Gentiloni: no a regole per Internet

Il ministro delle Comunicazioni, promotore della controversa legge contro il pedoporno, ritiene che non possano essere estese alla rete le norme che regolano la stampa. E rilancia: serve un'autoregolamentazione

Milano – Non si può applicare ad Internet la legge sulla stampa, come se non vi fossero diversità evidenti tra i due strumenti, se si deve fare qualcosa questo deve avvenire nell’alveo dell’ autoregolamentazione , un criterio di “regole” basate sul consenso di chi opera online e non imposte dall’alto. Questo, in estrema sintesi, l’intervento del ministro delle Comunicazioni Paolo Gentiloni , che ha ieri illuminato con una presenza in video la platea dello IAB Forum 2007 .

“È un errore – ha sottolineato il Ministro – considerare di estendere l’universo delle regole che sono state concepite 60 anni fa per la carta stampata a Internet. Immaginare che possa esserci un responsabile della pubblicazione di un grande sito o di un blog di una singola persona significa porsi un obiettivo tecnicamente irrealizzabile e pericoloso se qualcuno pensasse di realizzarlo. Non è una soluzione per affrontare il sistema”.

Gentiloni, che ribadisce così la propria contrarietà all’ormai celeberrima proposta Levi , ritiene però che un problema di regole “esista”. Come uscirne? Come garantire regole senza volerle imporre? “Credo – ha spiegato – che la Carta dei diritti di Internet a cui sta lavorando da qualche anno Stefano Rodotà con tanti altri, sia la via maestra per affrontare il problema. Non possiamo immaginare che le regole che valgono offline scompaiano del tutto online”. Non è stato possibile purtroppo in questa occasione chiarire col ministro quali sarebbero le regole mancanti : diffamazione, truffe, furti di identità, produzione e spaccio di pedopornografia, pirateria informatica e musicale… difficile trovare un qualche ambito di attività malevola che non sia oggi già contemplata da leggi vigenti nonché effettivamente perseguita.

Più interessante, invece, l’accenno alla questione delicatissima della net neutrality , questione su cui l’intervento legislativo in realtà potrebbe diventare l’unica vera garanzia di mantenimento di una rete aperta, ma sul quale lo stesso Ministro rinvia ad ulteriori approfondimenti con il coinvolgimento di tutte le parti.

In un passaggio dell’intervento di Gentiloni si è intravisto nuovamente il desiderio del Ministro di mettere mano alla cosiddetta Legge Urbani . Parlando infatti di pirateria e violazione del diritto d’autore ha dichiarato che sono temi che vanno affrontati “il più possibile con strumenti di concertazione e autoregolamentazione, più che con scelte legislative. È stato fatto un decreto per opporsi alla pirateria nella rete. A tre anni di distanza bisogna riconoscere che quel metodo non ha funzionato”.

Concertazione che a novembre potrebbe trovare un punto di svolta, nella speranza del Ministro, con l’apertura del tavolo sul copyright a cui parteciperanno provider, produttori dell’intrattenimento nonché il Governo attraverso i ministeri TLC e quello dei Beni culturali. Chi produce musica e cinema – ha dichiarato il Ministro – non può soltanto “chiedere misure di intervento contro il downloading abusivo” ma invece deve “anche mettere in rete i propri prodotti a tariffe competitive”. Se i produttori “prendono questo tipo di iniziative possono competere, altrimenti sarà difficile”, ha sottolineato il Ministro.

