Global Orgasm, online per la Pace

Prende quota ed incuriosisce la proposta via Internet di un esperimento senza precedenti. Secondo i promotori, se uomini di tutto il Mondo libereranno energie positive tutti insieme, qualcosa cambierà

Roma – Un pianeta devastato dalle guerre può essere salvato dal sesso? Lo pensano i promotori di un singolarissimo esperimento a metà tra appello pacifista e pseudoscienza: si parla di Global Orgasm , l’iniziativa per un orgasmo di massa che dovrà avere luogo il 22 dicembre nei modi che ciascuno dei partecipanti, uomo o donna, vorrà adottare.

Un esperimento lanciato via Internet che ha già conquistato le colonne di Wired e che, spiegano gli autori, “intende creare un cambiamento nel campo energetico terrestre attraverso l’inserimento del climax più ampio possibile di energia umana. Ora che ci sono due nuove flotte americane che si dirigono verso il Golfo persico con equipaggiamento anti-sottomarini da usare specificamente contro l’Iran, è venuto il tempo di cambiare l’energia della Terra”. “L’idea – continuano i promotori – è che i partecipanti concentrino sulla Pace i loro pensieri durante e dopo l’orgasmo. La combinazione di energia orgasmica insieme ad un ideale razionale può avere un effetto molto maggiore delle preghiere e delle meditazioni”. Un modo, chiosa The Brussels Journal “per fermare l’Islamofascismo, la guerra, i terremoti e il presidente George W Bush”.

Il countodown Il progetto che sembra partorito dalla mente di Frank-N-Furter è in realtà il frutto creativo di una coppia di pacifisti già impegnata in iniziative per la pace. E sostiene persino di avere una sponda scientifica nel Global Consciousness Project dell’ Università di Princeton . Si tratta di un sistema di monitoraggio che attraverso una rete di REGs (Random Event Generators) tenta di esaminare le correlazioni tra eventi che possano essere frutto della presenza o dell’attività della coscienza umana.

“I risultati – dicono quelli di Global Orgasm – mostrano che la coscienza umana ha un effetto globale sulla materia e l’energia durante eventi che riguardano le masse, come l’11 settembre o lo tsunami nell’Oceano Indiano. Si sono avute registrazioni anche durante preghiere e meditazioni di massa”. Ironizza The Register : “L’unico problema qui è capire chi monitorerà il REGs quando il resto del pianeta si scuoterà dal piacere”.

Una demo dell’iniziativa è disponibile a questo indirizzo mentre un lungo articolo sulla vicenda è stato pubblicato dal San Francisco Chronicle . Il blog ufficiale di Global Orgasm, infine, è online a questo indirizzo .

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Anonimo scrive:
    colpa del talk show.....
    parlare, parlare, logorroici del nulla in televisione, per radio, sui giornali, prima perbenisti e poi tetteculisti: trichechi dell'informazione....si devono solo vergognare.
  • Anonimo scrive:
    soggetti interessati
    soggetti interessati...proprio quello è il problema...soggetti obbligati a trovare almeno un mostro per popolarità o peggio, per ricevere danaro pubblico.la pedofilia non è solo internet.
  • Anonimo scrive:
    Attenti al mostro!
    Questa faccenda di quel povero ragazzo down ha assunto caretteri grotteschi negli ultimi giorni.Televisione,giornali,siti web,tutti a parlare parlare parlare..ma di cosa?dello stato delle scuole italiane?di quali modelli abbiano oggi i ragazzini?di cosa facciano le famiglie per cercare di dare un educazione ai figli?no,quando mai,tutti a parlare di internet,del mostro supremo,della stregoneria che tutto rovina e che tutti porta sulla strada del "peccato"..che scandalo,sembra di essere nel medioevo.sempre la stessa storia:"L'uomo teme ciò che non conosce".ed è vero,anche stavolta.xkè chi conosce la rete,chi la frequenta davvero,conosce la sua natura,conosce i pericoli e se vuole li evita.La rete non costringe nessuno ad andare a vedereimmagini violente ed a chattare con estranei,chi lo fa lo fa in modo volontario e solo una piccolissima percentuale può realmente sostenere di essere incappata erroneamente in tali siti,ma come al solito in Italia(e purtroppo non solo)è la notizia che fa share(e soldi),ed allora cosa diventa importante?che un ragazzo indifeso sia stato aggredito da alcuni deficienti mentre era in classe(e questo è inammissibile in una società civile)o che internet mostri a chi se lo va a cercare un video violento?Naturalmente è internet il problema!e allora giù prime pagine,porta a porta,telegiornali tutti a gridare al mostro,al video,non contro chi compie il gesto,la cosa da sottolineare non è il fatto in sè ma che internet lo mostri,d'altro canto chi parla alle masse sà cosa tiene incollati i suoi polli agli schermi,e cosa c'è di meglio allora di un pò di sano allarmismo,condito dalla tecnologia che tanto spaventa?tanto quale è la novità dei bulli a scuola,cosa ce ne importa?Figurarsi se qualcuno si è minimamente posto il problema di cercare una soluzione ed affrontare la realtà con la quale tanti ragazzi si devono confrontare quotidianamente e che magari sono stati felici che per una volta per colpa della rete se ne sia almeno parlato invece di far finta di niente.Ma invece continuiamo così,come al solito,criminalizziamola la rete invece di insegnare come usarla,come prendere quello che c'è di buono distinguendolo da cosa c'è di sbagliato.Pubblicizziamo il fatto che sia relativamente semplice trovare video violenti così che anche chi non ci aveva mai pensato sia portato a togliersi la curiosità e a vederli.Col clima della paura non si fa che peggiorare una situazione che già ci vede tristemente quasi ultimi nell'uso di internet..e chissà se la classifica fosse stata basata sull'uso inteligente di internet dove saremmo stati.
  • Anonimo scrive:
    MIA ESPERIENZA IN BELGIO
    Ho un contratto ADSL con Belgacom (che è come dire la Telecom in Italia).Decido di traslocare e quindi faccio il necessario per spostare il contratto ADSL dalla vecchia alla nuova linea. Visto che lavoro da casa, per me è importante che tutto funzioni bene sin da subito.Purtroppo a causa di un banale errore della signorina dell'help desk, l'ADSL sulla vecchia linea viene tolta il 17 marzo e non il 27 marzo come doveva essere, cioè 10 giorni prima del dovuto.Mando un fax (neanche una raccomandata, ma uno stupido fax) lamentandomi del disservizio.Tre settimane dopo mi arriva una lettera da Belgacom: mi hanno assegnato un rimborso di 300 euro (30 euro al giorno per il disservizio) e mi hanno offerto i primi quattro mesi di abbonamento ADSL sulla nuova linea!!!!Chissà che cosa sarebbe successo in Italia con mamma Telecom... comunque sono sempre più contento di essere partito dall'Italia...ciao
    • Anonimo scrive:
      Re: MIA ESPERIENZA IN BELGIO
      - Scritto da:
      Ho un contratto ADSL con Belgacom (che è come
      dire la Telecom in
      Italia).

      Decido di traslocare e quindi faccio il
      necessario per spostare il contratto ADSL dalla
      vecchia alla nuova linea. Visto che lavoro da
      casa, per me è importante che tutto funzioni bene
      sin da
      subito.

      Purtroppo a causa di un banale errore della
      signorina dell'help desk, l'ADSL sulla vecchia
      linea viene tolta il 17 marzo e non il 27 marzo
      come doveva essere, cioè 10 giorni prima del
      dovuto.

      Mando un fax (neanche una raccomandata, ma uno
      stupido fax) lamentandomi del
      disservizio.

      Tre settimane dopo mi arriva una lettera da
      Belgacom: mi hanno assegnato un rimborso di 300
      euro (30 euro al giorno per il disservizio) e mi
      hanno offerto i primi quattro mesi di abbonamento
      ADSL sulla nuova
      linea!!!!

      Chissà che cosa sarebbe successo in Italia con
      mamma Telecom...


      comunque sono sempre più contento di essere
      partito
      dall'Italia...

      ciaofai tanto lo spiritoso, ma noi i Francesi li abbiamo battuti!!!!!CAMPIONI DEL MONDOCAMPIONI DEL MONDOCAMPIONI DEL MONDOCAMPIONI DEL MONDOPOPOPOPO POPOPOPOPOPOPO POPOPOPOPOPOPO POPOPO
      • Anonimo scrive:
        Re: MIA ESPERIENZA IN BELGIO
        parlava di Belgio..."Il Belgio (België in neerlandese, Belgique in francese, e Belgien in tedesco) è uno stato dell'Europa Occidentale, confinante con Paesi Bassi, Germania, Lussemburgo e Francia, bagnata dal Mare del Nord."Non Francia ...(anonimo)
        • Anonimo scrive:
          Re: MIA ESPERIENZA IN BELGIO
          - Scritto da:
          parlava di Belgio...

          "Il Belgio (België in neerlandese, Belgique in
          francese, e Belgien in tedesco) è uno stato
          dell'Europa Occidentale, confinante con Paesi
          Bassi, Germania, Lussemburgo e Francia, bagnata
          dal Mare del
          Nord."

          Non Francia ...(anonimo)
          grazie di aver risposto, io non avevo davvero la forza morale di rispondere ad un post del genere... :s
      • Anonimo scrive:
        Re: MIA ESPERIENZA IN BELGIO
        - Scritto da:
        fai tanto lo spiritoso, ma noi i Francesi li
        abbiamo
        battuti!!!!!

        CAMPIONI DEL MONDO
        CAMPIONI DEL MONDO
        CAMPIONI DEL MONDO
        CAMPIONI DEL MONDO


        POPOPOPO POPOPO
        POPOPOPO POPOPO
        POPOPOPO POPOPO

        Ecco la dimostrazione di ciò che la maggior parte degli italiani pensa!Non se ne può più di coloro che pesnsano solo al calcio e alle veline... c'è anche gente che lavora e che vuole lavorare seriamente!!! Mi spiace, ma così non si può continuare.
        • Anonimo scrive:
          Re: MIA ESPERIENZA IN BELGIO
          - Scritto da:

          - Scritto da:


          fai tanto lo spiritoso, ma noi i Francesi li

          abbiamo

          battuti!!!!!



