Fujitsu svela il piatto ultradenso

Il produttore giapponese ha svelato una nuova tecnologia con cui conta di sestuplicare l'attuale capacità degli hard disk. Il futuro fra due anni


Tokyo (Giappone) – Con la parziale rinuncia di IBM a combattere sull’ormai estremamente concorrenziale mercato degli hard disk per PC e notebook, Fujitsu pare sempre più intenzionata a conquistare la leadership tecnologica del settore. Alcuni giorni fa il produttore giapponese ha infatti annunciato lo sviluppo di una tecnologia di lettura/scrittura in grado di incrementare drasticamente l’attuale densità di memorizzazione dei dati sui piatti di un hard disk.

Fujitsu sostiene che questa nuova tecnica potrà portare alla produzione di hard disk da 2,5 pollici in grado di archiviare fino a 180 GB di dati per piatto, raggiungendo così una densità di memorizzazione circa sei volte maggiore rispetto a quella attuale.

La nuova tecnologia, chiamata Current-Perpendicular-to-Plane mode Giant Magneto-Resistive (CPP-GMR), consiste in testine molto più sensibili ai segnali rispetto a quelle attuali e capaci di leggere e scrivere i bit in spazi di memorizzazione assai più compatti.

Fujitsu, che conta di rilasciare i primi prodotti basati sulla tecnologia CPP-GMR entro due anni, prevede di avvalersi delle nuove testine dapprima sugli hard disk da 2.5 pollici per notebook ed eventualmente, ma in un secondo tempo, anche sui dischi da 3,5 pollici utilizzati sui PC desktop. L’azienda sostiene che questo salto di capacità potrebbe tuttavia rendere i dischi da 3,5 pollici obsoleti, facilitando dunque l’adozione, anche sui computer desktop, di un fattore di forma più contenuto.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    però date anche questa notizia
    http://techupdate.zdnet.com/techupdate/stories/main/0,14179,2865455,00.htmlAlmeno si completa il quadro, dimostrando che dietro questi dottissimi studi si nascondono pienissimi portafogli
  • Anonimo scrive:
    abbiamo qui l'emblema di un linuxaro
    spara panzane.a tutte le ditte che sperano in linux leggetele fesserie che scrive questo ignurant e spaventatevi, rimanete con win se capitate nelle mani di tipi del genere altro che il costo delle licenze win vi potrebbe costare l'azienda.- Scritto da: Bianco
    quante cacchaite che hai detto !
    io fornisco server linux e al massimo ogni
    tanto quando esce la versione aggiornata
    della tal distro faccio l' aggiornamento,
    mai avuto un problema e mai compilato un
    kernel..amico le caga** le dici tu le varie distribuzioni forniscono kernel compilati per un utilizzo di default, quindi per applicazioni di uso normale, se vuoi la velocita la robustezza ecc.. deve perforza compilare , in particolar modo per rendere performante il kernel e dimagrirlo dei vari moduli non necessari. (e questo in particolar modo per un server)IO uso winzoz e lo so tu che fornisci server linux dovresti saperlo meglio di me quindi ergo sei un pir** come tutti i linuxari che bazicano sto forum.
    voi winzozzari siete proprio
    fissati che se uno vuole usare linux deve
    mettersi li a prgorammare da solo, ho non si
    riesce micca a cavarvi dalla testa questa
    colossale stupidata !ca**o cio che sbandierate in giro e avere i sorgenti del kernel ed ora vi tirate indietro, che significa questo molto semplice fra dire e compilare ce di mezzo l'ignoranza, quindi giu di distribuziononi simil winzozz.ma fatemi il piacere andate a ......
    • Anonimo scrive:
      Re: abbiamo qui l'emblema di un linuxaro
      le panzane le stai sparando microtost.- Scritto da: microtost
      spara panzane.

      a tutte le ditte che sperano in linux leggete
      le fesserie che scrive questo ignurant e
      spaventatevi, rimanete con win se capitate
      nelle mani di tipi del genere altro che il
      costo delle licenze win vi potrebbe costare
      l'azienda.


      - Scritto da: Bianco

      quante cacchaite che hai detto !

      io fornisco server linux e al massimo ogni

      tanto quando esce la versione aggiornata

      della tal distro faccio l' aggiornamento,

      mai avuto un problema e mai compilato un

      kernel..


      amico le caga** le dici tu le varie
      distribuzioni forniscono kernel compilati
      per un utilizzo di default, quindi per
      applicazioni di uso normale, se vuoi la
      velocita la robustezza ecc.. deve perforza
      compilare , in particolar modo per rendere
      performante il kernel e dimagrirlo dei vari
      moduli non necessari. (e questo in
      particolar modo per un server)

      IO uso winzoz e lo so tu che fornisci server
      linux dovresti saperlo meglio di me quindi
      ergo sei un pir** come tutti i linuxari che
      bazicano sto forum.


      voi winzozzari siete proprio

      fissati che se uno vuole usare linux deve

      mettersi li a prgorammare da solo, ho non
      si

      riesce micca a cavarvi dalla testa questa

      colossale stupidata !

      ca**o cio che sbandierate in giro e avere i
      sorgenti del kernel ed ora vi tirate
      indietro, che significa questo molto
      semplice fra dire e compilare ce di mezzo
      l'ignoranza, quindi giu di distribuziononi
      simil winzozz.

      ma fatemi il piacere andate a ......
      • Anonimo scrive:
        Re: abbiamo qui l'emblema di un linuxaro
        quali sbalordiscimi- Scritto da: micromoll
        le panzane le stai sparando microtost.


        - Scritto da: microtost

        spara panzane.



        a tutte le ditte che sperano in linux
        leggete

        le fesserie che scrive questo ignurant e

        spaventatevi, rimanete con win se capitate

        nelle mani di tipi del genere altro che il

        costo delle licenze win vi potrebbe
        costare

        l'azienda.





        - Scritto da: Bianco


        quante cacchaite che hai detto !


        io fornisco server linux e al massimo
        ogni


        tanto quando esce la versione aggiornata


        della tal distro faccio l'
        aggiornamento,


        mai avuto un problema e mai compilato un


        kernel..





        amico le caga** le dici tu le varie

        distribuzioni forniscono kernel compilati

        per un utilizzo di default, quindi per

        applicazioni di uso normale, se vuoi la

        velocita la robustezza ecc.. deve perforza

        compilare , in particolar modo per rendere

        performante il kernel e dimagrirlo dei
        vari

        moduli non necessari. (e questo in

        particolar modo per un server)



        IO uso winzoz e lo so tu che fornisci
        server

        linux dovresti saperlo meglio di me quindi

        ergo sei un pir** come tutti i linuxari
        che

        bazicano sto forum.




        voi winzozzari siete proprio


        fissati che se uno vuole usare linux
        deve


        mettersi li a prgorammare da solo, ho
        non

        si


        riesce micca a cavarvi dalla testa
        questa


        colossale stupidata !



        ca**o cio che sbandierate in giro e avere
        i

        sorgenti del kernel ed ora vi tirate

        indietro, che significa questo molto

        semplice fra dire e compilare ce di mezzo

        l'ignoranza, quindi giu di distribuziononi

        simil winzozz.



        ma fatemi il piacere andate a ......
        • Anonimo scrive:
          Re: abbiamo qui l'emblema di un linuxaro
          ad esempio il solito disco rotto del kernel che a quanto pare vi stupisce sempre più visto che la continuate a menare con sta panzana.- Scritto da: miroamollaneltuoc

          quali sbalordiscimi
          - Scritto da: micromoll

          le panzane le stai sparando microtost.





          - Scritto da: microtost


          spara panzane.





          a tutte le ditte che sperano in linux

          leggete


          le fesserie che scrive questo ignurant
          e


          spaventatevi, rimanete con win se
          capitate


          nelle mani di tipi del genere altro
          che il


          costo delle licenze win vi potrebbe

          costare


          l'azienda.








          - Scritto da: Bianco



          quante cacchaite che hai detto !



          io fornisco server linux e al massimo

          ogni



          tanto quando esce la versione
          aggiornata



          della tal distro faccio l'

          aggiornamento,



          mai avuto un problema e mai
          compilato un



          kernel..








          amico le caga** le dici tu le varie


          distribuzioni forniscono kernel
          compilati


          per un utilizzo di default, quindi per


          applicazioni di uso normale, se vuoi la


          velocita la robustezza ecc.. deve
          perforza


          compilare , in particolar modo per
          rendere


          performante il kernel e dimagrirlo dei

          vari


          moduli non necessari. (e questo in


          particolar modo per un server)





          IO uso winzoz e lo so tu che fornisci

          server


          linux dovresti saperlo meglio di me
          quindi


          ergo sei un pir** come tutti i linuxari

          che


          bazicano sto forum.






          voi winzozzari siete proprio



          fissati che se uno vuole usare linux

          deve



          mettersi li a prgorammare da solo, ho

          non


          si



          riesce micca a cavarvi dalla testa

          questa



          colossale stupidata !





          ca**o cio che sbandierate in giro e
          avere

          i


          sorgenti del kernel ed ora vi tirate


          indietro, che significa questo molto


          semplice fra dire e compilare ce di
          mezzo


          l'ignoranza, quindi giu di
          distribuziononi


          simil winzozz.





          ma fatemi il piacere andate a ......
    • Anonimo scrive:
      Re: abbiamo qui l'emblema di un linuxaro

      amico le caga** le dici tu le varie
      distribuzioni forniscono kernel compilati
      per un utilizzo di default, quindi per
      applicazioni di uso normale, se vuoi la
      velocita la robustezza ecc.. deve perforza
      compilare , in particolar modo per rendere
      performante il kernel e dimagrirlo dei vari
      moduli non necessari. (e questo in
      particolar modo per un server)Caspita! Non sapevo che per un server servisserokernel compilati ad hoc.Mi insegni a compilare il Kernel di Windows NT.
      • Anonimo scrive:
        Re: abbiamo qui l'emblema di un linuxaro
        - Scritto da: unscemo....

        Caspita! Non sapevo che per un server
        servissero
        kernel compilati ad hoc.

        Mi insegni a compilare il Kernel di Windows
        NT.Naaaa... quello è già ottimizzato per utilizzo server, client, desktop, office, workstation, soho, game, embedded, ecc, ecc
    • Anonimo scrive:
      Re: abbiamo qui l'emblema di un CUT a tutte le ditte che sperano in linux leggete
      le fesserie che scrive questo ignurant e
      spaventatevi, rimanete con win se capitate
      nelle mani di tipi del genere altro che il
      costo delle licenze win vi potrebbe costare
      l'azienda.eccolo qua...
    • Anonimo scrive:
      Re: abbiamo qui l'emblema di un linuxaro
      - Scritto da: microtost......
      amico le caga** le dici tu le varie
      distribuzioni forniscono kernel compilati
      per un utilizzo di default, quindi per
      applicazioni di uso normale, se vuoi la
      velocita la robustezza ecc.. deve perforza
      compilare , in particolar modo per rendere
      performante il kernel e dimagrirlo dei vari
      moduli non necessari. (e questo in
      particolar modo per un server)Vuoi dimagrire il sistema di un modulo non necessario ?rm Come vedi non c'è bisogno di ricompilare il kernel...Poi puoi anche ricompilare il kernel per ottimizzare il sistema, ma non pensare di passare dalla notte al giorno..
      • Anonimo scrive:
        Smettetela Winzozzari...
        - Scritto da: TeX


        - Scritto da: microtost
        ......

        amico le caga** le dici tu le varie

        distribuzioni forniscono kernel compilati

        per un utilizzo di default, quindi pernon mi pare che kernel SCSI , ENTERPRISE, e SMPsiano per un utilizzo di default...

        applicazioni di uso normale, se vuoi la

        velocita la robustezza ecc.. deve perforza

        compilare , in particolar modo per rendere

        performante il kernel e dimagrirlo dei
        vari

        moduli non necessari. (e questo in

        particolar modo per un server)Hai ragione ma in parte:ci sono varie soluzioninon così impegnative come ricompilare un kernel1) mai usati i parametri in /proc per fare tuningdi un kernel??? Sempre meglio che andare a fare regedit con Winzozz 2000 e poi... non posso fare il boot di un kernel alternativo già compilato daaltri sotto Winzozz!!! (almeno dimmi come si fa...) A SCUSA POSSO FARE IL DOWNLOAD DIUNA SERVICE PACK DA 100 Mb.2) come segue...
        Vuoi dimagrire il sistema di un modulo non
        necessario ?
        rm 3) Mi pare logico che se ho un server Linuxcon 2 o 4 Gb di Ram e più di 50 Gb di dischi scsicompilerò il kernel, MA NON VENITEMI A DIRE CHELE PRESTAZIONI DI UN KERNEL OTTIMIZZATO IN QUESTOMODO SONO COMPARABILI A UN KERNEL WINDOWS 2000,PUR SE CONFIGURATO A DOVERE...Inoltre per ottimizzare parametri TCP e cagatevarie non mi risulta che bisogna per forza ricompilare il kernel...

