Garante: l'utente è nudo

In un mondo dove la Rete è sempre più determinante occorre rinforzare il diritto alla privacy

Roma – Il Garante della Privacy, Francesco Pizzetti, lancia l’allarme: “Bisogna proteggere chi utilizza Internet – spiega nel resoconto relativo al 2008, presentato oggi al Parlamento – va protetta la libertà della Rete da chi la vorrebbe soffocare”.

Secondo Pizzetti va difeso a spada tratta il diritto dei cittadini a disporre dei propri dati come desiderano, garantendone la privacy. Chiede a tal proposito che venga istituito un organo analogo al WTO , che si occupi di disciplinare la Rete assicurandone lo stato di “cuore pulsante del mondo contemporaneo”.

Inoltre è intervenuto anche su fatti di recente attualità spiegando che “la pubblicazione di foto di persone, vittime di incidenti o altro, prese da Facebook senza controllo, ci ha messo di fronte alla pericolosità di un uso sprovveduto e disattento delle nuove opportunità della Rete, tanto più grave perché condotto da operatori dell’informazione”.

Parlando poi dell’annoso problema costituito dallo spam , il Garante ha inoltre ricordato che “un indirizzo e-mail, per il solo fatto di essere reperibile in rete, non può essere oggetto di un uso indiscriminato e che occorre ottenere il consenso preventivo del destinatario prima di utilizzare l’indirizzo di posta elettronica per fini di pubblicità e di marketing, in quanto la pubblicità di un dato non ne comporta la libera utilizzabilità”. (G.P.)

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • W.V.O. Quine scrive:
    è tutta una mistificazione
    Questi studi sono completamente senza senso finché continuano a pensare che "i videogiochi" siano un blocco unico, tutti uguali, tutti la stessa cosa.Da Tetris a Metal Gear Solid, a PRO Evolution Soccer a Pet Society anche il peggiore disinformato dovrebbe accorgersi che si sta parlando di oggetti ormai estremamente diversificati.Chiedersi se "i videogiochi fanno male", è come chiedersi se parlare con la gente fa bene o male.Dipende con chi parli, in quale situazione, in quale modo ecc.
    • Stiv Giobs scrive:
      Re: è tutta una mistificazione
      Quoto.
    • lellykelly scrive:
      Re: è tutta una mistificazione
      wow fa male
    • matro scrive:
      Re: è tutta una mistificazione
      sono d'accordo con te. già è tanto che hanno distinto i videogiochi dai computer in generale...- Scritto da: W.V.O. Quine
      Chiedersi se "i videogiochi fanno male", è come
      chiedersi se parlare con la gente fa bene o
      male.
      Dipende con chi parli, in quale situazione, in
      quale modo
      ecc.
  • Lanf scrive:
    Proofreading
    Mi pare che ci sia qualche errore di italiano:"senza dimenticare che i videogame stanno anche [...] l'assetto e le prospettive di vita"(mi sembra che il verbo "cambiando" sia diventato parte del link)"rappresentare per il soggetto in questione un alle relazioni interpersonali"(un... cosa?)Lanf
    • mr. C. scrive:
      Re: Proofreading
      « [...] senza dimenticare che i videogame stanno anche http://punto-informatico.it/2532974/PI/News/videogame-ti-lasciano-solo.aspx" target="_blank"
      http://punto-informatico.it/2643148/PI/Brevi/lascia-scuola-counter-strike.aspx" target="_blank"
      cambiando]] l'assetto e le prospettive di vita dei più giovani. [...]»Ora è peggio.
Chiudi i commenti