Gates e Jobs, niente sangue né schiaffi

L'incontro dell'anno è andato in scena alla conferenza D: All Things Digital. Profondamente diversi ma complici, i due pesi massimi della tecnologia hanno condiviso esperienze vissute e tracciato scenari per il futuro

Carslbad (California) – L’uno in camicia rigata, compito, scarpe lucide che spiccano sotto i riflettori dell’evento D: All Things Digital ; l’altro maglia a collo alto, jeans, scarpe da ginnastica ingrigite. Microsoft ed Apple, Gates e Jobs , accomunati da sorrisi, nostalgia e stima reciproca. Insieme sul palco: nulla a che vedere con le schermaglie che i fanboy delle rispettive parti hanno sempre amato prefigurare , checché ne dica il falso Steve Jobs, nel suo “blog segreto”.

Un faccia a faccia che Wall Street Journal , organizzatore della conferenza che ha radunato alcuni dei pesi massimi dello scenario dell’IT, prospettava come storico, carico di tensione. Un meeting che (merito forse di una video-introduzione strappalacrime?) è sembrato un incontro fra vecchi compagni di scuola, che, ognuno a conoscenza dei successi dell’altro, passano la serata a ricordare i tempi andati e a darsi pacche sulle spalle.

Un incontro i cui protagonisti hanno interpretato il loro ruolo alla perfezione, osserva Scott Rosenberg: Gates abile ad inerpicarsi in minuzie tecniche, Jobs capace di catturare l’attenzione della platea con aneddoti e battute ad effetto. Così è stato nel momento in cui si è parlato degli albori di Apple e Microsoft, e delle licenze vendute da Microsoft per far girare su Apple II il suo BASIC, con Gates intento a rimembrare tecnicaglie e capitoli di spesa, Jobs a fremere per interrompere, ansioso di raccontare gli aspetti umani della vicenda.

Il dibattito ha spaziato fra gli alti e i bassi delle due aziende, ha ripercorso i momenti più critici della Mela di Cupertino, quando a metà degli anni novanta Microsoft cavalcava il successo, mentre Apple si districava fra guai finanziari e nuovi assetti aziendali. Entrambe le società, ricorda Jobs, giocavano per sbaragliare l’avversario . Una partita risolta in anni più recenti con un ritorno alle origini: “Apple non avrebbe dovuto voler battere Microsoft, doveva semplicemente ricordarsi chi era”. Una partita risolta in un gioco di competizione ammiccante che somiglia a quello inscenato dalla ormai notissima campagna pubblicitaria Apple , che mostra un giovane Apple guy trascinare dalla sua parte un inappropriato Microsoft guy : è l’uomo-Microsoft quello che regge il gioco, dice Jobs, fra le risate del pubblico.

Insieme - foto pubblicata da Engadget La stimolante competizione con Microsoft si gioca sul software: Jobs vede oggi Apple principalmente come una software company, che vende codice in una confezione d’impatto. Sarà lo stesso Gates, nel procedere del dibattito, a dichiarare di invidiare il gusto di Jobs , il saper progettare cose semplici, intuitive, mancanze con cui Microsoft stessa ha fatto i conti , in passato. Una ammissione di debolezza alla quale Jobs replica bonariamente, complimentandosi con Gates per la capacità di instaurare partnership solide e profittevoli ( Engadget ha pubblicato un esaustivo resoconto dell’incontro, condito da numerose foto, come quella qui a fianco).

Uno sguardo al futuro. Il Web come piattaforma? Gates e Jobs concordano nel ritenere che il software installato sulla macchina continuerà ad essere vincente, e lo sarà ancor di più se affiancato alle applicazioni Web. Quasi un tabù, osserva con ironia Paul Kedrosky, i riferimenti a Google. Il device e l’interfaccia dei prossimi cinque anni? Jobs osserva come il computer sia diventato lo snodo della vita digitale della persone, ma scommette sui device “post-pc”, focalizzati sulla funzione alla quale intendono assolvere, comunicazione in primis. Gates prospetta che questi dispositivi non saranno incentrati sulla creazione e la modifica di documenti: lavorare su schermi così piccoli è poco produttivo, e via a tracciare uno futuro di schermi da srotolare . Uno scenario vicino, a parere di Gates, in cui l’interfaccia utente sarà fondata su sfioramenti, sguardi, ordini impartiti a voce.