        Come vedi non c'è bisogno di ricompilare il
        kernel...beatevi delle vostre schermate blu....
  • Anonimo scrive:
    haha! :)
    Come godo a leggere queste lamerate! :)E godo sopratutto perché tutti quelli che stanno prendendo Linux sottogamba tra qualche anno resteranno fuori da un mercato enorme (è facile fare un programma cliccando a caso con Visual Basic, ma imho il tempo che perdo ad imparare ad usare le QT si ripagherà automaticamente nel giro di un paio di anni . Il tempo che ho speso due anni fa per imparare a configurare Apache, MySQL, Samba e gli altri programmi si è già ripagato, e all'ora gli stessi lamer dicevano merda su Linux come ora! :))
  • Anonimo scrive:
    A forza di fork il vostro linuxzoz farà na brutta
    fine.chi decreterà la fine di linux e di altre piattaforme open, molti si alzerano in piedi e diranno la MS, no signori miei, saranno gli stessi sviluppatore di queste piattaforme, a forza di fork, alzate di genio, rivolte, diserzioni, decine di distribuzioni con versioni di kernel + o meno rimestate e non in linea con il kernel di produzione.per averne una dimostrazione basta contare le patch che a centinaia vengono prodotte dalle varie distribuzione, che ormai hanno superato in numerosita quelle di MS.a raga ormai l'entropia non può essere fermata e si andra di male in peggio, abbandonate la nave prima che affondi, e un consiglio che già in tanti (esperti o meno) danno in giro per il web ascoltateli prima di trovarvi in braghe di tela.
    • Anonimo scrive:
      Re: A forza di fork il vostro linuxzoz farà na brutta
      Ma bada ai KERNEL tuoi.- Scritto da: bragheditela
      fine.
      chi decreterà la fine di linux e di altre
      piattaforme open, molti si alzerano in piedi
      e diranno la MS, no signori miei, saranno
      gli stessi sviluppatore di queste
      piattaforme, a forza di fork, alzate di
      genio, rivolte, diserzioni, decine di
      distribuzioni con versioni di kernel + o
      meno rimestate e non in linea con il kernel
      di produzione.

      per averne una dimostrazione basta contare
      le patch che a centinaia vengono prodotte
      dalle varie distribuzione, che ormai hanno
      superato in numerosita quelle di MS.

      a raga ormai l'entropia non può essere
      fermata e si andra di male in peggio,
      abbandonate la nave prima che affondi, e un
      consiglio che già in tanti (esperti o meno)
      danno in giro per il web ascoltateli prima
      di trovarvi in braghe di tela.
      • Anonimo scrive:
        Re: A forza di fork il vostro linuxzoz farà na brutta
        bisogna aiutare quelle piccole aziende che pensano di investire in linux, potrebbe risultare molto azardato.risparmiare qualche lira per non adottare più win, potrebbe però significare precipitare nel baratro delle patch, kernel instabili, o peggio dover portare avanti lo sviluppo del kernel da soli.pensiamo anche a questo quando scegliamo un sistema operativo, e onestamente allo stato attuale di completa anarchia di linux consiglierei di rimanere con win.
        • Anonimo scrive:
          Re: A forza di fork il vostro linuxzoz farà na brutta
          qui di anarchico ci sei solo te e la tua banda bassotti.- Scritto da: rimanere
          bisogna aiutare quelle piccole aziende che
          pensano di investire in linux, potrebbe
          risultare molto azardato.
          risparmiare qualche lira per non adottare
          più win, potrebbe però significare
          precipitare nel baratro delle patch, kernel
          instabili, o peggio dover portare avanti lo
          sviluppo del kernel da soli.

          pensiamo anche a questo quando scegliamo un
          sistema operativo, e onestamente allo stato
          attuale di completa anarchia di linux
          consiglierei di rimanere con win.
        • Anonimo scrive:
          Re: A forza di fork il vostro linuxzoz farà na brutta
          quante cacchaite che hai detto !io fornisco server linux e al massimo ogni tanto quando esce la versione aggiornata della tal distro faccio l' aggiornamento, mai avuto un problema e mai compilato un kernel.. voi winzozzari siete proprio fissati che se uno vuole usare linux deve mettersi li a prgorammare da solo, ho non si riesce micca a cavarvi dalla testa questa colossale stupidata !
          • Anonimo scrive:
            Re: con gente del genere che usa linux non c'e
            bisogno neanche dei fork- Scritto da: Bianco
            quante cacchaite che hai detto !
            io fornisco server linux e al massimo ogni
            tanto quando esce la versione aggiornata
            della tal distro faccio l' aggiornamento,
            mai avuto un problema e mai compilato un
            kernel..amico le caga** le dici tu le varie distribuzioni forniscono kernel compilati per un utilizzo di default, quindi per applicazioni di uso normale, se vuoi la velocita la robustezza ecc.. deve perforza compilare , in particolar modo per rendere performante il kernel e dimagrirlo dei vari moduli non necessari.IO uso winzoz e lo so tu che fornisci server linux dovresti saperlo meglio di me quindi ergo sei un pir** come tutti i linuxari che bazicano sto forum.
            voi winzozzari siete proprio
            fissati che se uno vuole usare linux deve
            mettersi li a prgorammare da solo, ho non si
            riesce micca a cavarvi dalla testa questa
            colossale stupidata !caccio cio che sbandierate in giro e avere i sorgenti del kernel ed ora vi tirate indietro, che significa questo molto semplice fra dire e compilare ce di mezzo l'ignoranza, quindi giu di distribuziononi simil winzozz.ma fatemi il piacere andate a ......
    • Anonimo scrive:
      Re: A forza di fork il vostro linuxzoz farà na bru
      avete ragione, andiamo tutti nel grembo materno di Bill, che cosi' amorevolmente ci ha permesso di utilizzare un OS degno di un Dio, stabile come un titano, e pieno di cose graziose. Gazie Bill che ci permetti generosamente di acquistare i tuoi prodotti avvicinandoci al modo giusto e moralmente corretto di usare un computer, e ti chiedo: fammi diventare un cerebroleso, potro' cosi' seguirti senza battere ciglio.Amen
    • Anonimo scrive:
      Re: A forza di fork il vostro linuxzoz farà na bru
      brutta cosa l'invidia, neh?
    • Anonimo scrive:
      Re: A forza di fork il vostro linuxzoz farà na brutta
      Pathc hahaha bella chimera tiri fuori te ! sara' vero per linux ci sono state tante pathc e sono stati trovati tanti buchi, ma questo semplicemente perche' chi sviluppa e' intressato al debuggare si sforza di migliorare le cose e non ha vergogna a dire che ha trovato un bug... invece windows ha molti + buchi di linux con l' unica differenza che microsoft non te lo dice e nemmeno si prende brigra di chiudere il tale bug finche' non succede quanche disastro colossale, allora li fornira' la pathc, ma fino ad allora affermera' che windows e' perfetto pur sapendo che non e' vero.
  • Anonimo scrive:
    o parliamo di informatica...
    ...o parliamo di economia.le due cose non devono per forza conincidere. tutto qui!ciaogodz
  • Anonimo scrive:
    Chi paga?
    Domanda banale: chi ha finanziato lo studio?Crediamo ancora che queste ricerche siano "neutrali" ed "oggettive"?Suvvia...
    • Anonimo scrive:
      Re: Chi paga?
      Certo che come vi vengono quando vi toccano Linux. Non sapete neppure chi sia Meta Group e state qui a pontificare... Ma va la'.
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi paga?
        Di una società che scrive CAZZATE su LINUX ce frega meno di niente sapere da dove viene e chi ci lavora dentro.Di LINUX si può parlare anche in termini negativi criticandolo, ma non scrivendo fandonie che chiaramente indicano da che parte vengono.- Scritto da: Kissinger
        Certo che come vi vengono quando vi toccano
        Linux. Non sapete neppure chi sia Meta Group
        e state qui a pontificare... Ma va la'.
        • Anonimo scrive:
          Re: Chi paga?
          Bravo ! i windowsari riesco solo ad affermare castronerie contro linux in difesa del loro SO programmato con i piedi, semplicemente perche' essendo linux superiore a windows non esistono argomentazioni in difesa dell' ultimo....Pero' bello spirito tifoso avete, urlate a gioite, lottate per far credere che la migiore squadra di calcio sia la vostra... l' ultima in classifica.
      • Anonimo scrive:
        Re: Chi paga?

        Certo che come vi vengono quando vi toccano
        Linux. Non sapete neppure chi sia Meta Group
        e state qui a pontificare... Ma va la'.haha! :)Che ridere! :)LOL LOL LOL!Si, tenetevi stretto Windows, nessuno ve lo tocca tranquilli :)
  • Anonimo scrive:
    La soc. è di Boston
    Quindi una visitina al M.I.T., potrebbe essergli utile. Vedranno cosi gli o.s. che usa l'ist. per le mission critical.È incredibile che una società sede del MIT, insieme a Berkeley le sedi degli ist. di più avanzata ricerca informatica, facciano simili studi ignorando l'esistenza dell'istituto.Al MIT insegna e ricerca un certo R. Stalmann!
    • Anonimo scrive:
      Re: La soc. è di Boston
      Vero (in parte) ma volevo fare una battuta.Cmq al MIT dobbiamo molte delle tecnologie (non solo in campo strettamente informatico) che esistono oggi.Perchè in Italia o almeno in Europa non vi è un'ist. simile? (Viene anche chiamato il paradiso degli ingegneri).
    • Anonimo scrive:
      Re: La soc. è di Boston
      - Scritto da: BSD_like
      Quindi una visitina al M.I.T., potrebbe
      essergli utile. Vedranno cosi gli o.s. che
      usa l'ist. per le mission critical.
      È incredibile che una società sede del MIT,
      insieme a Berkeley le sedi degli ist. di più
      avanzata ricerca informatica, facciano
      simili studi ignorando l'esistenza
      dell'istituto.
      Al MIT insegna e ricerca un certo R.
      Stalmann!"Chi sa fare FA" "Chi non sa fare, insegna"
      • Anonimo scrive:
        Re: La soc. è di Boston
        - Scritto da: asdf

        "Chi sa fare FA"
        "Chi non sa fare, insegna""Chi non sa fare di meglio, spara cazzate"
    • Anonimo scrive:
      Re: La soc. è di Boston
      - Scritto da: maks[...]
      chi caccia la grana vuole senitrsi garantito
      dalla scelta che fa soprattutto in termini
      di immagine.
      Sapere che un prodotto e' publicizzato in TV
      vale mille volte di piu' che sapere come e'
      fatto lo scheduler dei processi.è proprio questo che sta rovinando l'informatica nel mondo...ciaogodz
      • Anonimo scrive:
        Re: La soc. è di Boston


        Sapere che un prodotto e' publicizzato in
        TV

        vale mille volte di piu' che sapere come
        e'

        fatto lo scheduler dei processi.

