Gli ebrei tedeschi contro i siti dell'odio

Il Consiglio centrale delle associazioni ebraiche tedesche annuncia una battaglia su tutti i fronti per chiudere i siti razzisti tedeschi, denunciare i provider compiacenti e spingere il Governo ad una maggiore attenzione alla questione
Il Consiglio centrale delle associazioni ebraiche tedesche annuncia una battaglia su tutti i fronti per chiudere i siti razzisti tedeschi, denunciare i provider compiacenti e spingere il Governo ad una maggiore attenzione alla questione


Berlino – Rendere inaccessibili i siti dell’odio, chiudere le pagine razziste e quelle che incitano alla violenza etnica o al nazismo: questo l’obiettivo di una campagna appena lanciata dal Consiglio centrale delle associazioni ebraiche tedesche. Una campagna che non esiterà a chiamare in causa i provider Internet.

Il Consiglio ritiene che il Governo si stia muovendo troppo lentamente, che in Germania e fuori dalla Germania operino ormai centinaia di siti, di pagine sulle quali vengono pubblicati prodotti dell’odio, manifesti della violenza antisemita e razzista.

Il vicepresidente del Consiglio ebraico, Michel Friedman, ha spiegato che si sta valutando l’ipotesi di un’azione legale contro i provider Internet che ospitano pagine di siti razzisti i cui contenuti sono considerati illegali dalla legge tedesca. Secondo Friedman, il Governo non applica le leggi che vietano la pubblicazione di materiali che inneggiano al nazismo e al Terzo Reich: “Stiamo valutando tutte le situazioni di provider in Germania che offrono spazio ai siti dell’odio. Ma il nostro scopo è scuotere il Governo”.

Secondo Friedman, il riferimento per il Consiglio ebraico è la lotta condotta in Francia dagli studenti ebraici, che sono riusciti a imporre all’americana Yahoo! di impedire l’accesso dei francesi alle aste naziste (che Yahoo! ha deciso di rimuovere del tutto dopo la sentenza di un giudice di Parigi).

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

19 02 2001
Link copiato negli appunti