Gli occhi di Microsoft su di te

Nessuno scampo per i dipendenti: un burattinaio aziendale potrà monitorare le loro condizioni psicofisiche e interpretarle. Microsoft aspetta soltanto che il brevetto venga approvato

Roma – Sensori applicati al corpo dei dipendenti per monitorare le loro condizioni psicofisiche. Un sistema per verificare l’andamento delle loro attività, consigliare delle strategie per affrontare dei problemi, o sferzarli con degli incoraggiamenti. Il brevetto in cerca di approvazione è targato Microsoft: se lo US Patent & Trademark Office dovesse approvarlo, il colosso di Redmond potrebbe offrire ai datori di lavoro un sistema di monitoraggio estensivo, centrato sulle attività e sull’individualità dei dipendenti.

Spionaggio da scrivania Battiti cardiaci, temperatura corporea, frequenza del respiro e pressione sanguigna: nulla sfuggirà ai sensori applicati sul corpo dell’utente. Nemmeno i più intimi pensieri del lavoratore potranno rimanere tali: le espressioni del volto tradiranno ciò che adombra la mente del dipendente e i sensori ambientali saranno in grado di intercettarle e di interpretarle.

Ogni elemento sarà raccolto, affinché il sistema possa tracciare un profilo fisiologico e psicologico . In questo modo, confrontando i valori raccolti con i parametri che caratterizzano l’utente, la sua personalità e i ritmi del suo metabolismo, sarà possibile individuare variazioni sospette, sintomo di inquietudine o di eccessiva baldanza, di condizioni fisiche che possano pesare sulle proprie performance.

Non è tutto: sotto esame ci saranno anche le attività quotidiane o straordinarie del dipendente, da incrociare con il contesto psicologico e le condizioni di salute per tracciare un quadro completo del suo rendimento e per assisterlo nel lavoro.

Troppo tempo impiegato per portare a termine un compito? Il sistema di monitoraggio Microsoft può riorganizzare e tirare le fila delle routine aziendali ridistribuendo le attività fra i dipendenti più efficienti, fra i più lucidi, fra coloro che in quel preciso momento sono affaccendati in attività di importanza secondaria. Il sistema può altresì infondere sicurezza al dipendente in difficoltà, confermandogli la responsabilità del compito ma elargendo delle istruzioni o impartendo a un altro dipendente l’ordine di dirigersi verso la scrivania del collega in difficoltà per dispensare preziosi consigli in maniera discreta.

Ma la vita dell’individuo potrebbe non essere sotto controllo solo fra le pareti dell’ufficio: il sistema Microsoft si presta ad essere declinato su ogni device di cui il dipendente è dotato, dai telefonini ai PDA, passando per i notebook. I dati possono essere registrati in ogni momento, conservati per essere consegnati a una successiva elaborazione.

Se le organizzazioni a tutela di privacy e lavoratori rumoreggiano sulle pagine del Times , Microsoft minimizza l’impatto del brevetto in attesa di approvazione: “Deteniamo oltre settemila brevetti in tutto il mondo e siamo orgogliosi della loro qualità e della loro innovatività.” Una goccia di sudore già solca la fronte dei dipendenti. Senza che alcun sensore lo rilevi.