        è proprio questo che sta rovinando
        l'informatica nel mondo...

        ciao
        godzeh... lo so...ciao
      • Anonimo scrive:
        Re: La soc. è di Boston
        sisi ho ragazzi guardate che le cose pubblicizzate in TV sono le migliori e sopratutto ci fanno guadagnare in immagine ! cavolo e proprio vero...pero' quando il server winzoz si pianta a mi blocca l'azienda... i soldi che perdo li non hanno valore ?cavolo avete proprio ragione.. sono molto piu' buoni i tortellini della coop con il ripieno di farina di carne liofilizzata piuttosto che quelli fatti a mano nel ristorante dal cuoco preparato... e gia' quelli della coop sono + sponsorizzati !
    • Anonimo scrive:
      Re: La soc. è di Boston
      Confermi quando detto nell'articolo, cioè che resta un prodotto di nicchia, come per la ricerca.Io non credo che l'articolo sia totalmente fuori luogo, insomma chi investe in linux come soluzione enterprise non deve solo tener conto dell'aspetto tecnico di funzionalità, ma cercare di ottenere anche maggiore utilizzabilità.Il pronostico poi che intel e amd abbateranno i prezzi dei server 64bit, può o meno essere vero, cmq questo gioca a vantaggio di Linux e non solo di Windows Data Center.Trovo invece fantasiosa questa innata supremazia di data center prevista nel 2007.. quasi sperando che IBM e aggiungiamo anche HP non facciano nulla per migliorare i punti deboli di Linux su server 64bit per quella data..
      • Anonimo scrive:
        Re: La soc. è di Boston
        Veramente la battuta era per sfatare la pretesa tecnica che Linux (come altri UNIX, e prima fra tutti BSD) non sia adatto a mission critical.Non voglio intervenire su giudizi di usabilità, che cmq ritengo di poco rilievo per la fascia di elaboratori a cui lo studio si rivolge.Poi, Intel, AMD o meno; in quella fascia win deve saper competere come cluster anche parallelo; ed oggi non può farlo. per farlo dovrebbe essere riprogettato, a meno che Intel e AMD non trovino un superchip per i futuri elaboratori (che cmq posti in cluster rendono molto di più) tale da rendere di raro utilizzo un'arch. cluster.
  • Anonimo scrive:
    ROTFLissimo!
    HAHAHHAHAHHAHAHAAHHAHAHAHHAHAHAHHHAHAAHAHHAHAHHAHAHHAHAHHACe la posso fare..........HAHHAHAHHAAHHAHAHHAHAHHAHAHHAHAHHAHAHAAHHAAHAHHAHAHAHAHAHAHAHAHAHAHHAHAHHAHANon ce l'ho fatta!
  • Anonimo scrive:
    Integralismo
    Avete presente la condanna a morte (fatwa) emessa da Khomeini nei confronti di Salman Rusdhie per i suoi "Versetti Satanici"?Ecco, gli ayatollah del Pinguino hanno emesso la stessa sentenza di "morte" (virtuale per fortuna) nei confronti degli infedeli che osano scrivere "versetti" eretici nei confronti del sacro Dio Pinguino...Gli articoli pro-Linux sono osannati e benedetti, quelli che magari non sono proprio favorevoli sono scritti da "utonti, prezzolati da M$, stupidi, ignoranti".P.S.: Onde evitare inutili insulti, sul mio pc ho sia Windows Xp che Linux Red Hat 7.2 e il firewall che protegge la mia piccola LAN casalinga è un PC con Astaro Security Linux (una SUSE personalizzata per l'utilizzo come firewall).
    • Anonimo scrive:
      Re: Integralismo
      Allora sai gli o.s. che usano al CERN, alla NASA, al fermilab, .....Ah, non c'è win (a parte per gli impiegati, burocrati e simili), quindi ....
      • Anonimo scrive:
        Re: Integralismo

        Allora sai gli o.s. che usano al CERN, alla
        NASA, al fermilab, .....
        Ah, non c'è win (a parte per gli impiegati,
        burocrati e simili), quindi ....a parte gli impiegati, burocrati et simila?????????in pratica alla NASA il 90% dei dipendenti usa windows allora...ciao
        • Anonimo scrive:
          Re: Integralismo
          - Scritto da: maks


          Allora sai gli o.s. che usano al CERN,
          alla

          NASA, al fermilab, .....

          Ah, non c'è win (a parte per gli
          impiegati,

          burocrati e simili), quindi ....

          a parte gli impiegati, burocrati et
          simila?????????
          in pratica alla NASA il 90% dei dipendenti
          usa windows allora...Esatto tranne qualche mainframe unix serio e un paio di macchinette per fare le frazioni e giocare a doom dove c'e' linux. Di quelle parla freebsd.
  • Anonimo scrive:
    Immaturita`?????
    -----------"Vogliamo mettere in guardia gli utenti - si legge nel documento di Meta Group - sul fatto che le attuali incarnazioni di Linux sono relativamente immature, come evidenziato dall'interminabile lista di errori/patch che appaiono sui siti dei fornitori di Linux".------------Perche` la lista delle patch e bug di Win2K dovela mettiamo?? Per non parlare poi dei bug di cui MSnon vuol far sapere...Dire che Win2K supererebbe Linux proprio sulla "stabilita`" e "maturita`" e` proprio un'eresia!
    • Anonimo scrive:
      Re: Immaturita`?????

      Perche` la lista delle patch e bug di Win2K
      doveE poi vuoi mettere: quando esce una patch hai il codice sorgente e sai quindi come è stato risolto il problema.Sinceramente ho visto a volte che le patch sono dei veri tacconi infami fatti alla cazzo di cane per risolvere il problema in fretta... però solo a volte. Se sotto un software Open Source le cose a volte vengono risolte in questo modo figuratevi per un software chiuso :(
  • Anonimo scrive:
    E pensare che...
    ... questa gente e' anche pagata per arrivare a questo tipo di risultati.
    • Anonimo scrive:
      Re: E pensare che...

      ... questa gente e' anche pagata per
      arrivare a questo tipo di risultati.se fossero arrivati al risultato diametralmente opposto (magari senza essere pagati), invece, sarebbero stati considerati dei grandi studiosi e delle menti illuminate?e mi spieghi, come mai?saluti
      • Anonimo scrive:
        Re: E pensare che...
        - Scritto da: penetrator

        ... questa gente e' anche pagata per

        arrivare a questo tipo di risultati.

        se fossero arrivati al risultato
        diametralmente opposto (magari senza essere
        pagati), invece, sarebbero stati considerati
        dei grandi studiosi e delle menti
        illuminate?
        e mi spieghi, come mai?Dipende soprattutto da CHI sono stati pagati questistudi, ne puoi convenire??
        • Anonimo scrive:
          Re: E pensare che...



          ... questa gente e' anche pagata per


          arrivare a questo tipo di risultati.



          se fossero arrivati al risultato

          diametralmente opposto (magari senza
          essere

          pagati), invece, sarebbero stati
          considerati

          dei grandi studiosi e delle menti

          illuminate?

          e mi spieghi, come mai?

          Dipende soprattutto da CHI sono stati pagati
          questi
          studi, ne puoi convenire??assolutamente no!io vengo pagato dai miei clienti, ma se mi chiedono di fare un lavoro che metta a repentaglio la mia reputazione o che leda le mie professionalita', io lo rifiuto. Non e' solo una questione di dignita', ma e' anche il non volersi rovinare la piazza.Se oggi pubblico uno studio totalmente e palesemente sballato, chi mi dara' fiducia domani?saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: E pensare che...
            gli stessi che ti avevano pagato per pubblicare i precedenti risultati palesemente sballati e palesemente a loro favorevoli...
          • Anonimo scrive:
            Re: E pensare che...

            gli stessi che ti avevano pagato per
            pubblicare i precedenti risultati
            palesemente sballati e palesemente a loro
            favorevoli...si, e' possibile.Ma un istituto di analisi non puo' basare tutto su un solo cliente, anche se grande. Inevitabilmente finisce per perdere di credibilita'.E' un po' come Datamdia in Italia. Sicuramente la loro professionalita' non e' in discussione, ma il fatto di essere cosi' strettamente legati a colui il quale gli commissiona i sondaggi, fa sorgere leggittimi dubbi sulla loro imparzialita'.Comunque la domanda e' la stessa.Perche' se una ricerca e' pagata da MS e' sicuramente truccata, mentre invece se IBM pubblica una ricerca su linux bisogna crederci ad occhi chiusi?saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: E pensare che...

            E' un po' come Datamdia in Italia.
            Sicuramente la loro professionalita' non e'
            in discussione, ma il fatto di essere cosi'
            strettamente legati a colui il quale gli
            commissiona i sondaggi, fa sorgere
            leggittimi dubbi sulla loro imparzialita'.La loro professionalità????I sondaggi di dadamedia sono semplicemente FALSI.E' pura propaganda niente altro.
          • Anonimo scrive:
            Re: E pensare che...

            La loro professionalità????
            I sondaggi di dadamedia sono semplicemente
            FALSI.
            E' pura propaganda niente altro.un falsario puo' anche essere un professionista.Anzi, piu' e' bravo (professionale) piu' il suo prodotto sara' indistinguibile dal vero.saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: E pensare che...
            - Scritto da: penetrator

            Anzi, piu' e' bravo (professionale) piu' il
            suo prodotto sara' indistinguibile dal vero.ciò non lo renderà comunque vero. e alla fine, ci piaccia o no fare filosofia, è l'unica cosa che conta.ciaogodz
          • Anonimo scrive:
            OT: Re: E pensare che...


            Anzi, piu' e' bravo (professionale) piu'
            il

            suo prodotto sara' indistinguibile dal
            vero.

            ciò non lo renderà comunque vero. e alla
            fine, ci piaccia o no fare filosofia, è
            l'unica cosa che conta.

            ciao
            godzTe la faccio terra terra, senza sofismi.Due meccanici possono essere ugualmente bravi.Pero' al primo porti la macchina per vedere se ha problemi e non riscontrandone, non ti fa pagare.Il secondo si inventa di sana pianta qualcosa per farti pagare una cifra mostruosa.Non e' che il secondo meccanico non sia bravo, ma e' disonesto.E sono due cose diverse.ciao
          • Anonimo scrive:
            Re: E pensare che...
            - Scritto da: penetrator
            E' un po' come Datamdia in Italia.
            Sicuramente la loro professionalita' non e'
            in discussione...Perche' no? Comunque si parlava di tecnica, non di opinioni.
            Perche' se una ricerca e' pagata da MS e'
            sicuramente truccata, mentre invece se IBM
            pubblica una ricerca su linux bisogna
            crederci ad occhi chiusi?E' in contrario! Chi pensa con la propria testa crede alle notizie che reputa fondate, gli altri credono a quelle con piu` colorini e animazioncine. Premesso che non ho idea di chi abbia finanziato questa analisi, in via del tutto ipotetica posso dirti che se MS finanzia un FUD e` un conto e che se invece IBM tenta di introdurre elementi di novita` in un mercato stagnante non si puo` dire che sia esattamente la stessa cosa.Il monopolio non e` un bene per nessuno: ne` veterocomunisti ne` iperliberisti, ne` utonti ne` linuxari.
          • Anonimo scrive:
            Re: E pensare che...

            - Scritto da: penetrator

            E' un po' come Datamdia in Italia.

            Sicuramente la loro professionalita' non
            e'

            in discussione...

            Perche' no?
            Comunque si parlava di tecnica, non di
            opinioni.
            Perche' sicuramente in datamedia lavorano dei professionisti nel campo della statistica.Bisogna vedere per quali scopi usano la loro professionalita', ma questo e' un altro discorso.

            Perche' se una ricerca e' pagata da MS e'

            sicuramente truccata, mentre invece se IBM

            pubblica una ricerca su linux bisogna

            crederci ad occhi chiusi?