I due moderatori intendono concludere riportando l’attenzione sulla vicenda umana: “il più grande equivoco riguardo ai vostri rapporti?”. Sdrammatizza Jobs: “Abbiamo tenuto segreto per anni il nostro matrimonio”. Serioso Gates, dopo una lunga pausa fra l’attonito e il divertito: “Nessuno di noi ha qualcosa di cui lamentarsi”.

Atteggiamenti diversi di due guru navigati, che se agli albori della loro carriera si presentavano a conferenze e meeting come i più giovani, ora figurano come due saggi anziani. Due personaggi evergreen , come la citazione dei Beatles sfoderata da Jobs, contenente persino un riferimento ad un celebre libro di Gates: ” You and I have memories longer that that road that stretches out ahead “, come a dire che per loro la strada davanti è più corta di quella già percorsa.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • sherlock scrive:
    scatole cinesi
    mai nessuno ha giocato a ultima on line su second life (anonimo)-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 giugno 2007 19.37-----------------------------------------------------------
  • Anonimo scrive:
    Io me ne sbatto di second life
    Second life è roba per depravati, per deboli di mente, per fricchettari.Io in Internet c'ho almeno 10 personalità diverse, da bambino, a uomo, a bambina, a donna, a lupo mannaro, a Jack lo Squarta. E tutto senza second life.
    • Forum dei troll scrive:
      Re: Io me ne sbatto di second life
      - Scritto da:
      Second life è roba per depravati, per deboli di
      mente, per
      fricchettari.
      Io in Internet c'ho almeno 10 personalità
      diverse, da bambino, a uomo, a bambina, a donna,
      a lupo mannaro, a Jack lo Squarta. E tutto senza
      second
      life.Qui su pi ci interessano solo quelle da bambino e da bambina, le altre non servono......
    • Cognomus untNomus scrive:
      Re: Io me ne sbatto di second life
      prova a mettere la tua versione bambina su second life
  • Anonimo scrive:
    A me second life NON FUNZIONA!
    Si installa e quando lo eseguo mi dice che non può partire perché i driver della scheda video non sono aggiornati.Ora io non so che ca22o di driver voglia ma il sistema sta perfettamente in piedi, vedo tutto, a tutte le risoluzioni raggiungibili con tutti i colori disponibili.Che ca22o di driver vuole? C'è tanto di sistema operativo che è lì apposta per mettersi fra l'hardware e il software a finestrelle.Si può sapere che ca22o ha bisogno di fare con la mia scheda grafica tanto da venirmi a dire che non sono abbastanza aggiornato?Ma si aggiorni lui e veda di muovere il c01o e funzionare con qualsiasi configurazione normale.Non vuole funzionare? Ma che si i4601i!!!Second life pagliacci.
    • Anonimo scrive:
      Re: A me second life NON FUNZIONA!
      - Scritto da:
      Si installa e quando lo eseguo mi dice che non
      può partire perché i driver della scheda video
      non sono aggiornati.Ma che scheda video hai? A me parte senza problemi addirittura con quella integrata (chipset S3/Via).
  • zerouno scrive:
    Solo due cose vorrei sapere...
    1) Gli sviluppatori sono pagati con soldi virtiuali per lavori reali ?2) Ci sono armi per abbattere il dirigibile della M$ ?
  • Anonimo scrive:
    Per tutti i curiosi di Second Life...
    ...è stato appena inaugurato un gruppo di discussione su OpenItaly.NET:http://www.openitaly.net/group/Second+LifeSiete tutti invitati a contribuire...è GRATIS !!!www.openitaly.net
    • Anonimo scrive:
      Re: Per tutti i curiosi di Second Life..
      - Scritto da:
      ...è stato appena inaugurato un gruppo di
      discussione su
      OpenItaly.NET:
      no grazie, preferisco parlare di belle () reali piuttosto che perder tempo con degli invasati...
  • Anonimo scrive:
    PI AZIONISTA LINDEN LAB
    unica spiegazione logica :(
    • Forum dei troll scrive:
      Re: PI AZIONISTA LINDEN LAB
      - Scritto da:
      unica spiegazione logica :(Trova una fonte e facciamo lo scoop!!!
  • Anonimo scrive:
    BASTA FUFFA SU SL
    non se ne puo' piu'
  • Anonimo scrive:
    Ottima notizia
    Grazie PI per gli aggiornamenti su SL. Purtroppo qui c'è una marea di cretini che non comprendono il reale potenziale di questo mondo virtuale, unico nel suo genere. ;)Aspetto nuove news! (geek)
    • Anonimo scrive:
      Re: Ottima notizia
      - Scritto da:
      Grazie PI per gli aggiornamenti su SL.si, grazie al....
      Purtroppo
      qui c'è una marea di cretini che non comprendono
      il reale potenziale di questo mondo virtuale,
      unico nel suo genere.
      ;)get a life, loser.

