Fujitsu Siemens lancia il PC zero-watt

Quando viene spento non assorbe energia elettrica e, nonostante ciò, può ancora essere amministrato da remoto
Quando viene spento non assorbe energia elettrica e, nonostante ciò, può ancora essere amministrato da remoto

Nel corso della celebre fiera tedesca CeBIT , che aprirà i battenti proprio oggi, il produttore europeo Fujitsu Siemens Computers presenterà una nuova linea di PC aziendali capaci di assorbire, quando spenti, una quantità di energia elettrica virtualmente nulla.

Fujitsu Siemens ha spiegato che i PC tradizionali, quando non vengono fisicamente scollegati dalla rete elettrica, consumano da 1 a 4 watt anche quando sono spenti. Questo è da imputare in parte all’assorbimento passivo dei trasformatori, in parte al fatto che certi circuiti della scheda madre rimangono sotto tensione per consentire l’accensione a distanza del PC: questa funzione serve soprattutto in ambito aziendale, dove spesso le operazioni di aggiornamento e manutenzione dei sistemi vengono effettuate in modalità remota e durante le ore notturne, quando i computer sono inutilizzati.

L’Esprimo 7935 sarà il primo PC aziendale di Fujitsu Siemens ad utilizzare la nuova modalità di spegnimento “soft” senza consumo energetico, modalità che rende ancora possibile accendere il PC a distanza. Partner ideali del nuovo green PC sono i monitor zero-watt che Fujitsu Siemens ha svelato presso il CeBIT dello scorso anno: quando si trovano in standby, questi dispositivi non consumano un solo milliwatt.

Sebbene i consumi in standby di PC e periferiche siano generalmente molto ridotti, anche un solo watt consumato può incidere in modo significativo sulla bolletta elettrica annuale di una grande organizzazione.

Tra le altre caratteristiche “verdi” dell’Esprimo 7935 c’è l’adozione di un alimentatore con una efficienza sopra la media, pari all’89%, e l’impiego di una scheda madre totalmente priva di alogeni e piombo. Infine, il PC è conforme allo standard Energy Star 5.0 appena ratificato dalla US Environmental Protection Agency (EPA).

Atteso sul mercato europeo intorno a metà anno, l’Esprimo 7935 avrà un costo compreso tra 600 e 700 euro.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

02 03 2009
Link copiato negli appunti