            E' in contrario! Chi pensa con la propria
            testa crede alle notizie che reputa fondate,
            gli altri credono a quelle con piu` colorini
            e animazioncine.
            Ovvio.
            Premesso che non ho idea di chi abbia
            finanziato questa analisi, in via del tutto
            ipotetica posso dirti che se MS finanzia un
            FUD e` un conto e che se invece IBM tenta
            di introdurre elementi di novita` in un
            mercato stagnante non si puo` dire che sia
            esattamente la stessa cosa.
            Ma se IBM finanzia FUD contro windwos? Ed e' successo, come e' successo l'opposto.Se MS finanzia progetti come .net e ne fa fare a Corel il porting (in parte) su BSD, perche' non dargliene atto? Non e' quella innovazione?Insomma, mi sembra che ci si sia subito affrettatia dire che questi signori non sanno fare il loro mestiere e sono sicuramente pagati da MS.Non mi sembra un atteggiamento obbiettivo, anche se non so chi sono questi di Meta Gruop....anzi, proprio perche' non li conoco, cerco di andare cauto sui commenti.
            Il monopolio non e` un bene per nessuno: ne`
            veterocomunisti ne` iperliberisti, ne`
            utonti ne` linuxari.
            Sono d'accordo.Sono un fautore dello smembramento di MS in due societa'.saluti
  • Anonimo scrive:
    Chiedetelo alla NASA
    MetaGroup:"Accanto a ciò, la società di analisi sostiene che Linux non sarebbe ancora maturo per far girare applicazioni mission critical"????Infatti alla NASA (un' agenzia dove le applicazioni mission critical sono poco usate) utilizzano Debian xchè è stato l'UNICO SO che non andava in crash nelle applicazioni mission critical.Ottimo lavoro di Meta Group, appena viene pubblicato lo vado a leggere su topolino!
  • Anonimo scrive:
    E chi so sti metagrupp ?
    saranno sullo stato de famiglia de bilgheits
  • Anonimo scrive:
    e chi sarebbero questi GENI?? di Meta Group?
    hanno TOPPATO completamente la loro analisi su LINUX o per loro mera incapacità di interpretazione dei vari segnali oppure per altre questioni di pura opportunità.Stanno piscando controcorrente, se ne accorgeranno quado si troveranno scarpe e pantaloni bagnati.La crescita di LINUX, per vari motivi non solo economici sarà esponenziale anche sui desk-top.
    • Anonimo scrive:
      Re: e chi sarebbero questi GENI?? di Meta Group?
      Ciao Alien,oltretutto bisogna dire che se probabilmente Microsoft non riuscira' a comprarsi tutte le aziende Linux, e' molto piu' facile che riesca a distorgere, con i MLN di $ rubati ai propri clienti, almeno la pubblicita', ed arrivare a pilotare gli studi in proprio favore.Ricordo, solo per fare un esempio, la pubblicita' di BSA in Italia, mirata ad intimidire le aziende sull'uso di SW copiato illegalmente.Nessuno che i soldi li guadagna onestamente, fornendo veri servizi e vere tecnologie, li spende per fare la pubblicita' sull'uso di SW copiato legalmente, e nessuno si aspetta che lo facciano!Inoltre, siamo onesti, mi si parla di facilita' di installazione/amministrazione sui mainframe?Voglio vedere quanti danni riesce a fare del personale non qualificato clicckando sul bottone sbagliato! Tanto impostare quel parametro e' facile come fare click!!!A chi deve spendere i propri soldi consiglio vivamente di diffidare delle pubblicita' e rivolgersi a dei veri professionisti (non a me perche' non faccio questo lavoro, io sto dalla parte dei clienti!)Ciao.
      • Anonimo scrive:
        Re: e chi sarebbero questi GENI?? di Meta Group?
        Caro Leonardo.Chi la dura la vince.Vicerà LINUX.Per il semplice fatto che è fatto bene, costa poco, quando lo compri è tuo, e ti senti LIBERO quando lavori con lui.Questà non è fede, ma ragionevolezza.- Scritto da: Leonardo
        Ciao Alien,
        oltretutto bisogna dire che se probabilmente
        Microsoft non riuscira' a comprarsi tutte le
        aziende Linux, e' molto piu' facile che
        riesca a distorgere, con i MLN di $ rubati
        ai propri clienti, almeno la pubblicita', ed
        arrivare a pilotare gli studi in proprio
        favore.
        Ricordo, solo per fare un esempio, la
        pubblicita' di BSA in Italia, mirata ad
        intimidire le aziende sull'uso di SW copiato
        illegalmente.
        Nessuno che i soldi li guadagna onestamente,
        fornendo veri servizi e vere tecnologie, li
        spende per fare la pubblicita' sull'uso di
        SW copiato legalmente, e nessuno si aspetta
        che lo facciano!

        Inoltre, siamo onesti, mi si parla di
        facilita' di installazione/amministrazione
        sui mainframe?
        Voglio vedere quanti danni riesce a fare del
        personale non qualificato clicckando sul
        bottone sbagliato! Tanto impostare quel
        parametro e' facile come fare click!!!

        A chi deve spendere i propri soldi consiglio
        vivamente di diffidare delle pubblicita' e
        rivolgersi a dei veri professionisti (non a
        me perche' non faccio questo lavoro, io sto
        dalla parte dei clienti!)

        Ciao.
        • Anonimo scrive:
          Re: e chi sarebbero questi GENI?? di Meta Group?
          - Scritto da: alien
          Caro Leonardo.
          Chi la dura la vince.
          Vicerà LINUX.
          Per il semplice fatto che è fatto bene,
          costa poco, quando lo compri è tuo, e ti
          senti LIBERO quando lavori con lui.
          Questà non è fede, ma ragionevolezza....parole sante.
      • Anonimo scrive:
        RIFLETTETE.... una vittoria annunciata.
        Cos'ha linux che gli permetterà di vincere su Mainframe? IBM seguita prossimamente da HP/Compaq e SUN. Ora se fai 2 conti sono l'80% dei mainframe ( 100% in ambiti come banche e simili). Serve altro? Non frega a nessun produttore chi tra i due SO è il migliore ma quello che si riesce a "controllare", pensa ai proprietari come AIX di IBM, HP-UX di HP, Solaris di SUN ecc.. ora ne creeranno altri con una base comune (Linux) che costa poco e rende molto oltre ad essere iper-personalizzabile (e qui i discorsi hardware/drivers/SO si sprecano). I desktop sono un'altra cosa.. Ciao a tutti.
  • Anonimo scrive:
    secondo me...
    ... daranno degli utonti anche a questi!come a chi dice qualcosa che non gli va bene, come ai clienti quando non sanno che pesci pigliare...risposte tipo:tecnico M$: spenga e riaccendatecnico Linux: sei un utonto, SVEGLIA!!!che tristezza (da tutte e due le parti, ma conoscendo il livello mi aspetto più flames da una parte...)
  • Anonimo scrive:
    Mi sembra ovvio
    che questo articolo non vi piaccia:-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sembra ovvio
      essere presi in giro da "esperti" del settore...fa sempre piacere...- Scritto da: Alberto
      che questo articolo non vi piaccia:-)
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sembra ovvio
      Devi chiedere al CERN, alla NASA, ed alle altre ist. scientifiche che fanno vere mission critical sugli elaboratori dalla fascia media a quella alta come quella presa in considerazione, qual'è l'o.s. più affidabile per quelli scopi, e qaule usano.Sai cosa significa fare calcoli di QCD o QED?La fisica quantistica e relativistica non considera nemmeno windows.
      • Anonimo scrive:
        Re: Mi sembra ovvio
        su cosa girano i sistemi del nasdaq?- Scritto da: BSD_like
        Devi chiedere al CERN, alla NASA, ed alle
        altre ist. scientifiche che fanno vere
        mission critical sugli elaboratori dalla
        fascia media a quella alta come quella presa
        in considerazione, qual'è l'o.s. più
        affidabile per quelli scopi, e qaule usano.
        Sai cosa significa fare calcoli di QCD o QED?
        La fisica quantistica e relativistica non
        considera nemmeno windows.
        • Anonimo scrive:
          Re: Mi sembra ovvio
          La soc. del Nasdaq, ha i firewalls su Linux, ciò dopo che un'hack olandese ha compromesso i firewalls win, senza provocare danni ma limitandosi ad avvertire gli amministratori (vi pregherei cmq di evitare risposte sul tipo: "logico, visto che gli hack bucano in continuazione i sistemi win imponendo sistemi UNIX alle società"). Pensavano, visto il risparmio di farci girare (avevano in corso studi per la fattibilità della cosa) anche gli altri server a cominciare da win/iis, poi stranamente per ora non si è fatto più nulla. Il sospetto è che sia intervenuta M$ ad evitarsi questa cattiva pubblicità, visto anche che i firewalls non sono servizi su cui punta molto M$, ma iis si!Non sò se hanno guardato alla facilità d'uso.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio

            La soc. del Nasdaq, ha i firewalls su Linux,
            ciò dopo che un'hack olandese ha compromesso
            i firewalls win, senza provocare danni ma
            limitandosi ad avvertire gli amministratori
            (vi pregherei cmq di evitare risposte sul
            tipo: "logico, visto che gli hack bucano in
            continuazione i sistemi win imponendo
            sistemi UNIX alle società"). Pensavano,
            visto il risparmio di farci girare (avevano
            in corso studi per la fattibilità della
            cosa) anche gli altri server a cominciare da
            win/iis, poi stranamente per ora non si è
            fatto più nulla. Il sospetto è che sia
            intervenuta M$ ad evitarsi questa cattiva
            pubblicità, visto anche che i firewalls non
            sono servizi su cui punta molto M$, ma iis
            si!
            Non sò se hanno guardato alla facilità d'uso.UFFF.... sospetti, indizi, pensieri in liberta', supposizioni, opinoni, vogliamo PROVE!signor BSD le e' stato chiesto su che sistemi gira il nasdaq. Lei a domanda non risponde, ma bensi' cambia discorso. Ora vorrei sapere da quali prove o documenti lei preleva la certezza con cui dice "Pensavano, visto il risparmio di farci girare (avevano in corso studi per la fattibilità della cosa) anche gli altri server a cominciare da win/iis,". Ne sono estremamente curioso.E da cosa trae il sospetto che Ms ci abbia messo lo zampino per fargli cambiare idea. Per caso lei lavora al nasdaq?Alla fine il nasdaq gira su windows, perche' gli e' convenuto, fosse anche perche' MS ha pagto, qualcuno ha deciso che era conveniente. Stia sicuro che se una soluzione linux fosse costata meno, oggi starebbe li'.tanti cari saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio

            E da cosa trae il sospetto che Ms ci abbia
            messo lo zampino per fargli cambiare idea.
            Per caso lei lavora al nasdaq?E tu? In microsoft?
            Alla fine il nasdaq gira su windows, perche'
            gli e' convenuto, fosse anche perche' MS ha
            pagto, qualcuno ha deciso che era
            conveniente. Stia sicuro che se una
            soluzione linux fosse costata meno, oggi
            starebbe li'.Di ma hai mai visto i regali di natale che arrivano hai responsabili acquisti? Ma dove lavori non hai mai sentito parlare di potere contrattuale..Alla fine la lotta non è tra Win e Linux (parliamo di mainframe) ma tra Microsoft e IBM/SUN/Hp-Compaq ecc... Tu su chi punteresti come vincitore???
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio

            Alla fine la lotta non è tra Win e Linux
            (parliamo di mainframe) ma tra Microsoft e
            IBM/SUN/Hp-Compaq ecc... Tu su chi
            punteresti come vincitore???Io non lavore nè al NASDAQ nè alla M$, ma punterei (o meglio spererei) in un buon inserimento di M$.Appunto perchè lavoro in una media azienda e mi sono rotto dei margini che questo incancrenito cartello si ricava da almeno 20 anni alle nostre spalle. Vabbè darci prodotti di qualità, che non discuto, ma hanno dei margini assurdi, che non DEVONO avere. E'ridicolo parlare di monopolio Wintel in un campo, quello dei PC dove i margini sono bassi (10%circa) quando c'è un cartello di 3/4 società con margini superiori al 30% nella fascia mainframe / server / datacenter
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            - Scritto da: trolol

            Alla fine la lotta non è tra Win e Linux

            (parliamo di mainframe) ma tra Microsoft e

            IBM/SUN/Hp-Compaq ecc... Tu su chi

            punteresti come vincitore???

