Gli ebook e il peso della cultura

La riflessione teorica di un professore di Berkeley sul peso dei bit: tutta questione di energia e di massa

Roma – John D. Kubiatowicz, professore di informatica dell’Università di Berkeley, California, ha calcolato il peso dei libri elettronici.

Anche se si sta parlando di misure realmente infinitesimali, lo studioso parla curiosamente dell’aumento di peso di un dispositivo e-reader carico di migliaia di libri elettronici: si tratta di “una quantità davvero piccola”, dal momento che è impercettibile, essendo nell’ordine di un grammo-atomo, corrispondente a 10 -18 grammi (0,000000000000000001 grammi) e dunque una variazione davvero non misurabile, dal momento che le bilance più sensibili rilevano al massimo filo a 10 -9 grammi. Oltretutto corrisponde ad una minima parte della fluttuazione causata dalla condizione carica o scarica della batteria del dispositivo.

La curiosa variazione di energia è determinata dal sistema di memorizzazione degli ebook: i transistor della memoria flash (nel caso in esame quella impiegato da un Kindle) intrappolano un elettrone per il controllo di ogni bit e per distinguere tra un 1 e uno 0. E nella condizione “intrappolata” conservano maggiore energia di quelli non attivati (una differenza dell’ordine di 10-15 joule per bit).

Il prof Kubiatowicz, dunque, ha assunto che tutti i bit contenuti in un Kindle da 4 gigabyte siano in uno stato debole di energia e che la metà siano invece ad un’energia maggiore in un Kindle pieno: in questo modo ha calcolato la differenza di energia tra dispositivo vuoto e quello pieno. In base all’equazione E=mc 2 , si tratterebbe di un peso pari a 10 -18 grammi.

Claudio Tamburrino

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Claudio Mugnoz scrive:
    Sono Claudio Mugnoz di nazionalità Itali
    Sono Claudio Mugnoz di nazionalità Italiana. io sono oggi molto felice grazie a questo prestito di 57.000 ottenuto presso il signore. Diego Zumerle. Per le vostre preoccupazioni di denaro uno solo indirizzo molto sicuro, la mia vita ha prese ora altra piega. Contattate dunque il questo sig. Diego Zumerle giusto nel suo nome. La sua mail: diegozumerle71@gmail.com
  • uno qualsiasi scrive:
    Pagare per avere delle limitazioni?
    Ma chi è il cretino che accetta?Non ha senso! Non c'è bisogno di "restituire" il libro, visto che è solo un file... e allora perchè lo vogliono cancellare dopo un certo tempo?
    • pampinello scrive:
      Re: Pagare per avere delle limitazioni?
      Non paghi nulla, é un extra offerto alla quota di associazione Prime... é scritto nell'articolo.
      • Funz scrive:
        Re: Pagare per avere delle limitazioni?
        - Scritto da: pampinello
        Non paghi nulla, é un extra offerto alla quota di
        associazione Prime... é scritto
        nell'articolo.E' il concetto stesso di "prestito" che non ha il minimo significato per un e-book.
        • enriker scrive:
          Re: Pagare per avere delle limitazioni?
          - Scritto da: Funz
          - Scritto da: pampinello

          Non paghi nulla, é un extra offerto alla
          quota
          di

          associazione Prime... é scritto

          nell'articolo.

          E' il concetto stesso di "prestito" che non ha il
          minimo significato per un
          e-book.Giusto il concetto prestito per il digitale è sbagliato. I libri cartacei sono in numero limitato e quando li prendi in prestito li devi restiruire per dare la possibilità ad altri di leggere...Il codice binario è duplicabile all'infinito quindi il concetto di restuzione di un file non ha senso visto che la "biblioteca" avrà sempre a disposizione il libro...
Chiudi i commenti