Furore sul pornogame della Acclaim

Tre dei maggiori rivenditori americani si rifiutano di porre in commercio un videogioco accusato per eccesso di nudità, girls e prostitute. L'azienda non intende modificare il gioco. Nintendo dà l'ok

Roma – C’è troppo nudo, troppi streap-tease, troppo sesso nell’ultima produzione della celebrata casa videoludica Acclaim Entertainment . A dirlo non è l’ultimo comunicato stampa di un qualche movimento dei genitori ma i tre maggiori rivenditori statunitensi che hanno annunciato di non avere alcuna intenzione di commercializzare “BMX XXX”.

Toys “R” Us, KB Toys e soprattutto Wal-Mart hanno affermato di non voler essere responsabili della distribuzione di un videogioco accusato di portare con sé rappresentazioni non adatte al pubblico videoludico. E questo sebbene tutti e tre distribuiscano games più volte sotto accusa per la loro violenza. Questa volta però c’è di mezzo il sesso.

“Non intendiamo commercializzare un qualsiasi software – ha abbaiato il portavoce di Wal-Mart Tom Williams – che presenti volgarità o nudità. Noi non lo faremo”. Visione diversa quella di un altro importante retailer, Best Buy, secondo cui sarà possibile vendere una versione censurata del videogioco pensata per la Playstation 2 di Sony.

Cosa c’è di così terribile nel gioco? Secondo le aziende tutto è sbagliato, dal sottotitolo del game “Keep it Dirty” (che si può tradurre arbitrariamente con “giocalo sporco”) alla presenza di personaggi nudi e di prostitute “in azione”, fino alla rappresentazione di spogliarelli.

Uno screenshot del gioco Acclaim, che lancia il gioco il 19 novembre, si difende con forza. Secondo il CEO dell’azienda, Gregory Fischbach, non ha senso prendersela con una farsa, che sarebbe niente più niente meno di quanto hanno portato sul grande schermo film come “Austin Powers”.

Sul sito dedicato a BMX XXX si leggono cose destinate a far saltare sulla sedia i benpensanti: “Ce n’è abbastanza per farti inzuppare i pantaloni. Noi andremo all’inferno e tu verrai con noi”.

E se Acclaim specifica di non avere alcuna intenzione di modificare i contenuti del gioco, sostenendo che comunque viene venduto soltanto ai maggiori di 17 anni, Nintendo ha già fatto sapere che per il proprio GameCube non ha richiesto alcuna modifica al titolo e Microsoft ha per il momento scelto di non commentare quanto potrà accadere con la release per Xbox. Per quanto riguarda la Play2, Acclaim non ha confermato le modifiche censorie al gioco ma ha fatto sapere che se Sony chiedesse dei cambiamenti allora qualcosa verrebbe fatto. In ogni caso la data di uscita non sarà modificata.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Utile?
    Seti spera di captare segnali radio dallo spazio. Una civiltà avanzata utilizzerebbe onde radio?...
  • Anonimo scrive:
    SETI@home
    è un progetto utile e chiude...Tra un po' nascerà un progetto simile per studiare gli effetti di una bomba atomica.. li si che invece i fondi ci saranno vero?bastardi.
  • Anonimo scrive:
    Uh?
    Proprio ora stavo lanciano il prg screen saver :-(
  • Anonimo scrive:
    C'è vita nello spazio?
    Si', sopratutto il sabato sera... :-)
  • Anonimo scrive:
    è colpa di Chris Carter!!
    Ora che la sua mitica serie TV (X-Files) è finita a nessuno più interessano queste cose! ghghgh!!!;)
  • Anonimo scrive:
    Soldi buttati
    Gli alieni esisteranno pure, ma le probabilità di incocciarle sono così basse che è tempo perso e risorse sprecate cercarli da qui...
    • Anonimo scrive:
      Re: Soldi buttati
      - Scritto da: Max Murdock
      Gli alieni esisteranno pure, ma le
      probabilità di incocciarle sono così basse
      che è tempo perso e risorse sprecate
      cercarli da qui...Ma che tempo perso!!!!!! Allora e' tempo perso anche creare opere d'arte !!!!!Non tutto cio' che e' importante ha un senso immediato
      • Anonimo scrive:
        Re: Soldi buttati
        Cercare come cerca il SETI (solo in una piccola porzione dello spazio, solo in un determinato range di frequenze e solo certi segnali) e' spreco di soldi e di tempo.Credo nella possibilita' di vita extraterrestre ma, con il metodo SETI@home si hanno piu' probabilita' di vincere al superEnalotto.
        • Anonimo scrive:
          Re: Soldi buttati
          - Scritto da: Deep Space Nine
          Credo nella possibilita' di vita
          extraterrestre ma, con il metodo SETI@home
          si hanno piu' probabilita' di vincere al
          superEnalotto.Beh, però ogni settimana qualcuno il superenalotto lo vince e siamo in pochi milioni a giocarlo (me escluso in effetti...). Pure il seti :-PSaluti
        • Anonimo scrive:
          Re: Soldi buttati

