un simile trattamento, cercare di globalizzare LA DEMOCRAZIA e al civiltà ... perchè fino ad ora invece si sono solo preoccupati do globalizzare le loro possibilità di sfruttamento del prossimo.adoprarsi perchè qualsiasi posto del mondo sia un posto dove io e te possiamo vivere , ovunque sia, questo è un impegno da politica globale, non il modo di rosicare di più
    oppure lo applichi
    con i paesi che ti fanno comodo e ti danno
    le materie prime e con gli altri applichi il
    protezionismo??qui c'è da ritirarsi, da combattere tutti assieme contro il problema tipo "mangiare" "avere ciò che ci serve" tutti assieme in modo civile.dobbiamo ritirarci?ritiriamoci.lavoriamo onestamente, guadagnamo tutti, facciamo concorrenza in modo umano, non rendiamo mai possibile la disumanizzazione del nostro popolo.
    Fino a ieri noi eravamo i più furbi e
    dicevamo agli altri che il sistema attuale
    è il migliore eh?io non lo dicevo.pèosso dire che il sistema attuale (nostro interno) era buono, ma era buono con noi, con il nostro sistema, per come noi siamo civili, democratici, ecc ecc ... ma non è buono se immetti gente senza regole, schiaviazzata ecc
    e che solo per caso noi
    adesso stiamo mangiando la fetta più
    grande della torta, sarebbe venuto
    sicuramente il loro turno di mangiare.il tuo capo continua a mangiare, ma ora le briciole invece di darle a te, le da agli schiavi... servono meno briciole e per un po' di tempo lui mangerà ancora di piùsiamo stato noi a dargli TUTTA la torta, invece di dire "hey capo, ora dobbiamo tutti fare qualcosa perchè il capo dall'altra parte non sia troppo bastardo, mi pare giusto"
    Credevamo di essere furbi e che il giorno in
    cui arrivasse qualcuno che intaccasse la
    nostra fetta, fosse il 30 febbraio.ma di chi parli?!non sono stato io a decidere che in Cina deve essere permesso lo schiavismo legale.non sono stato io a dire "totalitarismo è bello".chiamarlo comunismo potrà far gioco a qualcuno, ma non è così.io il mio controllo delle nascite lo applico da solo: non ho soldi per fare un altro figlio? NON LO FACCIO.non sono stato io a decidere che terzo mondo e cina devono poter fornire schiavi umani perchè costretti da bisogni fisologici e stretti dalla morsa della FORZA dei loro connazionali e dal POTERE dei nostri connazionali ricchi io sono stato bene con il mio lavoro, onesto, retribuito correttamente: era sbagliato? Lo stesso mia madre e mio padre.SUo nonno no, e forse nemmeno mio figlio e mio nipote se ne esisterà uno.Gli sconsiglierò di mettere al mondo una creatura in un simile cesso, comunque; libero di scegliere, lui, spero.
    Invece sta arrivando il 30 febbraio e ci
    mettiamo a piangere.tutta roba che io non ho deciso.io non posso dialogare alla pari con un paese che non è mio pari.Non sono migliori o peggiori, ma non sono come noi.Uno degli elementi della vita e dell'economia è il lavoro: loro possono permettersi gli schiavi, noi non vogliamo esserlo.
    Mi chiedo io: non era meglio essere onesti e
    mettere su una baracca più
    equilibrata? ah meno male.:-)siamo dalla stessa parte :)si ma ora è il caso di metterla su partendo dalla nostrase in Cina crolla tutto, saranno i LORO governanti a dire "stiamo ammazzando il nostro popolo DI COLPO ... se ne accorgeranno ... lasciamoli liberi, lasciamoli come il i popoli che ci hanno richiuso la porta in faccia quando hanno visto che li stavamo impoverendo"
    magari mangiare di meno (siamo
    tutti un po' sovrappeso (lo dico in modo
    figurativo)) ma anche in modo che quando
    sarebbe arrivato il 30 febbraio non
    sarebbero cambiate di molto le cose.essere borghesi benestanti non è quello che ha rovinato il mondo.quando io vado al cinema invece di stare a casa, non causo problemi.quello che causa problemi è voler usare lingotti d'oro al posto dei mattoni, avere il potere di usare come puttana una top model, avere il potere di vita e di morte da qualche parte.questo potere deriva da una quantità di denaro spropositata.non è la media borghesia (ovvero il simbolo del benessere) a causare il problema: sono gli straricchi, i capi d'azienda, persone che muovono masse di dipendenti, che siano qui o li ... la colpa della borghesia e di qualsiasi altra fascia del popolo è stata di non interessarsi alla politica attivamente, di non rendere la democrazia VERA, di non esercitare la libertà appieno, di lasciare che militarismo e potere economico riuscissero a spuntarla sui veri processi democratici.se oggi un giornalista può finire dentro perchè parla delle operazioni militari, questa non è libertà: eppure succede in italia.
    Fino a ieri queste erano UTOPIE (e lo scrivo
    in maiuscolo anche se è maleducato),l'abuso è maleducato.l'uso appropriato è connotativo, quindi corretto.
    adesso forse possono filtrare nelle menti
    della gente.nella middle class non sono mai state utopie: erano realizzate perchè noi tutti vivevamo normalmente.mentre invece c'era sempre qualcuno che noi non vedevamo che volava MOLTO ma MOLTO in alto.la nostra colpa è stata di non tirarli giù, di non aproire gli occhi
    Per fare due nomi: cosa ne pensate del
    commercio equo e solidale? Avete visto i
    prezzi? sono di poco maggiori di quelli del
    supermarket: sarebbe una utopia avere solo
    prodotti equi e solidali?quando sono buoni io ci vado.ma ho visto promuovere il commercio equo e solidale con commessi che lavorano gratis.ho fatto l'obiettore e quindi lo so, pure io ho lavorato per quel motivo.questo è disnoesto, non è equo e solidale: tra l'altro non dimostra, ma anzi dimostra il contrario - che questo tipo di commercio funziona. NON funziona se la gente deve lavorare gratis in una parte di processo.
    Che senso ha fare
    andare tutto su gomma perché il
    petrolio costa poco? Credo nessun senso*http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=71prima di andare oltre, leggi questo* e poi diciamo: che senso ha usare ancora il petrolio?finirà!forse invece di bruciarlo dovremo usarlo per i prossimi secoli per produrre materiale plastico ... e non ne avremo più!!!
  • Anonimo scrive:
    hahahaha GRANDE!!
    LOL
  • Anonimo scrive:
    Re: Il mio punto di vista

    Ma la GPL che offre oggi le basi ai Cinesi
    su cui sviluppare, un domani ci
    assicurerà la portabilità del
    loro codice verso le nostre piattaforme
    (almeno verso quei paesi che non si saranno
    chiusi totalmente alle tecnologie open),
    offrendoci in realtà la
    possibilità di non cumulare ulteriori
    ritardi, cosa che invece succede oggi grazie
    allo strapotere di pochi gruppi USA.Ah ah ah, ma secondo te loro lo rispettano il copyright o il copyleft? funziona si, lo sappiamo sistemare si, gli altri ci chiedono le migliorie? di che si arrangino, noi i tecnici ed il potere economio lo abbiamo per gli altri beh che si arrangino (è quello che facciamo noi con il sud america, afria e paesi del terzo mondo). chi di spada ferisce di spada perisce
  • allanon scrive:
    Il mio punto di vista
    Punto 1 :Il mercato nella maggior parte dei casi si regola da solo: se ieri i cinesi erano poco più che schiavi, oggi non lo sono più (diritti umani a parte ovviamente, su quelli sono rimasti al medioevo). Se le persone guadagnano più denaro cominciano ad avere voglia di spenderlo, visto che non ha senzo portare a casa 5000 euro al mese e lavorare 16 ore al giorno. Anche da loro sono arrivati mac-donald e mondiale F1, vedrete che tra qualche anno un cinese lavorerà mediamente quanto noi occidentali, se non meno vistro che potranno permetterselo.Punto 2:La Cina può permettersi una politica economica scoretta semplicemente perchè sta diventando economicamente forte.Badate bene, con "può permettersi" non intendo certo attenuare il termine "scorretta", ma nel caso non ve ne siate accoti le nazioni economicamente forti quali gli USA taglieggiano le più deboli da un pezzo, stessa cosa che noi facciamo con le nazioni del terzo mondo. Date un occhiata a questo (http://www.report.rai.it/2liv.asp?s=7), o anche a questo (http://www.comedonchisciotte.net/modules.php?name=News&file=article&sid=235), o ad altre mille ovvietà che non sto qui ad elencare. D'altronde non dimentichiamo che in europa facciamo passare per cacao dei surrogati del cacao, pur di deprezzare una delle poche risorse del tezo mondo. Il pesce più grosso mangia da sempre il più piccolo, ce ne stiamo accorgendo adesso solo perchè stiamo diventanto peschi sempre più piccoli e sacrificabili.Punto 3:Ho letto commenti nei quali essenzialmente si dice che noi occidentali stiamo fornendo software alla Cina attraverso linux. Chi dice fesserie del genere non si rende conto di un ovvietà: la Cina ha sempre usato prodotti piratati MS, ora che si sta accorgendo di poter creare un proprio business grazie a linux e simili, e spinge per cambiare registro. Ma la GPL che offre oggi le basi ai Cinesi su cui sviluppare, un domani ci assicurerà la portabilità del loro codice verso le nostre piattaforme (almeno verso quei paesi che non si saranno chiusi totalmente alle tecnologie open), offrendoci in realtà la possibilità di non cumulare ulteriori ritardi, cosa che invece succede oggi grazie allo strapotere di pochi gruppi USA.
  • Sandro kensan scrive:
    Re: la cina imploderà
    - Scritto da: gerry
    Era il "devi essere il primo". E' un
    concetto molto capitalista, strano che
    faccia paura agli stessi capitalisti che lo
    hanno esportato a destra e a manca.
    Forse perchè i primi rischiano di non
    essere più loro....già, già.
    QUOTO.
    Le dimensioni dei pesci stanno variando,
    speriamo che siano dei pesci con poco
    spirito vendicativo ed un ottimo spirito
    critico.Io spero che abbiano senso umoristico, in fin dei conti la "nostra" era solo una battuta...:) o no? :(
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *

