Germania, colpito giro di canzoni naziste

Usavano internet e il file sharing di Kazaa per far circolare brani che la legge tedesca considera illegali. Perquisizioni nelle case di 300 sospettati


Wiesbaden – Un blitz della polizia tedesca è stato compiuto nelle scorse ore nelle case di più di 300 tedeschi, molti dei quali sospettati di aver fatto circolare via internet, anche attraverso i sistemi di condivisione, brani musicali e testi di ispirazione nazista.

L’Ufficio federale contro il crimine, il BKA , in una nota ha spiegato che si ritiene che almeno 342 individui abbiano utilizzato vari sistemi per diffondere i brani illegali sfruttando, in particolare, il software P2P di Kazaa .

Stando alla nota, i contenuti dei testi sono tutti di stampo razzista e gli indagati sono tutti accusati di incitamento al razzismo nazista, un’accusa di estrema gravità per l’ordinamento tedesco. Secondo il BKA “l’azione di oggi dimostra che Internet non è una zona anarchica” e gli inquirenti si augurano che l’operazione possa prevenire il ripetersi di questo genere di azioni.

Jorg Ziercke, che guida il dipartimento di indagine, ha spiegato che “la musica di gruppi skinhead porta con sé la propagazione di idee estremiste indirizzate ai giovani e affondate nei vapori dell’antisemitismo e della xenofobia. Lo stato non può permettere che i diritti e le libertà democratiche vengano così aggredite”.

Secondo Ziercke Internet, dopo i concerti, si è rivelato il mezzo più utilizzato per la diffusione di queste produzioni. BKA ha anche ricordato che già nel 2001 una simile operazione era stata condotta in circa 100 case dopo l’individuazione di certi brani circolanti su Napster.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    Fermi tutti
    La sentenza dell'Unione Europea è "vecchia", nel senso che è data 6 novembre 2003!! L'unione consumatori si è svegliata tardi, evidendemente dietro spinte adeguate.Ci sono due sentenze della Corte di Cassazione che confermano come sia sempre illegale giocare con i bookmaker esteri, e per quanto riguarda la sentenza della UE é attesa una terza sentenza della Cassazione per il 31 marzo.Sino ad allora, non cambia nulla: tanto è vero che dalle mie parti, nei giorni scorsi, sono stati sequestrati due Internet Point dove si poteva scommettere con l'Inghilterra.
    • Anonimo scrive:
      Re: Fermi tutti
      non l'hai capita..guarda che qui non si sta parlando di una norma che è stata cambiata.. ma di come le norme italiane attuali siano in palese contrasto con quelle europee..dovrebbero mobilitarsi tutti, per far si che le norme europee diventino anche italiane.. altrimenti ci continueremo con un ingiusto monopolio e senza la libertà di poter scegliere i casinò e bookmakers che offrono quote e servizi migliori..
  • Anonimo scrive:
    Re: Internet diventa sempre piu...
    al casinò ci giochi se lo vuoi. Il dialer spesso partiva all'insaputa degli utenti. C'è una bella differenza!E col dialer di sicuro non vinci soldi, al casinò per lo meno hai qualche opportunità di vincere.
  • Anonimo scrive:
    Non credo si stata compresa bene la cosa
    Se no ho capito male la sentenza cui fa riferimento Unione Consumatori non riguarda affatto chi usufruisce dei servizi di betting privatamente da casa. In Italia il mercato delel scommesse è stato gambizzato dallo snodo ultimo del coni. Nel senso che all'interno dei flussi monetari derivanti dalle scommesse era il coni a fare da collettore e filtro. Tuttavia come per altre realtà in italia il settore delle scommesse è stato regolamentato in modo ridicolo. Così l'assegnazione delle concessioni produsse intanto un enorme caos per i concessionari e una stagnazione nel'evoluzione del settore. In europa invece, sopratutto in UK, le società di betting hanno sviluppato un sistema molto avanzato per la gestione delle scommesse.Per cui con gruppi come eurobet per fare un esempio ma credo anche molti altri Stanley Newbet ecc è possibile articolare le proprie puntate in modo molto + articolato e libero.. e sopratutto senza quei vincoli specifici che chi scommette da snai o altri providers italiani conosce meglio di me.Così che alcuni internet poit decisero di indirizzare la loro attività in questo senso e si fecero veicolo per provider eseteri sul ns territorio. E in italia scoppiò il caso dei CTD. Gente che in praca raccoglieva scommesse per conto di providers esteri tramite il proprio internet point.. Il tutto in cambio di una % molto appetibile. Questo è ciò che so... cmq tifo per i ctd perchè l'italia non andrà mai avanti senza assuemrsi l'onere della competizione non assistita dal governo.. Per questo la fiat ha fatto macchine di cacca fino a 10 anni fa... Del resto la SNAI bontà sua da molto meno lavoro di quanto potrebbe darne la eurobet.. .a mio giudizio sarebeb meglio si levasse dalle palle.Oligarchie italiane rulez... e m fa piacere che 'europa almeno in questo faccia ballare un po' tutti sti gruppi.Perchè nessun governo italiano avrebbe mai le palle di no farlo. La snai è stata fvorita dalla sinistra di Massimo D'Alema credo. Mala destra non ha fatto nulla di buono. Pwer la prima volta dico VIVA L'EUROPA!
  • Anonimo scrive:
    Re: Bisogna proprio essere cretini....
    Beh, ci sono molti modi di approcciarsi ad un casinò online.Sicuramente visto la quantità di siti che offrono questo tipo di servizio di cretini ce ne sono parecchi, ma ci sono anche tante persone che riscono a trarne qualche vantaggio. 8)
  • Anonimo scrive:
    FINALMENTE!
    Questa è una notizia di enorme rilevanza!I CTD DI MEZZA ITALIA FESTEgGERANNO ADESSO!AUGURONI ALLA SNAI! LOL
Chiudi i commenti