      Aspetto nuove news! (geek)aspetta aspetta, tanto non c'hai un c@55o da fare...altro che () come tutti eh? molto meglio le pugnette su Sl?contento te....
  • Non_autenticato scrive:
    Solo una cosa voglio sapere su SL...
    Dove sono le ARMI?
    • Anonimo scrive:
      Re: Solo una cosa voglio sapere su SL...
      - Scritto da: Non_autenticato
      Dove sono le ARMI?In e-Iraq, non le hanno ancora trovate, ma ci sono!
      • Anonimo scrive:
        Re: Solo una cosa voglio sapere su SL...
        - Scritto da:

        - Scritto da: Non_autenticato

        Dove sono le ARMI?

        In e-Iraq, non le hanno ancora trovate, ma ci
        sono!(rotfl)(rotfl)(rotfl)
        • Anonimo scrive:
          Re: Solo una cosa voglio sapere su SL...
          Anche a me quando hanno parlato di second life è la prima cosa che ho pensato : come faccio a distruggere tutto?Hhahahahaha :)
  • Anonimo scrive:
    SL e le donne
    Ho una vicina di casa e vi assicuro che è veramente una grande gnocca. Siccome lei chatta su internet 24 ore al giorno con la webcam (chatta e basta non pensate male) le ho parlato di SL e le ho detto che probabilmente è una stronzata, una schifezza inutile anche se non l'ho mai provato.Come le ho detto queste parole magiche: *stronzata* e *schifezza inutile* mi ha detto che lo voleva provare.Però lei ha un PC dell'anteguerra e allora gliel'ho fatto provare sul mio.Ha installato, ha perso 3 ore per trovare il nome e cognome fico (quelli migliori sono stati già presi).Poi una volta che tutto andava è stata dentro 1 minuto e poi ha chiuso.Le ho chiesto: "come mai?"Lei: "Il mio avatar aveva dei vestiti che non mi piacevano e allora ho deciso che Secondlife non mi interessa".
    • Anonimo scrive:
      Re: SL e le donne
      - Scritto da:
      Ho una vicina di casa e vi assicuro che è
      veramente una grande gnocca.

      Siccome lei chatta su internet 24 ore al giorno
      con la webcam (chatta e basta non pensate male)
      le ho parlato di SL e le ho detto che
      probabilmente è una stronzata, una schifezza
      inutile anche se non l'ho mai
      provato.Insomma ci dici che sei un genio, sai dare i commenti piu' drastici possibili, anche se non l'hai mai provato.
      Come le ho detto queste parole magiche:
      *stronzata* e *schifezza inutile* mi ha detto che
      lo voleva provare.Per forza tu non l'hai fatto, evidentemente e giustamente non si fidava del tuo giudizio a priori, dati poi da uno che generalizza, si vede dal titolo che hai scelto. Dovevi scrivere:SL e la mia vicina di casa.
      Poi una volta che tutto andava è stata dentro 1
      minuto e poi ha
      chiuso.
      Le ho chiesto: "come mai?"
      Lei: "Il mio avatar aveva dei vestiti che non mi
      piacevano e allora ho deciso che Secondlife non
      mi interessa".In una chat dove l'immagine e' componente fondamentale del divertimento e determina spesso il successo degli approcci, come biasimarla.
      • Anonimo scrive:
        Re: SL e le donne
        Molto piu facile usare meetic o servizi simili che non second life. Ma ormai quella porcata e' di moda.. ehi c'e' il dirigile microsoft dentro! WOW.. che fiiiico... bha.. ho conosciuto parecchie donne dentro world of warcraft, volete un mondo virtuale vero? andate li.Ma non facciamoci fregare i soldi da second life!
        • Anonimo scrive:
          Re: SL e le donne
          WOW paragonare Second life ad un MMORPG e come paragonare Un manino con il salame, con un fucile al plasma
          • Anonimo scrive:
            Re: SL e le donne
            - Scritto da:
            come
            paragonare Un manino con il salame, con un fucile
            al
            plasmaCos'è un manino con il salame? E' un riferimento all'autoerotismo.
    • Anonimo scrive:
      Re: SL e le donne
      - Scritto da:
      Lei: "Il mio avatar aveva dei vestiti che non mi
      piacevano e allora ho deciso che Secondlife non
      mi
      interessa".Deve essere proprio gnocca, forse anche bionda!
    • Anonimo scrive:
      Re: SL e le donne
      smettila nerd schifoso che non sei altro, nessuno ti fila. le ragazze ti guardano con disprezzo colte da attachci di vomito.torna in cantina e non ti inventare puttanate
    • Anonimo scrive:
      Re: SL e le donne