            Io non lavore nè al NASDAQ nè alla M$, ma
            punterei (o meglio spererei) in un buon
            inserimento di M$.
            Appunto perchè lavoro in una media azienda e
            mi sono rotto dei margini che questo
            incancrenito cartello si ricava da almeno 20
            anni alle nostre spalle. Vabbè darci
            prodotti di qualità, che non discuto, ma
            hanno dei margini assurdi, che non DEVONO
            avere. E'ridicolo parlare di monopolio
            Wintel in un campo, quello dei PC dove i
            margini sono bassi (10%circa) quando c'è un
            cartello di 3/4 società con margini
            superiori al 30% nella fascia mainframe /
            server / datacenterquello che dici sui margini è giusto...Un oligopolio ha gli stessi effetti di un monopolio ed è più difficilmente perseguibile!E poi a me IBM e M$ (miei fornitori) non mi hanno mai regalato una emerita fa.a!
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            Il fatto che avevano in studio di far girare anche gli altri sistemi su Linux, oltre ai firewalls, era riportato nell'art. che avevo a suo tempo letto in occasione dell'attacco.Alla domanda "su che o.s. girano i sistemi del Nasdaq?" ho risposto nei limiti di quelli che conosco (firewalls e server web).Quanto ai sospetti, si evince dal contesto del post che sono miei, si evince anche che non mi riferivo a pagamenti da parte di M$, ma a pressioni generiche; non vi è bisogno che lo evidenzi.Il restante è ben conosciuto, ed le affermazioni che riporto come vere (ecludendo i sospetti, peraltro evidenziati) nei post, a differenza di quel che affermi, le documento.Purtroppo non posso ricordarmi tutto a memoria, ma l'art. in questione che riguarda l'attacco (senza danni) ai firewalls del Nasdaq si trova su uno dei numeri di "Linux & C.", con riferimento alla pagina web. Quando rincaso questa sera, provvederò a cercarlo e a fornirti il link, come ho fatto per alcuni dei link da te richiesti che hai letto la sera in quanto ricontrollo i numeri in questione del mensile.Come ho fatto per le altre volte, vedrò di accontentarti; solo che quest'ultima volta se la tua supponenza si dimosterà ancora infondata (visto che ti fornirò ancora il link), sarebbe gradito che smettessi di scrivere.È difficile risalire all'art. in questione, visto che appena cerchi col Nasdaq, firewalls e Linux, appaiono una marea di società e art. a queste dedicati.Cmq un link di tuo gradimento è ad esempio:http://www.cnn.com/2000/TECH/computing/10/03/nashaq.idgun'altro del CERT:http://cert.uni-stuttgart.de/archive/isn/2000/10/msg00012.htmlun'altro anche italiano:http://it.gsmbox.com/news/mobile_news/all/25682.gsmboxL'art. di maggior interesse, cmq provvederò a fornirtelo appena riletto "Oltrelinux & C." cercando sulla questione; sospetti a parte che ovviamente sono personali.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            - Scritto da: BSD_like
            Purtroppo non posso ricordarmi tutto a
            memoria, ma l'art. in questione che riguarda
            l'attacco (senza danni) ai firewalls del
            Nasdaq si trova su uno dei numeri di "Linux
            & C.", con riferimento alla pagina web.Questa si e' una fonte autorevole e non di parte!Complimenti!
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            Non era destinato a te, cmq non mi riferivo alle opinioni del mensile, ma ai link riportati in cui si narrava la vicenda dell'attaco da parte di un hack olandese ai firewalls win del nasdaq, attacco che si è limitato a evidenziare agli amministratori le lacune del sistema. E ai link in cui si poneva in rilievo il passaggio dai firewalls win a quelli Linux al nasdaq, e anche al fatto che la società pensasse di far girare gli altri sistemi su Linux.Le restanti opinioni, come detto, sono mie, mie conclusioni.Il mensile tiene separate le opnioni dai link in cui si narrano i fatti o altri dati. E io non riporto ovv. le prime.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            Non ho scritto il post per risultare supponente, e me ne scuso...volevo solo cercare di farti ragionare sul fatto che se c'e' windows e' perche' il margine di guadagno rispetto ad altri sistemi era superiore.(inteso anche come curva di apprendimento, manutenzione, scalabilita', ma anche costi di formazione risparmiati e, perche' no, "regali" ai manager).La battaglia che IBM/SUN/HP stanno combattendo contro MS e' solo e soltanto politica.A IBM non interessa avere un sistema migliore di windows, interessa avere un sistema che possa rivaleggiare , oggi, nelle fasce "basse" dei serveraziendali, domani, nei mainframe.Se costa poco (o zero, come linux) tanto meglio.saluti
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            Non entro in questioni di usabilità (le volte che ci si prova si scatenano post, visto che ognuno esprime la sua e la questione è in parte soggettiva).Mi premeva solo rispondere al fatto che Linux tecnicamente è più adatto di windows a sistemi dedicati alle mission critical.Poi, in ambito economico house e professional entrano altri fattori, e daltronde se cosi non fosse M$ avrebbe continuato con lo Xenix.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            I link su tema, corrispondono a quelli dati come:http://www.cnn.com/2000/TECH/computing/10/03/nasdaq.idg/index.html
      • Anonimo scrive:
        Re: Mi sembra ovvio
        - Scritto da: BSD_like
        Devi chiedere al CERN, alla NASA, ed alle
        altre ist. scientifiche che fanno vere
        mission critical sugli elaboratori dalla
        fascia media a quella alta come quella presa
        in considerazione,Normalmente si intende "Mission Critical" una applicazione che se si impalla accidentalemente si inizia a perdere migliaia di ? (se non di più) al minuto.In pratica hai il biz fermo.Chi ha Windows, che se ne voglia dire, non soffre di questi problemi in modo così dissimile da chi ha sistemi Unix (anche se questi ultimi spendono annulmente quasi il TRIPLO di quello che spendono i primi).Nelle istituzioni statali quali il CERN e la NASA non ci sono sistemi mission critical (anche se un sistema rimane ko per un mese, mica pagano loro i danni ... vorrà dire che il QCD o il QED li lanciano tra un mese, tanto, a differenza del mondo del biz, mica devono produrre risultati tangibili ed immediati).Non parliamo dei sw di controllo di missione che anche se sono derivati da roba opensource sono rivisti con i criteri di applicazioni Hi-Rel ...
        qual'è l'o.s. più
        affidabile per quelli scopi, e qaule usano.
        Sai cosa significa fare calcoli di QCD o QED?Sai cosa vuole dire un'applicazione che se si ferma per 24 ore perdi qualche centinaio di migliaia di ? ?Se poi il Pengu ti si impalla, per mantenerti il posto di lavoro, i soldi che hai fatto perdere al biz ce li rimetti tu di tasca tua ? Chissà come mai IBM & Co. ci consigliano di tutto fuorchè Linux quando si parla di applicazioni mission critical che poi devono supportare loro in prima persona ...Spesso ciò che sembra non è.furbix
        • Anonimo scrive:
          Re: Mi sembra ovvio
          La definizione di mission critical è sostanzialmente corretta.L'unica incorrettezza è l'ambito in cui dici che viene applicato.Alla NASA, per i propri satelliti, shuttle e altro, credo che abbiano a cghe fare con mission critical; eppure usano Linux *BSD (cmq va detto che il kernel Linux usato alla NASA è almeno per il 60% creato appositamente dagli ingegneri NASA per i propri scopi: sono i moduli del kernel; effettivamente il kernel Linux usato alla NASA è di media per il 30% statico del Linux originario, pochi moduli del kernel originario e i restanti sono moduli aggiuntivi creati ad hoc.).I calcoli di Teorie relativistiche, di QCD, di QED, sono quanto più di mission critical ritieni. Innanzi tutto non è vero che se queste ist. sperperano soldi non gli e ne freghi; anche perchè un progetto deve essere finanziato, e se si sperperano soldi non verrà più finanziato dallo stato; e con i pochi finanziamenti per la ricerca, ogni ist. scientifica cerca di trarre il max. dai soldi a disposizione.Poi, devi sapere che suddetti clcoli (ad esempio il calcolo della massa di un Quark) può richiedere, anche perchè si parla di precisioni alla 10° cifra, anni se fatti da un'elaboratore normale anche potente (15-20); per questo si ricorre ai cluster (dove win dimostra di essere incompetente). Se si perde per un blocco un risultato occorre ripartire, aspettando magari 5-7 anni per il risultato. Analoga cosa vale per la verifica sperimentale della teoria. Visto che si è riusciti a calcolare le masse dei Quark (fino ad un numero di cifre), e si migliora sempre, significa che i sistemi Linux e *BSD rispondono a queste mission critical.Un'altra cosa è se inserisco il discorso della facilità d'uso e conseguentemente della velocità di configurazione; Linux e *BSD per questi scopi non sono affatto facili; ma ciò non significa che non siano per mission critical, (che all'80% si fà su cluster IA per risparmiare), anzi lo sono tecnicamente più di win. Ma queste non sono opinioni di una ditta, ma fatti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            - Scritto da: BSD_like
            [...]
            Alla NASA, per i propri satelliti, shuttle e
            altro, credo che abbiano a cghe fare con
            mission critical; eppure usano Linux *BSDintendevi dire o Linux o *BSD?
            (cmq va detto che il kernel Linux usato alla
            NASA è almeno per il 60% creato
            appositamente dagli ingegneri NASA per i
            propri scopi: [...]per forza... non credo proprio che abbiano solo hardware standard... :)
            Un'altra cosa è se inserisco il discorso
            della facilità d'uso e conseguentemente
            della velocità di configurazione; Linux e
            *BSD per questi scopi non sono affatto
            facili; ma ciò non significa che non siano
            per mission critical, [...]tra l'altro, se qualcuno ha bisogno di un sistema per applicazioni mission critical puo' permettersi di pagare un amministratore compentente...
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            - Scritto da: BSD_like
            Alla NASA, per i propri satelliti, shuttle e
            altro, credo che abbiano a cghe fare con
            mission critical; eppure usano Linux *BSD
            (cmq va detto che il kernel Linux usato alla
            NASA è almeno per il 60% creato
            appositamente dagli ingegneri NASA per i
            propri scopi: Hai preso proprio un ottimo esempio. Ammesso e non concesso che la panzana che racconti della NASA sia vera, immagino ci siano migliaia di societa' disposte a svilupparsi meta' sistema operativo per farci girare una app seria.Dai torna a giocare col tuo OS per hobbisti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            - Scritto da: asdf
            Dai torna a giocare col tuo OS per hobbisti.= Windows. Perche` la maggior parte degli smanettonihobbysti guarda caso smanetta notte e giornocon i vari giocattolini della MS, e non sono pochi(95,98,98SE,ME,NT,2K,XP).
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            - Scritto da: asdf
            Hai preso proprio un ottimo esempio. Ammesso
            e non concesso che la panzana che racconti
            della NASA sia vera, immagino ci siano
            migliaia di societa' disposte a svilupparsi
            meta' sistema operativo per farci girare una
            app seria.
            Dai torna a giocare col tuo OS per hobbisti.Definizione di OS per hobbisti: Sistema operativo punta e clicca, che dopo pochi mesi fa sentire l'utilizzatore in grado di definirsi esperto di informatica, capace di dare opinioni formate su qualsiasi argomento relativo all'informatica e dintorni, e che causa una prematura usura del case soprattutto del tasto "reset".Viene utilizzato in applicazioni mission critical, come la stamperia della Banda Bassotti, nel commissariato di Paperopoli, da Topolino per risolvere casi intricati (vedi campo minato).PS:)
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            - Scritto da: tartaruga



            Definizione di OS per hobbisti: Sistema operativo realizzato senza fini di lucro.Cio' comporta (a livello business) la totale assenza delle garanzie, del supporto e della professionalita' che solo software commerciale puo' garantire.Cio' comporta (a livello homepc) la quasi certa mancanza di drivers per tutte le periferiche dato che, essendo un prodotto sviluppato per hobby, i driver ci sono solo se e quando qualcuno decide di farli (e spesso con discutibili risultati).Per quanto riguarda l'idea che questo prodotto sia free, rimando alle tonnellate di documentazione e libri pubblicati anche solo per configurare una qualsivoglia cazzatina su detto OS e del tempo (t=$) necessario al suo apprendimento. E' evidente come i costi reali siano ben piu' alti di una licenza win, a meno che non si stia parlando di studentelli che non hanno nulla da fare e il cui tempo non ha valore.Ciao.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio

