Gates olografico appare in Oriente

In Malaysia il fondatore di Microsoft si è presentato sotto forma di luce e colori

Roma – Gli intervenuti al Congresso Mondiale sull’Information Technology di Kuala Lumpur, in Malaysia, hanno potuto godere dell’apparizione di William H. Gates III: il fondatore di Microsoft e chairman uscente dell’azienda ha fatto loro visita sotto forma di ologramma.

l'immagine Un ologramma, raccontano le cronache , apparso in mezzo al palco dell’evento grazie ad una tecnologia ormai piuttosto nota, che combina una proiezione in alta definizione con l’installazione in loco di un foglio di polimeri e che garantisce l’ apparizione . Un sistema del tutto simile era stato impiegato lo scorso dicembre dal Principe Carlo, comparso in tal foggia sul palco di un altro evento internazionale.

L’immagine di Gates era stata pre-registrata a Redmond, dove ha sede Microsoft, ed è stata poi impiegata in loco da una società specializzata in tecnologie dell’intrattenimento.

L’ologramma ha parlato alla folta platea per cinque minuti, sottolineando la necessità che il computing si sviluppi in tutto il Mondo. “Oggi un miliardo di persone possiede un personal computer – ha spiegato Bill Gates – ma altri cinque miliardi di individui non ce l’hanno. Microsoft vuole raggiungere anche loro”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • CoLTaN scrive:
    hyper-v, vmware, xen
    Microsoft arriverà, con calma ma arriverà.VMWARE è il presente.XEN sarà il futuro!Citrix (attuale possessore di XEN) sta investendo in maniera furiosa integrando i suoi prodotti classici (Presentation Server & Co.) con il nuovo acquisto. Senza contare le strategie commerciali che consento alle piccole aziende di mettere in piedi una infrastruttura con 1 server (2 socket cpu quad core) con 4gb ram, completamente GRATIS! saluti
  • Zen scrive:
    Un prodotto NON adatto a datacenters
    Hyper-v si presenta con una dotazione non proprio eccellente:la funzione quick migration NON e' assolutamente comparabile al VMotion di VMware.La gestione della memoria da parte dell' hypervisor e' francamente scadente, a parita' di RAM installata vware permette di far girare molte piu' VM (ovviamente c'e' anche molto altro come il memory baloom, memory tax etc che vmware piu' vantare, tecnologie gia' in uso ed ben collaudate).Suppurto OS un po limitato ed c'e' da ricordarsi che per installare hyper-v devi installare necesariamente windows server.Lavoro in questo campo ed sono in contatto giornaliero con societa' da tutto io mondo (principalmete zona europa) ed non mi pare che questo software abbia ricevuto buoni feedback. ANZI...
    • Mimmus scrive:
      Re: Un prodotto NON adatto a datacenters
      Assolutamente d'accordo.Anche XEN, che ho iniziato ad utilizzare qui in azienda ed appare solidissimo a livello hypervisor, è lontano anni luce da VMWare per quanto riguarda l'infrastruttura di gestione.
      • Anonymous scrive:
        Re: Un prodotto NON adatto a datacenters
        - Scritto da: Mimmus
        Assolutamente d'accordo.
        Anche XEN, che ho iniziato ad utilizzare qui in
        azienda ed appare solidissimo a livello
        hypervisor, è lontano anni luce da VMWare per
        quanto riguarda l'infrastruttura di
        gestione.Dipende al programma che usi per la sua gestione.Ho avuto modo di giocherellare per lo piu' con orchestrator di novell e direi che e' ottimo.Certo, ha un costo di licenza, ma visto anche il target in questione, non e' assolutamente fuori mercato.Se hai occasione dagli un occhio, imho merita
    • AMEN scrive:
      Re: Un prodotto NON adatto a datacenters
      - Scritto da: Zen
      Hyper-v si presenta con una dotazione non proprio
      eccellente:
      Ma infatti la stessa MS ha detto che è un primo passo verso la virtualizzazione e che la strada è ancora lunga...
    • Gunny35 scrive:
      Re: Un prodotto NON adatto a datacenters
      Lasciagli finire almeno l'hypervisor poveracci, poi inizieranno ad aggiungere le funzioni enterprise. Immagino che nemmeno Ballmer in preda ad un delirio di onnipotenza pensi di scalzare VMWare con una prima release. Certo VMWare deve continuare a spostare avanti l'asticella, quando Microsoft vuole entrare in un settore lo fa con una potenza di fuoco spaventosa.
      • Sten scrive:
        Re: Un prodotto NON adatto a datacenters
        - Scritto da: Gunny35
        Certo VMWare deve
        continuare a spostare avanti l'asticella, quando
        Microsoft vuole entrare in un settore lo fa con
        una potenza di fuoco
        spaventosa.VMware ha appena rilasciato la versione in "hardware" su server HP e Dell (di IBM non sono sicuro) cioe' accendi il server fisico senza dischi e ti appare vmware ESXi pronto ad essere configurato per essere aggiunto a Virtual Center.Ad inizio 2009 rilascieranno ufficialmnete il cluster delle VM per esigenze di continuita' di servizio non sara' piu' necessario avvalersi di software che gestiscono piu' nodi in cluster ma saranno le intere macchine virtuali ad essere clusterizzate con tutte le applicazioni dentro qualsiasi esse siano.Microsoft deve ancora correre parecchioTutto cio' e' bello per gli utenti!!! piu' concorrenza = migliore funzionalita' e prezzi piu' bassicioa
    • pecos scrive:
      Re: Un prodotto NON adatto a datacenters

      la funzione quick migration NON e' assolutamente
      comparabile al VMotion di
      VMware.
      ed infatti è MS stessa a dirlo: la funzionalità equivalente a VMotion si chiama live migration ed è stata posticipata alla v2 di Hyper-V
      La gestione della memoria da parte dell'
      hypervisor e' francamente scadente, a parita' di
      RAM installata vware permette di far girare molte
      piu' VM (ovviamente c'e' anche molto altro come
      il memory baloom, memory tax etc che vmware piu'
      vantare, tecnologie gia' in uso ed ben
      collaudate).
      più che dal memory balooning (che può anche risultare nocivo), direi il transparent page sharing, che in moltissimi scenari di consolidamento server è decisamente + vantaggioso
      Suppurto OS un po limitato ed c'e' da ricordarsi
      che per installare hyper-v devi installare
      necesariamente windows
      server.
      esattamente come per installare ESX devi installare (un kernel) Linux. Ogni hypervisor di tipo 1 installa, di fatto, un kernel.
      Lavoro in questo campo ed sono in contatto
      giornaliero con societa' da tutto io mondo
      (principalmete zona europa) ed non mi pare che
      questo software abbia ricevuto buoni feedback.
      ANZI...bla bla bla... ESX è leader assoluto ed indiscusso? Certo, e vorrei ben vedere: non per niente è alla versione 3.5, mentre Hyper-V è ancora fermo alla 1.0Tu te lo ricordi ESX 1.0? Guarda che aveva moooooolte meno feature di Hyper-V 1 :-)
      • LordFaust scrive:
        Re: Un prodotto NON adatto a datacenters
        - Scritto da: pecos
        Tu te lo ricordi ESX 1.0? Guarda che aveva
        moooooolte meno feature di Hyper-V 1
        :-)Certo ai tempi non c'era nessuno da cui poter copiare ;)
Chiudi i commenti