Gaia Bottà

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Diego d'Andria scrive:
    Negroponte poco credibile
    Certo, Intel ha il suo bel tornaconto in un progetto come l'OLPC, su questo non ci piove. Tornaconto di immagine, ma anche un nuovo canale commerciale, che non è cosa malvagia in periodi come quello attuale, in cui le vendite di cpu stentano a crescere (i licenziamenti in massa nel settore IT, già avviati dalla stessa Intel e da molti altri big del comparto negli ultimi anni, lo dimostrano).Ma a me preoccupa di più Nicholas Negroponte, fratello del più famoso (famigerato?) John Negroponte, quello delle Death Squads in Honduras, amicone di Wolfowitz, Rumsfeld e famiglia Bush, vice della Rice e ambasciatore in Iraq.Sarò io che penso male, ma meglio per Intel andare per la sua strada...
  • Jack D! scrive:
    Concorrenza = Abbassamento Prezzi
    E allora benvenga la concorrenza!Si apre la corsa a progettare l'adattatore per "compatibilizzare" i due PC! p)Io vedo solo un profitto per il terzo mondo.
    • CCC scrive:
      Re: Concorrenza = Abbassamento Prezzi
      - Scritto da: Jack D!
      E allora benvenga la concorrenza!sbaglio o entrambi dicono di fare beneficenza?strano... sapevo che la concorrenza si fa nei mercati commerciali...
      Si apre la corsa a progettare l'adattatore per
      "compatibilizzare" i due PC!
      p)ah già... infatti... mercato, commercio...altro che beneficenza
      Io vedo solo un profitto per il terzo mondo.io vedo solo profitto per aziende e banche
  • RNiK scrive:
    Io preferisco la versione di Negroponte
    Avrò dei pregiudizi , lo ammetto, ma io non credo da Otellini .Credo che quando il CEO di una multinazionale dice "Voglio che voi sappiate che la nostra reputazione e la nostra integrità significano per me molto più di qualsiasi profitto" stia mentendo a sé stesso ( poco probabile ) ed agli altri ( quasi certo ). :@
    • www.aleksfa lcone.org scrive:
      Re: Io preferisco la versione di Negroponte
      - Scritto da: RNiK
      Credo che quando il CEO di una multinazionale
      dice "Voglio che voi sappiate che la nostra
      reputazione e la nostra integrità significano per
      me molto più di qualsiasi profitto" stia
      mentendo a sé stesso ( poco probabile ) ed
      agli altri ( quasi certo ).Mah, ho seguito la vicenda fin dall'inizio (ho addirittura provato il software di OLPC da una iso live). In questo caso c'è una multinazionale che ha rispettato ogni accordo, anche quando Negroponte ha accusato il comportamento contrario. Intel aveva stipulato accordi con alcuni governi ed altri produttori di software e hardware per collaborare a progetti analoghi. Negroponte ha urlato (poco elegantemente) al complotto, ma obbiettivamente Intel non ha avuto comportamenti censurabili.
      • Cunny Linguist scrive:
        Re: Io preferisco la versione di Negroponte
        - Scritto da: www.aleksfa lcone.org
        - Scritto da: RNiK[...]
        Mah, ho seguito la vicenda fin dall'inizio (ho
        addirittura provato il software di OLPC da una
        iso live). In questo caso c'è una multinazionale
        che ha rispettato ogni accordo, anche quando
        Negroponte ha accusato il comportamento
        contrario. Intel aveva stipulato accordi con
        alcuni governi ed altri produttori di software e
        hardware per collaborare a progetti analoghi.
        Negroponte ha urlato (poco elegantemente) al
        complotto, ma obbiettivamente Intel non ha avuto
        comportamenti
        censurabili.Tipo usare le informazioni dell'organizzazione OLPC, a cui avevano accesso perche' ne facevano parte, per tentare di assicurarsi una fornitura di Classmate al posto di XO (vedi in Nigeria)? Pensi che se al posto di CPU AMD avessero usato CPU Intell sarebbe stato sollevato tutto 'sto polverone?
  • Mario Verdesi scrive:
    Beneficenza...
    La beneficenza è la risposta di una carità fatta nelle più disparate forme dirette o indirette con associazioni, e per quanto si può essere ottimisti nelle spiegazioni che ci sono date ora, i benefici di recupero del costo aziendale non utilizzando denaro, non possono essere ignorati. La beneficenza si fa donando dei soldi. Volendo investire invece, con un atto di beneficenza, allora dono i servizi e prodotti che solitamente vendo, risparmiando in pubblicità, sfruttando quindi un'altra occasione per aumentare l'entrate future. Grazie lo stesso, Grazie.
    • CCC scrive:
      Re: Beneficenza...
      - Scritto da: Mario Verdesi
      La beneficenza è la risposta di una carità fatta
      nelle più disparate forme dirette o indirette con
      associazioni, e per quanto si può essere
      ottimisti nelle spiegazioni che ci sono date ora,
      i benefici di recupero del costo aziendale non
      utilizzando denaro, non possono essere ignorati.
      La beneficenza si fa donando dei soldi. Volendo
      investire invece, con un atto di beneficenza,
      allora dono i servizi e prodotti che solitamente
      vendo, risparmiando in pubblicità, sfruttando
      quindi un'altra occasione per aumentare l'entrate
      future. Grazie lo stesso,
      Grazie.già... è solo marketing...ma di quello più ripugnante: fatto alle spalle di chi ha bisogno...quoto
  • anonymous scrive:
    un paio di considerazioni
    Intel non può "garantire ad OLPC un monopolio sui ragazzi"sì, ho sempre apprezzato come tale ditta sfugga ad ogni forma di monopolio"la nostra reputazione e la nostra integrità significano per me molto più di qualsiasi profitto"tanto da rendere pubblici i bug anche prima che siano di pubblico dominio ?
  • picchiatello scrive:
    Pubblicità
    Alla fine si dimostra come tutte queste iniziative siano date dal fatto di farsi della bassa pubblicità per i propri prodotti.
    • KoD scrive:
      Re: Pubblicità
      Ecchissene se a guadagnarci sono bambini molto meno fortunati di noi due?Ben vengano iniziative pubblicitarie di questo tipo!
  • franco scrive:
    "Spero che le mie spiegazioni possano...


    "Spero che le mie spiegazioni possano aiutarvi a mettere tutto nella giusta prospettiva".Ma certooooooooooooooooo!!!Uno vuole che vengano venduti i suoi pc e l'altro vuole che vengano venduti i suoi!Più semplice di cosi!Caspita è chiaro che due società del genere non possano collaborare!Grazie Otellini!ora le cose mi sono più chiare ;)
Chiudi i commenti