    Ma quello che mi chiedo è "In fondo
    cosa ci guadagnamo?".la vita al posto della sopravivvenza per la popolazione dei nostri paesi.
    Se embarghi la Cina poi ti tocca
    ricominciare a produrre in italia, se ti
    costa il triplo perchè qui gli operai
    vogliono anche delle tutele che razza di pretese vero?
    finisci sul
    lastrico lo stesso...ma che stiamo dicendo??!!!!quello che succede ora è che si acquista a 10 per vendere a 200.produrre a 70 per vendere a 200 ti farà ridurre il margine di profitto - TUTTO QUI.ovvero invece di essere smodatamente, schifosamente, incredibilmente straricco, sarai "solo" molto-ricco.

    altro che embrago all'iraq ... la cina
    fa

    l'embargo a noi, ci ricatta con
    l'acciaio...

    non dovremmo mai commerciare con
    nessuno che

    ci può prendere per le palle e

    stringere forte.



    mai.

    Ammesso che tu ne abbia la
    possibilità io non ce l'ho.chi ha deciso invece poteva, come ha sempre potuto prima.la mia colpa e la nostra è stata nel lasciarglielo fare, non prestando attenzione seriamente alla vita politica dei nostri paesi.
  • gerry scrive:
    Re: la cina imploderà
    - Scritto da: Sandro kensan
    Non sto rispondendo a nessumo, anche
    perché non vi ho capito, comunque gli
    USA sono democratici al loro interno mentre
    con gli altri paesi sono antidemocratici,
    monopolisti ecc, ecc. C'entra qualcosa?Era il "devi essere il primo". E' un concetto molto capitalista, strano che faccia paura agli stessi capitalisti che lo hanno esportato a destra e a manca.Forse perchè i primi rischiano di non essere più loro....
    Chi ha messo su il nostro sistema attuale
    diceva che noi e gli americano siamo i
    più furbi e avremo "fregato" i paesi
    più poveri, dicevano qualche cosa
    come il pesce grande mangia il più
    piccolo e che noi si appoggiava gli usa per
    mangiare quel che avanzava dal loro pasto.

    Dicevano...QUOTO.Le dimensioni dei pesci stanno variando, speriamo che siano dei pesci con poco spirito vendicativo ed un ottimo spirito critico.==================================Modificato dall'autore il 29/11/2004 15.47.43
  • Anonimo scrive:
    Re: globalizzare anche i diritti
    - Scritto da: ldsandon

    perché la nostra ricchezza si
    fonda

    sulla diversità dei compensi
    (ovvero

    Solo la ricchezza di produttori, importatori
    e rivenditori - non la nostra. è
    certo più comodo produrre un
    manufatto a costo 10 e rivenderlo a 100
    invece di produrlo a costo 70 e rivenderlo a
    100. Altrimenti non si capirebbe
    perché utlimamente si delocalizzano
    aziende in pefetto attivo, e i nuovi
    prodotti "delocalizzati" costano quanto
    quelli vecchi. Certo, se fate un giro in
    Paolo Sarpi a Milano potete comprare a
    prezzi "cinesi", ma i pantaloni che indosso
    di una nota marca di abbigliamento sono
    "made in Colombia" ma costano come se
    fossero "made in Italy".
    Del resto la stessa cosa succede per i
    prodotti agricoli - date un'occhiata a cosa
    costa il latte alla produzione e il prezzo
    finale.esattamente.tutto il "made in italy" e tutte le marche che conoscete, anche le più costose, sono prodotte - e lo dico per esperienza diretta, non perchè me l'ha detto qualcuno - esattamente come i tarocchi, solo che non sono ammesse le vendite dei pezzi mal riusciti. Prodotti (singoli pezzi) che costano 2-12 dollari, vengono venduti a 200 euro.Ovviamente in italia a 2-12 dollari non produci.Sarebbe costato 24-30, il doppio. "inammissibile" "non concorrenziale"ma scherzi??!!!! ma se vendi a 200!!!!!!!!!!!!guadagnerai di meno, e allora?magari la sorella del cugino dell'amica del fratello di tua suocera avrà ancora un lavoro, un italiano, come te.
  • Sandro kensan scrive:
    Re: I cinesi sfruttano gli open muli
    - Scritto da: Anonimo
    gran parte della nostra rovina proviene dai
    governanti dei nostri paesi, dagli USA
    all'Europa. Chi è che apre le porte
    al dare il nostro lavoro all Cina? Noi,
    popolazione? Col cavolo! Chi nn mette tasse
    di importazione? Noi popolazione? Ma per
    favore.No, no, io ho una idea diversa, le porte che danno e sfruttano lavoro estero, le tasse di importazione, il commercio, il wto, l'onu e chi più ne ha più ne metta lo abbiamo inventato noi mica i governanti, ci è servito per avere i vari boom economici, la borsa serve a questo, la globalizzazione che viene detta con un sorriso dall'annunciatrice del tg5 non è roba da governanti, è un sistema che tutti noi vogliamo perché ci ha reso ricchi. Adesso vediamo che le cose non vanno più bene come una volta, il manovratore dell'autobus è sempre più con gli occhi a mandorla e quindi stiamo passando nei posti "dietro". Secondo me è l'autobus che non va bene.
  • Anonimo scrive:
    Re: globalizzare anche i diritti
    - Scritto da: Anonimo
    solo con pari condizioni dei lavoratori si
    ottiene una competizione tra pari.
    Cosi' abbiamo solo competizione tra esseri
    umani e schiavi.
    il tuo suggerimento verrà presto accolto: tra un po' le condizioni dei lavoratori saranno effettivamente pari.schiavi e schiavi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Neanche LINUX?
    - Scritto da: Anonimo
    Che cosa hai assunto prima di scrivere il
    tuo esilarante commento?una dozzina di cinesi.al tuo posto.
  • Anonimo scrive:
    Re: Neanche LINUX?
    - Scritto da: The Raptus
    .. siccome nn è fatto in Cina,
    poerchè lo usano?

    .. come fanno ad usare *tutto* solo cinese,
    neppure al 50%.

    Mi stupisce 'sta gente, ma aor più
    chi non pensa a 'sto problema, dice "la cine
    è una sfida", poi non mette neppure
    un minimo vincolo.
    ... Magari perchè danneggerebbe CHI
    in cina già ha investito?

    mah! io sono solo preoccupato, non ho
    iù lavoro.ascoltate quest'uomo. E' un esempio di come sarete tutti domani.e per il dopodomani vi conterete le costole (non allo specchio, dato che pagare un affitto costa soldi)
  • Anonimo scrive:
    Re: la cina imploderà
    - Scritto da: Anonimo
    guarda che non hai bene chiaro com'è
    il rapporto di forze...ora come
    ora..è la cina che può far
    fallire l'economia usa e non
    viceversa....purtroppo...quoto e mi procuro una rivoltella con un colpo solo :-(
  • Anonimo scrive:
    Re: HASTA LA VICTORIA SIEMPRE !!!
    - Scritto da: Anonimo
    Non voglio difendere il comunismo sovietico,
    però, assolutamente... voglio solo
    dire che il governo "democratico" di adesso
    è peggiore del precedente.ma democratico dove????????
  • Anonimo scrive:
    Re: HASTA LA VICTORIA SIEMPRE !!!
    - Scritto da: Anonimo
    Ti manderei in Cina a vedere come si
    vive....altro che comunista...il comunismo
    neanche sui libri l'hai capito!! Oppure ti
    piace il disegnino della falce e il
    martello....pedala ragazzo e vai a chiedere
    ai cari vecchi comunisti sovietici se stanno
    meglio ora o prima...tu che lo sai, stanno meglio ora o prima?
  • Anonimo scrive:
    [* TROLLONE *]
    - Scritto da: Anonimo

    - Scritto da: avvelenato





    la cina è abbastanza grande da
    poter

    realizzare un'efficiente economia

    autarchica.

    HASTA LA VISTAecco uno di quelli che poi la gente vede nei cortei e dice "EH I NO GLOBAL SONO TUTTI COMUNISTI!!! SONO VIOLENTI!!!!"c'è un idiota, e tutti a pensare che la gente pensante sia come questi cerebrolesi inneggianti.ragioniamo, non usiamo solo slogan.
  • Anonimo scrive:
    Re: la cina imploderà
    - Scritto da: avvelenato

    - Scritto da: Anonimo

    quando la cina toccherà troppo
    gli

    interessi usa sul software e hardwar

    cominceranno a succedere delle belle,

    l'europa e gli usa non comprerà

    più prodotti cinesi nemmeno a 1 E

    perchè chi è disoccupato
    non

    compra e la cina se diminuisce il pil
    entra

    in crisi e con la crisi ci sono le

    rivoluzion isociali e salterà il

    regime attuale.

    la cina è abbastanza grande da poter
    realizzare un'efficiente economia
    autarchica.

    forse.lo è.questo non vogliono capire i nostri "tiriamo la corda e poi quando proprio stiamo per morire usiamo le nostre potentissime armi civilissime"saremo dei morti che camminano, e smetteremo di camminare, tutto qui.
  • Sandro kensan scrive:
    Re: la cina imploderà
    - Scritto da: gerry
    - Scritto da: Anonimo

    La concorrenza fa bene all'interno di un

    paese, non tra paesi dove devi cercare
    di

    essere il primo.