      Lei: "Il mio avatar aveva dei vestiti che non mi
      piacevano e allora ho deciso che Secondlife non
      mi
      interessa".questa frase riassume tutta l'essenza di second life.la trasformazione e' in atto. La gente arrivera' a sposarsi su second life.
      • Anonimo scrive:
        Re: SL e le donne

        la trasformazione e' in atto. La gente arrivera'
        a sposarsi su second
        life.
        Lo fanno già, e anche in World of Warcraft e, ai tempi, in Ultima Online.
    • Anonimo scrive:
      Re: SL e le donne
      La cosa più divertente è leggere i commenti della gente che rosica (rotfl)
    • d scrive:
      Re: SL e le donne
      - Scritto da:
      Ho una vicina di casa e vi assicuro che è
      veramente una grande gnocca.

      Siccome lei chatta su internet 24 ore al giorno
      con la webcam (chatta e basta non pensate male)
      le ho parlato di SL e le ho detto che
      probabilmente è una stronzata, una schifezza
      inutile anche se non l'ho mai
      provato.
      Come le ho detto queste parole magiche:
      *stronzata* e *schifezza inutile* mi ha detto che
      lo voleva
      provare.
      Però lei ha un PC dell'anteguerra e allora
      gliel'ho fatto provare sul
      mio.
      Ha installato, ha perso 3 ore per trovare il nome
      e cognome fico (quelli migliori sono stati già
      presi).
      Poi una volta che tutto andava è stata dentro 1
      minuto e poi ha
      chiuso.
      Le ho chiesto: "come mai?"
      Lei: "Il mio avatar aveva dei vestiti che non mi
      piacevano e allora ho deciso che Secondlife non
      mi
      interessa".Da sposare...
    • Anonimo scrive:
      Re: SL e le donne
      - Scritto da:
      Ho una vicina di casa e vi assicuro che è
      veramente una grande gnocca.Si, ma hai usato tutto questo come scusa per uscire con lei? Se no sei un fesso astrale...
    • Anonimo scrive:
      Re: SL e le donne
      Ma poi te la sei fatta o no?
  • Anonimo scrive:
    MA QUANTO VI PAGANO QUELLI DI LINDEN?
    Vorrei sapere dalla redazione quanto sborsano quelli di Linden Lab a Punto Informatico per inserire un articolo su Second Life ogni due giorni .. grazie.
    • Anonimo scrive:
      Re: MA QUANTO VI PAGANO QUELLI DI LINDEN
      - Scritto da:
      Vorrei sapere dalla redazione quanto sborsano
      quelli di Linden Lab a Punto Informatico per
      inserire un articolo su Second Life ogni due
      giorni ..
      grazie.Che con l'adblock sempre attivo e' anche difficile vedere se ci sono pubblicita' a tema. (rotfl)
    • Anonimo scrive:
      Re: MA QUANTO VI PAGANO QUELLI DI LINDEN?
      - Scritto da:
      Vorrei sapere dalla redazione quanto sborsano
      quelli di Linden Lab a Punto Informatico per
      inserire un articolo su Second Life ogni due
      giorni ..
      grazie.C'e' da chiedersi quanto pagano te per osteggiare PI allora.A parte che non c'e' un articolo ogni due giorni, ma che fastidio ti da? Saltalo. Troppo difficile eh? Eppure la tua mente eccelsa avrebbe gia' dovuto capirlo, oppure leggi tutto cio' che non ti interessa?
      • Anonimo scrive:
        Re: MA QUANTO VI PAGANO QUELLI DI LINDEN
        Finiamola e' vergognoso vedere ogni due giorni articoli su sta fesseria di second life.. abbiamo capito che le aziende vogliono farci spendere soldi li dentro, ma ci sono notizie che meriterebbero piu spazio e invece vengono ignorate.Second life e' un simpatico posto pieno di aziende, praticamente morto per l'utente normale.. ogni volta che appare un articolo su Second Life scriviamolo in tanti nei commenti, cosi la gente non si fara' infinochiare da questa pubblicita' strisciante.
      • d scrive:
        Re: MA QUANTO VI PAGANO QUELLI DI LINDEN
        - Scritto da:
        C'e' da chiedersi quanto pagano te per
        osteggiare PI allora.
        A parte che non c'e' un articolo ogni due
        giorni, ma che fastidio ti da? Saltalo. Troppo
        difficile eh? Eppure la tua mente eccelsa
        avrebbe gia' dovuto capirlo, oppure leggi tutto
        cio' che non ti interessa?Il pensiero che, al di la' del fastidio che questi articoli possono dare a qualcuno, lo spazio occupato dalle minchiate su second life possa rubare spazio a cose piu' interessanti non ti sfiora, eh?
        • Anonimo scrive:
          Re: MA QUANTO VI PAGANO QUELLI DI LINDEN
          - Scritto da: d

