GNOME: non ci siamo venduti a Microsoft

GNOME: non ci siamo venduti a Microsoft

La Foundation chiarisce la propria posizione: non è vero che sosteniamo l'Open XML di Microsoft ai danni di Open Document Format
La Foundation chiarisce la propria posizione: non è vero che sosteniamo l'Open XML di Microsoft ai danni di Open Document Format

Nessuna scusa ma spiegazioni del proprio operato, per mettere a tacere le critiche. Nei giorni scorsi GNOME Foundation ha voluto rispondere con un comunicato a chi l'ha accusata di aver favorito il formato di documenti Office Open XML (OOXML) di Microsoft , ai danni di OpenDocument (ODF).

La Foundation sostiene che la propria partecipazione al comitato tecnico TC45-M di ECMA ha il solo scopo di supportare “l'incessante lavoro” di Jody Goldberg , lead maintainer del foglio di calcolo Gnumeric , nel migliorare la proposta ECMA 376 per la standardizzazione di OOXML.

Come noto, OOXML è divenuto uno standard ECMA un anno fa, ma lo scorso settembre la specifica di Microsoft non è riuscita a candidarsi nella fast track per la standardizzazione ISO/IEC .

È noto come buona parte della comunità open source sia contraria all'approvazione di OOXML a standard ISO , questo sostanzialmente perché ritiene che la specifica di Microsoft sia poco chiara, contenga numerosi errori e, non per ultimo, sia stata pensata per legare le aziende ai prodotti proprietari di BigM. Ciò spiega perché la partecipazione di GNOME Foundation al TC45-M, che taluni vedono come il tentativo di favorire l'elezione di OOXML a standard ISO, sia malvista da molti membri dell'open source. Ad influenzare tali giudizi è anche la posizione del fondatore del progetto GNOME, Miguel de Icaza , le cui opinioni vengono spesso assimilate a quelle di GNOME Foundation.

“Nonostante il fondatore di GNOME, Migue de Icaza, non faccia più parte del consiglio di amministrazione della Foundation, il suo lavoro nel portare su GNU/Linux tecnologie di Microsoft come MS.NET e Silverlight è spesso identificato come la linea di condotta della Foundation piuttosto che una sua posizione personale”, spiega in questo articolo Linux.com . “Di conseguenza, quando lo scorso settembre de Icaza ha definito OOXML uno standard superbo , la Foundation è stata vittima di una propaganda ostile”.

Nel proprio comunicato, GNOME Foundation sottolinea come le proprie scelte non siano state influenzate da considerazioni finanziarie , e abbiano lo scopo di sostenere la standardizzazione di OOXML da parte di ISO. L'organizzazione, che ha poi ricordato di essere un membro di ODF Alliance e “appassionata sostenitrice degli standard aperti in generale”, non ha infine esitato a definire Microsoft “un monopolista impenitente” senza “alcuna propensione per collaborare con l'industria nell'interesse degli utenti”.

Link copiato negli appunti

Ti potrebbe interessare

25 11 2007
Link copiato negli appunti