          Cercare come cerca il SETI (solo in una
          piccola porzione dello spazio, solo in un
          determinato range di frequenze e solo certi
          segnali) e' spreco di soldi e di tempo.e allora hai idea di che capacita di calcolo ci vorrebe solo per processare quella molle di dati ?????
          • Anonimo scrive:
            Re: Soldi buttati

            e allora hai idea di che capacita di calcolo
            ci vorrebe solo per processare quella molle
            di dati ?????Ne ho perfettamente idea, riconosco al SETI l'innovazione del distribuite computing via screensaver, senza del quale non sarebbe neanche possibile immaginare l'elaborazione in tempi umani di una simile mole di dati.Pero' a conti fatti, la ricerca effettuata in quel modo non mi sembra valida.E' come inquadrare con un telescopio un punto dell'oceano pacifico e sperare che ci passi una nave, senza sapere se quella e' una rotta normalmente seguita.
    • Anonimo scrive:
      Re: Soldi buttati
      - Scritto da: Max Murdock
      Gli alieni esisteranno pure, ma le
      probabilità di incocciarle sono così basse
      che è tempo perso e risorse sprecate
      cercarli da qui...Esatto. Se proprio avete cicli macchina da buttare impiegateli per qualcosa di veramente utile ed importante: GIMPS, per esempio... fattorizzare primi mastodontici e magari scoprire il prossimo Mersenne è molto più credibile, serio e probabile che trovare gli omini verdi con le antenne. Senza contare le enormi ricadute sulla crittografia e la teoria algebrica dei numeri...
      • Anonimo scrive:
        Re: Soldi buttati

        fattorizzare primi mastodonticise per "primo mastodontico", intendi qialcosa tipo "un enorme piatto di lasagne", te la passo :))Terra2
      • Anonimo scrive:
        Re: Soldi buttati