          CAMPIONI DEL MONDO

          CAMPIONI DEL MONDO

          CAMPIONI DEL MONDO

          CAMPIONI DEL MONDO





          POPOPOPO POPOPO

          POPOPOPO POPOPO

          POPOPOPO POPOPO




          Ecco la dimostrazione di ciò che la maggior parte
          degli italiani
          pensa!
          Non se ne può più di coloro che pesnsano solo al
          calcio e alle veline... c'è anche gente che
          lavora e che vuole lavorare seriamente!!! Mi
          spiace, ma così non si può
          continuare.
          mi sa che quelli che vogliono lavorare seriamente se ne vanno tutti... che tristezza :'(
    • Anonimo scrive:
      Re: MIA ESPERIENZA IN BELGIO
      beato te! :'(
  • ominobufo scrive:
    Poveri, poveri, poveri, poveri bambini
    parcheggiati (sbolognati) davanti a tv e internet senza supervisione, e poi ci stupiamo delle conseguenze? Compra internet, compra telefonini, non renderti conto di cosa realmente vuol dire entrare in un mondo di comunicazione, resta ignorante, fai di tuo figlio un ignorante come te e poi scandalizzati pure se hanno tentato di "molestarlo" online, ci sara' sempre qualche ignorante pronto a darti retta.vai ignorante, resta tale e vivi.
    • Anonimo scrive:
      Re: Poveri, poveri, poveri, poveri bambi
      - Scritto da: ominobufo
      parcheggiati (sbolognati) davanti a tv e internet
      senza supervisione, e poi ci stupiamo delle
      conseguenze?


      Compra internet, compra telefonini, non renderti
      conto di cosa realmente vuol dire entrare in un
      mondo di comunicazione, resta ignorante, fai di
      tuo figlio un ignorante come te e poi
      scandalizzati pure se hanno tentato di
      "molestarlo" online, ci sara' sempre qualche
      ignorante pronto a darti
      retta.

      vai ignorante, resta tale e vivi.Troppo bello questo post, me lo stampo e lo incornicio.Così quando un ignorante (purtroppo ne conosco) entra in casa mia e lo legge, forse, ma dico FORSE, se gli è rimasto un neurone funzionante (ma dubito che alcuni ne abbiano mai avuto uno) inizia a farsi un'esamino di coscienza.
  • Anonimo scrive:
    La verità è che hanno il terrore...
    di Internet.Il potere ha paura della Rete delle Reti, sa che non ne possono avere il controllo totale e sono semplicemente TERRORIZZATI.Faremo in modo che lo saranno sempre più.
    • Anonimo scrive:
      Re: La verità è che hanno il terrore...

      Il potere ha paura della Rete delle RetiSogna. Il Potere non teme niente, men che mai la Rete.
      non ne possono avere il controllo totaleNo? Resta a vedere.
      Faremo in modo che lo saranno sempre più.Credi ancora alle favole, vero?
      • Anonimo scrive:
        Re: La verità è che hanno il terrore...
        .... ci sono quelli che pensano che chi detiene il potere, sia invincibile... ma non è cosi ^^
        • Anonimo scrive:
          Re: La verità è che hanno il terrore...
          - Scritto da:
          .... ci sono quelli che pensano che chi detiene
          il potere, sia invincibile... ma non è cosi
          ^^Infatti non è mai stato così nonostate il comune pensiero.Prima o poi crolollano, comunque, e più potere hanno più fanno rumore quando crollano.Basta saper attendere il momento giusto.Anche il diamante perchè si spezzi con un semplice colpetto basta che gli trovi la neva giusta.Il guaio dei cretini è che pensano di essere eterni, ma crepano anche loro.
  • Anonimo scrive:
    Parliamo del servizio di leva
    30 anni fa ho fatto il servizio di leva e nei primi 4 giorni di C.A.R. sono entrato all'inferno.Secondo loro era colpa dei videogiochi o di internet?Forse dei comunisti che a quel tempo minacciavano la "democrazia".
    • Anonimo scrive:
      Re: Parliamo del servizio di leva
      - Scritto da:
      30 anni fa ho fatto il servizio di leva e nei
      primi 4 giorni di C.A.R. sono entrato
      all'inferno.
      Azz. Vuoi dire che si sono ispirati a te per DOOM?
  • Anonimo scrive:
    scopriamo che cipro è grande quanto l'it
    certo che guardando un atlante anche a uno sprovveduto verrebbe da dire che si riesce a cablare meglio cipro -che è molto più piccola dell'italia.se poi pensiamo che cipro è divisa in due: quale delle due parti è meglio connessa rispetto all'italia?
    • Anonimo scrive:
      Re: scopriamo che cipro è grande quanto
      - Scritto da:
      certo che guardando un atlante anche a uno
      sprovveduto verrebbe da dire che si riesce a
      cablare meglio cipro -che è molto più piccola
      dell'italia.

      se poi pensiamo che cipro è divisa in due: quale
      delle due parti è meglio connessa rispetto
      all'italia?cosa cacchio vuol dire che è più piccola? Cipro non è certo il Lussemburgo, e avranno anche qualche decina di milioni in meno di persone che ci vivono, e quindi qualche decina di migliaia in meno di persone che nel cablaggio del paese ci possono lavorare. Nascondersi dietro alla superficie quadrata è nascondersi dietro ad un dito... continuiamo a farlo, già ora calpestiamo le cacchine a forma di pallina che le pecore cipriote ci seminano davanti, e presto vedremo le pecore greche nella corsia a sinistra mentre ci sorpassano con lo zoccolo alzato (purtroppo non hanno il dito medio).
  • Anonimo scrive:
    Propongo un esercizio
    Caro Mantellini, ha la mia pienissima approvazione su tutto il suo ragionamento, e in particolare sull'indignazione nei confronti delle pseudo-associazioni (pseudo, perché la realtà è che sono composte da pochissimi fondamentalisti sociopatici) che vivono di denunce e proposte di censura. Solo negli ultimi dieci anni le ho viste aggredire, accusare e inguaiare (si parla di galera, in alcuni casi) persone innocenti che vanno dagli appassionati di musica ai gestori di videoteche, ai distributori di giocattoli (ve lo ricordate il rogo delle Barbie "immorali"?), agli internauti in toto.Poiché lei è evidentemente una persona affidabile, vorrei proporle un esercizio che non ho i mezzi tecnici per compiere da solo.Cosa ne direbbe di sommare e totalizzare il numero di "pedofili da Internet" indagati a seguito delle sparate di questi gruppi? Non vorrei sbagliare, ma sommando solo ciò che leggo su PI e Repubblica da anni si sia arrivati grossomodo a un paio di milioni di "criminali" - dato evidentemente irrealistico. Credo che basterebbe questa semplice osservazione (ma supportata dai numeri) per poter cominciare uno sbeffeggiamento mediatico delle settucole millenariste che ammorbano Internet...
  • Anonimo scrive:
    In passato
    In passatoi ragazzi non facevano sessoi ragazzi non facevano i prepotenti fra di loroi ragazzi non molestavano (ah... 'molestare'... che parolina simpatica, che viene usata sia per la violenza carnale che per l'invio di un'email piccante!)i ragazzi non rovesciavano i banchi a scuola.Davvero!Non facevano nulla di tutto ciò e lo posso dire con certezza.E sapete perchè?Perchè non avevano i telefonini e internet.
    • Anonimo scrive:
      Re: In passato

      i ragazzi non facevano sessoeh...questo un po' m'era mancanto.
      i ragazzi non facevano i prepotenti fra
      di lorocelo
      i ragazzi non molestavano (ah... molestare'...
      che parolina simpatica, che viene usata sia
      per la violenza carnale che per l'invio di
      un'email piccante!)celo (il messaggio piccante, su carta pero')
      i ragazzi non rovesciavano i banchi a scuola.celoE le miccette? Con quelle il limite era solola fantasia!
      Davvero!
      Non facevano nulla di tutto ciò e lo posso
      dire con certezza.
      E sapete perchè?
      Perchè non avevano i telefonini e internet.Seeccuro ;-) Secondo me internet li tienepiu' tranquilli, s'ammazzano dalle pugnette!Ricordo che mi liberai dei bullettidelle medie facendoci a botte una sola volta.Non fu importante darle op prendere, basto'la reazione grintosa.Da allora la smisero. ;-)Quella diseducativa e' la schifosissima TV
  • reXistenZ scrive:
    Non sono del tutto d'accordo
    Cito testualmente:"Quando molti cittadini della repubblica, domani, conosceranno meglio Internet, sarà forse possibile neutralizzare almeno in parte quella strana verginità che i media ostentano ogni qualvolta ci si accorge che in rete è possibile trovare "anche" contenuti spiacevoli o che offendono il nostro personale punto di vista."Qui non si tratta di contenuti spiacevoli,o opinabilmente offensivi. Ma di prove di comportamenti abietti e criminosi."mi pare significativo che la denuncia alla procura torinese sia partita da una associazione che si occupa di soggetti con la Sindrome di Down.""Una parola di buonsenso, una delle poche, l'ho letta qualche giorno fa nell'intervista che il Corriere ha fatto a Domenico Vulpiani della Polizia Postale che per aver detto un paio di frasi solo apparentemente ovvie ("Non e colpa della rete se esiste il bullismo", "non posso mettere gli uomini a cercare scene violente su Internet")"Caro Mantellini, se (giustamente) non è compito della polizia postale cercare prove di bullismo in rete, a chi tocca fare le denunce? Alle vittime che sempre o quasi sempre tacciono per la paura e l'incapacità di vincere l'umiliazione?Sottoscrivo in peno ciò che scrive a proposito della criminalizzazione di internet.Però in questa circostanza ritengo che l'indignazione (almeno la mia) verso lo strumento di diffusione dei fatti abbia vuto un ruolo marginale.Ciò che è successo, piuttosto, è la triste prova del gravissimo e forse irrecuperabile stato di degradazione morale in cui versa la nostra scuola pubblica. Le immagini in Internet lo hanno solo reso evidente a tutti, così come le nuove tecnologie dei videotelefonini mostrano a tutti quanto sono frequenti i comportamenti sessualmente rivoltanti dei giovani bulli.Lei dice che le pare "significativo che la denuncia alla procura torinese sia partita da una associazione che si occupa di soggetti con la Sindrome di Down.".Dica allora cosa si dovrebbe fare per far riacquistare alle vittime la possibilità prima ancora che il coraggio di ribellarsi e di denunciare pubblicamente le offese cui vengono sottoposte. O cosa si dovrebbe fare per riacquistare agli educatori la dignità prima ancora che il coraggio di contrastare questi atti vergognosi, riacquistando il ruolo che la scuola dovrebbe aver loro dato.
    • Anonimo scrive:
      Re: Non sono del tutto d'accordo
      - Scritto da: reXistenZ
      Cito testualmente:

      "Quando molti cittadini della repubblica, domani,
      conosceranno meglio Internet, sarà forse
      possibile neutralizzare almeno in parte quella
      strana verginità che i media ostentano ogni
      qualvolta ci si accorge che in rete è possibile
      trovare "anche" contenuti spiacevoli o che
      offendono il nostro personale punto di
      vista."

      Qui non si tratta di contenuti spiacevoli,o
      opinabilmente offensivi. Ma di prove di
      comportamenti abietti e
      criminosi.

