Galileo vedrà la luce nel 2008

La costellazione di 30 satelliti sarà interoperabile con il GPS ed offrirà una misurazione più affidabile aprendo le porte a nuovi lucrosi mercati. Lo start-up costerà 2,1 miliardi di euro


Bruxelles – Galileo si farà e sarà operativo dal 2008. Questo l’annuncio con cui nelle scorse ore è stata formalizzata la nascita di quella che viene considerata come la più importante rete satellitare europea per i servizi di localizzazione , una rete che – viene detto – non farà la concorrenza al pre-esistente GPS (Global Positioning System).

I ministri dei trasporti europei hanno firmato il progettone che costerà nella fase di avvio almeno 2,1 miliardi di euro, una quantità di dobloni che servirà non solo a mettere in orbita una costellazione di 30 satelliti ma anche a sviluppare quelle tecnologie che, a detta dei ministri comunitari, rivoluzioneranno il mondo della localizzazione, aprendo le porte a mercati del tutto nuovi. Ben due terzi del totale è comunque finanziato con capitali privati.

Che Galileo sarebbe nato si era capito già nei mesi scorsi, quando dopo lunghe e defatiganti trattative le autorità europee avevano accettato le richieste degli americani , timorosi che le frequenze e i servizi di Galileo potessero interferire con la funzionalità dei network militari in tempo di guerra. Una eventualità che è stata scongiurata, con un plus, quello di aver portato alla interoperabilità tra Galileo e GPS .

Gli accordi prevedono non solo che Galileo sarà vagamente meno preciso di quanto ipotizzato inizialmente ma soprattutto che i servizi e le tecnologie già oggi utilizzate per il GPS potranno essere integrati nella nuova rete. La sua “potenza”, se così la si può chiamare, sarà ben superiore a quella GPS, che consta di una rete satellitare assai meno ampia.

Galileo (vedi qui il pdf di presentazione e qui un video di presentazione da 80 mega), oltre ai benefici sul piano militare, dove potrà essere utilizzato a livelli non raggiunti dal GPS, offrirà anche una quantità di opportunità al settore civile, o almeno così la mettono i ministri europei che hanno voluto che il costoso progettone partisse.

“Si tratta di una rivoluzione tecnologica – ha dichiarato non senza enfasi il commissario europeo ai trasporti Jacues Barrot – e avrà molte applicazioni pratiche: informazioni immediate per gli operatori dell’emergenza in caso di incidenti d’auto, gestione dinamica del traffico per evitare congestioni per il trasporto su gomma, prevenzione di catastrofi naturali come incendi o inondazioni e molte altre applicazioni utili”. Tra queste, evidentemente, soprattutto i sistemi critici, quelli alla base della guida dei trasporti civili, la gestione dell’ambiente e vari tipi di assistenza, per esempio quella ai non vedenti.

Galileo potrebbe anche dimostrarsi una chiave di volta per nuovi mercati di servizi non solo all’impresa ma anche al consumatore, mercati che grazie alle qualità della nuova rete rispetto a quelle fin qui offerte dal GPS dovrebbero potersi sviluppare, o almeno così sperano i ministri europei. Poter inserire sistemi di localizzazione avanzati nei cellulari, per fare un esempio banale, non solo può suscitare preoccupazioni per la privacy ma anche dare tutto un nuovo spessore al direct marketing.

Dalla sua, inoltre, Galileo dovrebbe dar vita a 150mila posti di lavoro che la Commissione descrive come “altamente qualificati”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Speriamo nel multistandard...
    Non se ne può più!Mille standard per tecnologie varie, a partire dalle memorie per le apparecchiature elettroniche (macchine fotografiche, lettori mp3 ecc..) che hanno almeno 5 tipi diversi, passando per i DVD (+ e -) fino ad arrivare al blue ray contro HD-DVD.Non se ne può più...Almeno spero che entro il 2006 facciano uscire un player domestico capace di supportare tutto, a partire dai due formati blue ray e HD-DVD, fino a leggere gli odierni DVD e, magari, anche i CD.(Infatti non ho nessuna intenzione di buttare via la mia collezione di DVD. In realtà non mi interessa neanche la qualità del blue-ray o HD-DVD di turno, a me soddisfa già egregiamente la qualità del DVD odierno...)
    • JackMauro scrive:
      Re: Speriamo nel multistandard...

      Non se ne può più...

      Almeno spero che entro il 2006 facciano
      uscire un player domestico capace di
      supportare tutto, a partire dai due formati
      blue ray e HD-DVD, fino a leggere gli
      odierni DVD e, magari, anche i CD.Perché mai dovrebbero?Se tu compri ora blue-ray e vince hd-dvd tu che fai? compri anche l'altro... Totale: 2 player venduti invece di 1Perché mai allora dovrebbero mettersi d'accordo?--Jackhttp://jack.logicalsystems.it/homepage
      • mARCOs scrive:
        Re: Speriamo nel multistandard...
        - Scritto da: JackMauro
        Perché mai dovrebbero?
        Se tu compri ora blue-ray e vince hd-dvd tu
        che fai? compri anche l'altro...