Altro fronte aperto è quello della banda larga : Gentiloni ribadisce l’ obiettivo di legislatura dell’intero territorio coperto dal broad band ma ricorda che l’intervento pubblico, ossia finanziamenti che supportino l’estensione dell’accesso, non potrà che essere limitato nei territori dove la minore densità di popolazione o le difficoltà geografiche rendano più difficile l’intervento dei privati. “Nel giro di pochissimi anni – ha detto Gentiloni – l’accesso alla rete Internet dovrà essere un diritto universale. Ci dobbiamo lavorare attraverso le diverse evoluzioni tecnologiche, ma insieme dobbiamo renderci conto che questa è una priorità. Siamo ancora un Paese in cui si investono tantissimi soldi per le strade, e in alcune aree è indispensabile continuare a farlo, ma non si capisce ancora abbastanza che bisogna spendere più soldi per completare la connessione a Internet”.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Be&O scrive:
    Bel Cavallo di Troja :-D
    In questo modo grazie alle BackDoor insite in quei softwaregli usa sapranno subito chi è interessato alla cosa.....lolSecondo loro la jhiiaadde o comecacchio si scrive usa unpacchetto precostruito !? casomai i tools se li fa in casae pure sotto linux....
    • Marwa scrive:
      Re: Bel Cavallo di Troja :-D
      te piacerebbe eh...che fossero fatti sotto linux...ma looolpeccato che tutti i trojan horses, malware, rootkit, dico proprio tutti, siano fatti sotto architettura windows....XDmai visto uno che usa linux fare un virus e spammare in giro, però sai i sogni di qualcuno si possono sempre avverare nel regno fantasy...XD
      • Be&O scrive:
        Re: Bel Cavallo di Troja :-D
        Ma che hai capito ?Intendevo che quei tools indicati sono palesemente costruiti per, cercare di beccare i terroristi, comeun cavallo di troja.e che con il cavolo che quelli della jihad costruisconoun pacchetto ad hoc come se fosse un cotruction set.
  • Davide Denicolo scrive:
    mi interesserebbe...
    avere copia di questi applicativi per poterli studiare.Ho trattato sul mio blog il medesimo argomento:http://exploit.blogosfere.it/2007/11/la-cyber-jihad-e-sul-web.html
    • Nessuno scrive:
      Re: mi interesserebbe...
      Guarda qui www.al-jinan.net c'è la versione 3.0 anche se purtroppo il sito è stato sospeso per troppo traffico. Ma Google continua a fare miracoli.
  • Number 6 scrive:
    Derka derka
    Derka derka interweb jihad. Baka sherpa sherpa abaka-la!
  • hh-polpo scrive:
    Made in CIA
    O forse in NSA o NWO ?
  • M. Dayan scrive:
    Per forza modesta efficacia...
    ...fra gli integralisti, quelli realmente intelligenti, che esercitano il potere sulla massa di adepti subnormali, sono davvero pochi e impegnati ad indottrinarli a compiere azioni ben più radicali e cruente degli attacchi informatici.Piuttosto mi chiedo, data l'innegabile labilità psichica dei kamikaze, perché come contromossa non vengano catturati e riprogrammati, con un lavaggio del cervello ben congegnato, a farsi saltare in aria in mezzo ai loro sostenitori, in modo da ritorcere loro contro quest'arma e, due piccioni con una fava, renderli antipatici al loro popolo.
    • MeX scrive:
      Re: Per forza modesta efficacia...

      Piuttosto mi chiedo, data l'innegabile labilità
      psichica dei kamikaze...a te se uccidessero la famiglia dopo aver violentato tua moglie e aver ditrutto la tua casa... non saresti disposto a farti esplodere? non hai più nulla da perdere ormai...
      • Lumumba scrive:
        Re: Per forza modesta efficacia...
        - Scritto da: MeX

        Piuttosto mi chiedo, data l'innegabile labilità

        psichica dei kamikaze...

        a te se uccidessero la famiglia dopo aver
        violentato tua moglie e aver ditrutto la tua
        casa... non saresti disposto a farti esplodere?
        non hai più nulla da perdere
        ormai...Quasi nessuno di quelli che si stanno facendo saltare il aria in Irak o in Afghanistan sono disperati di quel tipo.Spesso, invece, sono laureati o cmq persone con una vita normale, con un lavoro ed una famiglia.E spesso provengono dal nostro occidente, vivono tra noi, sono i nostri vicini di casa o i colleghi di lavoro.A volte non sono nemmeno arabi o pachistani.Qui cominciano a farsi esplodere i tedeschi, ad esempio, o altri convertiti all'Islam.
        • dierre scrive:
          Re: Per forza modesta efficacia...

          Quasi nessuno di quelli che si stanno facendo
          saltare il aria in Irak o in Afghanistan sono
          disperati di quel
          tipo.
          Spesso, invece, sono laureati o cmq persone con
          una vita normale, con un lavoro ed una
          famiglia.
          E spesso provengono dal nostro occidente, vivono
          tra noi, sono i nostri vicini di casa o i
          colleghi di
          lavoro.
          A volte non sono nemmeno arabi o pachistani.
          Qui cominciano a farsi esplodere i tedeschi, ad
          esempio, o altri convertiti
          all'Islam.Quello che hai scritto è falso, crea odio e xenofobia nella massa di itaglioti che seguono amici e l'isola degli sfigati.Ma la cosa peggiore purtroppo è che questo pensiero non è neanche tuo, ma proviene dalla maggior parte degli organi di informazione.
          • FP____ scrive:
            Re: Per forza modesta efficacia...
            - Scritto da: dierre

            Quasi nessuno di quelli che si stanno facendo

            saltare il aria in Irak o in Afghanistan sono

            disperati di quel

            tipo.

            Spesso, invece, sono laureati o cmq persone con

            una vita normale, con un lavoro ed una

            famiglia.

            E spesso provengono dal nostro occidente, vivono

            tra noi, sono i nostri vicini di casa o i

            colleghi di

            lavoro.

            A volte non sono nemmeno arabi o pachistani.

            Qui cominciano a farsi esplodere i tedeschi, ad

            esempio, o altri convertiti

            all'Islam.

            Quello che hai scritto è falso, crea odio e
            xenofobia nella massa di itaglioti che seguono
            amici e l'isola degli
            sfigati.
            Ma la cosa peggiore purtroppo è che questo
            pensiero non è neanche tuo, ma proviene dalla
            maggior parte degli organi di
            informazione.Come nn QUOTARTI ?!
          • Bastard Inside scrive:
            Re: Per forza modesta efficacia...
            - Scritto da: FP____
            - Scritto da: dierre


            Quasi nessuno di quelli che si stanno facendo


            saltare il aria in Irak o in Afghanistan sono


            disperati di quel


            tipo.