      "mi pare significativo che la denuncia alla
      procura torinese sia partita da una associazione
      che si occupa di soggetti con la Sindrome di
      Down."

      "Una parola di buonsenso, una delle poche, l'ho
      letta qualche giorno fa nell'intervista che il
      Corriere ha fatto a Domenico Vulpiani della
      Polizia Postale che per aver detto un paio di
      frasi solo apparentemente ovvie ("Non e colpa
      della rete se esiste il bullismo", "non posso
      mettere gli uomini a cercare scene violente su
      Internet")"

      Caro Mantellini, se (giustamente) non è compito
      della polizia postale cercare prove di bullismo
      in rete, a chi tocca fare le denunce? Alle
      vittime che sempre o quasi sempre tacciono per la
      paura e l'incapacità di vincere
      l'umiliazione?

      Sottoscrivo in peno ciò che scrive a proposito
      della criminalizzazione di
      internet.

      Però in questa circostanza ritengo che
      l'indignazione (almeno la mia) verso lo strumento
      di diffusione dei fatti abbia vuto un ruolo
      marginale.

      Ciò che è successo, piuttosto, è la triste prova
      del gravissimo e forse irrecuperabile stato di
      degradazione morale in cui versa la nostra scuola
      pubblica.

      Le immagini in Internet lo hanno solo reso
      evidente a tutti, così come le nuove tecnologie
      dei videotelefonini mostrano a tutti quanto sono
      frequenti i comportamenti sessualmente rivoltanti
      dei giovani
      bulli.

      Lei dice che le pare "significativo che la
      denuncia alla procura torinese sia partita da una
      associazione che si occupa di soggetti con la
      Sindrome di
      Down.".

      Dica allora cosa si dovrebbe fare per far
      riacquistare alle vittime la possibilità prima
      ancora che il coraggio di ribellarsi e di
      denunciare pubblicamente le offese cui vengono
      sottoposte. O cosa si dovrebbe fare per
      riacquistare agli educatori la dignità prima
      ancora che il coraggio di contrastare questi atti
      vergognosi, riacquistando il ruolo che la scuola
      dovrebbe aver loro
      dato.

      Nessuno ha obiettato sul fatto che ci sono state delle indagini realtive agli autori del filmato. Qui si parla di censura e di criminalizzazione del mezzo e indirettamente di chi lo usa. Al punto che anche quando il crimine avviene lontano dalla rete, alla fine si afferma che i crimini avvengono su internet. http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1769820&r=PIStrano che non siano stati denunciati tutti coloro che hanno semplicemente visualizzato quel filmato, come avviene invece normalmente per i filmati di pedopornSolo perché in internet si possono visualizzare delle immagini o dei filmati di violenza non vuol dire che il problema sia su internet. Invece il mezzo diventa il fine e tutti quelli che lo usano potenziali criminali o pedofili, solo perché visualizzano delle immagini di adulti che sembrano minori, immagini virtuali che sembrano situazioni reali, foto di ragazzine vestite che sembrano ammiccare... tutti pretesti per ignobili accuse e criminalizzazioni. Cui prodest? "Colui al quale il crimine porta vantaggi, egli l'ha compiuto" afferma Medea. Qui si afferma: "Colui al quale la criminalizzazione porta vantaggi, egli la fa".
    • picchiatello scrive:
      Re: Non sono del tutto d'accordo
      - Scritto da: reXistenZ
      Cito testualmente:

      Caro Mantellini, se (giustamente) non è compito
      della polizia postale cercare prove di bullismo
      in rete, a chi tocca fare le denunce? Alle
      vittime che sempre o quasi sempre tacciono per la
      paura e l'incapacità di vincere
      l'umiliazione?
      Quoto questa parte e allungo il discorso ribadendo come anche altre "istituzioni" parti in causa in questa faccenda ( istituto e professori) si siano immediatamente defilati dietro un "non e' nostro compito vigilare - controllare".Allora (trattandosi di minori) mi spiegate chi li deve tutelare o comunque misurare le azioni commesse ?Non vorrei che i nostri figli vivessero in un paese dove gli "adulti" avessero ( o volessero avere) meno responsabilità di loro.
  • Anonimo scrive:
    Ipocriti
    Siamo nel paese della TV, non di Internet.La violenza ai giovani non l'ha certo insegnata Internet, ma semmai il cinema e la TV.La TV riversa sui giovani ogni sorta di nefandezze, oltre a considerarli portafogli con le gambe, a cui cercare di vendere tutto il vendibile.I genitori permettono a bimbi di pochi anni di avere la TV in camera e di guardarla quando e come vogliono, subendo passivamente tutto ciò che essa vomita loro addosso.Gli atti di bullismo sono sempre successi, e fino a qualche anno fa episodi come quello del down malmenato sarebbero passati sotto silenzio, mentre ora emergono grazie alla rete. Quindi Internet semmai è da elogiare, mentre sempre più in basso cadono i giornali e la TV, cosa che non sorprende visto che il loro obiettivo è unicamente quello di vendere, prodotti o notizie non fa differenza, sempre di vendere si tratta. E la vendita è tanto più facile quando più dall'altra parte ci sono soggetti che subiscono passivamente, non avendo nessun canale di ritorno, o avendono uno attentamente filtrato, preconfezionato e con la banda minore possibile (vedi TV interattiva et similia).La violenza ai giovani non l'ha certo insegnata Internet, ma semmai il cinema e la TV.Internet, finalmente, fa emergere questa triste realtà, la cui conoscenza è la precondizione per cercare di farvi fronte.Con buona pace di moralisti interessati e venditori di notizie "autorevoli per decreto".
    • Anonimo scrive:
      Re: Ipocriti
      [..]
      Con buona pace di moralisti interessati e
      venditori di notizie "autorevoli per
      decreto".Giusto!Anzi, per un ragazzino e' molto meglio Internet.In un forum come questo, ad esempio,leggendo le opinioni piu' varie si puo'fare una opionine sua e sviluppare il sensocritico. Altro che la schifosa televisione!
  • Rododendro scrive:
    Caro Massimo Mantellini....
    ....condivido dalla prima all'ultima parola del tuo editoriale, virgole comprese.BRAVO!
    • Anonimo scrive:
      Re: Caro Massimo Mantellini....
      proprio un bell'articolo!
    • Anonimo scrive:
      Re: Caro Massimo Mantellini....
      Io, invece, non condivido affatto il vostro punto di vista. Secondo me il problema non è il censurare o meno la rete ma quello di educare i figli. Oggi sono in pochi coloro che danno una vera e propria educazione ai figli, il resto, vuoi per necessità economiche (i genitori lavorano entrambi tutto il giorno), per negligenza o incapacità, lascia l'educazione dei propri figli in mano alla scuola (che non può farcela da sola), alla TV, ai videogame ed internet. I risultati si vedono. Non è una novità che i ragazzi "facciano gruppo" e che per non sentirsi esclusi o in minoranza, si seguono le mode ed i modi di fare "degli altri". E' inutile criminalizzare la rete o fare pomposi articoli di giornale che sciolinano la morale, basta aprire gli occhi ed uscire dalla concezione ipocrita che la colpa è sempre "degli altri" (tra l'altro questa affermazione è verissima proprio perchè la colpa è nostra).
      • Anonimo scrive:
        Re: Caro Massimo Mantellini....
        Si, sono d'accordo con te .Noi siamo, in gran parte, la cultura e l'educazione che abbiamo ricevuto.E molti genitori sono pessimi educatori.- Scritto da:
        Io, invece, non condivido affatto il vostro punto
        di vista. Secondo me il problema non è il
        censurare o meno la rete ma quello di educare i
        figli. Oggi sono in pochi coloro che danno una
        vera e propria educazione ai figli, il resto,
        vuoi per necessità economiche (i genitori
        lavorano entrambi tutto il giorno), per
        negligenza o incapacità, lascia l'educazione dei
        propri figli in mano alla scuola (che non può
        farcela da sola), alla TV, ai videogame ed
        internet. I risultati si vedono. Non è una novità
        che i ragazzi "facciano gruppo" e che per non
        sentirsi esclusi o in minoranza, si seguono le
        mode ed i modi di fare "degli altri". E' inutile
        criminalizzare la rete o fare pomposi articoli di
        giornale che sciolinano la morale, basta aprire
        gli occhi ed uscire dalla concezione ipocrita che
        la colpa è sempre "degli altri" (tra l'altro
        questa affermazione è verissima proprio perchè la
        colpa è
        nostra).
        • Anonimo scrive:
          Re: Caro Massimo Mantellini....
          - Scritto da:

          Si, sono d'accordo con te .

          Noi siamo, in gran parte, la cultura e
          l'educazione che abbiamo
          ricevuto.

          E molti genitori sono pessimi educatori.Cari miei, la colpa non e' certo dei genitori, ma della societa' e soprattutto di quello che fanno i nostri "rappresentati" piu' in vista.COME si puo' pretendere che dei ragazzi si comportino in modo "corretto" se poi i grandi personaggi mediatici (politici, star dello spettacolo, calciatori, giornalisti, etc..etc..) sono I PRIMI a comportarsi, palesemente e senza temer punizione, in modo SCORRETTO ?-I politici si drogano e quando vengono beccati denunciano le iene : cosa dovrebbero pensare i ragazzi ?-I politici fanno l'indulto, dicendo a chiare lettere che chi ha commesso reati non deve pagare : cosa dovrebbero pensare i ragazzi ?-Lo sport e' marcio, tutti si fanno droghe di ogni tipo, e non vengono puniti, ci sono scandali all'ordine del giorno e non vengono puniti : cosa dovrebbero pensare i ragazzi ?-Le ragazzine che hanno successo, si scoprono sotto i banconi dei palazzi governativi intenti a pratiche ben conosciute : cosa dovrebbero pensare i ragazzi ?-I giornalisti...vabbe', ditemi voi quale articolo obbiettivo avete visto di recente riguardo a un fatto di cronaca.Ricordate la "prof a luci rosse" come l'avevano simpaticamente ribattezzata ?Sapete perche' non ne parlano piu' ?Perche' pare che sia lei la vittima ! (ancora da accertare, ma certo che il nomignolo se lo potevano risparmiare !)Bugie, reati piu' o meno gravi, truffe ai danni della povera gente... insomma, i valori questi ragazzi li prendono dai media, e i media trasmettono quanto ho scritto sopra (+ il grande fratello).
          • Anonimo scrive:
            Re: Caro Massimo Mantellini....
            - Scritto da:
            Cari miei, la colpa non e' certo dei genitori, ma
            della societa' e soprattutto di quello che fanno
            i nostri "rappresentati" piu' in
            vista.