        Esatto. Se proprio avete cicli macchina da
        buttare impiegateli per qualcosa di
        veramente utile ed importante: GIMPS, per
        esempio... fattorizzare primi mastodontici e
        magari scoprire il prossimo Mersenne
        è molto più credibile, serio e
        probabile che trovare gli omini verdi con le
        antenne.
        Senza contare le enormi ricadute sulla
        crittografia e la teoria algebrica dei
        numeri...In qualita' di responsabile del GIMPS Italia e del Team_Italia, non posso che confermare, specialmente ora che e' stato definitivamente confermata la scoperta del 41mo numero primo di Mersenne! (http://www.gimps.it).Tra l'altro il nostro gruppo tutto italiano ha ora una serie di pagine ed un progetto distribuito avveniristico teso a scremare i fattori dei numeri di Mersenne con un miliardo di cifre :-)Luigi Morelli
    • Anonimo scrive:
      Re: Soldi buttati
      Sei in cerca di certezze vedo. Se infatti le probabilita', cercando, sono basse, se non cerchi allora hai una certezza, la probabilita' di trovarli diventa zero.In ogni caso non essendo un padreterno non mi esprimerei su quanto possa essere bassa questa probabilita' e se i soldi usati siano o meno sprecati.Se ne buttano tanti in guerre, o in divertimeni stupidi e inquinanti, che qualsiasi energia messa a disposizione di una ricerca scientifica che porti risultati, anche se solo a lunghissimo termine (non importa se positivi o negativi, anche un risultato negativo ha la sua utilita'), vuol dire un'energia sottratta alla stupidita', quindi mi va bene. - Scritto da: Max Murdock
      Gli alieni esisteranno pure, ma le
      probabilità di incocciarle sono così basse
      che è tempo perso e risorse sprecate
      cercarli da qui...
    • Anonimo scrive:
      distributed.net (was: Re: Soldi buttati)
      Infatti basta dedicarsi a progetti piu' seri come le sfide criptografice e logico-matematiche:http://wwww.distributed.net/In attivita' da ben prima di SETI, con programmatori che ottimizzano i client per ogni piattaforma (il client Mac ottimizzato per Altivec e' una scheggia), li rendono leggeri (500 Kb di ram per dnetc contro 16.5 MB per SETI@home) ma restano nell'ombra perche' le chiavi RC5 fanno meno notizia degli alieni sulle pagine dei giornali.Trovare segnali alieni e' affascinante sulla carta ma le probabilita' che una civilta' piu' avanzata della nostra milioni di anni fa (tanto serve ai segnali per raggiungerci) abbia deciso di farsi notare, in una finestra temporale di due anni sono asoolutamente minuscole
      • Anonimo scrive:
        BOINC (was: Re: distributed.net )
        Un altro motivo per cui l'attivita' del SETI@home non e' inutile e le donazioni non sono soldi buttati e' lo sviluppo della tecnilogia BOINC (vedere sul sito del SETI).Per quanto riguarda gli altri progetti non credo che ce ne siano di piu' validi dal punto di vista della solidita' e dell'ottimizzazione della struttura informatica.Riguardo all'utilita' invece vedo come in testa alla classifica quelliclima e sulla salute (vedi genome@home), ma hanno sicuramente una struttura di supporto piu' scarsa, almeno fino a che non convergeranno nel progetto BOINC.Riguardo all'occupazione di memoria non puoi dir nulla sull'ottimizzazione visto che confronti un algoritmo per trovare numeri primi con un FFT per estrarre segnali dal rumore di fondo. Direi che le strutture dati sono molto diverse ...Riguardo il fattore multipiattaforma, il SETI batte tutti, supportando almeno una ventina di sistemi operativi diversi. Del resto non poteva essere altrimenti visto che con i suoi 4 milioni di utenti e' di due o tre ordini di grandezza piu' diffuso di qualsiasi altro progetto di calcolo distribuito.- Scritto da: FGiac
        Infatti basta dedicarsi a progetti piu' seri
        come le sfide criptografice e
        logico-matematiche:

        http://wwww.distributed.net/

        In attivita' da ben prima di SETI, con
        programmatori che ottimizzano i client per
        ogni piattaforma (il client Mac ottimizzato
        per Altivec e' una scheggia), li rendono
        leggeri (500 Kb di ram per dnetc contro 16.5
        MB per SETI@home) ma restano nell'ombra
        perche' le chiavi RC5 fanno meno notizia
        degli alieni sulle pagine dei giornali.

