Google e l'advertising ambientale

Mountain View ottiene un brevetto che descrive un sistema di advertising personalizzato come non se ne erano mai visti prima. Google sa dove sei, che fai, che tempo fa ed elargisce consigli per gli acquisti

Roma – Il nuovo brevetto sul behavioural advertising evoluto di Google si chiama Advertising based on environmental conditions , e come lascia facilmente intendere il nome descrive un sistema di tracciamento della vita degli utenti di smartphone, per il bene del business e della pubblicità contestuale, naturalmente.

Qualora Mountain View implementasse la tecnologia descritta nel brevetto su Android, la somministrazione di pubblicità su gadget mobile potrebbe trarre vantaggio dal monitoraggio perenne di fattori esterni alle ricerche web sfruttando i sensori integrati sul dispositivo.

“Un browser web o un motore di ricerca possono ottenere dai sensori informazioni sull’ambiente (es. temperatura, umidità, luce, suono, composizione dell’aria) in cui si trova l’utente – spiega BigG – e i pubblicitari possono specificare che gli ad vanno mostrati agli utenti le cui condizioni ambientali corrispondono a certi criteri”.

In sostanza Google potrebbe riconoscere i rumori di fondo di un concerto di musica classica e “sparare” su schermo i rivenditori autorizzati di violino nei paraggi, identificare il brusio di una qualsiasi manifestazioni sportiva e “consigliare” acquisti connessi a quel particolare sport e fare molto, molto di più .

Microsoft, invece, piuttosto che sulla localizzazione dell’advertising pensa a quanto gli spot possono infastidire i loro bersagli. Per questo ha brevettato un sistema per show televisivi basato sul pagamento nel caso in cui l’utente decidesse di saltare la pubblicità .

Alfonso Maruccia

La tua email sarà utilizzata per comunicarti se qualcuno risponde al tuo commento e non sarà pubblicato. Dichiari di avere preso visione e di accettare quanto previsto dalla informativa privacy

  • ruppolo scrive:
    Questo è il mondo PC
    Nato male, finisce male, come è giusto che sia.
    • uno qualsiasi scrive:
      Re: Questo è il mondo PC
      Che ca22o significa quedta trollata?
      • bertuccia scrive:
        Re: Questo è il mondo PC
        - Scritto da: uno qualsiasi

        Che ca22o significa quedta trollata?hehe il caro ruppolone ha di sassetti da levare dalla scarpa ;)niente trollata, questo è uno dei segnali che le previsioni fatte sul mondo post PC si stanno avverandovatti a rivedere i commenti HP e il lungo addio ai PChttp://punto-informatico.it/b.aspx?i=3252136HP, il PC è ancora lìhttp://punto-informatico.it/b.aspx?i=3264159HP: i PC restanohttp://punto-informatico.it/b.aspx?i=3320496
    • Luca scrive:
      Re: Questo è il mondo PC
      in realtà i problemi non sono i pc (che non spariranno mai, al limite evolveranno, ma non sarà ipad lo strumento da ufficio) ma le stampanti.HP dominava il mercato e le sue stampanti sono effettivamente di qualità molto alta (dove lavoro ci sono stampanti di oltre 10 anni di vita che ancora lavorano egregiamente) ma i cui costi di produzione e di mantenimento sono ormai troppo alti rispetto alla concorrenza (che produce in plasticaccia) per cui alla fine meglio cambiare una stampante dopo 3 anni e pagarla (come tco) 5 volte di meno che mantenere una hp (alla faccia dell'ecologia e dei rifiuti). ed HP sta perdendo il business...
      • MacGeek scrive:
        Re: Questo è il mondo PC
        - Scritto da: Luca
        HP dominava il mercato e le sue stampanti sono
        effettivamente di qualità molto alta (dove lavoro
        ci sono stampanti di oltre 10 anni di vita che
        ancora lavorano egregiamente) ma i cui costi di
        produzione e di mantenimento sono ormai troppo
        alti rispetto alla concorrenza (che produce in
        plasticaccia) per cui alla fine meglio cambiare
        una stampante dopo 3 anni e pagarla (come tco) 5
        volte di meno che mantenere una hp (alla faccia
        dell'ecologia e dei rifiuti). ed HP sta perdendo
        il business...Senza contare che sono diventate un'industria markettara, dove il marketing viene prima di tutto.Volevo prendere una laser a colori un paio di mesi fa e sono andato sul sito HP.Sito pieno di fronzoli e animazioni che per prima cosa mi chiede che utilizzo ne farò (saranno CAZ*I miei, no???).Dopodiché provo a cercare STAMPANTE e mi escono fuori 110 risultati.Cioè CENTODIECI modelli di stampanti!!! Laser e inkeject tutte insieme, il 90% indistinguibili una dall'altra.A quel punto sono andato sul sito Canon e mi sono preso una bella canon Laser. Eccheca**o!Lì ancora c'è una suddivisione per tipologia e tra una stampante e l'altra riesci a capire che differenza c'è.Altro discorso poi, purtroppo che vale un po' per tutti, è che ormai le stampanti sono a buttare e costa più l'inchiostro della stampante stessa. Questo lo trovo ESTREMAMENTE fastidioso.Ma HP è una delle peggiori in questo e quella che ha lanciato il trend. Da penalizzare solo per questo.
Chiudi i commenti