            COME si puo' pretendere che dei ragazzi si
            comportino in modo "corretto" se poi i grandi
            personaggi mediatici (politici, star dello
            spettacolo, calciatori, giornalisti, etc..etc..)
            sono I PRIMI a comportarsi, palesemente e senza
            temer punizione, in modo SCORRETTO
            ?

            -I politici si drogano e quando vengono beccati
            denunciano le iene : cosa dovrebbero pensare i
            ragazzi
            ?

            -I politici fanno l'indulto, dicendo a chiare
            lettere che chi ha commesso reati non deve pagare
            : cosa dovrebbero pensare i ragazzi
            ?

            -Lo sport e' marcio, tutti si fanno droghe di
            ogni tipo, e non vengono puniti, ci sono scandali
            all'ordine del giorno e non vengono puniti : cosa
            dovrebbero pensare i ragazzi
            ?

            -Le ragazzine che hanno successo, si scoprono
            sotto i banconi dei palazzi governativi intenti a
            pratiche ben conosciute : cosa dovrebbero pensare
            i ragazzi
            ?

            -I giornalisti...vabbe', ditemi voi quale
            articolo obbiettivo avete visto di recente
            riguardo a un fatto di
            cronaca.
            Ricordate la "prof a luci rosse" come l'avevano
            simpaticamente ribattezzata
            ?
            Sapete perche' non ne parlano piu' ?
            Perche' pare che sia lei la vittima ! (ancora da
            accertare, ma certo che il nomignolo se lo
            potevano risparmiare
            !)

            Bugie, reati piu' o meno gravi, truffe ai danni
            della povera gente... insomma, i valori questi
            ragazzi li prendono dai media, e i media
            trasmettono quanto ho scritto sopra (+ il grande
            fratello).I ragazzi, i valori li "ereditano" dalla famiglia.Probabilmente tu scrivi così perchè non hai tempo per i tuoi figli... e faresti meglio a vergognarti !
          • Anonimo scrive:
            Re: Caro Massimo Mantellini....
            - Scritto da:

            - Scritto da:

            Cari miei, la colpa non e' certo dei genitori,
            ma

            della societa' e soprattutto di quello che fanno

            i nostri "rappresentati" piu' in

            vista.



            COME si puo' pretendere che dei ragazzi si

            comportino in modo "corretto" se poi i grandi

            personaggi mediatici (politici, star dello

            spettacolo, calciatori, giornalisti, etc..etc..)

            sono I PRIMI a comportarsi, palesemente e senza

            temer punizione, in modo SCORRETTO

            ?



            -I politici si drogano e quando vengono beccati

            denunciano le iene : cosa dovrebbero pensare i

            ragazzi

            ?



            -I politici fanno l'indulto, dicendo a chiare

            lettere che chi ha commesso reati non deve
            pagare

            : cosa dovrebbero pensare i ragazzi

            ?



            -Lo sport e' marcio, tutti si fanno droghe di

            ogni tipo, e non vengono puniti, ci sono
            scandali

            all'ordine del giorno e non vengono puniti :
            cosa

            dovrebbero pensare i ragazzi

            ?



            -Le ragazzine che hanno successo, si scoprono

            sotto i banconi dei palazzi governativi intenti
            a

            pratiche ben conosciute : cosa dovrebbero
            pensare

            i ragazzi

            ?



            -I giornalisti...vabbe', ditemi voi quale

            articolo obbiettivo avete visto di recente

            riguardo a un fatto di

            cronaca.

            Ricordate la "prof a luci rosse" come l'avevano

            simpaticamente ribattezzata

            ?

            Sapete perche' non ne parlano piu' ?

            Perche' pare che sia lei la vittima ! (ancora da

            accertare, ma certo che il nomignolo se lo

            potevano risparmiare

            !)



            Bugie, reati piu' o meno gravi, truffe ai danni

            della povera gente... insomma, i valori questi

            ragazzi li prendono dai media, e i media

            trasmettono quanto ho scritto sopra (+ il grande

            fratello).

            I ragazzi, i valori li "ereditano" dalla famiglia.
            Probabilmente tu scrivi così perchè non hai tempo
            per i tuoi figli... e faresti meglio a
            vergognarti !Io non sono un piagnone come te che metti al mondo figlio solo per farli ciulare dal prossimo.Piuttosto non li metto al mondo e se li mettessi al mondo li lasci liberi di far quel che vogliono in questo mondo di merda. Haii capito?!
  • Avion scrive:
    [mezzoOT] LucaS my love
    L'immagine di oggi mi ha fatto scompisciare (rotfl)
  • Anonimo scrive:
    piccola omissione
    "la pedofilia vera è generalmente altrove, nelle scuole e nelle palestre, nel chiuso delle case e negli abissi culturali delle famiglie"e non dimentichiamo gli oratori !
    • Wakko Warner scrive:
      Re: piccola omissione
      - Scritto da:
      "la pedofilia vera è generalmente altrove, nelle
      scuole e nelle palestre, nel chiuso delle case e
      negli abissi culturali delle
      famiglie"

      e non dimentichiamo gli oratori !LOL, dai, non infierire così. ;) Comunque devo dire la verità... ai miei tempi ste cose all'oratorio non te le insegnavano... come cambiano i tempi. 8)
    • Avion scrive:
      Re: piccola omissione
      - Scritto da:
      "la pedofilia vera è generalmente altrove, nelle
      scuole e nelle palestre, nel chiuso delle case e
      negli abissi culturali delle
      famiglie"

      e non dimentichiamo gli oratori !
      "ihihihih i preti sono tutti pedofili, i comunisti mangiano i bambini e su internet c'è solo pornografia p)"
      • Wakko Warner scrive:
        [OT] Re: piccola omissione
        - Scritto da: Avion
        "ihihihih i preti sono tutti pedofili, i
        comunisti mangiano i bambini e su internet c'è
        solo pornografia
        p)"E piove governo ladro!Edit: Inserito tag OT.-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 20 novembre 2006 09.59-----------------------------------------------------------
        • Avion scrive:
          Re: piccola omissione
          - Scritto da: Wakko Warner
          - Scritto da: Avion

          "ihihihih i preti sono tutti pedofili, i

          comunisti mangiano i bambini e su internet c'è

          solo pornografia

          p)"

          E piove governo ladro!Non ci sono più le mezze stagioni, e nemmeno i tre quarti!
  • scribble scrive:
    Raggiungere la Slovacchia?
    Come può l'unico paese occidentale dove la libertà di espressione diminuisce invece che aumentare raggiungere un paese in così grande (e libera) crescita? Un paese stracolmo di access point Wi-Fi e dove la sola parola "censura" fa tornare in mente agghiccianti momenti politici appena trascorsi?L'unica soluzione per L'Italia è l'espulsione dall'Europa, non per i conti pubblici, ma per manifesta indegnità culturale.E l'unica soluzione per me è stata la fuga. Ve la consiglio, sarà una scelta codarda, ma se non altro redditizia.
    • Anonimo scrive:
      Re: Raggiungere la Slovacchia?
      Quoto in pieno.Da quando sono emigrato, mi sento deicsamente più rilassato.Innanzitutto ora pago le tasse e in cambio ho qualcosa (l'altra settimana hanno attivato l'ennesima rete wifi gratis in centro, offerta dal Comune).E qui (Finlandia) i politici se fanno qualche caxxata (raro), vengono derisi in pubblico e spariscono dalla scena.I principali giornali fanno a gara poi per scovare le loro malefatte e non come da noi che sono prezzolati e leccano il c...La religione poi è completamente SEPARATA dal resto, come dovrebbe essere (nonostante la Presidentessa della Repubblica secondo i dettami protestanti è anche il capo della Chiesa)Non esistono partiti CRISTIANI, Ortodossi, Protestanti o chissacchè.E i contributi alle religioni si danno VOLONTARIAMENTE. Una truffa come l'8 per mille non è immaginabile...Auguri a tutti quelli che sono rimasti. Spero riusciate a resistere.Io se continua così chiedo asilo politico e mi cambio il passaporto! :)
      • scribble scrive:
        Re: Raggiungere la Slovacchia?
        - Scritto da:
        E qui (Finlandia) Finlandia? Interessante... Com'è la situazione lavorativa, si trova?Per quanto riguarda il passaporto, stai tranquillo che se in Italia vanno avanti così possiamo chiedere asilo politico dove ci pare...
      • Anonimo scrive:
        Re: Raggiungere la Slovacchia?
        - Scritto da:
        Quoto in pieno.
        Da quando sono emigrato, mi sento deicsamente più
        rilassato.
        Innanzitutto ora pago le tasse e in cambio ho
        qualcosa (l'altra settimana hanno attivato
        l'ennesima rete wifi gratis in centro, offerta
        dal
        Comune).
        E qui (Finlandia) i politici se fanno qualche
        caxxata (raro), vengono derisi in pubblico e
        spariscono dalla
        scena.
        I principali giornali fanno a gara poi per
        scovare le loro malefatte e non come da noi che
        sono prezzolati e leccano il
        c...
        La religione poi è completamente SEPARATA dal
        resto, come dovrebbe essere (nonostante la
        Presidentessa della Repubblica secondo i dettami
        protestanti è anche il capo della
        Chiesa)Questa è una contraddizione in termini.Come può mantenere la separazione tra stato e chiesa essendo capo di entrambe?!
        Non esistono partiti CRISTIANI, Ortodossi,
        Protestanti o
        chissacchè.
        E i contributi alle religioni si danno
        VOLONTARIAMENTE. Una truffa come l'8 per mille
        non è
        immaginabile...
        Auguri a tutti quelli che sono rimasti. Spero
        riusciate a
        resistere.
        Io se continua così chiedo asilo politico e mi
        cambio il passaporto!
        :)
        • Anonimo scrive:
          Re: Raggiungere la Slovacchia?
          nonostante la
          Presidentessa della Repubblica secondo i dettami
          protestanti è anche il capo della
          Chiesaquesta mi giunge nuova nei paesi protestanti il presidente è il capo della chiesa?quindi Bush è il Papa protestante americano?
          • Anonimo scrive:
            Re: Raggiungere la Slovacchia?
            - Scritto da:
            nonostante la