        Trovare segnali alieni e' affascinante sulla
        carta ma le probabilita' che una civilta'
        piu' avanzata della nostra milioni di anni
        fa (tanto serve ai segnali per raggiungerci)
        abbia deciso di farsi notare, in una
        finestra temporale di due anni sono
        asoolutamente minuscole
        • Anonimo scrive:
          Re: BOINC (was: Re: distributed.net )
          - Scritto da: Ale
          Riguardo all'occupazione di memoria non puoi
          dir nulla sull'ottimizzazione visto che
          confronti un algoritmo per trovare numeri
          primi con un FFT per estrarre segnali dal
          rumore di fondo. Direi che le strutture dati
          sono molto diverse ...Poco informato eh... come tutti i faziosi, del resto. Il core (in assembly puro, per chi non lo sapesse, ottimizzato all'estremo) del Lucas-Lemer test usato nel GIMPS è basato, tra l'altro, proprio su una FFT ottimizzata - utilizzata per velocizzare le moltiplicazioni in aritmetica modulare. Al di là delle sciocche questioni tecnocratiche su chi ce l'ha più grosso, all'atto pratico, fattorizzare un presunto primo gigante dà risultati molto più tangibili della caccia all'omino verde nelle profondità del cosmo... qualche primo di Mersenne (ed una mezza dozzina di Keller) lo abbiamo trovato, i marziani ancora no, pur con tutta la "grande diffusione superiore di un ordine di grandezza etc etc etc" del simpatico gingillo perditempo acchiappa-alieni. Quindi, se si vuol parlare di utilità pratica...
          • Anonimo scrive:
            Re: BOINC (was: Re: distributed.net )
            Anche la tua di faziosita' e' piu' che evidente. Avevo iniziato a elaborare con Mersenne, ma poi ho lasciato perche' non mi e' assolutamente chiaro quale puo' essere la ricaduta scientifica o tecnologica della scoperta di questi numeri primi. Prova tu a fugarmi questi dubbi, ma non affermazioni generiche. Inoltre tieni presente che a me dei problemi della crittografia non frega proprio nulla, perche' non ha nulla a che vedere con la scienza. Chi se ne frega se grazie alla scoperta di un numero primo in piu' qualche computer militare sara' piu' protetto contro le intrusioni. Inoltre la crittografia poi serve proprio per aumentare la gia' eccessiva protezione e banalizzazione della proprieta' intellettuale (tra un po' brevetteranno pure la ruota), che limita lo scambio di informazioni e lo stesso progresso scientifico.Inoltre il progetto, proponendo dei premi i denaro per chi trova i numeri primi, somiglia tanto a un gioco a premi, insomma se lo scopo del progetto fosse limpidamente scientifico (quindi anche no profit) che bisogno ci sarebbe di trasformarlo in una lotteria ?- Scritto da: Andrea

            - Scritto da: Ale

            Riguardo all'occupazione di memoria non
            puoi

            dir nulla sull'ottimizzazione visto che

            confronti un algoritmo per trovare numeri

            primi con un FFT per estrarre segnali dal

            rumore di fondo. Direi che le strutture
            dati

            sono molto diverse ...
            Poco informato eh... come tutti i faziosi,
            del resto. Il core (in assembly puro, per
            chi non lo sapesse, ottimizzato all'estremo)
            del Lucas-Lemer test usato nel GIMPS è
            basato, tra l'altro, proprio su una FFT
            ottimizzata - utilizzata per velocizzare le
            moltiplicazioni in aritmetica modulare.

            Al di là delle sciocche questioni
            tecnocratiche su chi ce l'ha più grosso,
            all'atto pratico, fattorizzare un presunto
            primo gigante dà risultati molto più
            tangibili della caccia all'omino verde nelle
            profondità del cosmo... qualche primo di
            Mersenne (ed una mezza dozzina di Keller) lo
            abbiamo trovato, i marziani ancora no, pur
            con tutta la "grande diffusione superiore di
            un ordine di grandezza etc etc etc" del
            simpatico gingillo perditempo
            acchiappa-alieni. Quindi, se si vuol parlare
            di utilità pratica...
      • Anonimo scrive:
        Re: distributed.net (was: Re: Soldi buttati)
        - Scritto da: FGiac
        Infatti basta dedicarsi a progetti piu' seri
        come le sfide criptografice e
        logico-matematiche:

        http://wwww.distributed.net/

        In attivita' da ben prima di SETI, con
        programmatori che ottimizzano i client per
        ogni piattaforma (il client Mac ottimizzato
        per Altivec e' una scheggia), li rendono
        leggeri (500 Kb di ram per dnetc contro 16.5
        MB per SETI@home) ma restano nell'ombra
        perche' le chiavi RC5 fanno meno notizia
        degli alieni sulle pagine dei giornali.

        Trovare segnali alieni e' affascinante sulla
        carta ma le probabilita' che una civilta'
        piu' avanzata della nostra milioni di anni
        fa (tanto serve ai segnali per raggiungerci)
        abbia deciso di farsi notare, in una
        finestra temporale di due anni sono
        asoolutamente minuscolePiù seri un ciufolo... con un minimo di lungimiranza, mi sembra più utile almeno tentare di scoprire altre forme di vita intelligente nell'universo che trovare le chiavi di qualche algoritmo di cifratura...
      • Anonimo scrive:
        Re: distributed.net (was: Re: Soldi buttati)