        Totale: 2 player venduti invece di 1Oppure non compra niente in attesa di un dispositivo multistandard.
  • Anonimo scrive:
    La Playstation 3 deciderà la partita.
    "Sony, massima promotrice di Blu-ray, supporterà inoltre questo standard sulla sua prossima console da gioco, una mossa che potrebbe contribuire non poco alla diffusione di Blu-ray nei salotti."Non sò per quanti di voi è stato così, ma il mio primo lettore DVD è stata la Playstation 2.Credo proprio che saranno le sorti della Playstation 3 ha determinare la vittoria o la sconfitta del Blu-ray.
    • Anonimo scrive:
      Re: La Playstation 3 deciderà la partita.
      Anche la mia, purtroppo ho sbagliato regalando tanti troppi soldi a Sony, un errore che non ripetero' piu'.:'(
    • Anonimo scrive:
      Re: La Playstation 3 deciderà la partita
      - Scritto da: Anonimo
      Non sò per quanti di voi è
      stato così, ma il mio primo lettore
      DVD è stata la Playstation 2.questa volta non sarà così semplice. Passare dal vhs al dvd non imponeva il cambio del televisore.Se hai aspettato così tanto ( cioè l'uscita della ps2 ) per passare al dvd, quanto aspetterai per passare all'alta definizione, che richiede un televisore apposito ? E anche i plasma per i quali la gente s'indebita oggi sono comunque obsoleti, in quanto vanno a 800x600 o 1024x768 se va bene, mentre l'HDTV richiede uno schermo 1900x1200il passaggio all'alta definizione sarà molto più difficile che quello dal vhs al dvd.
      • Anonimo scrive:
        Re: La Playstation 3 deciderà la partita
        - Scritto da: Anonimo

        - Scritto da: Anonimo


        Non sò per quanti di voi è

        stato così, ma il mio primo
        lettore

        DVD è stata la Playstation 2.

        questa volta non sarà così
        semplice. Passare dal vhs al dvd non
        imponeva il cambio del televisore.

        Se hai aspettato così tanto (
        cioè l'uscita della ps2 ) per passare
        al dvd, quanto aspetterai per passare
        all'alta definizione, che richiede un
        televisore apposito ? E anche i plasma per i
        quali la gente s'indebita oggi sono comunque
        obsoleti, in quanto vanno a 800x600 o
        1024x768 se va bene, mentre l'HDTV richiede
        uno schermo 1900x1200

        il passaggio all'alta definizione
        sarà molto più difficile che
        quello dal vhs al dvd.Verissimo!Infatti con gli impianti attuali il DVD è ottimo!Racconto una esperienza personale: ieri ero in un centro commerciale e ho visto un bel impianto home theater con un fiammante televisore LCD 16:9 da almeno 32 pollici.La cifra? più di 3000 euro... (anche se non ricordo la cifra esatta)In quel momento stava girando come dimostrazione il DVD di Guerre Stellari - (Il 2°, quello dei cloni per intenderci).Ebbene... la grafica era tremenda! I volti delle persone e i bordi delle figure erano tutti scalettati e le dissolvenze facevano schifo...Questo non per colpa del DVD, ma per colpa della tecnologia LCD che ha dei pixel grossi come un'arancia, e tempi di latenza del pixel eterni, con i quali non si sale certo di definizione...Con il mio 28'' di 14 anni e un player DVD economico, il risultato di quello stesso DVD è sempre stato egregio!Prima migliorino i televisori... poi pensino all'alta definizione dei supporti...
        • Anonimo scrive:
          Re: La Playstation 3 deciderà la partita
          Ma ahimè prima devono spremere il mercato dei prodotti attuali e poi lanceranno i nuovi, anche se a distanza di poco tempo.A me sembra già prematuro il passaggio dal DVD ad altri standard, visto che i lettori DVD hanno raggiunto una buona diffusione solo da un annetto...renderli già obsoleti potrebbe far incavolare un pochetto la gente. Anche se è vero che costano pochissimo (almeno gli entry level) per cui 50-60 euro spesi non sono una tragedia se tra un anno mi ritrovo un dispositivo obsoleto.Tuttavia l'osservazione sulle TV è corretta: l'HDTV ha ancora pochi terminali disponibili, oltretutto a costi astronomici per permetterne una diffusione accettabile.
  • Anonimo scrive:
    La Playstation 3 deciderà la partita.
    "Sony, massima promotrice di Blu-ray, supporterà inoltre questo standard sulla sua prossima console da gioco, una mossa che potrebbe contribuire non poco alla diffusione di Blu-ray nei salotti."Non sò per quanti è stato così, ma il mio primo lettore DVD è stata la Playstation 2.Credo proprio che saranno le sorti della Playstation 3 ha determinare la vittoria o la sconfitta del Blu-ray.
Chiudi i commenti