            Presidentessa della Repubblica secondo i dettami

            protestanti è anche il capo della

            Chiesa

            questa mi giunge nuova nei paesi protestanti il
            presidente è il capo della
            chiesa?
            quindi Bush è il Papa protestante americano?In effetti Bush dice che la sua missione gliela ha assegnata a dio oltre al fatto che fa vedere demoni al gabinetto che in realtà era un resto di un elicottero
  • Anonimo scrive:
    Giletti e internet
    Ho assistito a un pezzo della indecente e vergognosa gazzarra che anche questa domenica pomeriggio ha visto l'ineffabile Giletti quale conduttore/provocatore (dall'alto del suo ipocrito perbenismo clericale) di uno scontro allucinante tra alcune galline prese chissa' da quale pollaio e qualche "esperto" che ha perso il senso della propria dignita'.Di cosa si parlava: ma della violenza giovanile, ovviamente, il tema caldo del giorno.Per andare a pare dove? Ma su Internet, c'e' bisogno di dirlo?Questi genitori che si accorgono di avere dei figli solo quando e' il momento di farei bffoni in televisione, e non quando ne avrebbero davvero bisogno, istigati dalla pelosa comprensione del conduttore, hanno chiuso il cerchio con la solita demonizzazione imbecille che vede Internet associato all'uso delle droghe e... udite udite... all'eccesso di televisione!In questo come non dargli ragione? La televisione in questi ultimi 10 anni ha fatto della cultura dell'apparire ad ogni costo l'unico vero valore per le nuove generazioni, la televisione (con trasmissioni inqualificabili come quella di Giletti) ha proposto modelli di idiozia assoluta, che sono la negazone del confronto civile, della comprensione e del dialogo, creando la vera violenza che rende vuoti i cervelli: quella della stupidita'.Questi "genitori" avevano anche la soluzione, dato che non si parlava dei figli loro: galera anche per i 12enni, non ci pensiamo piu'.Nessuno ha avuto il coraggio di dire che questi ragazzini violenti per disperazione sono cosi' per il vuoto che genitori come questi hanno creato loro intorno, lavandosi la coscienza col telefonino ultimo modello, col pantalone griffato, basta che stai buono e non rompi i maroni.Ma cosa aspettano a ripulire almeno il servizio cosiddetto pubblico da questa immondizia invece di lanciare crociate demenziali e instillare paure medievali?Giletti andrebbe rottamato con un emendamento in finanziaria, forse certi genitori ritroverebbero il tempo che non dedicano piu' ai loro figli.
    • Anonimo scrive:
      Re: Giletti e internet
      Gilletti fa pena.
    • mr_setter scrive:
      Re: Giletti e internet
      - Scritto da:
      Ho assistito a un pezzo della indecente e
      vergognosa gazzarra che anche questa domenica
      pomeriggio ha visto l'ineffabile Giletti quale
      conduttore/provocatore (dall'alto del suo
      ipocrito perbenismo clericale) di uno scontro
      allucinante tra alcune galline prese chissa' da
      quale pollaio e qualche "esperto" che ha perso il
      senso della propria
      dignita'.
      Di cosa si parlava: ma della violenza giovanile,
      ovviamente, il tema caldo del
      giorno.
      Per andare a pare dove? Ma su Internet, c'e'
      bisogno di
      dirlo?
      Questi genitori che si accorgono di avere dei
      figli solo quando e' il momento di farei bffoni
      in televisione, e non quando ne avrebbero davvero
      bisogno, istigati dalla pelosa comprensione del
      conduttore, hanno chiuso il cerchio con la solita
      demonizzazione imbecille che vede Internet
      associato all'uso delle droghe e... udite
      udite... all'eccesso di
      televisione!
      In questo come non dargli ragione? La televisione
      in questi ultimi 10 anni ha fatto della cultura
      dell'apparire ad ogni costo l'unico vero valore
      per le nuove generazioni, la televisione (con
      trasmissioni inqualificabili come quella di
      Giletti) ha proposto modelli di idiozia assoluta,
      che sono la negazone del confronto civile, della
      comprensione e del dialogo, creando la vera
      violenza che rende vuoti i cervelli: quella della
      stupidita'.
      Questi "genitori" avevano anche la soluzione,
      dato che non si parlava dei figli loro: galera
      anche per i 12enni, non ci pensiamo
      piu'.
      Nessuno ha avuto il coraggio di dire che questi
      ragazzini violenti per disperazione sono cosi'
      per il vuoto che genitori come questi hanno
      creato loro intorno, lavandosi la coscienza col
      telefonino ultimo modello, col pantalone
      griffato, basta che stai buono e non rompi i
      maroni.
      Ma cosa aspettano a ripulire almeno il servizio
      cosiddetto pubblico da questa immondizia invece
      di lanciare crociate demenziali e instillare
      paure
      medievali?
      Giletti andrebbe rottamato con un emendamento in
      finanziaria, forse certi genitori ritroverebbero
      il tempo che non dedicano piu' ai loro
      figli.Ottimo post per un ottimo articolo! Ma stasera siamo tutti piu' intelligenti qui a PI? :DLV&P O)
    • Anonimo scrive:
      Re: Giletti e internet
      chi è giletti? :)finchè l'auditel gli darà ragione continueranno con la tv trash.
      • aghost scrive:
        Re: Giletti e internet
        - Scritto da:
        chi è giletti? :)
        finchè l'auditel gli darà ragione continueranno
        con la tv
        trash.l'auditel, se non lo sai, sono loro stessi! Vale a dire che l'auditel è composto dalle stesse emittenti di cui poi dovrebbe monitorare gli ascolti. E' un evidente conflitto di interesse, i controllati sono nello stesso tempo anche il controllore. http://aghost.wordpress.com/-----------------------------------------------------------Modificato dall' autore il 21 novembre 2006 07.47-----------------------------------------------------------
    • Anonimo scrive:
      Re: Giletti e internet
      ti meriteresti un applauso se non fosse così inflazionatoLe leggi della stupidita le trovi su gandalf.it
    • Anonimo scrive:
      Re: Giletti e internet
      Hai perfettamente ragione,sono daccordo con te su tutto la linea.Anche io ieri ho visto 2 minuti di domenica in e non ce la ho fatta più ed infatti ho scritto per la prima volta su questo forum.Xkè questi attacchi ad internet sono insopportabili,neanche se fossero fatti da gente che almeno sa accendere il pc!è incredibile come uno si debba quasi guardare da dire che usa internet xkè corre il rischio di venire subito additato come un pazzo..mah,che paese strano l'italia.
  • Anonimo scrive:
    l'uovo di colombo
    a scuola e per strada i nostri figli rischiano di fare i conti col bullismo.ma anche in tv si fanno brutti inconti.. e .. toh! anche su internet !come diciamo stai attento per la strada per questo, questo e quest altro motivo allo stesso modo se si da ai figli la possibilta' di accedere a internet li si deve educare e aiutare. nn deleghiano sempre alle istituzioni i nostri doveri. lasciare un minore, anzi un bambino davanti al web con carta bianca e da irresponsabili.Hermes
  • Anonimo scrive:
    polizia postale
    Ho letto l'intervista del Corriere e vorrei puntualizzare:1) un alunno della scuola ha riconosciuto la classe guardando la TV e si è presentato alle forze dell'ordine, così si è risalito alla scuola (notizia Ansa), altro che "file di log", "tracce lasciate dal telefonino" (????), "software particolari"Una volta individuata la scuola e avendo a disposizione le immagini dei ragazzi il gioco è fatto, le mirabolanti ricerche di 007 informatici sono servite in un secondo momento solo a certificare l'identità di chi ha diffuso il video e si riassumono in: scusa Google mi dai l'IP di chi ha caricato il video? grazie, ecco ora conosco il numero di telefono dei genitori...2) in una intervista al Tg5 una poliziotta escludeva le responsabilità di Google, evidentemente la tipa non sa che GoogleVideo controlla ogni singolo video PRIMA di pubblicarlo, mica come YouTube... Anche se solo si modifica la descrizione di un video, GoogleVideo deve convalidarlo e dare l'ok, quindi Google è responsabile dei contenuti.
    • Anonimo scrive:
      Re: polizia postale
      hmmm da quando google è responsabile?
      • Anonimo scrive:
        Re: polizia postale
        - Scritto da:
        hmmm da quando google è responsabile?uhm...da poco...mi ha fatto accettare nelle condizioni sul caricamento dei video....
    • Anonimo scrive:
      Re: polizia postale
      - Scritto da:
      Ho letto l'intervista del Corriere e vorrei
      puntualizzare:

      1) un alunno della scuola ha riconosciuto la
      classe guardando la TV e si è presentato alle
      forze dell'ordine, così si è risalito alla scuola
      (notizia Ansa), altro che "file di log", "tracce
      lasciate dal telefonino" (????), "software
      particolari"
      Una volta individuata la scuola e avendo a
      disposizione le immagini dei ragazzi il gioco è
      fatto, le mirabolanti ricerche di 007 informatici
      sono servite in un secondo momento solo a
      certificare l'identità di chi ha diffuso il video
      e si riassumono in: scusa Google mi dai l'IP di
      chi ha caricato il video? grazie, ecco ora
      conosco il numero di telefono dei
      genitori...D'accordissimo su questo... ho riso anche io durante la cena... (geek)(geek)(geek)

      2) in una intervista al Tg5 una poliziotta
      escludeva le responsabilità di Google,
      evidentemente la tipa non sa che GoogleVideo
      controlla ogni singolo video PRIMA di
      pubblicarlo, mica come YouTube... Anche se solo
      si modifica la descrizione di un video,
      GoogleVideo deve convalidarlo e dare l'ok, quindi
      Google è responsabile dei
      contenuti.Qui no:http://www.google.com/accounts/TOS?loc=ITGoogle dice chiaramente di non essere responsabile dei contenuti. E, dato che i server risiedono in america (USA), Google deve sottostare alle leggi vigenti nello stato in cui si trova.bye bye!Su questo
      • Anonimo scrive:
        Re: polizia postale

        Qui no:
        http://www.google.com/accounts/TOS?loc=IT

        Google dice chiaramente di non essere
        responsabile dei contenuti. E, dato che i server
        risiedono in america (USA), Google deve
        sottostare alle leggi vigenti nello stato in cui
        si
        trova.e allora perchè sul sito di GoogleVideo Italia c'è scritto che per l'approvazione dei video possono passare anche parecchi giorni?Se non si prendono la responsabilità perchè devono approvare ogni singolo video?Mi pare una contraddizione
  • Anonimo scrive:
    Avanzati a terz'ultimi?
    Bella promozione. Non ne avrei però sollievo anche perchè le penetrazioni adsl possono essere fittizie. Nella mia zona c'è l'adsl ma quarda un pò il caso ho avuto centinaia di disconnessioni al giorno: colpa di Libero Wind, colpa di Telecom? Fate vobis
    • Anonimo scrive:
      Re: Avanzati a terz'ultimi?
      - Scritto da:
      Bella promozione. Non ne avrei però sollievo
      anche perchè le penetrazioni adsl possono essere
      fittizie. quelle degli paesi invece sono tutte certificate come funzionanti da gattuso e totti, vero?
      • Anonimo scrive:
        Re: Avanzati a terz'ultimi?
        - Scritto da:

        - Scritto da:

        Bella promozione. Non ne avrei però sollievo

        anche perchè le penetrazioni adsl possono essere

        fittizie.

        quelle degli paesi invece sono tutte certificate
        come funzionanti da gattuso e totti,
        vero?Veramente nelgli altri Paesi, oltre che essere certificate, se non funziaonano puoi richiedere ed ottenere il rimborso per il danno subito.. Tale e quale al nostro di paese! :@
        • Anonimo scrive:
          Re: Avanzati a terz'ultimi?
          - Scritto da:
          Veramente nelgli altri Paesi, oltre che essere
          certificate, se non funziaonano puoi richiedere
          ed ottenere il rimborso per il danno
          subito..Ovviamente hai provato tutte le connessioni di ogni singolo abitante europeo, eh...
  • Anonimo scrive:
    Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
    Perchè i media TV e giornali si scagliano contro INTERNET?Semplice. Perchè INTERNET sta portando via loro una fetta di mercato e che quindi non possono più controllare e quindi ancora per loro è e sarà sempre più una perdita economica.Da lì il continuo tentativo di criminalizzare INTERNET per sollecitare il potere a cercare di imbavagliare la Rete e anche tentando di tener lontani dalle Rete il pubblico crcando di spaventarlo. E pesonaggi come il noto prete Di Noto con tutte le sue associazioni foraggiate chissà da chi fanno al caso loro.Mica dicono sti "signri" che INTENET è una grande opportunità sulla quale ormai viene veicolato di tutto, dalle informazioni che rendono certi giornali già vecchi appena usciti, all aradio, alla televisione con grandi possibilità di scelta.Per non parlare della scienza, dell' esplorazione spaziale, delle immafini dell universo pressochè in diretta dai telescopi e dai satelliti come Hubble e parecchi altri.Questo è INTENET, non la MERDA che vorrebbe fosse questi "signori" dei media.Certo, in INTERNET gira anche quello che che sarebbe meglio che i bimbetti non vedessero, ma che caXXo ci stanno a fare a casa i loro genitori? Usino que SW che impedisce ai bimbetti di vedere certe "cosette".Poi ci sono anche i criminali in Rete, certo, ma per questo ci sono le Ploizie e le leggi per impedire loro di commettere crimibni in Rete, non abbiamo bisogno certo di preti che per protagonismo denunciano tutto e tutti e procure che stanno dietro a questi preti perditempo che tra l' altro hanno accusato di pedolfilia migliaia di persone che poi pedofili non sono nè lo sona mai stati.Ma si guardi la TV nostrana cosa trasmette; RISSE in DIRETTA più o meno studiate a tavolino, QUIZ idioti da bisca, Isole dei RINCO a getto coninuo, spettacoli indecenti nei quali usano anche BAMBINI strumentalizzati in ogni modo da dare in pasto ai BAMBA poltronari televisivi, una TV SPAZZATURA INDECENTE!Questa TV sì che è indecente e pericolosa per la libera formazione delle menti dei ragazzi, non certo INTERNET.
    • Brontoleus scrive:
      Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
      - Scritto da:
      Perchè i media TV e giornali si scagliano
      contro INTERNET?Morpheus: "Che cos'è Matrix? E' controllo. Matrix è un mondo virtuale elaborato al computer, creato per tenerci sotto controllo, al fine di convertire l'essere umano... in questa" (mostra una pila)
    • Anonimo scrive:
      Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
      è verò (idea) , lo stesso motivo per cui berlusconi s'è fissato con il ddt dopo aver perso la scommessa di jumpy
    • Anonimo scrive:
      Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
      Non fare troppi sogni su internet. La Rete non é più libera, e lo sta diventando sempre meno. Presto sarä un'altra TV, anzi peggio.
      • Anonimo scrive:
        Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
        - Scritto da:
        Non fare troppi sogni su internet. La Rete non é
        più libera, e lo sta diventando sempre meno.
        Presto sarä un'altra TV, anzi
        peggio.La RETE è nata LIBERA per questioni intrinseche e per la sua natura.NOI DOBBIAMO combattere per mantenerla LIBERA.Controllare la Rete significa ucciderla e tradire gli scopi per cui è nata.La FORZA delle Rete è nella sua libertà privata della quale diventa MONNEZZA come le attuali TV e come i media in genere.
        • Anonimo scrive:
          Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
          - Scritto da:

          - Scritto da:

          Non fare troppi sogni su internet. La Rete non é

          più libera, e lo sta diventando sempre meno.

          Presto sarä un'altra TV, anzi

          peggio.

          La RETE è nata LIBERA per questioni intrinseche e
          per la sua
          natura.
          NOI DOBBIAMO combattere per mantenerla LIBERA.
          Controllare la Rete significa ucciderla e tradire
          gli scopi per cui è
          nata.
          La FORZA delle Rete è nella sua libertà privata
          della quale diventa MONNEZZA come le attuali TV e
          come i media in
          genere.Se per te LIBERA significa permettere a qualche scellerato di pubblicare certi video su google o di scaricare mp3, la rete può anche andare a farsi f@tt@r@!
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
            no è libera perchè ti permette di rispondere liberamente ad un commento in un forum e di usare tutte e @@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@@ che ti pare
        • Anonimo scrive:
          Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
          La rete è nata per altri scopi e sarebbe stato molto più saggio lasciarla al suo scopo originario (difesa e ricerca scientifica).
        • Anonimo scrive:
          Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?

          La RETE è nata LIBERA per questioni intrinseche e
          per la sua
          natura.Nata libera? Scherzi? Era un progetto militare.Questioni intrinseche? Guarda che é solo un mezzo tecnico.Natura? Quale natura? Non é un essere vivente dotato di coscienza, é una macchina. Puo' tranquillamente essere usata per controllare la tua vita.
          NOI DOBBIAMO combattere per mantenerla LIBERA.Con quali armi? Sai contro cosa combatti? Conosci gli interessi del gioco? Hai idea della potenza del denaro?Come puoi combattere contro chi non ha neanche bisogno di mostrarsi? Se fossi abbastanza ricco potrei comprarmi Punto Informatico e far sparire questo forum. Potrei trasformare il sito in un portale pubblicitario, mandare via tutti gli articolisti e mettere al loro posto persone di fiducia.Il denaro puo' tutto.
          Controllare la Rete significa ucciderla e tradire
          gli scopi per cui è
          nata.Vuoi dire "garantire le comunicazioni in caso di conflitto nucleare"?
          La FORZA delle Rete è nella sua libertà privata
          della quale diventa MONNEZZA come le attuali TV e
          come i media in
          genere.La libertà della rete é in vendita. Anzi, lo era, chi voleva e poteva comprarla l'ha comprata, e ha comprato anche te.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
            Finalmente leggo una persona che ha capito come gira il mondo :D. Veramente complimenti analisi perfetta!
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
            - Scritto da:
            Finalmente leggo una persona che ha capito come
            gira il mondo :D. Veramente complimenti analisi
            perfetta!Quarda che siamo in molti ad aver capito come gira il mondo. E non è una novità è sempre stato così. Per cui possiamo pure parlare di scoperta dell'acqua calda. Ma il fatto di aver la consapevolezza di come gira il mondo non significa che bisogna accettarne tutte le conseguenze senza reagire.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
            - Scritto da:

            La libertà della rete é in vendita. Anzi, lo era,
            chi voleva e poteva comprarla l'ha comprata, e ha
            comprato anche
            te.La tua logica è talmente disarmante che il tuo profilo si adatterebbe ad essere assunto all' attuale NSA di Bush.Complimenti, ma come Bush avete fatto i conti senza l' oste.Credete che tutto il mondo sia fatto di pecore da bastonare o da tosare secondo i vostri interessi, ogni tanto e.....dolorosamente anche voi lo prendete nel didietro.Auguri!amen.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?



            NOI DOBBIAMO combattere per mantenerla LIBERA.

            Con quali armi? Sai contro cosa combatti? Conosci
            gli interessi del gioco? Hai idea della potenza
            del
            denaro?

            Come puoi combattere contro chi non ha neanche
            bisogno di mostrarsi? Se fossi abbastanza ricco
            potrei comprarmi Punto Informatico e far sparire
            questo forum. Potrei trasformare il sito in un
            portale pubblicitario, mandare via tutti gli
            articolisti e mettere al loro posto persone di
            fiducia.

            Il denaro puo' tutto.
            è verop, mi ricorda un pò il settimanale "avvenimenti" che poi è fallito per altri motivi
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
            - Scritto da:

            Il denaro puo' tutto.Salvo salvarti la gabbana quando stai per tirar le cuoia, e nemmeno comprare l' amore.Potrai comprare puttane d' alto bordo, contento te di ciulare puttane dalla mattina alla sera.....! Il danaro può tutto.Quando poi tirerai le cuoia, vedi di pagarti un bel funerale, magari con la limousine rosa.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
            - Scritto da:

            - Scritto da:




            Il denaro puo' tutto.

            Salvo salvarti la gabbana quando stai per tirar
            le cuoia, e nemmeno comprare l'
            amore.
            Potrai comprare puttane d' alto bordo, contento
            te di ciulare puttane dalla mattina alla
            sera.....! Il danaro può
            tutto.

            Quando poi tirerai le cuoia, vedi di pagarti un
            bel funerale, magari con la limousine
            rosa.Perfetto, mi hai tolto le parole di bocca.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?


            Il denaro puo' tutto.

            Salvo salvarti la gabbana quando stai per tirar
            le cuoia, e nemmeno comprare l'
            amore.Falso: il denaro può comprare cure mediche, per cui il ricco vive dove il povero muore. Quanto a morire, prima o poi tocca a tutto ma il ricco ha vissuto bene, il povero ha vissuto male.E per la cronaca, le donne non sono stupide: tra lo spiantato e il riccone, chi pensi che scelgano? Sai, col denaro puoi mantenere bene una famiglia, senza non puoi.
            Potrai comprare puttane d' alto bordo, contento
            te di ciulare puttane dalla mattina alla
            sera.....! Il danaro può
            tutto.
            Esatto.
            Quando poi tirerai le cuoia, vedi di pagarti un
            bel funerale, magari con la limousine
            rosa.Mentre qualcun altro finisce al cimitero dei poveri. What's your point again?
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
            - Scritto da:




            Il denaro puo' tutto.



            Salvo salvarti la gabbana quando stai per tirar

            le cuoia, e nemmeno comprare l'

            amore.

            Falso: il denaro può comprare cure mediche, per
            cui il ricco vive dove il povero muore. Quanto a
            morire, prima o poi tocca a tutto ma il ricco ha
            vissuto bene, il povero ha vissuto
            male.

            E per la cronaca, le donne non sono stupide: tra
            lo spiantato e il riccone, chi pensi che
            scelgano? Sai, col denaro puoi mantenere bene una
            famiglia, senza non
            puoi.