          - Scritto da:


          C'e' da chiedersi quanto pagano te per

          osteggiare PI allora.

          A parte che non c'e' un articolo ogni due

          giorni, ma che fastidio ti da? Saltalo. Troppo

          difficile eh? Eppure la tua mente eccelsa

          avrebbe gia' dovuto capirlo, oppure leggi tutto

          cio' che non ti interessa?

          Il pensiero che, al di la' del fastidio che
          questi articoli possono dare a qualcuno, lo
          spazio occupato dalle minchiate su second life
          possa rubare spazio a cose piu' interessanti non
          ti sfiora,
          eh?Non mi dire che PI e' la tua unica fonte di info...
          • d scrive:
            Re: MA QUANTO VI PAGANO QUELLI DI LINDEN
            - Scritto da:
            Non mi dire che PI e' la tua unica fonte di
            info...Ovviamente no, ma piu' lo spazio e' occupato da cavolate piu', appunto, la gente ricorre ad altre fonti (che, tra parentesi, e' un bene per la pluralita' e l'obiettivita'). Se sempre piu' gente cambia fonti di info, PI ne risente e, se le cavolate superano una certa soglia, perdera' lettori.
          • Anonimo scrive:
            Re: MA QUANTO VI PAGANO QUELLI DI LINDEN
            - Scritto da: d

            - Scritto da:


            Non mi dire che PI e' la tua unica fonte di

            info...