            Sistema operativo realizzato senza fini di
            lucro.e quindi peggiore...bella cazzata...
            Cio' comporta (a livello business) la totale
            assenza delle garanzie, del supporto e della
            professionalita' che solo software
            commerciale puo' garantire.mi ricorda qualcuno...ma e coomerciale no ????
            Cio' comporta (a livello homepc) la quasi
            certa mancanza di drivers per tutte le
            periferiche dato che, essendo un prodotto
            sviluppato per hobby, i driver ci sono solo
            se e quando qualcuno decide di farli (e
            spesso con discutibili risultati).pare che la situazione e migliorata molto ultimamente...
            Per quanto riguarda l'idea che questo
            prodotto sia free, rimando alle tonnellate
            di documentazione e libri pubblicati anche
            solo per configurare una qualsivoglia
            cazzatina su detto OS e del tempo (t=$)
            necessario al suo apprendimento.dipende...a me e bastato pocchissimo...
            E' evidente
            come i costi reali siano ben piu' alti di
            una licenza win, a meno che non si stia
            parlando di studentelli che non hanno nulla
            da fare e il cui tempo non ha valore.e certo farsi pagare 100 euro all'ora e piu divertente...o no ????
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            - Scritto da: asdf
            Sistema operativo realizzato senza fini di
            lucro.Hai presente le distro commerciali, quelle un piccolo fine di lucro l'hanno, difatti RH e' quotata in borsa nel NASDAQ, vendono servizi e software basato su Linux, IBM ha una partnership commerciale con loro (suse caldera redhat), quindi non e' sempre vero che tutto sia fatto senza scopo di lucro.M$ a mio parere e' molto piu' brava a vendere software che a farlo.
            Cio' comporta (a livello business) la totale
            assenza delle garanzie, del supporto e della
            professionalita' che solo software
            commerciale puo' garantire.Scusami, ma questa e' un eresia (mia opinione personale), la licenza di M$ e quella di tutto il software commerciale (shareware e varie) esclude qualsiasi responsabilita' nel caso in cui il software prodotto causi danni di qualsiasi genere... alla faccia delle garanzie, il software GPL ed Open Source non da queste garanzie, ma perlomeno non ti sveni.Sul supporto, beh, che io paghi per sapere, spesse volte, che il software e' bacato e che verra' rilasciata una relase nei prossimi tot giorni... francamente non ne ho bisogno.
            Cio' comporta (a livello homepc) la quasi
            certa mancanza di drivers per tutte le
            periferiche dato che, essendo un prodotto
            sviluppato per hobby, i driver ci sono solo
            se e quando qualcuno decide di farli (e
            spesso con discutibili risultati).Questo e' vero solo fino a quando le case che producono hardware, non rilasciano le specifiche agli sviluppatori per linux, esempio canonico e' ATI e il supporto dell'uscita video della scheda che da mesi devono decidersi se appoggiare lo sviluppo di questa feature per Linux, Xfree86 supporta gia' le schede radeon etc etc, non l'uscita video.Nvidia rilascia i suoi drivers e fa prima. Appoggiare solo M$ e Mac e' un sintomo (a mio modestissimo parere) di un monopolio commerciale, e forse anche di poca lungimiranza.
            Per quanto riguarda l'idea che questo
            prodotto sia free, rimando alle tonnellate
            di documentazione e libri pubblicati anche
            solo per configurare una qualsivoglia
            cazzatina su detto OS e del tempo (t=$)
            necessario al suo apprendimento. E' evidente
            come i costi reali siano ben piu' alti di
            una licenza win, a meno che non si stia
            parlando di studentelli che non hanno nulla
            da fare e il cui tempo non ha valore.L'apprendimento e' la base per usare un qualunque strumento, e onestamente con le distribuzioni odierne e i quintali di documentazione online ci vuole ben poco per configurare qualunque cosa, a partire dallo scanner USB (sane) per arrivare sino alla Stampante.Ma capisco il punto di vista di chi, non avendo tempo, vuole usare tutto e subito, anche se non condivido questo approcio, ed e' per questo che tu, per esempio, devi poter usare un OS che ti sia congeniale, come devo poterlo fare io, cosa che M$ non pensa, ed infatti la Liberta' proposta da M$ finisce dove finisce M$.Aggiungo un'ultima cosa: Stabilita', sicurezza, usabilita'. Sulla stabilita' pochi riusciranno a farmi cambiare idea che Linux sia decisamente molto piu' stabile di qualsiasi OS M$.Sicurezza: il rilascio delle patch per software Open Source, e' a dir poco fulmineo, non posso dire la stessa cosa per il software commerciale.Usabilita' : facilissimi gli OS M$, non c'e' che dire, viaggi su due binari (wizards), peccato che 1) addio flessibilita', 2) se "deragli" difficilmente recuperi, 3) le nuove licenze impediscono l'interoperabilita' di M$ con software Open Source (samba per esempio) ... che tra l'altro e' esempio della liberta' che M$ propone (modello improponibile per una casa software che non goda di un mercato consolidato a livelli diciamo stratosferici, e che sega le gambe alla concorrenza...)
            Ciao. Un saluto.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            - Scritto da: tartaruga


            - Scritto da: asdf

            Sistema operativo realizzato senza fini di

            lucro.

            Hai presente le distro commerciali, quelle
            un piccolo fine di lucro l'hanno, Non sviluppano se non in minima parte. E quando dovessero arrivare a sviluppare massicciamente (e per motivi di business ci dovranno arrivare visto che non possono "aspettare" che qualcuno si metta a sviluppare quando gli pare quello di cui hanno bisogno) avrai release incompatibili tra loro.

            Cio' comporta (a livello business) la
            totale

            assenza delle garanzie, del supporto e
            della

            professionalita' che solo software

            commerciale puo' garantire.

            Scusami, ma questa e' un eresia (mia
            opinione personale), la licenza di M$ e
            quella di tutto il software commerciale
            (shareware e varie) esclude qualsiasi
            responsabilita' nel caso in cui il software
            prodotto causi danni di qualsiasi genere...La garanzia di sapere che qualcuno di quelli che voi considerati fessi totali di sviluppatori ms da 300k dollari l'anno ci sta mettendo le mani per risolvere i tuoi problemi e' maggiore di quella che si ha sperando che qualche universitario australiano salti la giornata di surf per fixare un bachetto di linux. Quantomeno e' una garanzia maggiore per una azienda.
            Sul supporto, beh, che io paghi per sapere,
            spesse volte, che il software e' bacato e
            che verra' rilasciata una relase nei
            prossimi tot giorni... francamente non ne ho
            bisogno.Tu no, una azienda forse si. E cmq il supporto a livello di business puo' anche consistere in un tecnico on site e/o in tante altre cose.

            Cio' comporta (a livello homepc) la quasi

            certa mancanza di drivers per tutte le

            periferiche dato che, essendo un prodotto

            sviluppato per hobby, i driver ci sono
            solo

            se e quando qualcuno decide di farli (e

            spesso con discutibili risultati).

            Questo e' vero solo fino a quando le case
            che producono hardware, non rilasciano le
            specifiche agli sviluppatori per linux,No gain, no pain. Non glielo fa fare nessuno e non lo fanno. Mi sembra assai esagerato pretendere il contrario.
            Appoggiare solo M$ e Mac e' un sintomo (a
            mio modestissimo parere) di un monopolio
            commerciale, e forse anche di poca
            lungimiranza.
            E' sintomo che un prodotto non commerciale gestito da hobbisti e altamente complesso per gli utenti non interessa a chi fa business.

            da fare e il cui tempo non ha valore.

            L'apprendimento e' la base per usare un
            qualunque strumento, e onestamente con leCerto.
            distribuzioni odierne e i quintali di
            documentazione online ci vuole ben poco per
            configurare qualunque cosa, a partire dalloSi peccato che poi le leggi di murphy insegnino che anche partendo da una situazione "teoricamente" banale si possa arrivare a dovere compiere passi assolutamente proibitivi per un neofita.
            Ma capisco il punto di vista di chi, non
            avendo tempo, vuole usare tutto e subito,
            anche se non condivido questo approcio, ed
            e' per questo che tu, per esempio, devi
            poter usare un OS che ti sia congeniale,
            come devo poterlo fare io, cosa che M$ non
            pensa, ed infatti la Liberta' proposta da M$
            finisce dove finisce M$.MS mi da la liberta' di installare e usare un pc per le poche cose che ci devo fare senza sbattermi.Linux aspetta che io mi legga, mi studi ecc..cose assolutamente inutili visto che io non faccio il system administrator o l'helpdesk ne mi interessa farlo.Voi la chiamate liberta' io la chiamo tempo buttato.

            Aggiungo un'ultima cosa: Stabilita',
            sicurezza, usabilita'.
            Sulla stabilita' pochi riusciranno a farmi
            cambiare idea che Linux sia decisamente
            molto piu' stabile di qualsiasi OS M$.Dipende cosa ci gira. Far crashare win95 giocando a solitario non e' cosi' facile.
            Sicurezza: il rilascio delle patch per
            software Open Source, e' a dir poco
            fulmineo, non posso dire la stessa cosa per
            il software commerciale.Il fatto di dare il codice sorgente a chiunque e' implicitamente un pericolo.
            Usabilita' : facilissimi gli OS M$, non c'e'
            che dire, viaggi su due binari (wizards),
            peccato che
            1) addio flessibilita', Ho tutto quello che mi serve.
            2) se "deragli" difficilmente recuperi, Driveimage.
            3) le
            nuove licenze impediscono
            l'interoperabilita' di M$ con software Open
            Source (samba per esempio) ... Non mi tange la questione.
            Un saluto.A te.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            - Scritto da: asdf

            La garanzia di sapere che qualcuno di quelli
            che voi considerati fessi totali di
            sviluppatori ms da 300k dollari l'anno ci
            sta mettendo le mani per risolvere i tuoi
            problemi e' maggiore di quella che si ha
            sperando che qualche universitario
            australiano salti la giornata di surf per
            fixare un bachetto di linux. Quantomeno e'
            una garanzia maggiore per una azienda.Vorrei sapere come spieghi, in questa ottica, il fatto che ci siano pagine con elenchi di bug di IE senza patch (alcuni vecchi di mesi) mentre i bug dei software open source vengono corretti in pochi giorni.Vedremo se comprerai ancora microsoft quando il nuovo piano di licenze sara` arrivato...
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            - Scritto da: asdf
            Non sviluppano se non in minima parte. E
            quando dovessero arrivare a sviluppare
            massicciamente (e per motivi di business ci
            dovranno arrivare visto che non possono
            "aspettare" che qualcuno si metta a
            sviluppare quando gli pare quello di cui
            hanno bisogno) avrai release incompatibili
            tra loro. Vendono servizi e software aggiuntivo, non fanno kernels personalizzati (li patchano al limite).Nessuna incompatibilita', io mi scarico i sorgenti di postfix, li compilo, ci faccio un bell'RPM e me li installo, cosa che fai con tutte le distribuzioni, a parte l'RPM.
            La garanzia di sapere che qualcuno di quelli
            che voi considerate fessi totali di
            sviluppatori ms da 300k dollari l'anno ci
            sta mettendo le mani per risolvere i tuoi
            problemi e' maggiore di quella che si ha
            sperando che qualche universitario
            australiano salti la giornata di surf per
            fixare un bachetto di linux. Quantomeno e'
            una garanzia maggiore per una azienda.Pensare che chi sviluppa sia solo un universitario e' un po limitato (fortemente), comunque quel benedetto surfista ha fatto uscire una patch per SSH in 12 ore, il programmatore da 300 petroldollari, visti gli esempi di Outlook, Explorer e quant'altro, e' ancora li a pensare da anni...
            Tu no, una azienda forse si. E cmq il
            supporto a livello di business puo' anche
            consistere in un tecnico on site e/o in
            tante altre cose.Un tecnico onsite se lo vuoi c'e' anche per Linux, non vedo il problema. Io (metaforicamente) ti installo un server Linux e ti faccio assistenza.
            No gain, no pain. Non glielo fa fare nessuno
            e non lo fanno. Mi sembra assai esagerato
            pretendere il contrario.L'hardware di un pc ix86 (e non solo) lo compri a prescindere dal sistema operativo. Anzi no, se ci metti WinXP, per farlo girare degnamente dovrei fare un upgrade.
            E' sintomo che un prodotto non commerciale
            gestito da hobbisti e altamente complesso
            per gli utenti non interessa a chi fa
            business.IBM, Sun, Suse, RedHat, aziende Italiane che hanno servers web, che utilizzano php etc etc.Poi estremamente complesso mi pare un azzardo e mi sorge un dubbio: l'hai mai vista una distro commerciale (RH7.2, Mandrake, Suse)?
            Si peccato che poi le leggi di murphy
            insegnino che anche partendo da una
            situazione "teoricamente" banale si possa
            arrivare a dovere compiere passi
            assolutamente proibitivi per un neofita.Idem per M$, conosco gente che manco sa installare un applicazione sotto Windows: l'estremamente proibitivo e' relativo, estremamente relativo.
            MS mi da la liberta' di installare e usare
            un pc per le poche cose che ci devo fare
            senza sbattermi.
            Linux aspetta che io mi legga, mi studi ecc..
            cose assolutamente inutili visto che io non
            faccio il system administrator o l'helpdesk
            ne mi interessa farlo.
            Voi la chiamate liberta' io la chiamo tempo
            buttato.Affari tuoi di come identifichi la TUA liberta', IO voglio essere libero di utilizzare l'OS che mi pare a prescindere dalle tue personali considerazioni, che se mi permetti potrebbero non essere le mie. Se questo e' il tuo livello di tolleranza, non mi stupisco che ci siano persone contente che una societa' monopolizzi il mercato dell'informatica... evidentemente la liberta', la possibilita' di scegliere, a qualcuno non interessa, o teme che scegliere occuperebbe il suo tempo prezioso, far scegliere agli altri si risparmia tempo...



            Aggiungo un'ultima cosa: Stabilita',

            sicurezza, usabilita'.

            Sulla stabilita' pochi riusciranno a farmi

            cambiare idea che Linux sia decisamente

            molto piu' stabile di qualsiasi OS M$.

            Dipende cosa ci gira. Far crashare win95
            giocando a solitario non e' cosi' facile.In una azienda ci fai girare un solitario sotto Win? Per le cose serie usi Linux, ho capito.

            Sicurezza: il rilascio delle patch per

            software Open Source, e' a dir poco

            fulmineo, non posso dire la stessa cosa
            per

            il software commerciale.