            Potrai comprare puttane d' alto bordo, contento

            te di ciulare puttane dalla mattina alla

            sera.....! Il danaro può

            tutto.



            Esatto.


            Quando poi tirerai le cuoia, vedi di pagarti un

            bel funerale, magari con la limousine

            rosa.

            Mentre qualcun altro finisce al cimitero dei
            poveri. What's your point
            again?Quando i vermi ti magnano le budella non fanno distinzione tra budella ricche e budella povere, sempre della stessa merda si tratta.La morte rende tutti ugulali, merda per vermi.Se poi te sei contento di essere merda ricca, che ti devo dire? Per me merda è merda, come anche per le mosche. Anzi, a proposito delle mosche, le mosche potrennero preferire la merda di un povero a quella di un ricco, e allora cosa diresti?
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?

            Quando i vermi ti magnano le budella non fanno
            distinzione tra budella ricche e budella povere,
            sempre della stessa merda si
            tratta.E allora? Quando sei morto non ci sei più, che te ne importa
            La morte rende tutti ugulali, merda per vermi.E con questo? Sei forse lì a preoccupartene? No. Ma finché sei vivo é un altro discorso.
            Anzi, a proposito delle mosche, le
            mosche potrennero preferire la merda di un povero
            a quella di un ricco, e allora cosa
            diresti?Se sei contento di essere apprezzato dalle mosche, buon per te.What's your point again?
      • Anonimo scrive:
        Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
        - Scritto da:
        Non fare troppi sogni su internet. La Rete non é
        più libera, e lo sta diventando sempre meno.
        Presto sarä un'altra TV, anzi
        peggio.Tecnicamente, non hanno modo di imbavagliare la rete.Possono imbavagliare molti utenti, possono bloccare del tutto la rete, ma fino a quando sara' possibile scambiare almeno 100kb di dati, imbavagliare e' un termine che proprio non si puo' usare in nessun modo.Proprio in questo momento, all'insaputa di questi manipolatori, c'e' chi studia e sviluppa algoritmi in grado di cifrare le informazioni, senza contare quelli gia' presenti e liberamente accessibili.Prova tu a dirmi come fermare milioni di persone che si scambiano dati non identificabili ;)La rete e' libera, sono le persone che non la capiscono ad essere prigioniere.
        • Anonimo scrive:
          Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?

          La rete e' libera, sono le persone che non la
          capiscono ad essere
          prigioniere.La rete é una realizzazione umana, e puo' essere annientata come qualunque opera dell'uomo.Crittografia? Il RIP Act in Inghilterra ne ha distrutto l'utilità: a che serve crittografare se un magistrato puo' ordinarti di consegnare le chiavi, pena la prigione?A che serve TOR se l'ultimo anello puo' essere perseguito penalmente? Arresta abbastanza gente, sequestra i loro PC, e gli altri la smetteranno per paura.Il mondo reale, se lo decide, schiaccia internet in qualunque momento, a colpi di leggi e denaro.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
            - Scritto da:
            Il mondo reale, se lo decide, schiaccia internet
            in qualunque momento, a colpi di leggi e
            denaro.Forse, ma io non sono cosi' certo.Gli interessi "contro" sono frammentati,non lavorano all'unisono e secondo me bastanon farsi intimidire.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?

            La rete é una realizzazione umana, e puo' essere
            annientata come qualunque opera
            dell'uomo.Sul fatto che possa essere annientata completamente, concordo.Ma a cosa gli servirebbe distruggere tutto ?..
            Crittografia? Il RIP Act in Inghilterra ne ha
            distrutto l'utilità: a che serve crittografare se
            un magistrato puo' ordinarti di consegnare le
            chiavi, pena la
            prigione?Sei informato sul RIP-A e non sei informato sugli hidden volume ricavati dal pool random di dati immessi durante sovrascrittura degli header di partizione ?In pratica : crei un volume criptato, ci metti dei file personali (il tuo diario personale e le tue foto) poi crei nello stesso spazio un file nascosto, ci metti dei dati personali (il tuo diario segreto Parte II) poi in uno dei file nascosti crei un'altro sottovolume criptato, ci metti il tuo Diario Segreto Parte III... e cosi' via.A voglia il giudice a ordinare, tu dai la password e loro stanno con un palmo di naso.Senza contare che i dati non sono identificabili da quelli random post-formattazione.Oggigiorno, con gli algoritmi di cifratura, si puo' cambiare il mondo ;)
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
            - Scritto da:


            La rete e' libera, sono le persone che non la

            capiscono ad essere

            prigioniere.

            La rete é una realizzazione umana, e puo' essere
            annientata come qualunque opera
            dell'uomo.

            Crittografia? Il RIP Act in Inghilterra ne ha
            distrutto l'utilità: a che serve crittografare se
            un magistrato puo' ordinarti di consegnare le
            chiavi, pena la
            prigione?

            A che serve TOR se l'ultimo anello puo' essere
            perseguito penalmente? Arresta abbastanza gente,
            sequestra i loro PC, e gli altri la smetteranno
            per
            paura.

            Il mondo reale, se lo decide, schiaccia internet
            in qualunque momento, a colpi di leggi e
            denaro.Ma davvero? E allora come mai il potente mondo reale nonostante tutto non è ancora riuscito a schiacciare internet? Anzi manco l'ha scalfita e nè è riuscito a fargli il solletico. Forse perchè tra il dire e il fare ci sta il mare. E quel mare siamo noi che non ci stiamo. Ti è chiaro il concetto?
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
            - Scritto da:

            - Scritto da:




            La rete e' libera, sono le persone che non la


            capiscono ad essere


            prigioniere.



            La rete é una realizzazione umana, e puo' essere

            annientata come qualunque opera

            dell'uomo.



            Crittografia? Il RIP Act in Inghilterra ne ha

            distrutto l'utilità: a che serve crittografare
            se

            un magistrato puo' ordinarti di consegnare le

            chiavi, pena la

            prigione?



            A che serve TOR se l'ultimo anello puo' essere

            perseguito penalmente? Arresta abbastanza gente,

            sequestra i loro PC, e gli altri la smetteranno

            per

            paura.



            Il mondo reale, se lo decide, schiaccia internet

            in qualunque momento, a colpi di leggi e

            denaro.

            Ma davvero? E allora come mai il potente mondo
            reale nonostante tutto non è ancora riuscito a
            schiacciare internet? Anzi manco l'ha scalfita e
            nè è riuscito a fargli il solletico. Forse perchè
            tra il dire e il fare ci sta il mare. E quel mare
            siamo noi che non ci stiamo. Ti è chiaro il
            concetto?Mi sa che non ti è chiaro a te il concetto.Io sono intelligente, te non lo so se ragioni così.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
            - Scritto da:

            - Scritto da:



            - Scritto da:






            La rete e' libera, sono le persone che non
            la



            capiscono ad essere



            prigioniere.





            La rete é una realizzazione umana, e puo'
            essere


            annientata come qualunque opera


            dell'uomo.





            Crittografia? Il RIP Act in Inghilterra ne ha


            distrutto l'utilità: a che serve crittografare

            se


            un magistrato puo' ordinarti di consegnare le


            chiavi, pena la


            prigione?





            A che serve TOR se l'ultimo anello puo' essere


            perseguito penalmente? Arresta abbastanza
            gente,


            sequestra i loro PC, e gli altri la
            smetteranno


            per


            paura.





            Il mondo reale, se lo decide, schiaccia
            internet


            in qualunque momento, a colpi di leggi e


            denaro.



            Ma davvero? E allora come mai il potente mondo

            reale nonostante tutto non è ancora riuscito a

            schiacciare internet? Anzi manco l'ha scalfita e

            nè è riuscito a fargli il solletico. Forse
            perchè

            tra il dire e il fare ci sta il mare. E quel
            mare

            siamo noi che non ci stiamo. Ti è chiaro il

            concetto?

            Mi sa che non ti è chiaro a te il concetto.
            Io sono intelligente, te non lo so se ragioni
            così.Lascia giudicare agli altri se sei inteligente o meno. Di solito chi si reputa come tale rischia di essere il più asino di tutti.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?

            Ma davvero? E allora come mai il potente mondo
            reale nonostante tutto non è ancora riuscito a
            schiacciare internet? Anzi manco l'ha scalfita e
            nè è riuscito a fargli il solletico. Forse perchè
            tra il dire e il fare ci sta il mare. E quel mare
            siamo noi che non ci stiamo. Ti è chiaro il
            concetto?Napster é andato. YouTube é stato comprato, e i contenuti "scomodi" rimossi. eDonkey é andato. Aspetta e vedrai, tutto cadrà sotto i colpi del potere economico.Voi potete "non starci" finché volete, ma non decidete nulla. Non illudetevi, non fermerete il Potere.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
            - Scritto da:


            Ma davvero? E allora come mai il potente mondo

            reale nonostante tutto non è ancora riuscito a

            schiacciare internet? Anzi manco l'ha scalfita e

            nè è riuscito a fargli il solletico. Forse
            perchè

            tra il dire e il fare ci sta il mare. E quel
            mare

            siamo noi che non ci stiamo. Ti è chiaro il

            concetto?

            Napster é andato. YouTube é stato comprato, e i
            contenuti "scomodi" rimossi. eDonkey é andato.
            Aspetta e vedrai, tutto cadrà sotto i colpi del
            potere
            economico.

            Voi potete "non starci" finché volete, ma non
            decidete nulla. Non illudetevi, non fermerete il
            Potere.Ma il potere siamo noi, è questo che sfugge a una mente sempliciotta come le tua.Tu non sai chi siamo noi, mica dei pici come te.Cge razzo ce ne fotte di Napster? Acqua passata non macina più.E' la guerra che va vinta, mica le battaglie nel frammmezzo.E noi vinceremi perchè siamo più forti dei pidocchi che te identifichi in un effimero potere. Il potere vero siamo noi.Vuoi un disegnino?
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?


            Ma il potere siamo noi, è questo che sfugge a una
            mente sempliciotta come le
            tua.
            Tu non sai chi siamo noi, mica dei pici come te.HAHAHAHAHA! Chi sei, il ragazzetto di Wargames? Dovresti guardare meno film e riportare i piedi per terra prima che ce li riporti qualcun altro a pedate!Questi nerdini e i loro piccì... HAHAHA!
            E noi vinceremi perchè siamo più forti dei
            pidocchi che te identifichi in un effimero
            potere. Il potere vero siamo
            noi.
            Vuoi un disegnino?Si, disegnami Goldrake, dai...
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
            - Scritto da:


            Ma davvero? E allora come mai il potente mondo

            reale nonostante tutto non è ancora riuscito a

            schiacciare internet? Anzi manco l'ha scalfita e

            nè è riuscito a fargli il solletico. Forse
            perchè

            tra il dire e il fare ci sta il mare. E quel
            mare

            siamo noi che non ci stiamo. Ti è chiaro il

            concetto?