            Ovviamente no, ma piu' lo spazio e' occupato da
            cavolate piu',Spazio occupato? E' un sito, mica devono stampare un giornale, possono mettere quanti articoli vogliono. Secondo te per scrivere questa notizia di quattro righe prese da un'agenzia di stampa ci sono voluti più di 5-10 minuti?
          • d scrive:
            Re: MA QUANTO VI PAGANO QUELLI DI LINDEN
            - Scritto da:
            Spazio occupato? E' un sito, mica devono
            stampare un giornale, possono mettere quanti
            articoli vogliono. Secondo te per scrivere
            questa notizia di quattro righe prese da
            un'agenzia di stampa ci sono voluti più di 5-
            10 minuti?Allora, non mi sembra che sia un concetto difficile da capire, ma a quanto pare non e' cosi'. A me non importa quanto tempo ci mettono a scrivere una notizia; quello che vedo, da lettore, e' un aumento delle minchiate che scrivono, che potrebbero benissimo essere sostituite da articoli piu' interessanti (che pero', ahime', probabilmente richiederebbero un po' piu' di 5-10 minuti per essere scritti). Spazio occupato, si', perche' certo, possono anche mettere 100 articoli, ma siccome il tempo dei lettori e' limitato, probabilmente chi non ha voglia di e tempo di distinguere le cavolate dalle notizie serie si rivolgera' altrove (e sappiamo come i titoli di PI NON aiutino a capire il tono dell'articolo). Scrivano pure quanti articoli vogliono; se poi perdono lettori a favore di altre testate con meno fumo e piu' arrosto, non mi stupiro'.
    • Anonimo scrive:
      Re: MA QUANTO VI PAGANO QUELLI DI LINDEN
      - Scritto da:
      Vorrei sapere dalla redazione quanto sborsano
      quelli di Linden Lab a Punto Informatico per
      inserire un articolo su Second Life ogni due
      giorni ..
      grazie.sono pienamente daccordo con te, ma non solo PI, anche tutta la televisione... un anno fa, ad esempio, GLOB era un programma interessante, adesso è una costante marketta a second life... Poi trovo vergognoso che in un "gioco" o definito tale online, si possano "convertire" soldi veri in soldi finti o virtuali o chiamateli come vi pare. Almeno di principio, i giochi seri lo proibiscono da regolamento (poi ovviamente c'e' chi fa il furbo... ma si sa...)(ghost)
    • fankazzista scrive:
      Re: MA QUANTO VI PAGANO QUELLI DI LINDEN
      - Scritto da:
      Vorrei sapere dalla redazione quanto sborsano
      quelli di Linden Lab a Punto Informatico per
      inserire un articolo su Second Life ogni due
      giorni ..
      grazie.Si, ma li pagano in moneta virtuale, quindi alla fine li possono spendere solo per pagare le bagascione virtuali 8)
    • Anonimo scrive:
      Re: MA QUANTO VI PAGANO QUELLI DI LINDEN
      - Scritto da:
      Vorrei sapere dalla redazione quanto sborsano
      quelli di Linden Lab a Punto Informatico per
      inserire un articolo su Second Life ogni due
      giorni ..
      grazie.Pagano - del DRAGA. Infatti al DRAGA dedicano almeno 2 articoli al giorno, direttamente p indirettamente.
  • Anonimo scrive:
    Secon Life. Una BUFALA mediatica
    Una moda destinata presto a passare.Chiunque si connetti in Internet senza "second life" si puro fare una secon, una three, una foorth, una fiveth life accedendo solo ad Internet.
    • CamperOfDuty scrive:
      Re: Secon Life. Una BUFALA mediatica
      mi domando perché non hanno fatto tanto chiasso e clamore per irc... almeno li non si laggava/impallava.... :)
      • Anonimo scrive:
        Re: Secon Life. Una BUFALA mediatica
        - Scritto da: CamperOfDuty
        mi domando perché non hanno fatto tanto chiasso e
        clamore per irc... almeno li non si
        laggava/impallava....
        :)a quei tempi chi usava internet era considerato un asociale :)
        • Sgabbio scrive:
          Re: Secon Life. Una BUFALA mediatica
          - Scritto da:
          a quei tempi chi usava internet era considerato
          un asociale
          :)Un pò come succede oera a chi usa Second life :)
        • Anonimo scrive:
          Bimbo
          Io e la mia ragazza conosciuta in IRC siamo in dolce attesa del primo bimbo. :)
          • Wakko Warner scrive:
            Re: Bimbo
            - Scritto da:
            Io e la mia ragazza conosciuta in IRC siamo in
            dolce attesa del primo bimbo.
            :)Visto che è il risultato di un "collegamento diretto" dovuto a IRC suggerirei di chiamarlo "DCC".
          • kotaro scrive:
            Re: Bimbo
            - Scritto da: Wakko Warner

            - Scritto da:

            Io e la mia ragazza conosciuta in IRC siamo in

            dolce attesa del primo bimbo.

            :)

            Visto che è il risultato di un "collegamento
            diretto" dovuto a IRC suggerirei di chiamarlo
            "DCC".Non dovrebbe essere il figlio a scegliersi il nome che gli piace? dopo tutto e' lui che si portera' il suo nome dietro per tutta la vita .....
          • Wakko Warner scrive:
            Re: Bimbo
            - Scritto da: kotaro

            - Scritto da: Wakko Warner



            - Scritto da:


            Io e la mia ragazza conosciuta in IRC siamo in


            dolce attesa del primo bimbo.


            :)



            Visto che è il risultato di un "collegamento

            diretto" dovuto a IRC suggerirei di chiamarlo

            "DCC".

            Non dovrebbe essere il figlio a scegliersi il
            nome che gli piace? dopo tutto e' lui che si
            portera' il suo nome dietro per tutta la vita
            .....Quoto, gli sia attribuito quindi un numero seriale sinché non deciderà di sua spontanea volontà il nome.Così è deciso.
          • kotaro scrive:
            Re: Bimbo
            - Scritto da: Wakko Warner

            Quoto, gli sia attribuito quindi un numero
            seriale sinché non deciderà di sua spontanea
            volontà il
            nome.