        Infatti basta dedicarsi a progetti piu' seri
        come le sfide criptografice e
        logico-matematiche:

        http://wwww.distributed.net/cioè tu mi paragoni trovare una POPOLAZIONE ALIENA con i vostri giochetti di crittografia???siamo caduti un po' in basso...e in quanto ai numeri primi neache vi rispondi perchè mi sembra una presa per il *culo*!
        • Anonimo scrive:
          Re: distributed.net (was: Re: Soldi buttati)
          beh allora non e' meglio UD con i suoi progetti di ricerca sul cancro/proteine etc.. ?magari c'e' in giro qualcosa anche x il genoma, insomma qualcosa di "utile per tutti" invece che queste cose di nicchia (l'esaltato di crittografia che reputa inutile la ricerca degli alieni contro l'ufologo romantico che preferisce cercare nel cielo piuttosto che vedere il suo computer sputare sentenze di algebra :))
          • Anonimo scrive:
            Re: distributed.net (was: Re: Soldi buttati)
            Infatti di UD non sapevo nulla... adesso l'ho installato a casa e sul lavoro...
  • Anonimo scrive:
    come pensavano di trovare
    vita intelligente nello spazio quando non ne hanno trovata sulla terra?: (
  • Anonimo scrive:
    Qualche precisazione...
    Su "l'astronomia", numero di ottobre, è apparsa la notizia che la costruzione del primo radiotelescopio dedicato, l'"Allen Telescope" - sì, proprio da Paul Allen che ha donato al progetto 11,5 mln di dollari - dovrebbe cominciare al più presto.Per quanto riguarda il radiotelescopio di Parkes, per quello che so è un'antenna di 64m (contro i 300 di Arecibo), non credo che possa essere definito "più potente". Al contrario di Arecibo è orientabile e credo permetterebbe di osservare aree di cielo che non è possibile puntare con l'antenna fissa di Arecibo. Quanto alle lunghezze d'onda osservabili, non ho sottomano i dati tecnici dei due impianti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Qualche precisazione...
      In piu' aggiungerei che anche la notizia che suscita la maggior preoccupazione, perche' riguarda i costi vivi del progretto, e' obsoleta cioe':"in particolare, pare che la nota università californiana non sia più disposta a sobbarcarsi le spese dell'ingente traffico generato dagli utenti di SETI@home."Infatti sono mesi che il traffico dei server del seti passa per un provider esterno all'universita'.Mi chiedo a questo punto quali siano le fonti della redazione, dato che sul sitio ufficiale non trapela nulla, e se non puo' essere che tutto l'articolo si basi sul sentito dire o sul notizie ormai vecchie.- Scritto da: ldsandon
      Su "l'astronomia", numero di ottobre, è
      apparsa la notizia che la costruzione del
      primo radiotelescopio dedicato, l'"Allen
      Telescope" - sì, proprio da Paul Allen che
      ha donato al progetto 11,5 mln di dollari -
      dovrebbe cominciare al più presto.

      Per quanto riguarda il radiotelescopio di
      Parkes, per quello che so è un'antenna di
      64m (contro i 300 di Arecibo), non credo che
      possa essere definito "più potente". Al
      contrario di Arecibo è orientabile e credo
      permetterebbe di osservare aree di cielo che
      non è possibile puntare con l'antenna fissa
      di Arecibo. Quanto alle lunghezze d'onda
      osservabili, non ho sottomano i dati tecnici
      dei due impianti.
      • Anonimo scrive:
        mizzica

        Infatti sono mesi che il traffico dei server
        del seti passa per un provider esterno
        all'universita'.L'infrastruttura e' a Berkeley
        • Anonimo scrive:
          Re: connettività internet della server farm seti
          se si guarda all'indirizzo http://setiathome.ssl.berkeley.edu/tech_news.html e si guarda la news del "May 31, 2002" è ben spiegato come sono attualmente collegati ad internet i server del Seti.
  • Anonimo scrive:
    Perche andar lontani di estraterresti(meno intelig
    è pieno il mondo
  • Anonimo scrive:
    NOOO
    No merda !!!!! Non deve chiudere !!GIAMMAI !!!!!!!!!
  • Anonimo scrive:
    chissa perche...
    l'esplorazione spaziale sembra non interessare piu a nessuno...capisco che certe ricerche e technologie costano pero mi pare che ci sono sprechi peggiori in molti altri settori...
  • Anonimo scrive:
    Offro più di 2500 unità al miglior offerente
    :-D
Chiudi i commenti