    Mi ricorda qualcosa....Non sto rispondendo a nessumo, anche perché non vi ho capito, comunque gli USA sono democratici al loro interno mentre con gli altri paesi sono antidemocratici, monopolisti ecc, ecc. C'entra qualcosa?

    La ricchezza oggi è

    divisa in modo non equilibrato e puoi
    fare

    la tua bella vita perchè
    l'Italia fa

    parte dei paesi che mangiano la fetta

    grande.

    E' vero, ma chi ci ha mai garantito che le
    cose sarebbero state sempre così?Chi ha messo su il nostro sistema attuale diceva che noi e gli americano siamo i più furbi e avremo "fregato" i paesi più poveri, dicevano qualche cosa come il pesce grande mangia il più piccolo e che noi si appoggiava gli usa per mangiare quel che avanzava dal loro pasto.Dicevano...
  • Anonimo scrive:
    Re: la cina imploderà
    - Scritto da: Anonimo
    quando la cina toccherà troppo gli
    interessi usa sul software e hardwar
    cominceranno a succedere delle belle,
    l'europa e gli usa non comprerà
    più prodotti cinesi nemmeno a 1 E
    perchè chi è disoccupato non
    compra e la cina se diminuisce il pil entra
    in crisi e con la crisi ci sono le
    rivoluzion isociali e salterà il
    regime attuale.certo e gli asini volano.le aziende sono degli usa e degli europei.sono loroc he si arricchiscono in combutta con i carcerieri degli schiavi cinesi.questi controllori guadagnano qualcosa di più e intanto schiacciano con più soddisfazione i connazionali, anch'essi felici di mangiare due chicchi invece di uno solo e continuare a sfornare altri schiavi biologici e restare sempre miliardi di manodopera fresca e sacrificabile.chi guadagna?i nostri ricchi.chi scomparirà?la nostra civilitàcosa resterà di questi anni 80?raf.che cazzo dico?non lo so.
  • Anonimo scrive:
    Re: I cinesi sfruttano gli open muli
    - Scritto da: gerry
    - Scritto da: Anonimo


    Se ci saranno troppi problemi di questo
    tipo

    l'occidente eleverà dazi
    impossibili

    nei confronti delle merci cinesi (pan
    per

    focaccia), per cui io mi terrei

    l'automobile, costo del carburante

    permettendo...

    Il problema è che i dazi comunque li
    dovremo pagare noi....cominciamo ad imparare cinese e giapponese, altrimenti non capiremo gli ordini del nuovo padrone.
  • Anonimo scrive:
    Re: I cinesi sfruttano gli open muli

    Salutoni da GiGiO

    Non è che Bill aveva ragione,
    l'open

    source farà fallire l'economia

    occidentale? Va be, io inizio a
    comprare una

    bicicletta per abituarmi al futuro

    Se ci saranno troppi problemi di questo tipo
    l'occidente eleverà dazi impossibili
    nei confronti delle merci cinesi (pan per
    focaccia), per cui io mi terrei
    l'automobile, costo del carburante
    permettendo...
    Caro Gigio ... non lo potranno fare, perchè le aziende saranno di proprietà di gente di qui, che comanda i governanti di qui.Quindi saremo solo poveri, sempre più poveri.Per un po' chi è mostruosamente più ricco godrà dei suoi beni ... poi non so, anche loro dovrebbero accorgersi che il benessere esiste perchè esiste una borghesia di riccheza medio alta diffusa ovunque, e non la suddivisione straricchi-strapoveriPurtroppo sarò ancora vivo per morire di fame.
  • Anonimo scrive:
    Re: I cinesi sfruttano gli open muli
    - Scritto da: Anonimo

    Guarda che non comprano nulla nemmeno
    usando

    Win. Semplicemente non pagano licenze e

    basta.
    commettono una illegalità che
    è diverso. Se Microsoft dovesse mai
    inventarsi un sistema infallibile
    antipirateria la Cina si attaccherebbe.1) basta cambiare la legge, come ben sappiamo grazie ai nostri nani anche in Italia, per fare le cose legalmente2) se mia nonna avesse le ruote sarebbe una carriola.

    gli fa comodo seguire: chi può
    frega

    gli altri, e chi non può che
    crepi

    pure.
    Mi sembra molto più disonesto questo
    sistema cinese. Anche se un prodotto
    è migliore viene bloccato dal governo
    che lo censura. come gli accordi che escludono dalle preinstallazioni gli altri sistemi operativi intendi?oppure che negano futuri rapporti commerciali con chi abbia a che fare con chi lo fa?
    Inoltre il concetto è
    che se Bill cade il suo giro d'affari va in
    altre mani (da microsoft magari a Mac). Qui
    invece no, si perdono solo posti di lavoro. grazie a chi?ai cinesi?eh no, siamo NOI che glieli diamo.

    La Cina è un prodotto
    occidentale, un

    allievo che supera il maestro.

    Comprati una bicicletta e preparati al

    futuro, e ringrazia i tuoi Bill ed i
    tuoi

    governanti: sono loro che ti hanno
    venduto

    ai cinesi.
    la Cina è un plagio all'economia
    occidentale dato che non rispettano nulla.e chi gli da il lavoro?NOI.invece di dire "siete copioni e maltrattate il popolo", gli diciamo: benvenga, purchè noi manager e dirigenti d'azienda ci si guadagni il 200% in più di ieri.per domani che mi fotteper il domani del mio popolo che mi fotte
    La colpa è soprattutto di coloro che
    investono li e di altri che "mossi a
    compassione" si preoccupano di
    informatizzare la Cina.se fosse solo la compassione di questi non succederebbe niente.evidentemente chi ci ha visto guadagni per sé ha spinto e ottenuto.non ci lavoro né io né tu al wto e non possiamo fare pressioni.
    Per guadagnare di
    più intel gli dà linux e
    questi domani si faranno i processori e
    glielo metteranno dietro anche a loro.linux lo puoi mettere pure tu e programmare e farti le applicazioni opene metterlo a tutti ... ma se invece di chiamare te per programmare e fare e personalizzare gestionali lo fanno fare ad un cinese che invece dello stipendio dice "io sono già contento che mi avete tirato fuori dal gabbio e che posso mangiare riso e acqua sporca, invece di scarafaggi", forse la concorrenza non funziona.linux lo puoi usare tu come lui.tu però ti fai pagare onestamente, loro sono costretti a non farlo, e non per stachanovismo.
    Le
    aziende ragionano max a tempi di 6 mesi
    mentra la Cina si sta preparando per
    fregarci tra 10 anni.le aziende lavorano con la cina, si preparano tutti a fregarciquel che vorrei è che si trasferiscano tutti e vadano a parlare un po' con i loro nuovi governanti cinesi ... vedreste per una volta sparire quel sorriso del cazzo da quel faccione.
    Ed i comunisti ridono
    felici senza capire che da una simile botta
    chi cade è l'europa, non gli usa. ah mi pareva che dovevi dire la stronzata.ascolta i comunisti qualche volta, forse ti accoregerai che vanno dicendo queste cose da anni, a fianco ai no global, per questo tipo di argomento.e comunque i Comunisti veri, quelli bau-bau veri, quelli che accoppano la gente, adesso stanno lavorando al posto nostro, schiavizzati dai loro stessi governanti (compagni...) e noi grandissimi nemici del comunismo che mangia i bambini cosa facciamo? cosa fa quello che davanti a tutti dice "NON POSSIAMO PERMETTERE CHE I COMUNISTI GOVERNINO!" ... cosa fa lui? Permette che tutti nostri paesi passino il lavoro ai Comunisti! Quelli veri! Quelli con la bandiera rossa vera!!!!Bravo.Bene.Complimenti."Il futuro è in Cina"BRAVO. Eccellente davvero. Ma non erano comunisti?!!!
    Se
    l'Euro che è forte blocca il
    commercio figurati i prodotti realizzati
    dagli schiavi cinesi che potranno fare.
    Tanto alla fine gli States avranno sempre
    tecnologie più avanzate dei cinesi.
    Alla fine il mercato che fregano è
    quello nostro.La percezione che hai degli States è errata, secondo me. non hai mai visto un po' di documentari sullo stato attuale della popolazione americana media ... stanno come noi, si stanno sgretolando anche loro, anche la loro popolazione perde il lavoro in favore degli schiavi cinesi e anche loro, piano piano stanno diventando come gli schiavi cinesi: lavorano pesantemente quasi per tutto il tempo per cui sono svegli, per pochissimi soldi e zero garanzie, temporaneamente, sempre.E vivere nelle foreste non è nemmeno più consentito.
  • Sandro kensan scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: Anonimo
    non si tratta più di cosa comprare al
    supermercato (ma anche, certo!) ... si
    tratta di POLITICA, si tratta di dire "a
    noi, tutti popoli dell'europa e degli Stati
    Uniti, non sta bene di permettere il
    commercio con questi paesi"Guarda che "questo sistema" ovvero quello adottato dai cinesi non l'anno mica inventato loro! Chi ha messo su tutta la baracca siamo noi e gli americani, che fai sbaracchi il sistema?? oppure lo applichi con i paesi che ti fanno comodo e ti danno le materie prime e con gli altri applichi il protezionismo??Fino a ieri noi eravamo i più furbi e dicevamo agli altri che il sistema attuale è il migliore e che solo per caso noi adesso stiamo mangiando la fetta più grande della torta, sarebbe venuto sicuramente il loro turno di mangiare.Credevamo di essere furbi e che il giorno in cui arrivasse qualcuno che intaccasse la nostra fetta, fosse il 30 febbraio.Invece sta arrivando il 30 febbraio e ci mettiamo a piangere.Mi chiedo io: non era meglio essere onesti e mettere su una baracca più equilibrata? magari mangiare di meno (siamo tutti un po' sovrappeso (lo dico in modo figurativo)) ma anche in modo che quando sarebbe arrivato il 30 febbraio non sarebbero cambiate di molto le cose.Fino a ieri queste erano UTOPIE (e lo scrivo in maiuscolo anche se è maleducato), adesso forse possono filtrare nelle menti della gente.Per fare due nomi: cosa ne pensate del commercio equo e solidale? Avete visto i prezzi? sono di poco maggiori di quelli del supermarket: sarebbe una utopia avere solo prodotti equi e solidali? Che senso ha fare andare tutto su gomma perché il petrolio costa poco? Credo nessun senso perché se arriva la Cina che fa salire il prezzo a 70$ al barile perche 1.3 miliardi di persone usano il m-o-t-o-r-i-n-o, siamo nella c@cc@. Non era il caso di pensare che il petrolio non è solo nostro? Queste sono idee buttate a caso, se ne possono formulare di più intelligenti.
  • gerry scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: Anonimo
    non si tratta più di cosa comprare al
    supermercato (ma anche, certo!) ... si
    tratta di POLITICA, si tratta di dire "a
    noi, tutti popoli dell'europa e degli Stati
    Uniti, non sta bene di permettere il
    commercio con questi paesi"Ma quello che mi chiedo è "In fondo cosa ci guadagnamo?".Se embarghi la Cina poi ti tocca ricominciare a produrre in italia, se ti costa il triplo perchè qui gli operai vogliono anche delle tutele finisci sul lastrico lo stesso...
    altro che embrago all'iraq ... la cina fa
    l'embargo a noi, ci ricatta con l'acciaio...
    non dovremmo mai commerciare con nessuno che
    ci può prendere per le palle e
    stringere forte.