            Così è deciso.Che non sia alfanumerico, in modo da non confonderlo con un nome, il codice sia quindi binario a 128 bit, valido, eventualmente, anche come indirizzo personale ipv6.
          • Wakko Warner scrive:
            Re: Bimbo
            - Scritto da: kotaro
            Che non sia alfanumerico, in modo da non
            confonderlo con un nome, il codice sia quindi
            binario a 128 bit, valido, eventualmente, anche
            come indirizzo personale
            ipv6.Io propongo questa convenzione:RFC #69928839 - (CSC) Child Serial NumberIl numero seriale sarà composto da un intero (non negativo) e un byte (non negativo).L'intero sarà anche nota come "Vendor ID" e dovrà essere unica per ogni famiglia.Il byte sarà invece un numero progressivo (zero escluso) in cui il primo figlio sarà 1, il secondo 2, e così avanti. Nel caso improbabile di sfondamento del byte i rappresentanti della famiglia saranno sottoposti ad un corso dal titolo "i profilattici, questi sconosciuti".Il Vendor ID si formerà ogni qual volta si formerà una famiglia, in particolare il primo bit (MSB) sarà "0" nel caso di famiglia tradizionale, "1" nel caso di famiglia alternativa. Le modalità di calcolo di un nuovo Vendor ID per ogni nuova famiglia saranno visti in modo più approfondito nell'RFC #69928840.Il byte identificherà il bambino all'interno della famiglia e sarà noto con il nome di "Product Code".Assieme, i due codici saranno conosciuti come Serial Number e potranno essere usati per rivolgersi al bambino fintanto che egli/esso non deciderà un nome per sé stesso.All'interno della famiglia il bambino potrà, per comodità, anche essere riferito per semplice Product Code.
          • kotaro scrive:
            Re: Bimbo
            No no, non ci siamo!!!!Perche' inventare un nuovo sistema di identificazione numerico, quando ne abbiamo gia' tanti e tutti diversi?Meglio usare l'ipv6, in questo modo si avranno bimbi "ready for internet". Poi ognuno potra' creare le subnet che vuole.Quando il bimbo avra' scelto un nome, bastera' un semplice dns per associarlo all'identificativo ipv6.IPV6, la soluzione giusta e umana.
          • Wakko Warner scrive:
            Re: Bimbo
            - Scritto da: kotaro
            No no, non ci siamo!!!!

            Perche' inventare un nuovo sistema di
            identificazione numerico, quando ne abbiamo gia'
            tanti e tutti
            diversi?

            Meglio usare l'ipv6, in questo modo si avranno
            bimbi "ready for internet". Poi ognuno potra'
            creare le subnet che
            vuole.

            Quando il bimbo avra' scelto un nome, bastera' un
            semplice dns per associarlo all'identificativo
            ipv6.