            Il fatto di dare il codice sorgente a
            chiunque e' implicitamente un pericolo. La conoscenza e' un pericolo? Preferisci l'ignoranza? Hai un pc potenzialmente esposto ad attacchi di Crackers, ma dato che mamma M$ ti dice che sei al sicuro, vuol dire che il tuo O$ e' perfetto, sebbene, magari, esistano dei bug grossi come dei vulcani?Apparenza = sostanza? Forse, forse anche quando ti hanno prelevato dal pc tutte le informazioni sensibili e degne di nota, senza che tu te ne sia minimamente accorto, e dato che non te ne sei accorto = non e' successo, poi guardi l'estratto conto della tua carta di credito... e realizzi che qualcosa e' successo... o forse no.

            Usabilita' : facilissimi gli OS M$, non
            c'e'

            che dire, viaggi su due binari (wizards),

            peccato che

            1) addio flessibilita',

            Ho tutto quello che mi serve.Tu, a me Win* da anche troppo = crash ripetuti, bug a iosa, virus, salassi economici per acquistare antivirus (che ogni anno devo ricomprare), firewall software decente, poi se non hai comprato manco una licenza per il software che usi (visto che esalti la bellezza del software commerciale) la discussione possiamo anche chiuderla qua.

            2) se "deragli" difficilmente recuperi,

            Driveimage.Perdita di tempo inutile ed e' aggirare un problema enorme, non risolverlo, anche concettualmente e' un abominio: decantiamo la stabilita' di un sistema che deve essere reinstallato ogni tot giorni, tanto ci metti poco con driveimage? Tipico dei sistemi operativi efficenti...

            3) le

            nuove licenze impediscono

            l'interoperabilita' di M$ con software
            Open

            Source (samba per esempio) ...

            Non mi tange la questione.

            Un saluto.A te no, e figurati, ci mancherebbe altro, ma ad altre milioni di persone si e fortunatamente potrebbe essere stata una mossa al quanto azzardata per il signor Gates, sia ben chiaro, non aspiro ad una "morte" della Microsoft, solo che si dovrebbe capire che un monopolio e' quanto di piu' lontano dalla democrazia si sia mai visto, ed il sottoscritto alla propria liberta' ci tiene parecchio, e non credo di essere il solo.
            A te.Contraccambio ed infine aggiungo:come avevo gia' detto la liberta' di scelta, che in questa sede e' stata bellamente ignorata,il libero mercato e' il bene attraverso il quale si sviluppa la concorrenza e la concorrenza porta ad un miglioramento del prodotto, un monopolio non ha concorrenza, non deve migliorarsi, se non nella pubblicita' o nell'aggredire gli altri e denigrarli.Se Linux fosse stato fatto da una Societa' informatica M$ la avrebbe gia' comprata, non puo' farlo quindi parte alla carica e su www.wehavethewayout.com (la via da abbandonare = UNIX) e tale dominio era in hosting su... FreeBSD (uno UNIX), la coerenza non paga, su
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            - Scritto da: asdf

            Non sviluppano se non in minima parte. E
            quando dovessero arrivare a sviluppare
            massicciamente (e per motivi di business ci
            dovranno arrivare visto che non possono
            "aspettare" che qualcuno si metta a
            sviluppare quando gli pare quello di cui
            hanno bisogno) avrai release incompatibili
            tra loro.Chi ti dice che le sh linux non sviluppino? per dirne una, Alan Cox (che non e' un parente dell'attrice Courtney, ma il numero due nello sviluppo del kernel, dopo Linus) lavora, e sviluppa, per RH. E cosi' molti grossi sviluppatori Linux

            La garanzia di sapere che qualcuno di quelli
            che voi considerati fessi totali di
            sviluppatori ms da 300k dollari l'anno ci
            sta mettendo le mani per risolvere i tuoi
            problemi e' maggiore di quella che si ha
            sperando che qualche universitario
            australiano salti la giornata di surf per
            fixare un bachetto di linux. Quantomeno e'
            una garanzia maggiore per una azienda.Come detto, chi porta veramente avanti Linux lavora per aziende che con Linux ci vivono, come RH, Mandrake etc. oppure fa parte di grossi team di sviluppo tipo Debian. Non sono nerd senza null'altro da fare. Inoltre, se hai un problema sotto linux puoi sempre sperare di trovare qualcuno che lo risolva; se mamma MS ha deciso che non vale la pena di lavorarci, invece, nisba

            Tu no, una azienda forse si. E cmq il
            supporto a livello di business puo' anche
            consistere in un tecnico on site e/o in
            tante altre cose.Con linux non posso averlo, scusa? RH et similia ci campano, con l'assistenza

            No gain, no pain. Non glielo fa fare nessuno
            e non lo fanno. Mi sembra assai esagerato
            pretendere il contrario.i produttori di HW hanno forse una percentuale sulle copie di Win vendute? e allora dove sta questo "gain"? Win e' l'os piu' diffuso nel mercato home, ok, ma potrebbero rosicchiarsi un'altra fetta di mercato dando la possibilita' ad altri (e quindi a costo quasi zero) di scrivere i driver per il proprio HW
            E' sintomo che un prodotto non commerciale
            gestito da hobbisti e altamente complesso
            per gli utenti non interessa a chi fa
            business.Queste sono solo tue considerazioni personali. Punto.
            Si peccato che poi le leggi di murphy
            insegnino che anche partendo da una
            situazione "teoricamente" banale si possa
            arrivare a dovere compiere passi
            assolutamente proibitivi per un neofita.la legge di murphy si applica sia a Win che a Linux. E spesso si applica anche a se stessa. Ho avuto esperienze allucinanti con un WinXP che non si limitava a non accettare un driver non certificato ma che ha paciugato con il regisrtry ad un tale livello da farmi credere nella presenza di un poltergeist...

            MS mi da la liberta' di installare e usare
            un pc per le poche cose che ci devo fare
            senza sbattermi.MS ti da' la liberta' di percorrere solo quella strada. Va bene per te, per altri potrebbe non andare bene. Linux e' partito dai server e si sta avvicinando ai desktop, windows si ostina sul punta/e/clicca anche per configurare i server :-(
            Linux aspetta che io mi legga, mi studi ecc..
            cose assolutamente inutili visto che io non
            faccio il system administrator o l'helpdesk
            ne mi interessa farlo.
            Voi la chiamate liberta' io la chiamo tempo
            buttato.Semplicemente, tu sei un utente soddisfatto di Windows, e non mi pare che qui nessuno stia cercando di costringerti a migrare su Linux
            Il fatto di dare il codice sorgente a
            chiunque e' implicitamente un pericolo. Motivazioni? sei libero di sostenere la politica di non-disclosure, ma almeno adduci delle motivazioni

            Usabilita' : facilissimi gli OS M$, non
            c'e'

            che dire, viaggi su due binari (wizards),

            peccato che

            1) addio flessibilita',

            Ho tutto quello che mi serve.Continui a fare di tutta l'erba un fascio. Tu sei tu, non il resto del mondo

            2) se "deragli" difficilmente recuperi,

            Driveimage.Un programma commerciale, costoso ed una soluzione spesso spropositata all'effettiva gravita' del problema. Ma non l-ho mai usato e potrei sbagliarmi

            3) le

            nuove licenze impediscono

            l'interoperabilita' di M$ con software
            Open

            Source (samba per esempio) ...

            Non mi tange la questione.Sempre e solo A TE. A me potrebbe interessare, a mia madre no, a Tizio importa piu' della morosa...Un saluto, semmai leggerai questo post
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            - Scritto da: BSD_like
            Non vi è nessuna panzana, alla NASA
            utilizzano UNIX per i loro sistemi mission
            critical; Unix o linux? Forse non lo sai ma c'e' una certa differenza!
            Poi, non entro su altre questioni, quello
            che mi interessava confutare era il fatto
            che Linux non è adatto a applicazioni mission
            critical, visto che da suddette ist.
            scientifiche viene preferito a win, proprio
            per questo motivo.Su linux hai citato UN esempio, senza citare alcuna fonte, premettendo che il 60% del kernel se lo sono riscritti a manina "gli ingegneri nasa".Bella confutazione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            - Scritto da: asdf


            - Scritto da: BSD_like

            Non vi è nessuna panzana, alla NASA

            utilizzano UNIX per i loro sistemi mission

            critical;

            Unix o linux? Forse non lo sai ma c'e' una
            certa differenza!La differenza è più di nome, cmq alla NASA non utilizzano un solo o.s.


            Poi, non entro su altre questioni, quello

            che mi interessava confutare era il fatto

            che Linux non è adatto a applicazioni
            mission

            critical, visto che da suddette ist.

            scientifiche viene preferito a win,
            proprio

            per questo motivo.

            Su linux hai citato UN esempio, senza citare
            alcuna fonte, premettendo che il 60% del
            kernel se lo sono riscritti a manina "gli
            ingegneri nasa".

            Bella confutazione.
            Quello che si scrivono a manina, sono i moduli, che di fatto nel tot. costituiscono il 60% del kernel usato. La parte statica è del kernel originario. Il perchè scrivono questi moduli aggiuntivi, come detto in altro post, è dovuto al fatto che non si usa hw standard, o che non è più supportato; e quando si usa hw standard gli ingegneri tendono cmq ad ottimizzarlo ed ad adattarlo.Per le fonti, basta che vai sul sito della NASA (www.nasa.org) e cerchi i progetti con Linux.Uno per tutti a cui partecipa la NASA: A.I.P.S.: Astronomical Image Processing Sistem. È il sw per telescopi e radio-telescopi usato dagli osservatori astronomici, è scritto per Linux e disponibile su www.aoc.nrao.edu/aips. È anche il sw che processa i dati inviati dal telescopio spaziale Hubble della NASA; chiede circa 500 Mb, deve essere compilato e richiede (ovv.) conoscenze di fisica (relativistiche e quantistiche).Dovresti dedicarti a fisica o astrofisica, ne vedresti l'importanza.
        • Anonimo scrive:
          Re: Mi sembra ovvio
          - Scritto da: furbix


          - Scritto da: BSD_like

          Devi chiedere al CERN, alla NASA, ed alle

          altre ist. scientifiche che fanno vere

          mission critical sugli elaboratori dalla

          fascia media a quella alta come quella
          presa

          in considerazione,
          Normalmente si intende "Mission Critical"
          una applicazione che se si impalla
          accidentalemente si inizia a perdere
          migliaia di ? (se non di più) al minuto.
          In pratica hai il biz fermo.
          Chi ha Windows, che se ne voglia dire, non
          soffre di questi problemi in modo così
          dissimile da chi ha sistemi Unix (anche se
          questi ultimi spendono annulmente quasi il
          TRIPLO di quello che spendono i primi).Tua personale opinione, ma i dati???

          Nelle istituzioni statali quali il CERN e la
          NASA non ci sono sistemi mission critical
          (anche se un sistema rimane ko per un mese,Scusa se non sono mission critical i sistemidi guida di razzi e satelliti...
          • Anonimo scrive:
            Re: Mi sembra ovvio
            - Scritto da: me
            - Scritto da: furbix

            - Scritto da: BSD_like

            In pratica hai il biz fermo.

            Chi ha Windows, che se ne voglia dire, non

            soffre di questi problemi in modo così

            dissimile da chi ha sistemi Unix (anche se

            questi ultimi spendono annulmente quasi il

            TRIPLO di quello che spendono i primi).

            Tua personale opinione, ma i dati???http://www.tpc.orgNon lo sapevi ???




            Nelle istituzioni statali quali il CERN e
            la

            NASA non ci sono sistemi mission critical

            (anche se un sistema rimane ko per un
            mese,

            Scusa se non sono mission critical i sistemi
            di guida di razzi e satelliti...
            Naaa ... quelle sono applicazioni Hi-Rel!Il software Hi-Rel deve rispondere a delle specifiche precise ed incorporare dei self-test a livello di ogni procedura e di ogni modulo.Inoltre, ogni procedura deve essere realizzata in modo da testare se il range dei dati di ingresso e quelli di uscita è corretto (ed eventualmente prendere le opportune azioni correttive).In genere, costa meno scriversi un OS Hi-Rel (e ce ne sono) che rendere Hi-Rel un OS esistente.
    • Anonimo scrive:
      Re: Mi sembra ovvio
      io personalmente lo trovo mitico.. (in tutti i sensi )win2000 sui mainframe ...a parte tutti i discorsi etici sul software libero ,sul monopolio M$ etc. etc. voglio conoscere _di persona_ il tizio che decidadi fare una cosa del genere ;secondo me i casi sono due:a) lavora alla M$ b) e' uno scemo ma di quelli scemi sul serio,uno di quelli che sono caduti da piccoli dal seggiolone per intenderci
  • Anonimo scrive:
    Ma lo studio lo ha fatto un bambino di 2 anni?
    E' ormai un dato assodato e riconosciuto da chiunque lavori nel settore che Linux è molto più stabile e affidabile di Windows. Linux deve il suo successo proprio al fatto che oltre ad essere gratuito è più affidabile di Windows, altrimenti non si sarebbe mai affermato com sistema principe proprio nelle applicazioni più critiche. Il fatto che ci siano in giro tante patch e segnalazioni di bachi è un pregio, semmai, diversamente dal caso di Microsoft che le voragini del suo sistema operativo le vuole nascondere.Chi pubblica uno studio facendo affermazioni simili o non ha mai usato seriamente un pc o è in malafede (vedi "pagato da Microsoft")
    • Anonimo scrive:
      Re: Ma lo studio lo ha fatto un bambino di 2 anni?