    mai.Ammesso che tu ne abbia la possibilità
  • Anonimo scrive:
    Re: I cinesi sfruttano gli open muli

    La Cina è un prodotto occidentale, un
    allievo che supera il maestro.
    Comprati una bicicletta e preparati al
    futuro, e ringrazia i tuoi Bill ed i tuoi
    governanti: sono loro che ti hanno venduto
    ai cinesi.amen.quel che vado dicendo è NON PRENDETEVELA CON IL POPOLO cinese, o con quello iraqueno o iraniano o afghanistano ecc ecc ...... sono i loro governanti ... nessun popolano dalle loro parti potrebbe permettersi di criticare in qualche modo queste persone.ora nemmeno per i giornalisti italiani è possibile parlare della guerra negli altri paesi, pena carcere militare. ** stato militare siamo diventati, manco di polizia. **eccellente non trovate?gran parte della nostra rovina proviene dai governanti dei nostri paesi, dagli USA all'Europa. Chi è che apre le porte al dare il nostro lavoro all Cina? Noi, popolazione? Col cavolo! Chi nn mette tasse di importazione? Noi popolazione? Ma per favore.chi riesce a mascherare come se fosse solo violenza un movimento che mette in allarme la popolazione mondiale da questi pericoli? noi popolazione?MA col cavolo!!!!!!!!
  • gerry scrive:
    Re: la cina imploderà
    - Scritto da: Anonimo
    La concorrenza fa bene all'interno di un
    paese, non tra paesi dove devi cercare di
    essere il primo.Mi ricorda qualcosa....
    La ricchezza oggi è
    divisa in modo non equilibrato e puoi fare
    la tua bella vita perchè l'Italia fa
    parte dei paesi che mangiano la fetta
    grande. E' vero, ma chi ci ha mai garantito che le cose sarebbero state sempre così?
  • Anonimo scrive:
    Re: I cinesi sfruttano gli open muli

    Non è che Bill aveva ragione, l'open
    source farà fallire l'economia
    occidentale? Va be, io inizio a comprare una
    bicicletta per abituarmi al futurosicuramente dal suo paese viene la negazione di stare al protocollo di kyoto ... l'accaio della tua bicicletta viene dalla cina e lagomma delle ruote, il lubrificante per i freni e la catena sono prodotti petroliferi e indovina da dove vengono.il pianeta ci eliminerà spendendo pochissima della propria energia: faremo tutto da soli.restaranno solo gli insetti
  • Anonimo scrive:
    Re: I cinesi sfruttano gli open muli
    - Scritto da: Anonimo
    Che vergogna !!!forse il governo metterà in galera quelli che lo fanno, granzie alla pressione del wto.MOLTO UTILE IL WTO EH?mavvaff.....
  • Anonimo scrive:
    Re: Euro-Dollaro
    - Scritto da: Anonimo
    Lo sapevate che l'Iraq era l'unico
    produttore di petrolio che aveva iniziato a
    farsi pagare in Euro invece che in Dollari
    per contestare la politica del goverrno
    Americano?
    USAte questo pensiero per farvene venire in
    mente altri...
    Buona giornata.la popolazione iraquena e iraniana e africana in genere fa vivere la popolazione in un modo che non vorresti per te e la tua famiglia, per tua moglie e tua figlia, per tua madre, tua sorella e spesso pure per te.quel che è un problema sono i NOSTRI dirigenti che però mettono etica , morale e civilità sotto i piedi e commerciano con loro comunque, prendono manodopera e prodotti purchè loro ci guadagnino, impoverendo il nostro paese.Dobbiamo guardare più in casa, più nel nostro continente nel nostro governo e dire "quando appoggiate il culo a quelle sedie dovete pensare alla maggioranza della popolazione, ma non con l'intento di decimarla o affamarla!!!"
  • Sandro kensan scrive:
    Re: sempre +
    - Scritto da: Anonimo
    Più che quella del Sud chiederebbe
    quella del Nord, però i giapponesi
    non sarebbe molto d'accordo e quindi non si
    fa!Quella del nord è già in mano cinese, si può aggiungere che ci sono delle incomprensioni per via della megalomania del suo dittatore ma d'altro lato la stessa cosa vale per la corea del sud che ha accompagnato il presidente cinese durante l'acquisto delle infrastrutture Argentine (20 miliardi di $), non avrà fatto piacere a bush la cosa visto che il sudamerca è il cortile degli usa.
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: Anonimo
    Lo svalutamento el dollaro,potrebbe anche
    diventare un enorme problema per gli usa,per
    adesso certo un vantaggio, ma se gli arabi,
    se altri paesi, penso al sud america dove
    uno schieramento anti-usa si è
    formato con i vari chaveza, lula, ecc..
    inziassero a commerciare in euro invece che
    in dollaro cosa succedere alla potente
    america??....
    Con la carta si va avanti poco è la
    produzione che conta e quella è in
    cina...non solo.materie prime di cui ci siamo infarciti fino al midollo provengono tutte da paesi che non hanno democrazia.dal petrolio lassotto all'acciaio dall'altra parte ...ci siamo messi le palle sull'incudine e abbiamo attaccato un'altra incudine ai peli del naso.ECCIU'
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: Anonimo
    stiamo entrando in una nuova fase... anche
    le piccole-medie-grandi industrie se la
    fanno sotto... peccato che i frutti di anni
    di vantaggio tecnologico invece di
    investirli in progresso se li sono giocati
    in borsa e sperperati in ville e belle
    macchine... ed ora che i cinesini c'han
    raggiunto e le scarpe le san fare anche loro
    non ci resta che sperare nel salvagente
    europeo... in attesa dell'India...precisamente.e nel resto dell'europa però non sarà tanto meglio.negli states questo è successo già a partire dal 1996 ... in nome dell'aumento del profitto quando le cose andavano già a gonfie vele.sono solo AVIDI.
  • gerry scrive:
    Re: I cinesi sfruttano gli open muli
    - Scritto da: Anonimo
    Se ci saranno troppi problemi di questo tipo
    l'occidente eleverà dazi impossibili
    nei confronti delle merci cinesi (pan per
    focaccia), per cui io mi terrei
    l'automobile, costo del carburante
    permettendo...Il problema è che i dazi comunque li dovremo pagare noi....
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: YureW

    - Scritto da: Anonimo



    Ma se tu trovi lo stesso prodotto che
    costa

    2 euro made in china e 10 euro made in
    Italy

    cosa compri?

