Game, gli umani sottovalutano il computer?

Lo dimostrerebbe un esperimento neuroscientifico: l'attività mentale dei giocatori è più intensa quando si hanno di fronte avversari in carne ed ossa

Il cervello dei giocatori gira in modo molto diverso a seconda che l’avversario presunto sia un altro essere umano oppure una macchina. E l’effetto è più marcato quando a giocare sono gli uomini. Sono questi i risultati principali dello studio sperimentale recentemente pubblicato da un’équipe di neuroscienziati.

Alla base della ricerca , spiega ArsTechnica , vi è un corpus di dati relativo all’attività neurale della corteccia prefrontale, raccolto dagli studiosi in un setting sperimentale di laboratorio.
In particolare a ciascuno dei 24 membri del campione (metà uomini e metà donne) veniva chiesto di giocare individualmente una versione semplificata del gioco economico detto dilemma del prigioniero . L’avversario con cui i giocatori si misuravano era sempre un computer, ma in metà dei test veniva spiegato al soggetto sperimentale che “dall’altra parte” c’era un altro essere umano.

E i risultati sono significativi. Nei casi in cui erano convinti (surrettiziamente) di stare giocando contro persone in carne ed ossa, infatti, i membri del campione esibivano un grado di attivazione dell’area neurale prefrontale apprezzabilmente superiore a quella impiegata confrontandosi con una CPU. E, seconda evidenza rilevante, nel caso degli uomini tale tendenza era anche più marcata.

È a partire da qui che gli autori dello studio, e poi con loro anche i media , associano il diverso modo di funzionamento del cervello alla motivazione dei gamer, parlando di livello diversi di coinvolgimento nei casi in cui i giocatori vengono confrontati con avversari umani.

Sarà vero? Permangono i dubbi in proposito, evidenziando come i dati empirici prodotti (in sé validi) siano passibili anche di interpretazioni diverse, e come di conseguenza sarebbe opportuna una maggiore cautela nella lettura dei dati. Una raccomandazione, peraltro, soggiunta anche da altri osservatori del mondo videoludico.

Giovanni Arata

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

Chiudi i commenti