            Napster é andato. YouTube é stato comprato, e i
            contenuti "scomodi" rimossi. eDonkey é andato.
            Aspetta e vedrai, tutto cadrà sotto i colpi del
            potere
            economico.

            Voi potete "non starci" finché volete, ma non
            decidete nulla. Non illudetevi, non fermerete il
            Potere.E allora? Per un Napster che se ne è andato ne sono spuntati altri 10 e così vale per tutti gli altri.Non fermeremo il potere? E allora com'è che se voglio mi scarico ciò che voglio nononstante le dipartite dei programmi da te citati?
      • Anonimo scrive:
        Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
        - Scritto da:
        Non fare troppi sogni su internet. La Rete non é
        più libera, e lo sta diventando sempre meno.
        Presto sarä un'altra TV, anzi
        peggio.Questo è tutto da vedere. Se la rete non è più libera io continuerò a prendermi le mie libertà usando tutti i mezzi che la tecnologia mi metterà a disposizione.
        • Anonimo scrive:
          Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?

          Questo è tutto da vedere. Se la rete non è più
          libera io continuerò a prendermi le mie libertà
          usando tutti i mezzi che la tecnologia mi metterà
          a
          disposizione.Cioé nessuno: la tecnologia sarà blindata, sarà la tua prigione.
          • Anonimo scrive:
            Re: Perchè i MEDIA sono contto INTERNET?
            - Scritto da:


            Questo è tutto da vedere. Se la rete non è più

            libera io continuerò a prendermi le mie libertà

            usando tutti i mezzi che la tecnologia mi
            metterà

            a

            disposizione.

            Cioé nessuno: la tecnologia sarà blindata, sarà
            la tua
            prigione.Povero sempliciotto non hai idea dei milioni di cervelli che continuamente lavorano nel mondo. E tutti lavorano per combattere quel potere che a quanto pare a te piace tanto.
  • Anonimo scrive:
    Da avercene piene le palle ...
    ... con questa storia del bullismo ! Quando andavo a scuola io e molti altri ne abbiamo subite di tutti i colori, in alcune occasioni siamo riusciti a difenderci, in altre no, comunque abbiamo tratto tesoro dagli "insegnamenti" e - in un certo qual modo - siamo venuti su più forti, e quando è venuto il nostro turno le abbiamo anche date. Ora, solo perchè la cosa è "pubblicizzata" sul web, l'opinione pubblica si scandalizza. Come se chi ora invoca gli strali contro i videogiochi (ma poteva essere la musica techno, il metal, o chissà cos'altro) non sia stato, o non lo sia adesso, complice dello status quo; come se negli anni dell'adolescenza fossero stati tutti santarelli; come se, con chiassosa partecipazione o tacita approvazione non avessero anche loro a demolire qualcuno più indifeso, pacifico, inoffensivo di loro.Le cose da sempre vanno così, e sempre così andranno.
    • Anonimo scrive:
      Re: Da avercene piene le palle ...
      - Scritto da:
      ... con questa storia del bullismo ! Quando
      andavo a scuola io e molti altri ne abbiamo
      subite di tutti i colori, in alcune occasioni
      siamo riusciti a difenderci, in altre no,
      comunque abbiamo tratto tesoro dagli
      "insegnamenti" e - in un certo qual modo - siamo
      venuti su più forti, e quando è venuto il nostro
      turno le abbiamo anche date. Tipica mentalità che autorizza in pratica bullismo e nonnismo...
      Ora, solo perchè la
      cosa è "pubblicizzata" sul web, l'opinione
      pubblica si scandalizza. Come se chi ora invoca
      gli strali contro i videogiochi (ma poteva essere
      la musica techno, il metal, o chissà cos'altro)
      non sia stato, o non lo sia adesso, complice
      dello status quo; come se negli anni
      dell'adolescenza fossero stati tutti
      santarelli;
      come se, con chiassosa partecipazione o tacita
      approvazione non avessero anche loro a demolire
      qualcuno più indifeso, pacifico, inoffensivo di
      loro.Mah, io credo che tra vittime e carnefici ci possa essere una terza via...
      Le cose da sempre vanno così, e sempre così
      andranno.Andranno così finchè non si farà niente per cambiare lo stato delle cose! Ma se del resto a tutti va bene così...A me comunque non piace questa filosofia!
      • Anonimo scrive:
        Re: Da avercene piene le palle ...
        Bullismo e nonnismo il cazzo, ne ho subite di cotte e di crude da ragazzino, e non si contano le volte in cui mi sono trovato con le spalle al muro, solo contro tutti, e sono esploso in lacrime con i miei genitori o professori, e sono rimasto spesso inascoltato. Però, è stato grazie a questo che ho imparato a tirare fuori le unghie al momento giusto; a tenere le persone nel conto che meritano - perchè io, a differenza di molti, non ho mai idolatrato qualche scemo di capetto che trae soddisfazione dall'umiliare il più debole; a rispettare invece chi lo merita; a parlare quando è giusto farlo, anche nella più totale indifferenza di chi mi circonda. Ora, nell'età adulta.
        • TADsince1995 scrive:
          Re: Da avercene piene le palle ...
          - Scritto da:
          Bullismo e nonnismo il cazzo, ne ho subite di
          cotte e di crude da ragazzino, e non si contano
          le volte in cui mi sono trovato con le spalle al
          muro, solo contro tutti, e sono esploso in
          lacrime con i miei genitori o professori, e sono
          rimasto spesso inascoltato.
          Però, è stato grazie
          a questo che ho imparato a tirare fuori le unghie
          al momento giusto;Anche a me è successo da ragazzino, cercavo sempre di soprassedere e far buon viso a cattivo gioco. Fino al giorno in cui ho perso la pazienza e al bulletto di turno è finita molto male...
          a tenere le persone nel conto
          che meritano - perchè io, a differenza di molti,
          non ho mai idolatrato qualche scemo di capetto
          che trae soddisfazione dall'umiliare il più
          debole; In genere sono atteggiamenti tenuti da chi ha dei profondi sensi di inferiorità e insoddisfazione. Si fa forte contro il più debole per coprire la sua innata insicurezza agli occhi degli altri e di se stesso. Solo che da ragazzini non si capisce tutto ciò e spesso può essere un problema serio.TAD
    • Anonimo scrive:
      Re: Da avercene piene le palle ...
      fratello, strakuoto!e come al solito stranisco del fatto che non sono riuscito a sentire niente di sensato sull'argomento dalle varie reti televisive, mentre mi trovo d'accordo con te; umile ed anonimo postatore.continuo a pensare a quei disgraziati che perderanno l'anno corrente per una cosa accaduta a marzo!fatti come questo accadono 50 volte al giorno solo negli istituti italiani
      • TADsince1995 scrive:
        Re: Da avercene piene le palle ...

        continuo a pensare a quei disgraziati che
        perderanno l'anno corrente per una cosa accaduta
        a
        marzo!
        fatti come questo accadono 50 volte al giorno
        solo negli istituti
        italianiE' vero che fatti come questi si sono sempre verificati in passato, (io pure alle ELEMENTARI avevo una compagna cerebrolesa in classe e il bulletto di turno, tra l'altro figlio di amici di famiglia della "maestra", si divertiva a picchiarla) solo che non c'erano i telefonini e internet a documentarli.E' anche vero che tutto questo polverone mi sa tanto di caccia alle streghe, ma è anche vero che se beccati vanno puniti aspramente.C'è chi parlava addirittura di carcere, esagerando, ma penso che una denuncia e un bell'anno di sospensione siano state una punizione equilibrata.E poi se fai un atto deplorevole, lo filmi e addirittura lo metti pure sul web sei proprio un c******e che se la sta cercando, oltre che un piccolo delinquente, vigliacco e buono a nulla...TAD
    • Anonimo scrive:
      Re: Da avercene piene le palle ...
      Anche io come molti di voi sono passato sotto i cosi detti nonni,sino a quando anche a me non e' capitata l'occasione di tirare fuori le unghie...in ogni caso,non credo sia giusto approvare certe cose,in questo caso la vittima non si poteva difendere adeguamente.Il granfurbone secondo me portera' i segni della sua stupidita' per tutta la vita.
    • Anonimo scrive:
      Re: Da avercene piene le palle ...
      - Scritto da:
      ... con questa storia del bullismo ! Quando
      andavo a scuola io e molti altri ne abbiamo
      subite di tutti i colori
      Ora, solo perchè la
      cosa è "pubblicizzata" sul web, l'opinione
      pubblica si scandalizza.Cio' che non raggiunge stampa e televisione, non esiste.Ferma uno per strada e digli: Punto Informatico!Ti dira': "Cosa?".Eppure e' qui da 10 anni
    • Anonimo scrive:
      Re: Da avercene piene le palle ...
      - Scritto da:
      Le cose da sempre vanno così, e sempre così
      andranno.Neanche per sogno. Il fatto stesso che oggi si disponga dei mezzi per documentare questo tipo di abusi, compresa internet, e combatterli smentisce la tua affermazione. Semmai è ipocrita la finzione collettiva secondo cui queste pratiche sono un fenomeno recente causato dai media: in pratica si vorrebbe mettere a tacere l'unico mezzo disponibile per contrastare la violenza. Una bella contraddizione.
      • Anonimo scrive:
        Re: Da avercene piene le palle ...
        Questi abusi sono documentati da sempre. A scuola si sa; i genitori lo sanno. Tutti, nessuno escluso, vi sono passati attraverso, da adulti o da ragazzini, da vittime e/o carnefici. Il fatto che ora siano rilevabili anche a mezzo web può sollevare polveroni come nel caso venuto a galla in questi giorni; fra un po', vedrai, non ne parlerà più nessuno.Che poi, basterebbe che i bulli non facessero vanterie della loro attività seminando prove dei fatti, per evitare gravi conseguenze.Vedrai : non cambierà nulla.
  • Anonimo scrive:
    ma andate un po' affan....
    ecco.Come se prima di internet il bullsimo non fosse esistito, ma state zitti.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma andate un po' affan....
      - Scritto da:
      ecco.

      Come se prima di internet il bullsimo non fosse
      esistito, ma state
      zitti.e' sempre esisisto. Tuttavia gli episodi di bullismo li leggevi al max nella 15ma pagina di un giornale locale.
    • Anonimo scrive:
      Re: ma andate un po' affan....

      Come se prima di internet il bullsimo non fosse
      esistito, ma state
      zitti.Sempre esistito, con questo filmatino suInternet hanno solo avuto una scusa in piu'per fare un po' di tam tam.
Chiudi i commenti