    Se ho perso il lavoro che l'industria
    italiana mi dava, e che mi ha levato per
    farlo fare in Cina, compro a 2 euro il
    prodotto cinese fatto in Cina piuttosto che
    a 10 euro il prodotto identico, made in
    Italy, e fatto in Cina.un plauso alla tua onestà e al tuo rifiuto di omettere la citazione delle CAUSE; bravo! davvero.domani però saranno i 2 euro ad essere i 10 di oggi ... e probabilmente, dato che più sotto di così non si potrà andare, semplicemente non ci potremo permettere niente, saremo solo poveri e poi morti.che sia il metodo umano di selezione naturale per diminuire la sovrappopolazione mondiale?eppure gli schiavi cinesi sono molti di più...mahIl bello è che nano e a GWB i "comunisti" fanno tanto schifo ... salvo quando poi si tratta di farli lavorare tutti quanti per una ciotola di riso al giorno ... togliendo lo stipendio ai propri connazionali.
  • Anonimo scrive:
    Re: io non parlo più
    - Scritto da: Lucrezia
    Ma se sei così bravo a dare addosso e
    solo te sai la verità assoluta,.
    perchè non hai fatto l'economista
    anzichè vivere nell'informatica? O
    forse sei solo capace di sparare cazzate
    stile bar sport?
    Strano, sei così intelligente eppure
    non vali un cazzo. Se valessi saresti a
    Bruxelles. MISTER SO TUTTO IO.Ma con chi ce l'hai? Guarda che per errore hai risposto a YureW, a me.Non so a chi volevi rispondere, ma credo che tu abbia sbagliato mira.
  • Anonimo scrive:
    Re: sempre +

    Potrebbe chiedere la corea del sud ora in
    mano americana... :)Più che quella del Sud chiederebbe quella del Nord, però i giapponesi non sarebbe molto d'accordo e quindi non si fa!
  • Anonimo scrive:
    Re: la cina imploderà
    la questione è ASSAI più complessa... 1) Le risorse sono limitate, più persone ci sono a mangiare alla torta,meno torta tocca ad ognuno.....2) Il paese con l'economia più forte, domina non solo economicamente domina anche culturalmente (nn sò a te, ma a me la cultura cinese può interessare, ma certi modelli sociali fanno paura...)La tua previsione è sbagliata, no perchè lo dico io, ma lo dice la casa bianca, gli usa dichiarano che nel 2017 il livello economico della cina supererà quello degli usa.....
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: Anonimo
    Infatti la globalizzazione alimenta soltanto
    la schiavitù dei paesi colonizzati.
    Se si introducessero tasse sull'importazione
    da paesi in via di sviluppo si smetterebbero
    tutte le ingiustizie... ma i pro-global sono
    convinti del contrario... "Tutti i paesi
    devono passare un periodo di
    semi-schiavitù per diventare
    competitivi, guardate la Svezia" è
    praticamente il loro motto... :@il bello è che nel periodo che poteva essere di massima attenzione per il movimento no-global, questo è stato fatto passare per un movimento di violenti, per "la gente che ha spaccato la roba a genova", facendo perdere di vista QUESTO che è il punto centrale della faccenda.Questo meccanismo genera povertà, lo dicono con queste stesse parole anche gli economisti.Ma è poi ovvio. Che poi sia anche ovvio che la ricchezza genera ricchezza, è altrettanto ovvio ... ma non la ricchezza di uno, ma quella generalizzata. Se tutti possiamo comprare, tutti compreremo, chiaro, no?Ma se io ho perso il lavoro o o una vita talmente schifosa (devo lavorare per troppe ore al giorno e male) che non posso comprare nulla, non compro ... quindi l'importante diventa il prezzo basso, quindi chi produce al minimo, quindi sfruttamento dove può essere perpetrato questo crimine e via andando
  • Sandro kensan scrive:
    Re: sempre +
    - Scritto da: Anonimo
    un miliardo di dollari, spenderà la
    cina per aiutare l'organizazione delle
    elezioni in iraq....crediamo veramente che
    non chiederà nulla in cambio!?Potrebbe chiedere la corea del sud ora in mano americana... :)
  • Sandro kensan scrive:
    Re: il petrolio c'è eccome!
    - Scritto da: ldsandon
    ...Non ha nessuna intenzione di essere
    "uno dei tanti" in una federazione europea,
    vuole essere lo "Czar" della Grande Russia.So pochissimo della Russia, sicuramente lo hai citato, comunque sottolineo il fatto di questi giorni e cioè la 1/2 rivoluzione che sta capitando in uno stato ex sovietico perché si stanno scontrando gente filooccidentale con gente filosovietica.
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: Anonimo
    non sai che il tanto bello e osannato WTO
    non permette di porre sanzioni sui prodotti
    fatti con il lavoro minorile?e chi lo osanna?per me le cause del male sono soprattutto dalle nostre parti.qualcuno dice "ecco quei poveracci cinesi ... guarda, sono anche sotto il giogo del totalitarismo.... ah ah!!! ben gli sta, COMUNISTI!!!... e allora io li sfrutto, che crepino"e intanto fotte anche tutti noi.
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: Anonimo

    Ma se tu trovi lo stesso prodotto che
    costa

    2 euro made in china e 10 euro made in
    Italy

    cosa compri?

    Non deve costare 2 euro!
    questo è il punto, per fortuna non ti fai incastrare.solo che non è solo il prezzo, ma le cause che portano a quel prezzo.se invece di mostrarti la scarpa figa ti mostrassero l'azienda che la produce, con intervista a sorpresa ai suoi lavoratori, a chi procura i materiali, ai fornitori ecc ecc, allora forse ti faresti un'idea un po' più umana.invece ti mostrano calciatori con godzilla, gente ch fa footing nel futuro, splendidi e splendide che non vedono l'ora di togliersi quegli splendidi acquisti che li hanno resi irresistibili per fare chissù cosa di eccitante...poi magari vedi che la tipa che ha attaccato quelle suole è stata portata via dal suo paesino povero ma onesto con la promessa di un lavoro che avrebbe sfamato la sua famiglia e invece lavora 19 ore al giorno con il pappagallo attaccato sotto perchè non è concesso alzarsi per pisciare.oppure che una squadra di 2000 persone è pagata come 30 delle nostre. si fa presto a fare quel tipo di concorrenza; loro vengono schiacciati, ma passano da "oggi mangio, ieri non mangiavo" ... ma non hanno alcun altro diritto che quello di sgobbare.Da noi ci impoveriamo sempre più, quindi OVVIAMENTE ci compriamo la roba che costa meno: quella cioè che hanno prodotto gli schiavi dall'altra parte del mondo, quelli che in fin dei conti sono stati causa della perdita del nostro lavoro (concausa, perchè ovviamente i piccoli non hanno colpa) ...Chi lavora con i grandi numeri raccoglie le nostre briciole una per una, sia di qua che di la e mette insieme, mette via, specula e si arricchisce.E noi invece diventiamo sempre più poveri.Voi non sapete nemmeno cosa significhi diventare *poveri* ma... tra un po' lo saprete eccome. Date a questi politici e imprenditori 10 anni e oltre a lavorare per mangiare e dormire, non saprete nemmeno se come animali senza pelo siete di una specie o di un'altra.
  • Sandro kensan scrive:
    Re: io non parlo più
    - Scritto da: YureW
    Bravo, diglielo chiaro che il WTO è
    un ente imparziale che ha a cuore solo lo
    sviluppo economico armonico, onesto e
    legale, rispettoso dei diritti umani e dei
    lavoratori, di tutti i paesi, e che non fa
    preferenze per nessuno.Concordo con l'ironia, credo che troppa gente mangi carta a colazione e poi parla come un libro stampato o come la pubblicità. I fatti stanno da una parte e le promesse scritte con l'inchiostro da un'altra, che io sappia non si incontrano mai, beh quasi mai, non voglio fare il pessimista :)
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: Anonimo, i quali

    potrebbero anche avere il buon gusto di
    non

    mettersi a frignare.

    Ma se tu trovi lo stesso prodotto che costa
    2 euro made in china e 10 euro made in Italy
    cosa compri?e loro, cinesi, cosa comprano, made in china o made da qualche altra parte?se hai a cuore il tuo paese, tuo padre e tua madre che costruiscono la stessa cosa e hanno fatto mangiare te e tengono adesso i tuoi figli, forse dovresti pensarci.non si tratta più di cosa comprare al supermercato (ma anche, certo!) ... si tratta di POLITICA, si tratta di dire "a noi, tutti popoli dell'europa e degli Stati Uniti, non sta bene di permettere il commercio con questi paesi"altro che embrago all'iraq ... la cina fa l'embargo a noi, ci ricatta con l'acciaio...non dovremmo mai commerciare con nessuno che ci può prendere per le palle e stringere forte.mai.
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: Anonimo
    Se l'Italia non comprasse dalla Cina la
    nostra industria sarebbe ancora meno
    competitiva e a quel punto perderemmo ancora
    più posti di lavoro.questo stato attuale di cose esiste perchè qualcuno ha innescato un circolo vizioso.finchè gli americani erano "PROUDLY MADE IN AMERICA" non avevano problemi ... poi si vede che la concorrenza che si fa fatica a mantenere onesta, legale , ha fatto pensare a qualcuno "e io vi frego tutti! vi faccio concorrenza facendo lavorare gente gratis! TIE'!!!"è chiaro che OGGI anche chi sarebbe onesto, se vuol rimanere in piedi è costretto a fare così.ma la strada potrebbe essere ancora un'altra: non si può far parte di un mondo "globale" se non si funziona allo stesso modo. Quindi se non c'è democrazia, se non c'è rispetto per i diritti umani, se la popolazione non ha controllo su sé stessa e non è libera, se non sei libero di parlare e di difendere o creare dei tuoi diritti, non sei in un paese come il nostro. Per tanto, finchè il tuo governo non ti mette in pari con noi, tu non puoi lavorare per il nostro stato.Questo dovrebbe venir detto e non "venite anche voi nel WTO"sarà solo uno sfacelo globale.
  • Lucrezia scrive:
    Re: io non parlo più
    Ma se sei così bravo a dare addosso e solo te sai la verità assoluta,. perchè non hai fatto l'economista anzichè vivere nell'informatica? O forse sei solo capace di sparare cazzate stile bar sport?Strano, sei così intelligente eppure non vali un cazzo. Se valessi saresti a Bruxelles. MISTER SO TUTTO IO.
  • Anonimo scrive:
    Re: la cina imploderà
    come farà bene alla concorrenza quando qui in Italia faremo la fine dell'argentina. Ma che ti fumi la mattina. La concorrenza fa bene all'interno di un paese, non tra paesi dove devi cercare di essere il primo. La ricchezza oggi è divisa in modo non equilibrato e puoi fare la tua bella vita perchè l'Italia fa parte dei paesi che mangiano la fetta grande. Ma se dividi la torta con tutti le fette diminuiscono. Ti voglio vedere quando la disoccupazione toccherà livelli spaventosi e per mettersi al pari ti faranno lavorare per 100 euro al mese.
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    Infatti la globalizzazione alimenta soltanto la schiavitù dei paesi colonizzati. Se si introducessero tasse sull'importazione da paesi in via di sviluppo si smetterebbero tutte le ingiustizie... ma i pro-global sono convinti del contrario... "Tutti i paesi devono passare un periodo di semi-schiavitù per diventare competitivi, guardate la Svezia" è praticamente il loro motto... :@
  • Anonimo scrive:
    Re: Neanche LINUX?
    Che cosa hai assunto prima di scrivere il tuo esilarante commento?
  • Anonimo scrive:
    Re: I cinesi sfruttano gli open muli

