Google: basta soldi a chi nega il cambiamento climatico

Eric Schmidt definisce l'appoggio economico ad ALEC come un errore. L'organizzazione diffonde "bugie" sul riscaldamento globale. Ma sono i danni collaterali del sistema delle lobby d'Oltreoceano

Roma – Il supporto economico garantito da Google all’organizzazione di conservatori americani nota come American Legislative Exchange Council (ALEC), per il presidente Eric Schmidt si tratta di un capitolo chiuso che non si ripeterà in futuro. E la responsabilità è di ALEC, visto che l’organizzazione va spargendo in giro delle vere e proprie bugie sul cambiamento climatico.

Schmidt interviene sulla questione in una intervista rilasciata in radio , rivelando come Google non abbia più intenzione di rinnovare la sua “membership” di un’organizzazione che riceve finanziamenti dai colossi del petrolio (Exxon Mobil), è contraria al supporto governativo nei confronti delle risorse energetiche alternative, e vorrebbe classificare gli attivisti come terroristi. Inizialmente Mountain View ha dato il proprio supporto all’attività propagandistica di ALEC per questioni non pertinenti a quelle ambientali, sostiene Schmidt, ma ora tale supporto non è più rinnovabile perché chi nega il riscaldamento globale va contro i fatti e rende il mondo un posto molto peggiore per le future generazioni.

Alle parole di Schmidt risponde a stretto giro il CEO di ALEC Lisa Nelson, che riafferma la propria volontà di contrastare l’intervento del governo federale americano in questioni che dovrebbero attenere alle autorità locali ed è a favore dell’espansione delle risorse energetiche rinnovabili in proporzione alla domanda proveniente dai consumatori.

Il dato più inquietante di tutta la faccenda è però l’apparente natura duale delle iniziative lobbistiche di Mountain View e delle altre aziende hi-tech, colossi che continuano a finanziare i think-tank conservatori americani per le loro posizioni a favore della liberalizzazione del mercato tecnologico e delle comunicazioni telematiche, e che alla fine devono accollarsi anche le posizioni meno desiderabili come quella pro-petrolio e anti-rinnovabili. Lo scontro tra Google e ALEC è un incidente di percorso che non cambia di molto un sistema politico che definire controverso fin dalle fondamenta non è un azzardo.

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • Leguleio scrive:
    E dopo la scelta del browser
    E dopo che l'UE ha imposto a Microsoft la scelta del browser all'atto di installazione, sono capaci di imporre la scelta del motore di ricerca appena su Google.it, o Google.ue. :|
    • bradipao scrive:
      Re: E dopo la scelta del browser
      - Scritto da: Leguleio
      E dopo che l'UE ha imposto a Microsoft la scelta
      del browser all'atto di installazione, sono
      capaci di imporre la scelta del motore di ricerca
      appena su Google.it, o Google.ue. :|... e ancora nessuno apre bocca per lo scandalo dei browser alternativi, letteralmente vietati su alcune piattaforme.
      • Leguleio scrive:
        Re: E dopo la scelta del browser


        E dopo che l'UE ha imposto a Microsoft la scelta

        del browser all'atto di installazione, sono

        capaci di imporre la scelta del motore di
        ricerca

        appena su Google.it, o Google.ue. :|

        ... e ancora nessuno apre bocca per lo scandalo
        dei browser alternativi, letteralmente vietati su
        alcune
        piattaforme.Quali piattaforme?
        • Fantozzi Ragionier Ugo scrive:
          Re: E dopo la scelta del browser
          Guardi Filini facci in giro sugli store dove si caricano le apps e quando torna ci facci un elenco delle piattaforme dove ha trovato browser alternativi e che utilizzano librerie alternative rispetto a quelle di "sistema"...Mi raccomando eh Filini! ci facci sapere!
    • maxsix scrive:
      Re: E dopo la scelta del browser
      - Scritto da: Leguleio
      E dopo che l'UE ha imposto a Microsoft la scelta
      del browser all'atto di installazione, sono
      capaci di imporre la scelta del motore di ricerca
      appena su Google.it, o Google.ue.
      :|Legù, il discorso è molto più ampio.Comunque su una cosa ti do ragione, nel senso che se la UE crede di risolvere i problemi VERI di google come il mercimonio delle profilature, la mancanza di un "listino" e l'appropriazione indebita dei dati obbligando il mercato a entrare in concorrenza non se ne esce vivi.Google deve ritornare a fare quello che faceva una volta.Motore di ricerca e stop.Tutto il resto va spento, chiuso, cancellato, distrutto, nuclearizzato.E i cellulari Android vanno formattati da remoto, brasati, fusi.
      • cicciobello scrive:
        Re: E dopo la scelta del browser
        Ma quanto rosichi?
        • maxsix scrive:
          Re: E dopo la scelta del browser
          - Scritto da: cicciobello
          Ma quanto rosichi?Poniti una semplice domanda.Come mai tutto il mondo sta dando addosso a Google.E per tutto intendo tutto, africa esclusa, per ovvi motivi.Quindi qui chi è che sta rosicando?O temendo qualcosa?
          • Un altro scrive:
            Re: E dopo la scelta del browser
            - Scritto da: maxsix
            - Scritto da: cicciobello

            Ma quanto rosichi?
            Poniti una semplice domanda.
            Come mai tutto il mondo sta dando addosso a
            Google.
            E per tutto intendo tutto, africa esclusa, per
            ovvi motivi.
            Quindi qui chi è che sta rosicando?
            O temendo qualcosa?Ma infatti finche' son editori, corporazioni concorrenti, stati... Lo capisco, ma gli utenti del forum come te che interesse hanno ad accalorarsi ? A parte fare tifo da stadio intendo...
          • Ovvio Mio Capitano scrive:
            Re: E dopo la scelta del browser
            Ma è ovvio temono che google fallisca da un giorno all'altro come da previsioni !A chi si vanno a chiedere i soldi ?è ovvio a chi sta "co' 'na scarpa e 'na ciavatta" e vende salamelle col furgone.Fortuna che ha un amico con la Jaguar... pardon con la iGiaguar...(rotfl)(rotfl)
          • cicciobello scrive:
            Re: E dopo la scelta del browser
            Quattro gatti sarebbero "tutto il mondo"?
      • Six iGiaguar e un triciclo scrive:
        Re: E dopo la scelta del browser
        Già già.[img]http://imblog.aufeminin.com/blog/D20101214/475381_209815621_rosicare_H212356_L.jpg[/img]
      • Fantozzi Ragionier Ugo scrive:
        Re: E dopo la scelta del browser
        - Scritto da: maxsix
        - Scritto da: Leguleio

        E dopo che l'UE ha imposto a Microsoft la
        scelta

        del browser all'atto di installazione, sono

        capaci di imporre la scelta del motore di
        ricerca

        appena su Google.it, o Google.ue.

        :|

        Legù, il discorso è molto più ampio.Infatti perchè trascurare gli investitori istituzionali che pompano sulle business unit?E poi nei data center google ce li avranno gli armadi con le dorsali?E se hanno le dorsali saranno dorsali modello heartbleed? o modello salamella?Bisognerebbe chiedere a Gigi...Questi si che son problemi!
Chiudi i commenti