Glofiish di E-Ten, la next generation

Sono tre i nuovi smartphone lanciati dal produttore cinese e distribuiti in Italia da Focelda

Roma – Il mercato della telefonia mobile è sempre più popolato di smartphone e in questa direzione si muove E-Ten con la linea Glofiish, distribuita in Italia da Focelda attraverso il brand Glofiish Italia , che si arricchisce di tre nuovi modelli.

i nuovi dispositivi

Il primo è il Glofiish X600, che si propone come “entry level” della gamma, nonostante un design “senior” e la presenza di un ricevitore GPS. Già disponibile sul mercato, viene venduto a 466,00 euro Iva inclusa.

Nella fascia intermedia si posiziona invece il Glofiish X650, dotato di display VGA, ricevitore satellitare SiRF Star III, fotocamera da 2 Megapixel (con autofocus, flash e specchietto per l’autoscatto). A bordo c’è Windows Mobile 6 in italiano, mosso dal processore Samsung da 500 MHz. L’ETEN Glofiish X650 offre inoltre connettività Bluetooth v2.0 con EDR e Wi-Fi 802.11b/g, vivavoce e gestione della posta elettronica tramite tecnologia “Direct Push”. Non mancano suonerie polifoniche, lettore MP3 e memoria ROM da 256 MB, espandibile attraverso schede microSD. In vendita ad Euro 499,00 Iva inclusa.

Al top c’è invece il Glofiish M800 che, oltre al display VGA e il modulo GPS SiRF Star III, offre una tastiera QWERTY a slitta (con meccanismo di chiusura semiautomatico), un modulo telefonico 3,5G e una radio FM. Viene presentato come un PDA phone GPS “All-In-One” che, oltre al supporto alle reti UMTS/GSM/EDGE/GPRS e HSDPA, offre le interfacce wireless WiFi e Bluetooth 2.0 con EDR. In vendita ad Euro 629,00 Iva inclusa.

“In tutti i dispositivi – spiega Focelda – è preinstallato un generosissimo parco software proprietario e di terze parti, ed una lunga serie di programmi può essere scaricata gratuitamente dal sito www.glofiish.com “.

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • francososo scrive:
    terrorismo e pedofilia .......
    due buoni pretesti per la censura : degli spauracchi che prima o poi si sgonfiano perchè le persone non sono mica stupide !
  • lol scrive:
    caccia alle streghe
    la solita cacchia alle streghe, sono anni che giro tutti i meandri di internet e non ho mai visto nulla di pedopornografico
    • pippopluto scrive:
      Re: caccia alle streghe
      - Scritto da: lol
      la solita cacchia alle streghe, sono anni che
      giro tutti i meandri di internet e non ho mai
      visto nulla di
      pedopornograficopiu' che altro scommetto che chi cerca trova, diciamo che finiti i terroristi per imporre la censura sfruttano la pedopornografia facendo leva sulle reazioni popolari all'odioso crimine?diciamo di si' va'
    • Sono arrabbiato scrive:
      Re: caccia alle streghe
      Per il semplice fatto che certe cose sono ben nascoste, oddio nemmeno tanto bene a volte, ma questo non vuol dire che non ci siano.
Chiudi i commenti