    Guarda che non comprano nulla nemmeno usando
    Win. Semplicemente non pagano licenze e
    basta.commettono una illegalità che è diverso. Se Microsoft dovesse mai inventarsi un sistema infallibile antipirateria la Cina si attaccherebbe.
    E Bill ha detto un'altra cagata, quando ha
    detto che l'Open Source farà cadere
    l'economia occidentale. Quello che la Cina
    fa è economia in puro stile
    occidentale, in cui chi è più
    forte lo mette dietro agli altri,
    esattamente come fa Bill. E quando Bill lo
    prenderà dietro, se accadrà,
    sarà grazie alle stesse regole che
    gli fa comodo seguire: chi può frega
    gli altri, e chi non può che crepi
    pure.Mi sembra molto più disonesto questo sistema cinese. Anche se un prodotto è migliore viene bloccato dal governo che lo censura. Inoltre il concetto è che se Bill cade il suo giro d'affari va in altre mani (da microsoft magari a Mac). Qui invece no, si perdono solo posti di lavoro.
    La Cina è un prodotto occidentale, un
    allievo che supera il maestro.
    Comprati una bicicletta e preparati al
    futuro, e ringrazia i tuoi Bill ed i tuoi
    governanti: sono loro che ti hanno venduto
    ai cinesi.la Cina è un plagio all'economia occidentale dato che non rispettano nulla. La colpa è soprattutto di coloro che investono li e di altri che "mossi a compassione" si preoccupano di informatizzare la Cina. Per guadagnare di più intel gli dà linux e questi domani si faranno i processori e glielo metteranno dietro anche a loro. Le aziende ragionano max a tempi di 6 mesi mentra la Cina si sta preparando per fregarci tra 10 anni. Ed i comunisti ridono felici senza capire che da una simile botta chi cade è l'europa, non gli usa. Se l'Euro che è forte blocca il commercio figurati i prodotti realizzati dagli schiavi cinesi che potranno fare. Tanto alla fine gli States avranno sempre tecnologie più avanzate dei cinesi. Alla fine il mercato che fregano è quello nostro.
  • Anonimo scrive:
    Re: HASTA LA VICTORIA SIEMPRE !!!
    Stavano meglio prima... con il comunismo erano tutti allo stesso livello (seppur precario) ma con l'introduzione del capitalismo massiccio è successo che si è creata una disparità fra i ceti abissale... oggi praticamente sono ricchi i militari di alto rango e i poco onesti... te lo dice uno che ha lavorato in una località turistica a contatto con molti russi, che praticamente "scavalcano" lo stato con bustarelle dappertutto (persino a scuola per superare l'anno) mentre i poveracci a malapena hanno di che vivere... mentre prima almeno una minima garanzia ce l'avevano...Non voglio difendere il comunismo sovietico, però, assolutamente... voglio solo dire che il governo "democratico" di adesso è peggiore del precedente.
  • ldsandon scrive:
    Re: il petrolio c'è eccome!

    possibilità di far entrare la russia
    nelle europa e lasciar perdere la falsaPutin non ha nessuna intenzione di entrare in Europa. E d'altra parte non vedo come si possa far entrare in Europa un paese semidemocratico - o pseudodemocratico - come l'attuale Russia. La situazione dell'Ucraina - ma anche quella in Bielorussia (di fatto un regime autoritario appoggiato da Mosca), in Moldavia (metà del territoriio in mano a separatisti filosovietici che non riconoscono il governo centrale) - e nelle altre repubbliche ex-sovietiche è esemplare della politica "Putiniana" di ricreare una "Grande Russia" con al centro Mosca. Non ha nessuna intenzione di essere "uno dei tanti" in una federazione europea, vuole essere lo "Czar" della Grande Russia.
  • Anonimo scrive:
    Re: la cina imploderà
    Si può sapere xkè molti di voi abbiano "paura" della crescita cinese? Chi dice che per frenare l'oriente l'occidente ha il dovere di adoperarsi, anche militarmente, come se l'occidente avesse la preferenza sul mercato mondiale...C'è chi dice che l'economia mondiale subirà gravi conseguenze... ma vi rendete conto che sono grandi sciocchezze? Qualsiasi studioso di economia vi potrà dire che la concorrenza potrà sempre far bene... l'occidente fra poco dovrà trovare una maniera assolutamente no-global per far fronte alle proprie esigenze, perchè la Cina, una volta che avrà raggiunto un'economia stabile ed efficiente (e ha i numeri per farlo) smetterà di favorire l'esportazione... tenete conto che la popolazione cinese si sta lentamente arricchendo (e di certo non per la globalizzazione... semplicemente hanno un sistema finanziario molto efficiente... infatti la roba cinese "indigena" resta in Cina, ad es. la tecnologia) e fra non molto potrà vantare un livello di ricchezza pari a quello europeo (prevedo 10-15 anni, ma forse molto meno) e si dovrà trovare una maniera di far andare avanti senza approfittarsi del più povero, insomma, bisognerà tornare all'economia di 50 anni fa, quando tutto o quasi veniva prodotto in casa. Smettendo così le iniquità che ci sono tutt'ora nell'attuazione della gloabalizzazione (che in Cina ha però assunto un connotato diverso, visto lo stretto controllo delle autorità cinesi... che secondo me dovrebbero adottare tutti i paesi neocolonizzati - senza però essere invasivi sulla popolazione) e favorendo la concorrenza non solo all'interno dello stesso occidente, ma anche tra occidente e oriente...
  • Anonimo scrive:
    Re: HASTA LA VICTORIA SIEMPRE !!!
    Ti manderei in Cina a vedere come si vive....altro che comunista...il comunismo neanche sui libri l'hai capito!! Oppure ti piace il disegnino della falce e il martello....pedala ragazzo e vai a chiedere ai cari vecchi comunisti sovietici se stanno meglio ora o prima...
  • ldsandon scrive:
    Re: globalizzare anche i diritti

    perché la nostra ricchezza si fonda
    sulla diversità dei compensi (ovveroSolo la ricchezza di produttori, importatori e rivenditori - non la nostra. È certo più comodo produrre un manufatto a costo 10 e rivenderlo a 100 invece di produrlo a costo 70 e rivenderlo a 100. Altrimenti non si capirebbe perché utlimamente si delocalizzano aziende in pefetto attivo, e i nuovi prodotti "delocalizzati" costano quanto quelli vecchi. Certo, se fate un giro in Paolo Sarpi a Milano potete comprare a prezzi "cinesi", ma i pantaloni che indosso di una nota marca di abbigliamento sono "made in Colombia" ma costano come se fossero "made in Italy".Del resto la stessa cosa succede per i prodotti agricoli - date un'occhiata a cosa costa il latte alla produzione e il prezzo finale.
  • Anonimo scrive:
    Re: I cinesi sfruttano gli open muli
    - Scritto da: Anonimo
    e che ti pensavi. La Cina vive negando
    copyright e diritti per poter copiare merci
    da immettere poi sul mercato. La Cina non
    sarebbe mai riuscita a produrre un OS e
    quindi sfruttando il lavoro degli open
    sourciari ci sono fatti la base. Ora si
    fanno il software e lo reimmetteranno
    taraccato. Al contrario loro non
    acquisteranno nulla. Un bello slancio
    all'economia.
    La cosa più divertente e che non
    hanno nemmeno sfruttato la loro manodopera
    ma quella straniera e anche gratis.
    Veramente da ridere.
    Non è che Bill aveva ragione, l'open
    source farà fallire l'economia
    occidentale? Va be, io inizio a comprare una
    bicicletta per abituarmi al futuroSe ci saranno troppi problemi di questo tipo l'occidente eleverà dazi impossibili nei confronti delle merci cinesi (pan per focaccia), per cui io mi terrei l'automobile, costo del carburante permettendo...Salutoni da GiGiO
  • Anonimo scrive:
    Re: I cinesi sfruttano gli open muli
    - Scritto da: Anonimo
    e che ti pensavi. La Cina vive negando
    copyright e diritti per poter copiare merci
    da immettere poi sul mercato. La Cina non
    sarebbe mai riuscita a produrre un OS e
    quindi sfruttando il lavoro degli open
    sourciari ci sono fatti la base. Ora si
    fanno il software e lo reimmetteranno
    taraccato. Al contrario loro non
    acquisteranno nulla. Un bello slancio
    all'economia.
    La cosa più divertente e che non
    hanno nemmeno sfruttato la loro manodopera
    ma quella straniera e anche gratis.
    Veramente da ridere.
    Non è che Bill aveva ragione, l'open
    source farà fallire l'economia
    occidentale? Va be, io inizio a comprare una
    bicicletta per abituarmi al futuroGuarda che non comprano nulla nemmeno usando Win. Semplicemente non pagano licenze e basta.E Bill ha detto un'altra cagata, quando ha detto che l'Open Source farà cadere l'economia occidentale. Quello che la Cina fa è economia in puro stile occidentale, in cui chi è più forte lo mette dietro agli altri, esattamente come fa Bill. E quando Bill lo prenderà dietro, se accadrà, sarà grazie alle stesse regole che gli fa comodo seguire: chi può frega gli altri, e chi non può che crepi pure.La Cina è un prodotto occidentale, un allievo che supera il maestro.Comprati una bicicletta e preparati al futuro, e ringrazia i tuoi Bill ed i tuoi governanti: sono loro che ti hanno venduto ai cinesi.==================================Modificato dall'autore il 29/11/2004 13.37.46
  • Anonimo scrive:
    Re: HASTA LA VICTORIA SIEMPRE !!!
  • Anonimo scrive:
    Re: I cinesi sfruttano gli open muli
    e che ti pensavi. La Cina vive negando copyright e diritti per poter copiare merci da immettere poi sul mercato. La Cina non sarebbe mai riuscita a produrre un OS e quindi sfruttando il lavoro degli open sourciari ci sono fatti la base. Ora si fanno il software e lo reimmetteranno taraccato. Al contrario loro non acquisteranno nulla. Un bello slancio all'economia. La cosa più divertente e che non hanno nemmeno sfruttato la loro manodopera ma quella straniera e anche gratis. Veramente da ridere. Non è che Bill aveva ragione, l'open source farà fallire l'economia occidentale? Va be, io inizio a comprare una bicicletta per abituarmi al futuro
  • Anonimo scrive:
    HASTA LA VICTORIA SIEMPRE !!!
    - Scritto da: avvelenato