            IPV6, la soluzione giusta e umana.Comprendo la necessità di avere bambini "Internet Ready" nelle nuove generazioni. Tuttavia assegnare un IPv6 ad ogni bambino, seppur fattibile, renderebbe difficile per genitori, parenti e amici a lui riferirsi.Propongo quindi, per non scontentare nessuno, una soluzione mista. Sia assegnato sia un Serial Number (secondo le specifiche sopra spiegate) che un IPv6.Il Serial Number sarà utilizzato (informalmente solo il Product Code) all'interno della famiglia, delle istituzioni e degli amici. L'IPv6 invece sostituirà il codice fiscale (tanto nessuno capisce/si ricorda nemmeno il codice fiscale).A differenza del Serial Number, la cui necessità viene meno nel momento in cui il bambino si sceglie il nome (nome che eventualmente potrà cambiare più avanti attraverso una procedura che chiameremo "Aggiornamento delle tabelle DNS"), l'IPv6 invece è fisso e seguirà il bimbo sino al termine del suo TTL (Time To Live).Tale indirizzo IPv6 potrà dunque essere tatuato sul braccio al bimbo a fuoco oppure attraverso il suo tatuaggio. (A seconda delle preferenze del genitore)L'assegnazione doppia Serial Number IPv6 potrà essere risolta attraverso tunnelling ad un POP IPv6.L'operazione di assegnazione del nome (che il bimbo si sceglierà quando sarà in grado di farlo) si chiamerà DNS. E l'operazione inversa (ovvero risalire dal suo IPv6 al suo nome) si chiamerà Reverse DNS.In seri ed isolati casi sarà possibile cambiare IPv6 (ma la richiesta dovrà essere approvata dall'ISP del bambino) attraverso una funzione speciale che chiameremo DHCP. Si, ora tutto torna. :) Spero che sia tutto chiaro al neo-genitore qui sopra.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 02 giugno 2007 03.04-----------------------------------------------------------
          • uccio2 scrive:
            Re: Bimbo
            Ma siete malati o geek totali anche nel dna???O forse solo nerd?LOL
          • Cognomus untNomus scrive:
            Re: Bimbo
            cosa vuol dire lol?
          • Brontoleus scrive:
            Re: Bimbo
            Tale codice andrà anche tatuato sulla pelle del pupo, in un punto normalmente non visibile (per evitare di essere letto e copiato) nonché in un chip RFID sottocutaneo.
      • Anonimo scrive:
        Re: Secon Life. Una BUFALA mediatica
        - Scritto da: CamperOfDuty
        mi domando perché non hanno fatto tanto chiasso e
        clamore per irc... almeno li non si
        laggava/impallava....
        :)Perche' l'interazione tridimensionale di irc era assai scarna e il nome poco azzeccato...
    • Anonimo scrive:
      Re: Secon Life. Una BUFALA mediatica
      - Scritto da:
      Una moda destinata presto a passare.Su cosa basi la tua previsione, sul fatto he diventi ogni giorno piu' grande? :D Antipatia?
      Chiunque si connetti in Internet senza "second
      life" si puro fare una secon, una three, una
      foorth, una fiveth life accedendo solo ad
      Internet.Che pensieri profondi, ecco un altro che gioca sul termine "second" per fare battute troppo travolgenti.
    • Anonimo scrive:
      Re: Secon Life. Una BUFALA mediatica
      - Scritto da:
      [...] si puro fare una secon, una three, una
      foorth, una fiveth life [...]Almeno studia un pochino di inglese.
      • Dem-f scrive:
        Re: Secon Life. Una BUFALA mediatica
        E pure italiano... "chiunque si connetti"...dante sta danzando la macarena nella tomba...
      • Anonimo scrive:
        Re: Secon Life. Una BUFALA mediatica
        - Scritto da:
        - Scritto da:

        [...] si puro fare una secon, una three, una

        foorth, una fiveth life [...]

        Almeno studia un pochino di inglese.E te studiami un pochino sto caXX!
    • Brontoleus scrive:
      Re: Secon Life. Una BUFALA mediatica
      - Scritto da:
      Una moda destinata presto a passare.Si diceva lo stesso del telefono, del microonde, di Internet, dei cellulari, di eBay e dei blog. Cosa ti fa pensare che per SL sia diverso, anche considerando tutte le aziende, le istituzioni e i personaggi più o meno pubblici che vi si sono interessati?Intendiamoci, è anche possibile che sia come dici tu, ma tutto lascia pensare il contrario...
      • Anonimo scrive:
        Re: Secon Life. Una BUFALA mediatica
        - Scritto da: Brontoleus

        - Scritto da:

        Una moda destinata presto a passare.

        Si diceva lo stesso del telefono, del microonde,
        di Internet, dei cellulari, di eBay e dei blog.
        Cosa ti fa pensare che per SL sia diverso, .....Perchè è una CAXXATA!Che minghia c' entrano l' invenzione del telefono o dei blog. Metti assieme cavoli con patate; tipico dei bastian contrari oltre che dei BBAMBA.
        • Brontoleus scrive:
          Re: Secon Life. Una BUFALA mediatica
          - Scritto da:
          Che minghia c' entrano l' invenzione del
          telefono o dei blog.Anche allora i bastian contrari dicevano che erano mode inutili che sarebbero scomparse in poco tempo.
          • Anonimo scrive:
            Re: Secon Life. Una BUFALA mediatica
            - Scritto da: Brontoleus

            - Scritto da:

            Che minghia c' entrano l' invenzione del

            telefono o dei blog.

            Anche allora i bastian contrari dicevano che
            erano mode inutili che sarebbero scomparse in
            poco
            tempo.Ma te sei anche stolto.
Chiudi i commenti