      Chi pubblica uno studio facendo affermazioni
      simili o non ha mai usato seriamente un pc o
      è in malafede (vedi "pagato da Microsoft")Ti faccio solo notare che qui non si parla di semplici PC, bensì di mainframe che come ricorda Punto Informatico sono "grossi elaboratori multiprocessore ..."
      • Anonimo scrive:
        Re: Ma lo studio lo ha fatto un bambino di 2 anni?

        Ti faccio solo notare che qui non si parla
        di semplici PC, bensì di mainframe che come
        ricorda Punto Informatico sono "grossi
        elaboratori multiprocessore ..."Ritengo che questo non cambi i termini del discorso, visto che anche in questo caso si utilizza Linux con kernel 2.4 (come nei pc) o Windows 2000 (come nei pc, anche se in versione "potenziata"). Tra l'altro proprio Linux è protagonista degli studi più avanzati sui sistemi multiprocessore, ed equipaggia la macchina con il maggior numero di processori al mondo. Linux, non Windows: sarà un caso?
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma lo studio lo ha fatto un bambino di 2 anni?
          Quei "computer" non sono macchine multiprocessore, ma un grande cluster parallelo.Le macchine multi processore sono singole dotate di più processori; ad esempio Solaris arriva a sostenere una macchina con 76 Sparc, Linux arriva a 56 Sparc; ma la cosa è ovvia producendo Sun le Sparc.La falsità dello studio è rilevata proprio dal fatto che gli elaboratori richiamati nello studio, sono utilizzati nelle vere mission critical da NASA, CERN, e altre ist. scientifiche, dove si fanno calcoli di Teoria della relatività, di QCD, di QED, su o.s. UNIX: Linux o *BSD.E' chiaramente fazioso lo studio, uno studio obbiettivo sulla stabilità e performance va chiesta proprio a quelle ist. governative scientifiche non di parte, che utilizzano gli elaboratori in mission critical vere.L'evidenzia delle patch rilasciata dalle distro Linux, rivela altra faziosità, visto che una distro distribuisce oltre 20 Gb di sw a fronte dei 0,7 Gb di win.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma lo studio lo ha fatto un bambino di 2 anni?

            La falsità dello studio è rilevata proprio
            dal fatto che gli elaboratori richiamati
            nello studio, sono utilizzati nelle vere
            mission critical da NASA, CERN, e altre ist.
            scientificheOk, ma alla NASA o al CERN non mi pare siano troppo interessati alla "facilità d'uso e di amministrazione" del sistema.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma lo studio lo ha fatto un bambino di 2 anni?

            Ok, ma alla NASA o al CERN non mi pare siano
            troppo interessati alla "facilità d'uso e di
            amministrazione" del sistema.guarda che sul mainframe mica giocano a campo fiorito...
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma lo studio lo ha fatto un bambino di 2 anni?

            guarda che sul mainframe mica giocano a
            campo fiorito...Ti ricordo solo che i mainframes sono prodotti da società come Unisys, Sun e IBM; per trovare un mainframe non serve andare alla NASA o al CERN, molte grosse aziende dispongono di un mainframe e gli addetti di queste non hanno per forza le competenze tecniche degli scienziati della NASA. Quindi, se un sistema, oltre a essere potente, è anche facile da usarsi ed amministrarsi, penso che gli faccia parecchio comodo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma lo studio lo ha fatto un bambino di 2 anni?
            Ma lol!Mimmo è inutile sforzarsi, tanto gli os d nicchia stanno combattendo la loro guerra vs microsoft, è quindi necessario che le piccole ed insignificanti legioni di linuxiana specie corrano e vadano a sbattere contro il muro della dura verità!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma lo studio lo ha fatto un bambino di 2 anni?
            Eccone un'altro che ha paura che le aziende si rendano conto che la sua bella certificazione M$ altro non e` che carta da culo firmata.AHAHAHChe paura eh ?
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma lo studio lo ha fatto un bambino di 2 anni?

            Eccone un'altro che ha paura che le aziende
            si rendano conto che la sua bella
            certificazione M$ altro non e` che carta da
            culo firmata.guarda che mica e facile prendere una cert m$...ci sono solo domande a trabbocchino...lo passi solo se rispondi nel modo sbagliato...ma loro sono d-avanti...o no ????
            AHAHAH
            Che paura eh ?;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma lo studio lo ha fatto un bambino di 2 anni?
            - Scritto da: Mimmo97

            guarda che sul mainframe mica giocano a

            campo fiorito...

            Ti ricordo solo che i mainframes sono
            prodotti da società come Unisys, Sun e IBM;
            per trovare un mainframe non serve andare
            alla NASA o al CERN, molte grosse aziende
            dispongono di un mainframe e gli addetti di
            queste non hanno per forza le competenze
            tecniche degli scienziati della NASA.
            Quindi, se un sistema, oltre a essere
            potente, è anche facile da usarsi ed
            amministrarsi, penso che gli faccia
            parecchio comodo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma lo studio lo ha fatto un bambino di 2 anni?
            - Scritto da: Mimmo97[...]
            molte grosse aziende
            dispongono di un mainframe e gli addetti di
            queste non hanno per forza le competenze
            tecniche degli scienziati della NASA.
            Quindi, se un sistema, oltre a essere
            potente, è anche facile da usarsi ed
            amministrarsi, penso che gli faccia
            parecchio comodo.parli come se amministrare un Win2000 datacenter fosse semplice come scrivere la letterina sotto Word! ma stiamo scherzando? o forse "solo perché c'è windows è facile"? tu affideresti un mainframe ad una segretaria? io non lo farei mai (con tutto il rispetto per le segretarie), neanche se andasse a comando vocale!ciaogodz
        • Anonimo scrive:
          Re: Ma lo studio lo ha fatto un bambino di 2 anni?

          Ritengo che questo non cambi i termini del
          discorso, visto che anche in questo caso si
          utilizza Linux con kernel 2.4 (come nei pc)
          o Windows 2000 (come nei pc, anche se in
          versione "potenziata"). Tra l'altro proprio
          Linux è protagonista degli studi più
          avanzati sui sistemi multiprocessore, ed
          equipaggia la macchina con il maggior numero
          di processori al mondo. Linux, non Windows:
          sarà un caso?L'articolo non pone a confronto solo Linux con Windows, ma tira in ballo anche i sistemi Unix.In particolare, "riporta come Linux, fino ad oggi, avrebbe avuto una scarsa presa sul mercato dei mainframe, e questo soprattutto a causa della migliore facilità d'uso e di amministrazione che gli attuali sistemi basati su Unix e Wintel possono vantare nei confronti dell'OS open source." Quindi si afferma, che Windows e i vari Unix commerciali sono più facili da usarsi e da amministrarsi rispetto a Linux. Esistono altri studi di altre società di analisi che affermano ciò. Quindi, non si fa una comparazione a livello architetturale tra Linux (che in sostanza è un derivato Unix) e Windows. Non si afferma che Windows è più sofisticato, più avanzato o viceversa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma lo studio lo ha fatto un bambino di 2 anni?
            bravo Mimmo, almeno tu hai letto l'articolo...molta gente quando incontra la parola Linux o M$ stacca il cervello!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma lo studio lo ha fatto un bambino di 2 anni?

            L'articolo non pone a confronto solo Linux
            con Windows, ma tira in ballo anche i
            sistemi Unix.
            In particolare, "riporta come Linux, fino ad
            oggi, avrebbe avuto una scarsa presa sul
            mercato dei mainframe, e questo soprattutto
            a causa della migliore facilità d'uso e di
            amministrazione che gli attuali sistemi
            basati su Unix e Wintel possono vantare nei
            confronti dell'OS open source." Quindi si
            afferma, che Windows e i vari Unix
            commerciali sono più facili da usarsi e da
            amministrarsi rispetto a Linux. Esistono
            altri studi di altre società di analisi che
            affermano ciò. Quindi, non si fa una
            comparazione a livello architetturale tra
            Linux (che in sostanza è un derivato Unix) e
            Windows. Non si afferma che Windows è più
            sofisticato, più avanzato o viceversa.Non metto in discussione la facilità d'uso. Qui è evidente che Linux ha ancora molta strada da fare per arrivare ai livelli di Windows, senza bisogno di società di analisi che me lo dicano. Mi inc***o quando leggo che Linux sarebbe più bacato e meno affidabile di Windows. Ma quando mai? Sembra di vedere la società che poco tempo fa fece uno studio di affidabilità moltiplicando le inaffidabilità rilevate in Linux per il numero di distribuzioni esistenti. In questo modo ciascun baco veniva contato come minimo 4 o 5 volte. Come si fa a non pensare che questi studi siano fatti in malafede?E poi qualcuno mi spiega perchè in Linux vengono contati anche i bachi delle applicazioni esterne fornite nelle distribuzioni (oltre 10 Gb di roba) e in Windows solo quelli del sistema operativo (1 Gb scarso)? Direi che anche qui siamo decisamente in malafede (vedi pagati da Microsoft)!
          • Anonimo scrive:
            Re: Ma lo studio lo ha fatto un bambino di 2 anni?
            È vero che esistono più strumenti d'ammin. per gli altri UNIX sulla fascia alta degli elaboratori rispetto a win; ma anche tu commetti un'errore.Infatti win ancora non c'è in quella fascia; lo studio si basa, per quanto riguarda win, alle propsettive di crescita della CPU IA a 64 bit: IA64 e AMD32-64, che nel futuro potrebbero portare win in quella fascia.Quindi per quanto riguarda win il discorso verte su una supposizione che ha alle basi il fatto che le CPU di derivazione IA riecano ad arrivare alle prestazioni dei RISC, Sparc, e Alpha (anche se quest'ultima sparirà nel 2005, come sembra per ora).Per ora non sono in grado di competerci, ne è l'intenzione di farlo da parte di Intel e AMD, che preferiscono sfruttare il mercato vergine di mezzo tra i 32 bit e i 64 bit con CPU a 64 bit più economiche ma anche meno performanti e potenti. Anche perchè rincorrere RISC e compagnia, presuppone investimenti (visto il terreno avanzato di cui godono le CPU RISC, Alpha, etc.), e per ora Intel e AMD vogliono rientrare in quelli già fatti.Per inciso Intel ha acquistato il diritto di sfruttamento di molte tecnologiedella CPU Alpha da parte di Compaq.
  • Anonimo scrive:
    findus su mainframe...
    questo dice tutto sulla serieta dello studio...
    • Anonimo scrive:
      Re: findus su mainframe...
      - Scritto da: blah
      questo dice tutto sulla serieta dello
      studio...Perchè? A me pare plausibile e ragionevole, e non toglie nulla ai "meriti" di Linux
      • Anonimo scrive:
        Re: findus su mainframe...
        win gira su sparc e alpha? no? e allora non e' ragionevole
        • Anonimo scrive:
          Re: findus su mainframe...
          roba da matti mai sentite tante stronzate tutte in una sola volta, non vale neanche la pena di incazzarsimeglio riderci sopra
        • Anonimo scrive:
          Re: findus su mainframe...
          Giusto per essere quantomeno precisi. Gia' NT 4.0 aveva una versione per Alpha.
          • Anonimo scrive:
            Re: findus su mainframe...
            si una volta, ma adesso non esiste più ;-)
          • Anonimo scrive:
            Re: findus su mainframe...
            e con bei sforzi degli ingegnieri compaq...ad un certo punto hanno detto mo basta...
            Giusto per essere quantomeno precisi. Gia'
            NT 4.0 aveva una versione per Alpha.
      • Anonimo scrive:
        Re: findus su mainframe...


        questo dice tutto sulla serieta dello

        studio...


        Perchè? A me pare plausibile e ragionevole,
        e non toglie nulla ai "meriti" di Linuxvai a vedere il datacenter in azione...poi ne riparliamo...infatti PARE plausibile...e i costi a quel livello m$ o unix sono uguali...anzi non so chi costa di piu...
Chiudi i commenti