    la cina è abbastanza grande da poter
    realizzare un'efficiente economia
    autarchica.HASTA LA VICTORIA SIEMPRE !!!http://www.nixp.ru/pub/walls/linux_communist.jpg(linux)(linux)(linux)
  • Anonimo scrive:
    I cinesi sfruttano gli open muli
    Che vergogna !!!
  • Anonimo scrive:
    Re: Neanche LINUX?
    - Scritto da: Anonimo
    hanno fatto la loro distro, RedFlag Linux,
    basata su Fedorapraticamente hanno fatto una distro basata su una distro... che bello, questa si che è programmazione e libertà... ma andate a cag*** va...a me sto linux preoccupa davvero... già il fatto che i cinesi lo sfruttano per alimentare il loro comunismo arrapato mi fa pensare che l'open source vada a vantaggio solo dei più furbi e non dei più meritevoli/* no all'open source, non alla cina, non al comunismo: no ai falsi buonisti
  • Anonimo scrive:
    Re: la cina imploderà
    guarda che non hai bene chiaro com'è il rapporto di forze...ora come ora..è la cina che può far fallire l'economia usa e non viceversa....purtroppo...
  • avvelenato scrive:
    Re: la cina imploderà
    - Scritto da: Anonimo
    quando la cina toccherà troppo gli
    interessi usa sul software e hardwar
    cominceranno a succedere delle belle,
    l'europa e gli usa non comprerà
    più prodotti cinesi nemmeno a 1 E
    perchè chi è disoccupato non
    compra e la cina se diminuisce il pil entra
    in crisi e con la crisi ci sono le
    rivoluzion isociali e salterà il
    regime attuale.la cina è abbastanza grande da poter realizzare un'efficiente economia autarchica.forse.
  • Anonimo scrive:
    la cina imploderà
    quando la cina toccherà troppo gli interessi usa sul software e hardwar cominceranno a succedere delle belle, l'europa e gli usa non comprerà più prodotti cinesi nemmeno a 1 E perchè chi è disoccupato non compra e la cina se diminuisce il pil entra in crisi e con la crisi ci sono le rivoluzion isociali e salterà il regime attuale.
  • Anonimo scrive:
    Re: io non parlo più
    Bravo, diglielo chiaro che il WTO è un ente imparziale che ha a cuore solo lo sviluppo economico armonico, onesto e legale, rispettoso dei diritti umani e dei lavoratori, di tutti i paesi, e che non fa preferenze per nessuno.
  • Anonimo scrive:
    Re: Euro-Dollaro
    - Scritto da: Anonimo
    Lo sapevate che l'Iraq era l'unico
    produttore di petrolio che aveva iniziato a
    farsi pagare in Euro invece che in Dollari
    per contestare la politica del goverrno
    Americano?
    USAte questo pensiero per farvene venire in
    mente altri...
    Buona giornata.quoto in pieno .. :-) che strane le guerre vero ?
  • Anonimo scrive:
    Re: Neanche LINUX?
    hanno fatto la loro distro, RedFlag Linux, basata su Fedora
  • Anonimo scrive:
    Re: io non parlo più
    si va bè, come nostiamo tutti a crederci
  • Anonimo scrive:
    Re: Prima o poi arriveranno qui
    Da quello che scrivi immagino che non sei mai stato in Cina!!!!!!!Prima di dar fiato alla bocca vai a vedere che tipo di organizzazione hanno! La Cina non è il Giappone!!! 25 persone per fare quello che qui si fa in una persona!!! Solo che comunque costa 25 dollari al posto di 100 di quell'unica persona! Sulla qualità tralasciamo! Per ottenere un pezzo di qualità accettabile si producono scarti enormi!!!!!!!!!Aggiornati!!!!!! Ed informati!!!!!!!- Scritto da: Anonimo
    E' inutile fare discorsi contro la cina o
    l'india prima o poi arriveranno qui sono
    come treni non li puoi fermare.
    Oggi hanno qualità e prezzo ES: 1
    porta blindata costa 90$ contro i qualche
    centinaio di euro nostri..... e la
    qualità è identica alla
    nostra.
    Hanno alta qualità su prodotti
    standard e più passa il tempo inoltre
    più riescono a colmare le varie
    lacune qualitative su altri prodotti /
    fascie di mercato.
    Inoltre sono molto ben organizzati e
    strutturati non certo posso dire lo stesso
    delle aziende italiane.
    Per noi è una trappola visto che
    viene il mercato asiatico è ritenuto
    importante ma non ci si rende conto che i
    veri mercati siamo noi e mercanti loro...
    L'unica nostra speranza è la
    creatività....
  • Anonimo scrive:
    Re: Neanche LINUX?
    - Scritto da: The Raptus
    .. siccome nn è fatto in Cina,
    poerchè lo usano?perché ne possono controllare ogni riga di codice. inoltre non devono pagare alcun diritto a nessuno per usarlo.In pratica è come se fosse stato fatto in Cina
  • The Raptus scrive:
    Neanche LINUX?
    .. siccome nn è fatto in Cina, poerchè lo usano?.. come fanno ad usare *tutto* solo cinese, neppure al 50%.Mi stupisce 'sta gente, ma aor più chi non pensa a 'sto problema, dice "la cine è una sfida", poi non mette neppure un minimo vincolo. ... Magari perchè danneggerebbe CHI in cina già ha investito?mah! io sono solo preoccupato, non ho iù lavoro.
  • Anonimo scrive:
    Il Linux però se lo cuccano
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: Anonimo

    Ma se tu trovi lo stesso prodotto che costa
    2 euro made in china e 10 euro made in Italy
    cosa compri?Se ho perso il lavoro che l'industria italiana mi dava, e che mi ha levato per farlo fare in Cina, compro a 2 euro il prodotto cinese fatto in Cina piuttosto che a 10 euro il prodotto identico, made in Italy, e fatto in Cina.
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    non sai che il tanto bello e osannato WTO non permette di porre sanzioni sui prodotti fatti con il lavoro minorile?
  • Anonimo scrive:
    Re: io non parlo più
    credi che l'america sia meglio? tutto il carrozzone del WTO e' un apparato protezionistico a favore degli usa, altro che libero scambio.
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *

    Ma se tu trovi lo stesso prodotto che costa
    2 euro made in china e 10 euro made in Italy
    cosa compri?Non deve costare 2 euro!I prodotti del lavoro in schiavitu' vanno tassati ai massimi.Deve essere considerato al pari del lavoro minorile, una piaga della societa'.I gerarchi di pechino hanno capito tutto, invece i nostri grandi industriali mirano ad un popolo di lavoratori schiavi (infatti la manodopera sta andando tutta la') ma che siano anche consumisti per comprare le loro merci superflue pompate a suon di slogan pubblicitari.POVERA ITALIA.
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *


    Se l'industria la smettesse di giocare a
    "fare la competitiva" e basasse la propria
    attività su paradigmi meno imbecilli
    di quelli che segue ora, non perderemmo un
    accidente.
    Visto che un branco di malati mentali si
    riempie la bocca di "mission" aziendali, di
    "compettitività", di
    "ottimizzazione", di "public relation", di
    "marketing", di "branding", di "outsourcing"
    e di ridicole menate del genere, le robe
    vanno come vanno.
    Basterebbe lavorare, produrre e vendere,
    guadagnando l'onesto nel rispetto di chi
    lavora e di chi compra, seguendo un'etica e
    pretendendo che tutti lo facciano, e certe
    grane con la Cina non ci sarebbero.
    Invece i "grandi manager" fanno la gara a
    chi è più furbo e a chi frega
    meglio lavoratori, clienti e Stato, e
    naturalmente quando arriva uno ancora
    più grande e furno, si prende tutto.
    La Cina sta giocando secondo le regole
    volute dai nostri industriali, i quali
    potrebbero anche avere il buon gusto di non
    mettersi a frignare.Ma se tu trovi lo stesso prodotto che costa 2 euro made in china e 10 euro made in Italy cosa compri?
  • Anonimo scrive:
    Re: Euro-Dollaro
    Lo sapevate che l'Iraq era l'unico produttore di petrolio che aveva iniziato a farsi pagare in Euro invece che in Dollari per contestare la politica del goverrno Americano?USAte questo pensiero per farvene venire in mente altri...Buona giornata.
  • Anonimo scrive:
    Re: globalizzare anche i diritti
    - Scritto da: Anonimo
    solo con pari condizioni dei lavoratori si
    ottiene una competizione tra pari.
    Cosi' abbiamo solo competizione tra esseri
    umani e schiavi.Purtroppo se si ottengono pari condizioni il prezzo delle tue scarpe e del tuo telefonino aumentano...Così come tutto il resto, perché la nostra ricchezza si fonda sulla diversità dei compensi (ovvero pagare il rame sottocosto, il cotone sottocosto e via così).O si comincia a vivere in maniera più equilibrata o nisba.Non si tratta di vivere in povertà, si tratta di avere solo una tv in casa al posto di 4-5, e non dare cellulari anche al proprio cane, usare l'auto solo se serve e non anche per andare a buttare la spazzatura nel cassoneto di fronte casa, etc...
  • Anonimo scrive:
    Re: io non parlo più