            Spesso, invece, sono laureati o cmq persone
            con


            una vita normale, con un lavoro ed una


            famiglia.


            E spesso provengono dal nostro occidente,
            vivono


            tra noi, sono i nostri vicini di casa o i


            colleghi di


            lavoro.


            A volte non sono nemmeno arabi o pachistani.


            Qui cominciano a farsi esplodere i tedeschi,
            ad


            esempio, o altri convertiti


            all'Islam.



            Quello che hai scritto è falso, crea odio e

            xenofobia nella massa di itaglioti che seguono

            amici e l'isola degli

            sfigati.

            Ma la cosa peggiore purtroppo è che questo

            pensiero non è neanche tuo, ma proviene dalla

            maggior parte degli organi di

            informazione.

            Come nn QUOTARTI ?!Come? Prima dite che non bisogna fidarsi ciecamente degli organi di informazione, e su questo siamo d'accordo, poi però vi fidate di quello che dicono gli indottrinatori fondamentalisti? E che anche non fossero integralisti, sarebbero comunque di parte e quindi solo una fra le due o più voci da ascoltare? E inoltre, chi più degli estremisti, di tutte le fazioni, eh, mica solo gli islamici, semina odio, xenofobia, intolleranza, etc.?
          • Abdullahall ahpig scrive:
            Re: Per forza modesta efficacia...
            - Scritto da: dierre
            Quello che hai scritto è falso, crea odio eNo sei tu che dici i falso.
            xenofobia nella massa di itaglioti che seguonoSei tu che semini odio tra i tuoi stessi concittadini insultando chi ha abitudini diverse dalle tue.
            amici e l'isola degli
            sfigati.
            Ma la cosa peggiore purtroppo è che questo
            pensiero non è neanche tuo, ma proviene dalla
            maggior parte degli organi di
            informazione.Invece suppongo che quello che sostieni tu, sia tuo, nato dal tuo cervello... e quindi senza nessun fondamento... oppure hai intervistato tutti i kamikaze prima che si facessero esplodere... controllando poi che ciò che dicevano fosse vero...
          • katio scrive:
            Re: Per forza modesta efficacia...
            - Scritto da: dierre

            Quasi nessuno di quelli che si stanno facendo

            saltare il aria in Irak o in Afghanistan sono

            disperati di quel

            tipo.

            Spesso, invece, sono laureati o cmq persone con

            una vita normale, con un lavoro ed una

            famiglia.

            E spesso provengono dal nostro occidente, vivono

            tra noi, sono i nostri vicini di casa o i

            colleghi di

            lavoro.

            A volte non sono nemmeno arabi o pachistani.

            Qui cominciano a farsi esplodere i tedeschi, ad

            esempio, o altri convertiti

            all'Islam.

            Quello che hai scritto è falso, crea odio e
            xenofobia nella massa di itaglioti che seguono
            amici e l'isola degli
            sfigati.
            Ma la cosa peggiore purtroppo è che questo
            pensiero non è neanche tuo, ma proviene dalla
            maggior parte degli organi di
            informazione.Qui di false ci sono solo le tue affermazioni.Sono le stesse che gli imbecilli di par tuo dicevano 70 anni fa, nascondendo la testa sotto la sabbia, mentre qualcuno in Germania si approntava a distruggere il mondo.Sono passati 70 anni...inutilmente.
        • Undertaker scrive:
          Re: Per forza modesta efficacia...
          - Scritto da: Lumumba
          Quasi nessuno di quelli che si stanno facendo
          saltare il aria in Irak o in Afghanistan sono
          disperati di quel
          tipo.
          A volte non sono nemmeno arabi o pachistani.
          Qui cominciano a farsi esplodere i tedeschi, ad
          esempio, o altri convertiti
          all'Islam.... generalmente gente che ha avuto a che fare con un"certo" popolo e che, come risposta pur di farne fuori qualcuno accetta anche di farsi saltare in aria.
      • M. Dayan scrive:
        Re: Per forza modesta efficacia...
        - Scritto da: MeX

        Piuttosto mi chiedo, data l'innegabile labilità

        psichica dei kamikaze...

        a te se uccidessero la famiglia dopo aver
        violentato tua moglie e aver ditrutto la tua
        casa... non saresti disposto a farti esplodere?
        non hai più nulla da perdere
        ormai...Guarda che solo una minima parte dei kamikaze ha una storia simile alle spalle, il background comune è la frequentazione di scuole coraniche estremiste.E la labilità psichica è dimostrata dal fatto che solo una minima parte si ferma prima dell'irreparabile e di questi molti per paura e ancora più pochi facendosi la domanda giusta: "Se il martirio è tanto bello, perché i (cattivi) maestri vogliono mandare me anziché andarci loro di persona"?
Chiudi i commenti