Gli spammer influenzano la Borsa

Sai che novità. Ora però si studia l'entità del fenomeno: per gli spammer qualche tonnellata di email e un manipolo di creduloni si traducono in incassi enormi

Roma – Il meccanismo è semplice: comprare titoli che costano poco e convincere poi molti investitori a fare lo stesso. Quando il valore dei titoli inizia a crescere, rivenderli a chi sta investendo e capitalizzare sulla differenza. Lo si fa da sempre e lo fanno sempre di più gli spammer, che influenzano così la Borsa. Non è una novità ma ora, come segnala BoingBoing qualcuno si è messo a studiare quanti soldi si guadagnano e quanti se ne perdono con questo specifico genere di spam.

Secondo gli esperti chi investe negli affaroni proposti dallo spam perde mediamente l’8 per cento di quanto investe. Chi spamma, invece, guadagna tra il 5 e il 6 per cento, vendendo i titoli acquistati in precedenza a chi è “cascato” nello spam.

Ne parla nei dettagli la BBC , che dimentica di ricordare come lo spam in sé, l’orrorifica piaga che deturpa l’armonioso incedere delle reti, sia alimentato proprio da chi decide di comprare qualsiasi cosa (titoli, saponi, pillole miracolose) da chi le vende con questo metodo. Semper diffidare, respingere, cancellare.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • AnyFile scrive:
    bah
    Non e' che siano cosi' tanto economici gli SMS (anzi per il servizio fornito -che ha molti svantaggi ad esempio non include la certezza dell'invio e neppure i tempi di consegna - hanno un costo relativamente alto.E poi costerebbe perfino melo fare una telefonata da telefono fisso a telefono fisso, oppure inviare e-mailMi sa che piu' che altro la cosa li' funziona perche' i giornalisti che ricevano l'SMS poi vanno dove sono stati invitati.Provate con quelli italiani. POtete spedire SMS, fax, mail, fare telefonate, chiedergli di presentarsi a riunioni di si trattano di argomenti importanti .... nulla i giornalisti si muovono solo quando si tratta di promuovere un loro libro o se hanno qualche interesse.
    • Anonimo scrive:
      Re: bah
      - Scritto da: AnyFile
      Non e' che siano cosi' tanto economici gli SMSA Manila costano 1 centesimo di euro
      • Anonimo scrive:
        Re: bah
        - Scritto da:

        - Scritto da: AnyFile

        Non e' che siano cosi' tanto economici gli SMS


        A Manila costano 1 centesimo di euroSi ma li' con un centesimo ti compri 2 fette di prosciutto...
        • Anonimo scrive:
          Re: bah
          - Scritto da:

          - Scritto da:



          - Scritto da: AnyFile


          Non e' che siano cosi' tanto economici gli SMS





          A Manila costano 1 centesimo di euro

          Si ma li' con un centesimo ti compri 2 fette di
          prosciutto...Dubito assai: e' un paese di cultura musulmana.
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            Nelle Filippine l'80% della popolazione è cattolica, il 5% è mussulmana!! non facciamo confusioni!
          • Anonimo scrive:
            Re: bah
            - Scritto da:
            Nelle Filippine l'80% della popolazione è
            cattolica, il 5% è mussulmana!! non facciamo
            confusioni!Peccato che quel 5% rompa i coglioni più del restante 95%...
  • Anonimo scrive:
    è vero! :)
    però lo uso anche come sveglia :)certo, se hai un BELL'orologio vero, meccanico a carica manuale o a movimento... un cronografo di quelli cazzuti...oppure altro che esprima carattere, buon gusto, design... quella è una questione diversa.a me piace anche il "cipollone" , l'orologio da taschino... chissà, magari un giorno quando sarò meno distratto e rischierò meno di schiacciarlo tra i jeans quando mi siedo...:)
  • Anonimo scrive:
    Io l'orologio non lo porto
    Sono anni ormai e devo dire che si vive meglio. Se propio voglio sapre l'ora c'è appunto il cell.Altrimenti avendelo al polso si diventa isterici... ogni due minuti a guradre l'ora :(
    • Anonimo scrive:
      Re: Io l'orologio non lo porto
      condivido, anche se spesso lo stesso tic viene con il cellulare, comunque non guardare l'ora ormai è un lusso,ben felice di potermelo permettere
    • Cavallo GolOso scrive:
      Re: Io l'orologio non lo porto
      - Scritto da:
      Sono anni ormai e devo dire che si vive meglio.
      Se propio voglio sapre l'ora c'è appunto il
      cell.

      Altrimenti avendelo al polso si diventa
      isterici... ogni due minuti a guradre l'ora
      :(assolutamente come me ^______^io però la vedo anche al pc... :(
    • Anonimo scrive:
      Re: Io l'orologio non lo porto
      - Scritto da:
      Sono anni ormai e devo dire che si vive meglio.
      Se propio voglio sapre l'ora c'è appunto il
      cell.

      Altrimenti avendelo al polso si diventa
      isterici... ogni due minuti a guradre l'ora
      :(Ho appena comprato il Rolex nuovo, fammelo mettere anche se l'ora la guardo al cell!Comunque per lavoro, pieno di appuntamenti e spostamenti....l'ora la guardo eccome, orologio o cellulare, la prima cosa che ho davanti!
      • Anonimo scrive:
        l'orologio è una cosa stupida:
        --da una famosa trilogia in 5 parti... Lontano, nei dimenticati spazi non segnati nelle carte geografiche dell'estremo limite della Spirale Ovest della Galassia, c'è un piccolo e insignificante sole giallo.A orbitare intorno a esso, alla distanza di centoquarantanove milioni di chilometri, c'è un piccolo, trascurabilissimo pianeta azzurro-verde, le cui forme di vita, discendenti dalle scimmie, sono così incredibilmente primitive che credono ancora che gli orologi da polso digitali siano un'ottima invenzione . :DQuesto pianeta ha -- o piuttosto aveva -- un problema, che era questo: la maggior parte della gente che ci vive era scontenta per la maggior parte del tempo. Furono suggerite molte soluzioni per questo problema, ma gran parte di esse erano basate sui movimenti di piccoli pezzi verdi di carta, il che è bizzarro, dato che, tutto considerato, non erano i piccoli pezzi verdi di carta ad essere scontenti.Douglas Adams
Chiudi i commenti