    Hai mai visto la tassa sulle banane e gli
    incentivi alla mela della val sugana?Esistono, non sono tasse ma regolazioni sui prodotti.In pratica in europa si possono commerciare banane con delle certe caratteristiche, le caratteristiche di quelle che producono le ex colonie europee...
  • Anonimo scrive:
    globalizzare anche i diritti
    solo con pari condizioni dei lavoratori si ottiene una competizione tra pari.Cosi' abbiamo solo competizione tra esseri umani e schiavi.
  • Anonimo scrive:
    Re: Prima o poi arriveranno qui
    - Scritto da: Anonimo
    sono gia qui ,nel triveneto stanno comprano
    aziende a tutto spiano
    inserto economia del corriere della sera del
    lunedi di circa
    2 settimane fa...ci stanno semplicemente conquistando.Siano solo fortunati che non usano le bombe come gli americani :-)
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: Anonimo
    Se l'Italia non comprasse dalla Cina la
    nostra industria sarebbe ancora meno
    competitiva e a quel punto perderemmo ancora
    più posti di lavoro.Se l'industria la smettesse di giocare a "fare la competitiva" e basasse la propria attività su paradigmi meno imbecilli di quelli che segue ora, non perderemmo un accidente.Visto che un branco di malati mentali si riempie la bocca di "mission" aziendali, di "compettitività", di "ottimizzazione", di "public relation", di "marketing", di "branding", di "outsourcing" e di ridicole menate del genere, le robe vanno come vanno.Basterebbe lavorare, produrre e vendere, guadagnando l'onesto nel rispetto di chi lavora e di chi compra, seguendo un'etica e pretendendo che tutti lo facciano, e certe grane con la Cina non ci sarebbero. Invece i "grandi manager" fanno la gara a chi è più furbo e a chi frega meglio lavoratori, clienti e Stato, e naturalmente quando arriva uno ancora più grande e furno, si prende tutto.La Cina sta giocando secondo le regole volute dai nostri industriali, i quali potrebbero anche avere il buon gusto di non mettersi a frignare.
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    Lo svalutamento el dollaro,potrebbe anche diventare un enorme problema per gli usa,per adesso certo un vantaggio, ma se gli arabi, se altri paesi, penso al sud america dove uno schieramento anti-usa si è formato con i vari chaveza, lula, ecc.. inziassero a commerciare in euro invece che in dollaro cosa succedere alla potente america??.... Con la carta si va avanti poco è la produzione che conta e quella è in cina...
  • Anonimo scrive:
    Re: Prima o poi arriveranno qui
    sono gia qui ,nel triveneto stanno comprano aziende a tutto spianoinserto economia del corriere della sera del lunedi di circa 2 settimane fa...
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    - Scritto da: Anonimo
    stiamo entrando in una nuova fase... anche
    le piccole-medie-grandi industrie se la
    fanno sotto... peccato che i frutti di anni
    di vantaggio tecnologico invece di
    investirli in progresso se li sono giocati
    in borsa e sperperati in ville e belle
    macchine... ed ora che i cinesini c'han
    raggiunto e le scarpe le san fare anche loro
    non ci resta che sperare nel salvagente
    europeo... in attesa dell'India...Il salvagente europeo?Quello è un salvagente di pietra....persino gli americani lo usano per affossarci!!!! 1?=1,34$........
  • Anonimo scrive:
    A noi è
    A noi è stato chiesto di fare le privatizzzioni, di far entrare nel nostro mercato gli altri operatori per poter aderire al WTO,al gigante cinese non è stato chiesto niente, ed ora è così forte, più forte dell'europa e degli usa, che nessuno può chiedergli niente...
  • Anonimo scrive:
    Re: sempre +
    un miliardo di dollari, spenderà la cina per aiutare l'organizazione delle elezioni in iraq....crediamo veramente che non chiederà nulla in cambio!?
  • Anonimo scrive:
    Prima o poi arriveranno qui
    E' inutile fare discorsi contro la cina o l'india prima o poi arriveranno qui sono come treni non li puoi fermare.Oggi hanno qualità e prezzo ES: 1 porta blindata costa 90$ contro i qualche centinaio di euro nostri..... e la qualità è identica alla nostra.Hanno alta qualità su prodotti standard e più passa il tempo inoltre più riescono a colmare le varie lacune qualitative su altri prodotti / fascie di mercato.Inoltre sono molto ben organizzati e strutturati non certo posso dire lo stesso delle aziende italiane.Per noi è una trappola visto che viene il mercato asiatico è ritenuto importante ma non ci si rende conto che i veri mercati siamo noi e mercanti loro...L'unica nostra speranza è la creatività....
  • Anonimo scrive:
    Re: il petrolio c'è eccome!
    - Scritto da: AnonimoCondivido le osservazioni, aggiungo che la Cina e' gia' presente nel mercato petrolifero delle risorse africane.
  • Anonimo scrive:
    il petrolio c'è eccome!
    Attualmente la Cina consuma molto carbone ma sta rapidamente convertendo centrali per lo sfruttamento del petrolio. Il petrolio in Cina sta subendo una forte crescita e sono gia stati stipulati accordi con compagnie russe. (prima yukos ora luokoil) In virtu della rinnovata intesa russo/cina per la condivisione e lo sviluppo di tecnologie militari (nuovi sottomarini, nuove fregate, nuovi vettori) le relazioni fra i due paesi si stanno cementando. Motivo per cui bisogna ragionare sulla possibilità di far entrare la russia nelle europa e lasciar perdere la falsa storia della turchia. Una russia in europa sarebbe un grande vantaggio e soprattutto un importante mezzo per poter controllare quelli che probabilmente saranno i nostri nemici di domani e, ragionando con ottica da politica di equilibrio (o anche made in Kissinger)utilizzare i nostri nemici del domani per argianre i nostri nemici dell oggi. A questo proposito menziono il grande sforzo USA di far entrare la Cina nel mercato petrolifero arabo...se la Cina domanda e compra in territorio arabo essa sarà anche un potente argine contro i nostri attuali pericolosi amici.
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    stiamo entrando in una nuova fase... anche le piccole-medie-grandi industrie se la fanno sotto... peccato che i frutti di anni di vantaggio tecnologico invece di investirli in progresso se li sono giocati in borsa e sperperati in ville e belle macchine... ed ora che i cinesini c'han raggiunto e le scarpe le san fare anche loro non ci resta che sperare nel salvagente europeo... in attesa dell'India...
  • Anonimo scrive:
    Re: * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    Se l'Italia non comprasse dalla Cina la nostra industria sarebbe ancora meno competitiva e a quel punto perderemmo ancora più posti di lavoro.
  • Anonimo scrive:
    sempre +
    ogni volta che leggo una notizia sulla cina e il suo atteggiamento protezionistico mi vien da pensare che prima o poi a forza di pestare i piedi al resto del mondo causeranno una guerra. fortuna che non c'è il petrolio in ballo, ma prima o poi si scontreranno con interessi troppo grandi per farla franca...
  • Anonimo scrive:
    * E NOI COMPRIAMO DA LORO *
    eccezionale.i nostri imprenditori e il nostro governo dicono "OK CINA!" evviva la cina, diamogli lavoro, togliamolo alla nostra manodopera, da loro costa meno!così da noi le condizioni negoziabili sono sempre più infime e poi dopo la scusa che in giro c'è di meglio - per fotterci in condizioni sindacali o contrattuali - comunque il lavoro lo portano via ... infatti come sarebbe possibile competere con gli schiavi?fantastico. mi viene in mente quel tale dell'industria discografica che in relazione al p2pfilesharing disse "come è possibile competere con il gratis?". AHHH ma allora quando invece del lavoro e della vita dei vostri lavoratori si tocca il vostro introito, allora questo discorso vale eh?i lavoratori schiavizzati e desindacalizzati (leggere altro articolo di punto informatico dove alle persone non è nemmeno CONSENTITO RICORDARE i morti di piazza Tien An Men [spero di averlo scritto correttamente altrimenti correggetemi pure] ) costano sicuramente meno di qualsiasi altro del mondo occidentale civilizzato.tutti questi anni a costruire una umanità migliore e poi 8 mercanti la distruggono in favore di lavoro svolto per una ciotola di riso.e loro in quella ciotola ci sputano più che volentieri, come avete visto. Sarà forse per inumidire la sbobba.
  • Anonimo scrive:
    Re: io non parlo più
    - Scritto da: Anonimo
    avete visto il liberismo della Cina.
    Chi era che diceva che la Cina è
    aperta agli scambi? Non saprei, era fuori strada di sicuro, ma quale grande potenza è favorevole agli scambi se non quelli a proprio favore?Gli USA con l'acciaio e gli alimenti, gli europei con l'agricoltura, la cina con la tecnologia, la russia con quasi tutto.Sei uscito da una distorsione dello spazio tempo?
  • Anonimo scrive:
    io non parlo più
    avete visto il liberismo della Cina. Chi era che diceva che la Cina è aperta agli scambi? E gli passate anche linux, ma tornassero con il dos
Chiudi i commenti