Giornalista web con pochi lettori? Licenziato

Giornalista web con pochi lettori? Licenziato

Un redattore australiano sostiene di essere stato licenziato perché la sua rubrica online non generava abbastanza click. Quanto sono pesanti le pressioni del mercato sull'Informazione? Si può creare un articolo al solo scopo di venderlo bene?
Un redattore australiano sostiene di essere stato licenziato perché la sua rubrica online non generava abbastanza click. Quanto sono pesanti le pressioni del mercato sull'Informazione? Si può creare un articolo al solo scopo di venderlo bene?

Dave Jansen è probabilmente il primo giornalista al mondo ad essere stato licenziato perché i suoi articoli pubblicati online attiravano una “scarsa audience”. Lui la racconta così al quotidiano TheAge , sostenendo che il suo editore IDG , rilevati i pessimi risultati della sua rubrica online, ha deciso di farlo fuori .

Fino a qualche tempo fa Jensen si occupava delle recensioni televisive per le riviste cartacee Good Gear Guide e PC World . Quando però IDG ha deciso di abbandonare la carta per il web, sono iniziati i problemi. “Mi hanno detto che hanno guardato il numero di visite del sito Good Gear Guide e quali fossero le categorie più popolari. Sfortunatamente, le rubriche televisive non erano molto lette se paragonate a quelle dedicate ai cellulari e alle cam digitali”, ha dichiarato Jansen. “Personalmente penso che un redattore dovrebbe essere giudicato in relazione ai suo meriti, e quindi l’assunzione o il licenziamento dovrebbero rispettare questa logica. Quello che conta è la qualità del lavoro”.

Secondo la testata australiana TheAge il problema di fondo è che le analisi dei dati di accesso e delle letture rischiano di trasformare i giornalisti in “pseudo-marketer delle proprie storie”. Gli editori, un tempo, utilizzavano i focus group per valutare la popolarità di quanto pubblicavano su carta, adesso conoscono con una esattezza senza precedenti cosa “fa audience”. E questo può condizionare, evidentemente, le scelte pubblicitarie, e gli introiti degli spot, motori fondamentali di innumerevoli progetti editoriali ed informativi online.

Il Direttore di IDG Australia, Don Kennedy, non ha negato l’accaduto ma ha preferito non commentare la vicenda specifica. Smentisce però il suo ex dipendente, assicurando che l’azienda non ha certo licenziato qualcuno basandosi solo sui dati del traffico generato dai suoi articoli.

Sebbene numerosi esperti del settore abbiano espresso una certa preoccupazione per questo fenomeno, la maggior parte concorda sul fatto che il mondo dell’Informazione sarà sempre più soggetto alle regole del mercato. “Il web spacchetta il pacchetto – ogni storia diventa un’entità separata che vive o muore, economicamente, indipendentemente. È nuda sul mercato, il suo valore commerciale viene meticolosamente misurato, click dopo click”, ha dichiarato Nicholas Carr, executive editor della Harvard Business Review .

“Il giornalismo è già in tensione con i valori del commercio, e questo peggiorerà ulteriormente”, ha commentato Wendy Bacon, direttore del corso di giornalismo della University of Technology di Sydney. “Basare l’assunzione o il licenziamento sulle hits è un male per il giornalismo perché lascia intendere che un certo tipo di vicende non sarà più coperto da alcuni tipi di media”.

Alcune realtà online hanno iniziato ad utilizzare un sistema di pagamento che è completamente basato sulla “redditività” delle singole notizie. Il sito di tecnologia iTWire , ad esempio, paga i collaboratori solo in relazione al traffico generato – come un gran numero di network di blog. “La maggior parte di chi contribuisce è pagato più o meno sulle basi del sistema pubblicitario”, ha spiegato Stan Beer, il gestore della testata. “In questo mondo dei nuovi media noi siamo pagati dagli inserzionisti con un rate basato su migliaia di hits. Noi ricompensiamo quindi i nostri collaboratori con una percentuale calcolata su queste entrate”.

Beer, incalzato sul tema della qualità, però, si è detto tranquillo. “Più produciamo buoni contenuti e più abbiamo hits… quindi penso che i redattori abbiano il pieno controllo della situazione e quindi dell’audience che possono determinare”.

Dario d’Elia

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

20 11 2007
Link copiato negli appunti